Il nuovo Resident Evil 2, per un mercoledì da Leon (Plus: fare i fighi in Ace Combat 7)

Resident Evil 2 2019 remake recensione ps4 xbox one pc

Il nuovo Resident Evil 2 è un remake di Resident Evil 2, ma non è un semplice remake. È il Resident Evil 2 del '98 ripensato dalle fondamenta, per cercare di farlo piacere a tutti: chi ha giocato quello originale e chi vuole semplicemente un horror avvincente, magari perché è partito da Resident Evil 7. Che poi è esattamente quello che ha fatto Capcom. Ecco perché te lo stai godendo da pazzi e perché anche Ace Combat 7 è un signor gioco [...]


RESIDENT EVIL 2
Piattaforma: PS4, Xbox One, PC
Quanto costa: 69
Link Amazon

Dopo aver ritrovato la via dell'horror con Resident Evil 7, Capcom ha pensato di applicarne le basi a questo benedetto remake di Resident Evil 2 che tutti si aspettava come un autobus di linea calabrese, cioè da tempo immemorabile: dal 2002, dalla nascita del glorioso remake del primo Resident Evil per GameCube. Ha preso il RE Engine, il motore di gioco adoperato per il 7, e l'ha utilizzato per rimettere in piedi da zero Resident Evil 2, modernizzandolo.

Via i controlli da carro armato, via le inquadrature fisse necessarie all'epoca perché i personaggi poligonali si muovevano all'interno di ambientazioni in grafica prerenderizzata, dentro una bella visuale da sopra la spalla, tradermark della serie e praticamente di qualsiasi altro gioco d'azione in terza persona da Resident Evil 4 in poi.
Una scelta necessaria, se non vuoi far sembrare il tutto antiquariato videoludico, che però comporta un bel problema. Spaventare il giocatore diventa così più difficile.

Uno dei motivi per cui i primi Resident Evil erano così meravigliosamente claustrofobici e ti facevano saltare sulla sedia in continuazione erano proprio quelle telecamere fisse e la sensazione che si portavano dietro: quella di essere un topolino in un labirinto, mai davvero in controllo della situazione.

La possibilità di ruotare l'inquadratura, unita ai nuovi controlli, con tanto di dietrofront rapido, e l'abbondanza di munizioni rendono il primo terzo di gioco ora molto meno spaventoso e il giocatore più spavaldo. Per contrastare la cosa, Capcom ha reso gli zombie delle spugne per proiettili, capaci di rialzarsi anche più volte e di farsi largo tra i tuoi tentativi disperati di tirarli giù con una pistoletta, in attesa di mettere le mani su qualcosa di più decente.

Ma col lanciagranate di Claire (o il fucile a pompa per Leon), e la possibilità di costruirsi le munizioni con la polvere da sparo, anche quello non è più un problema. Perfino i primi licker del gioco li tiri giù a livello normal con un'alzata di spalle. Hai parlato però di un terzo del gioco, diciamo così di riscaldamento, perché poi le cose cambiano.


Arriva una certa figura, che chiameremo Mr. T come quello che non voleva volare, e il senso di sicurezza evapora, perché niente può fermare quel Dolph Lundgren con l'impermeabile. Ci sei già stato, hai già sperimentato la cosa, ma cacchio se funziona ancora.
Basta il rumore possente dei suoi passi per farti stringere le chiappe e scivolare sulla punta del divano. 
Non è un caso che Capcom abbia poi deciso di riciclarla, quella cosa, con Nemesis nel capitolo successivo. E poi più e più volte in seguito. Sensazioni a parte, il livello di difficoltà aumenta leggermente, pur restando ampiamente entro i margini del comodo.

Immagini che la modalità easy (con mira assistita ed energia autorigenerante) sia davvero per chi a Raccoon City non c'è mai stato prima ed è completamente a digiuno del genere. Per contro, la modalità hard ha non solo nemici più tosti, ma un grande ritorno alla natura supervintaggio rappresentato dagli stramaledetti ink ribbon, necessari per salvare la partita con le macchine da scrivere.

Uno di questi giorni vorresti scrivere un post Gli anni di Pleistescio tutto sui primi Resident Evil per PSOne e sulle imprecazioni sumere che quei dannati nastri d'inchiostro ti hanno tirato fuori. E, pure, sul raccontino che hai scritto una vita fa sui cani zombie sfondavetro. Ne parliamo presto, torniamo al gioco.


Hai sempre trovato il primo Resident Evil più affascinante del suo seguito, e non solo per l'impatto clamoroso della novità. Pur saltando dai serpenti giganti agli squali e le api mostro, il primo Resi ti sembrava tematicamente più coeso, tutto incentrato su un certo tipo di immaginario horror. Così come è avvenuto con il grande figliol prodigo della saga, il 7, ispirato a film come Non aprite quella porta. Resident Evil 2 è un fritto misto che tira in ballo, oltre a Romero, Aliens - Scontro Finale, Shining e un'altra mezza dozzina di classici.

Ma ha un'ambientazione parimenti affascinante (dove la trovi una stazione di polizia costruita sul museo di un pazzo?), una bella storia - rattoppata qui e lì per l'occasione - e dei personaggi memorabili. Che flash assurdo tornare a spappolare crani di morti viventi con Claire Redfield e Leon Kennedy, comparando le differenze nei loro percorsi, come le sezioni di Sherry e Ada.

Finisci la prima run con uno dei due - ci vogliono circa 10 ore - e questo sblocca il percorso B con l'altro, con gli oggetti spostati e un po' di cose remixate per rendere meno ripetitivo il secondo giro. E allora ricominci. Poi c'è la caccia a costumi, c'è da fare una rimpatriata con Hunk e l'assurdo Tofu, da sbloccare tutti gli extra. E il 15 febbraio ne arriveranno altri: i costumi vintage di Leon e Claire e la modalità gratuita Ghost Survivors.


Come vent'anni fa, ma nel complesso meglio, in sintesi: quel che si perde in tensione (ed è ormai perduto, eh, indietro non si torna), per l'upgrade strutturale, si guadagna in un gioco che sembra nuovo, è molto bello da guardare, ma soprattutto è molto divertente da giocare.

Al diavolo gli open space se e quando superflui: la formula da orrore più intimo, in uno spazio angusto da esplorare con meccaniche trova chiave apri porta alla Metroidvania, se crei l'atmosfera giusta, scalcia ancora culi di pixel in modo seriale. Hai letto in giro delle perplessità sul fatto che a un giocatore giovine di oggidì possa interessare il tutto, che sia disposto ad accettare in un horror moderno gli schemi anni 90 delle chiavi buffe e delle manovelle da raccattare in giro.

Ma a parte che il trova chiave apri porta è tipo l'ABC del videogioco con un minimo d'avventura dentro, anche chi se ne frega dei giocatori giovini. C'hai quarant'anni, se ne vedi uno gli buchi il pallone e zitto.


ACE COMBAT 7: SKIES UNKNOWN
Piattaforma: PS4, Xbox One, PC (dall'1 febbraio)
Quanto costa: 59
Link Amazon

Perché voi volete sapere com'è non solo Ace Combat 7: Skies Unknown, ma anche e soprattutto giocare a un Ace Combat con il PlayStation VR. Solo che non ne hai la minima idea, perché la versione che ti è arrivata da recensire è quella Xbox One, perciò il tuo VR può continuare a prendere polvere nel ripostiglio e niente missioni extra in realtà virtuale.

Ma ci hai giocato alla morte per giorni e giorni comunque, fingendoti un Iceman del futuro e seminando il panico ai comandi di un A-10, gridando Banditi a ore sei! e cose così. Perché il primo vero Ace Combat degli ultimi dieci anni è anche il primo gioco della serie con l'Unreal Engine 4, ha una grafica pazzesca ed è sostanzialmente quello che hai sempre desiderato sin da quando ti schiantavi contro le montagne a forma di piramide dei simulatori di volo per MS-DOS e Amiga.


E cioè un gioco sui dogfight arcade impegnativo, con tanti missili e proiettili con cui tirar giù decine di velivoli nemici in battaglie vaste da riempirci un cielo o due, ma con un feeling e una confezione talmente realistici da farti sentire il protagonista di un remake de L'Aquila d'acciaio, pronto a infrangere la barriera del te le suono.

Ace Combat 7: Skies Unknown è una bestia ibrida di razza. Ti butta nel bel mezzo della solita guerra tra fazioni immaginarie, le vecchie storie tese tra Osea ed Erusea, che sembrano un anacronismo perché lo sono; background farlocco da fantascienza giapponese, ma che ha dato agli sceneggiatori la libertà di inventarsi il cavolo che gli pare.

E se vi state chiedendo che importanza abbia la trama in un gioco in cui si lanciano missili come se non ci fosse un domani, è perché non avete davvero idea, su una scala da zero a capi di stato uccisi per sbaglio davanti a un ascensore orbitale.


Setting sci-fi e velivoli in larga parte veri, in una parata di aerei da guerra da collezionare, da lettore di Take Off a fine anni 80. Collezionare, ammirare, guardare e riguardare, per quanto sono resi bene. Da un F22A Raptor a MIG e Mirage, da un B-52 a un A-10C Thunderbolt II, con l'aggiunta di prototipi inventati come l'X-02S Strike Wyvern. Quel brivido felino di tirar giù droni sganciati da una gigantesca ala-madre che sembra uscita da un film di Miyazaki, con il culo seduto su un caccia di quaranta o cinquant'anni fa o del futuro, a scelta.

La natura arcade del gioco non vuol dire peraltro che sia tutto semplice. Anzi. A volte è necessario concentrarsi anche solo per capire cosa quella missione voglia da te. E, di conseguenza, scoprire come portarlo a termine, ad esempio piallando via l'antiaerea per potersi dedicare ai bersagli a terra.


I dogfight sono ovviamente il cuore dell'esperienza, e sebbene molti nemici vengano giù facile, con un missile a ricerca lanciato al momento giusto, tanti sono in grado di schivare o seminare quelle testate just east esattamente come te.

Il che dà vita a feroci scambi di tanto non mi prendi tra i cieli, nei quali vengono chiamate in ballo sia le contromisure elettroniche, sia quelle naturali: tipo infilarsi in una nuvola, a patto di riuscire a orientarti quando le gocce di condensa ti coprono il vetro e non capisci più verso dove stai volando. Ciao, signora montagna, abbracciamoci forte.


E se hai speso parole d'amore e affetto per la grafica di Ace Combat 7, ti preme fare altrettanto per il suo sonoro, semplicemente pazzesco. Cosa non va? Il fatto che la storia sia a volte esageratamente accartocciata su se stessa, anche quello un tratto tipico dei canovacci bellici di un futuro prossimo alla giapponese, e che l'animo arcade a volte cozzi con il tipo di mood che si vuole creare.

Se mi dai una storia ricca di tensione e immersiva, e poi mi fai ripetere una missione perché non ho fatto abbastanza punti entro il tempo limite, non va mica bene. Lo stesso dicasi per l'albero utilizzato per sbloccare i nuovi aerei e gli upgrade, pagandoli in crediti come in un Gran Turismo vintage delle armi di distruzione. Ok i contentini ai vecchi Ace Combat, ma non è più il 1995 da un pezzo.


Sono però, fortunatamente, solo residui del passato che non danneggiano più di tanto un gioco fantastico, sontuoso ridecollo della serie e intrattenimento ad alta quota per chiunque si è sempre sentito dentro un pilota, anche se ha dovuto rifare due volte l'esame per la patente B.

Più di Top Gun, Top Fun. 

E questo è quanto, people from Ibiza. Voialtri a cosa state giocando di bello negli ultimi tempi? E cosa aspettate, con gli occhi fissi alll'orizzonte degli eventi videoludici?


52 

Commenti

  1. RE2 finirò per comprarlo anche se non ho il tempo per giocarlo. Quello vecchio ci misi mesi a finirlo perché lo giocai sulla PSO di mio cugino una domenica si e una no, quando andavamo a trovarli. Inizia con Clare e poi feci il percorso B con Leon. Nell'attesa dell'acquisto cercherò di iniziare la campagna in solitario per il gioco da tavolo di RE2, naturalmente con Ada.
    Sono affezionato a RE2 per tanti motivi, ci sono alcuni personaggi che ho amato molto e che ritrovai in RE4 come Ada Wong, Leon e Hunk. Quante volte mi sono quasi comprato la action-figure di Ada Wong di RE4, chi non vorrebbe sentirsi "Long time no see, [aggiungi il tuo nome]".


    PS: Ada Wong viene menzionata nel primo RE, chi se lo ricorda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facile, la lettera del fidanzato scienziato. "Troppi ricordi" XD

      Elimina
  2. "Realismo" e "Aquila d'acciaio" non possono essere messi nella stessa frase! Firmato un PdF di aviazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma vale anche per "ironia" e "PdF", :D :D :D

      Elimina
    2. (Facezie e fazende a parte, sono anni che mi riprometto di scrivere qualcosa su Aquila d'acciaio. Magari si riesce a infilare pure pelo-pelo in un Nuovo Cinema Guaglione).

      Elimina
    3. Se ti servisse l'elenco degli strafalcioni tecnici, degli aerei con insegne farlocche, dei missili alla Hot Shots o delle chicche di progetti di Burt Rutan che appaiono nei film...
      Beh, c'è da dire che la qualità della recitazione e il realismo della trama compensano qualsiasi pecca tecnica! ;-)

      Elimina
  3. Devo dire che l'idea di giocarmi un Ave Combat dove la trama non sia stata tagliata nella versione europea non mi dispiace. Non ricordo in quale accadde, ma scoprirlo fu un trauma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il 3, Electrosphere. Con una magnifica opera di localizzazione ottenuta buttando via una parte delle missioni (un intero disco di gioco), la storia con varie biforcazioni, le sequenze d'intermezzo firmate da Production I.G. e tanto altro. Perché non c'erano i soldi per tradurre il tutto in inglese, si disse. Because fine anni 90.

      Elimina
  4. Vespertilio Amoroso29 gennaio 2019 11:55

    Io mi ricordo ancora quando giocai al "vecchio" RE2...Mamma mia!
    Già allora il video introduttivo mi sembrava pazzesco (beh, per l'epoca lo era. Adesso fa effettivamente sorridere), poi tutta l'ambientazione, dalla stazione di polizia alle fogne, fino ai laboratori...brividi continui!
    Devo dire che, sì, faceva paura, soprattutto perchè i controlli erano quelli che erano (lo giocai su pc), quindi schivare gli zombi diventava una bella sfida (a meno di non voler giocare nella versione giapponese easy, dove ti ritrovavi col mitragliatore infinito già all'inizio, e allora tanti saluti...). E i jumpscare erano costanti (il corridoio coi corvi...ho lanciato la tastiera).
    Non l'ho giocato, però da quello che leggo Doc mi sembra che sia più facile (si trovano anche più munizioni? Nel classico era abbastanza difficile averne una buona scorta), almeno per una buona parte. Forse per farlo giocare ai "pischelli", che altrimenti, in caso di grossa difficoltà, lo abbandonerebbero presto?
    Comunque il mio ricordo più indelebile resta il coccodrillo, insieme alle tette a punta di Ada Wong

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'alligatore lo ricordo molto bene e infatti è stato un pezzo irrinunciabile.
      https://youtu.be/bJ6hvCxwSHo?t=230

      Elimina
  5. Oddio.. lacrima galeotta.. Take Off quanti ricordi quei fascicoli sparsi ovunque..

    RispondiElimina
  6. assolutamente digiuno della serie (shame on me) ho preso ace combat 7 e lo sto attualmente giocando con calma...ho dedicato un po di giorni ad abituarmi al gameplay che è leggermente più frenetico rispetto a war thunder dal quale provengo (per quanto riguarda la parte dei combattimenti aerei, come si sa war thunder non ha uno story mode ma sono solo match pvp)
    i primi due giorni col pad era durissima, probabilmente perchè i controlli sono completamente diversi dal solito wt a cui sono abituato, per cui quale occasione migliore per tirare fuori l'hotas 4 comprato per warthunder e mai usato (perchè li si che vai meglio col pad)
    ed è tutta una meraviglia, giocare con l'interfaccia giusta dona una dimensione superiore. a questo punto aspetto solo di poter provare la missione vr, ma voglio prima completare la storia e poi trasportare la ps4 su cui c'è ace combat nel salone dedicato al vr (per motivo di spazio e di gatti)
    ps
    riguardo i giochi vr, ho preso beat saber, davvero simpatico doc, dovresti darci uno sguardo

    RispondiElimina
  7. in questo periodo ho finito 2 nuovissimi giochi per pc, roba con una grafica talmente moderna e "realistica" da far sembrare il nuovo Resident Evil 2 antiquariato: Phantasmagoria 1 e 2!

    ed a breve inizierò anche Harvester, altro distillato di "futuro del videogioco".

    oh, a me i vecchi giochi con le loro dinamiche legnosissime garbano ancora un sacco, senza considerare che ai 2 Phantasmagoria ci ho giocato a letto sul portatile la sera per addormentarmi, e le scene splatter del primo sono ancora da manuale.

    RispondiElimina
  8. L'ho scritto già da altre parti, ricordo quando con i soldini guadagnati consegnando le cartelle esattoriali durante un gelido inverno (lo so, era uno sporco lavoro ma qualcuno lo doveva fare) andai il giorno dell'uscita in un negozietto scrauso che non esiste nemmeno più, per prendermi la bella copia del gioco con i due cd rossi... Che emozione e quanto ci ho giocato!! Inutile dire che appena posso me lo prenderò, soprattutto perché dopo aver provato la demo mi sono ritornate come in un trip mnemonico le emozioni di allora, con Mr. X che ti segue implacabile, provocando quella sensazione di ansia senza soluzione di continuità (cit. Luzzi) e gli zombi che non vedono l'ora di pasteggiare con le tue membra! Mi spiace per i ggiovani che non apprezzeranno la struttura classica ma è giusto che il mercato guardi anche a noi ormai negli anta, non ci possono solo essere Fortnite e Overwatch!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'altra cosa, volevo dire quanto sia un personaggio Leon Kennedy, secondo me poco riconosciuto, ma è davvero un'icona degli anni '90 e duemila. Peccato per il fatto che abbiano deciso di cambiare la storia dietro al ritardo della sua entrata in servizio, rispetto all' originale.

      Elimina
  9. "Ma a parte che il trova chiave apri porta è tipo l'ABC del videogioco con un minimo d'avventura dentro, anche chi se ne frega dei giocatori giovini. C'hai quarant'anni, se ne vedi uno gli buchi il pallone e zitto."

    E qui è riassunta, in poche e semplici parole, la filosofia del videogamer quarantenne (e anche cinquantenne come me).
    Doc, chapeau e stima da qui a verso l'infinito e oltre.

    Cosa sto giocando adesso: Magic The Gathering Arena.
    Cosa aspetto all'orizzonte: il remake di Medievil per PS4.

    RispondiElimina
  10. Oh Doc, mi sa che mi sono rammollito io allora.
    Attualmente con Leon ho appena trovato i pezzi di circuito per la zona celle e sono senza munizioni di sorta :o(
    Mi sa che devo ricaricare un save precedente e mantenere la calma e la mira quando sparo ai cani.
    Non mi ero ficcato così tanto nei guai negli anni '90.
    Sarà l'età signora mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che funzionano in modo diverso, gli zombie, in quanto a resistenza al piombo, crea da principio spaesamento. Resta l'obbligo di darsela a gambe sempre, quando possibile, sottraendosi allo scontro. O di essere creativi. Con la mitragliatrice, ad esempio, sparo alle gambe degli zombie. Non spreco i proiettili che servono per tentare un headshot e, atterrandoli, ho tutto il tempi di evitarli.

      Elimina
    2. Mi sa che devo rivedere le mie politiche di ingaggio dei non-morti allora.
      Dovrò puntare alla medaglia d'oro nello slalom dei vaganti.
      Cani e licker però sono aggirabili?

      Elimina
    3. @Andrea io ho fatto tutta la zona sotterranea (difficoltà Normale) senza stendere un Licker e senz afarmi beccare, quindi si, almeno in quel punto sono aggirabili.
      Coi cani vai di shotgun, un colpo durante il loro attacco li atterra. In più la prima volta che arrivi nel canile due o tre colpi di pistola sistemano i cani nelle gabbie.
      E' stronzo, si, ma almeno poi non ti saltano fuori quando ci devi ripassare per forza ;)

      Elimina
  11. Ci sono teorie in giro che sostengono la tesi che sia meglio incominciare con Claire e poi fare il percorso B con Leon, questo perché fare il contrario potrebbe portare a qualche buco logico.
    Se non sbaglio era la stessa cosa che dissero gli stessi sviluppatori del gioco eoni fa.
    Voi con chi avete cominciato? È la stessa scelta che faceste anni fa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iniziato da Claire, perché è quello che ho fatto ai tempi.

      Elimina
    2. Anche io ho iniziato ai tempi con Claire. Dicevano che era un pelo più facile.

      Elimina
  12. Alloooora...dopo il post su ISS PRO '98 sono entrato in trip e ho tirato fuori la vecchia PS1.
    E adesso sto giocando a rotazione a ISS PRO EVOLUTION, SILENT HILL, CASTLEVANIA - SYMPHONY OF THE NIGHT , STREET FIGHTER ALPHA 3 e EINHANDER.
    Sono nel tunnel, ragazzi. AIUTO.
    No, scherzi a parte...e chi vuole uscire?
    Al momento giochicchio a quelli, sperando non mi si fonda.
    Sul remake di RE 2...ho avuto delle impressioni davvero ottime, con la demo. Ora so cosa regalarmi per il prossimo compleanno (dindi permettendo).
    Al momento ho accantonato l'idea Switch (vedendo i voti...anche se uno e' un fan sfegatato di No More Heroes, vale la pena comprarsela per un gioco cosi'? Direi di no. Vediamo se faranno il porting per PS4).
    Una bella lezione, alla luce di prodotti mediocri o appena sufficienti come gli ultimi Fallout o Just Cause.
    Una prerogativa delle grandi opere e' di riuscire a stare al passo coi tempi. E RE 2 lo e'.
    Hanno comunque fatto un lavoro encomiabile. Hanno ammodernato il tutto, modificando quel che hai tempi funzionava ma che oggi sarebbe ridicolo.
    In molti hanno criticato la svolta action e le volgarita' gratuite, ma...ci stanno. Ormai il gioco lo conoscono tutti. Inutile stare a prendersi in giro.
    E allora...usi la ricetta James Cameron. Tieni il buono del precedente e poi pompa tutto all'ennesima potenza.
    Hanno trasformato un filmaccio di serie B (perche' quello era) in un bel film hollywooiano (senza la D).
    Leon, Claire e gli altri recitano in modo credibile, con delle voci azzeccate.
    E il Tyrant si comporta in modo molto simile al vecchio Nemesis (praticamente te lo vedi sbucare quando meno te l'aspetti).
    Bello, bello, bello.
    Gli sviluppatori si sono presi il loro tempo, sapendo a cosa stavano lavorando, e si sono approcciati col massimo rispetto.
    Un vero atto d'amore nei confronti di un capolavoro.
    Certo che se diventa il gioco dell'anno e' un bello smacco.
    Aspetto il tuo post sugli annali della pleistescion, allora: ho anch'io una bella storia da raccontare sul vecchio RE 2, quando lo presi...

    RispondiElimina
  13. Non ho ancora comprato RE2 ma lo farò molto presto dato che la scimmia è diventata di dimensioni consistenti. Una cosa che avrei fatto, però, vista la presenza dei due personaggi, è la possibilità di giocare in co-op come fu per RE5 e 6, ma credo che questa aggiunta avrebbe tolto al gioco molta della sua atmosfera

    RispondiElimina
  14. Consumato RE-2 e Ace combat per PSone all'epoca, davvbero belli.
    Rimango tiepido sul remake, perchè si effetto nostalgia ada (shelly no che la odiavo :D), ma perchè rigiocarmi raccoon city quando la storia la so e quella è? Cambiano le meccaniche ma boh.

    A sto punto mi attira piu sbloccare tutti gli aerei di ace combat dovessi dire :D

    RispondiElimina
  15. Electrosphere, presente all'appello.
    Comprato in saldo insieme a Final Fantasy VII e a - non ridete - Bear in the Big Blue House. Volete mettere, Cloud versus quei due fricchettoni viola di Pip e Pop.

    Il terzo capitolo doveva essere il preriscaldamento per Ace Combat 5: The Unsung War, che a distanza di anni resta il mio preferito della serie su PS2. E per carità, resta divertente ancora oggi, ma al nipote non allaccia neppure le scarpe perché così diverso e incompleto, almeno nella nostra disgraziata versione europea.

    Successivamente avrei avuto un'esperienza simile con Armored Core: Nine Breaker, ma lì fu proprio una scelta della FromSoftware di venirsene fuori con quello che in sostanza era il "corso accelerato per Raven di Armored Core". Le basi della SOFFERENZAH dei Soul Games erano già in agguato (ma del resto basta vedere i boss di alcuni dei capitoli "reali" di AC. Ciao Zinaida).

    A proposito, a quando un post sulla serie? In attesa del ventilato prossimo appuntamento con Nuovo Cinema Guaglione e Louis Gosset Jr, naturalmente. :-)

    RispondiElimina
  16. A cosa sto giocando: mah. Passo le serate sul nintendo e-shop alla ricerca di qualcosa che valga i soldi che la grande N chiede. Nel frattempo ho ordinato un Atelier Lydie & Suelle(n) al prezzo che volevo io.
    Cosa attendo: avoja. Ma per ora mi accontenterei di un JRPG decente, la riproposizione della D&D Compilation su Switch e (chiedo troppo?) il porting di Kingdom Hearts 3. Campa cavallo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dubito fortemente in KH3 su Switch. Spero per tutti gli utenti grande N di si (a me mi hanno perso con la presa in giro della wiiU, epurata assirittura).

      Elimina
    2. Sono molto perplesso della politica di rilascio dei nuovi titoli da parte della grande "N" (a quasi due anni dal lancio solo una decina di Hit? Davvero?). Non essendo mai stato possessore di console Nintendo "da casa" non so se è tradizione.

      Elimina
    3. No, su Switch è uscita SOLO la line di WiiU rimasterizzata in pratica come giochi buoni + Mario, Pokemon e Brawl nuovi.
      hanno pure castrato Breath Of the Wild delle meccaniche doppio schermo perchè hanno scelto di epurare la WiiU alla russa, togliendo features gia mostrate anche dal buon Miyamoto in video, perchè la Switch ha un solo schermo attivo, mentre la WiiU ne aveva due che potevano avere informazioni differenti in contemporanea, uno sul controller e uno principale.

      Sono stato MOLTO perplesso perchè, anche console bistrattate e andate male come il Gamecube hanno avuto giochi della madonna, la Wii ha stravenduto e ha avuto le sue esclusive buone/ottime/spettacolari, la WiiU la hanno ammazzata senza dargli abbastanza giochi, lanciando la Switch senza un serio "piano B" per lo sviluppo delle uscite nuove. Difatti, sostanzialmente, non esce una mazza di interessante.

      Elimina
  17. Questo RE2make me lo devo prendere, mi tenta troppo. Vedo che in regalo c'è anche una toppa per la camicia, per il tipico effetto "a scuola ti prende in giro anche il bidello".

    Di altri giochi di recente ho giocato Monster Boy per Switch, molto carino per chi ha nostalgia dei vecchi Wonder Boy/Monster World, e si può diventare anche un uomo-suino. Oink.

    Quello che mi piace di più per i videogiohi, però, è quando viene a trovarmi mio nipote. Lui comincia a giocare a Fornite o Minecraft sullo Switch e io, visto che il televisore è libero, metto su qualche gioco di un'altra epoca, tipo Xevious (fortissimo!). E lui (7 anni): "ma cos'è?!?". Onestamente, però, vede che me la cavo e dice "beh, comunque sei bravo".

    RispondiElimina
  18. Doc, mi hai parcheggiato un intero Typhoon sulla spalla, altro che scimmia...

    RispondiElimina
  19. E' il motivo per cui sono cosi' restio ad acquistare un'altra console Nintendo.
    Gia' mi sono preso una bella fregatura col 2DS.
    L'ho preso per poi rendermi conto che non tutti i giochi sono compatibili. Tipo Xenoblade Chronicles, che funziona solo sul New 3DS. Tra l'altro fuori commercio, pure.
    Meno male che poi l'ho recuperato per Wii...
    Certe volte la politica della Nintendo e' assurda. Tipo i prezzi dei giochi.
    Mai un solo euro di sconto che e' uno, dico. Per non parlare delle riedizioni dei titoli WiiU come New Super Mario Bros.
    Si dovrebbero vergognare. Assurdo.
    Con Nintendo ho un rapporto conflittuale. Prima o poi ci ricasco (quando uno nasce nintendaro, purtroppo), e vado incontro all'ennesima delusione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante, anche io ero un Nintendaro convinto e poi sono rimasto talmente deluso che mi è venuta una crisi da rigetto. Tanto che avevo concluso le mie avventure con il GameCube, che mi piaceva un sacco, però la Wii proprio non mi prendeva. Mia moglie, essendo una grande appassionata di Super Mario, si è poi fatta regalare la WiiU e allora ho ricominciato ad apprezzare i giochi della grande N, ma non le sue politiche commerciali, inoltre sono riuscito a trovare alcuni titoli a buon prezzo, essendo in dismissione, allestendo una piccola softeca per il pargolo, quando si deciderà a iniziare a giocare. Invidio un pò i papà antristi che giocano con i propri figli, non vedo l'ora di condividere le esperienze da "vecchio" giocatore con il mio piccoletto. Per ora, però, non sembra molto interessato. Mi guarda giusto mentre gioco a Forza perché gli piacciono le macchine...
      In ogni caso non intendo comprare una nuova console Nintendo nel prossimo futuro. Sono sempre deluso dalle sue scelte di riproporre la stessa minestra su ogni nuova generazione di macchine e inoltre, a parte poche eccezioni come l'ultimo Zelda e Super Mario Odissey, mi sembra che si sia persa un pò della magia degli anni passati.

      Elimina
    2. A me mi hanno perso per come hanno trattato la WiiU.
      Nessuna console, anche il Gamecube che andò davvero male, è stata trattata cosi di schifo dalla Nintendo.
      Perchè mi dovrei prendere un prodotto di punta N con la possibilità che a breve diventi un costoso e inutile soprammobile che vale due lire? E senza manco aver visto chissà quanti giochi.

      Elimina
    3. Hai perfettamente ragione, non vedevano l'ora di sbarazzarsi di una console nata male e poco fortunata. Fosse stato per me non l'avrei considerata di striscio, ma le ragioni delle mogli travalicano ogni regola del buon senso. Però per iniziare le nuove generazioni al medium secondo me non è male, ci sono comunque alcuni giochi fatti bene. Però Nintendo si è comportata davvero in modo indecente verso gli utenti che l'avevano acquistata.
      Lasciando stare il discorso che per una volta è stata trasparente dicendo che è stato interrotto lo sviluppo di Metroid 4 per ricominciare con un altro developer, oppure il Presidente ha detto che non ci sono nuove versioni di Switch nel futuro prossimo. Non basta una volta per ripulirsi il (pessimo) curriculum.

      Elimina
  20. Ahhh Take Off,... dio ringrazi li 2 fascicoli al prezzo di uno!

    RispondiElimina
  21. Cosi' come hanno detto che non ci saranno abbassamenti di prezzo, a quanto pare.
    Su nuove versioni, magari a costo ridotto, per il momento non se ne parla.
    Ma forse e' meglio cosi'. Come dicevo, mi hanno gia' fregato una volta col 2DS, con la questione della retrocompatibilita'.
    Tra l'altro sono solo rumors, ma dicono che la Switch sara' l'ultima console casalinga sviluppata da Nintendo.
    Ecco, bravi. Fatemi Mario e Zelda per PS4, che mi fate un favore. Anzi...a tutti quanti.
    La mia piccola gioca ogni tanto,. Di solito a Rayman Legends (o e' Origins? Non ricordo. Comunque, e' quello per PS4), Season After Fall, oppure Little Witch Academia (la demo. D'altra parte, guarda il cartone animato su Netflix). Ah, si...anche Okami.
    Domanda stupida, Daniele: tu hai la Xbox?
    So che sullo store della 360 c'erano Guardian Heroes e Radiant Silvergun...ma sono compatibili anche sulla One?
    Io continuo a sperare nelle versioni per PS4, prima o poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno caro Roberto, hai proprio ragione, hanno anche sottolineato un "non luogo a procedere" in merito ai prezzi. Si vede che sono convinti di vendere comunque, però è una politica che non approvo assolutamente.
      Sembra veramente che non gli importi nulla dei consumatori, non hanno nessuna considerazione nei loro confronti. Hanno dei numeri da far quadrare e tutto il resto importa poco. E' questo che mi fa dire che si è persa l'antica magia. Magari era così anche una volta ma sembrava che ci fosse più cuore nelle loro produzioni e più attenzione verso gli utenti. Ma forse il problema è che sono produttori sia di software che di hardware e quindi devono sottostare a delle logiche diverse e più complesse, che tengano conto della base installata oltre che dei giochi.
      Per dire della Capcom, essendo produttrice esclusivamente di software come tutti sappiamo, può venire più comodamente incontro alle esigenze dei consumatori, propronendo dei prodotti che sono richiesti a gran voce dalla massa, oppure vecchie glorie come la compilation relativa ai beat'em up che piacciono ad una nicchia (come dice Balasso) di giocatori. Certo, come scrive qualche antrista più in alto, potevano vendere RE2 ad un prezzo inferiore, va bene che si tratta di un gioco completamente nuovo, ma è pur sempre il restyling di una vecchia gloria... Ma la cosa buona è che non avendo le royalties nintendiane i prezzi tendono a scendere sul lungo periodo. Anche io ho preso Forza Horizon 4 a 35 euro a due mesi dall'uscita; bastava armarsi di un pò di pazienza e attendere la giusta occasione, se non si ha fretta si risparmia tanto. E così ti rispondo anche alla domanda sulla Xbox. Sì, sono un felice possessore della versione classica e mi trovo molto bene, nonostante soffra il fatto che ci siano degli ottimi titoli in esclusiva sulla PS4. Ma prima o poi la prendo, tanto non appena ci sarà l'annuncio della PS5 sono sicuro che ci sarà un considerevole taglio di prezzo per spingere le vendite in vista del pensionamento.
      Risposta affermativa anche per GH e RS, sono entrambi presenti nel catalogo dei titoli retrocompatibili sulla Xbox One. Però purtroppo mi mancano.

      Elimina
  22. Sciroppato da un po' re7, non vedo l'ora di giocare il remake del 2. Non lo prendo a prezzo pieno perché non mi è piaciuta l'operazione commerciale di capcom. Quando se ne parlò all'inizio doveva uscire con un prezzo contenuto. Come hanno visto che ne avrebbero venduto a vagonate non si son fatti nessuno scrupolo e l'hanno messo a prezzo pieno. Tanto l'originale l'ho giocato, cosa mi perdo a giocarlo tra qualche mese? Assolutamente nulla. Anzi magari lo trovo ad un buon prezzo con tutti i dlc che usciranno in seguito.

    RispondiElimina
  23. Al momento sto giocando su pc a Forza Horizon 4, Dragonball FighterZ, Fire Pro Wrestling World e con mia moglie a Fran Bow. In stand-by ho Monster Hunter World e New Super Mario Bros U. Pronti da giocare... una marea sconfinata su cinque piattaforme diverse. Ho giocato con piacere alla demo di RE2, ma punto a giocarci più in là, non prendo praticamente più niente al D1, e anche Ace Combat mi stuzzica, è da una vita che non gioco alla serie. L'anno prossimo magari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io bon riesco più a seguire più di una piattaforma. Gioco su xbox per gli amici e per la facilità con cui riesci a giocare online. Mio figlio ha la switch, magari gli ruberò uno zelda o un metroid ma stop. Troppa roba. Millato da poco red dead e ff xv, da ieri sono tornato su monster hunter che considero in assoluto il gioco più longevo di questa generazione.

      Elimina
    2. Massimo, siamo vecchi! Scherzi a parte anche io non riesco più a giocare su piattaforme diverse e nemmeno a stare dietro a più di un gioco alla volta... Pensa che ho iniziato Zelda su WiiU e poi l'ho mollato perché mi sono fatto spaventare dalla vastità delle cose da fare... Poi, potendoci dedicare esclusivamente le ore notturne, non deve essere un gioco troppo ostico e mentalmente impegnativo. Forza Horizon 4 è una figata ma la storia che ti danno premi che non sono solo auto e denaro (quindi vestiti e ninnoli vari) rende ostico ottenere i crediti adeguati per comprarsi le proprietà più costose... Hanno corretto il tiro su Fortune Island (che non ho) ma non mi va al momento di spendere altri soldi per un add-on! Aspettiamo gli sconti...

      Elimina
    3. Oddio, ormai anche io non sono proprio più un ragazzino :D Comunque io di solito mi ritaglio la sera prima di andare a letto un'oretta da dedicare ai videogiochi, non è più come anni fa (ormai decenni), quando mi sparavo sessioni devastanti, ma non riesco proprio a rinunciare a questa passione. Di base ormai dal 2005 tengo come piattaforma principale il pc, mentre le console le prendo solo per le esclusive che mi interessano. Gioco di meno di una volta, ma voglio avere la possibilità di attingere il meglio da ogni campana.

      Elimina
  24. Thanks, Daniele.
    Ecco, una cosa che ho sempre apprezzato di Microsoft (nonostante abbia l'avversione patologica, lo ammetto. Forse perche' la ritengo legata al mondo dei pc, e io odio i computer. Anche se un portatile ce l'ho, e lo so utilizzare quel minimo che mi serve per navigare e altre cose. Che ci volete fare, ognuno ha i suoi campanilismi) e' che con Xbox non ha mai lasciato indietro un titolo.
    Se non sbaglio sullo store sono presenti tutti i titoli, dalla prima in poi.
    Diciamo che ha sempre usato ogni generazione come punto di partenza per la successiva. A differenza di Sony che con ogni nuova console praticamente ricomincia da capo.
    Da questo punto di vista la Microsoft e' sempre stata un passo avanti.
    C'e' di buono che entrambe propongono ottimi affari, sui loro store. Anche su giochi piuttosto recenti.
    Visto che si parla di Resident Evil 2...gran gioco, come si e' visto. Ma 60 euri non li merita.
    Quanto scommettiamo che ora di Luglio (giusto per il mio compleanno) sara' gia' a 40, come minimo?
    Non per insistere, ma...mettere ancora Kid Icarus Uprising a 40 euro sull' E - Shop io lo chiamo FURTO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati, nessun problema. Tra l'altro ho sempre da passarti la lista giochi del Pandora (ti ho inviato una richiesta di amicizia su faccialibro, sperando non sia un tuo omonimo). Per quanto riguarda gli sconti ti posso dire che un conoscente ha ricevuto un codice promo sul playstation store che gli conferisce uno sconto del quaranta per cento su qualsiasi titolo. Quindi RE2 verrebbe già meno di 40€ a meno di una settimana dall'uscita. Versione standard, ovviamente. Nintendo invece si ostina a tenere i prezzi fissi per l'eternità, per questo la gente si disaffeziona. Sicuramente non comprerò mai su eshop, a meno da non essere costretto dal pargolo. Buona serata

      Elimina
  25. Grazie. Prometto che vado a guardare su faccialibro, prima o poi.
    Buona serata anche a te e famiglia.
    A me tocca andare a lavorare, purtroppo (turno notte, questa settimana).
    Alla prossima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio anche a te e famiglia. Mi spiace che devi andare a lavorare, purtroppo finché non si vince al superenalotto ci tocca. Massimo rispetto per chi lavora di notte come te, ho provato anche io anni fa, controllavo dei server, però sono durato poco. Alla prossima occasione

      Elimina
  26. Niente, ho ceduto al lato oscuro della forza e mi sono preso RE2, trovato a 50 euro in store.
    Mai speso meglio 50 palanche! Grande gioco, atmosfera da paura (in tutti i sensi!), aleggia quel senso di deja-vù ma anche di qualcosa di completamente nuovo e diverso, Mr. X che ti fa sobbalzare sul divano ogni volta che te lo vedi comparire dietro una porta o in fondo ad un corridoio, grafica spettacolare sulla Xbox non pepata... Insomma capolavoro assoluto, miglior gioco, per me, degli ultimi anni. Iniziato come venti anni fa con Claire a livello assistito, però. Ero digiuno dalle meccaniche survival da almeno un decennio, quindi non volevo un'esperienza troppo forte e devo dire che ho fatto la scelta giusta, mi sto godendo ogni secondo senza dovermi preoccupare troppo di scarse munizioni e salute precaria; così posso ripartire con Leon a livello normale senza troppi patemi.
    In ogni caso mi ha riportato davvero indietro nel tempo, Capcom ha fatto un lavoro egregio. Manca l'originalità ma i cambiamenti apportati giustificano il prezzo pieno (quindi contraddico il commento riportato sopra sulla critica al fatto che venga venduto a prezzo intero).
    Consigliato a tutti quelli negli anta che amano un tipo di gioco più lento e ragionato (enigmi sono semplici ma abbondano) con grande atmosfera.

    RispondiElimina
  27. Che dire. Ho finito RDR2.
    Io amai il primo come forse nessun gioco su ps3. Questo mi stava piacendo tantissimo . Lo stavo amando. Ma mi stava durando troppo troppo. Volevo sapere come finiva e ho rushato in 5 giorni da pooo prima del cap. 4 allafine. Un po' me ne pento: la storia principale è fatta da Dio, ma la base delle missioni principali mi aveva un po' annoiato a livello di gameolay. Si, forse, per godermelo appieno, avrei dovuto godermi di più il cavalcare, incontrare tipi sconosciuti,addentrarmi nei luoghi più oscuri. Ma so che lavrei finito a giugno.

    Tutto ciò per dire che tra un paio di giorni lo ricomincio da zero, per dare a questa avventura, ad arthur, il valore e l'attenzione che si meritano.

    Ci vediamo a death stranding, playstation Store

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH