venerdì 15 aprile 2011

38

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (parte XXII): novembre 1988

Stavi finendo la scorta di Topolini, perciò sabato scorso sei andato in questo negozietto dell'usato e ne hai comprati tipo un fottio. Assieme a dei 45 giri bellissimi di cui sa chi ti segue su feisbùk. Pescando nel mucchio, hai tirato fuori per oggi il Topolino 1722 (27 novembre 1988, 1700 lire). Un numero da 246 pagine e quindi pieno di pubblicità, ma pieno-pieno, eh [...]
Ah, quando ancora esistevano i giochi educativi. Il modello di punta della linea Lo Scienziato Pazzo di Mattel era questo mosto mostro che ci potevi praticare un'incisione sulla pancia con un fintocoltello per cavarne 12 organi "gocciolanti di sangue alieno". Cioé immersi in quello slime verde schifoso che il tuo amico Sasà se ne appendeva un po' al naso dopo aver fatto finta di starnutire e andava a terrorizzare le compagne di classe
La sigla dello spot televisivo di Turbotrax faceva: "Turbotrax è flessibile, non ha bisogno di corrente, yeheeehh!". Quello che la pubblicità non diceva, e che avete scoperto quando hanno regalato la pista a tuo fratello, è che il meccanismo di lancio delle macchinine a carica non funzionava manco per una cippa, e al secondo giro si fermava tutto. Bella sola
Occhio al colpo di genio Mattel. La frase in grassetto parla di "profumi preziosi", e nel testo sottostante quel nome viene ripetuto altre tre volte. Dice: eh, ma i profumi dove stanno? Qui vedo solo della bigiotteria di plastica da giovani bambine disperate. Il fatto è che i "profumi preziosi" sono quei gioiellini di plastica lì. Don't ask
Di Capitan Power e i combattenti del futuro, questo telefilm che, dice, pare, sembra, potevi interagire con il televisore sparandogli con delle navicelle pupazzine, si è parlato solo di sfuggita a queste coordinate. E tornerai presto a farlo con un post dedicato. Nel mentre, soffermiamoci sul claim della pubblicità: "Ore 20.30. Siamo Pronti. Chi di noi vincerà la sfida con la TV? E se vince la TV?". Beh, se vince la TV ti ritrovi Giuliano Ferrara in prima serata a sparare le sue meenchiate
Le ormai settemila macchine Dolce Qualcosa di una Harbert che si sta giocando le ultime cartucce, attentando al tasso glicemico degli ultimi ragazzini prima di implodere
Una pubblicità a cura del Comitato Italiano Fondo di Corresponsabilità (qualunque cosa sia/fosse), che elenca le ragioni per cui il formaggio sia un alimento importante. Il potere energetico, il contenuto di proteine e vitamine liposolubili... si occhei, certo. Ma la pubblicità del Grana Padano con quella gran topa che stappa lo spumante con un colpetto funziona molto di più, senti
Il giocalibro, uno di quei tristissimi cosi con pennina elettrica che quando il bambino dava la risposta sbagliata si sentiva un beep e il pupo veniva folgorato da una scarica a 50 volt
Un marchettone publiredazionale sul vecchio NES che incredibilmente non contiene puttanate e... NUOOO: "CONSOLLE" CON DUE ELLE. Come lo sapevi
Ancora quei maledetti, fottutissimi Popples. Andiamo avanti e non date confidenza
Ora... Ma... No, è che... L'idea dietro i Transformers era bellissima nella sua semplicità: c'erano questi robot che si trasformavano in auto (e, ok, anche in pistola e walkman). Punto. Per questo, pur comprendendo la necessità di differenziare dopo anni la propria gamma di prodotti, ti chiedi COSA MINCHIA C'ENTRI QUESTA ROBA DEI PRETENDERS, GLI OMINI MATRIOSKI CON IL ROBOTTINO DENTRO. Ecco, solo questo. Serenamente
Ancora una volta terribilmente indietro rispetto a mode e tendenze, Quercetti tira fuori nell'88 questo camioncino betoniera, spacciandolo come un giocattolo per menti sveglie. Solo in questa pagina si parla infatti di "Giochi intelligenti", "64 pezzi di forza da montare con intelligenza", "Forza dell'intelligenza" e perfino di "betoniera intelligente". Sempre per un camioncino dimmerda
Il gioco elettronico Viceversa di Gig, avente per testimonial il Fabrizio Bracconieri bello pienotto dei tempi de I Ragazzi della IIIa C. Non la sua versione magra da anni impegnata in quel programma in cui si risolvono le finte dispute e si invitano a parlare le finte terremotate dell'Aquila innamorate di Bertolaso
Il fortino Playmobil. Come detto, nelle tue di ricostruzioni storiche (vagamente ispirate al primo film di Rambo) un indiano a cavallo piombava sulla scena e uccideva tutti, facendo precipitare in slow-motion il soldato della torre sempre in modi diversi
"Giusto". C'è scritto proprio "giusto", non "forte" o "in gamba". Fottuti paninari
"Un albo da giocare". L'italiano, porca puttana: l'italiano!
"Comandante Black Star agli ordini, signore..."
"Ok, ma si tolga immediatamente quel sorriso da minchione dalla faccia, Black Star"

Mamma Papera. E qui l'angoscioso dubbio: sarà la figlia di Nonna Papera? Nonna Papera da giovane? Una parente?
Due programmi per Amiga distribuiti da CTO, Deluxe Print (90mila lire) e Seasons and Holidays, per fare quei bigliettini stupidi che poi non potevi stampare perché non c'avevi la stampante (l'MPS 1500 da 550mila lire). Li trovate nei Commodore Point, dice l'articolo. I Commodore Point. Piangiamo
Il giardino d'inverno di Barbie. Cioé una fottuta gabbietta di plexiglass venduta a prezzi da strozzo a padri poveri cristi sottomessi dalle figlie
Ancora playmobil, in quello che viene definito "villaggio degli animali" ma che in realtà, come svelano tutti quei cartelli, è uno zoo. Un utilissimo zoo COSTRUITO IN MEZZO ALLA SAVANA. Fissando la scena con gli occhi sbarrati, dall'alto di una collinetta, la zebra pensa: Col cazzo che finisco là dentro
La portaerei micromachines, con le proporzioni a cazzo di cane tipiche della linea
Il ténéré giocattolo della Peg Perego che... MA HANNO VESTITO ANCHE IL BAMBINO DA PANINARO?!
La linea da neve Colmar. E una bambina con le labbra viola perché sta per morire assiderata
"Magici sogni nella Cameretta della Nanna Magica". Dove dormono I BAMBINI MOSTRUOSI CON LA FRONTE GIGANTE
Hai sempre amato i flipper. Sempre. Proprio per questo ti riesce difficile immaginare qualcosa di più pezzente del flipper dei Sofficini
1 milione in gettoni d'oro, ma soprattutto fantastiche banconote che non valgono una fungia
Ancora quelle maledette, maledette, maledette ciabatte coi pupazzi. Che uno conosce una donna sexy e affascinante, se la sposa e poi si ritrova in casa una moglie coi ciabattoni ridicoli
Ai tempi in cui si usava ancora comprare i pupazzi alla propria fidanzata in cartoleria. E più che altro esistevano ancora le cartolerie
Dei pupazzi scaldasonno talmente sicuri, talmente belli che Imetec si è dimenticata di dar loro un nome
Presente quando hai scritto che tutti i veicoli dei Masters erano fighi? Beh, facciamo quasi tutti
"My Love fa la nanna nella sua nuova culla". La culla per cuocere a vapore con pochi grassi
La terza di copertina è occupata militarmente, nell'88 come in migliaia di Topolini lungo i due decenni precedenti, dalla solita pubblicità del Subbuteo. Sempre con lo stesso, identico testo: "esatta adozione dei vari sistemi della tecnica..." eccetera eccetera. Immutabile nel tempo e indifferente alle mode. Un po' l'Andreotti delle pubblicità di Topolino
E veniamo alla pubblicità più pezzente del numero. Che è anche un po' la pubblicità più fuorviante del mese e forse anche dell'anno. Non fosse altro, per quelle prime righe lì: "Comprare e non pagare è una cosa da imparare". Vedi anche l'articolo 624 del Codice Penale, alla voce "furto", reato contro il patrimonio, da 6 mesi a 3 anni di reclusione

LE ALTRE PUBBLICITA' FUORVIANTI CRIMINALI MA TANTO ORA C'È IL PROCESSO BREVE DI TOPOLINO:

38 commenti:

  1. Perchè me le sto fottutamente ricordando? E perchè rotolo ancora ora a pensarci? :D

    RispondiElimina
  2. Giuro he quando ho visto il bimbo paninaro sulla peg perego mi sono cappottato...comunque sto giro, nella pubblicità Meccano/subbuteo c'è qualcosa, di diverso, è a colori, segno che qualcosa sta cambiando, segno che magari Andreotti si è fatto il lifting :D

    RispondiElimina
  3. ""Magici sogni nella Cameretta della Nanna Magica. Dove dormono I BAMBINI MOSTRUOSI CON LA FRONTE GIGANTE"

    :))

    RispondiElimina
  4. Se non ricordo male "Lo scienziato pazzo" (prima pubblicità) fu tolto dal commercio dopo che un bimbo cercò di fare la stessa cosa alla sorellina di pochi mesi, vale a dire aprirle la pancia con un coltello per estrarne le interiora. Posso ricordare male ma non sto scherzando.

    RispondiElimina
  5. Nell'88 avevo 11 anni....quindi che diamine di calsse si fa ? le medie....
    MammaMia....I popples-cremlins mi farebbero impressione anche ora!!Ma quale bambino ci riuscirebbe a dormire!

    RispondiElimina
  6. Trovato il riferimento: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/12/29/bambino-sventra-quel-marziano.html

    RispondiElimina
  7. Metterò a ferro e fuoco i mercatini dell'usato, ma 'devo' avere Mamma Papera!!!
    Ziajaca

    RispondiElimina
  8. Lopo anche io ricordo la leggenda metropolitana del bimbo squarta sorellina. Non saprei dire se sia successo davvero...
    Sulla battuta di Giuliano Ferrara ho riso sguaiatamente, tanto che le proporzioni delle Micromachines e il bimbo paninaro, uniti alla betoniera Quercetti, hanno seriamente rischiato di farmi fuori.
    Pubblicità fuorvianti di questo numero che si piazzano nella top ten ideale di questa "rubrica", "appuntamento fisso", "cosa"?

    RispondiElimina
  9. Quando ero piccolo girava questa leggenda metropolitano sullo schifido: un bambino aveva squartato la sorella per estrarre gli organi esattamente come nella pubblicità

    RispondiElimina
  10. ahahaha non avevo letto i commenti precedenti... sorry!

    RispondiElimina
  11. E quando su Topolino c'era Carl Barks, sopra la pubblicità del Nes, ne vogliamo parlare?
    Ah, per i Pretenders, c'erano anche quelli che contenevano robot che si trasformavano anche in componenti di un robottone più grande. Mai avuti.

    RispondiElimina
  12. Doc! Io ci sparavo agli amici e al papà con l'avvoltoio sparadischi! E c'avevo pure ssssssssssssssssssqqqueeeeeeeeeeeeeezzzzzzzzzzzzzzzzzz...TROPPO CIUSTO!

    RispondiElimina
  13. Ma solo a me Fabrizio Bracconieri ricorda Bobby Kotick?

    RispondiElimina
  14. io avevo la portaerei micromachines ed, anche se non era assolutamente proporzionata, era una gran figata, anche perchè ci potevo tenere dentro tutte quelle che avevo (che frotunatamente erano poche :D)

    L'alieno ce lo aveva un mio amico, assieme all'altro giocattolo dove facevi i mostri di pongo su uno scheletro di plastica e poi li sclioglievi nell'acido (acqua e limone che fondevano quel pongo li) facendoti rimanere solo lo scheletro....w i giochi educativi :D!!!

    tra l'altro quella dello squartamento io ho sempre pensato fosse una grandissima strunzata, sia perchè e 99% leggenda metropolitana, sia perche fosse l'1% la colpa è di avere uno psicopatico in casa e non del giocattolo...che magari qualche hanno dopo si guardava ER e gli faceva una trachotomia alla sorellina il bimbo psicopatico dalla fronte enorme :D
    Colpa di quell'artioclo comunque i giocattoli dello scienziato matto non me li hanno mai comprati....bastardi solo perchè ero figlio unico e avevano paura che squartassi a loro invece che la sorellina....egoist!!!

    RispondiElimina
  15. In serata parliamo dei fumetti. Ché nelle ultime sere ho riletto vecchie storie e provato a farmi piacere quelle nuove (l'albo del 150° anniversario dell'unità d'Italia, ma anche diversi del 2009/2010). Ho provato, ma non ci sono riuscito

    RispondiElimina
  16. Quella del bambino che voleva scquartare la sorellina è vera, e infatti Mattel ritirò il giocattolo in men che non si dica ( che a me veniva da vomitare solo a vedere lo slime . Ero un bimbo sensibile).
    P.S visto che non vado mai su FB, che dischi collezioni Doc?

    RispondiElimina
  17. io ho letto all'epoca (anni 80) delle collezioni di grandi classici del decennio precedente e andando indietro le storie erano al 90% dei casi sempre molto più accurate e meglio intrecciate.
    Se si va troppo oltre invece sono inguardabili, da cui deduco che il momento di splendore di topolino è stato il ventennio 70-90...prima e dopo brrrrr (e visto le sottilette che spacciano per topolino oggi in edicola immagina comunque meglio prima)

    RispondiElimina
  18. Non è venerdì senza le pubblicità sguarappanti del Doc! (oramai per me son tutte sguarappanti!)

    RispondiElimina
  19. "Ai tempi in cui si usava ancora comprare i pupazzi alla propria fidanzata in cartoleria. E più che altro esistevano ancora le cartolerie."

    Sarà, ma da me nel profondo nord ci sono ancora le cartolerie e qualcuno usa ancora regalare peluches di dimensioni abnormi alla fidanzata.

    RispondiElimina
  20. Stafilococco: mi dispiace molto.

    Sam: No, non colleziono dischi da una vita. Ma in quel negozietto oltre a un chilo di topolini ho preso tre 45 giri da genuino momento emozione©:

    http://30.media.tumblr.com/tumblr_lje4yuuVm01qawvdqo1_400.jpg

    RispondiElimina
  21. @Doc:evvai...è giunto il momento che aspettavo ;)

    RispondiElimina
  22. " Che uno conosce una donna sexy e affascinante, se la sposa e poi si ritrova in casa una moglie coi ciabattoni ridicoli"

    il problema è che c'è qualcuno/a che li trova tanto 'rotici.... (depravasiun!)

    RispondiElimina
  23. ma vogliamo parlare della bellezza del pargolo della pubblicità dello scienziato pazzo??? ne vogliamo parlare? credo di no.

    RispondiElimina
  24. Dicevamo: Topolino oggi. Ho letto una decina di numeri e il problema che ho con le storie odierne è sempre lo stesso: hanno un pacing che fa schifo. Gli eventi si affastellano uno sull'altro senza che si capisca bene a) cosa succeda, b) perché succeda, c) che diavolo di senso abbia il tutto. In questo numero con la cover dedicata ai 150 anni d'Italia c'era una storia di DoubleDuck allucinante da questo punto di vista. Di decente ho trovato solo un paio di storie di Topolino di un paio di anni fa (su un numero con Up in copertina e sul successivo) in cui il topastro rompipalle fa il reporter e va a vivere giù in città. Quelle, sotto il profilo della narrazione, avevano il sapore delle storie classiche. Due storie su, boh, quaranta? Cinquanta?

    RispondiElimina
  25. A questo punto Doc, invece di girarci attorno, perchè non dedicare un post alle storie di Topolino più stupide, o più belle o che hanno scatenato polemiche (come quella di Topolino che sposa Samantha, che non hanno mai più ristampato e che se la trovi dal tuo negozio di fumetti usati comprala che fai un investimento)?
    Sono certo che ne verrebbe fuori un bel post.

    RispondiElimina
  26. L'idea è buona, Sam, ma non è di facile realizzazione. Non ho una collezione di topolini vera e propria (ma una cinquantina di numeri sparsi in tutto), non ricordo granché delle storie più vecchie e, infine, di quanto è venuto dopo il '90 non so praticamente nulla.

    RispondiElimina
  27. E se si avviasse una collaborazione tra dottore e antristi?

    RispondiElimina
  28. Le due storie di Topolino Reporter (4 episodi + 4 episodi) sono eccezionali, ma come avevo gia' detto in un altro post, non posso che concordare con Doc in merito al "degrado" delle storie del Topolino del terzo millennio...Doubleduck in effetti e' un ingarbugliamento con alcune cose veramente fuori logica (Un "clone" di Paperino, tipo ologramma, e' il fantomatico capo dell'agenzia). Certo che qualche anno fa le storie di Topolino avevano anche qualche sfumatura "Politically uncorrect"...oggi lasciamo perdere...ma vi ricordate le storie attorno al falo' di Nonna Papera ? Capolavori...

    RispondiElimina
  29. @Doc
    Intanto potresti fare una sarcastica recensione sulle storie di DubleDuck che tanto detesti.
    Che i piccini le adorano, alla fiera di Novegro, dove c'erano due autori Disney a fare disegni autografi ai bimbi ( tra cui il sottoscritto), molti chiedevano il Paperino di DD, di cui è appena uscito in edicola pure un volumone che ne raccoglie le storie.
    Come cacchio fa poi Paperino a gestire l'identità di Paperinik e quella di DD insieme?
    E sapendo che anche con Paperoga fa l'agente segreto per un organizzazione di Paperone?
    Farà la fine di Spidey membro in mille supergruppi?

    RispondiElimina
  30. Non leggo storie di Topolino & co da una vita e ora grazie a te, Doc, scopro che quelle attuali fanno un pò schifo rispetto al passato.
    Mi chiedo (seriamente): ma c'è qualcosa che non è peggiorata rispetto al passato?
    E con questa ottimistica domanda saluto tutti.

    RispondiElimina
  31. @Doc Probabilmente hai beccato una storia di Casty, che si rifà moltoparecchioassai allo stile di floyd gottfredson.

    Purtroppo gente così si conta sulle dita di una mano.

    RispondiElimina
  32. i frollini di nonna papera ma che buoni che erano
    peccato non li rifanno più
    mi ricordo che in ogni confezione c'era una cartolina di disney world e potevi vincere anche il viaggio :(

    RispondiElimina
  33. Io avevo quel cazzo di pupazzetto scaldasonno della Imetec ed ero fottutamente contento di usarlo!

    RispondiElimina
  34. Sbaglio o in quest'antro siamo tutti vecchi. Propongo di cambiare il nome nell"Ospizio atomico del Dottor Manhattan". :p
    Comunque io ho sempre sognato la portaerei della micromachines, ce l'aveva un mio amico ma non mi ci faceva giocare quella merda. Quando lo rivedo glielo rinfaccio e poi mi metto a piangere. Sono cose che ti segnano per tutta la vita.

    RispondiElimina
  35. L'ex ciccione della 3c era più simpatico prima, invece sono epiche ke pubblicità della Nintendo!

    RispondiElimina
  36. Ora che lo rivedo per l'ennesima volta non posso fare a meno di osservare che il bambino della pubblicità iniziale era assolutamnente intonato alla stessa.
    Spero che quella pubblicità (con la conseguente poiccola notorietà che gli avrà dato) non gli abbia provocato danni psichici permanenti.
    saluti

    RispondiElimina
  37. comandante black star, che ci fa una triforza sulla sua nave?

    RispondiElimina
  38. Orrende le pubblicità dello Scienziato Pazzo...me le ricordo che erano mandate pure su un "chiosco" installato all'Upim (un tv Hitachi collegato probabilmente a vcr della medesima marca) prima di Natale. Viste il pomeriggio di domenica 11 dicembre '88, al magazzino Upim di Reggio Calabria (ora Coin).

    Per il Turbotrax, devo dire che le immagini erano veramente accattivanti.

    Captain Power era "interattivo", ma non si poteva ovviamente cambiare lo svolgimento dell'episodio, considerato che i segnali tv viaggiano in simplex (ovverosia sono unidirezionali) bensì aumentavano i punti sul display delle armi elettroniche in base ai "bersagli" colpiti.

    Formaggio: già io non mangio formaggi e devo vedermi 'sta roba qui sopra! C'era anche la pubblicità cantata che sponsorizzava il segnale orario Rai!!!

    Supercamion: moooolto datata questa pubblicità!

    Flipper Sofficini: vorrei sapere chi l'ha vinto. E poi, su eBay potrebbero venderlo a 10.000 euro!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails