I Cavalieri dello Zodiaco, storia di eroismo, sacrificio, raccomandazioni e burroni


Nuovo appuntamento con il podcast sugli anime (chiamato appuntamente AnimeStorie) per Radio ScreenWeek. Dopo Ken il Guerriero, la volta scorsa, questa settimana tocca alla storia dei Cavalieri dello Zodiaco e a quello che pensi, in fondo, di tutta la loro saga [...]


Il mondo di Saint Seiya, dalle origini a oggi, trent’anni dopo, e il grande fascino di questi giovani cavalieri scapigliati con una passione vera per i salotti letterari di fine Settecento e la tauromachia. Con cento litri di sangue in corpo e costretti a far risaltare il vero, raccomandatissimo protagonista di tutta la faccenda. La pastetta di Pegasus, il cavaliere di Santa Lucia, il club dei musicisti di Andromeda, Cristal figo nonostante nome e poteri, Phoenix a pheeghe in Svezia e tutto il resto, tra un colpo mortale e un tuffo di testa in un burrone. Il podcast lo potete ascoltare/scaricare qui, oppure usando direttamente il playerino embeddato qui sotto.


E c'abbiamo pure lo spazio richieste, va': di cosa vorreste sentir parlare la prossima settimana?

16 

Commenti

  1. Più tardi mi ascolto entrambi i podcast, che non ho avuto modo prima.
    Direi che per la prossima settimana ci sta un Captain Tsubasa, per restare sugli iconici degli anni ‘80 e per avere anche argomenti di ridere :D

    RispondiElimina
  2. Il podcast su Ken era bello ma questo è perfetto, ti sei superato. Non vedo l'ora di ascoltarne altri.

    La lista di anime anni '80 e '90 è lunga ma sono certo che ti lascerai guidare dalle tue ispirazioni. Volendo darti un consiglio farei Lupin 3rd. Un altro pilastro della nostra infanzia, adolescenza e (visto quello che posti) della nostra età adulta.

    RispondiElimina
  3. I cavalieri dello zodiaco anni 80 sono tra i miei 10 anime preferiti, insieme a Ken il guerriero, Gundam, Sailor Moon, Lamù e pochi altri.

    RispondiElimina
  4. Sto giusto riguardando tutta la serie, gran per podcast comunque :D

    RispondiElimina
  5. Il doppiaggio assurdo dei nomi generava una puntata surreale in cui Mylok diceva: tu Andromeda andrai nell'isola di Phoenix a prenderti l'armatura di Phoenix e tu Phoenix andrai nell'isola di Andromeda e ti prenderai l'armatura di Andromeda. (Giusto per la cronaca il fratellone salva il fratellino proponendo il cambio di destinazione).
    Il podcast cmq è ottimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No diceva che Andromeda andava nell'isola della regina nera e Phoenix andava nell'isola Andromeda

      Elimina
    2. quel che sia.... ma vi immaginate come sarebbe stata la serie se Ikki non avesse imposto lo scambio e se ne fosse tornato con l'armatura di andromeda?

      Elimina
  6. Ciao Doc, visto che c'è spazio ho una curiosità per il prossimo podcast: come mai negli Anni Novanta c'è stata tutta una serie di film legati agli eroi degli Anni Trenta ? Parlo di The Phantom con Billy Zane, The Shadow con Baldwin e Rocketeer (anche se questo è stato creato nel 1982).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché, soprattutto negli anni 90, Hollywood copiava Hollywood. Gli studios proponevano le stesse cose, vedendo filoni da seguire ovunque.

      Elimina
  7. Devo ancora recuperare i podcast, ma per i prossimi "confermo" Lupin e propongo Grande Mazinga (anche se ne hai parlato da poco) e ovviamente Mazinga Zeta, Goldrake e Jeeg (a seconda del materiale, tutti assieme o separatamente).
    By the way, ho letto che domenica al Romics dovrebbero proiettare il trailer italiano di Lupin III the 1st. Data di uscita italiana? In Giappone esce a dicembre.

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutti per feed e suggerimenti. Venerdì si parlerà di... no, sorpresa ;)

    RispondiElimina
  9. Complimenti, bellissimi i due podcast. Scommetto 1€ che prestissimo parlerai di Dragonball ^_^

    RispondiElimina
  10. Io spero in prossimo podcast su Dottor Slump e Arale :)

    RispondiElimina
  11. Si potrebbe parlare di bryger ,della sua reale trama e delle altre serie della saga y9?

    RispondiElimina
  12. Bellissimo... ricordo ancora il giorno in cui, da regazzino, mio padre mi portò in edicola e mi disse "Scegli un giornaletto" e io, totalmente a caso, affascinato dal titolo e da una copertina con un tizio in armatura arancione e una fenice alle spalle, presi quello che poi era il numero 4 dell'edizione Granata... che era stata tradotta con i nomi originali, quindi mi sembrava strano quando nell'anime chiamavano Seiya Pegasus, o Shun Andromeda, o i cavalieri d'oro con i loro assurdi "Fish", "Capricorn" eccetera, e aveva le immagini ribaltate, per cui mi ritrovavo un Crystal con il cuore perforato nella parte destra del corpo, e non capivo perchè.
    Dell'anime storico erano fantastici i doppiatori italiani, il fulmine di Pegasus e lo YAIIIIIIII di Ivo De Palma, Sirio-Balzarotti e Crystal-Luigi De Rosa, spettacolo...
    Penso che chiunque sia cresciuto con loro sia stato segnato per sempre da ideali di lealtà, sacrificio e burronismo non indifferenti... ecco magari un'idea per un prossimo post potrebbe essere sugli insegnamenti/disinsegnamenti dei cartoni della nostra infanzia XD

    Un grande grazie Doc per il podcast

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH