Nuovi Transformers Dinobot: Grimlock e gli altri (e il combiner brutto che formano messi assieme)

Ora li hai tutti e cinque, i nuovi Dinobot Transformers della linea Power of the Primes. I cinque dinosauri meccanici... che c'hanno pure la loro la fissa del combiner, e si assemblano per formare un grande robot che ha fatto male palestra. Foto! Lacrime napulitante! Robe di ringere! [...]

Riassunto delle puntate precedenti. Un po' di mesi fa hai comprato il triceratopo Slug, parte di una nuova linea di Dinobot Transformers, ispirati a quelli classici G1 ma con un mini Velociraptor spurio in più (giustamente non cagato) e la possibilità di formare un combiner, manco fossero i mezzi da cantiere umarelli di Devastator o le bestie di Predaking.

Bene, tempo dopo ti è stato recato in dono dagli Stati Uniti del parrucco Snarl (lo stegosauro) e hai recuperato Grimlock su amazon (dove a prezzi umani ci sono solo lui e il triceratopo)... ma lo pterodattilo e il brontosauro sembravano costare ovunque uno sproposito. Poi però ti sei trovato davanti in Giappone la versione Takara a 20 euro, e hai completato la cumpa. Come sono i Dinobot, una volta rimessa su la banda?
Partiamo da Grimlock (Tiran), che di quella banda è il capo, come un Jovanotti sulla sua moto nell'89. Trattandosi di un Classe Voyager, a) non crede che nulla sia solo un caso, b) è in scatola anziché in blister come gli altri, costa di più ed è una bella bestia. Almeno in una delle due versioni.
Il robot, infatti, è proprio fico. Massiccio, dettagliato, con quelle spalline giganti degne di nota.
E le parti trasparenti come gli altri Dinobot, a richiamare la gloria che fu dei modelli vintaggi.
Anche la parte posteriore è moderatamente ordinata, vista la quantità di robe appese. Braccine corte incluse. Quando vanno al pub, i Dinobot, Grimlock dice sempre di aver lasciato a casa il portafogli.
 Il problema che hai con questo Grimlock è la sua forma da tirannosauro robotico.
 La testa è ok, ma tutto il resto ti sembra sgraziato. Le zampe posteriori enormi,
il dorso, la coda. C'era bisogno di spazio e robe perché diventa la parte centrale del robot assemblabile, lo comprendi, ma boh, non ti piace. Sembra un Mechagodzilla venuto malino.
Il Grimlock originale era decisamente messo meglio, tutto considerato. L'unico nuovo Dinobot che perde il confronto con l'originale G1, in versione dinosauro, doveva essere proprio Grimlock? Maccosa. Grazie tante, fatto posticcio del robot componibile come una cucina berlò.
Come per gli altri, anche qui gli accrocchi neri (qui i piedi del combiner) sono agganciabili sia al dinosauro (va' Grimlock con le crocs!), sia al robot. Non hai scattato la foto, ma come tirapugni enormi non sono male.
Passiamo al vecchio Sludge (Bronto), il brontosauro dei Dinobot. 
Passabile in versione robotica, in fondo molto fedele alla versione classica. Buone articolazioni,
 faccia perplessa di chi non ricorda se ha chiuso a chiave la porta di casa.
Ma nel complesso, dai, fa il suo. Con tanto di alette-sportellini che fanno ingombro al cinema, permesso.
 Nell'alt mode da sauro di metallo è figo come gli altri. 
Davvero molto figo, ti piace un casino. Il problema è che tutti questi Dinobot nella versione metallopreistorica ti piacciono un casino, tranne Grimlock.
La cosa vale tanto più per Swoop (Reptilo), lo pterodattilo, che è bellissimo in entrambe le trasformazioni.
 Al robot hanno dato tutta una sua dignità con un look meno sgraziato della versione giocattolo G1
e più fedele a quella del cartone. Colori fantastici e pinna in testa qui è supercool, nel modellino G1 sembrava un puparuolo antimalocchio. C'è una certa differenza.
Un po' leggerine le gambe, forse, ma anche sul retro è tutto ok. Dovesse fregargliene mai a qualcuno (Quaranta+ anni e si sta a parlare del culo dei robottini giocattolo. Occhei).
 Lo pterodattilo è massiccio e curato. Sembra, anche qui, quello del cartone.
Volendo, è possibile intamarrirlo agganciandogli la spada sotto il becco e il coso nero puntuto sulla schiena. Scusi, va ad Atene?
Ah, nella trasformazione in braccio del robot componibile, è sputato Soaron, il BioDread uccellaccio di Capitan Power.
E dopo una foto ricordo di gruppo dei Dinobot al completo (ripeti, del velociraptor apocrifo fotte segamegadrive), vediamolo questo famigerato combiner: Volcanicus.
 Ora, a vederne testa e busto, sembra una figata astrale. Il problema sono gli arti.
Come per gli altri Combiner moderni, ognuno degli altri quattro può trasformarsi sia in un braccio che in una gamba del robot. Swoop è troppo leggerino per fare da gamba, però, e Slug è al contrario sufficientemente squadrato e massiccio che quello di gamba è il suo ruolo naturale. Restano da piazzare a scelta gli altri due, e non è che il risultato finale cambi molto. Le coscette magre e le braccia troppo lunghe restano un problema, quale che sia la combinazione scelta (anche se sì, lo stegosauro è meglio usarlo come braccio, come gamba è orrendo, soprattutto se lasci le due parti della coda aperte come hai fatto te).
E insomma, Volcanicus sembra un ragnone deforme. Anche lui non paga mai da bere agli altri. Esistono ovviamente vari kit terze parti per migliorare il risultato finale, come questo
così come versioni customizzate usando più Dinobot dello stesso tipo. Ma chissene, oh, tanto i Dinobot ti piacciono come dinosauri robot. L'avevi già detto, sì?

TANTI (MA TANTI) ALTRI POST SUI TRANSFORMERS

15 

Commenti

  1. The Dark Knight7 ottobre 2018 11:00

    Anche noi abbiamo i Grimlock nelle due versioni, e Sludge nella versione vintaggia (con artrite alle gambe, non resta più in piedi da solo) e siamo d'accordo con il tuo commento. Il mio "socio" aspetta Babbo Natale per avere gli altri quattro, vedremo...

    RispondiElimina
  2. Ammazza quanto è brutto il nuovo Grimlock! Mi ricordo benissimo con quanta fierezza capeggiava fra i giochi di mio fratello, era fighissimo. Anche a me piaceva giocarci, e perderci l'impronta digitale a furia di sfregare il dito sul quadratino scuro che mostrava a quale fazione appartenesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spettacolo il quadratino termico!!! cosa mi hai fatto ricordare! <3

      Elimina
  3. Il triceratopo e lo stegosauro (felice d'essere stato d'aiuto, capo!) sono quelli più fighi.

    RispondiElimina
  4. Doc. magari l'effetto migliora con i coloratissimi clonocugini cinesi https://www.ebay.it/itm/Trasformazione-Dinobot-Tyrannosaurus-Rex-Triceratopo-Robot-Action-Figure/113198560162?hash=item1a5b28f3a2:m:mAHsqyk3rBmEcPVGgj0H2yg

    RispondiElimina
  5. Ho accolto con favore la presenza degli add-on 3P (mani e piedi) con Superion.
    Li ho tollerati con Bruticus.
    Poi basta.
    Se devi mettere mezzo chilo di plastica in più per far stare in piedi un combiner, vuol dire che la progettazione alla base è sbagliata.
    Con Volcanicus direi che abbiamo proprio toccato il fondo del cedimento steutturale, vista la quantità di add-on che sono necessari per dargli un minimo di decenza estetica.

    RispondiElimina
  6. Per rimpolpare il torso di Volcanicus si possono mettere le due Prime Armor ( le mani nere ) avanzate ai lati dello stomaco: in effetti è smilzo, ma come struttura è comunque solido ed ha la rotazione del bacino, che buttala via. Concordo su Grimlock, che inoltre non ha manco una delle armi classiche. Doc, hai mica visto i Decepticon di Siege annunciati alla NYCC 18 un paio di giorni fa? Buttaci un occhio ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visti. Molto particolari, specie Soundwave.

      Elimina
    2. Sono davvero belli, coi loro look classici da robot e le modalità cybertroniane ( anche se Megatron diventa sempre il solito tank ), ma sopratutto con Reflector che devi comprarlo triplo per farci la fotocamera anni 80! :D

      Elimina
  7. Si sta a parlare del culo dei robottini! Oddio ho rischiato un'attacco d asma a forza di ridere!!! Beh almeno fosse il culo di Teela tutto rientrerebbe nella norma... Più o meno...

    RispondiElimina
  8. il Tiran (Grimlock) originale era un capolavoro... io l'avevo conil busto robotico di colore rosso arrotondato... ma alcuni amici l'avevano con busto blu e più squadrato... qualcuno sa spiegare questa differenza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...acc... non, non era il busto...era il mutandone!

      Elimina
    2. semplicemente il Tiran dalle "mutande blu" era la versione Diaclone, mentre quella rossa era dopo la cura Hasbro per il neonato brand dei Transformers, con i Dinobot che avevano i colori più uniformati ( le parti in metallo rosse, ovvero appunto le mutande di Tiran, ed il torso di Tricex, Reptilo - prima blu - e Stego - nero - con Bronto che è l'unico ad averlo sempre avuto rosso ) , salvo poi scazzare tutto presentando nei cartoni Swoop con la colorazione diaclonica... ^^'

      Elimina
  9. Sono in linea con la tua disamina Doc,il T-Rex è alquanto improponibile e il combiner sembra davvero un aracnide deforme

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH