martedì 22 novembre 2011

39

Kamen Rider: quarant'anni di moto, calci volanti, tutine fighe, facce da cavalletta, pose da pirla

I Kamen Rider li hai scoperti una trentina di anni fa, su una rete privata del napoletano. Erano questi motociclisti con gli sciarponi, la faccia di cavalletta e le mosse di arti marziali terribilmente anni Settanta. Ne hai visto giusto qualche puntata, poi sei tornato a casa e a Megaloman, e i Kamen Rider sono rimasti lì sullo sfondo, folklore giapponese, negli anni riempitivo da videogiochi d'importazione un po' scemi. Fast forward: 2005, Tokyo. Sei incollato al televisore più o meno dalle sei, a guardare tutti i programmi per ragazzi del mattino. Cartoni, pubblicità fantastiche, you name it. A un certo punto, però, in mezzo ai combattimenti di robottini telecomandati con l'aspetto di Mazinga, mandano la prima puntata di questa nuova serie dei Kamen Rider. Si chiama Hibiki, ed è una roba fantasticamente fantastica su una scala da zero a OH SANTO CIELO CHE MI SONO PERSO IN TUTTI QUESTI ANNI. […]
E ti eri perso parecchio, in effetti. Ti eri perso decine e decine di stagioni di serie per ragazzi in cui non si fa ma mai male nessuno (come nell'A-Team), ma in cui l'esigenza di vendere i pupazzini ha generato una florida industria di costumi meravigliosi, tutine fantascienze, mostri di un certo livello. Flashatissimo da Kamen Rider Hibiki, hai recuperato negli anni a seguire alcune serie dei Kamen Rider, visto che il franchise - quanto e MOLTO PIÙ dei Power Rangers - si reinventa ormai a cadenza annuale con personaggi, storie, temi e soprattutto COSTUMINI UBER-COOL diversi. E siccome sono le sei del mattino e c'è tutto il tempo, siccome questi post di taglio wikipedico ti diverti a scriverli, e siccome per la nuova puntata del Twisted Theatre ci vuole almeno dopodomani, ché mancano un casino di foto, ora ci spariamo una bella carrellata del Carrefour di TUTTE le serie dei Kamen Rider dal '71 a oggi, e alé. Dice: ma non li conosciamo, a noi che ce ne cala? Niente. Guardate i costumini e leggete le parti di ridere, su. Non facciamo sempre quelli poco collaborativi.
Kamen Rider (仮面ライダ, 1971-1973)
La prima serie dei Kamen Rider (pronuncia nippa: Kamen Raidaaaaaa) va in onda per ben due anni e 98 episodi. Il successo di questo tokusatsu, della storia del super-eroe Kamen Rider (il motociclista mascherato), il giovane Takeshi Hongo in lotta con l'organizzazione terroristica Shocker che trasforma la gente in pericolosi mutanti cyborg iscritti all'Azione Cattolica, genera il suo bravo indotto di pupazzini e manga, alcuni dei quali realizzati dallo stesso Shotaro Ishinomori, ideatore della serie TV, già autore di Cyborg 009 i nove supermagnifici e personaggio con un'evidente passione per le sciarpe e dotato di una pettinatura alquanto improbabile. I due Kamen Rider originali (perché nella serie, dal 14° episodio in poi, appare anche il Kamen Rider #2, Hayato Ichimonji, sempre per quella storia dei pupazzini da vendere) sono apparsi in uno spropositolione di film, inclusi i due recenti remake Kamen Rider: The First (2005)
questo qui
Kamen Rider Next (2007) e la grande fagiolata cinematografica per il quarantennale della saga (OOO, Den-O, All Riders: Let's Go Kamen Riders, 2011).
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME: Sufficiente (originale) / Stratosferico (remake del 2005)

Kamen Rider V3 (仮面ライダーV3, 1973-1974)
Seguito diretto della prima serie, V3 propone un nuovo Kamen Rider, Shiro Kazami: un cyborg ricostruito con tecnologia ancora non sufficientemente robocoppa da i primi due KR, dopo esser stato preso a ceffoni da una nuova, temibile organizzazione terroristica nata dalle ceneri di Shocker: Destron. Siccome non c'era ancora un Frank Miller a cui affidarsi, Kamen Rider 1 e 2 passano il testimone della lotta al terrorismo a questo nuovo paladino smarmittante, chiamandolo in un evidente esercizio di nonnismo V3, e ci dicono, Va', distruggi il male, va'. Arrangiati. Anche qui un paio di film, manga, le solite cose. Tra i comprimari della serie c'è pure un altro Rider, Riderman.
Questo tizio con gli occhialoni da cecato e il logo dell'Alitalia sulla panza.
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME V3: Bassino
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME DI RIDERMAN: ROTFL

Kamen Rider X (仮面ライダーX, 1974)
Il treno dei motociclisti giustizieri cavallettosi è ormai lanciato a mille. Così in quello stesso 1974 fa a tempo a uscire anche un'altra serie di 35 episodi. Accantonata nella cartelletta "Creativi da licenziare con un calcio in coolo meccanico di Zio Paperone" l'idea della mezza maschera di Riderman, si torna a un design classico per il protagonista. Un nuovo eroe (Keisuke Jin) trasformato in cyborg perché combinato male da una nuova organizzazione terroristica (G.O.D., acronimo di Government of Darkness), ma qui i nemici sono perlopiù pescati dalla mitologia greca, giusto per. TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME: Medio, se chiudiamo un occhio sulla moto da Playmobil e quei pantaloni da finanziere
Kamen Rider Amazon (仮面ライダーアマゾン, 1974-1975)
Ma a cercar bene, nel '74 c'era ancora qualche giorno libero, non kamenriderizzato. E così tra la fine di quell'anno e l'inizio del successivo si riuscì a infilare una serie di soli 24 episodi. La storia da lacrime napulitante di Daisuke Yamamoto, rimasto orfano dopo lo schianto in Amazzonia di un aereo su cui viaggiava con i suoi e cresciuto da una tribù, specializzatosi da grande nella spedizione di libri e DVD tramutato dal suo capo tribù morente in Kamen Rider Amazon. Contro di lui, l'organizzazione Geddon, guidata dal demone Gorgo: originaria dell'Amazzonia ma presto trasferitasi a Tokyo per ragioni di praticità e ottimizzazione dei costi.
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME: Vabbè

Kamen Rider Stronger (仮面ライダーストロンガ, 1975)
Chi è più forte dei Kamen Rider precedenti? Ma il Kamen Rider "Più forte", che domande. Sulla carta, questi 39 episodi dovevano chiudere le avventure in TV dei Kamen Rider. Sulla carta, perché i pupazzini andavano ancora forte e gli autori si sono detti Sai che c'è? Shigeru Jou si infiltra nell'organizzazione Black Satan per vendicare la morte di un amico, e si fa trasformare da Black Satan in un super-essere per poter combattere il nemico dall'interno. Una storia tipo quando uno va al messicano ed esagera con il chili-con-carne, insomma. La tizia con il look da coccinella e le elegantissime T sulle zinne nella foto sopra è quella che, pur non essendo ufficialmente considerata la prima Kamen Rider donna, era di fatto la prima Kamen Rider donna: Electro-Wave Human Tackle.
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME DI STRONGER: Infimo
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME DI ELECTRO-TIZIA: Ma per piacere

Kamen Rider (Skyrider)
(仮面ライダースカイライダー, 1979-1980)
Dunque, seguite un attimo. In questa serie di 54 puntate il nuovo Kamen Rider (Hiroshi Tsukaba) si chiama semplicemente Kamen Rider, perché nelle intenzioni del solito Shotaro Ishinomori doveva trattarsi originariamente di un remake. Ma poi la cosa del remake è stata messa da parte, nella serie hanno preso ad apparire vecchi Kamen Rider come ospiti, e allora per non fare casino questo Kamen Rider ha preso il nome di Skyrider. Per il fatto che, tipo, vola. I suoi antagonisti sono ancora una volta i tizi di Shocker, ora passati alla denominazione sociale di Neo-Shocker per fottersi i fondi comunitari e depistare i creditori.
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME: Ordinario

Kamen Rider Super-1 (仮面ライダースーパー1, 1979-1980)
Siamo d'accordo, Super-1 (pr: SupaaaaUaaan), 48 episodi a cavallo del decennio, è un titolo di melma. Ma, oh, era pur sempre il '79. Kazuya Oki, come il 99% dei ragazzi dell'epoca, da grande vuol fare l'astronauta. Il restante 1%, nel caso ve lo stiate chiedendo, lavorava già per la NASA. Solo che Kazuya non si mette a studiare astrofisica e perde tutti i capelli come qualsiasi aspirante astronauta che si rispetti, ma si sottopone a un esperimento pericolosissimo che gli permette di acquisire fantastici poteri, dei guanti onestissimi e la capacità di sopravvivere nello spazio e prendere TelePiù senza pagare l'abbonamento. Per affrontare gli sgherri del DogmaKingdom, inoltre, Super-1 può contare sugli insegnamenti del suo maestro d'arti marziali
e su una moto dei Chips UGUALE UGUALE a quella di Star Knight
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME: Rispettabilmente alto

Kamen Rider Black (仮面ライダーBLACK, 1987-1988)
E qui facciamo un bel salto in avanti di sette anni, perché per un po' i Kamen Rider non se li incoola più nessuno. 51 episodi in cui un Kamen Rider per la prima volta non indossa la sciarpa. Ché i mostri alla fine li combatti meglio senza tutta quella lana addosso, soprattutto quando è agosto e fa i 44 gradi all'ombra. Con la sua tutina scura da Kamen Rider Black e un Grillo Piaggio moddato, Kotaro Minami combatte l'ennesima organizzazione malvagia, quella con il cartellino eliminacode numero 57, la Gorgom, nelle cui file milita anche suo fratello (Shadow Moon) 
dopo che c'hanno fatto il lavaggio del cervello quelli di scientòlogi.
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME DI BLACK: Onesto
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME DI SHADOW MOON: Discreto, anche se sembra una caldaia a pellet

Kamen Rider Black RX (仮面ライダーBLACK RX, 1988-1989)
Le avventure di Kotaro proseguono un anno dopo nei 47 episodi di quella che è stata l'ultima serie dei Kamen Rider per un bel pezzo, ma anche la prima americanizzata per il mercato USA nel '95 con il titolo di Masked Rider, per infilarla nel calderone ribollente dei Power Rangers. Dopo aver sconfitto Gorgom, Kotaro si è trovato una nuova organizzazione dal nome posticcio con cui fare a cazzotti, il Crisis Empire. Negli ultimi sette episodi appaiono praticamente tutti i Kamen Rider delle serie precedenti, in una grande rimpatriata a base di foto imbarazzanti del liceo, battute acide, ripicche, gente che vomita in bagno.
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME: Troppo verde

Kamen Rider Kuuga (仮面ライダークウガ, 2000-2001)
Questa volta il buio dura undici anni. Ma all'inizio degli anni Zero i Kamen Rider ritornano in TV con i 49 episodi di Kuuga. L'imbracchiato tuttologo Yusuke Godai si trasforma, come da tradizione grazie a una strana cintura, in Kamen Rider Kuuga, nemico giurato della tribù dei Grongi.
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME: Poco cavalletta, troppo scarrafone

Kamen Rider Agito (仮面ライダーアギト, 2001-2002)
Il ritorno in scena degli insettoni funziona, ma la macchina del pupazzismo ha bisogno di più roba. Perciò un anno dopo Agito (aka ΑGITΩ) è la prima serie della saga  Kamen Rider in cui ci sono ben tre protagonisti: l'eponimo Agito (il cornutone dorato al centro), Kamen Rider G3 (il coso blu a sinistra) e Kamen Rider Gills (il tizio in verde).
TASSO DI GANZOSITÀ DI TUTTI E TRE I COSTUMI: Vedi sopra

Kamen Rider Ryuki (仮面ライダー龍騎, 2002-2003)
Alla serie Ryuki sei affezionato, perché è una delle prime dei Kamen Rider che hai visto per intero. Il fantozziano Shinji Kido e un gruppo di altri tizi (un motociclista burbero ma stiloso, un avvocato, uno psicopatico…) si trasformano in Kamen Rider e usano i loro poteri grazie a delle carte tipo Magic. No, non è finita. Ciascuno è legato a una specie di creatura totemica (Contract Beast), come un drago, un rinoceronte, un crotalo o un minollo, e deve a) affrontare i mostri di un'altra dimensione, b) sconfiggere gli altri in uno scontro fraticida tipo Highlander/Cavalieri dello Zodiaco prima serie/rampolli di casa Agnelli. Detta così sembra una colossale minchiata, e un po' lo è, ma i costumi sono semplicemente favolosi. Tanto favolosi che ti sei accattato il giochino insipido per PSone e, soprattutto, una cofanata di S.I.C. (Super Imaginative Chogokin) in plastica e metallo realizzati dalla Bandai.
Abbiamo una diapositiva. La versione molto, molto, molto pezzente di questi pupazzini l'avrete vista probabilmente anche nei negozi di giocattoli itaGliani, perché la serie ha subìto il trattamento Power Rangers nel 2009, diventando il secondo serial dei Kamen Rider a sbarcare in America
Con il titolo di Kamen Rider Dragon Knight, e queste facce da pistola qui
TASSO DI GANZOSITÀ DEI COSTUMI: Fuori scala
Kamen Rider 555 (仮面ライダー555, 2003-2004)
Il Kamen Rider che gioca con la Bi-Zona. 50 episodi belli tondi, in cui il protagonista (Kamen Rider Φ's/Phi's/Faiz) combatte con altri Kamen Rider in una guerra tra gli umani e la razza di esseri potenziati nota come Orphnoch. E? E niente, che non hai mai visto neanche mezza puntata. Il prossimo.
TASSO DI GANZOSITÀ DEI COSTUMI: Ragguardevole

Kamen Rider Blade (仮面ライダー剣, 2004-2005)
Alla base ci sono di nuovo il tema delle carte da gioco collezionabili, ché sono facili da vendere ai ragazzini, e vari Kamen Rider (Blade, Garren, Leangle) che mettono le mani addosso a dei non-morti. No, non è una bella immagine. La serie si chiama Blade, a scelta, per il tema ricorrente del seme picche, oppure perché tutti questi tizi hanno dei caschi a forma di vanga e piccone.
TASSO DI GANZOSITÀ DEI COSTUMI: Colpevolmente basso

Kamen Rider Hibiki (仮面ライダー響鬼, 2005-2006)
E siamo di nuovo al 2005, a quell'episodio guardato all'alba, alla lotta di una serie di Kamen Rider dai costumi fantastici (dapprima il solo Hibiki, poi Ibuki, Todoroki e Zanki) contro demoni che possono essere sconfitti solo con i suoni. Da qui quelle armi a forma di mazze di tamburo e, uh, chitarra elettrica e tromba. La serie era talmente diversa da tutte le altre stagioni dei KR, che la produzione ebbe alcuni problemi. Laddove "alcuni problemi" vuol dire che hanno licenziato in tronco gli autori e che hanno fatto scrivere ad altra gente gli episodi da un certo punto in poi. Anche di questo hai comprato il gioco (per PS2, fa schifo) e il DVD del film-prequel
(fa pena anche quello). Ma i costumi con le corna da oni e quei colori non si discutono.
TASSO DI GANZOSITÀ DEI COSTUMI: Rocco Siffredi

Kamen Rider Kabuto (仮面ライダーカブト, 2006-2007)
Porca paletta stai facendo di nuovo tardi. Uno si mette a incollare foto di tizi in costume da cavalletta e il tempo vola, guarda. Kabuto, più che una maschera da cavalletta, aveva un CERVO VOLANTE APPICCICATO IN FRONTE, ma la sua serie rappresentava comunque un ritorno alle origini dopo tanti Kamen Rider diversi, sperimentali, perfino pochissimo motorizzati e quindi pochissimo rider. Assieme ad altri KR maggiolinati, Kabuto combatte dei vermoni alieni arrivati in sella a un meteorite. Altri KR tra cui, principalmente, TheBee
Con questo costume killbillo e questa moto STUPENDI qui. E sì, TheBee è scritto tutto attaccato.
TASSO DI GANZOSITÀ DEI COSTUMI: Bassino, ma TheBee spacca
Kamen Rider Den-O (仮面ライダー電王, 2007-2008)
Un tizio sfigato che è una singolarità vivente, un punto di contatto tra diversi piani dello spaziotempo, che deve fare i conti con dei tizi del futuro anche se vorrebbe starsene a casa.
TASSO DI GANZOSITÀ DEI COSTUMI: Occhio all'alettone

Kamen Rider Kiva (仮面ライダーキバ, 2008-2009)
Ancora viaggi nel tempo, ma con due storie intrecciate come i diti ai bei tempi... brutti tempi... ai tempi di Giucas Casella. Il figlio combatte nel 2008 contro dei vampiri succhiaenergia chiamati Fangires, mentre il padre fa lo stesso nel 1986. Senza combinare a quanto sembra una cippa, visto com'è incasinato il presente.
TASSO DI GANZOSITÀ DEI COSTUMI: Bah

Kamen Rider Decade (仮面ライダーディケイド, 2009)
Gli ultimi dieci anni di Kamen Rider frullati in un'altra grande rimpatriata da 31 episodi. Tsukasa Kadoya deve visitare delle realtà simili ma non identiche a quelle dei nove precedenti Kamen Rider e risolvere dei casini per evitare che la propria venga distrutta. Esatto, tipo la serie Marvel degli Exiles. Film, videogiochi (PS2, di cui agevoliamo il servizio) e pure un bel crossoverone con una serie dei Power Rangers (Samurai Sentai Shinkenger), via.
TASSO DI GANZOSITÀ DI DECADE: La X sul petto è forte, ma sembra caduto di faccia sulla griglia del barbecue

Kamen Rider W (仮面ライダーW, 2009)
Una storia molto I-Zenborg di due tizi che si trasformano in un unico super-essere, Kamen Rider W (o Double), occasionalmente munito di sciarpa (non se ne vedeva una nella saga, leggi su wikipida, dall'84). Nel corso della serie da questa forma base neroverde, CycloneJoker, ne verranno tirate fuori una quindicina, con varie combinazioni delle metà disponibili.
Quella FangJoker, apparsa in un film, è particolarmente tosta. Un po' troppo Mengoni a San Remo, forse, ma tosta
TASSO DI GANZOSITÀ MEDIO: Dignitoso

Kamen Rider OOO (仮面ライダーOOO, 2010-2011)
Fine 2010, Kamen Rider OOO (pr: Ooooss) lotta contro i mostri Greeed (le tre E non sono un refuso) che traggono i propri poteri da alcuni medaglioni, ritrovandosi tra i piedi una fondazione anch'essa a caccia di questi manufatti. Ne sono stati tratti un videogioco per Wii e PSP e una cinquina di film cross-over.
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME: Bueno

Kamen Rider Fourze (仮面ライダーフォーゼ, 2011)
Appena una settimana dopo la fine di OOO, lo scorso settembre, debutta in TV Fourze. Serie che da una parte è un omaggio al 50° anniversario del volo di Yuri Gagarin nello spazio (da qui il tema spaziale di costumi e storia, e la moto shuttle), e dall'altro celebra il 40° compleanno della saga dei Kamen Rider. Non hai il coraggio di vedere che roba è.
TASSO DI GANZOSITÀ DEL COSTUME: Un pugno in un occhio

Pèm!
E abbiamo finito. Anche se con ogni probabilità non avete mai visto una sola puntata di queste serie, quale costume vi piace di più?

POST CORRELATI
Tutte le serie dei Power Rangers
Tutti i compagni di merenda di Godzilla




39 commenti:

  1. Senza ombra di dubbio il primissimo Kamen Rider ma quello del remake, bello semplice, senza troppi fronzoli e con un'ottima combinazione di colori, che per essere una cosa giapponese é un miracolo... poi con la giacca di pelle sulla scala da uno a Fonzie é Henry Winkler

    RispondiElimina
  2. TheBee è ganzo, ma pure gli hibiki sono gagliardi. Peccato che 'sta roba live action non mi sia mai piaciuta ma mi ha sempre causato fortissime risate anche da bambino.

    p.s. l'ultimo Kamen Rider sembra più che altro celebrare la scoperta delle supposte.

    RispondiElimina
  3. quello che mi piace di più è il kamen rider W bianco e nero (anche se assomiglia troppo ad una certa squadra vabbene lo stesso)
    PS: il kamen rider black RX c'è l'ho ancora come giocattolo e adesso che rivedo la sua controparte reale devo dire che il giocattolo è fatto proprio proprio bene

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Io ho visto quasi tutto den-O ( quasi perchè a un certo punto ho smesso perché... Bho? Ero impegnata e poi mi sono scordata di scaricare gli ultimi episodi, credo) e mi è piaciuto. Non roba da strapparsi i capelli, intemdiamoci, ma era una visione leggera e divertente e molto, molto meglio di un qualsiasi power ranger con i loro tutini ridicoli e la parlata gestuale.
    ( e i costumi in media sono fighi, sono stata a tanto così dal comprarmi il pupazzino del mostro rosso di Den-O su Ibey, devo essere zincera!)

    RispondiElimina
  6. I pupazzi, soprattutto quelli menzionati della serie S.I.C., sono incredibili. E, spesso e volentieri, migliori dei tizi in costume che rappresentano.
    Kamen Rider Taiga (tiger) il KR con gli artiglioni che si vede nella foto delle action figure di Kamen Rider Ryuki, è incredibilmente molto, molto più dettagliato della sua controparte in carne e gommapiuma.

    La versione pupazzata del personaggio, assieme al Kamen Rider di KR The First e a TheBee, è probabilmente il mio KR preferito, btw.

    RispondiElimina
  7. Uhmm, io le serie le ho viste quasi tutte, e quasi tutte per intero.. Che dire? Che c'è una discreta (leggi: enorme) differenza tra i Rider Showa (fino all'RX, in pratica la gestione Ishinomori) e i Rider Heisei (dallo Shin, che hai dimenticato assieme a ZO e J, in poi). Poi vabbè, cosette sparse tipo la deriva splatter di Amazon (a cui non daresti due lire vedendo quel costume), la magnificenza di Black e l'onnipresenza di V3 (il più amato dai Giapponesi, come diceva anche la pubblicità delle cucine, ma effettivamente la serie merita). Poi il primo morpher, l'RX, con 3 forme distinte (le due accessorie MOLTO più belle del costume verde/nero).

    Poi succede che i Metal Hero (filone parallelo bellerrimo ma slegato) cadono in disgrazia e vengono segati, e sai che c'è?, rilanciamo i Kamen Rider con Kuuga, inserendo però alcuni temi tipici del filone appena estinto. All'inizio è un successo dietro l'altro (Kuuga, Agito, Faiz e Ryuki sono davvero notevoli, tra trame complesse, capovolgimenti di fronti, uccisioni a gogo, altro che non si fa male nessuno). Blade non sono mai riuscito a seguirla, non so perchè, sulla carta ha tutte le carte in regola ma mi areno sempre verso il decimo episodio. Kabuto si riprende alla grande, poi arriva Den-O a fare danni, nel senso che provano a inserire l'umorismo becero in un franchise prima serissimo e dark, e beh, continuano a uscire film e special di Den-O ancora oggi. Bah. Kiva ha dei costumi osceni ma la storia dei due piani temporali è ben gestita e sorprende in più punti, Decade è finita semplicemente troppo presto perchè aveva ancora tanto da dire (e dare, ma la forma potenziata di Decade sembra un incrocio tra un termosifone e uno scaffale per le spezie del supermercato). W è Detective Conan telefonato, OOO parte male ma si riprende parecchio. E Fourze, che è una delle cose più VERGOGNOSE abbia mai visto in tipo 15 anni di tokusatsu (cosa che dico quasi ad ogni inizio serie, ma qui non ci sono accenni di miglioramento).

    RispondiElimina
  8. Un bel po' di trasformazioni (henshin!):
    http://www.youtube.com/watch?v=XGQpxQpU-Vk&feature=related

    Al minuto 1:00 ci sono i tizi di KR Ryuki


    Formatted Brain: KR Shin, Zo e J sono film. Si sono elencate solo le serie TV perché i film e gli special TV sono millemila.
    In Ryuki non moriva mai nessuno. Ma tipo mai. Neanche dopo le cannonate di Zolda. Erano lì a rigirarsi tenendosi la pancia, ma non schiattavano. Di Faiz non ho visto nulla, come detto, di Agito e Kuuga solo una manciata di episodi. Non mi piacevano e le ho mollate.

    Visto che siamo in argomento, c'è qualcuno dei film recenti che merita?

    RispondiElimina
  9. Allora premesso che da qualche parte nello sgabuzzino a casa di mia mamma sepolto da un sacco di cianfrusaglie dovrei avere la moto del primo Kamen Rider con annesso pupazzino in posa cacatoria da mettere in sella. Direi che quello che mi attizza di più come costume è l'Hibiki che nel poster del film sta in alto a destra, quello con le alette tipo Hawkman, ma non mi dispiace neanche quello in primo piano di Kamen Rider Kiva che forse Doc. ti è sfuggito ma ricorda fottutamente quel simpaticone e psicopaticone di Carnage!!!

    RispondiElimina
  10. L'originale del remake (?), il The First del 2005 è decisamente il migliore nella sua semplicità e bikerosità.
    A seguire l'Ape e la sua moto (che se fosse stata davvero un'Ape Piaggio moddata sarebbe stato un epic win xD).

    Gli altri spaziano tra il ridicolo, l'abominevole e il noncentrauncazzoconlaserie. Cioè, tipo i Ryuki sono fichi, ma sono pauer rengier alla corte di Re Artù (quello de La Spada di King Arthur). Quindi interpreto il tuo "Fuori scala" come "Belli ma altro"
    Stesso discorso per gli Hibiki. I migliori costumi. Ma di qualche altra cosa.

    PS: Ma quanto è Mazingoso il Kamen Rider Black dell'87, con quelle spalline tonde, busto, pugno atomico, mutandoni e stivaletti neri con addome, avambracci e avangambe grigie? Ce l'aveva il missile centrale? xD

    RispondiElimina
  11. Formatted-Brain, al di là delle note idiosincrasie di Blogger, i tuoi commenti finivano sistematicamente nel filtro antispam. Vai a sapere perché. Ora che li ho sbloccati dovrebbero andare.

    RispondiElimina
  12. formatted_brain23 novembre 2011 11:10

    E pensa te, google mi ha pure sospeso l'account (che usavo solo per postare qui. Mah).
    Comunque, più che i film (che sono sempre delle cose arraffazzonate, e ultimamente legati a filo doppio alle serie, ma più tardi provo a fare un po' di mente locale) consiglierei il primo caleidoscopico episodio di Decade, che merita (best first episode eva)

    RispondiElimina
  13. La prima cosa che mi ha colpito è che il Doc afferma di aver visto questa benedetta serie di KR arrivata in Italia nei primi anni 80, di cui non si sapeva se fosse stata trasmessa o meno , con il titolo di Black Ant.
    E magari il Doc poteva dire che il manga è disponibile in italiano e che ci siamo dovuti sorbire la versione yanke del personaggio, Masker Rider.

    Per il resto, mai piaciuto più di tanto, che a fare 200 serie con lo stesso canovaccio e millemila varianti del costume stufa.
    Salvo giusto il primo KR, che ha il suo fascino.

    RispondiElimina
  14. Il Kamen Raider 555 in nero, quel casco/elmo fa molto samurai!

    RispondiElimina
  15. Sam: Black Ant "sarebbe dovuta essere", leggo, una versione tradotta di KR Super 1. Parliamo dell'82, a giudicare dai giocattoli distribuiti da Ceppiratti, e quindi come date ci siamo. Io però l'ho vista. Non so se fosse effettivamente Super 1 o che, ma c'erano queste robe dei KR in moto e con gli sciarponi. Qualche antrista partenopeo ne ha memoria?

    Masked Rider è andato su Italia 1, mi pare, mentre KR Dragon Knight di sicuro su Boing, forse anche altrove. Ma sono le versioni tarocche ammerrigane, e non ci interessano.

    RispondiElimina
  16. Il Kamen Rider in stile Kill Bill spacca di brutto.
    Anche quello troppo verde non è male...e certo che me lo ricordo, MASKED RIDER!!!
    Che per infilarlo nel calderone bollente dei Power Rangers, gli autori-licenziati-da-un-calcio-in-coolo-meccanico-di-Zio-Paperone si erano inventati che tipo Alpha 5 aveva prestato servizio da Kamen Rider manco fosse un filippino a ore e che per questo i Power Rangers da nemici di Kamen Rider erano diventati amici.
    Ma se vogliamo parlare di Kamen Rider americanati...chi si ricorda dei BEETLEBORGS? Sì, di quei tre nerd fino al midollo che riescono a diventare i loro eroi dei fumetti preferiti?

    RispondiElimina
  17. Doc. girovagando x il web ho trovato questo Kamen Raider Skull che fa bruttissimo!! Che ne dite??
    http://2.bp.blogspot.com/_uzqF4sxcW3c/TMBHpLLBTAI/AAAAAAAABvU/1l0aertVFxo/s1600/w563.jpg

    RispondiElimina
  18. Masked Rider me lo ricordo, mi piaceva, ma ho solo immagini sbiaditissime nella memoria....

    Il costume migliore e' KR Blade, sopratutto per quella pettorina che fa molto personaggio di Toriyama.
    Personaggio trash del giorno, sicuramente riderman, bruttissimissimo

    RispondiElimina
  19. Quante sere passate a guardare i Kamen Rider... Molto belli quelli Heisei, almeno fino a Kabuto, poi Den-O ha iniziato a fare danni e stiamo ancora raccogliendo i cocci.

    Per chi volesse dargli un'occhiata li trova tutti e anche di più (dove anche di più vuol dire il live action di Sailor Moon -_-, quello di Cutie Honey O_O e GARO, che mi sento di consigliare, se non altro per la tamarraggine intrinseca. E poi son solo 25 episodi) su tvnihon.com, comodamente sottotitolati in inglese.

    RispondiElimina
  20. Ricordiamoci una cosa molto importante, che l'attore che interpreta il primo Kamen Rider, allo stesso tempo è anche il mitico Segata Sanshiro, la mascotte del Sega Saturn.

    Comuqnue il costume più ganzo di tutti è quello di TheBee.
    Anche se devo dire che apprezzo molto la cialtroneria di alcuni costumi.

    RispondiElimina
  21. Direi che la serie Riuky vince alla grandissima, e mi piace molto anche il design della 555.
    Una cosa è certa però, voglio fortissimamente la grillo-bike!

    RispondiElimina
  22. L'ho sempre trovato uno strafico, anche se in realtà so molto, ma molto poco su di lui...

    RispondiElimina
  23. Voto senza esitazione per il Tizio con gli Occhialoni da Cecato, anche perché è palese che i suoi occhi non possono anatomicamente essere sotto le palle arancioni, per cui rizpect!

    Voto anche per la prima Kamen Rider femmina (da quel che ho capito, anche l'unica, o le altre non erano degne di nota?), ché sono sempre stato un femminista convinto!

    RispondiElimina
  24. Visto che siamo in argomento (spero), mi appello all'onniscenza del Dottore per cercare di recuperare una serie che guardavo da piccolo, con tre tizi che avevano delle armature (rossa, gialla e verde/blu). Non erano i Beetleborg. Il giallo aveva una ruota nel petto (tipo ruota di moto). Aiutatemi!

    RispondiElimina
  25. formatted_brain23 novembre 2011 17:43

    Winspector (filone Metal Hero)

    RispondiElimina
  26. Rizar: facile. Special Rescue Police Winspector. In Italia solo Winspector.

    RispondiElimina
  27. Grande! Sono loro, avevo tutte e tre le action figure al tempo.

    Grazie mille!

    RispondiElimina
  28. Mi sono divertito tanto a leggere questo post! Un gran lavoro.
    Bret Easton Hellis senza laghi di sangue

    RispondiElimina
  29. TheBee è l'unico con un gusto motociclistico adeguato dato che guida una supersport (direi un CBR a giudicare dal forcellore). Ma perchè gli altri devono avere dei paperini smarmittati?

    Che diamine: dal popolo che continua a produrre le motociclette più belle del mondo uno si aspetterebbe un minimo di stile!

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. I Rider di Ishinomori(quelli anni 70-80 oer intenderci) sono i migliori! Specialmente quando piagnuccolano che non gli piace essere cyborg. XD Per non parlare poi che ogni bambino giapponese dell'epoca indossava pantaloncini super corti.XD E come non dimenticare le sfigate comparse che vengono incenerite o tramutate in scheletri dai mostri della settimana,o i soldati Shocker che strillano in continauazione?

    RispondiElimina
  32. Kamen Rider Kiva se ne andava in giro con una honda shadow di tutto rispetto...
    La moto di Kamen Rider W è molto, molto polifunzionale! Si divide in due: la parte col manubrio resta e quella posteriore è intercambiabile (moto, aereo, hovercraft, carro armato e mechamammuth!). Kamen Rider Accel, comprimario di W, ha una trasformazione in motocicletta con tanto di sgommata in faccia al Dopant di turno.
    Kamen Rider OOO... la sua moto è... ehm... un distributore di lattine-robot di supporto molto yattaman.

    RispondiElimina
  33. Porca miseriaccia!!! In una botta sola mi hai resuscitato nella mente Megaloman e gli I-zenborg. Ma sei impazzito a fare queste cose?
    Fanculo alle cavallette, mi vado a vedere le sigle di Megalomen (che mi ricordo che mi faceva anche paura lui):

    http://www.youtube.com/watch?v=u3y3VYklv4w

    E quella di I-Zenborg:

    http://www.youtube.com/watch?v=FPGYORixatc

    Mamma mia quanto sono vecchio!


    Mi avevano regalato anche l'aereo trapanone, mi ricordo che me lo portavo ovunque ed era pesantissimo perchè (credo) parzialmente fatto di metallo. Dava proprio l'impressione di robustezza.

    RispondiElimina
  34. Sapevo dell'esistenza dei Kamen Rider solo da un articolo apparso sui primi numeri di Kappa Magazine nei primi anni '90, ma ignoravo che qualcuna di queste serie fosse addirittura arrivata in Italia...
    Sicuramente hanno il loro fascino (anche se non capisco la formula casco da motociclista + occhioni da insetto) ed alcune tute sono molto belle, mentre altre sono decisamente esagerate e pacchiane (vedi Riderman, Kabuto, i due Blade, Den-O, W e Fourze che non si può proprio vedè con quel casco e quella moto-space-shuttle).

    Per quanto riguarda le preferenze, il miglior look è quello del Kamen Rider: The First (quello blu), seguito a distanza da:

    - Kamen Rider Super-1 (se escludiamo le frangette sui guanti)
    - Kamen Rider Black
    - Kamen Rider 555 (quello rosso)
    - Kamen Rider Hibiki (quello col casco alla Spiderman 2099)
    - TheBee (complimenti per l'inglese)

    RispondiElimina
  35. Da membro di un fansub che si occupa di queste amenità, SONO COMMOSSA! Ho tipo una passione viscerale per Sentai e Rider *^* Però ti consiglio di vederlo Fourze, a me piace da impazzire *^* Il costume all'inizio inquietava anche me ma poi ci fai l'abitudine xD

    Charlie

    RispondiElimina
  36. Qualcuno di voi ha mai letto il manga disegnato dallo stesso Ishinomori?

    RispondiElimina
  37. Vi mancano ancora 2 serie: Kamen Rider Gaim e Kamen Rider Wizard

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails