Grande Giove, la piazza di Hill Valley in versione Playmobil!

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Se n'era parlato un po' di tempo fa, e venerdì è arrivato: il Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro della Playmobil. Ovvero la piazza del municipio di Hill Valley in cartoncino, un sacco di elementi e chicche legati a Ritorno al Futuro e tutto l'occorrente per rispedire una DeLorean di plastica nel 1985 [...]

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Dunque. Si tratta, appunto, di uno dei Calendari dell'Avvento che Playmobil tira fuori ogni autunno, quindi, volendo, potete star lì a tirar fuori giorno per giorno i singoli contenuti da ogni casellina e poi assemblare il tutto a Natale. Se volete far contenti i criaturi di casa, anche ammesso siate voi. Va bene, no judgment here, davvero. 

Oppure fare i wild boys, aprire tutto il contenitore e montare tutto quanto perché quello che conta è il diorama di Ritorno al Futuro che ne viene fuori.

Avevi ordinato questo set Playmobil 70574 un paio di mesi fa e l'hai pagato 35 carte. Oggi su Amazon è proposto da vari venditori a 38-40 circa. Ovviamente, ha senso se affiancato alla DeLorean Playmobil, di cui si parlava qui.

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Quello che ne viene fuori, dopo tre quarti d'ora spesi a piegare cartoncini e incastrare pezzi, è questo. Una serie di personaggi pescati sia dal 1985 che dal 1955, tanti oggetti legati al primo film, la facciata in cartone del municipio/tribunale e il necessario per ricreare la scena del fulmine che colpisce la torre dell'orologio.

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Fulmine, poi, da far arrivare a quel cavo teso tra i due lampioni, grazie a un filo con tanto di maniglia per appenderci Doc Brown. Quel pezzetto di strada tra i due lampioni ha già le scie infuocate della DeLorean belle pronte.

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Un po' di dettagli di quanto incluso: Jennifer con libri, borsetta e panchina.

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Doc Brown appeso al cavo,

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

il Marty McFly del 1985 che sta per essere mandato gambe all'aria da quella cassa gigante,

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Marty nel 1955 in fuga da Biff Tannen su uno skateboard improvvisato (notate il cartello del ballo "Incanto sotto il mare"),

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Marty e DocBrown con le tute antiradiazioni per i primi esperimenti con la macchina del tempo. Il tocco di classe è il cartello del "Twin Pines Mall":

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

basta girarlo e, per le ragioni che sappiamo, diventa "Lone Pine Mall".

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Ci sono anche la lettera "da non aprire prima del 1985", il volantino per salvare la torre dell'orologio (già incluso nel set della DeLorean), la rivista di fantascienza di George McFly e gli accessori che Marty usa per fingersi un alieno e spaventare il padre: l'asciugacapelli e il registratore. 

"Silenzio terrestre! Il mio nome è Darth Vader. Sono un extra-terrestre e vengo dal pianeta Vulcano!" Manca solo la cassetta con su scritto "Van Halen".

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

C'è anche una cartolina lenticolare che riproduce, in versione Playmobil, la celebre foto con i fratelli di Marty che scompaiono e ricompaiono nell'immagine. Basta inclinarla e...

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Alle volte basta così poco per stupirti, guarda. Sempre amato queste robe lenticolari.

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Aggiungi la DeLorean (di nuovo, se n'è parlato qui), che includeva anche il palo per agganciarsi al cavo, ci metti di tuo un fulmine per generare 1,21 gigawatt...

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

...e rispedisci Marty McFly nel suo presente, cioè il futuro del 1985, cioè il nostro passato e... vabbè. 

Calendario dell'Avvento di Ritorno al Futuro Playmobil

Problema risolto, il Doc Brown del 1955 può rilassarsi per un po' senza grattacapi da paradossi temp...
20 

Commenti

  1. Doc, è una meraviglia. La cura dei particolari è fantastica, Commovente, azzarderei. Sono davvero affascinato.

    E spero che la presenza dei due incappucciati lì significhi il proseguimento di quella faccenda boia-temporale rimasta in sospeso... 😃

    RispondiElimina
  2. Cioè.. Oltre alle macchine del fighetti ora ti regalano anche i Calendari del fighetti??? Vergonnnia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma regalato una mazzadel1985, ché l'ho comprato :D

      Elimina
  3. Eh no... questo mi stende davvero! Grazie al tuo post ho preso la De Lorean e adesso non posso rinunciare alla meraviglia di Hill Valley, a tutti i costi!!! E un caro saluto al Boia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai Boia. Sono davvero due, no fotoscioppo.

      Elimina
    2. Ops allora mi correggo subito, non voglio farmi nemici pericolosi :)

      Elimina
  4. No, vabbè. Hanno vinto.
    Il cartello del Lone Pine Mall e la cartolina a scomparsa sono due chicche veramente nerd!

    Doc, ma...Twisted Theater nuovi ne abbiamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ultime due foto sono abbastanza indicative al riguardo. Soon.

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Che spettacolo! Stupendo! Ci mancavano solo i playmobil George e Lorraine e un Marty chitarrato alla Chuck Berry ed era oltre la perfezione. Menzione d'onore per Jennifer con Marty e panchina. Sarebbe stato bello un vecchio Peabody con fucile per abbattere il "bastardo spaziale"!
    Ma secondo voi per fare il playmobil Strickland occorre semplicemente togliere i capelli ad un playmobil?
    No perchè la tipica faccia scazzata come gliela raffiguriamo?

    Doc non mi volere male, ma mi tramuto in un mini PdF per un attimo:
    1,21 Gigowatt! purtroppo la traduzione del 1985 dice così"
    Fine momento PdF.

    Grazie mille per averci illustrato questa meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo so. Ho tradotto io il romanzo di Ritorno al Futuro Parte II, ti ricordo :D
      Era un errore, come ben sai (sono gigawatt), frutto del modo in cui è pronunciata la parola nell'audio originale. Avessi citato una frase del film, avrei usato perciò la O. Ma visto che non è un virgolettato, e che, beh, sono gigawatt, allora gigawatt.

      Elimina
  7. Faccio dunque ammenda della mia "precisineria" senza aver ricordato i tuoi trascorsi di traduttore e ti ribadisco il mio gaudio nel vedere questo oggetto! :) In questi giorni se non erro ci dovrebbe essere il 35° anniversario del film. Chissà se c'è qualche evento, pandemia permettendo naturalmente.

    RispondiElimina
  8. E la Lego si mangia le mani. Come avrei voluto almeno una delorean creator expert. Eh vabbe vorrà dire che un domani al pupetto prenderò questi playmobil che sono anche più adatti ad una certa età. Cioè la mia ahahaj

    RispondiElimina
  9. Figherrimo diorama, e dopo la De Lorian mi tocca assolutamente prendere anche questo. Solo non so dove metterlo ormai lo spazio dedicato al pupazzame e affini è andato esaurito da tempo e mi tocca fargli fare i turni in vetrinetta :)

    RispondiElimina
  10. Eh, già.
    Visto che il massimo a cui potrò aspirare sarà quello delle Lego Friends, visto che la mia piccola ci ha già puntato gli occhietti addosso.
    Sigh...
    Pare che pure la Lego ci si sia buttata a pesce, su questa roba.
    Difficile dire chi abbia cominciato per primo (tradotto: chi ha copiato da chi), ma questi calendari componibili li ritengo un'ottima idea.
    Sempre meglio che i soliti stra - pieni di cioccolatini come quelli della Kinder o dei vari cartoni animati (che comunque si pigliano lo stesso, eh).

    RispondiElimina
  11. "Il Paradosso dei 2 Playmobil Boia" è il titolo perfetto per un Romanzo Urania con la copertina di Thul . È complimenti per il set

    RispondiElimina
  12. "Mobbasta veramente però!" - cit. Doc, te lo chiedo col cuore in mano: smettila ti pubblicare 'ste cose! C'è crisi, ci sono i figli da crescere, c'è la famiglia e non c'è un più un cavolo di spazio. Eppure continuo ad ammassare roba manco abitassi alla reggia di Caserta.
    Se non vuoi farlo per me, fallo per il mio portafoglio che piange lacrime di sangue! Ho il direttore di banca che mi dorme sul pianerottolo...

    RispondiElimina
  13. So che era un errore, ma per me saranno sempre "Gigowatt"!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy