mercoledì 7 dicembre 2011

41

Kentozzi va in pensione (parte VI)

Nuovo appuntamento con la rubrica che piace tanto a tutti quanti, ma soprattutto ai servi della gleba. Ché, oh, mal comune mezzo gaudio. Nelle ultime settimane, i Kendignados d'Azione che i Kendignados Uniti si sono seduti a un tavolo per appianare le proprie divergenze, ma era il tavolo sbagliato e... 'spetta un secondo, come sarebbe che Barbie si sposa?!? E con chi?!? Ma... ma quello è il solito, ubiquo, sinistro Mago Mirkos! [...]
Partiamo, sempre grazie alle preziose scan dell'antrista Elisabetta (che non finiremo mai di ringraziare abbastanza), da una storia pubblicata su Barbie 35 (gennaio 1994). Una storia parecchio inquietante, perché rischia di distruggere la ferrea (LOL) continuity del Barbieverso. Barbie Millicents Roberts è americana. Non si è ben capito se abiti in California o in Florida, ma più probabilmente ha case ovunque, col fatto che è ricca sfondata anche se non fa una fava dalla mattina alla sera e che non paga le tasse. Comunque: è americana, su questo non ci piove, però qui "rientra in Italia" con il suo "simpatico amico californiano". Un tizio che parla come un pistola ai tempi dei paninari e indossa quello stesso maglione orribile che c'aveva Ken quella volta in montagna. Quella volta che è finito ingroppato dal cane Tundra
L'amico californiano paninaro con gli occhiali da drogato e i jeans stinti con la varechina, Ken, l'Algida Stronza e i soliti Alan e Midge (Midge è quella che ride sempre. Senza motivo. "Raccontateci le ultime... dall'America!", dice. E ride. Cazzo ti ridi, boh) raggiungono il ristorante Bella Napoli. Che, dal nome, minimo è una pizzeria italocinese di quelle con il menù pieno di errori
  Il cameriere viene a prendere le ordinazionMA E' IL MAGO MIRKOS! ANCHE QUI! Mentre inizi a sospettare che il Mago Mirkos sia in realtà il Dio del Barbieverso, o almeno il suo segretario particolare, il pistola paninaro ordina qualcosa di troooooppo giusto. Rimediando una figura tipica da cazzone americano yankee imperialista ricco mandriano proprietario terriero manager operaio povero del Michigan con il colesterolo verso l'infinito e oltre. L'Algida lo richiama però prontamente all'ordine, e il californiano Jim chiede allora "qualcosa... italianissimo". Ken, avvolto nella sua sciarpa del Catanzaro, approva
Jim scopre così i grandi piaceri della cucina italiana, mentre Ken propone il dopopranzo tipico degli italiani rampanti di metà anni novanta. Una partita a tennis per Ken e Alan, un po' di aerobica per le ragazze e il californiano. Il tempo di far indossare a Jim e Alan due tute da astronauta e a Ken il solito pigiama da catananno, e si è tutti pronti per un po' di sana attività fisica. Alan, frattanto, affida incautamente le chiavi del motorino a Jim
Jim ormai è ingrifatissimo. "UAO!", esclama, fissando il coolo di Barbie e Midge, dopodiché si lancia subito al rimorchio dell'istruttrice di aerobica, Sally, con una scusa da prima media...
che però, incredibilmente, funziona. Il tempo di rimettersi i suoi stracci da parcheggiatore abusivo e può sprintare in giro per il centro con lo scooter di Alan. Al che uno potrebbe chiedersi perché Alan si sia comprato una vespa rosa shocking, oppure come mai si sia portato dietro la vespa fino in Italia, ma non c'è tempo per i dettagli, perché IL DRAMMA E' DIETRO L'ANGOLO
Un clone malvagio di Barbie, a bordo di un fuoristrada identico a quello di Barbie, travolge i due ragazzi. Sfortunatamente, Jim sopravvive al sinistro senza farsi nemmeno un graffio, ma lo scooter di Alan è (moralmente) ammaccato, e siccome è sabato i meccanici sono chiusi. Sì, insomma: sono cazzi. Ma Jim non si perde d'animo: ha pronta una soluzione!
Chiama a casa di Midge e Alan e si dà vigliaccamente per disperso, portandosi a casa l'istruttrice per un po' di, ehr, lezioni private. A casa di Barbie, naturalmente. Sul lettone grande tutto rosa. E tutto è bene quel che finisce bene: Ken vestito da babbo, l'Algida che ride delle sue stesse battute prive di senso, Alan felice. Perché ancora non sa delle ottocentomila lire di danni, il povero stronzo. "Riuscirà Jim ad aggiustare lo scooter?", si chiede l'ultima didascalia. Per poi chiudere subito dopo con un "Chissà". Checcefrega. Stigrancazzi.
Pubblicità: la Serra dei Sogni di Barbie, per diventare una vera giardiniera
Tipo così
Ma anche la Super Maglieria Magica. Che in regalo ti dà la BARBIE TROLL. Quella che va su i forum a scrivere AH-AH! N00B! FATE SKIFIFISSIMO E PUZZATE TUTTI!!!11!
E poi c'è anche la Barbiesnodata. Scrittotuttattaccato. La Barbiesnodata che se na va in bicicletta ed è chiaramente "perfetta nella ricca attrezzatura da ciclista". La ricca attrezzatura da ciclista è quella tuta da cantoniere
Ma, già che ci siamo, sciroppiamoci altre due storie, che arrivano dritte dritte dal numero 45 di Barbie (novembre 1994). Ken sta tenendo a bada i due rompicazzi piccoli Stacie e Todd, che volevano andare a giocare all'aperto (con le bocce, dei peluche e DUE palloni da calcio, uno a testa) ma piove, niente, ciccia. Per tenerseli buoni, Ken va allora a preparare una cioccolata calda da allungare col lexotan...
...e si mette a raccontare la storia di una principessa che, neanche a dirlo, "somigliava proprio a Barbie". Avrà mai fine lo zerbinaggio di quest'uomo? No, mai. Andiamo avanti
Dal suo palazzo da sogno in mezzo alle nuvole, la Santa Barbie vede una festa nel castello di un principe e si mette lì due ore a scegliere il vestito giusto per far crepare di invidia tutte le invitate

Un po' di stelle luminose, dei raggi di luna sulla scollatura per apparare un attimo la scarsitudine di minne, e la Santa, vestita tipo la Clerici a Sanremo, è pronta. Ce la fai a cavalcare fino alla Terra?, chiede alla sua cavalla. La quale si imbizzarrisce e prende a scalciare nervosa
Ma un paio di feroci scudisciate e la cavallina storna fa il suo. L'esplosiva Santa Barbie arriva alla festa senza essere invitata, con la sua bella faccia di tolla da portoghese
Decisamente. Ma, invito a parte, partono anche nella fantasia di Ken i cori di complimenti viscidi. Solo che, trattandosi di una fantasia, di un sogno mostruosamente proibito alla Paolo Coniglio, qui Ken è vestito come James Bond, è il proprietario del castello e si fa largo tra la folla per invitare la Santa Maradona imbucata a ballare. Sullo sfondo, dietro la cofana di quella tizia castana, c'è ovviamente il mago Mirkos
Ma proprio sul più bello, la vera Barbie entra nella stanza con il suo vero abito fatato. Il sogno si interrompe e Ken è costretto a farsi scudo con il piccolo Todd per nascondere, ancora una volta, la sua PODEROSA EREZIONE
Applausi, evviva, sei la nostra principessa, un bel direttore, le solite cose, e Ken c'ha le babbucce abbinate alla maglietta. Avanti con l'altra storia
Barbie si sposa! Ma lo sposo non è Ken! E' un tale David, cioè il solito Mago Mirkos! Ma che diav...?!?

Ah, ecco: sta girando un film, la stronza. Un film il cui regista gli ha ciulato il giumbotto a Ken (occhio alla K) e c'ha il ciak più piccolo del mondo. Lì a Hollywood le battute sull'argomento si sprecano. Ma non divaghiamo. Ken, marcato sempre a uomo dalla scassaminchia piccola Skipper, arriva sul set nel suo elegante completo da Quasimodo
Azzarda una scenata di gelosia, il povero cristo vestito da affetto da cifosi grave, ma l'Algida lo ferma immediatamente con una delle sue solite risate di scherno. Poco dopo, Barbie viene raggiunta in camerino da una giornalista di colore, redattrice di Superciak, la versione americana di quel programma di Mollica in cui tutto è bellissimo e ogni disco è il capolavoro assoluto di chi l'ha inciso che proprio guarda, mamma mia
Barbie racconta alla Vincenza Mollica bona la sua giornata media, sorseggiando una pepsi. La sveglia, il parrucchiere (il fratello castano del Mago Mirkos)...
...e il fatto che una volta, durante le riprese di un film girato in montagna, abbia fatto anche la "stant-woman" (sic)
Perché la sua controfigura aveva la febbre e sulla montagna ci si è dovuta arrampicare da sola
Laddove per "montagna" si intende un po' di cartapesta avanzata dal presepe. Su Wikipedia si legge del resto come Barbie si sia dedicata negli anni a una quarantina di mestieri diversi. Inclusi quello di dentista, chirurgo, ambiasciatrice dell'UNICEF e, già che c'era, PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI D'AMERICA
E ora il gran finale. Ken arriva sulla scena e, dai, una volta tanto è presentabile. E non sai perché, nonostante il fatto che la Vincenza Mollica butti lì subito quella parola ("amico"), sarà che ora anche lui è un attore, sarà quella postura nell'ultima foto, sarà la sicumera, ma per una volta hai come idea che ce ne sia. Ci dobbiamo credere. Ma, soprattutto, ci dobbiamo crederci.
In chiusura, due reperti storici. La pubblicità di una riproduzione del primo modello di Barbie, venduta a un prezzo allucinante in quel 1994 in occasione del suo 35° compleanno. Ora, la prima Barbie aveva dunque nel '59 questa faccia. Guardatela. Guardate quell'espressione. Era o non era già, sin da allora, la grande regina di tutte le stronze?
Ken, invece, il povero Ken, oltre a metterci del suo è stato sempre piegato dal peso di quei vestitini ridicoli, di quell'abbigliamento da burattino senza fili, privo di dignità. Per dire: ve lo ricordate il completino leopardato sul turchese di Toy Story 3? Pensate che se lo siano inventato alla Pixar, vero?
Falso


LE PUNTATE LEOPARDATE PRECEDENTI
Ken subisce ancora (parte I)
Il secondo tragico Ken (parte II)
Ken contro tutti (parte III) 
Ken alla riscossa (credici, parte IV)  
Superkentozzi (parte V)





41 commenti:

  1. Doc,tu vuoi vedermi morto di ridarella oggi :°D

    RispondiElimina
  2. Doc, non voglio fare il pignolo, ma ho l'impressione che Ken non si stia facendo scudo con il piccolo Todd per nascondere il proprio prodigio pelvico agli occhi dell'esecrabile meretrice, ma che gli stia proprio poggiando l'uccello sulla giovane spalla. E non è bello.

    RispondiElimina
  3. Già la foto iniziale mi ha fatto balzare sulla sedia.

    Inutile dire che ho riso come un matto. Anche se il Mago Mirkos ormai ho paura di vedermelo spuntare da sotto al letto.

    RispondiElimina
  4. Oh che ridere!
    Leggo sempre ma non commento mai (sono fondamentalmente pigra), ma questi fumetti me li ricordo eccome!

    Ma sopratutto, avete notato in cima alla pagina wikipedia di Barbie?

    Disambiguazione – Se stai cercando l'ex ufficiale nazista, vedi Klaus Barbie.

    Detto anche "macellaio" o "boia di Lione"

    E' lei! E' la sua identità segreta!

    RispondiElimina
  5. alan durante l'allenamento nella prima storia ha il costume da cosplayer di Magneto

    RispondiElimina
  6. Fantastico come sempre doc!!! Ma mi pongo un quesito che tormenterà le mie notti per diversi giorni a venire.... ma Jim riuscirà ad aggiustare la vespa di Alan???? E soprattuto in che modo? Non si rivolgerà mica a qualche meccanico da strapazzo (magari il mago Mirkos in versione meccanico, proprietario di una officina ospitata dentro lo stesso stabile nel quale si trova la pizzeria Bella Napoli, il Centro Fitness, con il cartello stacca&attacca)

    RispondiElimina
  7. E poi e poi... Il povero Kentozzi continua a ucciderci di risate (anche se lui nell'ultima foto crede che è arrivato il suo momento) e lui morirà per una tremenda esplosione dei suoi organi riproduttori ormai gonfi come due zampogne per Natale...
    Doc ma l'elefantino viola? Secondo logica dopo Tundra è Savana...

    RispondiElimina
  8. Ho riso di gusto come sempre, ma nel leggere questo post ho realizzato che nel '94 mi sarei dato fuoco piuttosto che leggere 'sta roba.
    Potenza degli anni che passano?

    RispondiElimina
  9. Secondo me Alan è tornato in patria con la vespa e l'istruttrice


    *Nella seconda storia riappare l'armatura con il seno sullo sfondo

    RispondiElimina
  10. Le ottocentomilalire di danni del motorino rosa di Alan e le scudisciate alla cavallina storna mi hanno fatto quasi avere l'infarto, ti dico solo questo XD

    RispondiElimina
  11. Veramente Alan ha fottuto il giubbino a ken nella prima storia, poi il regista lo ha fottuto ad Alan! EH su :D

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Solo io ho l'impressione che il povero cristo che veniva schiavizzato dalla Mattel (presumo) per scrivere i testi di questi "barbieromanzi" meriti molta più compassione di Ken? A forza di inventarsi roba tipo "Per una notte magica ci vuole... un abito fatato!" e via dicendo secondo me è già tanto se non si trova da dieci anni ospite di una simpatica cella imbottita!
    Comunque, LOL! :D

    RispondiElimina
  14. Doc, ti devi procurare tutti i personaggi per uno spin-off del twisted theater con Ken, Barbie e compagnia strisciante. Che non possiamo mica restare senza storie quando finiranno i numeri della rivista di Barbie! Ogni volta che il povero servo della gleba entra in scena, sono sempre risate fino alle lacrime!

    RispondiElimina
  15. Oh, ma ce ne sono ancora in archivio uno spropositilione. Elisabetta (ringraziate, su) sta andando avanti con l'opera di scansione senza soste.

    RispondiElimina
  16. P.s. Ho ormai perso ogni speranza per lui... Ma proprio niente, giusto un pò di compassione. Basti pensare che lui è il co-protagonista del film, ma nel film Barbie si stà sposando con il Mago Mirkos. A meno di una scena alla "Il laureato", dubito che ce ne sia per lui, nemmeno nella finzione della finzione...

    RispondiElimina
  17. Barbie Troll, il giardiniere Willie... MUOIO.

    RispondiElimina
  18. Todd è ovviamente il figlio del mago Mirkos.

    RispondiElimina
  19. Gesù che storia!
    Mi inquieta l'ultima frase dell'ultima vignetta... è un allegoria ad una sveltina?

    RispondiElimina
  20. Amica: "Un ottimo pranzo..."
    Barbie: "...ma un attentato alla nostra linea."

    Perché il vostro amico del cuore col maglione frùfrù che voleva ordinare un hotdog con cheesburger e DIET coke invece é un modello di biosalutismo new age made in Iu Es Ei.

    RispondiElimina
  21. Ken è diventato uno dei miei eroi. Silenzioso rappresentante di tutti i servi della gleba sfruttati. ^^

    Barbie Troll mi ha piegata del tutto. Vorrei sapere chi è che l'ha proposta come possibilità di marketing e chi è l'infame che ha approvato il progetto!

    RispondiElimina
  22. Mi sta venendo una voglia matta di un crossover tra il mago Mirkos e Batmanzanillo... starò male?? :D

    RispondiElimina
  23. Ma nooo...così non sapremo mai se Jim (che poi era Enzo Braschi cammuffato, very easy, l'abbiam capito tutti) riusciva infine ad aggiustare in tempo il vespino zarro di Alan!

    RispondiElimina
  24. Ci tengo a far notare che l'Algida è stata Ambasciatrice per la pace (1986) e Ufficiale militare (Desert Storm 1992)

    Ma che diavol...?

    RispondiElimina
  25. Grazie Elisabetta!

    Doc, il materiale deve durare almeno un paio d'anni, sennò ti denuncio per pubblicità ingannevole. Ormai non posso più fare a meno delle tragiche avventure di Kentozzi.

    RispondiElimina
  26. The cryptkeeper7 dicembre 2011 14:28

    Grazie per quello che hai detto su Mollica, davvero. Erano anni che speravo che qualcuno lo dicesse.

    RispondiElimina
  27. Con Barbie troll mi sono rotolata sul pavimento ma anche lidea della cioccolata col lexotan è faolosa XD
    Ah, ne vedrete delle belle (peggio) più avanti :P

    RispondiElimina
  28. Ma... é una mia impressione oppure l'amico Alan ci dá dentro col piedino di brutto a Ken?

    Ci sfugge qualcosa?

    RispondiElimina
  29. Io, semplicemente, mi sento male.
    Ma tanto. Ma tanto tanto. C'ho i crampi anche in testa, pure le natiche mi si squassano dal ridere, e no, non sono fuori forma...cioè, magari un pochino. Grande Doc.

    RispondiElimina
  30. Mago Mirkos for president! :D

    RispondiElimina
  31. cacchio è da stamattina che lo rileggo e continuo a ridere ogni volta come un ebete... le avventure del povero Ken sono sempre più esilaranti! e sono felice di leggere che a dispetto del titolo del post Kentozzi non andrà in pensione ma continuerà a farci sbellicare per un bel pò!

    RispondiElimina
  32. La Barbie troll è da antologia XD

    Complimenti anche alla scannerizzatrice Elisabetta, perchè so per esperienza che fare un lavoro così richiede tempo (essendo una notevole rottura di bolas)

    RispondiElimina
  33. Hai nullificato il commento che avrei voluto fare (ma lo faccio lo stesso). Il completo da Quasimodo, in effetti, è fatto con la carta spessa dei presepi, quella che si usa per chiudere il retro. Quasi la stessa carta scalata dall'algida nelle vignette successive, ma di una grammatura diversa.
    Comunque, come pert tutti gli altri post del povero Kentozzi, autobotti di risate.

    RispondiElimina
  34. @King Diamond: i magnifici post del Doc e le vostre risate ripagano di tutto il tempo impiegato :)

    RispondiElimina
  35. Non mi sono ancora ripreso dallo "stant-woman", ma quando concludi con "è un bel direttore" il ribaltamento dalla sedia è assicurato.


    A Carnevale credo che mi vestirò da Mago Mirkos.

    RispondiElimina
  36. Continuo a dire che Mirkos che stà sempre dietro a Barbie ha un chè di sospetto: manca solo che Ken veda Mirkos col cappello da cowboy e dica " ma io quello l'ho già visto" e Barbie " ma no, ti starai sbagliando" come disse Pupetta a Pasquale Zagaria.
    Notare invece come sono vestiti i bimbi a cui Ken racconta una fiaba: lei sembra Madonna prima maniera , lui il bimbo della pubblicità del ciaocreme occhiali scuri a parte.
    Un look tipicamente anni 80 e mi chiedo perchè, visto che la storia è del 94.

    RispondiElimina
  37. Allora ero abbastanza tranquillo fino a quando non vedo Ken con quella specie di giacca e penso "Mammamia!! sembra Frankenstein" poi dici "Con la giacca di Quasimodo" e io rotolo giù dalla sedia rotolo verso il tavolino e mentre continuo a ridere colpisco il tavolino e mi crollano addosso fioriera, fiori (secchi) portafoto in argento e la versione integrale del Signore degli anelli, totale due costole rotte e il polso lussato......ma cazzo che ridere!! :) Comunque tornando a noi e al nostro movimento dei Kendignados uniti se vi recate alle seguenti coordinate potrete ammirare i Gadget del nostro movimento http://bludipintodicyber.blogspot.com/ AHH!! Dimenticavo Grazie come sempre a Elisabetta!!!

    RispondiElimina
  38. @ Bluecyber74: Portachiavi e maglietta sono grandiosi, ma ti prego, fai sparire quei boxer!

    P.s. Ma davvero ti sei fatta male in quel modo? Voglio dire, se è successo davvero mi dispiace, ma LOL!

    RispondiElimina
  39. P.s. Volevo scrivere "fatto", sorry.

    RispondiElimina
  40. @ mdqp: Tranquillo in realtà non ho subito danni fisici!! :) Prendo appunti sulla tua richiesta ma è il gadget più richiesto!

    RispondiElimina
  41. Ma ma… sull'ultima scatola c'è scritto «Animal Lovin'»!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails