venerdì 11 febbraio 2011

29

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (parte XIII): ottobre 1989

E' un numero letteralmente zeppo di puttanate pubblicità tipiche di un 1989 ormai privo di certezze quello che ci attende questa settimana. Perciò bando alle ciance e affrontiamo subito temerari, di petto, quanto si nasconde tra copertina e copertina di Topolino 1770 (29 ottobre 1989, 2000 lire) [...]
Gioca con Zenga ai Mondiali del '90 con il suo Sega Master System! Aiutalo anche tu ad andare a farfalle su quel colpo di testa di Caniggia!
Cioé. Guardate il secondo riquadro. Non gli bastava, alla lobby del leccalecca Chupa Chups, di aver trasformato assieme al Calippo un'intera generazione di ragazzine in una futura classe di pompeenare. Con la scusa degli elicotterini, dovevano spingere anche i maschietti nel baratro dell'onanismo spinto. Quel "gioca con i tuoi amici a chi lo lancia più in alto e più lontano" assume allora tutto un altro, sinistro significato
Non vi ricordate degli Xpanders, i veicoli di Gig "con la forza dell'espansione automatica"? Quelli che premi un pulsante e fanno Wrrrr, come il frullatore? No? Manco io
Miss Make Up, la prima bambola che la puoi truccare come una vera zoccola sulla Domiziana
"E adesso gioco con papà", minaccia lo slogan a fondo pagina, a caratteri cubitali. Laddove il testo nella parte alta spiega che il papà è tornato a casa dopo una settimana, che ora è il momento di sfidarlo per una partitina, che lui sarà sicuramente contento. Ma se volesse solo starsene un po' in santa pace, riposarsi un attimo, il pover'uomo, anziché farsi una partita a "Micio-Gatto"? Eh? "Dal negro, ti aiuta". A farti considerare un rompicoglioni da tutta la famiglia
Ora, questo povero cristo di Ken. Sempre a scarrozzare in giro Barbie e quella stronza della sorellina. A guidare il camper, lucidare la casa di campagna, trascinarsi dietro il surf e tutti quegli altri attrezzi inutili della bambola fighetta. Adesso Barbie vince l'Oscar, non si sa bene perché, e indovinate un po' tra milioni di bambolotti a chi tocca consegnarle la statuetta, dopo essersi infilato una giacchetta usata di Zed il robot della Carrà?
"Il mio maestro ha il grembiulone come il mio!". Il tuo maestro è gay
Il concetto di base è che il culetto del bambino indossante i Pampers, anche dopo un'abbondante minzione, resta asciutto. E ok. Ci si potrebbe chiedere cosa MINCHIA gliene freghi al lettore medio di Topolino di pannolini e culetti asciutti, ma vabbé. Il punto è l'espressione deliziata della modella. E un po' anche la faccia del bambino
In regalo, le maledette VHS di Wiel Coerver. L'allenatore olandese convinto che tutti potessero diventare come Pelé guardando un paio di videocassette. No, davvero
"Nonni, zii, genitori: tutti conoscono la Battaglia Navale". E allora in quel Natale lì dell'89, spinto da queste pubblicità della Clementoni, hai chiesto a tuo nonno: "No', ne sai qualcosa tu della Battaglia Navale?". Lui ci ha pensato un po' e poi ti ha risposto: "Eh, minchia: a Taranto nel '40 gli inglesi ci hanno rotto il culo!"
Il bambino sulla sinistra non sta ridendo. Piange. Piange disperato, perché alle soglie del '90 al posto di un'Amiga gli hanno regalato l'home computer più vecchio e ormai sfighé in circolazione
Ancora Barbie, con il suo romantico lettone rosa da set di un film porno
Sono esistiti davvero i formaggini Baika Ramek? E quanto è dipeso il fatto che non si trovino più in giro dall'utilizzo della mascotte più brutta e ridicola di tutti i tempi?
Lui, poverino, si è comprato il panettoncino Melegatti senza canditi, e chiama subito la ragazzina del secondo banco, quella che gli piace, per farsi il figo. Lei, chiaramente, lo tratta di merda
Baby Viva: a 1 anno parla, a 2 cammina, a 12 le prime sigarette, a 13 le sigarette drogate
E ancora: Bebi Mia, l'unica bambola che ti fa sentire davvero mamma. Ché appena fa 14 anni ti grida "Ti odio, stronza, non capisci niente di me!", prima di sbattere la porta della stanzetta e correre a chiamare al cellulare in lacrime l'amica Maria Luigia
Incredibile sorpasso della n°4! Che è su due ruote! Ha perso aderenza! Sta per andarsi a stampare sui muretti di plastica di cinta!
La slot-quik era pure carina. Cioé, per i primi due minuti. Ma la pilaquick non illuminava un cazzo
"L'ho vinta con Orzobimbo!". Ok, bravo. Ora posala, però, ché ti viene l'ernia
Ci si è sempre chiesto quando la K di Kossiga nelle scritte di sinistra sui muri sia diventata un sostituto naturale della c per i ragazzi, su diari prima e niusgruppi poi. Vallo a sapere che la colpa era di Sony. Di Sony e delle sue kuffiette con i ragazzini che limonano
"Ciao, sono Lady Lovely Locks e questo è il mio salone di bellezza", convenzionato con la Protezione Civile
"Pile Kodak. Energia che vive. E vive". Ché c'era ancora spazio sul secondo rigo e non sapevano cosa minchia scriverci
Peluches, al plurale, ché cosa vuoi che ce ne freghi della grammatica italiana, ché noi se pure facciamo la figura dei cioccolatai ci va bene uguale
"Con Gig Nikko finalmente è gara!". "...frequenze diverse per gareggiare". "Turbo duello per gareggiare e vincere". "...per vere gare". Pochi concetti, ma espressi bene, va detto
Le Super Changers 4x4 Hot Wheels "non si fermano davanti a niente!. "E sono disposte a tutto!". Vogliono anche loro un appartamento alle Olgettine
Stai provando da cinque minuti a immaginare qualcosa di più zingaro, brutto, ridicolo dello zainetto Ellesse regalato dal finto Indiana Jones del Dash, ma proprio non ti viene in mente nulla...
...anche se, in effetti...
I peluche frignoni! Piangono davvero! Sai che rottura di coglioni!
I Micro Transformers: "grandi trasformazioni per piccoli eroi". Ma basta facili ironie su Silviuzzo nostro, su. Ché poi qualcuno legge e ci resta male. Cioé, perché si rende conto di essersi bevuto finora quello che si è bevuto come un'oransoda
Orso piccolo: "Hai sentito? Alla Q8 regalano orsi.". Orso grande: "Drogato"
Una volta c'erano solo gli ovetti Kinder con dentro la sorpresa. Quando Ferrero ha tirato fuori questa cosa degli ovettini con la sorpresa orribile fuori ci si è resi tutti conto che il mondo aveva preso una bruttissima china
Sorvolando sul fatto che, all'epoca e per almeno i tre-quattro anni successivi, tutte le ragazze che usavano lo shampoo alla mela verde avrebbero potuto chiederti qualsiasi cosa, questa pubblicità del Campus parla di balene da adottare. Di balene che lo shampoo Campus ti porta a salutarle. Eh. Tutti felici, tranne la balena, che nel disegno piange
Ah, finalmente una bella pubblicità del vecchio He-Man che... AAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH
HHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!!!!!
Cos'è questa merda? Nooooo, la temibile versione fantascienza dei Masters!!!!!!
E c'è pure la navicella fatta coi Lego. Quale indicibile, indicibile, indicibile, indicibile, indicibile, indicibile tristezza
Non ci si crede, ma è proprio così: passano gli anni, ma i testi delle pubblicità di Subbuteo e Meccano restano quelli scritti dall'Istituto Luce tipo nel '54. "Con la possibilità di esatta adozione dei vari sistemi della tecnica e strategia calcistica". "Meccano, il vero originale autentico più completo e progredito". Nell'ottobre dell'89, santo cielo. Nell'ottobre dell'89
"Hai idea di quanto lavoro e quanta attenzione siano necessari per realizzare un automodello così perfetto, così completo, così sicuro?". No che non ce l'hai! Tu, bimbominchia che leggi e c'hai la mangiatoia bassa e i tuoi ti comprano tutto quello che chiedi, cosa cazzo vuoi saperne tu? Eh? EH?
La Pantera Rosa, nelle sorpresine dell'Ovetto Kinder, diventa vigile, cantante, operaio, sportivo, per un totale di 12 diverse interpretazioni. PEZZENTE: Silviuzzo nostro minimo minimo è arrivato a trenta
LE ALTRE PUBBLICITA' FUORVIANTI PELUCHES DI TOPOLINO:

29 commenti:

  1. Gli Xpanders, e gli Army Gear (se non ricordo male), erano basi e veicoli per soldatini di lusso (meno dei G.I. Joe, però).
    E degli Xpanders avevo l'aereo e l'elicottero, belli.

    RispondiElimina
  2. "Lady Lovely Locks" è chiaramente il nome di una mossa di wrestling...o di una prestazione di tutt'altra natura! ;)

    RispondiElimina
  3. La battaglia navale Clementoni non l'ho mai capita, era così comodo usare un foglio di carta, con quel coso di plastica come facevi a giocarci a scuola sotto il banco?

    Il ragazzino roscio del pandorino Melegatti che viene trattato come un merlo dalla smorfiosetta è un eroe poverino.

    RispondiElimina
  4. m'ero completamente dimenticato dei master versione fantascienza : se abbiamo dei sistemi di rimozione c'è un perché.

    RispondiElimina
  5. GLi Xpanders pesavano 150 kg l'uno...che tempi!

    RispondiElimina
  6. @TuttaFuffa
    Non preoccuparti, non sei il solo che non ricorda, o non vuole ricordare, i Masters del futuro.
    Peraltro mi sembra che furono un flop catastrofico, roba che mise in ginocchio la Mattel o quasi.

    RispondiElimina
  7. OMG nessun viaggio a didneyland in palio!

    RispondiElimina
  8. Ma i Master non erano già di loro fantascienza? C'erano laser, robot e macchine volanti... Le guidavano tizi coi mutanoni di pelo ma sempre volanti rimanevano (e sai che vista quelli di sotto)

    RispondiElimina
  9. Nonostante gli elementi fantascienzi, erano più una roba fantasy.

    Vejita: sì, è una vergogna. Speriamo nel numero di settimana prossima, guarda.

    RispondiElimina
  10. LOL per la pubblicità BBurago da rivendicazione sindacale :)

    RispondiElimina
  11. Confermo, gli expanders erano soldatini di gran lusso, avevo elicottero carro e aereo. Fondamentalmente l'expanders tipo era "un grosso modello di mezzo militare" che, mediante pressione di uno piccolo bottonen, si trasformava in base extralusso per i suoi fortunati occupanti che avrebbero immediatamente deriso i miseri soldatini in busta che vendeva il tabaccaio.

    Andrea

    RispondiElimina
  12. Lui, poverino, si è comprato il panettoncino Melegatti senza canditi, e chiama subito la ragazzina del secondo banco, quella che gli piace, per farsi il figo. Lei, chiaramente, lo tratta di merda.
    Ecco, questa, con commentino annesso, me la stampo, me la piego in quattro e me la ficco nel portafogli.
    Per tutti i momenti di malumore da qui al 2012.

    RispondiElimina
  13. La modella del Pampers dev'essere un'amante del pissing (perché sfido chiunque a fare la stessa azione con la puzza di espletazione fuoriuscente dal pannolo), infatti il bambino sta trattenendo il vomito dato dall'ipotetica atmosfera irrespirabile

    RispondiElimina
  14. Ma la pubblicità bburago dice "hai idea...", non "non hai idea"! :-O

    RispondiElimina
  15. Fischi, è vero. E' che alla 726a didascalia tendo a perdere lucidità.

    RispondiElimina
  16. Questo numero probabilmente lo avevo, le ricordo tutte queste pubblicità! Per quanto possano essere sfighelli i Master fantascienzi, sulla pubblicità dell'astronave mi ci sono fatto le seghe per anni e non sono mai riuscito ad averla.
    Invece, per quanto riguarda quella della BBurago... fottuti bimbiminchia, non ne avete proprio idea!

    RispondiElimina
  17. L'astronave dei Masters è un clamoroso copincolla in peggio del Millenium Falcon. O no?

    RispondiElimina
  18. Qua siamo proprio nella mia fanciullezza (avevo 6 anni :D)

    Un mio amico aveva due Xpanders, la moto a tre ruote e la jeep. Non erano male come balocchi :D. Lo stesso possedeva diversi set di Heman dello spazio, compreso la tamarissima navicella che era di una plastica schifosissima :D. A me regalarano invece uno dei nuovi alleati di Heman(era carino pero', aveva il meccanismo per dare i pugni XD) e una sorta di mezzo volante che lanciava...due bolas giganti !

    I microtransformers mi hanno fatto sempre schifo invece...

    RispondiElimina
  19. Piena solidarietà al bimbo senza Amiga.

    RispondiElimina
  20. Io ho quel numero e anche le carte pubblicizzate in copertina! Tutte e 52 più i due jolly! Tiè.
    (E' colpa di Topolino se poi è nata l'epidemia di Texas Hold'em).
    E a me i Master futuristici quasi piacevano. Avevo la Light Sab... ops, la spada laser di He-Man.. gialla piscio.

    RispondiElimina
  21. La pubblicità del Subbuteo non era per nulla forviante, anzi, direi che era la più onesta tra tutte quelle mostrate qui. Ci sono ancora oggi persone che ne fanno un punto di onore il giocare adottando i "vari sistemi della tecnica e strategia calcistica"

    RispondiElimina
  22. Oldsubbuteo, senza dubbio. Ma le "pubblicità fuorvianti" è semplicemente il titolo della rubrica. E il doc ironizzava comunque sull'italiano da cinegiornale, non sulla veridicità di quei testi :D

    RispondiElimina
  23. 7 giorni dopo questo numero sono nato io...
    (inquieto)

    RispondiElimina
  24. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  25. Sega...se penso alla fine che ha fatto Zenga...

    Per quanto riguarda la Dal Negro, sembra una pubblicità anni '60. Io provai a giocare con mio padre a "Kojak", un gioco da tavolo della EG. Era forse il 22 dicembre '78 e mio padre, distrutto dopo una giornata di lavoro, mi disse di no. Non l'ho mai colpevolizzato perché ho sempre saputo che non amava questo tipo di giochi.
    E poi...che avrebbe detto per "Micio-Gatto", lui che detesta i gatti?!?
    Ma gli altri nomi sono terribilmente dementi; vorrei sapere chi andava a comprare il clone Dal Negro del bel noto Forza 4?!?



    Dello Spectrum+2 ricordo la pubblicità televisiva. ORRENDA!!! Ma vogliamo mettere una macchina basata su processore 68000 con una basata su Z80, venduta a prezzo ragionevole? E poi erano 359 mila lire IVA ESCLUSA!!!!!

    I regali di Nesquik raffigurati, c'erano dall'84: io li ebbi tutti e due. Per qualche oscuro motivo, la piccola slot machine mi fa risuonare in testa un accordo di nona aumentata e la Pilaquik mi fa venire in mente...l'interessante (ma mica tanto) segretaria che stava nel mio camping. A distanza di venticinque anni, non ho ancora capito perché...

    La Kuffy me la voleva vendere un negoziante che ora è un vecchietto: c'è ancora ma il negozio è tristemente deserto (sicuramente il locale non è in affitto). Io cercavo una cuffia di alto livello, lui mi voleva vendere questa roba da 10 mila lire circa!!! Tristezza!!!!!!!

    Lucciconi: mi viene da piangere a pensare di avere per le mani "apparati" che piangono lacrime vere. Il giocattolo deve servire per svagarsi, non per angosciarsi. Io ho piantato una che mi filava ma con questa tecnica "piagnona"...e dire che io passo per uno che ha pazienza.

    RispondiElimina
  26. Sono finita sul tuo blog perche' cercavo su internet una foto della Bebi mia...ma che flash questo tuo post! Avevo rimosso l'esistenza della Famiglia Cuore :D Un saluto dalla Cina, pian piano mi leggo tutti i post!

    RispondiElimina
  27. ... ed io ricordo che la pubblicità televisiva di quelle cassette non sembrava dire:"LE regala a chi acquista..." ma "Regala a chi LE acquista"... cioè sembrava che acquistando le tre cassette avessi in regalo il videoregistratore!:D

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails