Neon Genesis Evangelion spiegato finalmente per bene (a mia madre), Asadora di Urasawa e le storie perdute di Neil Gaiman

Evangelion for Dummy (Plugs), Asadora, Dosei Mansion, Conan il Cimmero

Oggi in Microletture: Evangelion for Dummy (Plugs), Asadora! di Naoki Urasawa, Baptism di Kazuo Umezz, il finale di Dosei Mansion, Conan il Cimmero, Record of Ragnarok, Neil Gaiman: Storie perdute. Si va? Si va [...]

EVANGELION FOR DUMMY (PLUGS)

EVANGELION FOR DUMMY (PLUGS)
Editore: Dynit
Pagine: 190
Quanto costa: 18
Dove si compra: Libreria, Amazon
Presidentesse: 5

"I nerd non hanno paura di nessuno. Nemmeno di Hideaki Anno che ride pensando a te che cerchi di capire Neon Genesis Evangelion". Lettura molto, molto interessante questo Evangelion for Dummy (Plugs) (o "Evangelion spiegato a mia madre", come recita la fascetta sulla copertina), di Cristiano Brignola e Francesco Tedeschi. 

Un libro che in meno di duecento pagine non solo spiega tutto quello che c'è da sapere sulla storia di Evangelion, ma lo fa anche in modo divertente. Giuri.

Prima c'è l'analisi, puntata per puntata di quello che succede in Evangelion e nel film The End of Evangelion, con i punti salienti da tenere a mente per comprendere che diavolo sta succedendo. Poi c'è la sequenza cronologica degli eventi, la spiegazione di chi sa cosa nel gioco delle parti tra Seele, Gendo Ikari e tutti gli altri personaggi. 

Come funziona esattamente il discorso delle due lune e delle lance? Perché Adam e Lilith avevano un libretto d'istruzioni? Qual era il piano finale della Nerf? E poi perché Rei compare a Shinji in mezzo alla strada, nel primo episodio?

Per quanto possa sembrare incredibile, c'è una risposta a tutto, e non ti annoi manco per mezzo secondo, perché è scritto come andava scritto, cioè con la giusta dose di ironia e una presa per il culo di Shinhji ogni tre righe. Per capire, ma senza affogare in un mare di LCL di pipponi. Poi potrete fare i bulli con gli amici di un tempo e fingere che eravate arrivati a tutto da soli, sì.

L'unico problema è che, comprendendo finalmente alcune cose che avevi sempre conservato nella cartelletta personale del WTF e basta, ora ti è venuta voglia di rivedere tutto Evangelion daccapo. E lo stai facendo. Nei ritagli di tempo. UN'ALTRA VOLTA.

Asadora Urasawa

ASADORA! #1
Editore: Panini/Planet Manga
Pagine: 208
Quanto costa: 7,5
Dove si compra: Fumetteria, Amazon
Presidentesse: 5

Come fai a spiegare a chi non ha mai letto qualcosa di Naoki Urasawa (20th Century Boys, Monster, Pluto, Master Keaton, Billy Bat...) perché si tratta di uno dei più grandi mangaka di sempre? Beh, semplice. Gli metti sotto il naso questo primo numero di Asadora!, la sua ultima opera, e gli dai venti minuti per leggerlo.

Nella Tokyo del 2020, un mostro sta distruggendo la città, riducendola a un cumulo di macerie fumanti. Salto indietro nel tempo. Nel 1959, in una Nagoya che sta per esser spazzolata da un tifone, la piccola Asa Asada deve andare a chiamare il medico, perché sua madre deve dare alla luce l'ennesimo figlio. Nessuno, tranne un giovane maratoneta, sembra ricordare il nome della bambina. Sono tanti fratelli, appunto, la gente fa confusione.

Ma l'incontro con un imbracchiatissimo ladruncolo mette in moto una serie di eventi che ti trascinano fino all'ultima pagina con gli occhi pieni dello splendore delle tavole di Urasawa e già una discreta dose di affetto per i suoi personaggi. Il secondo numero esce il mese prossimo. Non vedi l'ora.

Dosei Mansion Bao Aiken

DOSEI MANSION #3-7
Editore: Bao
Pagine: 190-250
Quanto costa: 7,9/8,9
Dove si compra: Fumetteria, Amazon
Presidentesse: 4,5

Hai già parlato in passato dei primi due numeri di Dosei Mansion, serie manga che racconta la vita del lavavetri postapocalittico Mitsu. E ne avevi scritto che rappresenta "una delle cose più prossime alla fantascienza sociale anni 70 in cui ti sia capitato di imbatterti negli ultimi tempi". 

Hai portato avanti la lettura e sei arrivato al settimo e ultimo volumetto (che costa un euro in più degli altri, perché ha una sessantina di pagine extra). Mitsu trova il suo posto nel mondo, in più di un senso, e il tutto scorre con quella malinconia che ti ha fatto pensare a un'opera da te molto amata come Planetes. Anche se qui tutto ha, come dire, una strana leggerezza. Sarà l'aria rarefatta dell'Anello, lassù. 

Un plauso per lo stile, semplice ma ipnotico e quando vuole pure ricercatissimo, di Hisae Iwaoka - che a fine volume chiede perdono, in prima persona, per alcuni errori commessi nel suo manga e spiega quanto è difficile dire addio a dei personaggi su cui hai lavorato per anni - e anche alla confezione. Questi volumetti della linea Aiken di Bao, con il titolo in giapponese sulla costina, sono proprio belli, va detto.

RECORD OF RAGNAROK #1

RECORD OF RAGNAROK #1
Editore: Star Comics
Pagine: 208
Quanto costa: 5,9
Dove si compra: Fumetteria, Amazon
Presidentesse: 3,5

Nel consiglio del Valhalla, la grande riunione di condominio di tutti gli dei, si vota per far estinguere la razza umana, che effettivamente ha un po' scocciato. La valchiria Brunhilde, pur non avendo effettivamente voce in capitolo, propone però di risolvere la faccenda con un bel torneo mortale, il Ragnarok. Ché in genere queste cose nei Mortal Kombat e nei film di Van Damme funzionano, oh.

Viene così stilata una lista di tredici divinità e di tredici esseri umani che si affronteranno in battaglia. Da un lato Thor, Eracle, Anubi e colleghi, dall'altra gente come Nikola Tesla, Leonida, Adamo (?), Jack lo Squartatore (???). 

In questo primo numero di Record of Ragnarok, manga di Takumi Fukui e Shinya Umemura, disegnato da Azychika, va in scena la battaglia tra i primi due esponenti delle rispettive liste (civiche), un Thor che sembra uscito da un Final Fantasy, armato ovviamente di martellone da cinquanta tonnellate, e Lu Bu Fengxian, eroe cinese delle cronache dei Tre Regni, che arriva in sella al suo Lepre Scarlatta. Come in un Dynasty Warriors qualsiasi.

Se l'idea vi sembra sufficientemente scema per cavarne fuori uno shonen-di-menare sufficientemente tamarro, beh, è perché è così. Con tanto di citazioni de L'Attacco dei Giganti e Zeus vecchio sporcaccione in stile Pollon. E a te le cose tamarre ed esagerate a volte piacciono, eh, ma qui non sapresti. Nel senso: non è decisamente nelle tue corde (da ring di wrestling), ma ti incuriosisce vedere che tireranno fuori in questo mischione. 

Baptism 1 Kazuo Umezz

BAPTISM #1
Editore: Star Comics
Pagine: 384
Quanto costa: 17
Dove si compra: Fumetteria, Amazon
Presidentesse: 4

Izumi Wakakusa, attrice ossessionata dalla bellezza, resta sfigurata da una macchia sul viso, si ritira dalle scene, nascondendosi al mondo, e diventa madre di una bambina, Sakura. Ma l'ossessione della donna per la bellezza e la giovinezza ormai lontane non sembrano averla abbandonata. Anzi... 

Nella Umezz Collection della Star arriva un'altra opera molto celebre del maestro dell'horror nipponico Kazuo Umezz (se ne parlava qui), Baptism, pubblicata in Giappone tra il '74 e il '76.

Un manga in tre volumi disturbante, dallo stile superclassico, che ti trasporta di peso tra le pagine di un libro sulle pubblicità di epoca Showa, o nell'atmosfera che ancora si respira in Giappone in qualche vecchia bettola in cui i clienti fumano troppo, con quelle pubblicità della Cola sbiadite alle pareti. Solo che il tutto qui è filtrato attraverso storia, personaggi e tono da incubo, malati. Una roba inquietante davvero, non adatta a chi è facilmente impressionabile. Ma se, al contrario, vi piace l'horror e cercate qualcosa di particolare, beh, l'avete trovata.

CONAN IL CIMMERO - INTRUSI A PALAZZO

CONAN IL CIMMERO - INTRUSI A PALAZZO
Editore: Star Comics
Pagine: 80
Quanto costa: 14,90
Dove si compra: Fumetteria, Amazon
Presidentesse: 5

Non è la prima volta che vedi trasposto a fumetti "Intrusi a Palazzo" (Rogues in the House), uno dei racconti del ciclo di Conan il Barbaro, firmato da Robert E. Howard nel remoto 1934. C'era ad esempio la versione disegnata da Cary Nord per Dark Horse, una dozzina d'anni fa. Questo volume è invece l'ottavo della collana Conan il Cimmero (vedi qui), versione italiana dei cartonati francesi della Glènat, Conan Le Cimmérien.

E così, dopo Chiodi Rossi, un altro classico del mito di Conan interpretato secondo lo stile del fumetto francese, con grandi tavole che non si tirano indietro quando c'è da mostrare un po' di sesso e tanta violenza. Il che, nel mondo di Conan, non stona affatto, diremo. 

La storia è di Patrice Louinet - che nella postfazione spiega quanto atipico sia questo racconto nella produzione di Howard - i disegni di Paolo Martinello (Dylan Dog). Gran bella serie l'hai già detto? Sì, l'hai già detto.

Neil Gaiman: Storie perdute

Chiudiamo con una segnalazione importante per diversi motivi. L'associazione culturale Double Shot ha pubblicato la raccolta digitale Neil Gaiman: Storie perdute, che contiene i primissimi racconti a fumetti di Gaiman, tratti da Outrageous Tales From The Old Testament (sì, si parla della Bibbia), Deadly Sins, Trident ("The Light Brigade", il cyperpunk alla Gaiman) e altro ancora, e illustrati da disegnatori del calibro di Bryan Talbot, Peter Rigg, Dave McKean, Mark Buckingham. 

Si tratta di una raccolta nata nel 2010 in Inghilterra per la Knockabout Comics, solo in digitale e a scopo di beneficenza. Scopo ripreso da Double Shot, visto che tutto il ricavato delle vendite di Neil Gaiman: Storie perdute verrà devoluto alla Protezione Civile per la lotta al Covid. 

Il PDF costa 7 euro ed è acquistabile fino al 31 dicembre qui. È un pezzo di storia del fumetto e si fa pure qualcosa di buono per gli altri. 

Ricordato a voialtri debosciati che tutti i fumetti e i libri di cui si parla sull'Antro li trovate ora elencati anche in questa pagina amazzonica qui, via con la chiacchiera: cosa state leggendo/avete letto di bello in questo periodo?

40 

Commenti

  1. Record of ragnarok letto tutto fin'ora, e sono davvero davvero curioso di veder combattere Nikola Tesla. Che dire, molto molto scemo, ma con genuini momenti emozione (la seconda lotta, santo cielo) che lo rendono godibile, se non si hanno aspettative riguardo alla trama e si sanno godere delle sane botte

    RispondiElimina
  2. Evangelion for Dummy, libro che mancava! Grazie del consiglio, DOC!

    RispondiElimina
  3. Insta-wish-list per il libro eva dummy! Il libro per il quale il mio brufoloso me teenager avrebbe venduto mezzo motorino.

    RispondiElimina
  4. Domanda su eva for dummies, ma spiega tutto con le sephira la cabala etc etc oppure, come ha dichiarato anche il buon Anno, fa capire che moltissima roba è solo buttata li per caso perche faceva figo per i Giapponesi a livello di richiamo all'iconografia occidentale? Tanto per sapere e senza spoilerssssss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un paragrafo intero, dedicato a questo aspetto, spiega che ad Anno della Cabala fregava una cippazucchina, gli interessava più che altro l'iconografia esotica, sì. Non c'è dietro chissà quale significato.

      Elimina
    2. Qualcuno ancora era convinto che Anno avesse fatto un accurato lavoro di ricerca storico-filologica per tutte le cose infilate con il piede di porco nella serie?!?! :D

      Comunque davvero una segnalazione interessante questo libro... messo in lista prima di subito.

      Cheers

      Elimina
  5. Allora visto che si parla di Evangelion penso che il libro me lo prenderò ma ho una domanda,il famoso 4 film è uscito? Si trova??
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbe uscire a gennaio. A meno che non abbiano nuovamente rimandato.

      Elimina
  6. Per me che con evangelion sono propio un “dummo” ma che comunque apprezza comunque molto questa opera sto libro e’ propio una grande notizia, grazie ancora per la segnalazione doc!

    Su Conan questa serie Conan il cimmero, solo belle parole, ogni volume e’ veramente ben fatto e da nuova linfa a racconti di howard, insomma un ottima consolazione dalla mediocre nuova gestione Marvel del personaggio.

    RispondiElimina
  7. Evangelion For Dummy mi sembra davvero da non perdere. Non fosse altro, come giustamente dici, che per millantare una conoscenza pregressa di ogni cosa evangelica.

    Come letture, Peanuts, Peanuts, Peanuts. Credevo mi bastasse la solita dose autunnale (di solito un volune a caso), e invece questa volta sto continuando.. Trovo il mondo di Schulz davvero confortante in questo periodo. E starci dentro amcora un po' mi va parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una lettura imminente é Oh! Il Libro Delle Meraviglie di Leo. Mi mancava e ho approffittato dell'offerta Bao a 1,99 per la versione Kindle.

      Elimina
    2. L'altro giorno guardando le coste dei volumi di Complete Peanuts mi sono accorto che i personaggi non sono piazzati a caso. Charlie è sul volume centrale che guarda in camera con la sua solita espressione afflitta, tutti gli altri sono ritratti di profilo mentre si allontanano da lui, come a lasciarlo solo! È geniale e l'ho scoperto casualmente dopo 15 anni!

      Elimina
    3. Ah, The Complete Peanuts, che invidia! Io ho volumi sparsi, grandi, medi, piccoli.

      Interessante questa faccenda di Charlie Brown lasciato solo. Ci sta tutta, in effetti. É in linea con la "crudeltà" (virgolette doverose) di Schulz nei suoi confronti: costantemente rifiutato da tutti. Da sé stesso in primis.

      C'é tristezza nei Peanuts, ma, come scrivevo, anche molto conforto.

      Elimina
  8. Ecco perchè, Doc, avevi avuto ispirazione la settimana scorsa per istituire il premio Gendo Ikari al "padre dell'Anno" (Hideaki )... Ricordo che Evangelion lo tiri fuori con recalcitranza, come se fosse una parte di te che non vuoi scoprire troppo...
    Comunque fino a che la barca va, dovresti tirarne fuori una "La prima puntata non si scorda... eh?!"
    Ormai se lo merita... anche solo per prendere per il culo dignitosamente StupiShnji!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaa, in realtà la cosa dei padri dell'anno era partita da una foto del professor Kabuto. Poi, chiaro, là Ikari diventava subito il capoclasse.
      La verità è che ho rivisto tutto NGE e i vari film, nell'ultimo anno, e ora sono partito per un nuovo giro, alla luce di questa lettura. Non se ne esce.

      Elimina
    2. Odio (per le pippe mentali) e amore (per le mazzate e il design dei biomecha). Neanch'io ne esco, in attesa di questo quarto film che... l'unica cosa certa è che Anno non lo vuol far uscire in streaming... il resto un incognita!

      Elimina
  9. Ottimo Evangelion for dummies. Ma a quando un post (se non esiste già) sulla corretta sequenza di visione di tutti i vari film di Evangelion pubblicati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lì si fa presto.
      Serie, End of Evangelion (con la versione alternativa, ma in realtà in parallelo, degli ultimi due episodi della serie), poi i tre del nuovo ciclo. Stop.

      Death & Rebirth è per metà un riassuntone e per l'altra l'incipit di End of Evangelion.
      Il cosiddetto Feature Film ('98) nasce dalla fusione di D&R e The End, eliminate le ripetizioni.
      Ma magari riprendiamo il discorso in dettaglio all'uscita del quarto film (lallero).

      Elimina
  10. Un'altra curiosità su Evangelion. Il libro affronta anche le rebuild? Comunque il film non è ancora uscito. Uscirà ad inizio "Anno" in jap

    RispondiElimina
  11. Povere mamme, non so se per colpa di Zerocalcare o già da prima, sono diventate il simbolo del matusa boomer analfabeta funzionale. Madri antriste fan di NGE, se ci siete ribellatevi!



    (Ma la copertina del libro di Gaiman l'ha fatta Forattini?)

    RispondiElimina
  12. E niente, negli ultimi dieci giorni sono solo andato un po' avanti con il libro Boosta Pazzesca, che è figo ma se non lo leggo in metro non progredisco molto... Comunque bella tornata di Microletture, molta roba interessante. Spero in un anime di Record of Ragnarok

    RispondiElimina
  13. Il libro su Evangelion mi fa paurissima. Mi ricorda l'enciclopedia che usciva nelle VHS, l'apoteosi dell'onanismo nerd. Ma c'è davvero bisogno di capire i dettagli della trama? È davvero importante, in Eva, la trama?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui di onanismo nerd non c'è nulla. È un libro, l'ho scritto, divertente. Nel senso di, uh, DIVERTENTE. :)

      Elimina
  14. La coda di lettura è lunga come sempre, al momento, anche per colmare una considerevole lacuna, sto leggendo la trilogia dello sprawl di Gibson (Neuromante, Giù nel cyberspazio e Monna Lisa cyberpunk). Il prossimo in lista è quasi certamente Scheletri.

    RispondiElimina
  15. Ciao Doc, hai letto il nuovo di Fumettibrutti? siccome è un bel "caso" editoriale mi piacerebbe un tuo parere

    RispondiElimina
  16. Libro su Evangelion preso in n. 3 copie (l'ho trovato il regalo di Natale perfetto per un paio di amici).

    Con la lettura sto abbastanza la palo. Adesso sto mi sto mettendo a leggere dopo aver messo a letto la bimba. Ho finito di leggere tutto Samuel Stern e mi stavo leggendo la versione a fumetti di "Vorrei Mangiare il tuo Pancreas".

    PS per Doc: hai mai letto Master Keaton?

    RispondiElimina
  17. Iersera ho letto le avventure di penthotal... non m'è piaciuto, devo stracciare la tessera antristica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti abbiamo quel momento in cui prendiamo in mano un'opera che viene acclamata come un capolavoro e a noi non piace; ammetto che a me capita spesso.
      Personalmente, il poco che ho provato a leggere di Pazienza non mi è piaciuto e l'ho mollato dopo poche pagine.

      Elimina
    2. C'è da dire che alcune opere vanno lette pure in determinate fasi ed età della vita, a volte, per essere fruite al meglio.
      Almeno la penso così non tutti i capolavori sono "senza età" ;)

      Elimina
  18. Doc, mi hai fatto venire una scimmiaccia maledetta per quel volume su Evangelion. Argh!

    RispondiElimina
  19. Complice il fatto che stia lavorando tantissimo (in smart working) la sera il mio cervello si rifiuta di comprendere la parola scritta, malgrado io ami tantissimo leggere.
    Ho sul comodino il terzo tomo di GoT( quelli belli spessi rilegati) fermo a metà.
    In compenso ho trovato sul tubo un "pazzo furioso" che ha fatto l'audiolibro di tutto "Il Signore Degli Anelli", con le diverse voci, effetti sonori, musiche e canzoni.
    Un lavoro incredibile e spettacolare, e me lo sto gustando tutto tra una query e l'altra..

    Il canale si chiama La Locanda della Tormenta, e c'è davvero un sacco di roba!

    RispondiElimina
  20. Ho letto i numeri 14 e 15 di Daredevil. La storia scorre bene e i disegni sono fantastici. Il detective è un bel personaggio, poi c'è Elektra. È la serie Marvel che ancora preferisco. Poi ho letto il libro "Cadrò, sognando di volare" di Fabio Genovesi, che intreccia la storia di un ragazzo qualunque con quella di un certo Pirata che ci ha fatto, e ci fa ancora, sognare. Il libro scorre benissimo, consigliato a tutti gli appassionati di ciclismo

    RispondiElimina
  21. Ho completato Sunny di Matsumoto, gran bel manga sulla vita di tutti i giorni dei bambini di un orfanotrofio nel Giappone di fine anni 70, si nota che l'autore ha vissuto in prima persona queste vicissitudini dal modo in cui viene sfaccettato ogni bambino.
    È uno di quei manga pieni di cuore e passione, già questo sarebbe abbastanza per consigliarvi l'acquisto. Lo stile lo adoro, sembra un disegno "sporco" e grezzo europeo però trapiantato in Giappone, ho letto che l'autore (poi anche visto, dato che venne intervistato da Dario Moccia) non aveva molta dimestichezza con le figure femminili ed in questo manga la moglie gli diede una forte mano in quel senso, piuttosto carino come aneddoto.
    Credo che anche il Doc ne parlò qualche anno fa se la memoria non mi fa cilecca

    RispondiElimina
  22. Ciao a tutti oltre al solito Dylan Dog (Non sembra male la trilogia di Mana Cerace... che vi sembra ? ) , mi sono letto Creepshow di King e Wrighstone e sto per cominciare 5 anni di Terry Moore . Un saluto a tutti bella gente !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da lettore di Dylan, Mana Cerace non mi dispiace affatto. Sembra una storia come quelle di vecchia data. Devo dire comunque che sono un po' di parte, Chiaverotti mi piace. Ho adorato Brendon e sto leggendo con piacere Morgan Lost.

      Elimina
    2. Cavolo non sapevo dell'uscita del libro! Ho di recente rilavorato e inviato per la pubblicazione, un vecchio saggio accademico su Evangelion, dove premettevo:

      «Oggi, dopo un ventennio di narrazioni nebulizzate fra veri e propri “ecosistemi narrativi” (Pescatore 2018) abitati da anime, film, videogiochi, carte telefoniche, illustrazioni erotiche, giochi da tavola, manga e user generated content, non è possibile demarcare un quadro narrativo lineare della saga di Evangelion, né scindere una storia “ufficiale” (riconducibile all’originaria serie del 1995) da quelle “derivate” (Azuma 2010: 95). Eppure, l’attesa per un “finale definitivo”, che possa riannodare le storie, è argomento di dibattito nella comunità di fan, mentre veri e propri database di Evangelion sono consultabili in numerose pagine wiki e sono tutt’altro che disorganizzati.»

      Se mi danno l'ok, citerò di sicuro il "For Dummy (plugs)" ;-)

      Elimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy