Ti conosco mascherina: le uova di pasqua vietate, Aladdin e quella cacchio di canzone di Tik Tok


Ieri. Un assolato martedì di primavera calabriforniana. Sei in fila davanti a un supermercato, i guanti stretti sul maniglione di un carrello, la mascherina che ti appanna gli occhiali. L'altoparlante del supermercato urla We don't need no education, We don't need no thought control! che pensi ci stia una crema con questa cosa dello scenario semiapocalittico della gente in fila con mascherina e guanti davanti a un supermercato, tutti ad almeno due metri l'uno dall'altro, tutti spaesati. Non è la prima volta in vita tua che vai in giro con una mascherina [...]

Optimus Prime: "Fermi. Vado io"

Dicevi, non è la prima volta in vita tua che vai in giro con una mascherina. Quando ti trovi in Giappone e hai il raffreddore - cosa che per i ritmi massacranti dei tour e il sistema immunitario che ti fa ciao come le caprette di Heidi capita spesso - entri in un conbini e ne compri un pacco. Per nascondere la faccia raffreddata in metro e non essere visto come un selvaggio, e per pippare per tutto il giorno quella roba balsamica tipo vicsvàporub che c'è nelle mascherine pro. Il che è anche la ragione per cui avevi delle mascherine in casa, quando tutto questo è iniziato.

Che poi: al di là dei diversi tipi di efficacia, e quelle cose importanti che sappiamo ormai tutti, quando vedi la gente in fila con una mascherina in faccia, anche per il passare il tempo, ti concentri come tutti sul fattore estetico. Le tue son quelle sagomate fighe, alla Scorpion di Mortal Kombat, alla Commander dei Transformers. Il signore davanti a te sembra una pulcinella di mare. Un povero cristo più avanti, pulcinella e basta. Ognuno fa quello che può, si arrangia. Quando finirai quelle giapponesi, cioè prestissimo, avrai poco da fare lo sborone.

Davanti al supermercato, davanti alla fila ordinata (ma giusto perché c'è il percorso herbert coi nastri) e socialmente distanziata che ascolta i Pink Floyd, mentre un dipendente del supermercato passa freneticamente lo spruzzino igienizzante sui carrelli ancora in attesa di qualcuno che li scorazzi in giro, scorre lenta un'auto dei carabinieri. Rivolgi, come tutte le persone che non sono delle bestie, un pensiero a chi questi giorni a casa non ci può stare, e come questa gente è più esposto al rischio.

Ma poi succede, e i carabinieri si avvicinano a una donna che è uscita con il carrello pieno, e iniziano a chiederle conto del perché a) il carrello sia pieno, b) lì in mezzo spicchi un uovo di pasqua. La signora, che con quei guanti gialli e la maglia rossa sembra un membro del noto gruppo di cabaret de Gli Specchio, risponde con tono fermo, puntuale, senza arretrare di mezzo centimetro. E risponde che il carrello è pieno perché è meglio, già che sei lì, fare una spesa ogni due/tre settimane che tornare al supermercato ogni due giorni, visto che non si deve uscire di casa se non quando strettamente indispensabile. E che un uovo di pasqua non è nell'elenco delle cose che i supermercati non possono vendere, e che serve a far felice suo figlio, che la quarantena, tra le altre cose, la sta vivendo molto male.

Dovrebbe finire lì, ma quelli ormai hanno deciso di fare gli sceriffi del villaggio di frontiera e la discussione va avanti. Riformuli il tuo pensiero precedente, e il ringraziamento mentale lo rivolgi a tutti quelli che in questi giorni sono là fuori a fare il loro lavoro, assumendosene il rischio, ma lo fanno in modo umano. Ma cioè minchia ora non posso comprare l'uovo a mia figlia? è la profonda riflessione filosofica, con conseguente ventaglio di opzioni da valutare prima che venga il tuo turno di varcare la soglia del supermercato, che ti rapisce mentre dalle casse si consumano le ultime note di quel cacchio di brano che imperversa su Tik Tok e che salta fuori ogni volta che sugli altri social ti fanno vedere un video scemo di Tik Tok tipo con un ex ministro che fa il cazzone a Natale. Si chiama Dance Monkey, hai scoperto. Appropriatamente.

Grazie ai tuoi poteri telepatici molto latenti, chiedi allora alla programmazione musicale del supermercato di mettere qualcosa di più decente. Un minuto dopo parte una roba di Ramazzotti. Come non detto, guarda, dici. Fa lo stesso, dici. Ma anche, Chitemmù, dici.

Nel pomeriggio porti PiKi a casa. Finalmente è ricominciata, almeno in quello, la vostra routine tradizionale fatta di sfide con le macchinine, letterine da leggere e scrivere, film d'animazione. Ieri Aladdin, che all'inizio del film su D+ c'è scritto che la pellicola contiene delle immagini in cui si fa uso del tabacco, e sei stato per tutto il tempo a chiederti se fosse solo per il narghilè all'inizio. E invece no, c'è proprio il Genio con una sigaretta in bocca, quando si traveste da francese. Un quadro della malvagità e dei vizi del mondo, in cui mancava soltanto una scritta al neon lampeggiante sullo sfondo, tipo PlatiniePierrotAFareinCù. Severo, ma giusto.

Papà, ma com'è nato il virus? E quando passa? E perché fuori è diverso che ci sono le piantine sui marciapiedi? E i piccioni lo prendono il virus? E i cani? E la tigre della principessa di Aladdin?

Le domande si moltiplicano, affastellano, intersecano con i contenuti dell'entertainment pomeridiano. Cerchi di tenere il passo, non sempre è semplice, ma in qualche modo ce la fai, ti segue. In macchina, con la mascherina piccola pure lei, si guarda attorno stranita, sulla strada deserta, e ti dice che sembra tutta un'avventura. Oh, lo è, pensi. Brutta, difficile e ancora lunga. Speriamo tutti di vederne la fine presto.

Ora, come cacchio si toglie dalla testa la canzone di Tik Tok, che non linki giusto perché vuoi bene a questa banda di debosciati, e tu manco ce l'hai Tik Tok e non ne volevi sapere niente che sei semianziano, porca di una miseria ladra, supermercato di melma?

Chiedi per un amico, che sei tu. Grazie.

(Dimenticavi. Stasera, alle 21,30, puntata con ospite su Twitch. Si parlerà con l'amico Massimo Nicora dei Tokusatsu: dalle origini a Megaloman, Koseidon, Supaidaman e i (Power) Rangers. Non mancate. Se vi siete persi la puntata di lunedì sui Transformers, potete riguardarla qui sotto)




46 

Commenti

  1. La storia dell'uovo di Pasqua è ridicola: avesse preso solo quello, il cazziatone avrebbe potuto pure starci, ma come parte della spesa... so che in alcuni luoghi, complice la frammentarietà dei provvedimenti sul territorio nazionale, non sarebbe possibile comprare, che so, la cancelleria, nonostante sia già presente in certi supermercati stile Auchan e Carrefour.
    Trovo che sia ridicolo per lo stesso motivo dell'uovo di Pasqua (anche perché, con i continui cambiamenti di quel modulo di autocertificazione, almeno una risma di carta potrebbe rendersi necessaria).
    Nei decreti dovrebbero privare a imporre anche un po' di sensibilità e senso della prospettiva, magari qualcuno si ricorderebbe di esercitare queste qualità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno la cancelleria? Ed i bambini come dovrebbero farle, le attività che danno da fare a casa le maestre via video?

      Sono d'accordo con te, posso capire il discorso di non poter uscire per comprare solo cose "superflue", ma come parte di una spesa che comprende anche cose essenziali, non ci vedo assolutamente nulla di male! Inoltre dovrebbe casomai essere il venditore a non mettere in vendita oggetti vietati, perché rifarsela sul cliente?

      Mah!

      Comunque un abbraccio virtuale a tutti, ragazzi! E spero per quella donna che quei carabinieri poi abbiano desistito dal loro "zelo eccessivo"...

      Elimina
  2. Io, dimentico della fine fatta dal gatto curioso, sono andato a cercarmelo su youtube la canzone

    RispondiElimina
  3. Doc ma come fai a conoscere Gli Specchio? Grandi Acciuga, Barba e Baccello...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ne parlava proprio su Twitch, qualche sera fa. Commentando delle vecchie pubblicità, mi sono tornati in mente vedendo foto di gente con i guanti gialli ;)

      Elimina
    2. @alexthunder
      Sì, è partita tutta una discussione online sugli Specchio. XD
      Roba che avevamo quasi tutti rimosso ma è tornata prepotentemente con il classico tormentone "Scusi? Me lo fa rivedere?"

      (che poi da pisano ne sono pure orgoglioso...)

      Elimina
    3. Belin, pensavo di essere l'unico a ricordarseli 😂

      Elimina
    4. Sono decenni che quando qualcuno fa una ca%%ata, gli casca qualcosa, cade o altro lo rimbrotto con uno "Scusi! Me lo fa rivedere?" come uno scemo, e la gente non capisce... xD
      C'è stato il revival degli anni 80, ma di loro nessuno ne ha parlato. Promuoviamo un revival de Gli Specchio! Che l'Antro si batte sempre per le cause del bene! :D

      Elimina
    5. ...come frizza!

      Elimina
    6. Belli gli specchio! Miei conterranei! Mi ricordo ancora uno spettacolo che vidi da bambina... facevano sganasciare dalle risate

      Cmq doc a "pulcinella di mare" mi è uscita l'acqua dal naso, grazie

      Elimina
    7. Perché non hai visto il signore pulcinella.

      Elimina
    8. @alexthunder
      Io li ho conosciuti per il programma Caramella della rai. Mi piacevano un sacco :D

      Elimina
  4. Sono contento tu abbia rivisto la piccola dal vivo.

    Mi sono perso un sacco di dirette per il combinato disposto che non mi voglio estraniare dalla famiglia la sera visto che lavoro tutto il giorno e dal fatto che ogni tanto mi faccio una bella partita su Vassal ad X-Wing. Per inciso, ultimamente sto prendendo un sacco di bastonate ma ci devo fare la mano.

    L'uovo di Pasqua non ho capito perché sarebbe vietato. Fino a prova contrari è cibo, soprattutto se lo compro con altro cibo non vedo il problema. Mi viene in mente il tweet di un giornalista che è andato al supermercato ed ha comprato, tra le varie cose, gli assorbenti per la moglie o la filgia, non ricordo. Essendo sabato o domenica il cassiere gli ha detto una cosa del genere: "è vietato vendere i non alimenti nel fine settimana ma è una norma del caxxo quindi non si preoccupi".


    PS: ieri ho fatto una sorta di partita a tema ad X-Wing, Repubblica contro una lista Impero con 4 Inquisitori. Gli Inquisitori hanno spazzato quello che rimaneva della Repubblica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vassal non è affatto male e ha i grandi vantaggi di essere gratis e leggero.
      Domenica ho provato anche tabletop simulator (sempre per x-wing) la grafica 3d sarà anche più bella e l'interfaccia è migliore, ma credo di preferire comunque Vassal.

      Elimina
    2. TTs è ottimo per giochi con mille. Mila pedine tipo Twilight Imperium oppure gli storici della GMT.

      Elimina
    3. TTS l'ho trovato molto scomodo e molto meno intuitivo di Vassal, riguardo X-Wing.
      Vassal per ora l'ho trovato meno stabile e in alcuni casi con un lag tremendo.

      Elimina
    4. @Sam
      Ma tu stai facendo il mega torneo di X-Wing? Se mi dici il tuo nick su Discord facciamo una partita.
      Oggi ho riprovato TTS e sai che alla fine è meglio di Vassal sotto tutti i punti di vista. Alla fine la visuale 3D simula meglio il gioco quando vai ad occhio a verificare le manovre. Poi quando c'è lag regge meglio e non si incasina come Vassal. Va detto che oggi, per la prima volta, ho stravinto, non ho fatto errori e non ho preso calci nelle palle a ripetizione come le volte scorse. Questo mi ha reso la piattaforma più gradevole.

      Elimina
    5. LOL immagino! No non sto partecipando al mega torneo, faccio qualche partita serale con amici non potendoci trovare dal vivo. Ti cerco io su discord, sempre come Drakkan?

      Elimina
    6. Si stesso nick e stesso avatar.

      Elimina
    7. dice che mancano 4 cifre oltre al nick

      Elimina
  5. Le istruzioni di Scrapper e Mixmaster le avevi chieste a me visto che avevamo comprato Devastator Third Parties insieme da Wargarv. Ho ancora i pdf di quello che ti avevo mandato.
    Mixmaster è troppo figo come nome e mi ricorda la canzone dei Beastie Boys Three MC's and One DJ in cui suona Mix Master Mike.

    Per le istruzioni dei Master Piece e Third Parties chiedi che se ti serve qualcosa ti mando quello che ho.

    RispondiElimina
  6. Già devo rinunciare alla grigliata di pasquetta, toccatemi l'uovo di pasqua e finisce male (per me, chiaramente). Che ci vuoi fare Doc, dipende sempre chi ti trovi davanti, felice che non ci abbia rimesso Piki. PS Una piccola antro story è sempre gradita. Grazie!

    RispondiElimina
  7. Prima di tutto hai tutta la mia solidarietà per la maledetta Dance Monkey .. il mio adorabile figlio di quasi 15 anni me l'ha messa in loop in auto talmente tante volte che non posso non canticchiarla mentalmente ogni tanto .... e io ODIO quella canzone...
    A parte questo trovo che la situazione attuale sarebbe un po' ridicola se non fosse tragica, quella della spesa è una cosa serissima, quassù a Bologna (provincia) per esempio non si può cambiare comune per il supermercato e sei costretto magari a farti rapinare dal macellaio sotto casa perché non puoi allungarti al paesino a 10 km dove compri la ciccia a metà prezzo, ma a parte quello ieri ad esempio sono uscito come un ladro per arrivare al più vicino negozio di elettronica - nel comune adiacente - dove avevo ordinato online delle cuffie da ritirare in negozio. Perché le cuffie che usa mia figlia si erano rotte e stare 5 ore a lezione con un paio di auricolari messi male nelle orecchie non va bene e sostituirle mi è sembrata una necessità "improrogabile".. ma ero seriamente preoccupato che se mi avessero fermato la cosa sarebbe stata opinabile, quindi via di strade secondarie che manco stessi spacciando....
    Vabbé ragazzi, tenete tutti duro .... finirà prima o poi... tutto, anche la moda di TikTok ;)

    RispondiElimina
  8. Io non mi sento affatto sranito nel vedere le strade vuote, anzi, mi piace. Sarà che per 6-7 mesi ho fatto la guardia notturna e giravo in macchina senza problemi, in effetti era l'unica cosa piacevole del lavoro. Andando al supermercato e facendo anch'io il pienone per non dover tornare, inizio a chiedermi se e quando si passerà a dover razionare la spesa. Allora sì che inizieranno ad essere veramente ca**i.

    Per i due caramba, invece, senza parole.

    RispondiElimina
  9. Bello sapere che hai potuto riabbracciare Piki, e per questo un superevviva con lo StrumenTo polo misterioso.

    RispondiElimina
  10. muffami
    muffami
    muffami
    eeeh eeh

    C'è sempre il rischio, con questi decreti territoriali, che veramente chi ha il potere possa esercitarlo aldilà di quelli che sono i limiti imposti per legge. Si inizia con le uova di pasqua , si finisce con governi totalitari e militarizzati da reprimere con maschere di V o con maschere chirurgiche usa e getta.

    RispondiElimina
  11. Col tempo sono sempre più convinto che siano meglio regole anche non del tutto giuste, ma chiare, che quelle che lasciano spazio alla discrezionalità. Faccio per dire, si vieta di comprare il cioccolato, comprese le uova di Pasqua? Bene, è una carognata, ma è chiaro. Le uova no, la colomba, metti, sì. Vale per tutti dal Brennero a Lampedusa. Invece si dice "solo generi di prima necessità" e la definizione è lasciata all'interpretazione del vigilante. Un po' come i rigori, che lo stesso fallo a seconda dell'arbitro viene ritenuto da fischiare o no.
    Comunque anche a me questo scenario da dopobarba (cit.) non dispiace del tutto. Certe immagini delle strade, vuote, con la classica lattina o scatola di cartone portata via dal vento sono suggestive. Poi esci con la mascherina e sei così scemo che ti senti l'Uomo Ragno.

    RispondiElimina
  12. Fai come me che, quando finirò le mascherine, andrò a fare la spesa col casco integrale di Darth Vader. Tanto secondo il governatore della mia regione (Lombardia) vale tutto.
    Un abbraccio virtuale a PiKi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu ci scherzi, ma io ieri ho visto una foto di chi lo ha fatto DAVVERO, e vestito di nero (era sulla pagina fb di chevitadimecha)! O_O

      Elimina
  13. Dannata epidemia, e io adesso come farò a fare il solito buon gesto pasquale, ovvero rompere le uova di pasqua marchiate Giubentus nei supermercati? (Lo dico per scherzo, figurati se l'ho mai fatto...)

    RispondiElimina
  14. Ho fatto uno spesone oggi, nel carrello ho messo uovo e colomba...per me, perché sono a casa da solo e ormai parlo con il mio riflesso nello specchio come Mary Poppins. Mi è andata bene e non sono stato fermato ma, nei giorni scorsi, urla e strepiti dalla polizia perché ero nel parco, che detta così…e invece nel parco ci vivo porcopetto, ero davanti a casa mia che cercavo il secchio dell'umido rubato dal solito cane randagio, ed ero in pigiama e ciabatte. Niente ha continuato imperterrito a dirmi che non potevo stare nel parco. Siamo tutti sotto stress percarità ma il buon senso qualcuno non lo troverà nell'uovo di pasqua e non solo perché la polizia del cioccolato ti cazzia se lo compri assieme alle mele renette e al cestello d'acqua. Mala tempora currunt

    RispondiElimina
  15. La dance monkey..... il mio incubo quando andavo in palestra un mese/anno/secolo fà. Chè perversamente iniziava quasi sempre al momento dell'esercizio di iperestensione dei dorsali; quando mi sarebbe servita Links-2-3-4 dei Rammstein per galvanizzarmi, mi arrivava sto miagolio di gatto vivisezionato.

    RispondiElimina
  16. Sono tra i "fortunati" che stanno lavorando a pieno regime, visto che la mia ditta si appoggia al settore farmaceutico e quindi non ci si può ASSOLUTAMENTE fermare.
    E' un rischio. Ma mi rimane la soddisfazione di dare il mio contributo, anche se lascio volentieri il merito a medici ed infermieri che rischiano senz'altro più di me.
    Ripensandoci, E' anche una fortuna.
    Perché grazie al fatto che non ci siamo bloccati non dovremmo avere grossi problemi col lavoro, una volta che sarà finita.
    Molti non pensano al DOPO.
    Se quest'andazzo rimarrà tale per i prossimi mesi, temo ci sarà ben poco da stare allegri.
    Per parecchie imprese e lavoratori rischia di essere una catastrofe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti assicuro invece che ci pensano in molti al dopo. MOLTI!

      Elimina
    2. Meno male.
      Perche' vedo parecchia inconsapevolezza, in giro.
      L'unica preoccupazione, qui, e' di sapere se si potranno fare le ferie di Agosto.
      E' incredibile la ristrettezza di vedute di certe persone.
      "Tanto anticipa tutto lo stato."
      Si. Ma arrivera' il momento di ridarli indietro.
      E le tasse andranno pagate. Con quali soldi, se nessuno produce ne' vende piu' nulla?
      Per usare un eufemismo...se non ti sei beccato un proiettile in guerra, a finire il lavoro ci pensera' la fame.
      Speriamo bene. Ma la vedo dura.
      Saro' anche pessimista, ma non la vedo niente bene. Proprio per niente.

      Elimina
    3. Concordo con voi, altro che spending review, dopo ci sarà un'ecatombe di cui si intravedono già i segni. La vedo molto grigia, anche perché chi ha figli come noi dovrà anche pensare a come sistemarli visto che le scuole saranno chiuse a lungo, voci ufficiose parlano di settembre inoltrato, altro che preoccupazione per le ferie! Insomma se non ci becchiamo il virus ci penserà lo Stato a darci la mazzata finale (e se lo dice uno statale come me...). In bocca al lupo a tutti!

      Elimina
  17. Per quanto mi riguarda adesso la musica (che poi musica..vabbè...) che più martella è quella dei tizi africani che ballano con la bara sulle spalle,ormai quei filmati li sono diventati un must nella chat coi miei soci.
    Per il discorso dell'uovo.. Non so che dire,venerdì me ne prendo uno per vedere che succede anche se non ho in programma di prenderlo.
    Sono contento Doc che sei con la piccola.
    FORZA DEBOSCIA CHE PASSERÀ STO MOMENTO

    RispondiElimina
  18. Aggiungo anche che il bottiglione di vino e l'amaro li prendo sempre.
    Per me sono generi di prima necessità ovviamente

    RispondiElimina
  19. Ehh, io lavoro nella PA, siamo in smartworking a turno ed usiamo le ferie arretrate del 2019, i colleghi sono furibondi perché gli viene consumato il tesoretto di ferie accumulato in anni di magheggi. Ho provato un forte imbarazzo, invece di ringraziare che un lavoro ce l'hanno e che si può, in parte, fare da casa :-(

    RispondiElimina
  20. L’abuso di potere di alcuni che ne approfittano della momentanea sospensione di democrazia e libertà personali per fare legge, fa più paura del virus stesso per quanto mi riguarda.

    RispondiElimina
  21. Boh, spero che tu abbia assistito ad uno scherzo tra i carabinieri e una loro conoscente e non lo abbia colto, perché da che ne so io nel cosentino i carabinieri stanno addirittura distribuendo le uova ai non abbienti.Lo spero col cuore.
    È utile notare comunque che il cittadino, una volta identificatosi, ha diritto a richiedere le generalità degli agenti delle forze dell'ordine che lo hanno fermato, filmare il blocco o invitare testimoni a sua tutela, qualora ravvisi di essere oggetto d'abuso da parte di pubblico ufficiali (art 347 codice penale e successivi). E nella scena che descrivi i testimoni di certo c'erano. Indossando una divisa, sono il primo a non tollerare certi eccessi, anche se prodotti dalla poca chiarezza da parte dei ministeri in questi giorni e dallo stress cui siamo sottoposti.

    RispondiElimina
  22. La canzoncina si toglie ascoltando del rumore bianco. Oh, con me funziona.

    RispondiElimina
  23. Ti sembrerà strano, ma l'anno scorso ho fatto un post scemo su Dance Monkey, cioè Muffami Muffami, ed è tuttora un post che raccoglie un sacco di visualizzazioni. Non riesco a capacitarmene...
    Comunque... "Scusi, me lo fa rivedere?"

    RispondiElimina
  24. Gli Specchio, che ricordi, il loro tormentone, il loro look fumettoso e cartoonoso, diciamo! Erano spassosi! Ad ogni modo, non mi spiego la stronzaggine del controllo alla povera signora che nulla di male aveva fatto...che poi, voglio dire, in un paese democratico non so chi o cosa possa impedirmi, se voglio, di alimentarmi è dunque sostentarmi esclusivamente di uova di cioccolato, barrette Mars e tavolette Ritter Sport, eghe! La musica dei Pink F. effettivamente molto appropriata 😅Che poi, riflettevo, noi ragazzotti veneziani la parodiavamo, la customizzavamo in 'Berto Mayer, luganeghèr', chè il povero Berto (pace all'anima sua) era un bonario salumiere (luganeghèr appunto) dove andavamo a comprare panini al prosciutto o bibite😊Io non so come apparirei/appaio esteticamente con la tenuta da guerra doverosa in questi tempi, sono uscito l'ultima volta una settimana fa e faceva ancora freddino qui, per cui avevo mascherina autoprodotta di carta forno, garza interna, elastici trancia -orecchie (sigh!), scotch intorno per farla aderire meglio al viso, il tutto fasciato da sciarpona del Venezia (arancioneroverde), più berrettone di lana e occhiali da vista 😕

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH