Perché Ryo del Fuoco dei 5 Samurai in versione Sentinel a quello Bandai ci dà fuoco (appunto)

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

De I Cinque Samurai si è detto più volte (qui, ad esempio) che erano i cuginetti scappati di casa dei Cavalieri dello Zodiaco. Ma anche che le loro armature erano immensamente fighe, true flippotrippissime. Ora Sentinel ha iniziato a riproporre i 5 Samurai in una nuova serie di modellini più fedeli rispetto all'anime, e ti è arrivato Ryo del Fuoco, e sì, è più fico di quello Bandai. Non credevi, ma è così [...] 

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

Cinque Samurai, per difendere la Terra, dalle insidie di una guerra, questi siamo noi, cantava Enzo Draghi, e i noi erano questi cinque giuovinotti col ciuffo protagonisti di una serie Sunrise trascurabile, ma dal look, una volta corazzati, incommensurabilmente fico, si diceva poco sopra.

Così come dicevamo che questa nuova serie di modellini da collezione è realizzata dalla giapponese Sentinel. A procurarti la prima uscita, Ryo Sanada, altrimenti noto come Rio casamia Ryo del Fuoco, è stato l'antrista wargarv, tuo pusher di robe giapponesi attraverso il suo negozio ai-robot.it.

Ryo, uscito la scorsa primavera, è al momento esaurito, ma se glielo chiedete magari wargarv riesce a procurarvelo.   

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

L'interno della scatola presenta due tray trasparenti con tutti i pezzi dell'armatura e il fantoccio per esporla. 

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

È infatti presente questo manichino nero (le braccia sono articolate, il resto no, deve restare seduto) con sgabello, per esporre l'armatura. 

E ti saresti potuto fermare anche qui, perché Ryo in posa accanto alla corazza, prima della vestizione - che nell'anime avveniva con gran scialare di "scampoli di tessuto molto a la page che piroettano nel cielo" - è già perfetto materiale da vetrinetta. 

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

E quel volto nero sotto il kabuto, l'elmo, fa molto samurai demoniaco, va detto. 

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

L'assemblaggio è molto rapido. Hai perso qualche secondo in più solo per fissare il "gonnellino" al manichino, ma per trasferire le parti di armatura su Ryo ci hai impiegato davvero pochi minuti. 

A differenza della versione Bandai (ci torniamo in fondo), qui è tutta plastica, non ci sono parti in ferro, il che rende non solo la figura più stabile, ma anche il montaggio veloce e sicuro. I punti in cui plastica e metallo s'incontravano, nel Ryo Bandai, erano infatti quelli più esposti a rotture.

Le protezioni per le ginocchia, con quegli spuntoni, sono calamitate: le metti e le togli con un clac.

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

La figure di Ryo presenta vari volti, alcuni set di mani, le due katana (Spade del Fuoco) e l'arma speciale formata dalla loro unione, quella che usava per scatenare la vampata di fuoco. Se si scassano, potete sempre portarle in un vulcano per ripararle. 

Un altro po' di fotine, ci rileggiamo tra un attimo:

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione
Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione
Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione
Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione
Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

Quelli qui sopra sono i quattro volti intercambiabili, con o senza mascherina, bocca spalancata o sorrisone perché gli è capitata l'armatura rossa e quindi comanda lui. Ma, volendo, è possibile usare anche il volto nero del fantoccino poggiaarmatura:

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

Che fa molto oni, appunto, e/o samurai saldatore tipo genniferbils.

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

Riprendiamo la faccenda del confronto con il Ryo del Fuoco di Bandai, proposto da quest'ultima in due diverse versioni, anni fa, nella sua linea Armor Plus. Nel 2015 ne comprasti a Tokyo la prima versione, come testimonia questo vecchio post

Quando sono uscite le prime foto di questa nuova serie Sentinel, la prima cosa che hai pensato è che questo Ryo del Fuoco fosse troppo giocattoloso, per quella plastica dai colori accesi. In realtà, basta confrontarlo con quello Bandai...

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

...cioè questo, per rendersi conto che il Ryo Bandai era una trasposizione un po' troppo libera del personaggio. Bella, con una corazza dalla linea un po' troppo slanciata (e i piedi sproporzionati) e dai colori lontani dall'anime.

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

Messe una accanto all'altra - con tutto, ripeti, che la colorazione metallica di quella Bandai è bella - è evidente quale delle due sia più somigliante con il Ryo visto nell'anime de I 5 Samurai:

Ryo del Fuoco 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel recensione

Va detto, a onor del vero, che quella che hai tu è la prima versione del vecchio Ryo Bandai, e che nel recolor uscito anni dopo ci si era avvicinati molto di più ai colori originali. Ecco una foto:


Il problema, al di là dell'espressione di chi è stato svegliato alle tre di notte dalla sveglia impazzita del cellulare, è che i Samurai Troopers di Bandai erano un macello. Un costosissimo macello. Gambe che si sminchiavano e non reggevano più la figure per il peso del metallo, noti problemi alle anche da samurai anziano, parti di plastica che si rompevano quando provavi ad agganciarci quelle in metallo. 

Il tuo Ryo Bandai immortalato poco sopra avrà almeno due o tre punti incollati con l'attak, per dire. 

Resta che in questa nuova versione Sentinel avresti però dato una mano di vernice metallica alle lame delle due katana, perché così sono proprio bruttine. Per il resto, ottima, davvero ottima figure. La prossima uscita della linea, prevista per il 2021, è Sami della Luce (Seiji Date):

Seiji Sami della Luce 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel
Seiji Sami della Luce 5 Samurai Samurai Troopers Sentinel

Probabilmente l'armatura che ti piace di più dei 5 Samurai. Boh, in realtà, a pensarci, non sapresti, perché ti piacciono davvero tutte. Maledizione. Questo, se vi va, fate ancora a tempo a prenotarlo da wargarv. Ah, sì: era chiaramente lui, Sami, il bassista carismatico della cumpa, no?

LE ALTRE RECENSIONI DI TOYS IN THE ATTIC

28 

Commenti

  1. Molto interessante. La storia e il chara-design dei 5 Samurai erano quello che erano, ma ammetto che le vestizioni erano qualcosa di trascendentale. Facessero un Arago, mi ci fionderei sopra con un carpiato.
    Una curiosità: quanti paperdollari bisogna(va) scucire per questo Ryo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il prezzo da preorder, grosso modo quello che costa ordinare Sami.

      Elimina
    2. A me piacerebbe molto quello cattivo del veleno (magari con l'effetto delle braccia multiple), oltre ad Arago.

      Consiglio agli interessati il pre-order perché è un prodotto che attrae anche gli statunitensi quindi è probabile che salgano di prezzo in modo considerevole.

      Elimina
  2. Li ho sempre preferiti ai Cavalieri dello Zodiaco, perché:
    1) da rEgazzino ero più affascinato alla cultura nipponica
    2) diamine, questi hanno una tigre bianca come animale da compagnia!

    La figure l'ho presa anche io dal fornitissimo e gentilissimo Wargav, una meraviglia! Per me non c'è confronto con quella Bandai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me molto meglio dei saint. Bellissime armature che in più seguivano il colore code standard da cartone giapponese, era rassicurante.

      Elimina
  3. Le sognavo, LETTERALMENTE, la notte.
    Mai e dico mai avuta una, anche perché sono arrivato tardino e mi ricordo le pubblicità solo vagamente.
    Bruschette negli occhi e male al portafogli, almeno almeno Shido lo vorrei..o Ryo in armatura bianca!

    RispondiElimina
  4. Ricordiamo che Ryo nel tempo libero reclutava giovani hippie per la sua comune con metodi poco ortodossi, motivo per cui la sua leggendaria arma venne citata (poco rispettosamente a onor del vero) da un illustre personaggio:
    https://lh3.googleusercontent.com/proxy/rk2jYEWPXeUi4LJTZqYbYVQo1x2GxKFdcyQWrbxVQjPyfLjqk7Scq9L6hamxdmdEZ0UPKKjxg1wvopnsAiSEyl5IQKkm80-4THy1Dw4jnTmER2zhMVOJbKxYBdTq

    RispondiElimina
  5. Ma è chiaro che era Sami il bassista. Dava palate di merda agli altri fin in dalla sua prima entrata in scena che avveniva: 1) mentre si lanciava da un grattacielo 2) a braccia conserte 3) a testa in giù 4) scusandosi fintamente per il ritardo (lo sanno tutti che si è davvero in ritardo solo dopo 15 minuti).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti. E ha pure il ciuffo sull'occhio.

      Elimina
    2. Giusto. In effetti sarebbe bastato anche solo quello. Quello abbinato ad una pettinatura autoportante di un certo spessore (saranno stati almeno 20 cm di capelli...)

      Elimina
  6. Ammetto che il modellismo non é il mio forte.
    Ci ho provato ai tempi, come con i giochi di ruolo. Ma in quel caso c'entrava la mancanza di giocatori, in questo...scarso interesse.
    Però la serie mi piaceva parecchio (anche se i cavalieri vincevano su tutta la linea) e da profano devo dire che é un bel colpo d'occhio.
    Strano, perché in teoria dovrebbe essere la plastica a rendere il tutto più giocattoloso, e non il contrario.
    Sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo non è un modelkit, Redferne. È una figure già pronta: devi solo agganciare i pezzi dell'armatura, come per i Cavalieri dello Zodiaco.

      Elimina
    2. Whoops...ecco, appunto.
      Tu pensa che non me n'ero manco accorto.
      Thanks per la delucidazione, Doc.

      Elimina
  7. Tutte le volte che si nominano i "5 Samurai" io comincio a snocciolare santi (tanto è periodo) pensando a cosa sarebbe stato se gli episodi li avesse scritti uno sceneggiatore. Ma non uno bravo, eh? Bastava UNO SCENEGGIATORE. Per la miseria, aveva tutto quello che serviva per essere figo: la tigre come animaletto di compagnia, le armature fighe, la tecnica del tipo della terra che schiantava giù un sobrio terremotino 7 Scala Richter (poca roba per un giapponese, siamo d'accordo) e sopratutto come middle boss quella che sembrava una fighissima Donna di Menare (#credici).
    E invece niente, fatte salvo due rivelazioni a casaccio, ore dieci calma piatta, le puntate che avevano sempre lo stesso andazzo, con la PERENNE umiliazione del salvataggio finale da parte del saggio maestro e a fine del primo arco narrativo, la Ragazza di Menare spedita a far cucina, stirare E attivare il Deus Ex Machina del salvataggio.
    Che nervi, signora mia, che nervi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però c'é da ammettere che i personaggi erano pheeghi.
      E alle volte quelli e le ambientazioni possono sopperire ad una trama un pò così così.
      E pure le musiche erano davvero belle.
      In fin dei conti neanche i Cavalieri brillavano per originalità, sotto questo aspetto.
      L'unica che ha proposto qualche bel colpo di scena é stata la saga di Hades, almeno all'inizio.
      Sarei curioso di vedere com'era il manga, dei Samurai.
      Ma dalle immagini che ho spulciato, ad occhio e croce non devo essermi perso poi molto.

      Elimina
  8. Queste armature da piccolo le ho disegnate non so quante volte...

    RispondiElimina
  9. Belli belli,magari un pensierino ce lo si può fare

    RispondiElimina
  10. OT ma non troppo.
    La Sentinel è un'ottima marca che fa cose ancora più curate della Bandai. E' un po' di tempo che sta facendo uscire del materiale di Mospeada di cui ho comprato una moto e recentemente un Legioss (vedi link del sito di Wargarv https://www.ai-robot.it/sentinel/1101-riobot-mospeada-148-afc-01h-legioss-eta.html).
    In quanto appassionato di Macross / Robotech non ho potuto esimermi dall'acquistare il Legioss in quanto cugino dei Valk, giusto un po' più massiccio e molto più missiloso visto che ha dei pannelli che si aprono e da cui escono tutti i missilini. Nella confezione c'è anche il pilota snodato in scala con la muturetta (non si trasforma, è veramente troppo piccola). Gli snodi del pilota sono ad incastro ma Wargarv è riuscito a dotarli di perni metallici, una customizzazione superlativa.
    Le competenze di Wargarv in materie sono incredibili e i consigli sulla merce sono preziosissimi. Un antrista che vuole un action figure non può che rivolgersi a Wargarv.

    PS: sono ancora in lutto per la Lucca telematica e non in presenza. Un bel post sugli aneddoti di Lucca Comics non sarebbe male. Per esempio, quando sono a Lucca con Wargarv e si parla della Sentinel salta fuori sempre che io ero più interessato alla tipa dello stand rispetto ai bamboccini.

    RispondiElimina
  11. Appevò ciò mi gavba molto.
    Io avevo la versione Takara che già all'epoca, senza confronti, faceva già effetto LOL. Vedere questa fa un po' di differenza.
    Per caso c'è pure la versione con l'armatura bianca?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il momento l'unica uscita è Ryo in armatura rossa. E' in preorder la seconda figure che sarà, appunto, Seiji/Sami

      Elimina
    2. Grazie per le info ElleBi!

      Elimina
  12. Mah non saprei, a primo colpo d'occhio l'ho scambiato per la serie di giocattoli usciti negli anni 90. Quello bandai, fragile e mal progettato, è esteticamente su un altro livello, lo adoro, lo voglio!!! L'attack non mi manca.

    RispondiElimina
  13. I 5 Samurai non li ho mai seguiti,li vedeva mio fratello è un mio amico,a me sono sempre sembrati i fratelli poveri dei Cavalieri dello Zodiaco,che sono molto più fighi dai!
    Detto questo non é male la figure ma è dannatamente troppo plasticosa,quella Bandai sarà meno fedele e avrà i problemi di aggancio tra i materiali diversi ma mi piace di più.
    Il metallo é più bello da vedere,i miei Cavalieri d'Oro sono uno spettacolo per la vista

    RispondiElimina
  14. Credo che dovreste rivalutare i 5 Samurai.

    Per quanto mi riguarda i Cavalieri dello Zodiaco sono un mero progetto di marketing privo di anima. Sebbene da piccolo mi piacessero molto, con il tempo le storie banali, i buchi narrativi, le trovate ridicole (tipo i cavalieri di bronzo sono tutti fratelli), la religiosità fideistica per Atena e la ripetitività narrativa hanno rovinato tutto, lo hanno reso il "fratello povero" di Dragonball.

    Invece, per fortuna, i 5 Samurai si sono salvati da questo processo, indipendentemente dalla finalità commerciale, rimangono una storia intrisa di cultura giapponese e di religioni orientali, con personaggi uno più cool dell'altro, un elogio del potere dell'amicizia e del libero arbitrio (e non del fanatismo religioso come i CDZ) e, ovviamente, Zanna Bianca e l'Armatura Bianca.

    RispondiElimina
  15. Madonna che meraviglia, anche io sono del de partito Cinque Samurai > Cavalieri dello Zodiaco. Questa versione Sentinel decisamente più "cartoon" rispetto all'altra, fighissima. Ho avuto uno Shido quando ero rEgazzino - ovviamente il Michelangelo del gruppo - che era costato due reni e mezzo.

    RispondiElimina
  16. L'unico peccato è che manchi la faccia neutra con la maschera sopra, ma ci sia solo quella con la bocca aperta

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy