IL MEGALODONTE, GODZILLA, KING KONG E L’AMORE ETERNO DEL CINEMA PER I MOSTRI GIGANTI


Hai scritto un articolo per Warner sul cinema dei mostroni giganti. Ecco l'incipit del pezzo:

Milioni di foto balneari supersature e a mollo nell’HDR, e tante pubblicità sexy degli abbronzanti non ci hanno mai convinto del tutto: il mare è un posto pericoloso, anche quando piattissimo. È da lì, nella maggior parte dei casi, che vengono i mostri, che si tratti di kaiju, di divinità antiche come Cthulhu o di squali bianchi la cui dieta equilibrata si basa su surfisti e bagnanti in bikini urlanti [...]
Shark - Il primo squalo di Jon Turteltaub ha alzato quest’anno la posta, sostituendo gli squali con qualcosa di ancora più terrificante: un loro enorme predecessore, il megalodonte.

Megalodonte, “grande dente”. Bestiolina in grado di cibarsi persino delle balene, tanto era feroce e, beh, gigantesco. Due milioni e mezzo di anni più tardi, l’horror fantascientifico di Turteltaub, tratto dal romanzo MEG: A Novel of Deep Terror di Steve Alten, trasforma quella macchina di morte preistorica in una macchina da soldi al botteghino.

Una pellicola da mezzo miliardo di dollari incassati grazie a una classica storia di mostri giganti, un fortunato filone cinematografico nato quasi un secolo fa, agli albori della settima arte, e oggi galvanizzato più che mai dai prodigi della CGI. Quando per far vivere un po’ di inquietudine da pop corn al pubblico non ti servono dei pupazzi meccanici, ma mostri preistorici assassini più veri del vero, calati in un ambiente già claustrofobico e spaventoso di suo, come possono esserlo le profondità marine. Un mondo così vicino a noi, eppure così alieno.

D’altronde, tutto era iniziato proprio da dei dinosauri. I’ve created a monster, cantava Eminem nel 2002. Avrebbe potuto canticchiarlo, e a ragione, anche Willis O’Brien, negli anni 20 del secolo scorso, quando ha contribuito a creare, letteralmente con le proprie mani, l’intero filone dei mostri giganti...

Il resto lo potete leggere sul sito Warner, a questo indirizzo. Si parla, tra le altre cose, di: dinosauri, Houdini, dittatori nordcoreani e delle paure atomiche incarnate da Godzilla. Giuri.


Commenti

  1. Bello l'articolo... decisamente meno il film.
    Ma io dico: hai Jason Statham all'angolo rosso, uno squalo dinosauro all'angolo blu, tutto quello che resta è semplicemente farli prendere a pizze... E INVECE NO! Devono metterci LA TRAMA devono metterci. Devono metterci UN CAST devono metterci.
    Ma perchè non si fanno bastare quello che la sorte gli ha donato, perchè devono strafare?!

    Ho passato minuti della mia vita a seguire un gruppo di decerebrati fare in OGNI SINGOLA SITUAZIONE la cosa PIU' STUPIDA che si poteva fare in quella situazione.
    Un toccasana per l'empatia, proprio. A metà film smarcavo la lista dei personaggi a suon di "e anche questo ce lo semo levato dar..."

    RispondiElimina
  2. King Ghidorah resta il mio preferito in assoluto!

    RispondiElimina
  3. Secondo me rimane un genere strano,ogni volta dico "Ancora mostri cheppalle..." poi invece la curiosità vince sempre,quello che davvero non mi è mai piaciuto è King Kong.
    Lo scimmione proprio zero.
    Un appunto a Cloverfield per la nausea che mi ha fatto venire la ripresa in soggettiva,se ci penso me la sento ancora.. Bleah...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli unici scimmioni che mi siano mai piaciuti sono: gli Oozaru di Dragon Ball, il nemico di Goldrake e la versione gorilla di Optimus Prime neo BioCombat. Su Cloverfield il mostro di per sé mi è sempre piaciuto come design ma l'ossessione di Reeves di fare tutto il film in mockumentary è al limite del plausibile in certe scene.

      Elimina
    2. Gli Oozaru mooolto meglio di King Kong, come aspetto
      Cloverfield a me non ha fatto nausea, sono stato fortunato... Però neanche mi è piaciuto molto, avrei preferito vedere di più il mostro (ma capisco che il senso del film sia proprio l'opposto)

      Elimina
  4. Gran bell'articolo Doc, mi ha fatto voglia di andarmi a vedere tutti i film citati... Spero di riuscire a farlo prima o poi, ma non sono un cinefilo né una persona costante, quindi si vedrà.
    Ma secondo voi, si possono considerare nel genere anche i giganti de L'attacco dei giganti?

    A margine, ci tengo a ribadire che Shin Gojira è un signor film

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH