Final Fantasy VII non era, nel 1997, solo un gioco. Nossignore.

Final Fantasy VII ricordi Antro

L'incipit di un pezzo scritto oggi per IGN sul tuo rapporto con Final Fantasy VII. Soprattutto, su quello che ha rappresentato per te l'originale nel '97. Cioè, giramenti di maroni per gli scontri casuali a parte, chiaro [...]

È il 1997, e quello che cerchi, da videogiocatore, è soprattutto un centro di gravità permanente. Come Battiato. Come i tizi della Casa di Carta in quello spot che continua a saltarti fuori su Instagram, anche se nel 1997 i due creatori di Instagram avevano tipo dodici anni, in media. I primi anni trascorsi incollato al pad di questa console giapponese sono stati una tempesta sinestetica che non ti solo ha pettinato le basette lunghe alla Frengo e Stop con i colpi di kung-fu cipollato di Parappa il Rapper o quelle settantamila partite quotidiane al calcio Konami o alla scuola di chiavi articolari del Professor King, prete cattolico from Mexico. È che quella console che tutti chiamano pleistéscio è, tra le altre cose, un incarnato perfetto della sete di un futuro fantascienzoecyberpunk che in quegli sgoccioli di vecchio millennio ti porti dentro e addosso. E, anche in questo, Final Fantasy VII è il suo finalizzatore alla Coliuto.

Quando arriva anche qui in Gaijinlandia, preceduto da una coverage mostruoso sulle riviste e sui primi siti di settore, Final Fantasy VII non è solo il capitolo della svolta Sony per Squaresoft. Né la grande porta d'ingresso nel mondo dei GdR nipponici per una nuova generazione di giocatori. Né, solo, il titolo che ti ruberà un sacco di ore di vita, lascerà a bocca aperta in più punti, ti getterà via il cuore per quella storia della venditrice di fiori al dettaglio, e in diversi frangenti ti frantumerà pure i maroni per quella faccenda della crescita obbligata a mezzo scontri casuali ogni mezzo secondo. Final Fantasy VII è per te, sin da quando se n'è iniziato a parlare l'anno prima, il gioco simbolo preciso e sputato di quei tempi lì.

Continua qui.

16 

Commenti

  1. la quest per il Chocobo d'oro nn la scordero' mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un amico ancora mi chiama Chocobo Sage, visto che gli ho spiegato la "ricetta" del chocobo d'oro per telefono :P

      Oggi come oggi, non sono più sicuro di ricordare tutto... come il Chocobo Sage originale XD

      Elimina
  2. Fieri di essere Antristi, in grado di capire quella didascalia "Renatoooo!" che immagino potrà lasciare perplesso qualche lettore di IGN... ^_^

    RispondiElimina
  3. Finalmente mi è arrivato oggi, dopo una travagliata settimana di consegne mancate, avvisi da reperire ad un altro indirizzo senza uscire di casa... una vera epopea, alla conclusione della quale già mi stavo preparando secondo lo scenario peggiore: pacco perso e chissà quando recuperato.
    Invece ho appena tirato fuori dalla scatola in sequenza: il gioco, l'artbook e la hardy daytona grande quanto un Re Nero! *__*

    Per me FF7 fu il primo gioco che comprai della PS1, quando sapevo che avrei ricevuto la console per Natale ma ancora non avevo nessun gioco, né ne avrei ricevuti.
    A differenza del Doc io non ne sapevo nulla in anticipo, ma quella confezione bianca unita ad un certo feeling trasmessomi che mi ricordava uno dei miei giochi preferiti per GB, Mystic Quest, mi catturò subito: ricordo che passai un mese a leggermi ogni singola riga del libricino prima di poterci finalmente giocare... e all'epoca non avevo neanche mai studiato ancora inglese (vocabolario alla mano, determinazione e tanta incoscienza furono le mie prime lezioni per imparare la lingua di Albione >_<).

    Nathan

    RispondiElimina
  4. Credo sia stato il primo jrpg che io abbia mai giocato: tra FF 7 e i giochi di ruolo cartacei, sono riuscito ad arrabattare il poco inglese che conosco e ho fatto il pieno di emozioni per tre vite, mentre sperimentavo le diecimila leggende esistenti (e farlocche) per impedire che Aeris uscisse dal business della fioricoltura.
    (Tra l'altro, lei è stata il primo personaggio a segnare la fetta di karma per cui non porta mai bene, essere il mio personaggio preferito)

    Se non vivessi in provincia di Cartagine (Cagliari) non dovrei restare lontano dalla play per il caldo a causa dell'estate imminente... spero di potermi pappare questo remake in autunno e senza corone, la demo è stata decisamente convincente!

    RispondiElimina
  5. Segnò profondamente pure me. Non è stato il primo JRPG, ma ha dietro tutta una storia che non starò a scrivere per non tediare nessuno. Cmq lo presi, come il 96% dei giochi in collezione, in versione Americana, che il PAL, all'epoca, era buono solo per i cani.

    RispondiElimina
  6. Personalmente non é il mio episodio preferito in assoluto.
    Quello é e rimarrà il VI.
    Perché Kefka é uno dei pochi cattivi che mantiene in pieno quel che promette (la distruzione del mondo). E perché fu incedibile quello che riuscirono ad infilare in una cartuccia da 16 bit, per quanto potenziata.
    Ma il VII rimane uno dei giochi della mia vita. Nessuno degli episodi successivi mi regalò le stesse emozioni (il VIII, il IX, il X, il XII), pur piacendomi parecchio.
    Forse é dovuto al fatto che questo fu il primo in 3D, anche se fatta eccezione per i filmati e i combattimenti i personaggi erano pur sempre super - deformed.
    Il fatto é che DOPO UNA CERTA SCENA, da quel momento in poi...ci finisci dentro con tutte e due le scarpe e con Sephiroth diventa una questione personale. E non solo per Cloud.
    Inoltre affronta temi attualissimi ancora oggi.
    Un micro - universo come da tradizione Square, dove anche il personaggio più marginale ha qualcosa da dire.
    E giusto per citare Super Console…
    TRA CONTROLLORI DI TRENI AFFLITTI DA SOLITUDINE E MALE DI VIVERE, BAMBINI PERDUTI SENZA FUTURO E GENTE CHE AMA E CHE SPERA NONOSTANTE TUTTO...qui la cosa appare ancora più incisiva.
    Per ora mi posso basare solo sulla demo.
    Non so...il BRIVIDO me l'ha dato.
    Non quello di più di vent'anni fa, una scossa lungo la colonna vertebrale che é andata avanti per tutta la prima mezz'ora ed oltre.
    Certe cose...riescono una volta sola.
    Ma sembra che lo abbiano fatto col cuore dalla parte giusta.
    Poi...é un progetto in divenire. E a lunghissimo termine.
    Molto dipenderà dalle vendite. Dai giudizi. dal successo.
    Sperando non si areni lungo la strada, visti i tempi.
    E poi...Nomura, con tutta la buona volontà, non é Sakaguchi.
    Io adoro Kingdom Hearts, e non é solo una questione di bravura ed abilità.
    Hanno una diversa visione, e quella del buon Tetsuya (non Tsurugi) certe volte mal si combina con la leggendaria saga di Hironobu.
    Senza contare che ha un talento unico nel complicare le cose semplici, per poi perdere il filo ed incasinarsi da solo.
    Come Kingdom Hearts, appunto.
    Lo giocherò? Senz'altro. Anche se non so ancora come, dove e quando.
    Ormai ho perso da tempo il principio del LO VOGLIO ORA, ADESSO E A QUALUNQUE COSTO.
    Per farla breve...non ci sbavo più. E vale anche per fumetti, film e serie.
    Chissà...magari sarà l'occasione per accattarmi la PS5, visto che il porting é dato praticamente per certo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è da dire che, in una saga che pur ci ha abituato allo "scherzone guarda là" in fatto di cattivi, FF7 credo ci abbia coglionato un po' tutti all'epoca (e forse non solo) sulla caccia a sephiroth, visto che ricompare solo nel cratere per la battaglia finale, mentre prima sono tutti depistaggi e raggiri di Jenova, compreso quel fattaccio brutto :S

      Nathan

      Elimina
    2. Si, in effetti secondo tradizione Square l'antagonista principale (quello con cui di solito si regolano i conti alla fine) appare sempre a un quarto dell'avventura.
      E in genere rimane defilato, il carognone.
      Ma con Sephiroth avevano alzato il tiro mica male.
      Tra cloni e trasfigurazioni varie di Jenova ci si incasinava non poco.
      Ne approfitto anche per aggiungere che quel poco di inglese che mastico lo so proprio grazie alle lunghe sessioni a base di rpg con tonnellate di testo a schermo.
      Questo prima che arrivasse la pappa pronta della localizzazione.

      Elimina
  7. ff7 era tra i peggiori jrpg, dragon quest se lo mangiava già all'epoca. FF9 ha sovrastato il 7 e così via

    RispondiElimina
  8. Doc ormai piano piano IGN sta diventando una costola dell'antro. Questo è forse l'articolo più "antro style" che hai scritto su IGN. Non si stanno accorgendo che sono stati assorbiti come dai Borg

    RispondiElimina
  9. Scusa se uso questo commento per fare richieste da fanboy, ma arriverà mai la nuova puntata de "I miei computer"? So che tecnicamente l'ultimo episodio non è proprio legato a quella serie, e potrebbe anche dirsi conclusa, ma è quel [CONTINUA] alla fine che mi fa esplodere il cervello.

    RispondiElimina
  10. Quando dici gioco della vita... E beh, l'ho detto, lo dico sempre a tutti. Non tireresti fuori una classifica, anche abbozzata, dei film a cui sei più legato, ma se ti chiedono di videogiochi vai dritto al punto, un po' cosi, passando per Jenova. Giocato, rigiocato più e più volte, mentre impunemente ti farcisce di emozioni e ti fa sbrillucciare le pupille ogni maledettissima volta. E nemmeno t'infastidivano i combattimenti casuali. Fanboismo? Non so, e non ha importanza, quando hai il joypad in mano e senti quello che senti... Ora zitti, he si torna in paradiso, anzi, si torna su Gaia.

    RispondiElimina
  11. Me ne sono persi tanti di gioconi (Halo è un esempio molto concreto), ma nulla mi ferirà mai come il non aver vissuto l'uscita di FF7 in diretta. Al di là della qualità del gioco, mi spiace proprio non poter aver vissuto con i miei amici la scoperta di questa pietra miliare dei videogiochi. Secondo me, è stata un'esperienza paragonabile solamente all'uscita di Lost.

    RispondiElimina
  12. Ricordi travagliati legati a questo gioco. Intanto non l'ho mai avuto, me lo prestò un amico che doveva partire di lì a breve per gli States, si trasferiva con la fidanzata. Quindi lo dovetti giocare alla velocità della luce, perché dopo una settimana lo dovevo restituire... Quindi non ho ricordi nitidi, viene fuori qualcosa, tipo i Chocobo, quanto leggo da altri. Però aveva un'atmosfera e una storia che non potevano lasciare indifferenti. La prima parola che mi viene in mente è potente, sicuramente non ti lasciavano indifferente. Però da allora non ho mai più avuto il desiderio di rigiocarlo, almeno fino all'arrivo della demo. L'ho giusto provato sulla play mini e un pò di nostalgia mi è arrivata... 👋

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH