Spider-Man: No Way Home, recensione (e discussione) con SPOILER

Spider-Man No Way Home recensione con spoiler

A beneficio degli amici a-social, ecco l'incipit della recensione di Spider-Man: No Way Home che hai scritto per ScreenWeek. È un articolo CON SPOILER, occhio. Proprio per questo motivo, nei commenti potrete scrivere quello che vi pare sulla trama, con spoiler libero.

Sì, Spider-Man: No Way Home nel complesso mi è piaciuto. La versione molto breve di quanto state per leggere è che, a mio giudizio, è un film godibile, con alcuni momenti davvero riusciti, altri forse un po’ più sgonfi. Ma bello, dai. Il punto è che c’è dell’altro. Tanto altro. Solo che per parlarne occorre ribadire che, da qui in poi, è TUTTO SPOILER. Se non avete ancora visto Spider-Man: No Way Home, ripassate quando lo avrete fatto. Siete ancora con me? Bene, andiamo. [...]

Spider-Man No Way Home recensione con spoiler

Dicevamo, dell’altro. Tutto quello che Spider-Man: No Way Home si è portato dietro, come uno zainetto, nei mesi scorsi, e quello verso cui apre nell’immediato futuro. C’è il mood con cui ho visto il film e c’è il ruolo e il senso dello Spidey di Tom Holland per i vecchi lettori di fumetti come me. Perché, come da titolo, quello di Tom Holland non è mai stato il mio Spider-Man, e la cosa mi è risultata ancora più evidente con questo terzo capitolo della sua trilogia, però alla fine mi sono ritrovato lo stesso a fare il tifo per lui. Non il mio Spider-Man, ma un ottimo Spider-Man comunque. Anzi, un ottimo Peter, che è quello che più conta.

Ma andiamo con ordine.

La verità è che avrei voluto vedere il film un’altra sera. Rinunciare ai biglietti prenotati per quello spettacolo in seconda serata, che sarebbe terminato all’una di notte; scegliere un altro giorno, perché sono andato al cinema disintegrato da alcuni giorni tumultuosi. Solo che ci sono andato lo stesso, perché temevo fortemente che qualche stronzo simpaticone mi avrebbe spoilerato tutto quello che c’era da spoilerare. La stupidera del “ti racconto il film” ha raggiunto per Spider-Man: No Way Home livelli assurdi, perché l’hype di livello drago montata sulla pellicola ha dato campo libero a trolloni di professione e giovani sgraziati, di quelli che presi dall’entusiasmo scrivono qualsiasi cosa su Twitter, senza freni. Salvo poi aggiungere un “Ah, già, spoiler” alla fine, dopo che già con la foto ti hanno detto qualsiasi cosa. I maledetti.

E insomma, dopo giorni di slalom sui social, che seguivano mesi di bombardamento di voci di corridoio, uno si trova ad andare al cinema non solo perché incuriosito da un film (e lo ero, chiaro), ma anche e soprattutto per a) vedere se le voci di corridoio erano vere, e b) vederlo comunque con i propri occhi, prima che te lo sveli Mimmolino_99 su un social network. Resta quello che è, entertainment, ma con una componente di stress che è surreale.

IL RESTO DELLA RECENSIONE QUI


regali di natale nerd antro 2021
Regali di Natale nerd - 2021
61 

Commenti

  1. La sola cosa che mi sento davvero di aggiungere, che poi per me è statabla vera sorpresa del film, è quanto meravigliosamente meraviglioso sia il nuovo costume da Goblin di Wilhem Defoe. Soprattutto perché, con vent'anni di senno di poi, il mascherone di goblin faceva molto meno goblin che non la sola faccia diWilhem Defoe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mascherone da Power Ranger era già buffo vent'anni fa, oggi improponibile. Ma quanto è Gianni Morandi, su una scala da zero a Gianni Morandi, Defoe in questo film?

      Elimina
  2. Vogliamo parlare del trailer di Dottor Strange? Cioè, io mi stavo ancora beando della (fugace) apparizione di Rachel McAdams in abito da sposa e loro ti scodellano così lo Strange Supremo di What If...? Io ho lanciato un urletto stile fangirl!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me l'unica vera sorpresa della serata. Fico.

      Elimina
    2. Siamo sicuri sia quello di What If?

      Elimina
    3. Siamo sicuri sia quello di What If?

      Elimina
    4. Sì, è lui. Tra l'altro Kevin Feige aveva detto che alcuni personaggi di What If...? sarebbero apparsi nei film, ma tutti hanno pensato a Captain Carter.

      Elimina
    5. Ma Shuma-Gorath in quel trailer l'ho visto solo io?

      Elimina
  3. Di Matt Murdock ero abbastanza sicuro perché il giorno prima nella 1x05 di Hawkeye avevo visto, ehm, cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come unknown, ho fatto login con Google e mi dice unknown -.-

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Comunque Unknown è un vecchio personaggio Marvel, quindi stai a posto... :-)

      Elimina
  4. Quanto ho goduto nel vedere Charlie Cox come assistente legale di Peter! 🤩
    Tra le anticipazioni ere quela che speravo maggiormente fosse confermata. Non vedo l’ora di sapere come il personaggio verrà utilizzato nei prossimi film.
    E i tre Spider-Man insieme? Che ve lo dico a fare 🤤
    Poi il salvataggio di MJ da parte dello Spider-Man di Andrew Garfield…cascate del Niagara 🥺😭
    Ecco,mi sono sfogato 😅
    Grazie Doc 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrew Garfield che salva M.J. ...è incredibile quanto io avessi bisogno di una cosa del genere senza saperlo!

      Elimina
  5. Redferne:
    Concordo, Doc.
    Non e' il MIO Spider - Man, questo.
    Cinematograficamente parlando, il mio e' quello di Raimi.
    Ma qui ho trovato una bella storia e bei personaggi, seppur necessariamente svecchiati e riadattati.
    Ti diro', ero partito prevenuto al massimo. E pronto a non farmi andare bene niente.
    Perche' temevo di trovarmi davanti all'ennesima operazione nostalgia, che a dirla tutta mi hanno un po' rotto.
    E' il difetto che ho riscontrato con Ghostbusters: va bene omaggiare, ma insistere sempre e solo su quello no.
    E qui mi sembrava che virassero sempre sui film di Raimi ogni volta che non erano ben sicuri su cosa fare.
    Perche' i due Amazing contano zero, per me.
    Poi, parlando di multiverso, trovo che l'animazione se la cavi meglio rispetto agli attori.
    Tutto dipendeva da quanta voglia avessero di rimettersi i costumi.
    Per fortuna, sono tutti in palla. Pure il gatto di marmo Garfield, visto che si trova il modo di nobilitare pure lui.
    Oh, contro non ho nulla, in Hacksaw Ridge era bravissimo.
    E' sbagliato per Spidey, punto.
    Ha ragione Molina quando dice che alla fine lo fai per i soldi, che ti frega.
    Ma non significa che non si debba fare un buon lavoro.
    Poteva andar peggio, viste le premesse.
    Bravi. Non ho altro da aggiungere.
    E cosi' pure L'MCU ha avuto il suo Spider-Verse.
    Fermo restando che quello VERO lo attendo al varco il prossimo anno (sappiamo cosa arriva ad Ottobre, vero?).

    RispondiElimina
  6. Oh finalmente!
    Dunque, per punti alcune riflessioni che mi tengo dentro da quasi una settimana
    1) Sicuramente l'Uomo Ragno della nostra generazione (1976 da queste parti) è Tobey Maguire, vuoi anche solo perché è complessivamente quello più fedele al primo Ragno dei fumetti. Ma ciò non toglie che se 20 anni fa, all'uscita del primo film di Raimi, mi (ci avessero) detto "Guarda che tra vent'anni i film saranno in tutto otto, di cui l'ultimo sarà una combo dei tre" credo che ci avrei creduto al pari di "Guarda che tra vent'anni Silvio salirà al Quirinale"... oh wait... Vabbè questa riflessione non è strettamente legata al film

    2) Tornando alla recensione di Doc, già anticipata nella diretta dell'altro giorno, tutto vero il discorso degli spoiler che, per taluni (compreso chi scrive), ha ammazzato l'hype ed il sense of wonder. Per me unica sorpresa è stata la morte di zia May (peraltro molto bene resa e molto ben funzionale alla maturazione di PP/Holland alla versione comunque complessata del Ragno, quindi più coerente con quello che abbiamo sempre amato). Ma, ed arriviamo al ma, ex post posso dire che qui la visione e le aspettative del film si erano personalmente spostate dal "cosa succede" al "come succede"... e, entrati in questa ottica, il film ed in particolare modo il secondo tempo è probabilmente la cosa/FanService/ChiusuraDelCerchio migliore che potesse essere fatta. Tralascio i rimandi ai meme su Goblin, Maguire ed i tre spiderman, che strappano un sorriso sicuramente.
    Ma, in ottica "sedimentazione" delle sensazioni nel medio/lungo periodo, io so già che PER ME tra qualche anno qui venti secondi che vanno da "I love you guys" all'atterraggio sulla testa della Statua saranno DI GRAN LUNGA la "cosa cinematografica nerd" (nerd in senso ampio) più bella, più gasante, più tutto della mia carriera nerd (al cinema). E parliamo di uno che:
    -ha visto l'ultima crociata al cinema
    -ha assistito due volte alle reazioni (di una ex, decenni fa quando riproposero la trilogia originale al cinema, e delle mie figlie pochi anni fa) a "I am your father".
    -ha visto al cinema BTTF2 (che per me resta il migliore della trilogia)
    -ha visto ovviamente al cinema, e si è gasato come dovuto, per cap che solleva mjolnir e soprattutto per Avengers Assemble

    3) Di nuovo, tutto scontato ma l'idea del sostanziale reboot dello SM di Holland preannuncia altri film a piena dimensione NewYorkese e di questo credo saremo tutti entusiasti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E Vader alla fine di Rogue One dove lo metti?

      Elimina
  7. 4) Venom: non ho visto Venom2 (e nemmeno il primo in realtà) ma ho recuperato la scena pc e dal dialogo tra Venom e Eddie mi pare di poter trovare la spiegazione sull'apparente buco di sceneggiatura: il simbionte spiega che la propria coscienza è per così dire "trasversale" al multiverso (usa il termine "Hive" in inglese), per cui nel momento in cui un simbionte sa (quello di SM3 di Raimi, e più in generale un qualsiasi altro simbionte di un qualsiasi altro universo... e ciò mi porta al punto successivo), sanno tutti. Regge?

    5) KRAVEN cazzo! Ma l'ho visto solo io che se ne parla pochissimo??? E' evidente dunque che tra i vari universi che Dr. Strange cerca di rattoppare c'è anche quello canonico dei fumetti.

    6) Qui forse sono l'unico, ma dei tre PP di questo film, quello che secondo me ne esce meglio (forse perché partiva da aspettative più basse) è Garfield. Bravo lui, e molto molto bello il suo Peter/UR, forse pure più di quello di Maguire. E non parlo solo del salvataggio di MJ citofonatissimo, e nemmeno del comunque piacevole dialogo sui villains incontrati ma più in generale del suo ruolo di Peter "pessimista" contrapposto al Peter "in pace con sé stess" Maguire ed al Peter "troppo ingenuo all'inizio, ed ancora troppo poco Peter" Holland.

    7) A proposito del dialogo tra i tre sui villains incontrati, mi sono risentito in inglese il dialogo, e qui da vecchia guardia devo dire che se in fase di doppiaggio al posto di "Incredibile" avessero tradotto "Amazing" con l'aggettivo iconico in Italia ("Stupefacente"), avrebbero probabilmente guadagnato una lacrimuccia in più dalle mie parti.

    8) Villains: non pervenuti Lizard e Uomo Sabbia, poco incisivo Foxx (scontato a modo sui anche il dialogo sullo Spidey di colore), Doc Ock forse un po' penalizzato, mentre Dafoe è il Goblin perfetto punto.

    9) Se le serie Netflix sono almeno in parte "canon" (Daredevil e lo spoiler su Occhio di Falco, che non ho visto ma che mi è arrivato), la speranza è inevitabilmente quella di rivedere forse la trasposizione (fisicamente parlando) migliore di un personaggio marvel dai tempi di Jackman/Wolverine, e mi riferisco ovviamente al Punitore.

    10) Concludo, per la prima volta in grande disaccordo con ZeroCalcare la cui recensione è uscita ieri per chi se l'è persa, promuovendo il film soprattutto per il "come" e più in particolare per un secondo tempo ed ancor più in particolare anche solo per quei 20 secondi che se me li avessero preannunciati 20 anni fa probabilmente starei ancora ridendo.

    11) A margine, una riflessione da vecchio matusa. Tanto, tantissimo fa in questi caso quella che io chiamo "sedimentazione". Vedere 7 film di spiderman in un anno per prepararsi a questo, od anche in 5 anni per di più senza aver letto i fumetti crea SPETTATORI DIVERSI rispetto a chi ha letto per decenni spiderman (mollai poco prima di One More Day), di chi i film di Raimi li vide al cinema e man mano quelli successivi. Questo discorso l'ho personalmente oramai assodato quando, all'uscita di Episodio VII, in un altro forum un giovinetto scrisse "Come posso fare per godermi pienamente Ep7?" A me venne da rispondere: Vedi Ep4. Aspetta due anni (magari rivedendotelo). Vedi Ep. 5. Aspetta due anni (magari rivedendotelo). Vedi Episodio 6. Aspetta quindici anni. Vedi Episodi 1-2-3 anche assieme (sono buono). Aspetta altri dieci anni."
    E questo vale per tutte queste cose, per cui i confronti tra recensioni di chi è un tipo di spettatore rispetto a chi è un altro tipo di spettatore valgono poco o niente. Ognuno ha la propria esperienza prima ancora che "sensibilità cinematografica" o "aspettative". Ma insomma, qui mi sto vestendo da Capitan Ovvio per cui chiudo!

    Auguri ancora per i tuoi 36 anni doc!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per rispondere al tuo punto 5, sono curioso anch'io di rivedere le sagome dei villain che si intravedono alla fine, quelli che stanno per entrare nell'universo "MCU"... purtroppo si vedono per troppo poco!

      Elimina
    2. Stranamente non trovo nulla nel web a tal proposito. Io ho notato solo Kraven, ho letto che si è visto anche Rhino, ma poi boh

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Anche io non ho notato Kraven, ho visto la sagoma di Rhino (il corno era abbastanza contraddistinguibile), ma per la verità di quella scena non stavo capendo nulla; per come è staga resa ho pensato ai celestiali, Tribunale Vivente, Mefisto... Insomma ad una combriccola di entità cosmiche che si appropinquava dal cielo. Le sagome sono enormi! Non mi è piaciuta proprio come scelta di messa in scena.
      Comunque:
      9) anch'io ho pensato subito a Punisher nell'MCU... Sarebbe mitico vederlo nelle vesti di antieroe (sogno: vs Wolverine), o magari proseguire un ciclo di film o serie dai toni crudi, come del resto è stata la serie Punisher, ma coerenti all'interno del MCU, con un Ghost Rider, un Catnage o altri tizi più cupi!

      Elimina
  8. Visto e…. no, per me è un no.
    Le uniche emozioni che questo film mi poteva dare sono state tutte (come descritto perfettamente da te Doc) rovinate dalla campagna mediatica (che comunque haha funzionato) che ha girato attorno al lancio del film e dagli hype confermati che questo film ha presentato. Ecco perché questo film non è riuscito neanche a meravigliarmi più di tanto. C’era il multiverso, c’era la magia (espediente che ha la capacità di giustificare qualsiasi cosa since 1940 nei media) e c’era questa cosa dell’incontro/scontro MCU/SONY, era quindi inevitabile che mi aspettassi quanto visto senza provare poi così empatia.
    Ok, si, c’è quel vecchio Spiderman di quartiere, Peter Macguire, che quando è arrivato ovviamente mi ha lasciato un bel sorriso, c’è quell’azione sul finale con il salvataggio di MJ di uno Spiderman incredibile che ovviamente ti lascia un po col fiato sospeso e c’è quella comparsa lì, il Devil di Netflix, che mi ha forse sorpreso più di tutti ma non basta, perché, appunto, non c’era più l’incanto.
    E se non cera più l’incanto cosa rimane? Battutine con tempistiche decisamente sbagliate, nemici un po così, soluzioni scialbe, Strange in stato di disgrazia e un finale che più “WTF?” di così si muore. Tanto per dire, lo Spiderman di Raimi mi era sembrato molto meno sempliciotto.
    Se posso dare un parere (che come tale va preso per quello che è) mi è sembrato francamente di vedere un episodio a caso dei cartoni animati sui supereroi degli anni ’90, fatto per lo stesso target, e con le stesse soluzioni (avete presente quando su un vecchio cartone animato succede una cosa e tu la prendi per quello che è senza pensare alle cose che implica, quello).

    Comunque è meglio di Eternal…

    RispondiElimina
  9. "Chi non c’era nel 2002, o chi ai tempi era troppo giovane, non credo possa capirlo. Non è facile provare quello che provò ai tempi qualsiasi Marvel fan che leggeva fumetti da una vita, e che quel momento lo aveva atteso da prima della scuola dell’obbligo. Oggi è normale vedere al cinema eroi di qualsiasi tipo, anche di serie Z, ma allora era tutto diverso, e nuovo, e meraviglioso."

    Quanto è vero, quanto è vero

    RispondiElimina
  10. C'è una cosa che non mi torna, se Strange ha attirato con l'incantesimo tutti quelli che sanno che Peter Parker è Spiderman, perché Electro alla fine dice al Peter Garfield che pansava fosse nero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti... penso sia un errore

      Elimina
    2. O forse (non ricordo le battute con precisione) la sua è una riflessione generica, relativa ad una considerazione che in Amazing SM2 semplicemente già aveva maturato ma che in quel film non aveva esplicitato.

      Elimina
    3. resta il problema che in Amazing SM2 Electro non scopre l'identità di spiderman, quindi riflessione generica o no non sa chi è e quindi non dovrebbe esserci

      Elimina
    4. Ma pure Venom. La cosa che il simbionte, nella scenetta post di Venom 2, "sa le cose" e riconosce Peter è tirata per i capelli giusto per intavolare la scena mid-credits di NWH. Di particolari che non collimano ce ne sono tanti. E come ho scritto, se uno ci si sofferma, le cose non quadrano.

      Elimina
    5. Per non pensarci troppo io do la colpa all'incantesimo che è andato progressivamente sminchiandosi. I primi due arrivati, Doc Ock e Goblin, conoscevano l'identità di Peter, i successivi (Electro, Lizard, Sandman) no ma lo avevano combattuto, alla fine c'è posto per tutti (è davvero Kraven la sagoma nel cielo viola villanzone ? ) .

      Elimina
    6. Ragazzi in realtà se fate attenzione in amazing Spider-Man 2 , electro scopre che é peter.

      Elimina
    7. Bisogna andare di "regole della casa" come nei bei giochi da tavolo con regolamento fallato.

      Elimina
  11. Visto il film ieri e no, non sono uscito soddisfatto dal cinema. I buchi di trama, il teenage drama, le fottute battutine marvel del cazzo ogni due per tre, il fanservice come vuoto spinto, l'hype costruito a tavolino, ma soprattutto l' attore protagonista, Tom Holland, mi hanno lasciato un sapore ferroso in bocca, amaro.
    Premetto che non sono un fan sfegatato del personaggio, anche se Spiderman è uno di quelli che apprezzo, specialmente nella sua incarnazione giapponese di Supaidaman, ma nelle precedenti incarnazioni, specialmente quella di Tobey, l'ho amato.
    Holland non m convince, mi trasmette una sensazione alla Dawson's Creek, e questa mia sensazione è stata solo confermata con quest'ultimo film di Spiderman.
    I coprotagonisti non mi dispiacciono, Ned almeno fa il suo ed è simpatico, mentre MJ non mi convince, ma credo che il problema sia a livello di casting, non di scrittura. Opinione mia, e lo dico per motivi legali, visto il clima che si respira ultimamente, dove il politically correct impera e tiranneggia indisturbato, in America soprattutto, ma ora anche in Italia, di riflesso (colpa dei genZ angsty teens che odiano i genitori, si definiscono gretini ad mentulam canis e chiamano i loro interlocutori razzisti/sessisti con una facilità oscena).
    Chiudendo l'OT, torno sull'argomento dicendo che gli effetti speciali e gli scorci di NY li ho apprezzati molto, mentre il nerfing violento di Stephen Strange molto meno. Capisco che il film si chiami Spiderman, e che la torma di ragazzine innamorate/stalkers di Holland vogliono vederlo vincere sempre, ma qui si rasenta il ridicolo. Un giovane Spiderman non dovrebbe essere in grado nemmeno di impensierire Strange, anche tenendo conto della perdita dei poteri da stregone supremo del buon dottore. Vedere lo scontro nella mirror dimension mi ha lasciato un saporaccio in bocca, e non a causa della bibita overpriced del multisala.
    Credo che dopo questo film, Black Panther e Shang-chi, starò lontano dall' MCU per un bel pò, ho bisogno di ripristinare il mio chakra.

    RispondiElimina
  12. Senza spoiler o quasi il film risulta una figata atomica. La quantità di sorprese ti fa perdonare qualunque altra sbavatura. Per fortuna non sapevo quasi nulla e mi sono goduto il film oltre ogni immaginazione. Mi sta piacendo molto l'impalcatura che la Marvel sta mettendo su in questa fase post endgame. Comunque la gente ha dimenticato che Peter è Spiderman ma non ha dimenticato che Spiderman ha salvato il mondo con gli Avengers. O sbaglio? Perchè in tal caso gli basterebbe rivelarsi almeno a Happy e non finire a vivere in povertà :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla scena finale mi sembra evidente che tutti hanno dimenticato non solo che Peter è Spider-Man (come da primo incantesimo) ma proprio che Peter Parker esiste, tanto è vero che MJ e Ned non se lo filano e lui deve ripresentarsi.
      Mi piacerebbe che lo stesso fosse accaduto anche con Spider-Man, che quindi sarebbe conosciuto solo dai newyorkesi che lo incontrano e da chi legge/segue/vede il Daily Bugle.

      Elimina
  13. Il film mi è piaciuto, non so come ero riuscito ad evitare le teorie/spoiler su ZiaMayTomei e quindi almeno una sorpresa l'ho avuta. Vero è che, come scrive Michael sopra, sempre più spesso nei film MCU si guarda a "come" succedono cose piuttosto che alle cose in se.
    Conseguenza degli spoiler studiati a tavolino ma, per chi ha decenni di letture Marvel alle spalle come parecchi di noi, anche dell'utilizzo di trame iconiche in maniera più o meno riuscita (si, ThorRagnacoso, sto guardando te) .
    Lo rivedrei ? No, finisce nalla sempre più affollata categoria "di mezzo" dei film che visti una volta tanto basta.
    Aggiungo che anche se l'Uomo Ragno non è mai stato il mio preferito ho sempre apprezzato che PParker anche nei momenti migliori avesse una vena triste e malinconica che finora non avevo trovato nella versione MCU quindi l'evoluzione di PP nel film è stata forse la cosa migliore.

    RispondiElimina
  14. il film mi è piaciuto molto, anche la collaborazione tra i vari spiderman; mi aspettavo che litigassero invece mi sono piaciuti (compreso Andrew che il suo spiderman non ero proprio riuscito a farmelo piacere). Ho un dubbio però (magari dovuto a una mia disattenzione durante il film): lo spiderman di Tobey è lo stesso del film del 2004 o è uno spiderman più attempato con il mal di schiena? in questo caso Doctor Octopus non dovrebbe essere morto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché (posso supporre), i villains che nei precedenti film sono morti, sono stati "estrapolati" pochi istanti prima di morire, mentre gli Spiderman no, semplicemente in un altro (e successivo, rispetto ai film) momento della loro vita (PeTobey descrive una relazione più o meno stabile con MJ, PeAndrew riconosce di essere diventato più avvelenato, ancora non ripresosi da quanto accaduto con Gwen - e in tale ottica ovviamente il salvataggio di MJ dovrebbe rappresentare la via per la riappacificazione con se stesso).

      Elimina
    2. grazie, mi sa che è come dici te

      Elimina
    3. Doc però ha detto che Peter è cresciuto, quindi non possono essere stati presi pochi istanti prima.

      Elimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Mi è piaciuto, non avendo social sono riuscito ad evitare senza troppi problemi almeno il 50% degli spoiler e teorie varie, e questo, come detto qui sopra da molti, ha aiutato molto nella visione.

    Ho apprezzato il fatto che questo Spider-Man abbia avuto delle origini lunghissime, secondo me ha aiutato alla fine, poi c'è chi proprio non riesce a farsi andare giù il personaggio/attore, ma son gusti.
    A me per esempio non ha mai fato impazzire Tobey, nonostante l'avessi "vissuto" in diretta ai tempi, quando un MCU era un sogno indotto da deliri febbrili.

    Per quel che mi riguarda promosso da Bimbo-Ragno a Uomo-Ragno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. promosso da bimbo-ragno a uomo-ragno anche per me! All'inizio seppure Tom Holland mi piaccia al suo Peter mancavano le "grandi responsabilità", poi per fortuna è cresciuto. Il Peter di Tobey mi piaceva perchè penso sia quello più vicino al personaggio del fumetto. Il peter di Andrew mi spiace per l'attore ma non mi piaceva proprio, forse perchè poco simpatico o non "sfigato", non riusciva a farmi affezionare a lui

      Elimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Con questo film ho scoperto che riesco ad essere contento per Spiderciuffo - personaggio che mi è sempre stato piuttosto indifferente vuoi per età mia, vuoi per i film non memorabili - che ha finalmente qualche momento (parecchio meta) in cui si fa capire e apprezzare un po' meglio e si guadagna un suo senso e il suo finale che non ha mai avuto.

    Per il resto il film fila come filano tutte le origin story del ragno (e per me questa lo è tutto sommato). Non c'è niente da fare, lo schema funziona sempre. SpiderTom ci ha messo un po' di più ma è arrivato pure lui.

    A livello generale mi pare sia stato un buon modo per resettare, anche perché in sala vedevo più di qualcuno con gli occhi a ? Ché alla fine per capire sto film ti serviva averne visti almeno una decina prima, e iniziano ad essere tanti.
    Per me personalmente lo considero un buon finale (al prossimo spero i ragazzi non abbiano bisogno dell'accompagnatore vecchio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché nonostante mi sia loggato mi segna come anonimo, che devo fare?

      Elimina
  19. Visto e adorato! La scena coi tre Spidey sulla Statua della Libertà mi ha dato le stesse emozioni di Avengers Uniti di Endgame... L'ho visto doppiato, ma in originale quando Peter chiama Stephen per nome e quest'ultimo risponde "mi suona strano" è una battuta sul cognome Strange (magari più comprensibile in inglese)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io l'ho visto doppiato e ho subito pensato a quel gioco di parole in originale anche se per come lo intendeva il dottore penserei più che in inglese dica "weird" e non "strange"...

      Elimina
  20. La cosa che mi chiedo è: ok, io sono dell'81, sono una vecchia ciabatta "true believer" di quelli che ha i fumetti del '90 e che il primo Spidey di Raimi (anzi, "Uomo Ragno", eccheccazzo), l'ha visto la cinema e tutto quanto. Ma, in questo MCU che cita e ricostruisce (com'è giusto che sia in fondo), e proprio per questo Spidey "apocrifo" (perché dall'inizio non spiega le origini con un film dedicato, e meno male) nato con e per i giovani, cos'avrà capito chi non ha visto la trilogia di Raimi stesso, o anche solo gli Amazing. Magari perché troppo giovane. Credo molto poco. Quindi, "fan service" o meno (e ovviamente ce n'è a secchiate) io penso davvero sia poco intelligibile per l'amante medio MCU. O meglio, paradossalmente, è il film che meno si può capire senza conoscere altro. Per quanto, lo sappiamo, sia un film di tizi in costume che si menano. No?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero... Per essere pienamente fruibile c'è bisogno di aver visto un botto di roba. Da questo punto di vista per me rischia di essere il salto dello squalo MCU. Troppa roba interconnessa, troppo impegno richiesto ad un pubblico generalista non nerdacchione. Credo che l'operazione commerciale sia riuscita ottimamente, ma che ora ci voglia un cambio di rotta o la nave si schianta!

      Elimina
  21. Bah...
    A me, tolte le tonnellate di fan service, la storia ha fatto letteralmente rotolare le palle fino in Australia.
    Il riassunto dell'intero film potrebbe essere: "Peter Parker è un totale coglione e quelli che gli stanno attorno non sono tanto più svegli di lui".
    Oh, poi se a voi è sufficiente tanto fan service e un po' di super botte per definire bello un film che dire...
    Beata le gente semplice...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene tutto, ma definire "semplice" chi ha gusti diversi dai tuoi è una roba poco carina. Puoi dire la tua pure senza. O non lo fai.

      Elimina
    2. a me onestamente è piaciuta anche come storia; certo non il top ma quando vado a vedere un film di supertizi non mi aspetto chissà che trama (poi se c'è meglio), come quando andrò a vedere Matrix 4 non mi aspetto di sbellicarmi dalle risate

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Mi sembra che la sua l'abbia detta. Il fatto che questo film abbia incassato una miliardata e che pure tu lo definisca un buon film, come la maggioranza di chi scrive qui, lascia un pò interdetti. Ok che il cinema è la settima arte e l'arte è soggettiva, ma ci sono dei principi e dei canoni oggettivi che ti permettono di discernere un film bello da uno brutto.
      Un film come questo, dove non si vuole raccontare una storia, ma solo trovare un modo per buttare decine di personaggi dentro in 148 miniti, dove i personaggi fanno scelte completamente idiote ed assurde (Peter Parker ha davvero portato zia May in casa con 5 supercriminali aspettandosi che vada tutto bene, Dottor Strange rischia di distruggere la propria dimensione per fare un favore a un ragazzino che ha visto mezza volta), è oggettivamente brutto.
      La preparazione delle cure per i cattivi, bella calda espresso in 6 minuti è stata poi il colpo di grazia finale alla mia sospensione dell'incredulità.
      Poi ci saranno anche delle scene carine eh, qualche buona trovata in due ore e mezza c'è....ma non credo basti. Non dovrebbe bastare per far incassare un miliardo a un film così. Se basta vuol dire che il gusto del pubblico si sta davvero appiattendo. Se basta anche a te Doc, che in questo campo sei un esperto da decenni, allora non ho proprio più speranze sul genere umano.
      Si scherza eh....ma neanche troppo.
      Saluti

      Elimina
    5. Non è una questione di cosa basta a chi. Ma semplicemente la regola sacra di questo posto, da quando esiste: puoi dire quello che ti pare, come hai appena fatto pure tu, e trarne le conclusioni che vuoi. Nessuno te lo impedisce. Ma se vieni a insultare chi non la pensa come te, vieni accompagnato alla porta. Perché qui non funziona così.

      Semplice.

      Elimina
    6. Ahimè non posso dare torto a Mattew, eppure io stesso mi sono emozionato durante la visione. La risposta è nel marketing. Credo sia sano riconoscere (anche per chi tutto sommato ha apprezzato l'esperienza come il sottoscritto), che si è visto un film con la coerenza di un tardo cinepanettone, con conseguenti riflessioni sui gusti che si stanno appiattendo, sul senso dell'arte e bla, bla, bla... Provando a non farne troppo un dramma magari, ché se è questo l'andazzo é così che va, ma tanto la storia ha i suoi ricorsi, in futuro chi lo sa che succede!

      Elimina
    7. Voglio fare un esempio per vedere se riesco a spiegarmi meglio.
      Ve lo ricordate Spiderman 3?
      Quando uscì fu letteralmente MASSACRATO da quasi tutti (me compreso) oltre che per il Peter Emo, per il fatto che ci fossero dentro troppi personaggi insieme creando un casino.
      E lo scarso successo portò alla fine dell'Uomo Ragno di Raimi.
      Ben 14 anni dopo questo nuovo film ha dentro praticamente il triplo dei personaggi con un ancora più casino e una trama ancora più inconsistente, ma lodi ovunque!
      Cioè...BOH!
      Come funziona che gli stessi difetti una volta stroncano e anni dopo ti portano in trionfo??

      Elimina
  22. Scrivo anche io la mia da fetente ignurantissimo in tema comics (diciamo che il mio essere nerd sul fumettistico è sempre stato più sul lato nipponico), ma come tale mi godo l'MCU senza grandi aspettative o conoscenze, e infondo lo vedo come uno degli universi che fanno parte del mappazzone e quindi non mi dispiace per nulla.
    Visto questo Spiderman il 17 (dopo essermi rivisto le settimane prima la trilogia di Raimi) e posso dire che mi è piaciuto parecchio, certo anche io ho visto le decisioni al limite del "ma allora sei deficente, dillo sei deficente lo so", sia del protagonista che di Strange (che ho visto molto sottotono, ma forse era una scelta voluta fargli fare un casino per portare al nuovo film), devo dire che quando ho visto gli altri 2, soprattutto Tobey invecchiato, sebbene me lo aspettassi mi sono emozionato.
    Anche la storia in se, per quanto frullata e strizzata in un film (forse sarebbe stata meglio se raccontata in 10/12 puntate di una serie), non mi è dispiaciuta, con Peter del MCU che inizia a sentire quelle "grandi responsabilità" che nonostante tutto il pregresso con tanto di morte in infinity war ancora non vedeva grazie alla sua età (l'unico trauma vero vissuto era stata la morte di Stark).
    e' il film della mia vita? sicuramente no.
    ma posso dire che sono rimasto soddisfatto dal complesso.
    Ah e poi vedere Cox/Devil mi ha gasato già dall'inizio.

    RispondiElimina
  23. Nato negli anni 80, iniziato a leggere i comics proprio con spiderman negli anni 90, vissuto per anni con la speranza di un film su spiderman con un peter parker interpretato da kirk cameron, super felice per la buona riuscita di titanic perchè l'altro cameron, james, aveva preso lo script e si era ripromesso di girarlo se titanic fosse appunto andato bene (ci feci un esame di storia del cinema).
    Sbavato su tutto quello che era dentro al film di raimi anche se poi invecchiato male, saltato i due amazing per molteplici motivi, reinnamorato dello spiderman di tom holland, schivato gli spoiler anche se era abbastanza attesa la presenza degli altri due... io, personalmente, mi sono esaltato ed emozionato.
    La storia è troppo banale? elettro non poteva sapere chi era spiderman? strange è un fessacchiotto?.
    estiquatsi?! ma proprio gigante ESTIQUATSI.. io mi sono divertito, mi sono esaltato, mi sono emozionato. Questi film servono a questo? Per me SI.

    RispondiElimina
  24. Io spero che con l'ufficializzazione per proprietà transitiva di Punisher insieme a Devil si possa aver dell'altro bel materiale "100% Marvel" pegi 18, come del resto già era stata la serie a lui dedicata. Qualche film in cui è l'antieroe di qualche calzamagliato, o film più adulti in generale... Ghost rider, Carnage, Wolverine! 🤩

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy