Gig Tiger, il revival di Hasbro, per una qualche ragione*

Hasbro Tiger LCD Xmen Gig Tiger 2020

*Dove la ragione, chiaro, è spremere un po' di soldi ai nostalgici di quelle inutili minchiate che ti "mettevano la sala giochi in tasca", sì, credici. Per un'altra dose di nostalgia anni 90, Hasbro lancerà il prossimo autunno nuovi giochi LCD ispirati a quelli che da noi erano noti appunto come Gig Tiger [...]

Hasbro Tiger LCD Xmen little mermaid transformers sonic 3 Gig Tiger 2020

Ora. L'ultima volta che si è parlato di Gig Tiger in questo covo di deboscia, hai urtato la sensibilità di alcuni nostalgici ribadendo ironicamente che quei cosilli a batteria con lo sfondo fisso erano delle versioni care e strombazzatissime dei giochini simili che giravano già da anni, non avevano quasi mai niente del coin-op di cui promettevano di riprendere l'esperienza di gioco e, in definitiva, non erano degni di allacciare i sandali a cristalli liquidi dei Game & Watch di Nintendo (nati dieci anni prima). Figurati dei giochi per il coevo Game Boy.

Perciò, questa volta, per non offendere nessuno, ti limiter... no, niente erano una minchiata. Se qualcuno se la prende per queste cose, ehr, ok. Ok. Perché ne stiamo parlando di nuovo? Perché ora tornano sulla scena. Cioè, da gamestropp, ma è uguale.

Hasbro Tiger LCD Xmen little mermaid transformers sonic 3 Gig Tiger 2020

I nuovi LCD Hasbro come quelli anni 90 di Tiger Electronics (azienda fagocitata da Hasbro nel '98), costruiti per essere supersimili ai vecchi modelli, con tanto di grafica dell'epoca (Ciclocchio gran visir del Sacchettismo incluso).

Usciranno in autunno (ma saranno in mostra già alla Toy Fair di NY a partire da dopodomani) e costeranno 14,99 dollari l'uno. I primi titoli annunciati sono The Little Mermaid, Transformers: Generation 2, X-Men Project X e Sonic the Hedgehog 3.

Viva gli anni 90, e Repetto che balla. La gif animata sapete già dove trovarla.

IL CATALOGO GIG TIGER DEL '91

49 

Commenti

  1. Be' dai, al di là della mimmata in sé almeno non si sono resi ridicoli chiedendo tipo 50 dollarEuro ciascuno... l'effetto nostalgia Canalis può valere quei 15 dollari...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A 50 dollari mi figuro già le file davanti al gamestrof al day one. Nel reparto cazzatelle simpatiche e/o nostalgiche (cioè ormai l'80% della superficie di un GS), a meno di 15 dollari, hanno molto più senso, sì.

      Elimina
  2. Fanno paurissima Doc, se da un lato la cosa migliore dei Tiger è sempre stata l'aspetto esteriore (che potrebbe o non potrebbe valere 15 talleri), dall'altro vorrei proprio sapere cosa si inventeranno per lo schermo... non so se augurarmi che siano appetibili o meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hasbro ha promesso che saranno tecnologicamente quanto più prossimi possibili ai modelli di (ormai, miseria ladra) trent'anni fa.

      Elimina
    2. per la seria, "abbiamo trovato magazzini pieni di sti affari, li diamo una spolverata, cambiamo l'etichetta e li spacciamo come nuove retro console"...

      Elimina
  3. Cioè in pratica hanno detto "Li faremo brutti apposta", ma con molto più stile

    RispondiElimina
  4. Mah...
    All'epoca erano veramente terribili, con la luminosità dello schermo LCD che di affievoliva man mano che si giocava per più di 15 minuti.
    Ha davvero senso nel 2020 investire denaro (sia da parte del produttore, sia del consumatore) in un prodotto privo di appetibilità per un millenial (persino il vecchio Snake su Nokia è una spanna su) puntando solo sull'effetto nostalgia per i 30/40enni che sanno benissimo quanto schifo e pena facessero già all'epoca? Perché sì,io ne ero un possessore (Altered Beast) moooolto incazzato dalla totale differenza tra il Gig Tiger e l'esperienza coin up della sala giochi...

    RispondiElimina
  5. "L'ultima volta hai urtato la sensibilità di alcuni nostalgici".
    No, sul serio? Esiste chi difende quei cosi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esiste chi difende qualsiasi cosa gli ricordi la sua infanzia e non tollera che ci si faccia sopra dell'ironia. È un mondo meraviglioso.

      Elimina
    2. "Meraviglioso" non è la parola che userei io, ma il concetto è chiarissimo.

      Elimina
    3. Io dicendo la mia minoranza ma dire che erano tecnologicamente orrendi è d'obbligo ahah anche questo vuol dire difendere la propria infanzia.

      Elimina
    4. Il mondo è bello perché è avariato, Doc...

      Elimina
  6. Per 15 zecchini uno lo si potrebbe anche prendere, ma proprio perchè la nostlagia potrebbe prevalere sulla salute mentale eh ;)

    RispondiElimina
  7. 15 ...nel senso le diottrine che si perdono a partita...?

    RispondiElimina
  8. Anche con l'ingenuità del bambino pre-digitale che ero quei cosi erano ingiocabili. Dopo 15 minuti finivano in fondo al cassettone dei giochi e sparivano nell'ombra come dei Bing-Bong brutti.

    RispondiElimina
  9. Non mi avrete mai... maledetti GiGTiger. Da bambino ingenuotto mi avete preso per il concucisisiede molteplici volte, da vecchio ingenuotto resistero' ah se resistero'... vero Repe' che non lo compriamo? Cioe' lo so, il ciclopicchio e l'orsacchiotto ghiottone fanno la loro porca figura ma nooooooooo

    RispondiElimina
  10. Immagino qualche collezionista che ammira la sua collezione boxata di Gig Tiger assaporando il momento in cui potrà comprare le nuove uscite. Magari in doppia copia per poterli conservare boxati e giocarli.
    Tutte le altre persone con un minimo di amor proprio potrebbero comprare quei così solo per fare un regalo scemo ad un amico. Quello dei Trasformers che ha una grafica bellissima. Regalo che strapperebbe un grande "Wow!!!" per poi essere dimenticato alla velocità della luce.

    L'industria della nostalgia ha il mio nome e cognome quindi criticarla quando sono il primo dei polli che ci casca è un po' da ipocrita. Va detto che qui forse si tocca il fondo riproponendo un prodotto che aveva già poco da dire ai suoi tempi.


    PS: ho un amico che mi manda le foto di un Legios di Mospeada e per sicurezza me lo ordina. Devo ancora capire se gli voglio bene o lo odio. Alla fine prevale l'amore ma mia Moglie, se sapesse, mi direbbe di odiarlo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confesso la mia colpa, il Tiger di Golden Axe credo di averlo completamente consumato e lo tenevo come una reliquia nonostante ogniqualvolta andassi da amici che avevano l'Amiga (ah ah) e potevo giocare alla vera versione, rosicavo come un castoro... ovviamente questo reboot non mi avrà mai, non dopo che esistono app ed emulatori e soprattutto non dopo che in quello dei Transformers mi metti in copertina Prime e Starscream invece di Megatron...

      Elimina
  11. Ma anche no.
    Io passo.
    Ok, tutto sommato erano divertenti.
    Se finivi in vacanza in qualche paesino sperduto dove nel bar non c'erano neanche i videogames, o al massimo la versione scrausa e pirata di Street Fighter 2 Champion Edition (e quindi ingiocabile).
    Almeno ti tenevi in allenamento in vista di qualcosa di piu' impegnativo al rientro.
    Ma morta li'.
    Il qui presente si e' fatto infinocchiare una volta e tanto basta.
    Stanno bene dove stanno. Anche se non dubito che ci saranno tizi che se li compreranno TUTTI.
    Oh, si accomodino. Ognuno e' libero.
    Mi intrippa assai di piu' la Evercade, che mediante cartucce ripropone i classici Atari. Ma anche Namco, Data East ed Interplay.
    Ma un bell' Atari Lynx mini no, visto che ci siamo?
    Magari adesso non servira' piu' una centrale atomica portatile per alimentarlo...
    In termini di vintage, il must have per quest'anno rimane il Pc Engine Mini, almeno per me.
    L'ideale sarebbe la versione jappa (sempre che non sia troppo un casino recuperarla. Ma e' la console piu' "giapponese" della storia, e' un'acquisto quasi obbligato. E la versione europea, francamente...la trovo orrenda), ma...a quanto pare non ci sarebbe Salamander (TREMENDA disdetta).
    Vedremo.

    RispondiElimina
  12. Si direi che possono stare li tranquilli sullo scaffale del negozio,senza rimorso

    RispondiElimina
  13. Io avevo l'Handheld di Dr.Slump ed Arale della Nec, che tecnologicamente e per qualità, rispetto ai Tiger, erano nettamente superiori . Ecco quello lo ricomprerei subito e shut un and take my money ma sulla baia si aggira sui 300.

    RispondiElimina
  14. In pratica si sono ritrovati i magazzini pieni e non sapevano come smaltirli? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è esattamente quello che ho pensato pure io.

      avranno trovato uno scatolone mentre svuotavano un magazzino pieno di questi giochilli per i quali erano già state pagate produzione, realizzazione e copyright vari e per non buttarli via (visto l'eterno revival in cui viviamo) avranno provato a sfruttare la situazione.

      p.s. a me piace vivere in questo eterno revival...

      Elimina
  15. bah. ma xke' dico io? xke'? sinceramente mi pare una mimmata bella e buona ne vendereanno se va bene 100 ed e' giusto cosi'. io nn lo prenderei nemmeno a 1USD. Non ho spazio ne' in tasca ne' in casa per queste cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ne venderanno se va bene 100". Moltiplicato per almeno mille, sì, credo... :)
      Che siano una mimmata inutile è pacifico. Ma non penso affatto che ne venderanno pochi. Sotto una certa soglia di prezzo, si compra tanta roba inutile per puro effetto nostalgia, nerdismo, whatev. Tutti si stanno buttando ora sulla nostalgia anni 90, e questa roba venderà come il pane.

      Con tutto, sì, che era una tecnologia già pezzente trent'anni fa.

      Elimina
    2. Le operazioni nostalgia, abbiamo visto in questi anni, hanno sempre pagato bene ma in questo specifico caso sarei curioso di vedere cosa riusciranno a guadagnare e come andrà l'operazione nel complesso.
      Ho una valanga di dubbi, soprattutto sui costi di produzione . Vorrei per esempio capire quanto sia oneroso produrre quel tipo di schermo visto che è un prodotto che non produrrà quasi più nessuno e che la tiratura sarà limitata. Sono ignorante in materia e forse i miei dubbi sono infondati. Sarebbe interessante capire anche la gestione delle licenze.
      In casa Hasbro avranno fatto i loro conti e indagini di marketing prima di buttarsi nel progetto quindi difficilmente l'operazione sarà un buco nell'acqua ma mi sembra veramente assurdo che riescano a venderne abbastanza da guadagnarci bene. Non mi sembra un'operazione paragonabile con le console mini.
      Vedremo.

      Elimina
    3. Doc vedremo io parlo per me, ho la casa piena di roba avessi tempo e voglia e voglia farei un bel repulisti. Per me non e' questione di prezzo che ok e' contenuto e' questione di ingobro. Un'altra cosa inutile per casa sinceramente anche no. Sarei custionso di sapere come sono andate le vendite del mini mega drive e di prodotti similari. Poi ovviamente avranno fatto un Business Case etc etc ma io rimango scettico su queste operazioni nostalgia, ad esempio i giochi super nintendo su Switch......ok ci sono ok figo Uao!!! ci gioco con mio figlio di 11 anni.......5 min dopo ok andiamo a fare un giro su zelda.

      Elimina
  16. Fanno (quasi) tenerezza, alle medie ce li avevamo un po' tutti... pure i tamarri ripetenti di 35 anni che li rubavano ai pischelli. Poi grazie a Gunpei arrivò il Game Boy.

    RispondiElimina
  17. i gig tiger erano una poveracciata già ai tempi, ovviamente io ci sono cascato con tutte le scarpe come i miei coetanei e sono riuscito a farmene comprare un paio (uno è ancora li sopravvissuto nel cassetto delle anticaglie) per quanto minchiata faceva il suo lavoro ti intrattenerti nelle lunghe tratte in pulman durante le gite, nell'intervallo a scuola o altri momenti dove non sapevi che fare....diciamo che era l'equivalente dei giochini stupidi per cellulare di oggi

    capisco l'effetto nostalgia, ma riproporli oggi identici all'originale, boh tecnologia troppo antiquata e e se proprio uno vuole salpare sulla nave dei ricordi può recuperarne uno originale per due spicci sull'internet o nei mercatini

    RispondiElimina
  18. Hanno trovato degli avanzi in magazzino e qualcuno ha detto "ma sì, dai, proviamo a venderli come oggetti vintage"

    RispondiElimina
  19. odio seriamente essere il target di questo trend post consumistico, dato che questa roba (come tutte le console "mini") non è fatta per essere consumata, ma per essere accumulata sugli scaffali. Se noi siamo il target di questa indecenza vuol dire che facciamo veramente schifo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto. come detto sopra per me anche no ho gia' la casa piena di roba e se devo esporre qualcosa preferisco un Gunpla.

      Elimina
  20. Allora ALL'EPOCA, quando quello ci stava a basso prezzo ed era affascinante essere intortati dalla pubblicità ok. Ma sta nostalgia per i game and watch tant da rifarli penso non pagherà troppo...anzi....vedremo.

    RispondiElimina
  21. Un gioco di specchi (per allodole). Comprare questa roba è come preferire TheC64 al Commodore 64: se volete the real thing, comprate the real thing; per tutto il resto, c'è l'emulazione. Zuppa o pan bagnato. No zuppa bagnata, o pan.. insomma, avete capito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di tutti gli esempi che potevi prendere secondo me hai preso proprio il più sbagliato perchè sinceramente io quei quindici/venti minuti di caricamento me li evito volentieri eccome, senza contare che le cassette sono il tipo di supporto qualitativamente più scadente che sia mai esistito su cui scrivere dati.
      Un discorso del genere lo farei anch'io ma non certo per il C64.
      Detto questo sì, i Tiger erano una amorevole stronzata su cui tutti abbiamo speso il nostro tempo da bambini con le mani pasticciate di nutella e.. in questo caso saranno probabilmente meglio la riedizioni perchè gli originali avevano degli schermi LCD di qualità indecente.

      Elimina
  22. Avevo after burner... quello grande col joystick.
    Usando tantissima fantasia sembrava quasi di giocare ad un gioco semi decente, però dopo pochi minuti diventava impossibile e mi distruggevano di brutto.
    Avevo un giochino simile della Casio in cui si comandava un cacciabombardiere visto i lato che doveva vedersela con sottomarini, navi e pure elicotteri. Aveva i livelli sempre più difficili, con la comparsa dei nemici diversi livello dopo livello, era più vecchio ed aveva una giocabilità decisamente migliore.
    15 euro si spendono meglio in altri modi, videoludicamente parlando.

    RispondiElimina
  23. Se tenessero le scocche senza mettere i giochini a cristalli liquidi forse da nostalgico collezionista quale sono li comprerei, anche solo per la beltade delle serigrafie, ma giocare a simili obbrobri, visto che ne possiedo ancora di originali e funzionanti, proprio non riuscirei. Tra l'altro proprio tempo fa ho fatto provare il trischermo Nintendo a Raoul, con il gioco dell'esploratore ed era molto meglio sebbene fosse di alcuni anni precedente. Piccolo off topic dal Toys Fair, visto il set lego con piccolo Yoda e astronave, figata galattica ma a 130€ anche no, grazie. Invece ho trovato bruttini i Minions Lego, poco ispirati i design dei set ispirati a Rise of Gru.

    RispondiElimina
  24. Mah, io da piccolo ci ho giocato parecchio, anche perchè il sega mega drive non te lo potevi mica portare dietro. Penso che nei viaggi in macchina abbiano fatto divertire tanti regazzini, quest'odio e questo disprezzo mi sembrano immotivati...

    RispondiElimina
  25. Mi ricordo che ce l'avevo nella versione orologio da polso, era una mimmata di lusso non da poco

    RispondiElimina
  26. come hanno già scritto più volte i miei colleghi antristi sicuramente avranno avuto magazzini pieni e non sapevano come smaltirli però ricordo con gioia le ore perse a giocare con Ritorno al Futuro e la fatica e determinazione nel finirlo. Certo graficamente erano orrendi, non ci piove, però la lacrimuccia scende lo stesso.

    RispondiElimina
  27. Erano obiettivamente delle schifezze, é vero, ma per chi, come me, non poteva permettersi un game boy ed é arrivato tardi per quegli aggeggi nintendo erano comunque qualcosa e li ricordo con piacere. Ma cavolo se erano brutti

    RispondiElimina
  28. Per i Game and Watch della Nintendo avrei quasi fatto un'eccezione... ma per quelli Gig Tiger proprio no. Anche se prezzati almeno in modo "onesto".

    Cheers

    RispondiElimina
  29. Che munnezz... poi la linea aveva un senso per gli orologi brutterrimi col giochino (ho ancora quello con Robocop), con cui in un'epoca senza telefonini potevi smanettare in mancanza d'altro, ma questi più grandi erano veramente la tristezza più poraccia commercializzata.

    RispondiElimina
  30. Io ho moddato il miniSNES, ho trovato la Rom per emulare i Game&Watch e la Rom per simulare i Tiger.
    Mi sono tolto lo sfizio e l'ho disinstallata dopo 15 minuti netti.
    Non mi avranno

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH