martedì 13 marzo 2012

37

Beta: il nuovo, vecchio robot giapponese, italiano

Tokyo, 1979. Cinque ragazzi guidano un robot gigante contro le forze del male. Cinque ragazzi che urlano i nomi degli attacchi portati dal robot; che hanno come mentore uno scienziato defunto infilato in un corpo robotico; che rientrano nelle cinque categorie standard tipiche previste dall'ordine professionale dei piloti di robottoni giapponesi: il capo impavido, lo scavezzacollo smilzo e simpatico col ciuffo da emo ante litteram su un occhio, il ragazzino rompimeenchia occhialuto, il cicciobombo dei Take That, la ragazza pheega. Sembra l'inizio di un cartone animato qualsiasi dell'epoca, e invece è l'incipit di un fumetto italiano di fine 2011. Un fumetto in cui tutto prende però - attenzione - molto presto una piega molto più tetra e matura, nel quale le ingenuità stereotipate degli anime tutti uguali di allora lasciano il campo alle crisi internazionali, ai complotti, ai voltagabbana imprevisti. Grazie ai ragazzi di Bao Publishing, hai finalmente letto il primo dei due volumi di Beta, di Luca Vanzella e Luca Genovese. E ti è piaciuto? Sì, decisamente ti è piaciuto su una scala da zero a "QUANDO DIAVOLO ESCE IL SECONDO?!?" […]

Beta, 224 pagine, 16 carte. Sul sito della Bao potete leggere
le prime 20 pagine gratis et amore Oliviae
La sfida affrontata da Vanzella e Genovese, evidentemente, era quella di rendere omaggio all'immaginario collettivo a mollo nel quale si è venuti su noi tutti, ai robottoni di Nagai e ai mobile suit di Tomino, ma dando vita al contempo a una storia che fosse fresca, originale e - si può dire? Diciamolo - moderna. Un risultato a tuo modo di vedere raggiunto in scioltezza, perché tra un ammiccamento e una comparsata di lusso (è il Getta 1 quello? E quei droidi da lavoro laggiù sono forse una squadriglia di Boss Robot?), Beta non si limita a trottare sul percorso della nostalgia. Ha i robot femminili con le tette a razzo, lo scienziato pazzo malvagio (ma sarà poi davvero così?) e una sua fortezza delle scienze, ma gioca anche con la politica ai tempi della guerra fredda, con gli spunti à la Evangelion sulla natura dei nemici, con una storia tutta contemporanea nei suoi colpi di scena quanto nei dialoghi.
La squadra del Gunshin. Non affezionatevi né a questa squadra...
Anziché appoggiarla piano in rete di piatto, si avventura, la trama imbastita dal primo Luca, Vanzella, verso una conclusione più ardita e ad alto coefficiente di difficoltà, come direbbe Aldo Serena nelle sue telecronache sempre uguali. I disegni di quell'altro Luca, Genovese, cercano e trovano invece un difficile equilibrismo tra le ovvie influenze manga delle scene d'azione e un tratto decisamente più europeo nelle tavole in cui a parlare sono i protagonisti e non i cazzotti a razzo. Nel calderone di Beta, insomma, sono stati infilati a bollire spunti, influenze e idee in numero tale che ne sarebbe potuto venir fuori un pallosissimo disastro. In tavola, invece, c'è finito un fumetto solido, davvero ben realizzato e - alla vigilia non l'avresti mai pensato, lo confessi - a suo modo anche sorprendente. 
...né a questo robot. Il robottone principale si chiama Spartacus e…  no, non è parente. Aleagio Overdrive, una storia di otto pagine su Spartacus e sul protagonista Dennis Beta, sorta di progologo a questo volume realizzato però con uno stile grafico parecchio diverso, la trovate invece qui.
Solo che, Luca e Luca? Ora la vogliamo tirare fuori questa seconda parte per cortesia, ché sei rimasto lì così, sul più bello, e non sono cose? Eddai, su.


ALTRI POST ROBOTTATISSIMI:
Il Big Robot della Bianconi
Goldrake: i 20 migliori mostri lanciati da Vega
Gli insubordinatissimi nemici con teste superflue del Grande Mazinga
Jeeg: i 15 migliori mostri guerrieri Haniwa
Kazonga, il cugino zozzo-forte di Goldrake (parte I, parte II)

37 commenti:

  1. La cosa mi intriga parecchio Doc.!! Ma lo trovo già in fumetteria??
    Mi ritorna alaa mente una paccata di anni fa uscì un manga tutto italiano che si chiamava "Pugno", non era un capolavoro ma neanche da buttare via. Anche in quel caso venivano ripresi alcuni stereotipi dei vari manga giapponesi ma diciamo italianizzati.

    RispondiElimina
  2. Oh Doc. ma gli antristi oggi sono in ferie?? :(

    RispondiElimina
  3. Ammetto di aver colpevolmente ignorato gli autori allo stand BAO durante l'ultima Lucca, ma la presenza in contemporanea di JEFF SMITH e MAKKOX era sufficiente per disorientare chiunque (vabbé, non proprio chiunque ma l'antrista medio sì!!).

    Comunque BETA pare figo, probabile l'acquisto futuro.

    Doc, ma vogliamo parlare di questa BAO che ultimamente non ne sbaglia una? (un nome a caso: Zerocalcare)

    RispondiElimina
  4. Il Cugino di Alf: sono d'accordo, hanno un catalogo mica da ridere. Per non parlare del logo! :)

    BlueCyber74: sì, se lo ordini in qualsiasi fumetteria immagino te lo facciano arrivare. In alternativa, visto che dagli amazzonici non è al momento disponibile, puoi comprarlo direttamente sullo shop di Bao

    RispondiElimina
  5. Dirotti, doc: mi intriga non poco da come l'hai descritto.

    RispondiElimina
  6. Deng iu Doc.!! Provvedo al recupero del pregiato volume!!
    Doc. stasera secondo anello blu....ore 20,45......come disse Deki....sarà guerra!! So che con il cuore sarai lì accanto a noi!!

    RispondiElimina
  7. Ma... così a pelle non mi attira. Provo a leggere il prologo e vediamo un po'.

    @Bluecyber74
    Adesso che si sono ricordati che le partite posso anche essere vinte vediamo un po' come va (almeno a livello meteo è tutto a posto, è già un inizio).

    RispondiElimina
  8. L'idea di base mi sembra carina, lo stile grafico adottato anche, le prime pagine di storia insomma... Un po' troppo classiche? Ma se dici che poi ha una svolta matura e decolla mi fido.

    RispondiElimina
  9. @Drakkan
    Peccato non posso neanche fare le penne sulla neve stasera! :)
    Come intonavamo spesso, non mollare maiii, non mollare maiii!

    RispondiElimina
  10. Quelli son dei Gianfransuà. Non dimentichiamolo.

    RispondiElimina
  11. Abbasso i gianfransuà!! E nel peggiore dei casi pare che Materazzi abbia detto a Ranocchia "Se state perdendo e mancano cinque minuti alla fine tira una testata nel petto a Dechamps!!" a prescindere che Ranocchia giochi o sia in panchina!!

    RispondiElimina
  12. Mmm... Mega-retro-robot manga Italioti?
    Se se sfiora appena gli alti livelli di Kazonga si può cominciare a pensare all'acquisto... :P

    Seriamente, penserocci e probabilmente comprerollo (Doc, la devi smetterla di attentare al mio portadanari...)

    RispondiElimina
  13. Oh, omoragno, e vi si consigliano cose pheeghe. Pensa se vi consigliassi le porcherie.

    Oh, ma sapete che c'è questa nuova serie di Ciclope che...

    RispondiElimina
  14. Ho visto quella discussione che hai postato su Twitter riguardo Ciclope #maprenderlabenedavveroeh :D

    RispondiElimina
  15. Ma sai che l'idea è davvero simpatica...mi intrippa non poco. mi sa che....

    RispondiElimina
  16. Speriamo che qualcuno faccia tornare in auge il Grande Kazonga, allora.

    RispondiElimina
  17. Guardando l'immagine del robotone che si alza dall'acqua usando i propulsori posti sulle mani mi era sembrato di aver già visto quella scena.
    Bhé, a me sembra la scena finale dello scontro tra Rey e Yuda: http://lnx.hokutonoken.it/Hish%C5%8D_Hakurei

    Dopo aver riapeto una ferita della mia infanzia rivivendo la morto del mitico Rey torno alle mie sudate carte.

    RispondiElimina
  18. Che poi la formazione a 5 ragazzi è la stessa dei primi xmen ^^
    Pensandoci bene le varie basi segrete e i costumi indossati al volo fanno tanto batman con Adam West.
    Vuoi vedere che Nagai era un nerd alla Hiro ante litteram?
    :-P

    RispondiElimina
  19. ciao a tutti, confermo che BETA è un ottimo prodotto, acquistato a lucca 2011, peccato non aver avuto la firmetta dei 2 luca, ma vabbeh pazienza. Non vedo l'ora che esca il secondo numero (non ho capito se sarà l'ultimo)
    Consigliatissimo a tutti gli amanti dei robottoni anni 70 per un amarcord con lacrimuccia e non solo!
    saluti
    andrea

    RispondiElimina
  20. Oh, se scrivo che c'è da fidarsi, c'è da fisdarsi.

    Piuttosto, parlando di gente che di robottoni NE SA, ho recuperato a Mantova a due spicci il primo volume di Record of the Venus Wars (di Yas, uno dei miei mangaka preferiti). Ne esistono altri? Sempre Magic?

    RispondiElimina
  21. Yep, quelli. Altri tre volumi, si può fare. Vent'anni fa, peraltro, quella serie era uscita per Granata Press, se non erro. #vent'annifa #vecchiaia

    RispondiElimina
  22. A casa dovrei avere delle scan dei vecchi volumi Granata...

    (Granata? Io cero... la mia vecchiaia fa eco alla tua. Sigh)

    RispondiElimina
  23. mah, non so, la mia linea di pensiero resta ''ma con tutti i giapponesi che ci sono in giappone perché un italiano deve scrivere un manga?''

    RispondiElimina
  24. @Vejita: come scritto sopra non ho ancora letto questo Beta, ma seguendo il tuo ragionamento Sergio Leone non avrebbe mai girato i suoi western :) Estremizzo per dire che le contaminazioni di per sé non sono per forza una cosa negativa. My two cents, ovvio.

    RispondiElimina
  25. @Doc e Omoragno
    Maledetti voi e i link galeotti... ho immolato altri danari alla causa del fumetto giappo acquistando Venus Wars.

    RispondiElimina
  26. Drakkan: figurati.
    Come le disegna Yas, le robe mecha, nessuno mai.

    RispondiElimina
  27. Mi pare scimmiottare fin troppo lo stile giapponese, però....

    RispondiElimina
  28. S però occhio, in Venus War mica ci sono i robot.
    Io VW ce l'ho e l'ho trovato carino.
    Invece Beta che per il momento ho solo sfogliato, ho notato, tra gli altri, un cameo di Miwa e Haran Banjo.

    RispondiElimina
  29. Sam: lo so, ma mi son mangiato un pezzo in uno dei commenti precedenti: "parlando di gente che di robottoni NE SA (ossia un tipo che disegna Gundam da DIO)..."

    LunSei: eh, ma non ti sta mai bene niente :D

    RispondiElimina
  30. Doc: non mi riferivo a te , ma a chi di robot NON ne sa e magari correva a comprarsi Venus immaginando battaglie tra colossi di metallo ... :)

    RispondiElimina
  31. Ci avrei scommesso che ti sarebbe piaciuto non a caso te lo consigliai! Ora scappo che inizio gli scongiuri per la partita dell'Inter, sperando di non fare la solita figura del ca..., da cioccolattai!

    RispondiElimina
  32. Assoluto rispetto... Ma Il paragone con Sergio Leone non lo trovo troppo azzeccato. Citavo col mio commento Leo Ortolani in 'scuola di fumetto'... Più che altro direi che è come se vai al ristorante cinese e trovi la lasagna sul menù... Poi magari sarà pure buona, ma non sarà mai quella che ti fa tua nonna napoletana... Per dire ;)

    (sono Vejita)

    RispondiElimina
  33. cacchio ecco cos'era che DOVEVO prendre l'ultima volta in FUME!!!

    ok sabato prox in fiera sarà mio (spero!)

    RispondiElimina
  34. @Drakkan
    Muwahuahuahuahuahuaaaa! E che, solo io? xD

    Doc, a proposito...


    PS @Drakkan: E haifattobbbbene, haifa!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails