Gendo Ikari e altri padri molto amorevoli degli anime

Gendo Ikari padri stronzi anime

C'è questa cosa che da sempre scalda il cuore, negli anime, di padri o più in generale genitori totalmente assenti per lasciar campo libero ai figli. Il che non è necessariamente un male, eh, perché quando invece ci sono, i padri, spesso sono degli stronzi insensibili come Gendo Hikari, come può testimoniare questa veloce carrellata [...]

Gendo Ikari padri stronzi anime

GENDO HIKARI (Neon Genesis Evangelion)

E cominciamo proprio da lui, l'uomo che fa venir voglia di abolire la festa del papà, il padre a cui tutti i figli avrebbero voluto regalare un paio di mabafangule a Natale, al posto delle pantofole. È evidente che TUTTI i personaggi di Neon Genesis Evangelion hanno dei problemi - seri - con le famiglie di provenienza (Asuka, Ritsuko, lo stesso Gendo...), ma quella impartita da Mr. occhialetti tondi, qui, è proprio la masterclass di come puoi essere un padre di merda.

Gendo Ikari rivede Shinji, nella prima puntata di Evangelion, dopo anni, e con fare amorevole gli dice di salire su quella *auhm* macchina da combattimento o di togliersi dalle balle. Nell'arco della serie, mentre cerca di farlo morire male nella lotta agli Angeli e nel suo piano di perfezionamento di stocacchio, lo umilia a ripetizione, lo tratta di schifo, come massimo supporto paterno manca poco gli sputi in un occhio. Il tutto mentre sorride tutto felice appena vede la "figlia" clone Rei.

Ma va anche detto, a onor del vero, che da un figlio minchione come Shinji avrebbe preso le distanze chiunque.

Dr. Umataro Tenma Astro Boy Atom

UMATARO TENMA (Astro Boy)

Se c'è una costante in tutte le opere ispirate a o concettualmente simili a Pinocchio è che il padre del burattino, il Geppetto di turno, è una figura compassionevole, che ti verrebbe voglia di abbracciare. Ma se al posto di Nino Manfredi ci metti il Dr. Tenma di Astro Boy, al massimo ti viene voglia di chiamare la polizia e il telefono azzurro dei robottini.

Anche se la cosa è stata un attimo edulcorata nelle trasposizioni successive, nel manga e nel primo anime (1963) di Astro Boy, del grande Osamu Tezuka, il Dr. Tenma è uno stronzo egoista tale che sicuro Gendo ne aveva il posterino in stanza da bambino. Gli muore il figlioletto in un incidente stradale e lui decide di costruire un robot con lo stesso aspetto E DEI SENTIMENTI UMANI. 

Ma poi siccome questo ingrato di un robottino ha il problema che non cresce, essendo artificiale, Tenma, deluso, non se la prende con chi l'ha creato (lui stesso), ma lo cazzìa a morte e poi lo vende come schiavo a un circo. 

Non fosse passato di lì il professor Ochanomizu, che in seguito adotta il robottino, Atom / Astro Boy sarebbe rimasto là a spalare cacca di elefante e ad affrontare TORI ROBOT ASSASSINI in una specie di corrida della morte robotica per famiglie. Evviva l'amore.

Tommy la stella dei Giants padre stronzo

ITTETSU HOSHI (Tommy la stella dei Giants)

Ittetsu Hoshi, giocatore di baseball emergente giapponese, che grazie al doppiaggio italiano dell'epoca aveva un nome tipicamente nipponico come Arthur Young, viene spedito in guerra e ne torna con braccio e gamba messi malissimo. Abbandonati i sogni di gloria, prende la cosa benissimo e diventa un ubriacone perdigiorno, mentre la moglie si fa un culo così per tirare avanti. E poi muore.

Non pago, Arthur riversa tutta la sua frustrazione sul secondogenito Tommy, costringendolo ad allenamenti così feroci che al confronto Tana delle Tigri era una spa di quelle a Fiuggi dove gli anziani vanno a mingere tantissimo. Nella foto qui sopra, una tranquilla colazione come tante, a base di riso e cinquine, in casa Young. 

Resta indelebile, nei ricordi di noialtri selvaggi appollaiati davanti a un televisore e testimoni di tante storie sportive drammatiche, la scena di Tommy che si allena con quella specie di esoscheletro ed è costretto a usare sempre e solo la mano sinistra per tutto. TUTTO. 

Il personaggio, e come ti sbagli, l'ha creato Ikki Kajiwara, aka Asao Takamori, lo sceneggiatore di Rocky Joe, L'Uomo Tigre e Arrivano i Superboys. E dici pure grazie, Tommy, che non schiatti.   

Grisha Jaeger

GRISHA JAEGER (L'Attacco dei Giganti)

Un altro bel personaggetto, che sfrutta i figli per i propri scopi, gli butta addosso il carico della propria missione, trasformandoli in due cacchio di mostri. Un tranquillo e pacifico dottore che nel tempo libero massacra intere famiglie. 

Poi uno si chiede perché [OMISSIS, hai visto mai che uno ancora non sa] l'abbia tradito alla prima occasione utile ed Eren sia diventato un cacchio di psicopatico complessato, ve'?

Kenzo Kabuto Grande Mazinga

KENZO KABUTO (Mazinga Z, Il Grande Mazinga)

Perché poi è normalissimo che sopravvivi a un terribile incidente, come succede a Kenzo Kabuto, ma decidi di non dire nulla ai tuoi due figli Koji e Shiro (in combutta con tuo padre, cioè con il nonno dei due ragazzi), di lasciarli da soli e di concentrarti piuttosto sulla costruzione di un altro super robot. 

Adottando di fatto Tetsuya Tsurugi e Jun Hono e vantandosene perché loro sì che sono dei guerrieri, non come quel pirletta di Koji. Strano, invero, che una volta saltato fuori di nuovo, Shiro se la sia presa così a male con il dottor Kabuto. Permalosino.

Shou Tucker Fullmetal Alchemist

SHOU TUCKER (Fullmetal Alchemist)

Dunque. Qui il problema non è rappresentato dal papà dei due protagonisti Ed e Al, Van Hohenheim, ma dall'homunculus che ne prende l'aspetto, "Padre" (anche se Van Hohenheim li abbandona quando se ne va alla ricerca della verità, ok). 

In compenso, c'è quella brutta, brutta faccenda dell'alchimista Shou Tucker, quello che crea le chimere parlanti. Laddove per "crea le chimere" s'intende che trasforma in mostri prima la moglie e poi la figlia di quattro anni, Nina. Insieme al cane. 

Gambino Berserk

GAMBINO (Berserk)

Padre adottivo amorevole, Gambino insegna a Gatsu tutto quello che sa e fa di lui un piccolo mercenario perfetto. Fanno parte dell'addestramento, pare, il venderlo come schiavo sessuale al compagno Donovan per pochi spicci, sfregiarlo (nel manga durante un allenamento, nell'anime quando cerca di ucciderlo), diventare così insofferente perché il ragazzo diventa bravo da tentare di assassinarlo. Quel minimo di competizione intergenerazionale che è il sale della vita, nevvero?

E Gatsu cosa fa, con la vile scusa della difesa personale? Come ripaga tutto questo amore? Uccidendo Gambino. Ingrato dimmerda. 

E potresti andare ancora avanti, parlando di quelle due amebe che Amuro Rei si ritrova al posto dei genitori in Gundam (ambo!) o di quel brav'uomo di Dario Brando in JoJo, ma preferisci lasciare la parola a voialtri debosciati. 

Altri padri-dell-anno del mondo degli anime, in lizza secondo voi per il "Premio Gendo Ikari"?

63 

Commenti

  1. che sassata la chimera di Full Metal.... ah cosi' un po' OT meglio Brotherhood o l'altra?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me sicuramente Brotherhood. Mi è piaciuta molto. Serie fedele al manga, ben fatta, curata e piuttosto dura a tratti. In effetti credo che l'episodio citato qui nel post sia uno dei momenti più drammatici.

      Elimina
    2. si io ho visto brotherhood e mi e' piaciuta un sacco anche i momenti leggeri nn cambiano il fatto che sia un anime drammatico a tratti crudo e spietato diciamo maturo.
      FMA nn l'ho visto ma sinceramente nn ne sento il bisogno. Sbaglio?

      Elimina
    3. No, non sbagli. Io l'ho vista in patte anni fa, e volevo completarne la visione, ma dopo Brotherhood ho csmbiato idea.

      Elimina
  2. Per il bambino medio giapponese avere il solito padre uber-oberato di lavoro che vedevi 5 minuti al giorno e in quei 5 minuti era mezzo 'mbiaco, era tipo vincere alla lotteria asd

    RispondiElimina
  3. Beh direi che Ikari dovrebbe vincere a mani basse...troppo infimo. Però ora che ci penso qualche altra figura negli anime di non lodevole entità paterna la possiamo anche trovare. Per esempio in Sasuke il piccolo ninja il padre non rivela chi è inizialmente, ma gli fa da (severissimo) maestro di Ninjitsu. Sicuramente lo avrà fatto per il consolidato nipponico spirito di volontà del superare le difficoltà ma ad ogni modo non è che si è sentito in dovere di fare di più. Altra mentalità.
    Un altro esempio che mi viene in mente ma in questo caso non è ufficiale che lo sia è quello di Don Zauker e Banjo. Il fatto di ipotizzare che il malvagione ipercefalo possa essere il padre di Haran Banjo porta quest'ultimo ad un senso di frustrazione ed odio verso i meganoidi tale da giustificare le sue reazioni alla guida del Daitarn III. Oh quest'ultima è solo un'ipotesi raccontata da tanti anni. Poi che la cattiva fosse Koros è altra storia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realta' mi sembra che sia stato proprio confermato da Tomino che Don Zauker forse il Dottor Aran, mentre Koros era sua assistente ed amante, mentre il vero cattivo finale sarebbe proprio Banjio.

      Elimina
    2. bhe, cattivo...a prescindere o meno che Don Zauker fosse o meno Sozo Haram, quest'ultimo ha creato i meganoidi usando come modelli (da quel che si capisce, tutt'altro che volontari) sua moglie e suo figlio! Ci credo che all'altro figlio, miracolosamente riuscito a scappare alla stessa sorte, girino un po' i cosidetti!

      Elimina
    3. Leggendo Sasuke, mi è venuto in mente quello del manga di Naruto. E anche lui ha un padre che insomma: praticamente ha occhi solo per il fratello maggiore, Hitachi, e continua a vedere Sasuke come quello scarso, facendoglielo pesare. Sempre dallo stesso manga, stesso trattamento per Hinata, il cui padre la disprezza per la sua debolezza mentre ne ammira il cugino Neji (che poi è quello che se la passa peggio dato che suo padre si è fatto ammazzare per salvare la vita al fratello, ossia il padre di Hinata)

      Elimina
  4. Ricordo che in prima superiore quando prendevamo un brutto voto io ed il mio compagno di banco dicevamo che ad attenderci a casa c'era Arthur Young!!!

    RispondiElimina
  5. Aaahh, quanti bei ricordi!
    Il padre di Tommy Young mi aveva traumatizzato proprio, altro che Gendo Ikari: quello non ha mai menato Shinji, si è sempre "solo" limitato ad umiliarlo, costringerlo a rischiare di farsi ammazzare da mostri orrendi e giganteschi, ecc. Arthur Young faceva tutto questo e IN PIU' gonfiava di botte i figli come delle zampogne.
    Ma me ne ricordo anche altri... Ad esempio il padre di Teppei, barbone ubriacone che se non ricordo male lo picchiava e lo chiudeva a chiave in casa per impedirgli di scappare mentre lui era fuori (!!): Teppei scava giorno dopo giorno un buco nel muro e un giorno finalmente fugge e non torna più.
    Anche la mamma di Mila Atzuki era molto genitore dell'anno: in Giappone negli anni '80 si portava parecchio il genitore che abbandona quelle inutili palle al piede per concentrarsi sulla carriera.
    La mamma di Mirko e Andrea, che a un certo punto ritorna e vuole recuperare il suo ruolo di madre, ma solo con Andrea, Mirko può anche morire male.
    Stessa storia con il padre delle tre sorelle di "Un marzo da leoni", uno str*nz* che ha fatto morire di fatica sua moglie, ha abbandonato le sue figlie, si è messo con un'altra, l'ha rovinata e a un certo punto torna dalle figlie perché il loro negozio va bene e lui spera di accomodarsi come il parassita che è, succhiando tutte le loro risorse e poi volatilizzandosi di nuovo. Ma bafangue, và.
    L'ottimo padre-padrone de "Il destino di Kakugo", che mitraglia i figli (nudi e crocifissi a un palo di legno) con delle enormi palle di metallo, e uno dei due gliene chiede di più!!!
    Ampliando, si potrebbero considerare quelle amorevoli figure che non sono genitori del protagonista ma sono da lui viste (e spesso amate) come tali: come dimenticare la dolce, dolcissima signorina Tsukikage, che tanto amorevolmente insegna la nobile arte del teatro a quella poveretta di Maya?...

    Comunque in Giappone pare sia così: in una puntata di Sanpei un padre (davvero) amorevole addestra un cane per il figliolo cieco. Prende un cucciolo dolce e affettuoso e comincia a bastonarlo, lo butta senza motivo dentro laghetti ghiacciati, ... Alla fine il cane, ormai adulto, lo squadra con un ringhio ferocissimo e lui annuisce, come a dire: "Un lavoro ben fatto". Poi regala questa bomba a orologeria al figlio, per aiutarlo nelle sue esigenze.
    Brava gente, nevvero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mamma di Mirko e Andrea, che a un certo punto ritorna e vuole recuperare il suo ruolo di madre, ma solo con Andrea, Mirko può anche morire male.


      Nota da PDF
      Era solo la madre di Andrea, e la matrigna di Mirko

      Elimina
    2. E allora mi pare più che giusto dare fuoco a quel capellone giallorosso XD XD XD
      Del resto ogni matrigna che si rispetti, da Biancaneve in poi, odia a morte i suoi figliocci. Ed è già tanto che non l'ha abbandonato da piccolo in una foresta come Hansel e Gretel...

      Elimina
  6. Shou Tucker penso che sia una delle figure più inquietanti degli anime tutti...

    RispondiElimina
  7. Ne avevo già parlato, ma a mio pspare il padre più di mmmerda dell'animazione giapponese resta quello di Takeru di gakeen il robot magnetico. Come lo cresci un orfanello che ha rischiato di morire fulminato e che non riesce a dialogare con il suo prossimo se prima non lo prende a pugni? Ma è semplice, pugni calci frustate e bastonate ,tutto per prepararlo a "quando l'umanità avra bisogno di te". Proprio un bel genitore, un santo ,un apostolo.

    RispondiElimina
  8. Certo che negli anime la scelta non è male: o orfani (e robot... dovevo aggiungerlo per forza) o con genitori di questa caratura.

    RispondiElimina
  9. Oddio, nel manga di Saint Seyia, Kido fa 100 figli con 100 donne diverse (oddio, 99, se contiamo Ikki e Shun) li abbandona tutti, li chiude in un orfanotrofio, dove vengono schiavizzati dalla nipote adottiva e brutalizzati dal suo maggiordomo, e li manda a morire (o quantomeno in missione suicida) per recuperare le armature di bronzo. padre del millennio (oltre che grande amatore e uomo dallo spermatozoo potentissimo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, giusto. Ché avevo pure messo da parte la sua foto ma mi sono scordato di aggiungerlo alla lista. Serio contendente al premio Ikari.

      Elimina
    2. Mi pareva strano non l'avessi nominato. Vabbè, sarà per la prossima ;)

      Elimina
    3. Che poi diciamocelo, la "strategia" del vecchio non aveva senso. Non faceva prima ad adottare 100 (pure 200 a quel punto) orfani già fatti e finiti? Avrebbe anche avuto a disposizione aspiranti cavalieri molti anni prima.

      Ma vabbé, forse era un po' il Briatore giapponese...

      Elimina
    4. vabbè, ormai ce li aveva già belli e pronti, andare ad adottarne di nuovi era un impiego ingente di tempo e denaro non indifferente. ora, di denaro ne aveva, ma il tempo, con tutte quelle donne da ingravidare, secondo me era pochino

      Elimina
  10. Il padre di Ryūnosuke in Lamu. Che la costringe a far finta di essere un uomo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo pensato anch'io a lui, oltre a questo era un egoista di prima categoria. In un flashback mangia un gelato di fronte al figlio, dicendogli che era una medicina.

      Elimina
    2. Vedendo quella puntata di Lamù da bambino, per la prima volta sentii dire a mio padre una parolaccia 'Sto figlio di puttana' (detto in dialetto palermitano), ovviamente, mio padre passò la prossima mezz'ora a spiegarmi 'Papàààààààà cos'è un "figl i bottana"???
      Non ricordo bene cosa mi disse per intortarmi, ma ricordo la frase "ti compro un robottino ma non dirlo alla mamma ok?' hahahaah'

      Elimina
  11. Piccola nota a parte per Tenma e Ochanomizu e Atom: negli ultimi due o tre anni è uscita Atom: the Beginning, che è un po' il prequel di Astro Boy. E che consiglio tantissimo

    RispondiElimina
  12. Ci sarebbe Genma Saotome che dovrebbe far ridere, ma se ci si pensa su... Avido, ingordo, insensibile, superficiale, egoista. Costringi tuo figlio piccolo alle arti marziali (e vabbè), cerchi di vincere la sua fobia dei gatti buttandolo in una fossa che ne è piena finché non gli causi un PTSD, lo strappi all'amore della madre facendo una promessa da mantenere pena la morte (e fai un casino), vendi tuo figlio in sposo in cambio di cibo... C'è sicuramente altro che non ricordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...in allenamento colpisci il figlio a tradimento e lo fai cadere in una pozza magica che gli attacca una maledizione che lo rende genderfluid.

      Elimina
  13. Direi Goku, padre e marito di palta, ma anche il padre di Gon in hxh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povero Goku, che colpa ne ha lui se per metà serie è morto ?

      Elimina
  14. I problemi con le figure paterne (ma in generale gli adulti sono spessissimo delle persone orribili, quasi quanto i cavalli) dei mangaka giapponesi sono evidentissimi XD
    Gambino vince su tutti, anche per il nome da mafioso americano

    RispondiElimina
  15. Tokiomi Tohsaka della serie Fate (appare nella maestosa Fate/Zero) a primo impatto e per gran parte della serie non sembra un candidato al premio Ikari.
    È un padre con molta esperienza nell'arte della magia, un po' minchione, alla peggio noioso e lo è, cosa che dicono pure certi personaggi a lui vicini che non nominerò per evitare spoiler, non ha chissà che momenti con la figlia Rin.
    Poi però qualche episodio più tardi si scopre la verità sul motivo che l'ha spinto a lasciare che l'altra figlia venisse adottata da OMISSIS per OMISSIS, un fatto che lui crede sia a vantaggio di lei perchè sa che altrimenti in futuro potrebbe OMISSIS, peccato che ciò dimostri un tale cinismo e soprattutto un tale egoismo (per motivi che non posso dire) che diventa impossibile cercare di simpatizzare con lui, anche un poco e la serie lo sa questo, difatti poi OMISSIS.
    Non è probabilmente ai livelli di quelli nominati qua sopra, ma una merda rimane come menzione di disonore ci sta.

    RispondiElimina
  16. Ma il padre di Huckleberry Finn nel cartone, chi se lo ricorda? Un ubriacone che abbandona il figlio, e poi, quando viene adottato da una donna danarosa, lo rapisce, oltre a riempirlo di botte, a rubargli il cibo, e mandarlo in giro a mendicare

    RispondiElimina
  17. Beh, quel guardone del prof. Shiba non è che si sia proprio distinto come padre e marito, senza arrivare ai livelli disgustosi di Kabuto, e avendo il buon gusto di morire aggiso (due volte), ma comunque...
    Ci sarebbe anche il signor Moruboshi, ma probabilmente è stato volutamente creato come insulso e pusillanime, quindi direi che al massimo è menzione speciale.

    RispondiElimina
  18. Mi viene in mente anche il padre di Naruto, sebbene sia nella novera di quelli buoni...

    Stai con una donna che porta in sè la forza portante più spaventosa, la volpe a nove code, capace di radere al suolo interi regni. La povera stronza deve partorire e il sigillo della volpe si allenta. la volpe scappa, rade al suolo il villaggio della foglia uccidendo millemila ninja buoni, poi trafigge a morte questi due genitori disgraziati, davanti al figlioletto inerme appena nato... e cosa decide di fare il padre modello?
    Ma naturalmente sigilla di nuovo la volpe nel corpo mingherlino del figlio col sigillo del diavolo, e quindi condannandosi a morte. La volpe va nel coirpo del figlio causandogli nell'ordine:
    - disadattamento sociale
    - solitudine e mancanza di amici che han paura di lui
    - terrore nella gente adulta che lo incontra
    - bisogno di affetto e compagnia, sfogata in scherzi ignobili ai paesani
    - scatti d'ira che Diomama
    - incontrollabilità e possibilità di radere al suolo di nuovo il villaggio ennemila volte
    - necessità da parte di ennemila nemici di ucciderlo/rapirlo/farlo schiavo per impossessarsi della forza portante in lui, rimettendo per ennemila volte di nuovo il villaggio in pericolo

    Il tutto con la motivazione: - vai bomber! Mi fido di te (che sei al mondo da un'ora)

    E Minato ne esce pure come uno bello, bravo Hokage e marito perfetto! Geniale

    RispondiElimina
  19. Parlando di JoJo pure Jotaro Kujo non ha fatto un gran lavoro: abbandona la figlia, quella si mette in brutti giri e finisce al gabbio.

    E comunque #zekejaegerwasright

    RispondiElimina
  20. Per rendersi conto che, anche dopo più di dieci anni, vedere Shou Tucker, ti tira fuori un magone che levati proprio. #sempretroppopresto.
    Un altro padre che avrei visto nella lista secondo me sarebbe stato Haran Sozo, padre del celeberrimo Banjo. Si dirà che si vede pochissimo ma in quei pochi secondi, e con tutti i retroscena finali, molla dei traumi da competizione a Banjo. Sembra quasi una vendetta postuma del tipo "non ti ho potuto menare perché sei praticamente un bronzo di Riace che piega le sbarre, ma vedi che trauma che ti preparo eh".

    RispondiElimina
  21. Io inserirei nella lista anche il padre del pilota del danguard

    RispondiElimina
  22. Poco conosciuto,forse per fortuna, ma un altro padre-mostro è quello di Yuri Tokikago di mawaru penguindrum. Puro horror ma di quelli realmente spaventosi ( quelli per intendersi che esistono davvero e di cui si riempie la cronaca nera).

    RispondiElimina
  23. Anche il padre di Hiroshi di Jeeg robot d'acciaio non scherza, per non parlare di quello di Lady Oscar.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, che ci vuoi fare. Quello voleva un maschietto.
      Ma, AHIME', è nata lei.
      L'ha fatto apposta per farlo arrabbiare, l'ha.

      Elimina
  24. Woah!!
    Un bel listone, anche se in formato ridotto!!
    Mi mancavano, a dirla tutta.
    Parlando di quelli a cui sono più legato, il padre di Hikarishinji nel suo facente parte del personale di terra non dimostra alcuna recalcitranza.
    Abbiamo poi il dottor Kabuto, che in un'applicazione estrema del metodo scientifico sperimentale per dimostrare che il mazinga Z non può competere coi mostri guerrieri di Micene a momenti arriva quasi a FAR AMMAZZARE SUO FIGLIO.
    Senza contare i coppinazzi a Tetsuya con le palanche in super lega Z. Ci credo che é venuto su squilibrato.
    Il padre di Tommy era IL DIAVOLO IN PERSONA.
    Non contento di aver rovinato la carriera di suo figlio, costringendolo a perdere l'uso del braccio pur di batterlo, nella seconda serie si riprende la rivincita, rovinando pure il genero.
    Meno male che nella penultima puntata schiatta, finalmente.
    Su Gambino...certo, é indifendibile. Ma credo che avrebbe voluto tanto amarlo, Gatsu.
    Non ci riusciva, semplicemente. Perché lo odiava troppo.
    Un pò perché lo riteneva responsabile della morte di Sys. E poi...l'incidente in battaglia gli ha fatto perdere quel poco di senno che gli era rimasto. Insieme all'alcol.
    Dario Brando era pò spheegato. Anche se é passato alla storia per aver coatretto Dio a vendere la roba di sua madre per comprarsi da bere al grido di NON ME NE FACCIO NIENTE DELLA ROBA DI UNA DONNA MORTA!!
    Ci aggiungerei pure il professor Saotome, da te già trattato.
    Non dimenticherò mai quando, per far passare la paura dei tuoni a suo figlio più piccolo...lo chiude fuori dalla porta IN MEZZO AL NUBIFRAGIO, PER UNA NOTTE INTERA.
    E poi, non erano i suoi figli quelli che fa morire sul prototipo di Getta nella prima puntata?
    Concludo suggerendo due potenziali new - entry, in questa bella categoria di carognoni.
    Uno é Demetrio. Il padre di Lusca, il rivale del protagonista in CESTUS.
    Lo rapisce alla madre (che lo vestiva da bambina, ehm), e lo piazza come controfigura al posto del giovane imperatore Nerone, durante una congiura. FACENDOGLI PRENDERE UNA PUGNALATA AL SUO POSTO.
    E poi Yujiro Hanma, il padre del protagonista di BAKI.
    Che GLI UCCIDE LA MADR DAVANTI AGLI OCCHI, per motivarlo a diventare più forte.
    Una bestia, proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo, su Dario Brando...
      Alla fine il suo vero misfatto é stato quello di mettere al mondo un figlio mille volte peggiore di lui.

      Elimina
    2. Bhe, il fare stuprare Gatsu era prima della menomazione, però...e se ti ricordi lo ha fatto perché non voleva ammettere a se stesso che in qualche modo si stava affezionando al piccolo.

      Elimina
  25. Propongo con onore:
    Professor Senjiro Shiba, che amorevolmente trasformò suo figlio in un cyborg in previsione della guerra contro il popolo Yamatai, senza dirgli niente che chissà perché Hiroshi ne uscì un tantino complessato.
    Cosmos Ichimonji, che fino all'ultimo lasciò che suo figlio lo credesse morto. Addestrò Arin con una brutalità che sergente Hartman levati proprio e giù sputi in faccia e ceffoni ogni volta che Arin si permetteva di mostrare delle emozioni umane -che poi si capisce perché in missione il pilota del Danguard si comportasse da fanatico senza controllo.

    RispondiElimina
  26. è già una bella carrellata di padri dolci e sensibili. Va detto che sembra più difficile trovarne uno buono in anime e manga che il contrario.

    Comunque, io aggiungo alla lista Munisai Shinmen, di Vagabond e il sempre verde Ryuken di Ken il guerriero, che passava le sue giornate a buttare aspiranti figli adottivi giù dai burroni.

    Pegasus si sarebbe trovato benissimo!

    RispondiElimina
  27. Il mio candidato è Bondrewd "the Novel" da Made in Abyss: un essere mostruoso che fa incetta di orfanelli per i suoi terribili esperimenti ma che sceglie il caso più disperato, Prushka, da crescere come sua figlia. Le da una vita, affetto, sogni, ne riceve un bene dell'anima che lui sfrutta per ottenere il suo *scientific triumph* trasformandola in una... zuppa vivente.

    RispondiElimina
  28. Ho avuto di rimando anche un pensiero per i genitori "suini" della città incantata.... non per il retrogusto di porco della storia, ma perchè non ascoltano nè hanno un minimo di attenzione per la figlia, una volta imboccata la galleria...

    RispondiElimina
  29. A me viene subito in mente Jin Freeks (o come diavolo si scrive) di Hunter X Hunter, anche se rispetto ad alcuni citati qui sembra un genitore modello.

    [!!!major spoiler alert!!!]

    Praticamente, dato che è una bella persona all-around, sto qua se ne va di casa a 12 anni circa e si fa rivedere solo dieci anni dopo, con un figlio piccolo avuto chissà da chi, che scarica sulla cugina, e sparisce di nuovo. Lascia però un inidizio per il figlio, Gon, qualora anche lui riesca a diventare un Hunter (che è tipo una cosa pericolosissima e difficilissima). Nella registrazione che gli lascia, dice esplicitamente di non volerlo incontrare. Ma si capisce che c'è la possibilità, se solo Gon riesce a completare un (difficilissimo) gioco, solo che c'è la condizione nascosta per cui Gon deve andare a trovarlo da solo. Quando infine Gon riesce finalmente a mettergli il sale sulla coda, Jin a malapena ci parla e tenta di levarselo di torno, prima di essere redarguito dalla folla. Però alla fine bisogna dire che ci parla anche per bene

    [/fine spoiler]

    RispondiElimina
  30. Il Professor Saotome di Getter Robot : manda il figlio a morire nella prima puntata con il Proto-Getter e poi non ne parla mai più

    RispondiElimina
  31. Sono sempre indietro, mannaggia.
    Grande post, filottara di simpaticoni da ridere. I grandi generatori di prole da maltrattare, unici veri responsabili di traumi dell'infanzia.
    Aggiungo uno dei peggiori mai visti, anche se in realtà era un nonno (ma giustamente il "padre del padre e ci sta") che forze non tutti voi ricorderanno:
    il mitico Saizo, nonno ninja del simpaticissimo "Ninja Boy" Kawabaru. Si trattava di un anziano ninja che viveva nei boschi che si travestiva da vecchio "ancora più vecchio" per darsi un tono di cattiveria in più: non solo costringeva a durissimi allenamenti il protagonista della serie e suo fratello adottivo (allenamenti che finivano spesso con punizioni corporali di cattivo gusto), ma nel frattempo derideva i nipoti rubando loro il cibo e lasciandoli soli. Era talmente cattivo che più di una volta i due figli cercano di fuggire (uno ci riesce pure) e quando nel primo episodio (presumibilmente) muore, al povero Kawabaru non frega un accidente di niente. Le ragioni del comportamento del vecchio verranno spiegate via via nel corso della serie, anche se va detto che sono un tantino deboli e poco scusano il comportamento tirannico e dispotico del parente...

    RispondiElimina
  32. In alto i cuori per Arthur Young...dopo una vita di legnate, al primo stipendio da professionista, Tommy il masochista che fa? Invece di spendere i soldi in champagne e mign*tte, fa i regalini alla sorella (che furbastra si intortora il rivale ricco) e a quell'infame del padre. Che lo ripaga diventando il coach di una squadra avversaria dei Giants e allenando, con i suoi metodi montessoriani, contro di lui un giocatore di colore americano che la famiglia povera aveva letteralmente venduto ad una squadra yankee (sensibili al black lives matter i giapponesi...).
    [SPOILER]
    Quando lo davano su Italia 7, mi ricordo che nell'ultima puntata che vidi, Tommy si rompe definitivamente la spalla e il padre, piangendo, lo porta via di fronte a tutto lo stadio a cavalluccio (gran figura di melma in mondovisione. poi nello spogliatoio lo avrà sicuramente riempito di mazzate). Scopro che la serie continua: possibile che nella puntata dopo si veda un tommy finalmente alto (e barbone) che gioca a baseball con dei bambini e se la da (giustamente) a gambe alla vista del padre che lo ribecca anni dopo quella finale?
    [/SPOILER]

    RispondiElimina
  33. Quella puntata lì con Shou Tucker, è stata davvero angosciante. Per me il padre peggiore in assoluto. Anche se poi la pagherà cara, vivendo il resto della sua esistenza come un derelitto.
    Padri di Emme, mi vengono in mente anche: il padre di Lady Oscar che costringe la figlia a vivere come un uomo e il padre di Yugo Hachiken (in Silver spoom) uomo autoritario e stronzo che ripudia le scelte del figlio più piccolo perchè non rispecchia le sue aspettative.
    Poi ci sarebbe anche la "amorevole" madre adottiva dei protagonisti in The Promised Neverland... però sarebbe una madre ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gendo Ikari per me è il figlio di Furio Zòccano.

      Elimina
    2. "Per me il padre peggiore in assoluto. Anche se poi la pagherà cara, vivendo il resto della sua esistenza come un derelitto." Veramente muore tipo malissimo.

      Elimina
    3. Non ricordo la scena in cui muore, ricordo però la parte dove, ormai totalmente folle e dopo essersi trasformato egli stesso in una chimera, riempie muri interi di formule alchemiche, nel tentativo di riportare in vita la figlia che ha ucciso.

      Elimina
  34. Nessuno l'ha nominato, quindi lo faccio io: Goku in Dragon Ball Z.
    Tutti lo ricordano come il combattente più forte dell'universo, dimenticando che come padre di Gohan e Goten (e come marito, senza alcun dubbio) si è dimostrato infantile, assente, più interessato ai combattimenti e agli allenamenti piuttosto che alla famiglia, poco empatico e praticamente mai genuinamente affettuoso.
    Persino il burbero Vegeta ha dimostrato di essere un padre molto migliore di lui.

    RispondiElimina
  35. Ora, lo so che si tratta di una commedia, ma di Genma Saotome ne vogliamo parlare?
    E' pronto a VENDERE letteralmente suo figlio a CHIUNQUE e per QUALSIASI COSA, che sia una palestra di arti marziali o una CIOTOLA DI RISO, va bene uguale, Ranma per lui è una semplice merce di scambio...
    Senza contare che per colpa sua il ragazzo è diventato un ermafrodita...

    RispondiElimina
  36. C'è ne sarebbero....


    Direi che quelli che mi sono rimasti più impressi sono il padre di Hinata in Naruto (ma poi almeno si riscatta) e Endeavor in My Hero Accademia.


    Poi bure Baran in Drafon Quest Dai, ma vabbè lui almeno era giustificato dal fatto che pensasse che il figlio fosse morto.

    RispondiElimina
  37. Vinsmoke Judge di One Piece; sovrano di un regno scientificamente all'avanguardia e leader di un gruppo criminale noto come Germa 66, attraverso le manipolazioni genetiche ottiene 4 figli superumani e un figlio (Sanji) normale, che tratta malissimo poiché non dotato degli attributi dei fratelli; quindi lo rinchiude nelle segrete, ignorandolo del tutto.
    Quando questi si libera con l'aiuto della sorella Reiju, Vinsmoke lo sorprende, ma gli dice di sparire dalla sua vista.
    La cosa sarebbe potuta finire qui, peccato che anni dopo avrebbe fatto rapire Sanji dagli uomini di Big Mom, per farlo sposare con una delle innumerevoli figlie di questa.

    RispondiElimina
  38. C'è da dire che Shinji è in quella maniera principalmente per via del trattamento riservatogli da Gendo (e sinceramente guardando la serie per la prima volta dopo essere stato esposto per anni a parodie e meme vari la minchionaggine di Shinji a me è parsa sempre più una esagerazione dei fan di vecchia data), quindi si conferma padre di merda e sinceramente una delle cose migliori di End of Evangelion è che ha esaudito il mio desiderio di vederlo morire male.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy