Teenage Mutant Ninja Turtles, tutte le action figure delle Tartarughe Ninja (Parte II, 1990)

Teenage Mutant Ninja Turtles, tutte le action figure delle Tartarughe Ninja (Parte II, 1990)

Seconda parte del listone totale globale di tutte le action figure delle Teenage Mutant Ninja Turtles sfornate da Playmates tra la fine degli anni 80 e gli anni 90. Dopo LA PRIMA PARTE del listone dei giocattoli delle Tartarughe Ninja, che copriva le annate 1988 e 1989, oggi tocca alla terza, nutritissima wave di pupazzetti, uscita nel '90. Chi ha detto Technodrome e Turtlecopter? [...]


TEENAGE MUTANT NINJA TURTLES - LINEA 3, 1990

La macchina da soldi delle TMNT è in pieno boom e la Playmates dà fuoco alle polveri (sì, c'è una puntata de I giocattoli della nostra infanzia che parla del tutto. Sì se n'è parlato qui). Il 1990, del resto, è l'anno in cui esce il film Tartarughe Ninja alla riscossa (Teenage Mutant Ninja Turtles): il treno del Cowabunga è lanciatissimo e non lo ferma più nessuno. 

La linea di action figure delle Tartarughe Ninja comincia a imbottirsi di variazioni sul tema sempre più fuori di guscio, e continua la produzione di veicoli e playset a tema fogne, ratti, slime, pizze.


SWORD SLICIN' LEONARDO 
Si diceva l'altra volta di come nel primo lotto di action figure della sottolinea Wacky Action, quelle con movimento caricato a molla, non ci fosse un Leonardo. Questo perché Sword Slicin' Leonardo arriva qualche mese dopo, con la terza linea di figure, insieme ai due tizi qui sotto. Il meccamismo a molla faceva muovere il braccio di Leo, per flagellare i nemici non già con una katana, ma con tre diversi tipi di mazzarelle arancioni.


CREEPY CRAWLIN' SPLINTER
Questo Splinter con la magliettina in microfibra comprata alla standa e l'atteggiamento vagamente punk, invece, con il suo caricamento a molla... strisciava per terra. Aveva una serie di accessori da attaccare alla coda e strisciava su gomiti e ginocchia. "Set Splinter down and watch as he crawls like the rat he is!", spiegava il retro della card del pupazzetto. Gentilissimi. 


SLICE 'N DICE SHREDDER
Terza e ultima action figure Wacky Action della linea del '90 è questo Shredder col vestitino magenta che agita le braccia munite di armi e vari tipi di lame. "Make Shredder shred!". Ma la descrizione si premurava anche di buttar lì un "Do not overwind". Non lo sovraccaricate, rEgazzini, o vi trita pure i documenti di casa.


LEO, THE SEWER SAMURAI
La linea del 1990 dà, si diceva, il calcio d'inizio alla meravigliosa stupidera delle Tartarughe Ninja dai mille travestimenti bizzarri. Di lì a pochissimo ci sarebbero stati tutti quei Batman sommozzatore e parapendio, sugli scaffali dei negozi di giocattoli degli anni 90: non poteva esserci pure un "Leonardo samurai delle fogne"? Ma infatti. E poi, quanto diavolo era ed è ancora figo questo pupazzetto qui?

Ah, sì, per farlo sufficientemente badass, hanno usato - ricolorandola - la faccia del Raffaello del 1988. 


DON, THE UNDERCOVER TURTLE
Un Donatello detective in impermeabile, con nasone e baffi finti giganteschi, valigetta, pistola e una fetta di pizza ai carboni attivi.


RAPH, THE SPACE CADET
Il Raffaello astronauta aveva invece il casco a boccia, una pistola laser collegata alla tuta da un cavo di plastica gialla e una spada spaziale. No, meglio: "una spada spaziale affetta-satelliti". Minchia. 


MIKE, THE SEWER SURFER
A Michelangelo, infine, nelle fogne non bastava sguazzarci: gli piaceva farci anche il surf, dice. Con la tavola con la scritta Kowabunga, uno shuriken, un granchio e vari prodotti ittici attaccati addosso e alla pinna. 


DONATELLO, WITH STORAGE SHELL
Passiamo al resto della linea, che comprende nemici, alleati e questa versione di Donatello con guscio apribile per tenerci le armi. Il che fa subito scena turpe di Cannibal Holocaust, va detto. Armi che includono il "coltello pesce" e la "pizza killer", da lanciare ai nemici del Piede, uccidendoli perché lievitata pochissimo.


WINGNUT & SCREWLOOSE
Wingnut è un pipistrello alieno, proveniente dal pianeta Huanu che è stato distrutto da Krang. Alleato delle Tartarughe Ninja (Donatello gli ha costruito le ali meccaniche), si porta dietro una zanzara aliena gigante con quattro braccia (Screwloose).


MUCKMAN & JOE EYEBALL
Quest'altra coppia è formata dal sempre affascinante uomo-schifezza Muckman, altro alleato delle Tartarughe e compagno di mangiate di pizza, e dal suo compagno Joe Eyeball, il simpatico amico parassita. Di quelli che non ci mettono mai i soldi della benzina, tipo.


SLASH
Non già il chitarrista dei Guns N' Roses, ma l'anti-Turtle, la tartaruga cannibale della Dimensione X. "Pizza stinks!", recita Slash in un balloon sulla card del giocattolo. La pizza puzza? Era chiaramente una dichiarazione di guerra.


RAY FILLET
"The fist fighting fish". Il pesce che ti prende a cazzotti. Ok. Altro alleato delle TMNT uscito male da una roba di inquinamento radioattivo. Se il pupazzetto ve lo ricordate con una V sul petto di un altro colore, è perché ne sono uscite diverse versioni.


TRICERATON
Nella Dimensione X ci sta pure questo triceratopo antropomorfo che vuole distruggere le Turtles e... mangiare ratti, dopo averli acchiappati. A Milano si troverebbe benissimo.


PIZZAFACE
"The Psychotic Pizza Chef", perché nella sua pizzeria il problema principale non è l'igiene o i carciofini scaduti messi sulla quattro stagioni. Il nemico che ti combatte lanciandoti le pizze: il solo, vero incubo delle Turtles? Da notare i baffi neri, in quanto pagliaccio italiano che suona sempre mandulino al campeggio di Fantozzi.


PANDA KHAN
Il panda samurai, proveniente da un lontano futuro dominato da orsi guerrieri, amico di Donatello e gli altri. La sua descrizione si chiude così: "Panda Khan's hard for the Foot Clan to bear". Ehr...


FUGITOID
Fugitoid è il Professor Honeycutt, scienziato che ha trasferito la sua mente in un androide. E si è dato alla fuga, il che in effetti giustifica il nome del personaggio. Creato da Eastman e Laird prima delle TMNT - sul primo numero dei loro Mirage Studios: Gobbledygook, nel 1984 - Fugitoid è stato quindi integrato nel mondo delle Turtles.


MUTAGEN MAN
Frutto degli esperimenti di Krang, Mutagen Man aveva il suo pupazzetto pieno d'acqua col mostrillo fluttuante, un sacco di viola addosso e uno scarpone meccanico. Uno solo.


MONDO GECKO
Un geco skateboarder, munito di tavola (e di pattino per la coda), fan del trash-metal, chitarrista e amico di scampagnate nelle fogne delle Tartartughe Ninja.


NAPOLEON BONAFROG
Alleato fricchettone, con simbolo della pace al collo, ciclisti bicolor da primi anni 90, appunto, e ciavatte fucsia. Fa parte della banda dei Punk Frogs, insieme ad Attila, Genghis Frog e Rasputin.


SCUMBUG
L'ultimo membro di questo dopolavoro ferroviario di mostri mutanti è Scumbug, "lo sterminatore di Turtles" (n'altro), armato di mezza cravatta, di arma da disinfestazione e di insettoni collegati a lui telepaticamente. Il suo nome, non si fosse capito, è un gioco di parole tra i termini "stronzo" e "insetto". Uno che si fa rispettare.


TURTLES GIANT SIZE
Il 1990 è anche l'anno di uscita delle Turtles Giant Size, pupazzoni alti 13 pollici (33 cm di dimensione artistica) dei quattro protagonisti. Foto da ebay.


NEEDLENOSE
Capitolo veicoli e ai playset vari. I due "Mega Mutants" erano mutanti volanti in groppa ai quali potevano montare i personaggi. Tipo dei Sectaurs ibridati con i mostrilli degli spot di MTV. Needlenose (buoni) era la "bloodsucking military mutant mosquito"...


KILLER BEE
...mentre Killer Bee (cattivi) era "The Psychothic, Stinging Pollinating Punk". Niente male come biglietto da visita. E sì, come sella aveva una comodissima sedia elettrica.


OOZEY
Un trappolone per le TMNT: una finta pizzeria che in realtà serviva a scaraventare addosso alle Turtles il solito slime (Ooze), per imbrattare divani, tende e tutto il resto, si diceva la volta scorsa.


SEWER SELTZER CANNON
Michelangelo e gli altri rispondevano con un cannone ad acqua che sparava soda, per far fare ai villanzoni un bell'aperitivo. Tocco di classe la scritta "fresca di fogna" sotto al cannone.


SLUDGEMOBILE
Il tipico gatto delle nevi da usare nelle fogne, questo usato da Bebop. Che spara "palle di neve", ufficialmente, ma non volete sapere di cosa sono fatte davvero. (Quei gusci lì sono i cugini morti di Slash?)


TOILET TAXI
Finissimo anche il Toilet Taxi, un cesso di veicolo, letteralmente, con tanto di rotolo di carta igienica svolazzante, doccino e spara sturalavandini. C'è scritto che la tazza l'hanno disinfettata, come negli alberghi, ma poi vai a sapere.


PSYCHO CYCLE
Moto fluttuante con avvoltoio incorporato, missili, armi, cattiveria. Mentre Sludgemobile e Toilet Taxi funzionavano a retrocarica, la Pyscho Cycle...


SEWER DRAGSTER
...e il Sewer Dragster funzionavano a cordicella ("rip cord powered vehicle"). Il Dragster delle Turtles però, anziché lanciare missili, sparava salsa e girava grazie a una pizza gigante. Massimo rispetto, in ogni caso, per la bandiera "Hit Pepperoni or Die!".


TURTLECOPTER
E no, niente, il Turtlecopter l'hai sempre trovato deliziosamente scemo: un elicottero tornato che aveva fatto il Vietnam, metti, e che tirava cazzotti al male. Un po' Platoon, un po' Bud Spencer. E come pale, due serpenti legati con lo spago. Respect.


MUTANT MODULE
Non figo però, l'elicottero, quanto il trivellone gigante alla Thunderbirds dei cattivi. Mai visto dal vivo, ma a giudicare dalle foto ti sembra un giocattolo belliFFimo anche adesso.


TECHNODROME
Il che vale chiaramente anche per il Technodrome, playset su cingoli, fortezza mobile a più piani, Pallonedimaradò delle forze del male. Con un occhio gigante affetto da congiuntivite.


Va', c'abbiamo pure lo spot vintaggio. E la Morte Nera muta!

25 

Commenti

  1. Avevano già iniziato a svaccare di brutto, come per i Ghostbusters. Personaggi inutilissimi, sembrano spesso tirati a caso (per fare cassa).
    Sognavo però la mega trivella (la adoravo nel cartoon e anche nell'arcade, con Shredder che rapisce April nel suo appartamento) e il Tecnodromo.
    Ho ancora il dragster (di mio fratello), ma senza la cordicella a topo, forse fatta sparire da mia madre XD
    Non conoscevo Oozey, ora devo fiondarmi ad aggiornare il mio articolo su tutti i giochi con lo slime! **

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per l'oozey pensavo proprio a te :D

      Elimina
    2. Infatti ho già implementato l'articolo XD

      Moz-

      Elimina
  2. Un appunto sul primo film delle Turtles, che citi. Che a differenza del secondo, smaccatamente per regazzini, aveva un taglio decisamente piu'cupo.
    Forse faro' la figura del vecchio.
    Ma trovo che l'impiego di animatroni, mascheroni e pupazzame vario contribuisse a rendere i personaggi piu' credibili e "vivi" di molta roba in CGI che gira oggi.
    Talmente perfetta da risultare irrimediabilmente finta.
    Ti ci affezionavi, a quei pupazzoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero: se i pupazzi eran fatti bene, meglio avere cose fisiche che robe computerizzate: queste ultime risultano molto più fredde e false, e soprattutto... INVECCHIANO presto.

      Moz-

      Elimina
    2. Animatroni e pupazzi sono il meglio, perché sono solidi, interagiscono con gli attori e il set, hanno quel sapore di "lavoro artigianale" che non invecchia mai, ma a volte fanno quell'effetto (bellissimo secondo me, tra l'altro) di "pupazzone plasticoso mosso da un meccanismo", in più sono pesanti, costosi e complicati da muovere, tanto che spesso se ne devono fare decine (uno che corre, uno che muove la testa, ecc).
      La CGI permette con costi contenuti di realizzare esattamente tutto quello che un regista ha in mente, ma invecchia malissimo e devo ancora vedere un film con della CGI che non mi sembri finto (pure punte di diamante come Avatar o Alita).
      A parte un film: "Nel paese delle creature selvagge" di Spike Jonze.
      Lì sono tutti veri pupazzi indossati da attori sul set, che interagiscono fisicamente tra loro e con l'ambiente, si sporcano di sabbia, riflettono la luce del tramonto come i corpi solidi che sono ("like the rat he is!" :D ), ma hanno dei volti espressivi come non mai, perché le maschere pelose dei costumi sono mosse in CG con la "motion capture" a partire dalla recitazione di attori veri, utilizzando come texture le immagini delle riprese reali di queste maschere. L'effetto secondo me è più impressionante di Avatar, infinitamente più economico e non invecchierà mai, perché le Creature Selvagge sono fratocugine di Gogol, Bubo e Sir Didimus più che dell'uréndo drago di Dragonheart.

      Elimina
    3. Esattamente, quoto tutto. Ovvio che dove non ci si può arrivare è necessaria la computer grafica, ma per il resto è meglio il pupazzone peloso e/o plasticoso che interagisce davvero con attori e ambiente.
      Come Uan, immaginate se fosse fatto al computer! 😂

      Moz-

      Elimina
    4. Tra l'altro, il primo film me lo sono rivisto giusto nel weekend, e si alcune battutine tendevano al bambinesco, ma la storia in sé, la fotografia cupa e i personaggi-non-mutanti non sono per niente da film per bambini.
      I pupazzoni sono pupazzoni oggi come lo erano ieri, ma funzionavano dannatamente bene.

      I remake in CGI prodotti da Michele Petardo non li commento nemmeno, il secondo poi è avvero oltre l'impresentabile...

      Elimina
  3. Ho preso il tecnodromo all'ultima Novegro. È decisamente uno spettacolo. Peccato non entra nella detolf. ��
    Per il resto le turtles sono giocattoli carucci; ce ne sono pochi veramente belli, il resto è trascurabile.

    RispondiElimina
  4. A costo di inimicarmi la potente lobby dei giocattolai (che, come ben sappiamo, è seconda solo a quella dei tabaccai) nel pack del Donatello investigatore non ho mai trovato il nasone scherzone coi baffi finti. Il che peraltro è stato un bene, perché a quel punto è diventato Donatello Casablanca. Btw, il coltello-pesce era fighissimo (sì, ero un fanatico del Don).

    RispondiElimina
  5. L'ultima volta mi chiedevo se avrei ritrovato la misteriosa turtle in accappatoio, ed ecco che salta fuori Undercover Don! Punti bonus per Triceraton, che non ricordavo finché vederlo in lista non mi ha colpito come un dragster fognario.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. MUTAGEN MAN porca palettazza lo aspettavo al varco! Mio Evil pupazzo delle turtles preferito di sempre. Non me lo ricordo nemmeno nella serie animata ma nella pubblicità mi aveva rapito completamente, ricordo bene che elencavano diversi villain e lui era l'ultimo nominato dello spot. Era estate, al mare con le ciavatte che avrò avuto 7/8 anni, appena lo vidi su una bancarella a San Marino ricordo di aver stracciato le balle così tanto ai miei che addirittura me lo comprarono subito (!), contravvenendo alla regola aurea del non ti prendo niente al di fuori di compleanno/lettera babbo natale. Se fosse stata l'aria di vacanza o quella cosetta chiamata IVA a fargli cambiare idea, non è dato sapere.
    Ovunque tu sia, là tra i maledetti bambinipovery, mi manchi Mutagen Man.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MUTAGEN MAN è apparso in un solo episodio, il 110 (o 5x05) "Seymur il mutante".

      fortunatamente non è andato dimenticato ed il suo concept è stato ripreso nella serie 2012 della Nickelodeon come Polverizzatore, dove era stato reso un amico delle Tartarughe e che alla fine la sua storyline ti da un bel cazzotto nello stomaco così inaspettatamente che ci sono rimasto male per lui :(

      Elimina
    2. Ma dai! grazie mille per le preziose info. Recupererò <3

      Elimina
  8. Attacco vietcongo di Mariomeroli che lanciano bruschette alla cipolla, mio cugino ne aveva diversi.

    Mi sono domandato se le turtles non esistono in versione Lego. E ovviamente esistono.

    RispondiElimina
  9. Di tutti questi avevo fugitoid e il rospo

    RispondiElimina
  10. di questa doppia informata non avevo niente (se non, come ho già scritto, il Raph storage shell... ma quindi, Doc, non sono uscite tutte e 4 assieme? Qui vedo solo Leo...) e, soprattutto, a parte il Tecnodromo non avrei desiderato niente...

    RispondiElimina
  11. Evidentemente questa serie è uscita quando sono stato particolarmente bravo perché ne ho 4 o 5 di questi, tra cui il robottino fuggitivo e la tartaruga psicopatica (uno dei miei cattivi preferiti nelle grandi sessioni di battaglia dei personaggetti che endgame scansite un attimo per cortesia).

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Doc, there is something strange in the neightborhood...!

    RispondiElimina
  14. Nonostante adori questo blog che seguo da anni, non ho mai commentato... ma per le turtles beh.. Più dei master, più dei ghostbuster, più dei lego e di qualunque altro brend abbia segnato la mia infanzia le 4 tartarughe e il loro mondo me li porto dentro in una maniera davvero agrodolce. Oggi che ho gli anni di Cristo, che ho fatto di ogni, che mio malgrado son cresciuto e convivo... Oggi, che ho letto davvero di tutto, tra cui ovviamente i fumetti di Eastman e Laird, quando mi capita di vedere qualcosa legato al brand delle tartarughe anni 90 torno a essere davvero un bambino... che per quanto mi piaccia pensare di non essere cresciuto, purtroppo e per fortuna non è così. Chissà cosa hanno avuto in più le tartarughe ninja della PRIMA serie animata per insediarsi cosi tanto nella mia mente... beh, se mai avrò figli, spero trovino qualcosa da portarsi dentro anche "da grandi" che possa fargli rivivere un frammento di autentica infanzia anche quando questa sarà lontana. Quello che oggi è per me la prima versione, pirla e insuperabile, delle 4 tartarughe.
    Grazie doc per continuare questa nuova antologia )

    RispondiElimina
  15. Giuro che di alcuni non ricordavo nulla, avevano saturato il mercato delle Turtles con troppi personaggi scrausi.

    RispondiElimina
  16. Di questa seconda serie salvo Leonardo samurai (veramente carino!) e (forse) Triceraton e Panda Khan: sono i meno pasticciati.
    Gli altri sono imho un guazzabuglio inguardabile: il pizzaiolo sporco di vomito e sangue (o pomodoro, bo), Wingnut, Muckman, e tutti i personaggi da Mutagen man in avanti li trovo francamente ributtanti. Se me li avessero regalati da piccolo probabilmente avrei pianto :D

    Mai piaciuti, tra l'altro, i pupazzetti con molla o pulsantini che fanno solo una cosa (tipo Sword Slicin' Leonardo), per nulla versatili nei giochi dove si deve usare la fantasia (che sono poi gli unici giochi concepibili da un bambino...). Anche i Ghostbusters erano tutti così, mentre i Masters avevano dei meccanismi, tipo Clawful che chiudeva le chele a scatto o Kobra Khan con la testa a spruzzino, ma raramente la giocabilità era compromessa dall'effetto speciale.

    RispondiElimina
  17. Quel Michelangelo Sewer Surfer viene palesemente dal videogame per C64 e NES dei Turtles, precisamente dal livello sotto marino con le alghe elettriche.

    Disagio e frustrazione in pacchetti regalo, oggi.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy