Bumblebee, la recensione senza spoiler: il film che ti ha riconciliato con i Transformers al cinema


Non è che ci volesse in effetti molto. A Travis Knight è bastato infilare sotto il cofano del suo Bumblebee quello di cui Michael Bay non aveva mai compreso l'importanza, in cinque film e dieci anni di ferraglia digitale confusa, tra un petardo in CGI e l'altro. Il cuore. La recensione senza spoiler di Bumblebee, il remake di E.T. targato Transformers [...]

E pure qui, è tutta una faccenda di telefonate a casa.

È un film degli anni 80, Bumblebee, e non solo ambientato negli. Knight e la sceneggiatrice della pellicola, l'inglese Christina Hodson, hanno semplicemente appreso la lezione che noi tutti si conosce a menadito, quella sempre valida insegnata con le mille imprese di ragazzi amici di alieni senza cellulare, intelligenze artificiali, anziani giapponesi incazzosi e altre creature chiaramente immaginarie.

Charlie Watson (una bravissima Hailee Steinfeld) ha tutto quel che serve per fare l'eroina da film d'avventura anni 80, dalla tempra all'empatia che si porta dietro in quanto orfana sfigata e povera - anche se abita in una villa stilosa con vista sulla baia di San Francisco - ovviamente vessata dal trio di bulle della scuola capeggiate dalla bionda oca e stronza.


C'è, vero, una frenesia alla Stranger Things in Bumblebee, l'urgenza pasticciona di far sembrare questi anni 80 finti come quelli veri vissuti a casa di Elliot o Mikey Walsh. Soprattutto all'inizio, qualsiasi cosa urla Guarda, siamo davvero nel 1987!, in un gran scialare di magliette, poster, vinili e perfino scatole di cereali. Aggiungici una bulimica abbuffata di tormentoni musicali del decennio, ovvio, perché hai visto mai che non butti lì i Duran Duran o l'ubiqua Take on Me nei primi venti quindici dieci minuti. 

L'effetto flashback di BoJack è talmente forte che hai temuto per un attimo che tutto perdesse pezzi e targa in un attimo, che evaporasse in una sorta di commedia con Vaporidis con dei robot trasformabili dentro. Fortunatamente, non è quanto accade.


Sì, non è e non voleva probabilmente essere nulla di originale, Bumblebee, perché i classici a cui ammicca, magari i ragazzini di oggi, il suo target naturale, probabilmente manco li hanno mai visti. Ci pensavi durante una lunga scena del film, praticamente una copia verbatim di una sequenza famosa di E.T. - L'Extra-Terrestre.

Quanti ragazzini del 2018-quasi-19 hanno visto E.T.? Tanto pure questo c'ha il nome di Spielberg nei titoli di testa, è un auto-omaggio, o whatev, che possono cogliere solo quegli altri ragazzini. Quelli venuti davvero dagli anni 80.


Ecco, per tutti quelli, Bumblebee è probabilmente il film in grado di riconciliare con i Transformers del grande schermo, come recita il titolo di questo post. Con te è successo. Dopo anni di mischioni illeggibili di CGI tamarra e guazzabuglia, un film sui Transformers che sembrano Transformers. Solidi, fisicissimi, piacevolmente old school nell'animo anche per i modelli nuovi, come i due triple changer che fungono da cattivi.
Tra proiezioni da judo, proiettili e catene, è il primo film dei Transformers in cui si capisce qualcosa quando una di queste creature aliene si trasforma o cerca di distruggerne un'altra, 
anziché assistere smarriti a dei grandi gomitoli digitali con le rotelle lanciati davanti al naso dello spettatore. Ci sono voluti solo undici anni, evviva.

Tra l'altro, riuscite a immaginarvelo questo Bumblebee con gli occhioni, questo Gigante di Ferro - occhiolino - buono che diventa supercazzuta macchina da guerra?

Fatelo, perché succede anche quello. Manca solo il coro U Suck per John Cena.

Molte meno battaglie, molti meno botti e, orgia metallica su Cybertron a parte, molti meno robot che nel regno di Bay, in Bumblebee; c'è molto meno casino, perché i protagonisti sono alla fine Charlie, il suo amico venuto dallo spazio e il loro rapporto. Ma l'azione, quando c'è, come detto funziona, e il mix è ben equilibrato.

E poi, chiaro, c'è appunto quella storia dei Transformers G1 su Cybertron, visti nel trailer. È solo un assaggio e dura molto, molto poco, come previsto, ma santa madonnaciccone che roba. More than meets the eye, ché vorresti rivedere quelle scene mille volte e, pronto, un film intero tutto così, chiaro.

E parlando di bulbi oculari, occhio alla scimmia che vi salterà su una spalla alla fine, se avete trascorso pure voi la vostra bella fetta d'infanzia a inventare le parole della sigla del cartone.


Film per ragazzi, e come tale con le tante ingenuità e i momenti abbraccione del caso, a nastro (magnetico). Ma per via del clima vintage e citazionista, e l'abbondanza di sentimenti, non suonano da baracconata yankee da collo rossissimo come i film di Bay. Ne sei uscito col sorriso, nonostante la quasi commozione di un subdolo momento Bing-Bong™, a tradimento. Knight è pur sempre il regista di Kubo e la spada magica, e i punti di contatto tra le due storie non mancano.

Vogliamogli bene, insomma, a questo maggiolino poco matto piovuto dal cielo. Anche se non gli piacciono gli Smiths.

39 

Commenti

  1. Bene, ma non credo lo vedrò al cinema, aspetto il seguito sperando che Commander con il look G1 abbia una parte consistente e riguardo a petardo consiglio agli antristi che non lo hanno ancora fatto di vedere la prima delle tre puntate di immaginationland della stagione 11 di South Park.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Usare Commander (con la C maiuscola!) rende evidente che anche te, come me, passavi i pomeriggi sulle TV locali a vedere i transformers, molti anni fa.
      Ave, fratello!

      Elimina
    2. Brigata Vintaggia a rapporto p, Signore. !

      Elimina
  2. Ecco. L'Optimus Primal mi è appena salito sulla spalla e si batte il petto con soddisfazione.
    Vedo se riesco a portare la famigghia 'sto weekend, và.

    P.S. Stesso regista di Kubo? Allora scimmione doppio.

    RispondiElimina
  3. Doc ma secondo te il personaggio di Cena, potrebbe fungere da collante per altri film? Mi spiego meglio: potrebbe essere un personaggio di M.A.S.K. o g.i.Joe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono tante teorie al riguardo. L'unica cosa certa è che ha una cicatrice in faccia come i vecchi pupazzoni dei Joe, ma come collegamento per ora sembra poca roba. Vedremo.

      Elimina
    2. C'è una teoria che dice lui possa essere Burns dei Mask (parte Venom) e la tecnologia dei veicoli derivi appunto dai Transformers.
      Sarebbe veramente bello.
      Incrociamo le dita.

      Elimina
    3. Crossover da paura, se vero :-)

      Elimina
  4. Ecco, ora devo convincere la moglie che ne vale la pena! :)

    RispondiElimina
  5. Ciao Doc,senza spoilerare potresti dirmi se il fatto che hanno il look dei G1 ha una spiegazione?perché(magari ricordo male)assumevano quell'aspetto solo dopo essersi risvegliati nell'era moderna sulla terra.
    Semplice fanservice?ma quanto vogliamo tutti e subito un bel filmone con la battaglia di Cybertron?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I Transformers assumevano l'aspetto da veicoli una volta arrivati sulla Terra. Quello da robot ce l'avevano già su Cybertron, come si vede nella prima puntata del cartone G1 (cerca il Riassuntone qui sul blog).

      Elimina
    2. ricordo che già all'epoca faceva strano nella prima puntata riconoscere i pezzi della trasformazione "terrestre" (tipo il cofano delle auto o il cockpit degli F15) e poi vedere la trasformazione "cybertroniana" superfantascienza. Qui succede la stessa cosa? Ma soprattutto non ho mica capito, questo è un reboot della saga o un prequel?

      Elimina
    3. Tutto non si può avere. Se vuoi un Commander / Optimus Prime G1, è normale che abbia elementi da camion anche quando è un robot nello spazio. La cosa non è comunque troppo molesta e, in un film in cui dei robot alieni hanno un sistema operativo in inglese (da noi in italiano) è il meno. Film per ragazzi su robot senzienti che si menano = se parti con le pippe mentali, non ne esci.

      Elimina
    4. "Che io ricordi, questi cosi tondi neri su spalle e caviglie e questi rettangoli trasparenti sul petto li ho sempre avuti, e sempre mi sono chiesto a cosa diamine servissero.
      E' stato solo quando siamo capitati per caso su un pianeta dall'altra parte della galassia, con cui non avevamo mai avuto contatti prima e che era sfuggito ai nostri telescopi più potenti da quanto è piccolo, che ho capito che quei cosi tondi erano ruote e i rettangoli erano finestrini.
      Và alle volte le cose che si imparano viaggiando"

      Elimina
  6. Visto questo pomeriggio, concordo col Doc su tutto ( e davvero pure troppi anni '80 sparati addosso ), e ovviamente senza Bay il film decente si è riusciti a portarlo a casa. Da fan, ho cercato i vari collegamenti per farcelo stare come effettivo prequel della pentalogia precedente, e ce ne sono, ma per altre cose bisogna lavorare i fantasia, come se fosse un nuovo punto di partenza per una nuova saga.

    RispondiElimina
  7. se ricorda Kubo, allora vado a vederlo. Tra l'altro, ci sta la citazione per i ragazzini anni 60 (o 70?) col maggiolino tutto - o poco - matto ;) (?)

    RispondiElimina
  8. Ci speravo tanto. Grazie per aver fugato ogni dubbio doc

    RispondiElimina
  9. Che bello, ci speravo davvero, avevo avuto delle good vibrations dal trailer ma poteva veramente essere una copia meno fracassona e più vintaggia dei film precedenti. A questo punto Bay si farà un esamino di coscienza e capirà che il suo cinema non piace (più) a nessuno?
    Forse poteva avere un senso negli anni '90, ma i tempi sono cambiati tanto... Comunque lo vado a vedere sicuramente, grazie Doc.

    RispondiElimina
  10. Doc, John Cena su schermo si può vedere, O è il prevedibile blocco di tufo che tutti ci aspettiamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il che è una buona cosa, dato che gironzola l'ipotesi — mooolto aleatoria, per il momento — che vogliano ammannircelo [mi pregio di sottolineare il fine calembour soggiacente la scelta di questo verbo] come futuro Steve Rogers.

      Elimina
    2. Secondo me, partendo dal presupposto che non è un attore, John Cena non è poi così malaccio. Premettendo che non ho ancora visto questo negli altri film che ha interpretato si vede che ci mette del suo per andare oltre il solito cliché del macho tutto muscoli, d'altronde anche nella baracconata del Wrestling deve comunque recitare un copione... Sicuramente mi è più simpatico del suo clone downsize, ovvero Mark Whalberg.

      Elimina
  11. Fortunatamente per me Crepascolino attende solo lo spiderverso natalizio ed Aquaman e così farò ciao ciao allo E.T. post Bay perché di Take On Me apprezzo solo il video in stile Majo-disegna-come-ai-tempi-di-Larry-Ledd, ma mi chiedo cosa produrrà Hollywood quando la generaz con i dindi da mungere e la nostalgia da titillare sarà quella che è stata teen negli anni novanta: Bridget Jones e Tom Jones prigionieri coi Cardigans in una cella della loro mente per colpa della Matrice che è un neurone impazzito di Annibale il Cannibale che è solo un viaggio alla Trainspotting mentre fuori il mondo intero sta per incappare nello iceberg finale mentre qualcuno ci ricorda che la prima regola del pulp club è che non esiste un pulp club ? mm

    RispondiElimina
  12. Contento che ti sia piaciuto. Speravo fosse un film decente sui Transformers visto che ho smesso di guardare i film di Bay dopo il primo.
    Quando starò meglio gli darò un'occhiata.

    RispondiElimina
  13. "se avete trascorso pure voi la vostra bella fetta d'infanzia a inventare le parole della sigla del cartone".

    Eh già :-)
    Questo è quello che sentivo io:

    "Transformers
    Robots in the skies
    Transformers
    Robotized spikes
    Oh robot springs the camel to destroy dig in the furs is on, dow decepticons".

    RispondiElimina
  14. Non ci avrei dato un centesimo, non ho nemmeno fatto caso che non c'era più bay alla regia tanto me ne fregava (la saga madre l'ho mollata al terzo capitolo tra i conati di vomito) ... Ma a questo punto ci provo a dare una chance, magari non al cinema, ma appena passa su qualche canale

    RispondiElimina
  15. ATTENZIONE ROVINATORE!!!
    Come hanno fatti i due a sopravvivere dentro a B mentgre era robot? o.O

    RispondiElimina
  16. Cena come attore non è malaccio , e poi per i Trasformers anni 80 un giro al Vinema si può fare :-)

    RispondiElimina
  17. Ma guarda...una piacevolissima sorpresa per chi, come me, aveva mollato la saga (see...piu' che saga era una gran S...) dopo il terzo capitolo.
    E vedo che sono in parecchi.
    Wrestlers che recitano?
    Guardate: dopo aver visto il mitico Rowdy Roddy Piper in ESSI VIVONO di Carpenter...mi sono reso conto che un wrestler SA ANCHE RECITARE, all'occorrenza.
    In fin dei conti...i wrestlers SONO ATTORI. Alle prese con il piu' difficile dei ruoli.
    Ovvero...un VERO LOTTATORE che, quando sale sul ring, COMBATTE PER FINTA.
    Basti vedere Brock Lesnar quando e' passato in UFC.
    Magari non era proprio il massimo, tecnicamente parlando. Ma era devastante. Ed ha asfaltato gente piu' quotata di lui come Frank Mir, Randy Couture e pure "Minotauro" Nogueira, se la memoria non mi inganna.

    RispondiElimina
  18. Tornando al paragone con E. T., non lo trovo affatto fuori luogo.
    E' lo stesso discorso fatto con Shark - Il primo squalo a fine Agosto.
    Quanti quindicenni - ventenni di oggi hanno visto quello di Spielberg?
    Hanno tutto un nuovo pubblico a cui riproporre i cari, vecchi classici.
    Va bene tenersi buoni gli aficionados, ma...ormai sono loro il pubblico di riferimento, non noi.

    RispondiElimina
  19. Doc, qui a casa siamo divisi.la nostra piccola di 4 anni si è innamorata dei trailers del robottone giallo, ma il film al cinema sarà adatto? Troppi crash boom bang?

    RispondiElimina
  20. "Meno casino" è la migliore recensione che si possa fare di un film sui Transformers :) Devo assolutamente non perderlo.

    RispondiElimina
  21. Mmm, vabbene, proverò a sgomitare tra la calca natalizia per vederlo, se il Doc ci ha messo il marchio garanzia.

    Detto questo, hai visto/vedrai/hai intenzione di vedere Macchine Mortali?

    RispondiElimina
  22. Sono appena tornato dal cinema, con mio fratello, suo figlio settenne e un'amica della stessa età. All'uscita lei era più gasata di lui e ridendo ha detto "Mi sa che ero l'unica bambina".
    Forse che la protagonista femminile abbia funzionato più per lei che per lui?
    O, dato che lui ha visto tutti i film di Bay, questo gli è parso poco caciarone?

    RispondiElimina
  23. Che dire doc, non posso che partire prevenuto dopo i mischioni di Bay. Non sapevo di questo cambio di stile, regia e quant'altro, ma queste tue parole mi hanno destato un serio interesse per il film in questione. Lo recupererò a tempo debito. A Natale, volenti o nolenti, si andrà in gruppo a vedere i Tre Moschettieri

    RispondiElimina
  24. Visto. Non posso che esserne soddisfatto. Per me, serio candidato alla categoria Nuovo Cinema Guaglione degli anni Dieci.

    RispondiElimina
  25. Finalmente posso uscire contento dopo aver visto un film sui Tranformers dopo aver buttato ore della mia vita con gli altri 5 (in particolare gli ultimi due, ma non è che gli altri scherzassero!).

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy