Gelati: biscotto, stecco o cornetto? (Saturday Night Fight - 20)


Benvenuti al primo Triple Threat della formula Saturday Night Fight dei sondaggismi dell'Antro. Oggi, visto che è estate, antòfacaldo e sono circa vent'anni che studioaperto ricorda di non uscire tipo alle due e di non mangiare gelati al cioccolato, parliamo proprio di gelati (anche al cioccolato). Un classico di questo covo di deboscia, ma stavolta l'oggetto sono le TIPOLOGIE di gelati confezionati. Ma prima, chi ha vinto la battaglia dei Joker tra Jack Nicholson e Heath Ledger? [...]



Ha vinto Ledger, con 13 voti di scarto. E tu, per chi avresti votato? Per Nicholson. Senza il minimo dubbio. Perché per te il Joker non è un tizio fascinoso che si mette a spiegare la rava e la fava, il cane che insegue l'auto e tutto il resto.

Il Joker, per te, è sempre stato il clown del crimine, con la risata da pazzo inquietante, gli abiti sgargianti e la follia omicida. Si può stare a discutere per giorni e giorni su come e quanto il primo Batman di Burton sia invecchiato, su come fosso troppo favola noir di Burton, troppo fumettoso (come se ci fosse qualcosa di male nella trasposizione fumettosa, nell'89 poi, di un eroe a fumetti che tutto il pianeta prendeva ancora per il culo), ma ci sono diverse cose che in quel Batman restano perfette, trent'anni dopo. Lo sguardo di Keaton, la Batmobile e il Joker su tutte.

La tua sui Batman di Nolan l'hai detta già più e più volte, perciò stavolta salti.

L'esito della sfida potete commentarlo, se vi va, in risposta al primo commento qui sotto. Lì potete anche dire la vostra se non avete fatto a tempo a partecipare.

Suc... sorry, amanti dei ghiaccioli e delle coppette. C'era posto solo per tre.

Passando alla sfida di oggi.
Quale TIPOLOGIA di gelati confezionati preferite? Biscotto, stecco o cornetto? Potete salvarne solo una, le altre due non saranno mai esistite (e i vostri ricordi estivi connessi nemmeno). Quale scegliete? E perché?
LE REGOLE (LA SCADENZA È SCRITTA IN ROSSO E IN BOLD, oh, eghe)

1) Bisogna scegliere, perché il gioco è questo. Niente "ex aequo, non me la sento, è come scegliere tra mamma e papà". Se si vuole giocare, si deve giocare. E basta co' 'sto cacchio di "è come mamma e papà", ogni risposta simile sui social verrà automaticamente brasata dal sistema automatico Celihaisfrangiatitron. 

Ah, niente "sosteniamo il gelato artigianale, no alle corporation del gelo", questo è quello. È un cacchio di gioco.

2) Occorre una motivazione per la propria scelta. Basta un rigo, ma ci deve essere. Tutti i commenti senza motivazione non contano.

3) Si vota per dire la propria sull'argomento. Anche se quello per cui vorreste votare è in netto svantaggio o, al contrario, sta vincendo a mani basse, nessun commento è inutile: l'idea è discutere sul tema, non semplicemente vedere chi vince.

Dire la propria non vuol dire però, tipo MAI, rompere i maroni agli altri per le loro scelte, metterle in discussione, fare le pulci alle opinioni altrui. In qualunque modo gli altri la pensino. Allo stesso modo, niente lamentele sui soggetti del confronto, niente sarebbe stato meglio questo o quest'altro. 


4) Il termine delle votazioni è martedì 16 luglio alle 20. "Eh, ma ho letto tardi, non vengo sul blog tutti i giorni e...". No, ma perdiamo tempo a leggere minchiate in giro invece di far parte delle forze del bene, bravo/a.

5) I commenti anonimi finiscono direttamente nel secchio. Se siete loggati ma il sistema scazza e posta il vostro commento come "Unknown", indicate sotto in un altro commento, usando il tastino Rispondi, il vostro nick. Alla peggio, se proprio non va, usate l'opzione Rispondi come Nome/URL.

6) Qualora si dovessero superare i 200 commenti, per visualizzare quelli oltre il 200° sarà necessario cliccare sul tastino CARICA ALTRO, che apparirà sotto Inserisci il tuo commento.

Dateci dentro!


122 

Commenti

  1. Biscotto. Perché mi saziava, mentre col cornetto (a meno di size extra-large), restavo insoddisfatto e lo stecco mi si incasinava puntualmente agli ultimi morsi e qualche pezzo immancabilmente cadeva a terra, sulla sabbia, in spiaggia. Ah, e come dimenticare il biscotto col volto di Mazinga Z stampigliato sopra? Non ricordo più chi lo producesse, forse la GIS gelati...

    RispondiElimina
  2. Cornetto o più in astratto cono. Perché dopo il gelato comincia il secondo tempo della cialda e sul finale ti becchi pure un cioccolatino. Primo secondo e dolce, la perfezione ☺️

    RispondiElimina
  3. Scelgo il gelato sullo stecco, perché più degli altri mi sembra legato agli anni della mia infanzia e poi quando l avevo divorato continuavo a tenere in bocca il pezzo di legno per ore atteggiandomi a Padrino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ciucciata finale che ti lasciava in bocca quel gusto di segheria. Avevano inventato il gelato barricato e non lo sapevano.

      Elimina
  4. Coppetta! Scherzo :)
    Allora, se proprio sono costretto a scegliere (ed è ardua impresa) dico biscotto.
    Perché è una sensazione completa, ti restano residui di malto sulle dita, e solitamente si tratta di articoli belli corposi :)

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Biscotto. Massimizza la quantità di gelato sul totale.

    RispondiElimina
  6. Cornetto, lo stecco mi ha sempre infastidito e il biscotto è sempre floscio...

    RispondiElimina
  7. E allora voglio anche la fight sui ghiaccioli, che ultimamente consumo solo quelli.
    Il gelato mi mette ancora piu' sete, da qualche anno a questa parte.
    Qui scelgo...BISCOTTO.
    Maxibon e Cucciolone su tutti. Con la parte cioccolatosa da mangiare per ultima, rigorosamente.

    RispondiElimina
  8. L'esito della sfida Nicholson / Ledger potete commentarlo, se vi va, QUI SOTTO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'esito mi sembrava più scontato a favore di Ledger, onestamente. Pensavo dall'andazzo che avrebbe stravinto. Nulla da aggiungere alle tue considerazioni: Nicholson, a mio avviso, ha dato corpo e anima al Joker dei fumetti, influenzando poi le rappresentazioni successive. Un pò per la pazzia che lo circonda, un pò perché è molto ironico senza risultare ridicolo, anzi aleggia costantemente il senso della minaccia quando è sulla scena, non sai letteralmente mai cosa aspettarti. Ledger ha fatto un ottimo lavoro ma è come se avesse scelto proprio una rappresentazione antitetica a quella di Nicholson, condita di maggiore verbosità ma soffrendo proprio sul versante della pericolosità incarnata. Poi, come ha scritto qualche altro antrista, la morte ha comunque sublimato la sua performance e l'ha resa più grande di quanto fosse in realtà, per quanto di altissimo livello.

      Elimina
    2. Ehilà Amici dell'Antro, commento il risultato perché non sono riuscito a votare, e non sono riuscito a votare perché entrambi gli attori mi sono piaciuti nella loro interpretazione di Joker, diciamo due facce (hahahaha) della stessa medaglia: Nicholson il lato imprevedibile, irriverente; Ledger il lato dirompente, esplosivo.
      Secondo me Joker è l'incarnazione del Caos e del disordine che inevitabilmente si scontra con l'Ordine (rappresentato da un qualunque Batcoso) per sua natura.
      Concludendo bravi entrambi, ergo non ho scelto.

      Elimina
    3. Beh secondo me pesa pesantemente fra le due rese dei personaggi il divario temporale fra i due film. Nel mondo reale è passato tanto tanto tempo e il mondo e la sua percezione sono talmente cambiati, sono successe cose ed è arrivato un media dirompente come internet e le sue derive, e quindi secondo me è un confronto impossibile. Ma siccome devo dare una risposta dico Ledger. Anche per un motivo : Nicholson è Nicholson e quando sei Nicholson i personaggi in un certo qual modo si piegano a te. Ledger prima del Cavaliere Oscuro non era un cazzo. Quindi a maggior ragione la tua resa del personaggio è ancora più potente.

      Elimina
    4. Non sono arrivata in tempo, non vengo sul sito tutti i giorni... sì lo so: faccio male, perdo tempo a leggere minchiate in giro invece di stare dalla forze del bene, ecc... purtroppo la Real life è piuttosto dura ultimamente... comunque, senza nulla togliere al compianto Ledger, che era bravissimo e pure figaccione, io avrei votato Nicholson, pur non amando sempre alla follia Burton, (e quasi per niente Batman) proprio perché lo trovavo dannatamente fumettoso! E perché l'epoca era quella della mia giovinezza... vidi il film al cinema in un bel periodo della mia vita!

      Elimina
    5. Credo che questi due siano destinati a scontrarsi per sempre...

      Elimina
    6. Avevo votato Nicholson e rimango della mia opinione ma non c'è problema, si vince e si perde :)

      Elimina
    7. Come detto qualche commento piu' sopra...e' passato un sacco di tempo, tra i due Joker.
      Quello di Nicholson, cosi' come molte cose di quel film, e' purtroppo invecchiato malissimo.
      Complice il passaggio a nastro sulle televisioni, specie nel pomeriggio.
      Ha finito per diventare una roba camp, quasi da ragazzini.
      Ma al cinema, ai tempi, l'impatto fu ENORME. Specie per chi era abituato alle scazzottate del telefilm e alle esclamazioni di De Sim...Robin.
      Il Joker di Nicholson voleva essere comico, anche se faceva tutt'altro che ridere. Ma era anche tragico, sia nella sua genesi che al momento della sua morte. Ed e' proprio questa tragicita' dei cattivi l'elemento cardine dei primi due Batman. Cosa che verra' accentuata ancora di piu' nel secondo con una Catwoman bellissima quanto disperata, e con il Pinguino e la sua corte di freaks. Quelle scene le trovo memorabili ancora adesso.
      Il Joker di Ledger...non si sa nulla, di lui. Non si sa da dove arrivi ne' cosa lo abbia spinto a conciarsi cosi'. Ad un certo punto decide di alzare l'asticella lo scontro e di pigliarsela direttamente con Batman, a differenza degli altri criminali che fanno di tutto per dimenticarsi che esista.
      Ma quando affronti uno come Batman, devi essere pronto a tutto. Ed il Joker lo e'. Il guaio e' che l'uomo pipistrello lo segue a ruota , e i due arrivano a distruggere tutto e tutti, pur di vincere.
      Rimango col buon vecchio Jack, comunque. Credo anch'io che molto sia stato dovuto alla morte di Ledger. Forse non sarebbe stato cosi' memorabile, altrimenti.

      Elimina
    8. Io ero @TeamLedger ma, come detto, oltre che per l'interpretazione fenomenale, per il fatto che il suo Joker avesse anche la dignità di PERSONAGGIO del film (se non, diciamocelo, di PROTAGONISTA). Purtroppo, per quanto lo apprezzi, la visione "autoriale" di Burton riduce praticamente sempre i personaggi a "scenografia", non raccontano una storia, sono raccontati dalla storia... ma se hai Jack NICHOLSON che ti fa Joker, ma porca miseria... lasciagli spazio!! Dai, chi potendo avere una DeLorean con Flusso Canalizzatore non tornerebbe a quegli anni, sbancherebbe le scommesse sportive e non farebbe un film in cui Jack Nicholson finalmente può dare tutto.

      Elimina
    9. Nonostante l'esito scontato felice di vedere che lo scarto è stato ridotto. E sinceramente a me i film fumettosi anni 80-90 piacciono ancora come stile, mi piace che creino un mondo "altro", anche se ormai siamo agli antipodi di questa visione.

      Elimina
    10. Pesa tantissimo il tempo passato e l'essere, per Burton, un film invecchiato male.
      E pesa tantissimo il suicidio senza il quale, diciamocelo, sarebbe stato molto meno sopravvalutato Ledger. c'est la vie.

      Elimina
  9. Stecco. Sullo stecco ci può stare la qualunque, dal croccante all'amarena alle n incarnazioni del Magnum.
    Senza dimenticare poi i grandi classici dello stecco: Piedone, Pantera Rosa, Strabik ed il Gum.

    Il biscotto sazia ma allappa, più pasto che rinfresco. Il cornetto quasi pure (anche se, pensando alla varietà del generico cono gelato artigianale era in lizza per la prima posizione).

    RispondiElimina
  10. Dico cornetto, e vado a specificare.
    In realtà di tutti i cornetti confezionati del mondo io mangio solo il Cornetto Algida classico, gli altri - tutti gli altri - mi fanno cacare, mentre di biscotti e stecchi ci sono molte versioni gradevoli, dal croccante al Fior di Fragola (di cui solitamente sono decenti anche le varie imitazioni) passando per il Cucciolone e per l'amatissimo Rolling Bon Sammontana.
    Nulla però eguaglia il Cornetto Algida classico, con la sua pannina dolcina, i pezzettini di fondente sulla corona, le palline meringhine che si sciolgono in bocca e soprattutto la punta di cioccolato, che è sempre un terno al lotto perché una volta su due si è già sciolta e ti ritrovi a leccarla via dalla carta, insieme alla tua dignità. Adoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spesso la punta è rotta e da bambino, tolta la punta, aspiravo dal fondo il gelato come fosse una cannuccia.

      Elimina
    2. Beato te che lo facevi da bambino ,io lo faccio ancora. 41 anni,Natural Born deboscia.

      Elimina
  11. Dopo aver provato il Magnum custom che facevano (forse fanno ancora ma da un'altra parte) nel negozio dell'Aigida (str..., scusate quella è un'altra) non puoi che votate lo stecco. Un gelato avvolto e sovrastato da un tripudio di cioccolato con caramello con sopra cioccolato caramellato con scaglie di cioccolato. Forse c'era altro cioccolato, non ricordo.


    PS: Joker è lucido nel suo operato e non darebbe mai fuoco ad una montagna di soldi ma li spenderebbe per creare altro caos e altro terrore o per mettere in difficoltà Batman, giusto per il gusto di farlo.

    RispondiElimina
  12. Stecco, ma per me anche solo magnum e i suoi vari fratocuggini di altre marche: il guscio di cioccolato in varie declinazioni è forse l'unica cosa che rende il gelato industriale ancora competitivo rispetto a quello artigianale.

    Non mi è chiaro se col cornetto scompare anche l'omonima trilogia di Wright, ma è un sacrificio che sono disposto a compiere sull'altare della granella di mandorle

    RispondiElimina
  13. Cornetto. Le altre tipologie ti costringono ad addentare il gelato, che è una cosa sgradevolissima. I o gelato si lappa. E poi con biscotto e stecco finisce sempre che ti sporchi le mani, ma che schifo è, col cono al massimo resti con il baffo di panna che può essere pure un valore aggiunto. E infine, il cornetto ti dà un'esperienza gustativa superarticolata: prima si mangia la granella, poi si lappa, poi si passa alla cialda, e alla fine c'è la punta al cioccolato. Perfezione progettuale.

    RispondiElimina
  14. Addirittura 3 opzioni stavolta... dico cornetto, che è quello che preferivo da bambino, si magnava tutto, e come detto da Drakkan anch'io mozzicavo la punta e poi aspiravo (e quando uscì il primo cono al whisky? anch'io potevo provare l'ebbrezza dell'alcol come i grandi!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, appena ho potuto anch'io me lo sono comprato, che delusione alla fine non riuscire ad ubriacarsi ...😔
      Hahahaha

      Elimina
  15. Biscotto perché con gli altri due il rischio di sbrodolamento era sempre dietro l'angolo (il peggiore del lotto era il mattarello!).

    RispondiElimina
  16. Cornetto. Perché non si spreca nulla e non mi devo rialzare dal divano per andare a buttare lo stecco.
    Ah, dite che pure il biscotto ha le stesse caratteristiche? Si però sul cornetto non ci sono le minchiate scritte sopra... :-D

    RispondiElimina
  17. Biscotto, anzi, Cucciolone con le barzellette tristi, possibilmente disegnate da Cavazzano. Anche se il pezzo con il cioccolato non mi è mai piacuto, però dovendo scegliere tra i tre quello a cui sono più legato dico quello, anche se ora come ora il cornetto mi dà più soddisfazioni.

    RispondiElimina
  18. Direi che bisogna indire un mini-torneo per poter decretare il vincitore:

    Biscotto vs Stecco: lo stecco prima di aprirlo devi capire da che cacchio di parte è lo stecchino, il biscotto puoi impugnarlo come vuoi, il che ti fa risparmiare quei due/tre secondi che non sono nulla sul singolo ma su tutti i gelati mangiati in tutte le estati diventano un bel guadagno di tempo. Passa il turno il biscotto.
    Biscotto vs Cornetto
    La differenza principale tra il cornetto e il cono di gelateria è che il primo resiste di più al caldo e quindi non ti impiastra le mani, ma se devo prendere un cono tanto vale che me lo prendo in gelateria che in proporzione costa meno e mi scelgo pure i gusti. Il biscotto si trova solo in determinate gelaterie fighette e generalmente si squarasa fuori tutto al primo ed uno costa quanto una confezione da sei di quello confezionato.
    Passa il turno e vince il torneo il biscotto.

    Ma poi, vuoi mettere la libidine di fartelo in casa con gli Oro Saiwa?

    RispondiElimina
  19. Cornetto perché c'è una grande alternativa di sapori e consistenze, per dire partendo da sopra hai granelle varie, la crema in vari gusti e magari variegate, poi c'è il cuore che a volte nasconde cioccolato, amarena, whiskey ,ecc Andando avanti c'è la cialda, anche questa in vari gusti e croccante... perché per quanto di vuole il biscotto non ha la stessa croccantezza, anzi. In fondo trovi il cioccolato, che volete di più!
    Non che schifo gli altri formati però alla fine il cono è la forma gelato per antonomasia. Poi va be'c'è il cucciolone che è una sorta di rito religioso (si inizia dal lato panna e si termina allo zabaione) e fa un campionato suo.

    RispondiElimina
  20. Cono/Cornetto, perché è comodo da tenere in mano e non ti si scioglie sulle dita, inoltre ci sono diverse consistenze, cioccolato e granella, gelato e cono. Per finire esiste in molti gusti e in diverse misure!

    RispondiElimina
  21. Salvo lo stecco, che la Sig.ra Iole (che si chiama come una barca del canottaggio) di Chambons chiamava familiarmente "rrricoperto" con triplice erre moscia. Il motivo è semplice: il piacere quasi erotico sul palato che dà la sensazione di quando si spacca il guscio esterno amalgamandosi nel contempo con il gelato presente sotto. Il biscotto lo richiama ma poi è proprio la parte biscottata che mi rovina l'ample... Ehm volevo dire il soddisfacimento del palato. Comunque Studio Aperto dice sempre le stesse cose perché ripropone da quasi vent'anni lo stesso servizio, si possono ancora vedere le Punto I serie e le Panda dell'anteguerra tra i veicoli...

    RispondiElimina
  22. Biscotto... Anzi faccio nome e cognome.. Maxibon. La motivazione è semplice: two is megli che one!!! (anche se ormai li fanno più piccoli rispetto al passato così come pure con i cornetti... Vabbè ormai neanche i gelati non sono più come quelli di una volta signora mia)

    RispondiElimina
  23. Doc, non per fare l'Umarell della situazione ma per noi nati negli Anni '70/'80 il gelato può essere uno solo: il "cornetto della Stronza" :D. È una questione sentimentale e niente più: il "Cuore di panna", il "sapore d' estate", il poterlo offrire ad una ragazza era quasi una sorta di dichiarazione di amore, il "fammi assaggiare il tuo" anche se era lo stesso era la constatazione di "stiamo insieme"... Ahhhhh, maledetto marketing efficace! Scusate, ma mi dev'essere entrata un po' di granella di nocciole nell'occhio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel mio caso il problema è che la ragazza lo rifiutava sempre e la glicemia si alzava!!

      Elimina
  24. Cono. Gli stecchi,tranne i granellati all'amarena,non mi hanno mai detto un gran che (continuo a definire "ascaretti" anche cose di dimensioni ragguardevoli). Voto cono soprattutto in onore di due grandi godurie passate. Il cono palla( o zaccaria,che le copie moderne si porta via) e soprattutto il definitivo maxicono2. Re dei gelati e dei missili intercontinentali ,visto le dimensioni . Il rocco dei gelati.

    RispondiElimina
  25. Sfida potente in stile Triple H vs Randy Orton vs Ric Flair...io dico biscotto perché anche quelli di marche sconosciute si facevano mangiare senza lasciarti il disagio totale sulla lingua e quelli più 'in' praticamente erano un pranzo.

    RispondiElimina
  26. Avrei votato biscotto ma quella subdola frase tra parentesi, messa lì a tradimento.....
    Voto cornetto, perché dall'ultimo baby (Sammontana) rimasto nasce l'incontro con la mia prima cottarella estiva.

    RispondiElimina
  27. Biscotto, così scelgo i gusti da mangiare prima e mi lascio il meglio per il gran finale

    RispondiElimina
  28. Lo stecco ha più varietà di gusti, se lo prendo cambio sempre, il problema è che, come diceva qualcuno sopra, io me lo voglio gustare con calma, anche succhiandolo un po', ciò in estate rende impossibile non sporcarsi.
    Alla fine è una semplice rottura di coglioni in più, ma non vale il biscotto e il cornetto.
    Fra questi due però la sfida è più complicata, dico cornetto perché me lo posso gustare anche vari minuti leccando e succhiando la parte superiore.
    Voto cornetto quindi.

    RispondiElimina
  29. Cornetto per distacco, divorato con avidità solo per arrivare al pezzo di cioccolato finale

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il fior di fragole va considerato ghiacciolo? Giusto per capire.

      Elimina
    2. Per me rientra nella categoria Stecco!

      Elimina
  31. Lorenz =^. .^=13 luglio 2019 15:29

    Stecco.
    Mi piaceva proprio quello che si vede in foto, con la granella fuori e l'amarena dentro: ai tempi credo si chiamasse Concertino (o altro nome assurdo).
    Il biscotto non mi piace perché lo trovo molliccio, il cono idem perché mi sembra la copia triste di quello buono della gelateria.
    Lo stecco è la cosa più simile a un ghiacciolo, è comodo e ha il cioccolato esterno da mordere. Tanto cioccolato, mi associo ai commenti precedenti che celebrano il cioccolato

    RispondiElimina
  32. Biscotto! Quante grasse risate con le barzellette del cucciolone....

    RispondiElimina
  33. Scelgo il biscotto.
    Prima il Cucciolone e successivamente negli anni il Cookie con i rimasugli spicci che mi restavano dopo aver giocato per una, due ore ai coin-op ed ai flipper in sala o al bar.

    RispondiElimina
  34. Escludo a priori lo stecco perché mai amati più di tanto e in genere lo associo ai ghiaccioli che arrivati in fondo si staccavano dallo stecco e cascavano in terra ma porc. Resta la sfida fra biscotto e cono, che è ardua... sempre amato il maxibon, ma i coni sono la costante gelatosa per quel che mi riguarda, anche in gelateria, mai coppetta.
    Quindi Cono, perché mi piace molto la cialda e scomunico a vista chi mangia il gelato e butta incomprensibilmente il cono come fosse un pezzo di plastica nel cestino.

    RispondiElimina
  35. Voto Cono, e voto il mio cono preferito: Royal all'Amarena!
    Slurp che goduria....
    Inoltre mi ricordo che quando lavoravo in spiaggia pranzavo con 1 Magnifico e mi bastava, fino a merenda, eghe!

    RispondiElimina
  36. Tra questi tre scelgo lo stecco. Da piccolo ero schizzinoso riguardo ai dolci, li volevo molto semplici. Il binomio gelato biscotto non mi piaceva, odiavo il biscotto bagnato e molle e anche il cornetto a volte era troppo elaborato. La tipologia a stecco,, con esclusione dei pralinati, mi dava molte opportunita' di scelta.

    RispondiElimina
  37. Cornetto cornetto cornetto... per tutte le soquantamila ragioni già dette da altri: la cialda "che tu venga fulminato se la butti via", il cioccolato nella punta in fondo, il succhiarlo dal fondo come con la cannuccia, perché è l'imitazione di quello artigianale (anche lì al diavolo la coppetta, cono anche a novant'anni quando sbrodolerò indecentemente) e in più perché... "...un cuore di panna per noi..." è stata la colonna sonora delle estati della mia giovinezza!

    RispondiElimina
  38. Denis StayRock13 luglio 2019 16:32

    Premettendo che mangerei volentieri tutti e 3, anche uno di seguito all'altro (col rischio di divorzio, perché la signora Stayrock adora quello che Ciù gust is megl che one), voto per quelli che ho mangiato di più durante tutta la mia infanzia-adolescenza-vita.
    Per il potere dello Stecco Ricoperto all'amarena!!
    Non poteva mancare, e non mancava praticamente mai, nei frigoriferi dei nonni (Marche o Sardegna che fossero), e quindi ne ho ingurgitati a quintalate.
    Fighissimo il triple threat (a sto punto mi aspetto anche un Royal Rumble), ma sto giro voto facile :D

    RispondiElimina
  39. allora, premesso che per me il gelato confezionato ha una sua nobiltà, escludo subito il cornetto in quanto brutta copia di quello da gelateria. Tra i restanti due voto per il biscotto perché non sono mai stato capace di non giocare con il bastoncino dello stecco e alla fine mi rovino sempre la bocca con un retrogusto ligneo.

    RispondiElimina
  40. Dunque... il biscotto ha il difetto che impiastriccia le mani, e il cornetto tanto vale prendere il gelato sciolto. Voto stecco anche se la categoria è sollevata di un buon 70% da Magnum e Togo soli.

    RispondiElimina
  41. Visto che si parla di gelati confezionati voto Stecco.
    Più rinfrescante, senza parti masticabili (non a caso un gelato di adesso si chiama "non mordere"), solo fresco gelato ed un sottile strato di cioccolato sopra.
    Lo stecco ducale poi era tipo il mio preferito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, fosse stato per gelati da passeggio avrei votato cono. La coppetta per me non è un opzione.

      Elimina
  42. Questa scelta è molto complicata.
    Io avrei scelto la coppetta con gelato artigianale.
    Limitiamoci ai tre sfidanti, ovviamente queste sono le mie opinioni:
    Il BISCOTTO è sbagliato, l'idea di giocare sul contrasto freddo-morbido-umido vs tiepido-croccante-secco è valido ma è già presente nel Cono (vedi poi) e nel gelato-biscotto non funziona mai del tutto, fitte ai denti per addentare biscotto e gelato assieme, col tempo il gelato cola e non c'è modo di fermarlo. Giudizio: Male, molto male.
    STECCO (escludendo i ghiaccioli che sono parenti), il problema gocciolamento è risolto spesso da un rivestimento in cioccolata o altro che di solito funge ed è comodo. Lo stecco poi è utilizzabile per lanciarlo verso la nuca di amici e conoscenti senza fare male, con la colla e molta fame si possono costruire ponti, edifici, veicoli eventualmente da dare alle fiamme per un doppio divertimento.
    Giudizio: Buono
    CONO: c'è il contrasto gelato-biscotto senza rischi (almeno nel caso di quelli industriali, quelli da un' idea di Accorsi), sono maneggevoli, un po' monotoni nei gusti ma con la libidine finale della punta del cono piena di cioccolato fondente è estrema.
    Giudizio: Buono
    Quindi, the winner is......
    Voto: Stecco
    Motivazione: dovendo per forza scegliere tra queste tre tipologie il Cono è più pratico ma un po' schiacciato dall'ingombrante presenza del buonissimo Cuore di Anna, la varietà di gusti dello Stecco me lo fa preferire, c'è la cioccolata ma ci sono anche i sorbetti alla frutta, i granulati con ripieni vari, insomma l'estate non può essere monotona.
    Adesso mi leggo quello che hanno scritto gli altri deboscia :)

    RispondiElimina
  43. Classico cornetto, perchè nulla va sprecato, mangi tutto e non ti sbrodoli, nè ti restano le dita appiccicose, che è un valore aggiunto.

    RispondiElimina
  44. Se fosse stata una sfida tra gelati in cenere avrei detto cono, ma qui si precisa gelati confezionati.

    Indi per cui dico stecco... ricordi delle estati passate in un paesino di montagna, sottraendosi a calura e zanzare (ed io abito nella capitale italiana delle zanzare, veri e propri stormi di F104 miniaturizzati).

    RispondiElimina
  45. Hmm... ardua scelta, più che altro tra il biscotto e lo stecco (come cono adoro soltanto il 5 Stelle Sammontana, il mio preferito). Nonostante il biscotto sia sempre più che gradito (il biscotto al malto è davvero super delizioso), alla fine opterei per lo stecco, visto che in effetti la maggior parte dei miei gelati preferiti sta sullo stecco. A proposito... mi manca il Twister!! :(

    RispondiElimina
  46. biscotto
    cucciolone, cookies o sanciok
    ungelato rigorosamente da leccarsi le dita le dita dopo, che altrimenti come nei fonzies... godi solo a metà

    RispondiElimina
  47. Il cornetto perché è morbido e croccante, è comodo da mangiare, e ci sono i miei gusti preferiti

    RispondiElimina
  48. Scelgo biscotto, perché non butti via niente e non sbrodola sfidando la forza di gravità come gli altri.
    E poi secondo me sono quelli che vendono di più, tra le barze deprimenti del cucciolone, il maxibon, il cooky, il taco, l'oreo e le varianti più improbabili e pezzenti da filiera di supermercati tedesca.
    Per le altre categorie, fatta eccezione per il cornetto e il magnum, gli altri non mi hanno lasciato grossi ricordi.

    RispondiElimina
  49. Biscotto!! Perchè il Coockie Snack regnava e regnerà sovrano per sempre!!

    Aveva tutto, gelato neutro (quelli alla frutta erano troppo chimici per me), scaglie di cioccolato e biscottone... trittico perfetto.

    Cheers

    RispondiElimina
  50. il mio gelato preferito in assoluto è il Maxibon ma è un po' barare visto che è solo per metà biscotto e l'altra metà è ricoperto.. però in generale mi piacciono i biscotti gelato quindi la mia preferenza va comunque a questi ultimi, visto che mi piace proprio tanto la combinazione di biscotto/pan di spagna e e geltao. L'avete provato quello Pan Di Stelle? Cavolo, è buonissimo.
    Nota al merito per il Magnum, però, è una delle mie scelte principali al di fuori dei biscotti.
    Cioè, sempre quando si parla di gelati confezionati, perchè poi quando si va in gelateria ci si fa le mega-coppa formato bomba calorica ma quella è un'altra storia.

    RispondiElimina
  51. Biscotto, ha il miglior rapporto quantità/prezzo. Trattandosi tutti di gelati confezionati non faccio conto della qualità e del sapore.

    RispondiElimina
  52. Biscotto, mi ha sempre lasciato una sensazione di sazietà che gli altri gelati confezionati non mi hanno mai dato, simile all' addentare un panino

    RispondiElimina
  53. Biscotto, mi ha sempre lasciato un sensazione di sazietà che gli altri gelati confezionati non mi hanno mai lasciato, simile alla soddisfazione di addentare un panino

    RispondiElimina
  54. Singolarmente voterei per il Croccante su stecco ma dovendo votare la categoria, propendo per il biscotto. Perché per ogni stagione della mia vita c’ è stato un biscotto: da piccolo il cucciolone o quello rotondo di cui non ricordo il nome , da ragazzetto il maxibon per impressionare le ragazze (...) e adesso che sono più vecchietto e vittima della nostalgia ( che spesso mi porta anche in questo blog) sono tornato al cucciolone.

    RispondiElimina
  55. Ho sempre pensato che il il biscotto umido e molliccio fosse disgustoso, quindi no grazie .
    Nella famiglia dei cornetti mi piace il classico algido, ma non regge il confronto con gli stecchi e soprattutto la varietà di gusti che ci puoi mettere sopra. Vince lo stecco.

    RispondiElimina
  56. Cornetto. Col biscotto mi sono riconciliato tardi, dopo che per tutta l'infanzia mia madre me lo imponeva perché, sulla base di chissà quale convinzione di quelle che solo le mamme riescono ad avere, "non faceva male", laddove prendere qualsiasi altro tipo di gelato mi avrebbe ridotto lo stomaco a un pezzo di iceberg (i ghiaccioli erano fuori discussione). Ma continuo a considerarlo un non-gelato. Lo stecco è sempre a rischio di perdere pezzi di rivestimento al cioccolato, per cui è uno stress. Alla fine rimane il cornetto, anzi, il leggendario cono palla con l'interno al caramello che, per non so quale ragione, da me (Vicenza e provincia) non si trovava dappertutto. Così, quando lo trovavo, avevo la sensazione di aver vinto al Lotto.

    RispondiElimina
  57. Sì! Questa la so!
    Allora, facendo riferimento alla foto: biscotto escluso subito perché mai piaciuto molto; quello stecco con granella e amarena è molto buono ed è stato il gelato della mia infanzia, da mia nonna lo mangiavo spesso, MA da molti anni a questa parte in casa mia prevalgono i coni classici, e devo dire che, sarà l'abitudine, ma li preferisco.
    Il mio voto va quindi al cornetto!

    RispondiElimina
  58. Cornetto! Nello specifico "IL MAGNIFICO" che senza giri di parole è stato, è e sarà il gelato più buono di sempre.
    E costava 1500 Lire, allora mi sembrava un'enormità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vado col cornetto fondamentalmente perché è quello che mi piace di più. Chiedo scusa per la banalità della motivazione. Il favorito è ovviamente il classico, però al Magnifico preferivo il suo sontuoso antesignano e cioè lo straordinario Zeus, con parti di gelato alla noce

      Elimina
    2. Cavolo, il Magnifico e lo Zeus erano veramente una botta di vita al fegato, una roba esagerata.

      Elimina
  59. Biscotto. Possibilmente da singolo boccone.
    ...
    ...
    il che, a ben pensarci, vale anche per il Cucciolone... basta un po' di impegno

    RispondiElimina
  60. Cornetto! Ci ha il croccante e il mobbido mobbido, ci puoi mettere di tutto e viene sempre buonissimo, dal classico al Cono Palla al figherribuoniFFimo Edizione Speciale Isabelle Poutin e non ce n'è per nessuno!

    RispondiElimina
  61. Cornetto perché è il grande classico a cui si torna sempre, gli altri sono l'infatuazione stagionale a seconda delle edizioni speciali ma il cornetto resterà in eterno. E poi una volta sono stata baciata dalla fortuna e ho fatto da tester: amarena col cioccolato bianco sopra, purtroppo gli altri non devono aver gradito come me perché non l'hanno lanciato sul mercato. Mai invece mi sarei aspettata di vedere in Italia la "crucca" versione al limone, che qui in Germania si chiama Lagnese. Menzione speciale ai coni Sanson con la cialda piccola e piatta 😁.

    RispondiElimina
  62. Voto cornetto, perché ha la cremosita' del gelato e la croccantezza della cialda. Insomma è onnicomprensivo. Invece come gelato artigianale prediligo senza dubbio la coppetta.

    RispondiElimina
  63. Voto cornetto, perché ha la cremosita' del gelato e la croccantezza della cialda. Insomma è onnicomprensivo. Invece come gelato artigianale prediligo senza dubbio la coppetta.

    RispondiElimina
  64. Cornetto. Per la semplice ragione che mi piace più degli altri: il biscotto ha troppo spazio per stamparci sopra barzellette sceme e sullo stecco preferisco il ghiacciolo.
    Mannaggia Doc, mi hai fatto venire voglia di gelato.

    RispondiElimina
  65. Commento poco... anzi mai.. ma ho scoperto i saturday night fight... e chissà, magari commenterò più spesso... o forse no.. mi sono già perso stallone, joker... comunque Biscotto! soprattutto il Cookie Snack, che quando uscivo dallo stabilimento al mare, me lo prendevo e univa il fresco del gelato al burro del biscotto che ti si squagliava in bocca che levati! La sintesi perfetta fra il refrigerio e la caloria! Il cornetto è simpatico ma il 90% delle volte ha la punta spaccata e quindi rosichi, e lo stecco mi si scioglieva sempre sulle dita!

    RispondiElimina
  66. Sarò borderline, ma io voto Stecco ed uno stecco particolare : il Liuk ( già Dinamite negli anni 70 ed 80 ) per la meravigliosa accoppiata gelato al limone e Stecco di Liquirizia

    RispondiElimina
  67. Le ragioni sono molteplici. Adoro tutte e tre le categorie, sia ben chiaro, ma analizzando pregi e difetti, faccio la mia scelta: il BISCOTTO.
    Il gelato sullo STECCO, specialmente il cremino o il pralinato all'amarena (buonissimo), aveva il difetto di una vita breve, del facile distacco e conseguente caduta di pezzi di copertura se non di tutto il gelato, per terra. Se consumato in ambienti freschi regge meglio, ma corre sempre il rischio di cadere.
    Il CONO, il mitico cornetto Algida, che è un classico, ma anche il cornetto al whisky che mi faceva sentire grande, hanno il difetto di finire subito. Quantità di gelato più scarsa, secondo me, delle controparti.
    Ma il BISCOTTO, signori, è spaziale. Buono sia il gelato che il biscotto. Te lo tieni saldamente in mano fino all'ultimo morso, è tanta roba, un tipo aveva anche le barzellette a fumetti sopra ed il mitico tre gusti con lo zabaione in mezzo era il deus-ex-machina che ti risolveva la merenda estiva!

    RispondiElimina
  68. Non potendo votare "Ghiacciolo" (ci vivrei, anzi, ci vivo di ghiaccioli) vado subito sul mio personalissimo secondo classificato e voto STECCO.
    Croccante, Mottarello, Liuk! Fra le tre cose più buone mai create, ne mangiavo a vagonate, nessuna cialda che a fine gelato ti sentivi costretto a mangiare perché -ehi che fai la butti?- per poi avere quel sapore pastoso in bocca che ti rovinava tutto, niente gusto nauseante che ti dovevi beccare per forza nel biscotto (Cucciolone) o "la parte sfigata" del Maxibon (quella non granellata), tassa da pagare compresa nel prezzo, no: era tutto lì, sapevi quello che volevi ed era tutto sullo stecco, pulito, semplice, lineare, appagante.
    STECCO a mani basse.

    RispondiElimina
  69. Allora, il biscotto, causa la mia avversione per i frollini mollicci, non l'ho mai sopportato, quindi non è mai esistito comunque.
    Tra cono e stecco è più dura, ma essendo il cono una cosa che lego al gelato artigianale più che all'industriale, voto deciso per lo stecco. E mi riferisco al cremino classico, con il cioccolato sottile, ottimo nella sua semplicità, non a quelli sotto steroidi che fanno adesso, e al croccante all'AMARENA, vera araba fenice per noi ex-ex-giovani degli anni '70 che per quanto ravanavi nel pozzetto, alla fine "no, mi spiace, solo al cioccolato", evabbè, me lo dia.

    RispondiElimina
  70. Qui entra in gioco il terribile conflitto di scelta dell'ingordigia suprema!!!
    Faccio uno sforzo maximo e sparo a raffica il CONO perchè Baby e Sansony Sammontana, Blob Eldorado, Cono Palla della Mario's, Maxicono Motta e Cuore di Panna Algida son senpre stati la mia prima scelta quando mi trovavo davanti al frigo dei baretti da spiaggia. Il connubio tra cioccolato a scaglie, gelato e cialda (mai croccante ahimé) è sempre stato irresistibile battendo qualsiasi alternativa. Peccato che ogni volta che chiedevo se c'era uno dei gelati sopra citati mi sentivo quasi sempre dire che erano finiti e mi toccava ripiegare su qualche altra scelta...una volta pur di non ripiegare su uno stecco, presi un Maxicono gussto Whisky...residuo di frigorifero a dir poco VOMITEVOLE per un bimbo di 8 anni!

    RispondiElimina
  71. Cornetto. Cornetto Algida per la precisione. Anche se in epoca recente spesso ho preso il Magnum, e qualche volta il biscotto è stato un buon diversivo, il Cornetto è IL gelato. E per me batte la maggior parte dei gelati artigianali.

    RispondiElimina
  72. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  73. Che sfida fantastica! A me se cornetti e stecchi scomparissero dalla faccia della terra non importerebbe un fico.
    Ma non toglietemi il biscotto, e mica quella roba per fighetti del maxibon (che è un ibrido, metà biscotto e metà pralinato da stecco), ma il Cooky Snack, o, meraviglia delle meraviglie, il Cucciolone e i suoi succedanei Coop o Esselunga!
    Che poi a me la parte al cioccolato faceva pure schifo, e me la mangiavo un pelo disgustato per poi arrivare alla gioia paradisiaca della vaniglia e dello zabaione!
    E che dire delle barzellette/vignette che non facevano ridere? E del fatto che eri l'unico a chiederlo mentre i tuoi amici fighi si scofanavano cornetti con le di loro amichette?
    Quindi, Biscotto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cioccolato, in quanto gusto meno buono dei tre, veniva consumato per primo. Mi lasciavo sempre lo zabaione per ultimo!

      Elimina
    2. Sempre rigorosamente per ultimo! Se iniziavi dallo zabaione eri squalificato!

      Elimina
    3. Grandi! Non ero solo dunque nella mia crociata anti cioccolatistica e pro zabaiona! Sono commosso...

      Elimina
    4. Ma che brava gente! Mi associo allo "zabaione per ultimo" !! 👍👏👏👏

      Elimina
  74. Cornetto, ma solo perché con gli altri mi insudiciavo come un porcello incorrendo nelle "carezze rigide" di mia madre. Infatti con i coni artigianali multipallina pur adorandoli finivo con la maglietta mimetica.

    RispondiElimina
  75. Ah, scusate, ma in questa occasione come non citare l'immortale poeta Roberto Freak Antoni? "I gelati sono buoni ma costano milioni"?

    RispondiElimina
  76. eh bella sfida
    vado per il classico
    cono

    RispondiElimina
  77. Voto il Biscotto. Da ragazzino era il mio preferio, del cono non mi piaceva... il cono e gli altri non mi saziavano. Oggi il cono è diventato il gelato che mi piace di più, pensa te la vecchiaia cosa non ti combina, ma il biscotto rimane uno dei simboli delle mie estate, quelle dove tutti i giorni c'era una partita di pallone con gli amici che al confronto la finale di Champion non è nulla, girate in bici e ... lasciamo perdere sto divagando.

    RispondiElimina
  78. non voglio perdere la votazione del gelato! sembra un scelta facil, ma non lo è: ciascuno dei tre formati risponde a certi stati d'animo, situazioni e golosità, che son ben specifiche e che gli altri due non hanno. Ci vorrebbe un super gelato che unisca tutti e tre!
    Deto ciò, scelgo il cono, che vale sia come gelato commerciale, sia come gelato artigianale - quello della gelateria, per dire - perché si mangia tutto e si deve anche mangiare con velocità!

    RispondiElimina
  79. Voto: cornetto!

    Motivazione: nonostante sia un grande fan del Concertino e del Cucciolone, il cornetto classico mi dà un senso di sicurezza, è sempre uguale a se stesso (e si trova uguale anche in angoli del mondo abbastanza improbabili) e sempre buonissimo. E poi.. quale gelato vanta una trilogia a lui dedicata? Parziale ot: tra i ricordi trash, non si può non evocare il mitico cornetto alwhiskey!

    RispondiElimina
  80. Coppetta!!,

    Come non c'è la coppetta? Sputi, Fischi e motorini in fiamme dagli spalti!!! Buuuuu


    Cmq sw devo scegliere cornetto, più che altro per esclusione... lo stecco lo associo a combinazioni di gusti orrendi, il biscotto è sempre stato piuttosto anonimo fino all'arrivo del cucciolone, ma i maledetti me lo hanno rovinato..... I coni non hanno molta varietà, giusto con più cioccolato o quello con amarene, ma almeno vai sul sicuro...... Cmq meglio le coppette


    Viva la coppetta SIEMPRE!!

    RispondiElimina
  81. Salverei il Magnifico (cono) per quanto era buono se non fosse costato mezza paghetta settimanale. Va da se che con gli stessi soldi mi prendevo due Twister e una brancata di Goleador. Se poi aggiungiamo il gelato alla banana che ti regalava la minuscola pistola d'acqua e il croccante, il triple threat se lo aggiudica lo STECCO.

    RispondiElimina
  82. Dopo anni ho fatto il salto della quaglia quindi dico le vaschette di gelato multigusto da 1 o più chili a prezzi stracciati!!!

    ...

    Come? Non posso?

    Vabbé, allora i cornetti.

    Mi spiace per il resto ma la cialda è sempre stata un valore aggiunto insostituibile per me, le vaschette le ho scelte solo per l'estrema comodità e i prezzi stracciati.

    RispondiElimina
  83. Il mio voto va al cono! Gradisco più quello artigianale che quello da congelatore del bar...

    Ma vorrei menzionare il gelato al biscotto (talvolta Coppa dei Campioni Motta) perché fornitomi di solito di sottobanco dal nonno che lo vinceva a briscola o tressette al bar dello sport....e quindi per me ricordo da lacrime napulitantissime!! P.S. Risottolineo il commento visto in precedenza dell'ordine di sgranocchio del gelato al biscotto: cioccolato, vaniglia e zabaione per ultimo!

    RispondiElimina
  84. Stecco. Perché non mi sporcava le dita. ( Non giudicate)

    RispondiElimina
  85. Biscotto! Sazia di più e mi ricorda di più l'infanzia (il biscotto tondo coi pezzi di cioccolato nell' impasto..il discolo!)! E da 2/3 anni ho una semidipendenza da minimaxibon, praticamente da giugno a settembre ogni sera davanti ad un film ne partono un paio. A volte alterno coi cuccioloni! Entrambi del discount che son buoni come gli originali e costano niente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni 3/4 biscotti però un cono al croccantino ci scappa!

      Elimina
  86. Cornetto, senza esitazione... tutti buoni e mangiati, ovviamente.... ma il cornetto è la versione industriale del cono... e perchè, in mancanza della siculissima brioche col gelato, meglio restare sul classico...
    P.s. ...ai mangiatori di Calippo, il suc...sorry, è un augurio perfetto...

    RispondiElimina
  87. Cono palla, Maxicono, Cornetto, Blob, che altro dire? Voto i gelati a cono seppur con qualche rimpianto per via di alcuni stecchi veramente speciali (Magic Cola,Moretto o Cremino su tutti).
    Il perchè è presto detto, abbinano il gusto pieno del gelato nella parte superiore al mix fenomenale con la cialda negli strati più bassi. il giusto connubio per le giornate d'estate dove la merenda andava mangiata esclusivamente fresca / fredda.

    RispondiElimina
  88. Cornetto tutta la vita! È un classico perfetto che ha in sé l'alfa e l'omega dei gelati ed è pure più grosso (quelli micro e mini sono eretici). La cialda irrinunciabile, la ciocco cassaforte in fondo, la varietà inarrivabile! I miei preferiti di sempre? I cinquestelle di un tempo lunghi trenta cm e a gusti tipo whisky che oggi non credo esista più! W i gelati alcolici e i produttori impavidi e generosi di un tempo!

    RispondiElimina
  89. Voto il biscotto.
    Chiariamo subito che il gelato, artigianale o industriale, va sempre alla grande, chiariamo che ogni categoria ha i suoi fuoriclasse, ma se devo sceglierne uno che mi soddisfa in ogni occasione non c'è niente di meglio di un biscotto, in particolare il classico Cucciolone con le tristissime barzellette, ma anche un Maxibon, oppure un Ringo gelato o anche un Pan di Stelle gelato...
    Morbido ma non troppo fuori, morbido dentro, gustoso e saziante come nessun altro.

    RispondiElimina
  90. Io voto per lo stecco senza ombra di dubbio...non che gli altri non siano buoni intendiamoci, ma aveva e ha tutt'ora molte qualità che gli altri secondo me non hanno:
    1) lo stecco appunto...sopratutto al mare con la sabbia e quant'altro io avevo sempre le mani sporche da bambino e avere quella zona franca per tenere saldamente il gelato in mano era il massimo...osservavo i miei amici alle prese con il biscotto che dopo qualche secondo fuori dal freezer iniziava a scorrere su e giu manco avesse le rotelle e i malcapitati con il cono ai quali immancabilmente si staccava e cadeva in terra la punta alla prima leccata o si sbriciolava la cialda dopo averlo scartato...

    2) lo strato esterno dello stecco è pura libidine...ma iniziare poi ad assaporare il cuore è qualcosa di spaziale...e per quanto il cono o il biscotto siano buoni non ce niente che può reggere il confronto, almeno dal mio punto di vista.

    3)divorarlo è ed era estremamente veloce come faccenda, il che è sempre stata una qualità eccelsa per me...potevo mangiarne uno in pochissimo tempo e tornare subito a giocare...inoltre non tradiva mai...potevi chiederlo a ferragosto o a giugno o a settembre era sempre li nel frigo che mi aspettava...è sempre stato un po' snobbato come gelato ma al contrario degli altri che molte volte ti deludevano perché arrivavi tardi e li avevano già divorati lui c'era sempre!.

    RispondiElimina
  91. ok tardi...
    ...avrei votato biscotto ma solo quello algida con le battute maffe e il maxibon prima versione (quello gigante...oppure ero io che avevo le manine piccole? mah...)

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH