Amiga: come l'arrivo di Sensible Soccer cambiò di nuovo tutto e il Dottor Destino finì a giocare in porta (I miei computer - parte 6)

Sensible World of Soccer 95-96 Amiga 500

L'ultima volta ci si era fermati lì, all'arrivo di Sensible Soccer. All'inizio di una piccola, grande rivoluzione che avrebbe preso possesso dell'Amiga 500 di casa tua e non lo avrebbe mollato neanche in quei due anni di personale medioevo videoludico, gli unici in cui sei stato sufficientemente lontano dai videogiochi domestici negli ultimi 39 [...]


Jon Hare e Chris Yates sono due ragazzotti dell'Essex conosciutisi a scuola che hanno messo su la Sensible Software. Il primo Sensible Soccer è del '92. Il titolo completo è Sensible Soccer: European Champions e in copertina c'è Ruud Gullit con la maglia dell'Olanda.

La base di partenza è il Microprose Soccer (figlio spirituale a sua volta del classicone da sala Tehkan World Cup, aka Tecmo Cup), sfornato da Hare e Yates qualche anno prima, ma da allora i due si sono sfondati di Kick-Off e hanno perfezionato questo stile grafico che diventerà il loro marchio di fabbrica anche al di fuori degli stadi digitali, ad esempio in Cannon Fodder e Sensible Golf.

Gli omini con le capaabombe, pare tirati fuori per un Sensible Olympics mai completato.

L'intro di Sensible Soccer, con musica - seems legit - di Captain Sensible.

È come Kick-Off, Sensible Soccer, ma è meglio. Meno frustrante, più immediato, decisamente più galvanizzante e frenetico, con i suoi ritmi di gioco che una telecronaca di Bruno Pizzul non avrebbe esitato un istante a definire tambureggianti.

O almeno questo è quello che sostengono i suoi fan tipo te, in quegli anni di feroce guerra civile e ideologica contro i supporter del gioco di Dino Dini, sulle barricate erette davanti ai negozi che spacciano dischetti Amiga copiati, cantando Through the Barricades come dei Tony Hadley qualsiasi.
Ci sono le nazionali, in Sensible Soccer, tante, pure quelle scarse che con gli Europei del '92 non hanno nulla a che fare, tipo l'Italia, e inizi ad editare e sovrascrivere quelle che non ti interessano. 
Trasformi San Marino in Seconda E, la squadra dei tuoi compagni di classe, con la quota di stranieri reclutati durante l'ora di educazione fisica, quando siete presi a distruggere jeans e ginocchia sull'asfalto davanti alla palestra. Cercando di bucare l'ennesimo Super Santos contro il muro in cemento armato e le sue dita demoniache di metallo arrugginito.


La Lituania, con quel nome in inglese, è nata per diventare nel tuo Sensible Soccer Latveria, covo calcistico di supercriminali Marvel. Passi un paio d'ore, un pomeriggio d'autunno, a scegliere il villanzone adatto per ogni ruolo. La divisa del Latveria FC, per la cronaca, è gialla e nera.

Il padrone di casa, il Dottor Destino, siccome te lo figuri sempre a braccia conserte, diventa portiere carismatico alla Ed Warner, ma un pelo più appesantito nell'abbigliamento. In attacco, i gemelli del gol Omega Red e Scorpione, praticamente i Vialli e Casiraghi evasi dal supercarcere Raft. Magneto libero alla Beppe Bergomi, ai calci piazzati Bullseye. Per forza.

Sensible Soccer diventa il grande protagonista di sfide infinite con l'Apreda più piccolo, a colpi di tiri effettati con l'aftertouch, triangolazioni fulminee e prove collaterali in stile mondiali/giochi senza frontiere, come il gol segnato al computer in minor tempo possibile o quello dopo il maggior numero di passaggi di prima consecutivi. Il gioco nel gioco, inception.
Due anni dopo, Sensible World of Soccer, rilancia, gettando praticamente sul tavolo un altro tavolo. 
Quello che salta fuori da quel gioco è, semplicemente, qualcosa che non hai mai visto. Ci sono leghe nazionali di ogni tipo, serie minori, una modalità manager e decine di migliaia di calciatori, con i loro nomi veri e la valutazione di mercato espressa in sterline. Puoi fare il calciatore, l'allenatore, il player manager, lo scout (ma senza fazzolettone al collo).

Il Cosenza in serie B dei primi anni 90, nel cuore e soprattutto nei cori dei tifosi di tutta Italia grazie alla coppia Marulla - La Canna (tutta la curva si sballa).

In quelle che sono le prove generali di un futuro fatto di Scudetto e Master League varie, prendi a selezionare calciatori di ogni nazionalità, a ingaggiare futuri talenti e stelle sul viale del tramonto, in base al piede più educato, al ruolo, all'abilità specifica, al prezzo del cartellino, all'intolleranza al glutine.

Trascorri tra i menu e sui campi di Sensible World of Soccer una quantità di ore incalcolabile, sostituendolo solo con la versione che vedete nella cover di questo post, Sensible World of Soccer '95 / '96. In quei due anni lì, in particolare, è senza alcun dubbio il titolo che giochi di più a casa. Perché è anche l'unico.

Continui a seguire la scena, a comprare le riviste di videogiochi e a goderti in bar e salette l'ondata di titoli 3D e picchiaduro che preparano il terreno all'avvento di Pleistescio, ma per qualcosa come 18 mesi giochi pochissimo a casa. Sono i primi anni di università, trascorsi a Salerno, hai altre cose da fare. Ma ogni volta che torni giù, riaccendi l'Amiga e tiri fuori una delle tue squadre custom per una partitella.

L'amore per l'ormai vecchio computer Commodore è al tramonto: un paio d'anni dopo il tuo Amiga 500, con la sua espansione a un mega compatibile che non sempre funziona, sarà venduto a un fotografo locale, che vuole usarlo come titolatrice e ti pagherà uno sproposito per il computer e le scatole converse piene di dischetti copiati.

Investirai prontamente il tutto, arruolandoti sul fronte nipponico della guerra PlayStation alla deboscia.

L'inquietante Inter 95-96 di Hodgson. "Gol di Ins e Ans" (cit. cult). 

Tornerai ad avere un Amiga solo molto tempo dopo: un 500 plus preso in un lotto di retrogaming e un Amiga 600 con HD comprato nuovo a fine decennio scorso, in un negozio sotto casa che stava chiudendo. Ironicamente, era lo stesso negozio di televisori ed elettrodomestici in cui avevate ripiegato con tuo padre e il cugino grande Armando, nell'84, per trovare quel Commodore 64 tedesco.

Venduto l'Amiga al fotografo e gettatoti tra le braccia della potenza di PlayStation che gli spot tv raccomandavano di non sottovalutare, si chiudeva così momentaneamente, dopo dodici anni, il tuo rapporto con gli home computer. Il passo successivo sarebbe stato nel '97 il tuo primo PC, da cui muovere alla conquista di Internet. E quindi del mondo.

48 

Commenti

  1. ...nostalgia...nostalgia canalis...
    Perchè Gigi Marulla oggi starebbe fisso in nazionale...
    Perchè era dai tempi di Emlyn Hughes che cambiavo nomi alle squadre, colori alle divise.... per fare le squadre del liceo, l'Italia del 1970 etc...
    e con Sensi sembrava di essere arrivati davvero al traguardo...
    Oggi ...che ho completamente sostituito (in PES 2019) la prima e seconda divisione inglese con la serie B e C1 di metà anni 80 (Akragas, Cosenza, Spal, Reggina etc.... con le maglie perfettamente riprodotte, gli sponsor dell'epoca e centinaia di giocatori con nomi e fattezze mutate), mi rendo conto di essere avviato verso la follia senile più cupa... e chissà cosa mi/ci aspetta...
    Beato te che avevi l'Apreda Jr. con cui giocare... mio fratello detestava e detesta i giochi di pallone...
    che nostalgia....

    RispondiElimina
  2. Per quanto giochi di calcio nella mia vita anche no, grazie, ammetto di aver passato all'epoca del tempo su Sensible se non altro per creare la squadra della classe e quella dei CdZ, con Andromeda e le sue catene rigorosamente in porta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem. Le giornate a modificarle con gli amici...avevo anche la squadra 'Comici', con Lino Banfi e Paolo Villaggio in difesa hahahah

      Elimina
    2. XD. Eh no! Lino Banfi allenatore! XD

      Elimina
  3. Se non creavi almeno la squadra della tua classe, quella dei supereroi e quella dei supercriminali, NON stavi giocando correttamente a Sensible Soccer.

    RispondiElimina
  4. Posso piangere liberamente come un bimbo senza vergognarmi di nulla. Il mio gioco di calcio preferito all-time, tanti ricordi della versione manageriale :''''(

    RispondiElimina
  5. Nella metà degli anni novanta giocavo, facendo solo la parte manager, a PC Calcio. In solitaria ho vinto quanto umanamente possibile con il Padova in 3 o 4 anni di gestione (un paio di Coppe Italia, una Coppa delle Coppe, un campionato di B e uno di A).
    In "multi" con un mio amico, allenando due squadre diverse, ci eravamo sfidati a chi fosse il migliore allenatore. Dopo il primo campionato lui era rimasto in B mentre io ero stato promosso in A. Lui cambio squadra prendendo una neo retrocessa fortissima e mentre io, fedele al mio progetto e alla panchina, sputavo sangue per non retrocedere.

    RispondiElimina
  6. Avevo fatto squadre su tutto. ricordo con affetto quella dei gelati con Cono Palla in porta e Friguron centravanti (in italia credo si chiamasse shark)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, anche io nei giochi di calcio facevo sempre la squadra dei gelati, Cucciolone, Twister e Blob!

      Elimina
  7. Non ho mai smesso di giocare e su svariate piattaforme, ma sono abbastanza sicuro che ad oggi rimanga il gioco a cui ho giocato di più in assoluto, mettendo insieme tutte le versioni.
    Ricordo la soddisfazione quando, dopo alcune stagioni, arrivava la proposta di diventare ct (versione 95/96 in poi).
    E ricordo ancora i miei quattro anni epici come allenatore del Bari, partito dalla serie b fino alla vittoria della champions, con conseguente e ovvia chiamata della nazionale che va a vincere tutto.

    C'ho il magone.

    RispondiElimina
  8. Neanche a farlo apposta, oggi scopro Sensible World of Soccer 2020:

    http://www.indieretronews.com/2019/06/sensible-world-of-soccer-2020-is-coming.html

    RispondiElimina
  9. Giocato fino alla morte su Super Nintendo, anche se quella versione non era certo all'altezza di quella per computer (quella per Megadrive era decisamente meglio). E andai avanti fino a che non arrivo' Perfect Eleven a spazzare via tutto. Esattamente come ri - accadde anni dopo con la prima Pleistescion e Iss Pro.
    Ti diro': oggi come oggi sia Pes che Fifa mi hanno scocciato. Col primo sono rimasto al 2015, mentre col secondo sono arrivato al 17 (dopo aver saltato il 16).
    Servirebbe davvero un nuovo Kick - Off o un nuovo Sensible Soccer, per smuovere un po' le acque.
    Ma sia Dini che Hare ci hanno riprovato, con risultati catastrofici.
    Ormai non ci spero piu'.

    RispondiElimina
  10. Ah, i giochi di calcio sul PC... enorme voragine della mia carriera di videogiochista. In quel periodo era sempre su altre cose come Civilization o Ufo Enemy Unknown (uscito effettivamente più o meno nello momento)... il mio odio per lo sport nazionale era ormai maturo e un altro tassello della mio essere paria si collocava con precisione geometrica che nemmeno le pietrone di Machi picchu. :D

    A volte un po' me ne pent.... nah, zero totale. :D Ad ognuno, giustamente, il suo. ;)

    Cheers

    RispondiElimina
  11. Partite infinite,e pomeriggi spesi a sforacchiare le porte degli amici con tiri impossibili che neanche Mark Lenders sotto steroidi... ma solo dopo i compiti . Certo.

    RispondiElimina
  12. Quando in una frazione di secondo poco fa ho visto lo screenshot della formazione con Zunico in porta ho pensato al (mio) Parma 89/90, anno storico della prima promozione in A. Ma essendo Sensibile Soccer ho poi spostato di almeno 4 anni in avanti il tuttoe finalmente letto la parola Cosenza.

    E sì, anche io assieme a mio cugino editavamo formazioni su formazioni. Naturalmente per via del calciomercato ed anche per creare ex novo nuove formazioni. Per esempio quella dei calciatori di Holly e Benji, oppure quella dei compagni di calcio o della scuola ma anche quella del condominio in cui abitavamo! Si dava dunque spazio alla fantasia e a vere e proprie sfide sui pc degli amici dell'epoca. Ricordo che si andava talvolta a casa dell'uno o dell'altro e si giocava. Pausa merendone e si riprendeva, compiti permettendo. Bei ricordi davvero!

    RispondiElimina
  13. Doc, in questa rubrica parlerai mai di Worms 2?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre stato un mago con la Super Percora.

      Elimina
    2. Io con la shotgun.
      Gioco con longevità ∞+1 per quanto mi riguarda.

      Elimina
    3. La super pecora era una potenza, ma la bomba banana era per veri pro.

      Elimina
    4. Lo shotgun a doppio colpo non ero male, quante memorabili cecchinate da distanza siderale o massacri per aver colpito barili e bonus.
      La bomba banana mi piaceva ma preferivo il vaso ming o la mitica bomba sacra.
      Quante sfide tra amici a Worms 2 e Worms Armageddon, due giochi da genuino momento emozione.

      Elimina
    5. Combinazione corda ninja-shotgun d'ordinanza. Passando per la parabola perfezionata di Granata Sacra e per finire, alla brutta, come estrema ricerca del pareggio, un bel Kamikaze.

      Elimina
  14. Questo gioco ha monopolizzato i miei pomeriggi per taaaaaanto tempo!

    RispondiElimina
  15. C'era Saverio, in quell'inter

    Praticamente è un gioco di 4, 5 anni fa

    RispondiElimina
  16. Bruschette pesanti col logo di Sensible soccer.
    Ci giocavo a casa di un mio amico con l'amiga, per un periodo mi avevano anche prestato la versione Mega Drive, che era sì ottima, ma non permetteva di salvare le modifiche ai nomi. Potev farti la squadra dei compagni di classe, ma una volta spenta la console perdevi tutte le modifiche. Un peccato, ma restava dannatamente divertente.

    RispondiElimina
  17. SWOS è senza dubbio il gioco per Amiga a cui giocai più in assoluto.
    Ancora ricordo gli acquisti per me irrinunciabili come Okocha e Baldi del Pescara.

    RispondiElimina
  18. Doc, già ti stimavo abbestia, ma con Ins e Ans sei davvero andato oltre. Respect!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Ans era Ganz detto da un cronista frettoloso?

      Elimina
  19. Sensible Soccer! Giocato tanto su PC all'epoca! Comprato originale in edicola...
    Quanti pomeriggi passati assieme ad un mio amico, a cambiare tutti i nomi dei giocatori di tutte le squadre!

    RispondiElimina
  20. Uaaaa che meraviglia! Sensible Soccer, o come veniva chiamato da noi sensibile soccer! Quante migliaia di ore, fantastiche ore, passate a calciare da centrocampo facendo elevare il pallone tirando indietro il joystick. Questa più che una rubrica sta diventando una bruschetteria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parecchio tempo dopo gli anni d'oro, mi era ricapitato di rigiocare a sensible soccer, e niente, non mi ricordavo che era TOTALMENTE privo di controllo della palla, nel senso che non era proprio previsto che il giocatore corresse portandosi dietro il pallone, e mi sono stupito di me stesso, perché modestmont non c'era trippa for cats. Ricordo una volta che dei compagni di liceo mi invitarono la prima volta a giocare da loro col computer, e mi fecero spavaldi "noi giochiamo a sensible soccer, tu lo conosci?" , e dentro di me partì tipo una risata malvagia...

      Elimina
  21. Bruschette sì, ma anche meraviglia che dura tutt'oggi per quello che già all'epoca era uno dei giochi di calcio dall'aspetto meno realistico di tutti e nonostante ciò ti ipnotizzava e ti faceva stare davanti allo schermo per giornate intere.
    Non sono mai riuscito a capire come facesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naturalmente non avete idea dell'ulteriore meraviglia quando, decenni dopo, venni a sapere che ancora si organizzavano tornei di altissimo livello tra amanti di questo gioco.

      Elimina
    2. Ho completamente saltato la prima generazione di home computer (vic-20,C-64, spectrum)...
      A distanza di tanti anni nemmeno ricordo il perchè, forse altri interessi...
      Ho iniziato con Amiga 500...
      Non sono mai stato uno di quelli che gioca a un pò di tutto, ma che usa due-tre giochi e gioca solo a quelli, ma ci gioca parecchio
      Sensible soccer a rivederlo ora me lo ricordo, ce lo avevo sicuramente, ma dopo la curiosità delle prime partite....
      Giocavo molto con i simulatori aerei e a scacchi, le mie grandi passioni (prima di Amiga fui pure sul punto di tentare la carriera di pilota militare) e avevo tutti i software che uscivano al riguardo, rigorosamente piratati
      Dal 1994 passai a un A1200 espanso, fino al 2000 dove, constatato che ormai Amiga era al tramonto e non si sarebbe più ripreso, passai al Pc
      Cmq usavo Amiga principalmente per programmare (cercavo di avere qualunque linguaggio disponibile dai più noti a quelli sconosciuti), mi piacevano antivirus e compattatorie e ne avevo una gran collezione
      Oggi a volte metto WinUAE e mi diverto un pò, ho molti dei programmi che usavo allora anche se non tutti

      Elimina
  22. Gioco assolutamente epocale, con cui sfidavo zii e cugini sul vecchio Amiga 600. Versione cementata nei miei ricordi è SWOS , quella con "Goal scoring superstar hero" sigla inziale. La mia Fiorentina vinse tutto il vincibile (campionato, CI, Champions league) con Igor Protti bomber assoluto, dopo che lo avevo dovuto comprare dal Bari come backup di Batistuta che aveva avuto un infortunio assurdo (perse l'intero campionato). Sad sidenote: avevo costruito una squadra forte ma io non ero bravo abbastanza...Barcellona e soprattutto Milan per me erano pressochè imbattibili...per cui qualche turno di Champions lo passai simulando la partita. :/

    RispondiElimina
  23. Latvia = Lettonia, non Lituania ;-)

    RispondiElimina
  24. Madonna cosi fa male però. Mi hai fatto scoprire che sono vecchio. Fino a 10 minuti fa non ne ero consapevole e uscito dal lavoro ero pronto a farmi una chiusa col mio erede maschio a supermario con la switch. Invece adesso cerco un cantiere aperto da guardare.
    Cmq sensible soccer è stato il gioco più giocato con la mia amica 500. Credo di averci passato sopra intere giornate

    RispondiElimina
  25. Sensible word of Soccer è stato per me il gioco più giocato, come già scritto, negli anni tra il '97 e il 2002. Squadre customizzate con i compagni della pallavolo, con i presidenti usa, con i cantanti anni' 80 come michael jackson e boy George, con gli amici della montagna... Insomma, tutto modificato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniele!
      La mia preferita era quella dei gelati, ma anche quella dei fumetti, ricordo con affetto i vari Cucciolone, Blob e Twister ma anche Dylan Dog, Comandante Mark e Mister No...

      Elimina
    2. Ciao Nemo, ognuno aveva le sue!! Però era divertente!! Buon fine settimana

      Elimina
    3. Buon fine settimana anche a te!

      Elimina
    4. Ciao Dan & Nemo!! Ma adesso Dan mi devi scrivere la formazione della Nazionale di Presidenti USA! 😂😂 Con Reagan cannoniere?? Numero 9 opppopppopppòòò che centrattaccoooo https://www.youtube.com/watch?v=cswxZxQDbus

      Elimina
    5. Ciao cari, ovviamente non la ricordo bene tutta, però sicuramente c'era Clinton come bomber!! Bush Sr. era il libero lento ma efficace, stile Franchigia Baresi!

      Elimina
    6. Beh anche il buon Bill è un bel bomber....in un altro senso! 😀 Lincoln in porta? 😊
      Buon "fresco" ragazzi io finisco di squagliarmi e torno al lavoro!

      Elimina
  26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  27. Come dicevo qualche settimana fa, da giocatore incostante Sensible (e prima c'era stato Micro Soccer, così lo chiamavamo noi) è stato uno dei pochissimi giochi in cui mi cimentai con discreta continuita' con un piccolo gruppo di amici, in mini tornei a 4, gironcino all'italiana andata e ritorno. Il padrone di casa che ci ospitava era naturalmente anche il giocatore più forte (nessuno di noi 3, ospiti, aveva l'Amiga chez soi), grande tifoso della Fiorentina, ricordo il suo disappunto per il fatto che non c'era modo di creare la divisa viola, ma solo di un colore lilla /glicine molto più vicino all'azzurro-Napoli.

    RispondiElimina
  28. Come dicevo qualche settimana fa, da giocatore incostante Sensible (e prima c'era stato Micro Soccer, così lo chiamavamo noi) è stato uno dei pochissimi giochi in cui mi cimentai con discreta continuita' con un piccolo gruppo di amici, in mini tornei a 4, gironcino all'italiana andata e ritorno. Il padrone di casa che ci ospitava era naturalmente anche il giocatore più forte (nessuno di noi 3, ospiti, aveva l'Amiga chez soi), grande tifoso della Fiorentina, ricordo il suo disappunto per il fatto che non c'era modo di creare la divisa viola, ma solo di un colore lilla /glicine molto più vicino all'azzurro-Napoli.

    RispondiElimina
  29. Come dicevo qualche settimana fa, da giocatore incostante Sensible (e prima c'era stato Micro Soccer, così lo chiamavamo noi) è stato uno dei pochissimi giochi in cui mi cimentai con discreta continuita' con un piccolo gruppo di amici, in mini tornei a 4, gironcino all'italiana andata e ritorno. Il padrone di casa che ci ospitava era naturalmente anche il giocatore più forte (nessuno di noi 3, ospiti, aveva l'Amiga chez soi), grande tifoso della Fiorentina, ricordo il suo disappunto per il fatto che non c'era modo di creare la divisa viola, ma solo di un colore lilla /glicine molto più vicino all'azzurro-Napoli.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy