Star Wars recensito da Topolino nel '77. La saga di Guerre Stellari e di Luca Celestepedone, il testo integrale

Star Wars celestepedone

Casomai vi foste persi il casino che si è scatenato ieri sui social con questa scemenzina qui, un veloce riassunto: stavi facendo le scan di una vagonata di pubblicità fuorvianti su un Topolino del '77, per un nuovo appuntamento con le Pubblicità Fuorvianti, appunto, quando ti è caduto l'occhio su una rubrica in cui si recensiva questo nuovo film di fantascienza intitolato Guerre Stellari. Dando una nuova e mirabisplendigliosa traduzione al nome del suo protagonista. Ma quella era solo la punta dell'iceberg. Ecco tutto il resto, nel senso di tutto il testo [...]


Si parte dal Natale prossimo, un Natale costellato, si ipotizza, di astronavi, marchingegni cosmici e presepi spaziali. E la stella cometa muta. Guerre Stellari è un film capolavoro perché puro intrattenimento, leggiamo, ma che intrattiene intelligentemente e spettacolarmente. Storia classica, buoni che fanno i buoni, cattivi che fanno i cattivi, e risultato scontato. Perché i buoni - pochi, poveri, RACCOGLITICCI (adoVi) e simpatici, trionfano sui cattivi (tanti, RICCHI, superorganizzati (insomma), odiosi).

Ma l'essere lineare, senza concessioni intellettualistiche (bacioni, professoroni della fantascienza anni 70!) è un grande pregio, e gli effetti speciali hanno del miracoloso, frutto dei portentosi calcolatori elettronici. È il futuro, signora mia.

Ma passiamo alle formazioni: D3-BO (robot dorato, professione interprete). E rompicoglioni. Il nome italiano scelto all'epoca per C-3PO sarebbe D-3BO, con il trattino dopo la D, ma non sottilizziamo. È andata certamente peggio a C1-P8/R2-D2, descritto così: robot ogivale; memorizza informazioni. Una chiavetta USB a sesto acuto?

Prego apprezzare il gran scialare di punti e virgola. Si dice spesso che oggi il punto e virgola non si usa più così tanto: verissimo, ma è che li hanno finiti tutti in Mondadori nel '77.


Nella selva di punti e virgola si fa largo il resto dei personaggi. La principessa Leila/Leia e lui, ovviamente. Luke Skywalker, ribattezzato Luca Celestepedone per far capire anche ai lettori più giovani l'epicità di quel nome, da strisce pedonali subito fuori da Tatooine, attenzione al semaforo che vanno come pazzi anche col rosso.

Luca Celestepedone; fa tutto lui o quasi; è l'Eroe con la maiuscola;

Non hai altro da aggiungere, se non ;;;;;

Obi-Wan Kenobi è invece possessore della «Forza» tra virgolette. Cioè tra virgolette e tra caporali: doppia Forza!

Quanto a Jan Solo, con la sua astronave truccata, cugino gitano di Han Solo, va ricordato che ai tempi il nome del personaggio di Harrison Ford, modificato in Italia in Ian Solo, in alcuni libri e fumetti (sempre pubblicati da Mondadori, come ribadito nell'articolo) era diventato Jan Solo, appunto. Giansolo, a questo punto, sarebbe suonato pure meglio. Eravamo io, Ciube, Giansolo, Leila e quell'imbracchiato di suo fratello, Luca Celestepedone. 

Tra i cattivi, "Morte Nera", strumento bellico grande quanto un pianeta, che quando colpisce fa male. Certi cazzotti in faccia. Grand Moff Tarkin è governatore imperiale e tiranno. Uh, capostazione, più che altro.

Lord Darth Fener, che nella didascalia nella pagina accanto viene definito cattivo quanto brutto, (spoiler! Cattiveria!), invece, possiede sempre la Forza, quella lì tra caporali ma senza virgolette. Ma la usa male. Fa casini, gli si inceppa, lascia sporco a terra.

Vincono i buoni, due ore sono poche, ma è previsto un seguito. Non ne hai idea, anonimo amico e alfiere puntoevirgolato. Non ne hai proprio idea.

«Pronti» tra virgolette per l'Ascesa di Celestepedone, raccogliticci compagni di deboscia dell'Antro?


LA QUALUNQUE DELLA FAMIGLIA CELESTEPEDONE SU AMAZON
45 

Commenti

  1. Un gioiello del... trash? Ma nemmeno tanto. Forse si scriveva così, con un po' di naiffismo sparso e qualche leggerezza. Ma in fondo ha descritto Guerre Stellari per quel che è, e per il pubblico lettore di Topolino.
    Evdentemente all'epoca non faceva strano la traduzione di un nome, quando questo doveva ovviamente "arrivare". Almeno hanno evitato di cambiarglielo in fase di adattamento, perché il rischio c'era. E come se c'era.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Stellopilota con la "O";;;;;

      Elimina
    2. Stellopilota con la "O";;;;;; scusate per il commento anonimo e per i punti e virgola

      Elimina
    3. Celestepedone lo sbirro.

      Elimina
  3. Jan Solo, con J da leggere "i semivocale", come la noja di Leopardi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai pienamente ragione:
      nella volontà di italianizzare il nome di Han, allora la grafia più corretta è Jan e non Ian con l'uso della i lunga con funzione di semiconsonante, basti pensare al nome Jacopo! ... anzi: basti pensare al nome Jacopo;;;;; :p

      Nathan

      Elimina
  4. Il caccia Ala-X, scambiato per «incrociatore galattico» nella prima didascalia. è un tocco di classe ulteriore. 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tradurre X-Wing per me è una bestemmia ma ho notato che i giovani usano tutti la traduzione chiamando i caccia Ribelli Ala-A, Ala-B, Ala-X ecc...

      Elimina
  5. Guarda, Doc...
    A mia e' piaciuto perche', in poche righe, ha espresso alla perfezione cosa amavamo di quei film di una volta.
    E cioe' che i buoni erano un gruppo male in arnese, male organizzato, che si ritrovavano insieme per puro caso.
    E per contro i cattivi erano abili, rapidi, furbi, perfettamente organizzati e che disponevano di armi, uomini e mezzi.
    Le grandi storie nascono cosi', punto.
    Cosa se ne deduce?
    Che quello di Guerre Stellari NON E' UN MONDO BUONO.
    E' un mondo MALVAGIO, dominato dai malvagi. Dove i malvagi si trovano a meraviglia. E se decidi di far parte dei buoni...dovrai farti un mazzo cosi'. E aspettati una bella dose di legnate, specie all'inizio.
    Se ti va bene...vinci all'ultimo secondo, per il rotto della cuffia, e dopo aver visto morire un sacco di amici.
    E mica siamo in Paw Patrol, qui.
    Il remake di She - Ra di Retepellicole (pur con le dovute differenze) funziona proprio per questo.

    RispondiElimina
  6. Che noi oggi ridiamo, ma all'epoca doveva essere uno stile serio e autorevole. Comunque il recensore ha vinto tutto. I lettori potevano posare topolino e passare pure alla Squalo.

    RispondiElimina
  7. Chissà quanto sarà stato contento, Luca Celestopedone, di viaggiare con il futuro cognato Jan sul suo Falcone Millenario!
    Oggi si prende troppo in prestito dall'inglese, ma allora andava un po' troppo lo stile autarchico da ventennio; più tardi, voglio leggere le scansioni con lo stile dell'istituto Luce :P

    RispondiElimina
  8. Che confusione Ian/Jan e persino Han nella disdascalia! Per anni abbiamo chiamato Vader Lord Fener, che quando l'ho scoperto ho odiato tanto il nome italiano. Ora però mi garba di nuovo. Lunga vita Lord Fener!

    RispondiElimina
  9. Celestepedone... Cavolo voglio cambiare il mio cognome... Quasi quasi anche il nome in Jan!

    RispondiElimina
  10. Comunque è palese che nel 77 i ricchi erano percepiti come cattivi e i poveri ovviamente come i buoni. E basti questo per capire come è cambiato il mondo, signora mia;;;;

    RispondiElimina
  11. Si ma vogliamo parlare della "Guerra dei Quoti"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io questa guerra non l'ho mai capita. In pratica il governo ha decretato che in tutta la galassia si possano fare solo divisioni "tonde", e quindi dei ribelli si sono armati al grido di: "Non è giusto! Ci sono anche quozienti e resti! Remainder Pride! Viva le virgole!".

      Elimina
  12. Però c'è da dire che già dalle prime righe rendono evidente il conflitto d'interessi che hanno con i fumetti.
    ALTRO CHE TANGENTOPOLI

    RispondiElimina
  13. A rileggere certi vecchi articoli ci si rende conto di quanto è cambiato il mondo :)

    RispondiElimina
  14. All'inizio pensavo che il nome incriminato fosse la tipica traduzione antristica - fanno accapponare la pelle, ma si fa per ridere quindi va bene - poi ho visto che era stata proposta seriamente da un eroe sciagurato degli anni di piombo.

    Tradurre Skywalker... brutta storia.

    In Italia abbiamo nomi come Bevilacqua, Beccafichi o Toccafondi, quindi rispettando la forma comune potremmo avere Luca Camminacieli, che più che un eroe galattico sembra un tipo in fila all'ACI, inoltre ricorda il carcere Regina Coeli. Il suo antagonista allora sarebbe Darth Rebibb, cioè Zerocalcare diventato Sith Lord.

    RispondiElimina
  15. Un italiano surreale che sembra uscito dal ventennio in alcuni passaggi e non dagli anni '70. Ieri sera mi sono accorto della cosa perché mi ha girato la foto uno dei compagni di merende di X-Wing.
    La traduzione di Skywalker in celeste pedone è sicuramente esilarante; un accostamento di parole surreale che da una parte ricorda qualcosa di mistico e dall'altra esame di scuola guida. (Visto che uso il punto e virgola).

    RispondiElimina
  16. @Daniele Di Rubbo, Conte Gracula
    Ho a casa dei miei il romanzo di "Guerre stellari", comprato da mia mamma con il Club degli Editori negli anni 70. Le X-Wing sono chiamate Ala X e il Millenium Falcon è il Falco Millenario. Non ricordo più se la Morte Nera fosse o meno la "Stella della Morte", ma non lo escludo.
    [ovviamente i nomi sono Darth Vader, R2-D2 che veniva soprannominato Artoo, Leia, Han, ecc]

    Letto da rEgazzino, l'ho amato alla follia

    RispondiElimina
  17. Nella mia testa ora c'è Guido Nicheli (per i non boomer: il milanese imbruttito) vestito da Ben Kenobi che dice:

    "Eravamo io, il Ciube, il Giansolo, la Leila e quel peerla di suo fratello, Luca Celestepedone..."
    [...]
    ...che poi io gliel'ho sempre detto al Darth: tu la forza ce l'hai ma il problema è che la usi male. Ma tu fai come me: passa al lato luminoso e taaac, la vita ti sorride!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma mi cadi su questa cosa? Non è il Ciube, è il Beciu!!
      See you later, ci vediamo!

      Elimina
  18. L'imbranato Celestepedone è quello che fa esplodere la Morte Nera, salva Giansolo da Jabba, redime quel brutto e cattivo di suo papà ma resta umile, nonostante certi account a suo nome, tipo Hamill Harem ^^

    RispondiElimina
  19. Ma quello che davvero non capisco è perché usare i caporali e poi scrivere *tra virgolette*. Mistero.

    RispondiElimina
  20. R... raccogliticci? Io... cioè... lol;
    Il Millennium Falcon truccato XDDDD se no col ciufolo che andava più veloce della luce.
    Darth Fener che usa la forza MALE, e figurati se la usava bene allora.
    Che perla Doc, che perla;;; ;_;

    RispondiElimina
  21. Che poi almeno nelle magliette di Feudalesimo e Libertà, era Luca Camminacieli protagonista delle Pugne Astrali. LUCA TI SON GENITORE! XD

    RispondiElimina
  22. Una delle; cose più; belle che; io abbia mai letto!;

    RispondiElimina
  23. secondo me "usare la forza male" è una mistraduzione di "lato oscuro della forza".

    Ci sono un sacco di indizi che mi fanno pensare al tipico articolo di era pre-internet dettato al telefono dopo la visione in anteprima per la stampa perchè il numero doveva andare in stampa l'indomani mattina (vedi il pezzo "apri parentesi tra virgolette la forza chiudi parentesi" che diventa "<>"), da cui derivano i vari Ian/Jan/Han (che magari era invece un nome apparso nelle ref. delle foto promozionali inviate alla Mondadori) e tutti gli altri errori.

    PS: Celestepedone suona comunque meglio di Camminacielo, dai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. m'è saltato un pezzo:

      "la forza tra virgolette"

      Elimina
  24. Ed io ho rischiato di perdermi tutto ciò?
    Non ti ringrazierò mai abbastanza per averlo pubblicato anche sull'Antro.

    RispondiElimina
  25. Io nell'anno in questione ero solo un pargolo con l voglia di vedere <>
    e quei nomi per me fantastici ed incredibili, mi suscitavano solo un amore incontrollabile per questa nuova forma di fantascienza. Io avevo quel "TOPOLINO" in questione, strappati all'epoca le pagine ed incominciai a collezionarle come uno scoiattolo fa con le noci, dando vita a numerosi volumetti (creati con quaderni colla e forbici)
    Che ancora oggi aggiornò e tengo come 'TESSSORI' nella mia biblioteca privata. Io ho amato quell'articolo, scritto un po con i piedi, con nomi ancora piu di fantasia che quelli veri, con una trama scadente. Ma li c'era il futuro in una galassia lontana lontana...
    E non avrei mai, mai immaginato che di Jan, Leila Luca e Fenner, (poco modestamente, io ho chiamato un mio gatto Jan, un mio cane Luca ed una furettina Leila) dopo quarant'anni facessero parte ancora della mia vita.
    Era l'inizio e come dicono i carabinieri """ non importa come ne parlate, basta che ne parlate. """

    RispondiElimina
  26. Celestepedone è sublime, ma quelle doppie "virgolette" e l'abuso di punti e virgola hanno tutta l'aria di svarioni redazionali. Al netto dei quali, l'articolo mi è piaciuto: è una buona analisi di Guerre Stellari, molto più rispettosa dei bambini di quei pubbliredazionali grondanti entusiasmo che troveremmo oggi. La forza del primo Guerre Stellari è proprio quella: aver recuperato una semplicità fiabesca quasi archetipica calandola di nuovo in una dimensione di pura meraviglia. Un po' come reinventare ruota. All'epoca fu un'intuizione formidabile, una vera operazione d'autore, una dichiarazione di poetica. Oggi è solo franchise industriale, ripetizione più o meno ben fatta, senza più un grammo di autentica meraviglia.

    RispondiElimina
  27. Ahahahah :D!!! Noi oggi ridiamo, ma se ci si pensa, era il 77 e questo giornalista (povero :D) si ritrovava a dover scrivere una recensione di un film di cui aveva intuito la portata, ma non possedeva abbastanza conoscenze per poterlo spiegare bene. A dei ragazzini fra l'altro... (che probabilmente ne capivano di più dell'autore).

    RispondiElimina
  28. "Celestepedone" è davvero esilarante, ma se ci pensate è una interpretazione molto particolare... oserei dire cannarsiana! Non è che il sig. Cannarsi c'entra qualcosa anche lì..?

    RispondiElimina
  29. E che ne dici del padre di Luca, Annachi Celestepedone?

    RispondiElimina
  30. 'Celestepedone' mi fa pensare ad un'amica di Cinzia...

    RispondiElimina
  31. ed infine il Topo divenne proprietario di guerre stellari...

    RispondiElimina
  32. "ma è previsto un seguito", non so perché ma a questa frase ho iniziato a ridere come un pazzo.

    RispondiElimina
  33. Raccogliticcio e pronto.
    Ma più raccogliticcio; che adesso fa freschetto; Signora mia

    RispondiElimina
  34. Oh my GOD ! Quale sublime summa della Fuorvianza !

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy