Centurions, tutta la linea di giocattoli bellissimamente bellissima

Centurions, tutta la linea di giocattoli Kenner

Abbiamo già parlato dei Centurions, in questo covo di deboscia. Più volte. Qui si diceva ad esempio del cartoon, del videogioco e dei fumetti, o del fatto che dietro la serie animata ci fossero mostri sacri dei comics come Jack Kirby e Gil Kane. Ma ora è giunto il momento di passare in rassegna TUTTA la loro fantaipersplendida linea di giocattoli. Tutta [...]

Centurions, tutta la linea di giocattoli Kenner

Non che ci voglia del resto tanto. Nata in simbiosi con la serie TV - prodotta da Ruby-Spears, animata dallo Studio 7 della giapponese Sunrise e mandata in onda negli USA in syndication - la linea di giocattoli Kenner dei Centurions ha avuto vita breve come il cartoon. Tutto è iniziato e finito nel 1986, e chiusa l'avventura dello show televisivo, la seconda serie di action figure prevista per il 1987 non è mai stata prodotta. "Potere assoluto" fino a un certo punto.

Centurions, tutta la linea di giocattoli Kenner

Il design dei personaggi era così figo perché se n'era occupato Norio Shioyama, autore del character design, tra le altre cose, anche di Votoms e de I cinque samurai. Ma lasciamo spazio a Jake Rockwell, Max Ray e a quel terrone di Doc Terror, dai.

Centurions, tutta la linea di giocattoli Kenner

Il baffuto Max Ray, fratocugino di Tony Stark ed esperto delle operazioni marine, con l'equipaggiamento (Assault Weapon System) base, chiamato Cruiser. I giocattoli presentavano le stesse tutine piene di buchi del cartoon (power suit), in cui andavano agganciati i componenti trasmessi "via satellite" da quella tizia con l'orango.

Eh. Ognuno.


La versione base del biondo di Luzzi volante della linea, Ace McCloud, era l'equipaggiamento Skyknight, un jetpack carico di armi. PoweXtreme, proprio (ma attento quando vai in bagno). Dei tre, è sempre quello che ti è piaciuto meno, Ace. Sarà stata la tuta da benzinaio, boh.


Il roccioso (ah, ah) Jake Rockwell, rispondeva con Fireforce, un set munito di ragguardevole cannone al plasma.

Fonte foto

I due cattivi della serie, Doc Terror e quello sgangato di Hacker, avevano la stessa gimmick del cartone: due cyborg in cui la parte umana e quella meccanica potevano staccarsi, separando a metà i corpi. Ovviamente, i due erano ricombinabili a piacere, come si faceva del resto per tutti i componenti dei Centurions. Entrambi erano muniti di mascherone per coprire quelle facce da pistola.

Niente pupazzetto per Amber, la figlia di Doc Terror, "cosplayer troppo coperta di Vampirella".


Vista la loro natura di uomini a metà, letteralmente, Doc Terror e Hacker erano anche combinabili con i due Doom Drones, l'unità volante Strafer e quella terrestre Traumatizer. Il nome era probabilmente legato alla sua indifendibile bruttezza. Diciamo che per quanto erano fighi i Centurions, i cattivi potevano sforzarsi di renderli un po' più decenti, nevvero?

E questa era la linea di action figure. Poi, a parte, veniva probabilmente il meglio. Al posto dei veicoli, come tutte le altre linee di toys dell'epoca, i Centurions Power X-treme avevano ovviamente altre robe modulari da agganciare alle tute power suit. Solo più grosse e cattive.


Come l'Orbital Interceptor


e lo Skybolt per Ace McCloud.


O come il fichissimo Tidal Blast 


la sua versione più zarra, il Sea Bat, 


e il Depth Charger per Max Ray.


Jake si trasformava invece in muturetta d'assalto con il modulo Wild Weasel


in cingolato con Swingshot,


in postazione di fuoco con Detonator


e in uomo-elicottero con Hornet. Premendo un tasto sullo zainetto, le pale giravano. Gli mancava insomma solo un Assault Weapon System sottomarino e poteva mandare a casa i colleghi e fare tutto lui, fare. 

La chiusura anticipata della linea ha lasciato allo stato di prototipo gli altri modelli già pronti per una wave 2 per l'87. Su alcuni cataloghi sono apparse quindi le foto non solo di nuovi Assault Weapon System per i tre protagonisti, ma anche di nuovi personaggi. 


Tutta roba che è apparsa più avanti nel corso del cartoon, come il trivellone Awesome Auger di Jake, lo Strato Strike di Ace o l'Aqua-Blazer di Max. O come la pantera cyborg di Doc Terror, Cybervore Panther, e il suo squalo meccanico, Cybervore Shark.


Ma erano in cantiere anche le action figure di due forze fresche tra i buoni, i due nuovi specialisti che appaiono negli ultimi episodi della serie animata. 

Il nativo americano John Thunder, esperto nelle missioni sotto copertura (con una power suit inguardabile e adattissima a non farsi notare, con quelle mutande in testa, diremo), e l'altrettanto scappato di casa Rex Charger. Che con quel nome da caricabatterie non poteva che occuparsi di fonti d'energia e infatti c'aveva la tutina che illuminava i pesciolini, come la trekking light.

Salvo dove indicato diversamente, 
tutte le foto dalla wiki centurions.fandom.com

MASTERS, TRANSFORMERS, MASK, DINO RIDERS, TURTLES: LE ALTRE LINEE DI GIOCATTOLI RECENSITE



36 

Commenti

  1. mmmmmm... no, qui non ti seguo, Doc. Al netto della mia avversione per le serie ammeregane, di cui salvo proprio solo MASK per i veicoli ficherrimi, i Centurion per me sono sempre stati degli accrocchi sgraziati. Nessuna delle loro power armor poteva battere quello che nella mia giovinezza riuscivo ad ottenere con un po' di tempo e Lego Space (e quando vedo cosa hanno a disposizione i regazzini di oggi in fatto di Lego Powah... non mi fare parlare, non mi fare!).

    RispondiElimina
  2. Peccato che nessuno ci abbia fatto un reboot semiserio, un po' Marvel e un po' primo film dei G.I.Joe. Dopo Tony Stark a sdoganare le power armor al grande pubblico, è un goal mancato a porta vuota. ^^;

    RispondiElimina
  3. Sempre amati tantissimo i Centurions!
    Ace invece era il mio preferito, mi ha sempre colpito come, anche in MASK e GiJoe, gli eroi fossero uomini adulti "fatti e finiti".

    RispondiElimina
  4. Che spettacolo i Centurions, appuntamento fisso alle 13.45 su Odeon TV ed a seguire i Cavalieri dello Zodiaco. Che tempi. Di questa stupenda serie amavo l'equipaggiamento di Jake. Era fighissimo nella modalità Esoscheletro lanciamissili. Anche a me dei tre quello che mi piaceva meno era lo scozzese Mc Cloud (che fantasia) per via della banalità delle situazioni in cui capitava. Vero capitano dei Centurions però era Max, quello più saggio e riflessivo. Sorvolo sulla tizia nella stazione spaziale con Orango al seguito. Non ho mai avuto alcun giocattolo di questa linea ma mai li ho visti qui da me. Kenner comunque sinonimo di garanzia per certe produzioni.

    RispondiElimina
  5. La tizia con orango era la versione ammmmerigana di Miwa, che invece di lanciare i componenti li teletrasportava come Scottie...

    RispondiElimina
  6. Cartone adorato, chiaramente in super replica, nei primissimi anni 90...ergo i giochi non li ho proprio mai visti. Davvero fighi

    RispondiElimina
  7. Bellissimo il cartone; le action figures le ho recuperate anni fa su ebay.
    Ho tutte e tre quelle del mio preferito :D cioè Ace (adoro chi vola); di Max e Jake ne ho solo due a testa purtroppo, le altre che trovo costano mezzo rene.
    Ho anche i due cattivoni; Doc Terror ci sta, l'è brut come la fame, ma chiamare Hacker , quindi un pirata informatico, cioè, intuitivo ed intelligente, uno scimmione di due tonnellate non mi è mai sembrava una grande idea.
    Peccato per la chiusura della serie, sia tv che giocattolo; dei nuovi mi piaceva molto John Thunder; mentre dei nuovi armamenti per i tre originali era molto bello quello di Max, mentre quello di Ace proprio non mi piaceva.
    PS: come mezzi attuali ne farei un bel action movie fantascientifico

    RispondiElimina
  8. Adoravo e adoro tuttora il cartone, ma i giocattoli giravano veramente poco; ad occhio non mi sembrano neanche chissà che, anche se lo skybolt...

    RispondiElimina
  9. Ma a proposito di guerrafondai con tute, armature od esoscheletri...

    Qualcuno si ricorda come si chiama un cartone animato che deve essere andato in onda su mediaset nella primavera (marzo-aprile) del '95, nel quale i protagonisti erano una (o più unità) di soldati in esoscheletro che combattevano nel sistema solare (mi pare quanto meno terra, marte, fascia di asteroidi)?
    Io me lo ricordo come una sorta di crossover tra starship trooper e gundam (anzi, se non fosse che Nathan Never è una produzione italica ed il cartone non credo proprio, direi che la fanteria dello spazio neveriana sia la cosa che più si avvicina ai soldati di quel cartone), con un taglio che - all'epoca - mi sembrava anche abbastanza "adulto"-realistico.

    Grazie per qualunque aiuto!
    Nathan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, grazie!

      Sono proprio loro: erano anni che cercavo di ricordarmi il loro nome...

      Elimina
    2. Mai sentito ma lo avrei visto volentieri. Per certi versi ruba molto da Macross e Mospeada più che da Gundam, che comunque a ispirato i primi due.

      Tanto che ci siamo chiedo se qualcuno ricorda un cartone, di cui mi facevano abbastanza cagare i mezzi ma mi piaceva la trama e l'ambientazione. Ambientato ai giorni nostri c'era un gruppo di cattivi che cercava di dominare il mondo tramite degli emettitori con una cupola gialla che creavano delle zone perennemente coperte da delle nubi verdi. In queste zone gli abitanti si trasformavano in una sorta di zombie semplicemente respirando l'aria, zombie che obbedivano ai cattivi. Gli unici immuni erano i cattivi che per essere immuni avevano dovuto subire un trattamento che gli ricopriva il corpo di grosse chiazze rosse che sostanzialmente lì sfigurava. I buoni logicamente avevano una sorta di casco per evitare di zombizzarsi.
      I mezzi dei cattivi erano delle sedie con i cingoli e delle palle chiodate rotanti sui lati e il capo dei buoni aveva come mezzo una sorta di grossa ruota con sopra un cannone che sembrava uno scivolo o una grossa grondaia.
      Qualcuno lo ricorda?

      Elimina
    3. Forse ti riferisci a Capitan Dick (Spiral Zone)?

      Elimina
    4. Sicuro che non eri sotto l'effetto di qualche acido? ;-)

      Elimina
    5. No, niente acidi :D, era proprio Capitan Dick (nome un po' del ...), da bambino era una delle poche serie ammerregane che mi piacevano (insieme a The Mask e i Centurions), ricordo la moto stile Gantz con una ruota gigante dentro cui si sedeva il pilota e le sedie a rotelle cingolate... I cattivi sembravano malati, tipo gli eserciti di Nurgle in Warhammer

      Elimina
    6. Si, capitan Dick e i Cavalieri della Terra. Combattevano un cattivo di nome Lord Black. Nella Zona a Spirale. ( Un sacco di doppi sensi )

      Elimina
    7. Esattamente quella. Grazie a tutti.

      Elimina
    8. Tra l'altro i doppi sensi sono tutti frutto dell'adattamento italiano, visto che in originale Dick era Dirk e Dottor Black era Overlord. Ah! Che brighella gli adattatori italiani!

      Elimina
  10. Bellissima serie, e da bimbo fui parecchio deluso che i loro giocattoli non li avessero importati pure in Italia!

    RispondiElimina
  11. Ehi Doc, pensi potremmo tradurre John Thunder come Gionni Di Tuono?

    ... So trovare l'uscita da solo, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gio' Di Tonno già ce l'abbiamo, del resto...

      ... ti seguo a ruota.

      Elimina
  12. Il cartone mi piaceva tantissimo ma la linea di giocattoli dedicata chi l'ha mai vista? Per cui tutti i personaggi me li sono ricreati coi... -state per dire Lego, vero?- coi PLAYMOBIL!!! Per esempio, il modulo Wild Weasel era uscito molto bene usando le basi dei due cannoni del galeone dei pirati, una sulla pancia e una sulla schiena del finto Jake e mettendo dei cingoli a unire le ruote sui lati. Sulla schiena naturalmente c'era poi il cannone vero e proprio. Avevo realizzato anche Doc Terror :D
    Tornando al cartone, il suo punto debole erano proprio i cattivi, per nulla all'altezza degli eroi.

    RispondiElimina
  13. Occhei, svelo un segreto che più segreto non si può. Ai tempi del C64 ero conosciuto tra i cracker come Doc Terror.
    E ho detto tutto.

    RispondiElimina
  14. Il mio preferito era invece proprio Ace McCloud, in quanto aereo umano.
    Del resto anche in Capitan Power il prescelto era Hawk, e adoravo le ali "donate" da Apocalisse ad Arcangelo...

    Dei Centurions, tra l'altro, avevo un clone pezzotto del videogioco su una cassetta per Amstrad CPC. Il problema era 1) che non esisteva un libretto di istruzioni che spiegasse cosa cavolo fare, e soprattutto 2) che il gioco facesse molto affidamento sui colori dei tre elementi - acqua, terra e aria - legati ai tre personaggi. Ma, breve storia triste, io avevo il monitor a fosfori verdi. xD

    RispondiElimina
  15. Pupazzame bellissimo ed, ancora oggi, molto attuale e di gusto. Peccato per i cattivi, assolutamente degli scappati di casa, anche se non ci starebbero male in un roboot semi serio

    RispondiElimina
  16. Giocattoli bellissimi che da bimbo non vidi mai, ne avrei fatto man bassa. Il cartone lo amavo e la puntata che mi ricordo come più bella vedeva le due parti meccaniche dei cattivi fondersi in un unico essere meccanico senziente che migliorava tutte le unità robot dei cattivi riuscendo a fare il mazzo ai buoni. Logicamente alla fine i buoni tornano con nuove armature super fighe e con l'aiuto degli stessi cattivi vincono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio quella puntata li. La migliore.
      Per i giocattoli, io li vidi in una Upim prima che ci fosse il cartone animato. Me li ricordo distintamente perchè mi feci la domanda del perchè avessero tutti quei buchi addosso.

      Elimina
    2. Drakkan io invece ricordo la fine della puntata in cui Ace riesce per sfinimento a baciare la tizia sulla stazione spaziale,e da buon sbruffone lo fa in diretta video vantandosi

      Elimina
  17. Non ricordo affatto di aver mai visto un pupazzetto dei Centurions. Ricordo, però, il videogioco per Commodore 64, programmato dal prolifico Anthony Crowther, che purtroppo era decisamente mediocre.

    RispondiElimina
  18. Non li avevo mai visti questi giocattoli, da bambino mi sarebbero piaciuti un frappo.

    RispondiElimina
  19. All'epoca pensavo: "ma come sarebbero fighi i giocattoli dei Centurions... potrebbero fare dei pupazzetti snodati tipo GI Joe, con dei buchi dove agganciare i componenti... ma perché non li producono? Possibile che non ci abbia pensato nessuno?"
    Beata ingenuità.

    RispondiElimina
  20. Cavolo i cartoni li vedevo sempre e sognavo una linea di giocattoli dedicata,ma niente da fare non arrivava.
    Adoravo Ace perchè era quello volante,tutto quello che vola per me è meraviglioso.
    Questi sono davvero fighi,peccato che ai tempi non erano in circolazione

    RispondiElimina
  21. Concordo sulla questione Lego, anche se a me Centurion piacicchiava, non ho mai avuto nessuna loro action figure. Però usai l'idea di base per creare con la lego delle power suit ispirate alle loro.

    RispondiElimina
  22. Quei giocattoli (e anche i cartoni) erano il mio sogno bagnato... a dire il vero ancora oggi un po' di effetto lo fanno :D
    Tra l'altro li avrei visti bene con dei mischioni di tecnologie: missili, cingoli, ali, cannoni... :p
    Molto belli, chissà se esistono delle versioni "tarocche" (dai, in Cina taroccano tutto, vuoi che non abbiano fatto qualcosa???) da recuperare da qualche parte sul web a prezzi che non rasentino il ROTOLOL

    RispondiElimina
  23. Assolutamente fantastici!!! Il mio cartone animato Americano preferito, insieme a i M.A.S.K.
    Per me erano i Cavalieri dello Zodiaco Americani!!!!

    RispondiElimina
  24. Doc, dovresti usare il faccione di Doc Terror come avatar della tua controparte villanzona... ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH