Captain Marvel: personaggi, costumi, gatti e situazioni. Le citazioni e gli easter egg dai fumetti

Captain Marvel citazioni fumetti easter egg

Visto che te l'hanno chiesto in tanti, e che hai trovato il tempo per scriverlo, eccolo qui: il post companion alla recensione di Captain Marvel. Lì, senza spoiler, quello che pensi del film. Qui un bel po' di citazioni, riferimenti ed easter egg, ai fumetti ma non solo (chi ha detto Pulp Fiction? Due volte?), che hai pescato durante la visione. Ovviamente, continuate a leggere SOLO dopo aver visto il film [...]


1) CAROL LA SENZA RICORDI
Il tema di Carol Danvers dimentica del proprio passato è IL GRANDE CLASSICO nella storia incasinatissima di questo personaggio. Talmente incasinata che merita prima o poi un post tutto suo, come quello sulla storia dei Guardiani della Galassia.

A ogni modo, Carol ha perso i ricordi in almeno tre occasioni distinte. Quando è diventata Ms. Marvel, nel '77 - ai tempi in cui lavorava per J. Jonah Jameson e se ne andava in giro per Manhattan con Mary Jane Watson - Carol non aveva da principio coscienza di essere una super-eroina.

Poi ha perso ricordi e poteri rubati da Rogue, quando quest'ultima non era ancora entrata negli X-Men. I ricordi le furono restituiti dal Professor Xavier, ma Carol li perse di nuovo durante una storia del 2013.


2) QUEL GIUDA DI JUDE LAW
Sì, all'inizio credevamo tutti - eccolo! - che Jude Law avrebbe interpretato Mar-Vell, mentore ed ex compagno Kree di Carol. Leggendo una notizia sul film, però, ti sei brutalmente spoilerato tempo addietro che l'attore inglese sarebbe stato invece Yon-Rogg.

Yon-Rogg è un altro Kree che nei fumetti, per una storia di gelosia, voleva uccidere Mar-Vell. Questo portò Carol Danvers ad essere esposta alle radiazioni di un dispositivo chiamato Magnitron (Psyche-Magnetron), che le ha donato i suoi poteri (Captain Marvel #18, novembre 1968). Sì, le origini della "Vers" viste nel film sono una versione modificata di questi eventi.


3) LA DOTTORESSA MAR-VELL
Che Mar-Vell non fosse qui un uomo ma Annette Bening l'hai sgamato non appena hanno iniziato a fare il nome del suo personaggio. La dottoressa Wendy Lawson, infatti, altro non è che un omaggio all'identità assunta dal primo Capitan Marvel quando è arrivato sulla Terra, quella dello scienziato Walter Lawson, un terrestre defunto di cui Mar-Vell ha preso il posto.

È con questo nome che il Kree si è presentato a Carol nel loro primo incontro, nonché prima apparizione della signorina Danvers, su Marvel Super-Heroes #13, nel marzo 1968. Prego notare che entrambi i Lawson hanno i capelli bianchi.


4) FULMINE GREEN DI PEGASUS 
Torna in scena in Captain Marvel il Progetto PEGASUS, joint venture tra la NASA e l'aviazione militare USA, diretta in passato dalla dottoressa Lawson. Il Project PEGASUS (Potential Energy Group/Alternate Sources/United States) dei fumetti è una base per la ricerca sulle energie alternative apparsa per la prima volta su Marvel Two-In-One #42 (agosto 1978). Presso la struttura hanno vissuto diversi eroi, come la Cosa, Quasar e lo Squadrone Supremo, ed è stata impiegata spesso come super-prigione.


5) TALOS DA MORIRE
Il personaggio di Ben Mendelsohn, Talos, è ispirato molto vagamente a Talos the Untamed (Incredible Hulk #418, giugno 1994). Soggetto che nei fumetti è decisamente più pericoloso e che è considerato dagli Skrull un mutante, in quanto non in grado di cambiare forma come gli altri. In compenso è super-forte e ha altri poteri.

Il tema dei profughi cosmici non è nuovo nelle storie recenti di Captain Marvel. Nella run di Kelly Sue DeConnick, ad esempio, Carol aiuta dei rifugiati vessati da J'son, il padre di Starlord. Il loro pianeta si chiama Torfa, come quello raggiunto dalla Starforce nel film per recuperare la spia Kree.


6) MONICA E MARIA RAMBEAU
Nel film, Maria Rambeau, l'amica di Carol, usava il nome in codice Photon ai tempi in cui faceva la pilota. Photon è una delle tante identità assunte nei fumetti da Monica Rambeau, la Capitan Marvel degli anni 80 (The Amazing Spider-Man Annual #16, ottobre 1982), a lungo negli Avengers e a un certo punto leader della formazione.

Una Capitan Marvel già trent'anni fa, donna e di colore, a capo degli Avengers. E i macho nerd white suprematisti senza collo che non sanno una mazza di niente MUTI.

Monica, dicevamo, ha poi assunto altri nomi da battaglia, come Photon, Pulsar e Spectrum. Nel film, Monica è la figlia di Maria. E visto che Captain Marvel è ambientato nel '95, potremmo benissimo vederla adulta nei prossimi capitoli del MCU. Chissà.


Ah, quel modo buffo in cui la chiama la zia Carol? Viene pure quello dai fumetti, dove Carol e la sua amica Marina chiamano "Liutenant Trouble" la figlia di quest'ultima, Katherine Renner, detta Kit.


7) IL GATTO VENUTO DA STAR WARS
Goose, come il Goose di Top Gun, il gatto che in realtà è un pericoloso Flerken, nei fumetti si chiama Chewie. Come Chewbacca. Appare per la prima volta sulle pagine di Giant-Size Ms. Marvel #1 (aprile 2006) e diventa il gatto domestico di Carol.


È in seguito Rocket Racoon dei Guardiani della Galassia a riconoscerlo come un Flerken, un pericoloso alieno simile ai gatti terrestri. Il procione che non ama esser chiamato procione cerca di ucciderlo, "prima che deponga le uova", ma Carol glielo impedisce (Captain Marvel Vol. 8 #2, giugno 2014).


8) L'INTELLIGENZA SUPREMA (INSOMMA) E I KREE
Esattamente come gli Skrull, i Kree vennero creati da Stan Lee e Jack Kirby sulle pagine dei Fantastici Quattro. I Kree su Fantastic Four #65 (agosto 1967), gli Skrull ben prima, su Fantastic Four #2 (gennaio 1962). L'Intelligenza Suprema, IA che controlla l'impero Kree, appare sin dall'inizio dell'epopea Kree, da quel FF #65.


Il suo effettivo acume non è quello che il pomposo nome lascerebbe credere. Un suo geniale piano per rilanciare i Kree portò in passato alla morte di miliardi di loro. Tanto che un gruppo di Vendicatori incazzati provò ad uccidere il capacchione (crossover Operazione: Tempesta nella galassia, 1992) e si convinse di esserci riuscito.


9) INVASIONE SEGRETA BIS
Diversi aspetti del film, come l'apparente pericolo rappresentato dall'infiltrazione degli Skrull, ricordano ovviamente la saga Secret Invasion del 2009. Soprattutto il ruolo di Carol, che si comporta esattamente come il finto Capitan Marvel, Khn'nr, di quella saga. Uno Skrull che, quando capisce la propria natura e la sua missione, decide di ribellarsi al suo popolo e di diventare l'eroe di cui porta il nome.


10) STARFORCE
Nata su Avengers #346 (aprile 1992), anche la Starforce dei fumetti è una squadra di Kree assemblata dall'Intelligenza Suprema. La formazione, nel film, è diversa, ma tra i suoi ranghi vediamo la cecchina Minn-Erva (Gemma Chan), che come Doctor Minerva è stata a lungo una nemesi del Capitan Marvel originale e in tempi recenti di Carol.


11) BINARY E I COSTUMI NOSTALGIA
Nel Marvel Universe Carol Danvers ha assunto varie super-identità, e il film ne omaggia diverse. La Carol fiammeggiante che sfonda le astronavi nel finale ricorda anche Binary, essere dai poteri cosmici in cui la Danvers si trasforma, dopo l'incontro con i cugini degli xenomorfi di Alien (è una storia lunga) nelle storie degli X-Men degli anni 80.

Ma quando "Vers" cambia colore alla sua uniforme Kree insieme a Monica, vediamo omaggiati anche il suo costume da Warbird e quello originale bianco e verde di Mar-Vell.


12) GENERAZIONE X
Nel penultimo cameo di Stan Lee nel MCU, che insieme all'intro tutta dedicata al Sorridente ti ha annodato al collo un magoncino mica da ridere, Stan sta leggendo in treno la sceneggiatura di Mallrats / Generazione X di Kevin Smith. Ha perfettamente senso, visto che si tratta di un film, proprio del 1995, in cui Stan appare in un cameo memorabile.

Anche Kelly Sue DeConnick, autrice delle storie di Captain Marvel tra il 2012 e il 2015, quelle con il look utilizzato per il film, appare nella pellicola. È la tipa con i capelli rossi e gli occhiali incrociata da Vers quando lascia la stazione.


13) MOLTO PULP, PURE TROPPO
Le citazioni di Pulp Fiction sono ben due. Fury e il giovane Coulson in auto, come Jules e Vincent, ma anche Talos che sorseggia il contenuto della sua walkie cup come Jules / Samuel L. Jackson. Pulp Fiction è uscito nel '94, un anno prima degli eventi del film.


14) IL TESSERACT E GLI AVENGERS
Quindi Fury e lo SHIELD hanno avuto il Tesseract tramite il non-gatto Goose. Il Cubo Cosmico verrà quindi riportato nei laboratori del Project PEGASUS per studiarlo e lì verrà rubato da Loki nel primo film degli Avengers. Ok.

Riassumendo, il giro completo fatto da questa cacchio di Gemma dello Spazio è, tipo: Odino - Norvegia - naziHydra - in fondo al mar con la Sirenetta - Howard Stark - PEGASUS - spazio - stomaco di un gatto in realtà mostro spaziale - SHIELD - di nuovo PEGASUS - Loki - Asgard - Thanos? Minchia, sabri. Altro che Carmen Sandiego.

Ma c'è spazio anche per spiegare come Fury ha perso l'occhio (LOL) e che i traduttori universali, di cui tanto si è parlato ai tempi del primo Guardiani della Galassia, sono canon nel MCU e in giro da un bel pezzo.


Il nome in codice di Carol da pilota, Avenger, viene infine usato da Fury per il suo progetto di metter su una banda di tizi speciali.


Il fatto curioso è che il call sign da pilota impiegato da Carol nei fumetti era Cheeseburger (Ms. Marvel vol. 2 #11, marzo 2007). Perché una volta, durante l'addestramento, aveva mangiato un panino di troppo prima di entrare nel simulatore.

"THE CHEESEBURGER INITIATIVE" e "The Cheeseburgers" avrebbero fatto però meno figo, va detto.

LA RECENSIONE DI CAPTAIN MARVEL

23 

Commenti

  1. Ora serve il post lungo sulla carriera di Ms Marvel/Capitan Marvel che avevi promesso tempo fa, sono piuttosto curioso perché qualche storia interessante anni '70-'80 c'è, come pure quelle terribili.

    RispondiElimina
  2. Forse la citazioni a Pulp fiction potrebbero essere anche 3 perché, in originale, Fury, nel momento della perdita dell'occhio, esclama una certa imprecazione ( un poco modificata che è pur sempre un film per famiglie eh).

    RispondiElimina
  3. Ciao Doc, bellissimo articolo, come al solito. Volevo però segnalare un possibile refuso. Al punto 14, quando parli del giro compiuto dal Tesseract, ci dovrebbe essere Howard Stark, non Anthony. O sbaglio?
    Ciao da un tuo lettore affezionato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Pasquale. Sì, grazie per la segnalazione: è babbo Stark. Correggo.

      Elimina
  4. Grande Alessandro!...
    Aspetto anche io il post su Carol "Smemorata di Collegno" (oh, è qui a due passi). Già che ci siamo, credo si possa aggiungere quanto accaduto durante Dark Reign, quando Karla Sofen / Moonstone aveva preso il suo posto (riutilizzando tra l'altro il primo costume della Danvers), per intenderci un po' prima del passaggio da Miss a Capitano.
    Non so se invece valga House of M, che per me è più un gigantesco GUARDA LÀ (come il blog insegna) giocato da Wanda Maximoff in piena crisi all'intero Marvel-616, però ha senz'altro influenzato il cammino successivo di Carol.

    RispondiElimina
  5. Grande post doc! Personaggio che da non lettore non conoscevo affatto. Ieri ho visto il film, abbastanza gradevole ma la scimmia per endgame forse ha alzato un po' l'asticella per questo film che è nella media alla fine.
    Che dire, io aspetto un post con Le 20 cosa da sapere (o ricordarsi) prima di andare a veder endgame. Ho necessità di un recappone incredibile, e di certo 21 film iniziano a diventare ardui da riguardare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Cerca sul tubo i riassunti delle 3 fasi dell'MCU del ridoppiatore da sganasciarsi

      Elimina
    3. Grazie mille per il consiglio, mi fiondo sul tubo!

      Elimina
  6. Mi rendo conto solo ora che non avevo colto le citazioni di Pulp Fiction, sono scarsissimo :(

    RispondiElimina
  7. Ok, anche se non c'entra niente...
    Giocato col Neo Geo Mini, finalmente.
    Scusa il qui pro quo, ma scartabellando tra i tuoi vecchi post mi sono accorto che mi avevi gia' risposto, a riguardo.
    Che vuoi farci...vecchie paranoie di chi e' cresciuto una vita con l'importazione parallela.
    Comunque...LA MERAVIGLIA, ragazzi. Sono d'accordo che la manopolina non e' il massimo della vita, per giocarci. E infatti urge recuperare apposito joypad al piu' presto. Ma, per il resto...
    LA MERAVIGLIA, ragazzi. LA MERAVIGLIA.
    C...O, CHE DIO DI GIORNATA.
    E siamo gia' a quattro giornate cosi' dopo neanche tre mesi.
    Oh, raga: quasi inizio a credere che la ruota stia cominciando a girare...

    RispondiElimina
  8. Le citazioni di Pulp le ho perse anch'io, assieme al cammeo dell'autrice.
    Però il giro del Tesseract me lo son ricordato tutto. Quello più che un cubo è una trottola visto quanto gira (^_^)

    RispondiElimina
  9. Grazie per aver chiarito la roba del Tesseract, col fatto che alla fine il gatto lo risputa sulla scrivania vuotissima di Fury mi ero convinto che tutto ciò avvenisse dopo lo schiocco di Thanos.

    E allora ero "whaat era un Tesseract falso?! Ma come ma dove *bfff* testa esplode".

    RispondiElimina
  10. Hai per caso notato l'anacronismo di quando le fanno ascoltare la registrazione del volo sul PC? :)

    RispondiElimina
  11. Grazie Doc per tutti i millemila chiarimenti.......E io che pensavo che Tesseract fosse solo il nome di una fantastica band prog metal.....quanta ignoranza !

    RispondiElimina
  12. Non male per un personaggio - Mar-Vell - che era nato con un nome - Captain Marvel - che Stan The Man Lee trovava troppo pretenzioso - in fondo è il tizio che ha co-creato uomini insetti ed aracnidi - sfruttando il fatto che Mamma DC aveva lasciato scadere i diritti sul nome dell'alter ego di Billy Batson.
    Io sono un fan della Carol della serie anni settanta in cui era tanto battagliera da ribatterer a JJJ e dei momenti in cui Rogue - per esempio a Genosha - si lasciava sovrascrivere dalla personalità della spia addestrata che aveva inavvertitamente assorbito e ho apprezzato il film. Meno le citaz da Top Gun che ho sempre trovato imbarazzante, ma sono nato vecchio e peggioro. Mi sbaglierò, ma i Fury e Coulson ringiovaniti strizzano l'occhio anche alla struttura dei MIB di Smith & Jones.

    RispondiElimina
  13. 1) Film bello.

    2) Esigo Photon subito. Quando è apparsa la bimba ho avuto un sussulto e quando è stata chiamata Monica ho gridato "Lo sapevo!" in sala, facendomi compatire.

    3) Il fatto che gli Skrull siano i poverini, vabbè...
    Potevano aggiungere un minimo di complessità e dire che i Kree non sono solo buoni, ma neanche gli Skrull: sono in guerra e si ammazzano tutti a vicenZa da secoli. La politica estera interplanetaria è un argomento complesso.

    4) Ma quindi Fury ha perso miseramente l'occhio per via del gatto? Alla fine non ho capito perché per tutto il film c'era questa gag "Oddio! Ti sei fatto male all'occhio?" "No no, tuttapposto!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che i Kree fossero parecchio infami ci hanno costruito tutta l'ultima stagione di Agents of Shields.

      Cmq molto bello il film ma scende una lacrimuccia per il migliore di tutti gli avengers, quello che davvero ha creato il gruppo. Il solito, unico e inimitabile Coulson.

      Anche da giovane un vero figo in coppia con nick!

      Elimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH