Cartoni minori (Saturday night sondaggismo)

Fantazoo alvaro camilla cartoni minori anni 80 e 90
Sì vabbè Dragon Ball e Lupin e Naruto e DuckTales avventure di paperi e Kenshiro, sì Harlock, Oscar, Naoto e tutto il resto, pilastri formativi della qui presente generazione di fenomeni, siamo noi. Ma l'etere era popolato negli anni 80 e 90 da centinaia di altri cartoni animati minori, nel senso unicamente di meno famosi. Vuoi perché non andavano in onda in tutte le regioni, vuoi perché hanno avuto una vita televisiva breve, vuoi quello che vuoi. E insomma, qual è il vostro cartone animato minore* preferito? [...]
*Tenendo presente che il concetto di minore ha una forte componente soggettiva, ovviamente. Perché magari Fantazoo, le avventure in dialetto di Alvaro e Camilla, sono il cartone della vita di qualcuno, ma il senso credi si sia capito: se non è qualcosa di cui sentite parlare spesso o trovate traccia tutti i giorni su Facebook o in covi di deboscia come questo, vale come minore. 
È il mondo delle Signore Minù e di Mr. Magoo, degli Erculoidi e di Capitan Cavey, eccetera, eccetera, eccetera. 
Il tuo? Boh. Diresti la Famiglia Mezil, perché sei molto affezionato a quella serie così avanti, si diceva in questi post
Però punti a qualcosa di ancor meno noto, perciò scegli Superpollo. Le avventure di Superpollo (Super Chicken) erano un segmento all'interno degli episodi di George della giungla, e ti piacevano come tutti quei cartoni allucinati prodotti da Jay Ward e Bill Scott negli anni 60 (Tom Slick e le altre serie di cui si parlava qui). Facevano ridere ed erano sufficientemente sceme, a partire dall'idea di un superpollo con un leone come spalla e proseguendo in un tripudio di tormentoni. Sì, dai: Superpollo.

Tocca a voi, deboscia: qual è il cartone minore che ricordate con più affetto? Se avete letto fin qui, sapete cosa si intende per minore. In ogni caso, le regole: niente listoni della morte, una scelta a testa. Ricordatevi di spiegare perché vi piaceva quel cartone (non serve scrivere una nuova Iliade, ma una motivazione ci dev'essere). Niente commenti anonimi. Niente rotture di maroni alle scelte altrui, fatevi i cartoni minori vostri. Chi non partecipa è un Bullwinkle. 


172 

Commenti

  1. C ho una fissa ultra decennale per l introvabile Spunky e Todpole . lo replicavano a Natale sovente e a Natale ero felice ,in cucina,con la stufa accesa e mamma di là, a fare bella casa.poi non l hanno fatto più e mi è mancato.vorrei rivederlo anche per capire perché mi piacesse tanto. P.s.Ho conosciuto Shakespeare grazie a loro.mica catsee.

    RispondiElimina
  2. La "Furia di Honk kong" può essere considerato cartone animato minore?
    Nelle mie superficiali ricerche nei momenti mariomeroli non trovo mai puntate intere ma era sicuramente al livello di superpollo.
    Cartone animato minore di livello 2

    RispondiElimina
  3. Ne ho diversi che mi frullano in testa, ma se ne devo sceglierne uno, quell'uno è Il giro del mondo di Willy Fog, la versione animata de Il giro del mondo in 80 giorni. Pensando alla mia attuale passione per i viaggi, comprendo perché da piccolina mi piacesse così tanto.

    RispondiElimina
  4. Ma sai che è difficile pure scegliere fra questi? Perché mi rendo conto che, negli anni, ho visto così tanti cartoni che pure quelli minori o strani erano una marea, e tutti hanno qualcosa per cui mi piacevano (quelli del post che hai linkato lì su li vedevo sempre quasi tutti, per dire).

    Comunque, così, a freddo, ti dico "Tao Tao"
    https://it.wikipedia.org/wiki/Tao_Tao_-_Il_piccolo_panda
    Una cosetta molto infantile, ma super rilassante, con un sacco di favole dal mondo (mi hanno sempre appassionata). Quando mamma Panda si metteva a raccontare, era sempre un momento di pace assoluta.

    (Ad ogni modo, dovendo pensare al titolo più raro - nel senso che poi non l'ho mai sentito più ricordare, e invece scopro che ci sono pure alcuni episodi su Youtube -, il primissimo che mi è venuto in mente è stato "Il meraviglioso dottor Dolittle"
    https://www.antoniogenna.net/doppiaggio/anim/ilmeravigldottdolittle.htm
    con il dottore doppiato con accento inglese. Da bambina impallinata per ogni tipo di animale, mi piaceva un sacco! ^^)

    RispondiElimina
  5. TotoroUnchained23 giugno 2018 11:24

    Ero piuttosto piccolo e la memoria è offuscata, ma ce n'erano due che mi facevano molto ridere. Però non mi vengono i titoli.
    Nel primo, i protagonisti erano tre supereroi che si chiamavano Multiman, Coilman e Fluidman. Forse erano Gli Impossibili?
    Poi c'era quello del football americano. Qui è proprio acqua alta, ma uno dei protagonisti, quello ciccio, si chiamava Bubba e nella sigla c'era una scena in cui andavano in meta sculettando gli avversari con colpi d'anca a destra e a manca (...poeta...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello del football era quello in cui il coach era doppiato da Ferruccio Amendola, giusto? Capolavoro.

      Elimina
    2. TotoroUnchained23 giugno 2018 11:50

      Mi chiedi troppo, Arturo. Quelle due cose che ho scritto sono letteralmente le uniche due che ricordo, oltre al fatto che "ridevo fuori il mio cul0". :-D

      Elimina
    3. Se uno dei protagonisti si chiamava Bubba, si tratta proprio dei Selvaggi.
      https://it.m.wikipedia.org/wiki/I_selvaggi
      Lo ricordo anch'io, anche se ne vidi poche puntate su una tv localissima veneta che aveva l'abitudine di mandare in onda gli episodi dei cartoni un po' alla rinfusa e senza quasi mai concludere le serie.

      Elimina
    4. TotoroUnchained23 giugno 2018 12:52

      Grandeeeeee!!!! Sono loro!!!!!! Grazie, ti lovvo tantissimo!!!!

      Elimina
    5. Figurati. Lieto di esserti stato utile ;)

      Elimina
    6. Già, il cartone con protagonista indiscutibilmente ricalcato su Walter Matthau. Non l'ho mai guardato, però.

      Elimina
  6. Vorrei citare le meravigliose favole ungheresi che trasmettevano negli anni '80 e che forse, erano precedute dalla sigla Favole di Umberto Balsamo nella clip di Pegaso Kid... ma visto che i ricordi sono sbiaditi e la gran confusione che ho in testa, è meglio se passo ad altro. Per cui dico: Lo scrigno magico. Perché è uno degli ultimissimi cartoni che ricordo di aver visto sul mitico Junior TV e forse è proprio l'ultimo cartone "minore" che ho visto prima di passare ai più popolari anime giapponesi.

    Sigla: https://www.youtube.com/watch?v=1JA_ob_dnZY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella sigla è stata un tormentone del mio subconscio per decenni. Solo di recente ho scoperto di chi fosse...

      Elimina
    2. Piaceva molto anche a me lo Scrigno Magico, ricordo ancora alcuni episodi. Due in particolare: un ragazzino che per scommessa aveva preso l'abitudine di mangiare i vermi e l'altro di stampo fantasy, con un ragazzo che addestrava draghi da combattimento.

      Elimina
  7. Mi viene subito da fare il listone che non si può e allora vado con Gli Impossibili perché mi piaceva tutto di quel cartone animato a partire dalla sigla che canticchiavo spesso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TotoroUnchained23 giugno 2018 11:29

      Evviva!!!! Allora il titolo era davvero Gli Impossibili!!!! (Citato anche da me un paio di commenti più in alto) :-D

      Elimina
    2. Esatto, clicca sul "qui" in blu che il Doc ha messo nel post e vedrai i ricordi che saltano fuori.....

      Elimina
  8. Billy e Mandy, senza dubbio. Erano meravigliosi, e le canzoni di Voltaire aggiunte ad alcuni episodi completavano l'atmosfera fantastica. Non so se rientrano nell'arco temporale previsto, ma in tal caso invoco clemenza in nome della mia gggiovine età.

    RispondiElimina
  9. Oddio Fantazoo, cosa mi hai ricordato Doc... Da piccolo lo adoravo ma l'avevo completamente dimenticato, me l'hai ricordato dopo più di 20 anni, sigla fantastica (push push!), doppiaggio geniale, ho appena rivisto un paio di puntate e ancora mi fa schiattare, voto aggiudicato!

    RispondiElimina
  10. Senza dubbio Ippotommaso

    RispondiElimina
  11. FantaZoo è uno dei cartoni animati preferiti di mia figlia. Detto questo a me piaceva molto Supersegrettissimo ma non sono sicuro che possa rientrare nella categoria. Mi piaceva moltissimo tutto i gadget che utilizzava e il suo aiutante Morocco.

    RispondiElimina
  12. Io dico La balena Giuseppina. Ancora oggi mi vengono gli occhi lucidi se ripenso alla sigla, era un cartone animato di una delicatezza unica.

    RispondiElimina
  13. Gli acchiappafantasmi filmation sono troppo mainstream? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto noti, avevano un loro albo di figurine della Panini, una loro linea di giocattoli della Gig, per cui decisamente mainstream! :D

      Elimina
    2. Hai ragionissima! probabilmente li ho vissuti io così perché quando Li guardavo sulle TV private erano già passati un po' di anni e in giro e non c'erano né album né giocattoli :)

      Elimina
  14. Mi metto in scia bovina/ovina e dico "Mucca e Pollo"!
    Li trovavo geniali... :)

    RispondiElimina
  15. Shazam e il cammello kabubi! E tutti i cartoni dei banana split.

    RispondiElimina
  16. Fantazoo tutta la vita perché lo guardavo con mio fratello maggiore e da allora mi ha sempre chiamata 'gnappetta' come Camilla. Che risate

    RispondiElimina
  17. A me piaceva davvero tanto il cartone animato Manù! Lo ricordo con affetto perchè questo era uno scapestrato che combinava sempre casini in cittá, lo ricordo come un mezzo bullo, ma alla fine era un bravo guagliuncello incompreso! Dovrebbe essere un cartone francese, mi confermi Doc?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, era francese, disegnato dal grande Frank Margerin e animato dalla Jingle, ma soprattutto con la colonna sonora rock al sassofono di Claude Sitruk https://www.youtube.com/watch?v=m3ot77-UqXs

      Elimina
  18. Per me "Clementine", senza ombra di dubbio. Un cartone animato francese trasmesso dalla Rai all'interno di "Big!" e mai più replicato, credo. A grandi linee la storia poteva sembrare quasi innocua (bambina paralizzata in seguito a incidente viene aiutata da una fata che ogni notte la porta con sé nel mondo della fantasia, ed entrambe combattono contro un demone cattivo che mette loro i bastoni tra le ruote), ma in realtà era tremenda, piena di mostri, sofferenze e morti orribili. I video pubblicati su Youtube sono pieni di commenti da tutto il mondo all'insegna del trauma infantile. La pagina di Wikipedia contiene la voce "Critiche & Controversie". Non c'è post su Facebook, su un forum o su un blog in cui si ricordi "Clementine" senza fare ricorso ad aggettivi tipo "inquietante" o "angosciante". Io stessa ebbi degli inbubi nelle notti successive alla visione di alcune puntate. Eppure mi piaceva moltissimo.
    La sigla (anche in Italia venne lasciata quella originale francese, spesso tagliata):
    https://www.youtube.com/watch?v=z7fspSdwGS8

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "incubi", ovviamente. Scusate il refuso.

      Elimina
    2. Gran bel cartone Clementine!

      Elimina
    3. Me lo ricordo; o meglio mi ricordo solo l'inquietante senso di terrore che m'attanagliava quando lo guardavo. Sono anni che cerco di reperire più informazioni o almeno una puntata, per capire perché diamine mi facesse così paura.

      Elimina
    4. mamma mia Clementine mi ha shockato per anni! quel demone che compariva!

      Elimina
    5. Un po' il motivo per cui ti ho conosciuta su facebook, purtroppo ancora oggi non saprei come e dove reperirlo, neppure chi ha curato il doppiaggio sa piu nulla e nemmeno la rai.

      Elimina
  19. napo orso capo è da considerare un minore ,se sì lo voto tutta la vita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovviamente mancava il punto interrogativo dopo minore, mi scuso con tutti

      Elimina
  20. Gli "Impossibili"...e gli altri personaggi H&B a loro collegati...(quoto anch'io per le serie stupende di Jay Ward e Bill Scott ...le voglio in blueray!)

    RispondiElimina
  21. il mago pancione! tantissime risate e una puntata finale di una tristezza atroce, ancora oggi a pensarci mi viene il magone...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui! Che chissa' perche' me lo ricordo come mago 'ecciu'', faceva gli starnuti? Mi ricordo che adoravo la sigla e che piansi all'ultima puntata...forse perche' se ne andava? tutto molto offuscato ma sempre adorato!

      Elimina
  22. Così a bruciapelo mi viene in mente Quaq Quao, il cui motivetto è fisso nella mia mente, ma in realtà ce n'è un altro, muto, di cui ho sempre ignorato il titolo. Dallo stile dei disegni ho dedotto a posteriori che potrebbe essere cecoslovacco. Il protagonista era un tizio magrissimo, con i capelli a caschetto neri e una maglione rosso. Incappava in varie situazioni da cui ne usciva grazie ad una mucca volante che gli versava il latte direttamente in bocca rendendolo muscolosissimo!

    RispondiElimina
  23. se considerabile come minore io dico tommy la stella dei giants a mani basse

    RispondiElimina
  24. Mi accodo alla schiera degli affezionati de gli impossibili. Fin da piccolo mi piacevano i poteri particolari dei protagonisti. Peccato lo trasmettessero raramente. A pari merito anche Alvaro e Camilla hanno un posto speciale tra i miei ricordi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimi gli Impossibili. Li avevano anche ripresi per i Super Globetrotter, seguito di "Harlem Globetrotter": la squadra era composta da 5 supereroi, tre dei quali sostanzialmente uguali agli Impossibili, mentre gli altri due erano un "pallone umano" e un giocatore che dall'enorme chioma afro tirava fuori qualsiasi cosa; https://en.wikipedia.org/wiki/The_Super_Globetrotters; se ricordo bene, nel primo tempo giocavano in borghese, perdevano, negli spogliatoi si trasformavano e vincevano nella ripresa)

      Elimina
  25. "I magici bonbon di Lilli", lo trovavo sia angosciante (era tristissimo) sia interessante perché si parlava di crescere e di educazione sessuale, un po' alla giapponese ma sempre territorio sconosciuto per me bambina... Poi da lì ad un'adolescenza passata a cercare un ragazzo che sembrasse Capitan Harlock il passo è stato fin troppo ovvio... O_o

    RispondiElimina
  26. Il fantastico mondo di Paul e Mina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Fantastico fantastico il magico yo-yo!"
      Uuuh che bello...

      Elimina
    2. Eh, ma questo non è un cartone minore, è un MAGGIORE a tutti gli effetti! :) Spiazzante e lisergico quanto nessun altro mai!

      Elimina
    3. daiii questo era supermaggioreeee ma bellissimo grazie di avermelo ricordato

      Elimina
  27. Impossibile rispondere a questo sondaggio ... Quindi nomino il cartone minore che mi è venuto in mente per primo: i fruttini.
    Avrò avuto 5 anni e con il figlio dei vicini passavano il tempo a ricreare la sigla del cartone camminando attorno al tavolo rotondo del salotto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddende, che mi ha ricordato!!! E' vero, quel cartone aveva una sigla ipnotica XD

      Elimina
  28. Mr.Magoo mi piaceva da matti, era l'unico che meritasse la messa in onda pur non avendo robot, mostri, dinosauri o scene post apocalittiche

    RispondiElimina
  29. Doppia Z (titolo originale Bots Masters). Trasmesso su Italia 1 d'estate a metà anni 90. Ottima sigla di Marco Destro, molte scene d'azione e scazzottate, tematiche importanti come la manipolazione dell'informazione (20 anni prima delle fake news) e un eroe infelice che patisce la solitudine (gli unici compagni sono la sorellina e i robot, nella puntata in cui gli combinano un appuntamento con una modella costei lo tradisce per fare carriera...). Probabilmente troppo intelligente per lo spettatore medio (scusate il tono polemico), sospeso di punto in bianco con appena un trafiletto-epitaffio su Tv Sorrisi e Canzoni.

    RispondiElimina
  30. Ricordo con affetto cartoni come Lo strano mondo di Minù e Coccinella.
    Rammento che li mandavano su canali secondari ed era sempre una scommessa riuscire a seguirli, dato che i programmi funzionavano solo a casa di nonna e dopo scuola scappavo da lei di nascosto. Bei tempi!

    RispondiElimina
  31. I selvaggi (Where's Huddles?) senza ombra di dubbio e anche lo sconosciutissimo The Roman Holidays trasmesso forse mezza volta qui da noi, entrambi della premiata ditta Hanna-Barbera.

    RispondiElimina
  32. Boh...mi sa che forse erano gli Erculoidi.
    Che a me le storie coi barbari a torso ignudo son sempre piaciute un sacco, e poi c'erano i dosauri o presunti tali, e venivano dallo spazio...praticamente He-Man dei poveri.
    Che infanzia beeeeeeeeeellaaaaaaaaaaaaaaaa...

    P.S.: ma le avventure di Lux e Delux qualcuno se le ricorda?
    E soprattutto, trovarono alla fine il cacciavite?

    RispondiElimina
  33. Qua si vince facile.
    Fantazoo senza dubbio. Cartone che tutta la mia classe (ero alle elementari) guardava (genitori compresi).
    E il giorno via di discussione sull'episodio.
    Nel 2016 ho avuto il piacere di conoscere il disegnatore e di farmi sketchare il primo numero.
    Poi scopri che Camilla era in realtà Jack e ti cade un po' il mondo addosso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @RicHunter mi hai appena rovinato l'infanzia...

      Elimina
    2. Quindi nessuno di voi colleziona le strisce a fumetti di Fantazoo, in Italia pubblicate ormai da vari anni da Renoir? Strisce mute comiche, produzione olandese, molto spesso poco politically correct... Zero nada? Male, male! :P

      Elimina
    3. @minty la mia carta di credito ti vuole molto molto male in questo momento :P

      Elimina
  34. Il draghetto Grisou e " la linea" che davano su TeleCapodistria.

    RispondiElimina
  35. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  36. Riccardo Miracapillo23 giugno 2018 14:32

    Minori fantastici (per me maggiori) sono "Rocky & Bullwinkle" e tutti gli altri cartoni collegati come "Mr. Peabody & Sherman"

    RispondiElimina
  37. Alloora...direi di primo impulso CHOBIN, ma due o tre volte mi e' riuscito di rivederlo, quindi...
    Scelgo I MICROSUPERMEN (credo si chiamasse cosi').
    Trasmesso su Italia 1 (quando ancora si chiamava Antenna Nord) una sola volta e mai piu' rivisto.
    Quel cartone dei tre ragazzi (o erano padre - madre - figlio) miniaturizzati e dotati di ali che dovevano combattere contro una tribu' di insetti mostruosi e intelligenti.
    Se non sbaglio era pure del sommo Tezuka. Quando l'ho scoperto mi era pigliato un colpo, a momenti.
    Bei tempi, quelli. Mi ero beccato anche Daltanious e su Rete 4 davano ROCKY JOE...

    RispondiElimina
  38. Il mio problema è che non considero "minore" nulla che abbia derivazione nipponica, me lo gustavo tutti allo stesso modo, da Mago Pancione a Temple e Tamtam.
    Mi tocca andare su sponde americane e dato che Gli Impossibili sono già stati citati (ma non Frakenstein Junior!), butto fuori Rocky e Bullwinkle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti, fregato sul tempo! Allora mi gioco la carta Pandamonium.

      Elimina
  39. I cartoni dei Beatles, con le loro canzoni e i testi in sovraimpressione. Vecchi già di una ventina d'anni nei primi '80, quando li scoprii io, con uno stile alla Scooby-Doo. Fu così che mi appassionai a loro e mi feci regalare tutti i dischi. Ancora oggi, ascoltando alcuni pezzi, me li immagino come cartoni animati.

    RispondiElimina
  40. Animaniacs ma ero grandicello, Fantazoo era un appuntamento imperdibile del dopopranzo/prima dei compiti seguito da me, mia mamma e mia sorella. Avevamo un pediatra che seguiva la mia sorellina che ricordava nella voce il doppiatore di Alvaro e... niente, il pediatra era famoso tra di noi con il nome di Alvaro.

    RispondiElimina
  41. Credo si chiamasse Gorilla Force , una serie con dei mecha che non so nemmeno se si componessero in un macchinazzo unico... motivo: mi sbrodolo (ancora) sui mecha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gorilla Force... da bambino ho sognato per anni una qualsiasi forma giocattolosa del robbottazzo Superior. Tuttora non so se esista.

      Elimina
    2. quoto la Gorilla Force, che riuscivo a beccare su un canale astruso che si prendeva solo in villeggiatura al mare...

      Elimina
  42. Quando ho iniziato a leggere il post, non me ne veniva in mente nemmeno uno, poi leggendo leggendo, la memoria stuzzicata me ne ha ripotati qualcuno e adesso c'è la tentazione della lista (una listina, eh). Molti di quelli già citati mi piacevano, ma pur essendo tentato di dire HALLO SPANK (che forse non è un minore), dirò GRISOU IL DRAGHETTO e VIKI IL VIKINGO - passione nel primo, genialità nel secondo :)

    RispondiElimina
  43. In epoca pre-Goldrake trasmisero, replicandolo poi qualche anno dopo, come apprendo da Wikipedia, "Aspettando il ritorno di papà", una sorta di Simpson o Griffin ante litteram. Uno dei personaggi, Ralph, il vicino di casa del protagonista, era un pazzoide complottista che vedeva trame aliene dappertutto. Divertente ma lievemente inquietante: me lo ricordo ancora adesso seduto in macchina con Harry, il protagonista, mentre, a una banale lamentela di questi sull'afa, si mette a bofonchiare allucinato che è tutta colpa degli extraterrestri che ci bombardano con bombe di calore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e tieni presente che erano alieni nell'adattamento italiano. nell'originale ce l'aveva con i sovietici! Era un maccartista fuori tempo massimo!

      Elimina
    2. Vero. Anche questo l'ho recuperato oggi da Wikipedia. Come anche che era considerato cartone per adulti, anche se veniva trasmesso all'interno di un contenitore per bambini della domenica mattina. Strano che si fossero presi la briga di cambiare "sovietici"con "alieni" e non avessero pensato che forse non era il caso di mandarlo in onda in quella collocazione. Ma, si sa, i cartoni animati sono roba da bambini a prescindere.

      Elimina
    3. Me lo ricordo! Se non sbaglio avevano tre figli, un hippy magrolino, un bambino saccente e una teen agers anarchica e sovrappeso. Tra parentesi, il vicino maccartista era disegnato come una caricatura di Nixon!

      Elimina
    4. Eccolo! Che ricordi, ho provato a cercare qualche puntata ma le ho trovate solo in lingua originale. C’erano dei personaggi caratterizzati benissimo, sicuramente nel contesto di quegli anni ci calzavano veramente a pennello.

      Elimina
  44. Le risate fatte con Alvaro e Camilla solo con pochi altri :D ma un cartone che mi ha affascinato e che purtroppo sono riuscito a vedere pochissimo è i Ranger delle Galassie.

    Pochi ricordi, ma per l'epoca - a parte delle animazioni che mi sembravano molto belle - proponeva storie un po' più intriganti rispetto alla media e che non avevano un canovaccio ripetuto ogni episodio.

    Poi un sacco di menzioni d'onore: Lo Strano mondo di Minù, La furia di Hong Kong, Darkwing Duck...

    RispondiElimina
  45. George re della Giungla indubbiamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Xché era un cartone animato folle e in coppia con the Monkey facevano ridere in maniera esagerata!

      Elimina
  46. Io aggiungo il bellissimo l'isola del tesoro con Dezaki alla regia, era molto fedele al romanzo, e dava una versione Long John Sirver molto ambigua e affascinante, lo dava spesso la Rai nei bei tempi andati con una sigla fantastica

    RispondiElimina
  47. "Cibernella" (con l'orsacchiotto sempre di sentinella).
    L'ho visto solo tipo a 10 anni in vacanza al mare su una tv locale CREDO abruzzese e poi a casa sulla mitologica Antenna Nord.. Peccato che a circa metà storia del cartone la rete fu trasformata in Italia1 e il palinsesto stravolto.. Non ho idea di come vada a finire... eh, i traumi..

    RispondiElimina
  48. Fantazoo assolutamente. Mandato a nastro ai tempi su Telecapri tra Lamù e L’uomo Tigre. Ancora oggi a 32 anni suonati ogni tanto mi guardo su YouTube qualche episodio (su Youtube ci sta la serie completa) e mi fa ridere come quando avevo 7 anni.

    RispondiElimina
  49. FantaZoo (che qui in Naples chiamavamo GuzGuz...) lo adoravo, soprattutto perchè le tv locali all'epoca lo davano sempre insieme ad i miei eroi Cavalieri dello Zodiaco e quindi per me era tipo un'overdose di felicità.
    Menzione speciale per Cyborg009: non ne ricordo benissimo la trama, ma la puntata finale mi mise per la prima volta in vita mia davanti al concerto di morte di una persona cara: corsi ad abbracciare mia mamma senza manco sapere il perchè...

    RispondiElimina
  50. Giatrus il primo uomo vale?

    RispondiElimina
  51. Nino il ninja può essere considerato minore? So che se ne è già parlato in altri contesti, ma non mi sembra che possa essere annoverato tra le serie maggiori. Comunque mi piaceva moltissimo l'idea di un bimbo-minkia che fosse pure ninja. Era molto divertente, almeno mi sembrava.

    RispondiElimina
  52. The inspector (l'ispettore) cartone francese anni '60, una sorta di clone di clouse

    https://youtu.be/I3RP2zU6iD0

    Cartone trasmesso nelle varie reti locali scrausissime, assieme alla pantera rosa e vecchi episodi di tom and jarry, da bambino mi piaceva da matti :D

    RispondiElimina
  53. Il fantastisk mondo di Paol, come secondo. Perché il primo che vorrei rivedere non lo conosce nessuno, me lo sono sognato io di notte probabilmente: era un cartone Bianco e nero, muto, credo gianfransua, in cui un uccellino spaziale con una lunga coda aiutava tutti, spesso chiamando come rinforzo una marea di suoi simili con un fischio particolare. Linee molto semplici. Qualche anima pia mi conferma per favore che è esistito veramente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era una roba tipo Wattoo Wattoo e faceva spiegoni ecologisti? Quello?
      https://www.google.it/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://en.m.wikipedia.org/wiki/Wattoo_Wattoo_Super_Bird&ved=2ahUKEwiaqvG4hevbAhUMe7wKHWldDekQFjAgegQIAhAB&usg=AOvVaw3CHnAdbk28efgML_v6XJl-

      Elimina
    2. E scopro oggi che il cartone non era in bianco e nero, ma che probabilmente lo era il nostro televisore...

      Elimina
    3. cori, grazie!!! Sono più di vent’anni che mi arrovellavo per capire se mi fossi sognato tutto o meno...

      Elimina
  54. Come cartone sconosciuto, visto che il Fantazoo è molto più famoso di quanto ricordassi, ne scelgo uno della fine degli anni '60, ma che guardavo da bambina all'inizio degli anni '90, ovvero una serie spin-off della Pantera rosa: "L'ispettore"
    Come cartone in se non era proprio il massimo, ma, come accadde con il Fantazoo, il primo doppiaggio (se ricordo bene con Oreste Lionello nei panni dell'ispettore) ha migliorato tantissimo il tutto: faceva veramente morire dal ridere.
    Peccato che a tutt'oggi il doppiaggio originale sia introvabile: anche nei dvd usciti qualche tempo fa è presente solo la traccia ridoppiata (con Mino Caprio nei panni dell'ispettore), più curata nei nomi e nei dettagli, ma che non dà lo stesso feeling dell'altra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non sono l'unico che si ricorda quel cartone :D tra l'altro l'abbiamo citato quasi ib contemporanea .... Però non ricordavo che ci fossero diversi doppiaggi, io l'ho visto sempre con lo stesso ma non saprei dire a questo punto quale fosse

      Elimina
    2. Se ti ricordi come chiamava il suo assistente puoi capire di quale versione si tratta:
      Dedè veniva usato nel primo doppiaggio, mentre Dudù (dal nome originale Deux-deux) era utilizzato nel secondo.

      Elimina
    3. Ecco adesso sono in piena crisi mistica, se provo ad immaginarmi i due nomi mi sembrano giusti entrambi lol....però posso dirti che sicuramente ho visto le repliche a fine anni '80 inizi '90

      Elimina
    4. Probabilmente era il primo doppiaggio.
      Io seguivo le repliche su TRS, lì le hanno trasmesse per molto tempo nello "spazio ragazzi", credo fino al 2000/2010.

      Elimina
    5. TRS...è proprio il canale che vedevo anche io, lacrime napulitane, canale scrausissimo, che faceva solo televendite e vecchi cartoni e mi piaceva proprio per questo

      Elimina
    6. Anche a me piaceva per questo. Tutti quei cartoni sconosciuti o molto vecchi (alcuni dell'epoca pre-Topolino), per buona parte in inglese con i sottotitoli quasi inesistenti, mi tenevano sempre incollata allo schermo. Peccato che con il tempo il canale si sia trasformato prima in un all-Music ed ora in uno a tema esclusivamente automobilistico...

      Elimina
  55. A me piaceva tantissimo Il Mignolo col prof, ogni volta era uno spettacolo vedere quali macchinari avrebbero costruito per tentare di dominare il mondo!

    RispondiElimina
  56. Vado un po' indietro nel tempo, data la mia veneranda età.
    Qualcuno si ricorda del Professor Balthasar? Credo fosse una serie proveniente da un paese dell'Est Europa ...
    Aveva una specie di "circuito", con alambicchi, serpentine e altra roba; otteneva dei liquidi colorati che risolvevano i problemi ...
    "Ba-Balthasar, Ba-Balthasar, Ba-Balthasar, Balthasaaaar!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me lo ricordo! (Anch'io ho un'età veneranda e barbogia). Da qualche parte, in montagna, devo anche avere un libro cartonato delle sue avventure. Per quanto riguarda la sigla, ogni tanto mi viene in mente ancora oggi.

      Elimina
  57. Mi piaceva molto "L'allegro mondo di talpilandia": non ne serbo molti ricordi, ma c'era più dramma di quanto il titolo volesse lasciare a intendere, se non sbaglio. Ricordo vagamente che c'era un nemico crudele, e queste due talpe -fratello e sorella- che giravano per il mondo per combatterlo (addirittura organizzando una sorta di resistenza con gli altri animali, forse, ma potrei ricordare malissimo).

    https://www.youtube.com/watch?v=sF-XI3y6lYk

    RispondiElimina
  58. Direi Gianni e Pinotto, non tanto per il cartone in se' ma per la sigla che ancora oggi ogni tanto mi viene in mente e canticchio.

    RispondiElimina
  59. Tra la sfilza infinita di cartoni minori tra cui scegliere, sono arrivato a scremarne 5 e fanno tutti parte dello show dedicato a Plastic Man: oltre ai segmenti dedicati al titolare erano presenti Rickety Rocket, astronave parlante, Luni, un lupo mannaro con il dentone e infine Mighty Man e Yukk, le avventure di un supereroe che per avere i propri poteri diventa minuscolo e del suo cane, il più brutto del mondo che deve tenere il muso nascosto per non terrorizzare chiunque lo veda.
    Fatta la scrematura ho scelto Mighty Man e Yukk.

    RispondiElimina
  60. Impossibile sceglierne uno solo, questo tipo di cartoni erano i miei preferiti! Comunque quello che viene frequentemente a galla nel mare dei ricordi, anche se non so il nome in italiano, è The Rabbit With Checkered Ears. Non ho idea del perché, ero veramente piccolissimo quando lo guardavo. Però una cosa è sicura, ha lasciato un buon ricordo di sé. :D

    RispondiElimina
  61. IZenborg! era a tecnica mista, cartone e live action ma io lo considero cartone. Lo vedevo sulle tv locali toscane quando andavo in vacanza da mia nonna. All'epoca mi entusiasmava qualsiasi cosa si trasformasse!

    RispondiElimina
  62. ...cooooooooon Gianni e Pinotto è un gran quarantotto...accade di tutto a loro perché...ad iniziare dalla sigla, i cartoni dei due comici meteora, erano fenomenali...sigla cantata dai fantomatici "Alfa"
    Però, dovendo scegliere, colgo lo spunto e opto per i mitici, vecchissimi cartoni di Rocky e Bullwinkle...e quelli ancor più vecchi di King Leonardo e Odie Colonia la puzzola... Con tutto il corredo di "Il Cacciatore", "Peabody e Sherman" etc...
    Perché mi riportano a mattinate di giugno o settmbre, senza scuola, nei tardi anni ottanta....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono Totose...maledetto smartphone che non mi fa loggare....

      Elimina
    2. Vabbè, dai, chi se lo ricorda Wheele e la gang di Chopper? Cartone ambientato in un mondo di automezzi antropomorfi, Wheele era un'utilitaria rossa, l'eroe di turno, e assurdamente era l'unico a non parlare ma ad esprimersi con rumori, colpi di clacson e via dicendo che tutti inspiegabilmente capivano! Ma il fiore all'occhiello erano gli antagonisti, una banda di motociclette capitanate da un chopper di nome... Chopper! della gang faceva parte anche una motoretta scassamaroni, che quando le cose andavano male ripeteva all'infinito "Ve l'avevo detto! Ve l'avevo detto!". Chopper rispondeva "Lo so!" per due o tre volte, per poi concludere con un bellissimo "Non rompere i cerchioni!" o "Turati lo scappamento!". Giuro. Da bambino lo adoravo... In seguito ho scoperto che il character design dei personaggi era stato uno dei primi lavori giovanili di John Byrne, il noto fumettista canadase di super eroi!

      Elimina
  63. Sondaggione! Non ho ben chiaro quale sia il confine tra famosi e meno famosi, comunque cito:
    Fantaman: sigla che ho cantato all'infinito e protagonista mitico!
    Gordian: l'idea dei robot matrioska mi ha sempre intrippato
    Babil Junior: anche qui sigla mitica e storia straziante e avvincente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hai ben chiaro perché non hai provato a leggere i commenti degli altri. O le regole (visto che ne hai nominati tre). Hai letto qualcosa, Jack, prima di commentare? :D

      Elimina
  64. Già citato in chiusura di post. Rocky & Bullwinkle. Molto famoso in usa, tanto che ne esistono pure dei film (possibile con DeNiro ? Mi viene da dire di si, ma non voglio guglare). Qua da noi diffuso solo da odeon tv che io sappia. Comicità sorprendentemente all'avanguria.

    RispondiElimina
  65. Ah fermi tutti. Re Artù e i cavalieri della tavola quadrata. Ne ho ricordi obnubilati e foschi, ma mi piaceva. Mi pare che Lancillotto avesse la S fischiante. Boh ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era quello che avrei votato io... Tempo fa non lo trovavo. Ora l'ho trovato ma non mi sembra quello che mi ricordo io (ma son passati 35-40 anni eh...)

      Elimina
    2. ECCO!!! finalmente qualcuno che se lo ricorda, lo adoravo! e mi ricordavo Lancillotto e la ssssua 's' , Re Artù, Morgana, ed il cattivo, ma non la "tavola quadrata"... e sì che vado indietro negli anni, al tempo di buona parte dei "minori" citati qui io ero già abbondantemente fuori età... :-D

      Elimina
  66. Suncollege (the kabocha wine) lo davano su reti minori in compagnia di kenshiro lamu o Ranma. Boh mi piaceva un sacco pure la sigla

    RispondiElimina
  67. Io scelgo GLI IMPOSSIBILI perché mi piaceva tantissimo questo cartone dove i membri di un gruppo rock diventavano dei supereroi

    RispondiElimina
  68. Come al solito io vengo da una generazione successiva alla maggior parte dei portatori di deboscia qui presenti. E sì, pure io guardavo cartoni vecchi su Eden TV tra cui quello della mucca che fa da cover a questo articolo, ma lì ero piccolo e non ricordo granché.
    Vado un po' più avanti nel tempo e scelgo uno dei primi cartoni che ho guardato su quella allora piattaforma delle meraviglie che era Sky: X-Duckx. Serie franco-canadese mi pare, su due papere sceme che facevano sport estremi. Era di una stupidità immane ma io e i miei amici l'adoravamo. Siamo in quel periodo del nonsense post-Ren & Stimpy ma pre-Adventure Time.

    RispondiElimina
  69. Butch Cassidy and the Sundance Kids. Mi piaceva un sacco l'idea dello smartwatch che alla fine si è fatto realtà proprio in questi ultimi anni. Lo so che usava un anello ma dai, facciamo finta che fosse un orologio, ok?

    RispondiElimina
  70. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  71. (Secondo tentativo)
    Io scelgo rocky e Bullwinkle! Spero si scriva così.
    Motivazione: Folle. Strano. Divertente. Pieno di momenti suspance che ti costringono a sapere come prosegue il racconto. E poi l'accoppiata "protagonista intelligente-sveglio-rapido" con "spalla deficiente comica lenta" funziona sempre... da Franco e Ciccio a Bombolo-Miliam a Topolino-Pippo ecc.

    RispondiElimina
  72. Io ricordo "Q.T. Hush Private Eye- & Shamus Private Nose" un cartone animato USA talmente minore che non si degnavano nemmeno di doppiarlo, quindi andava in lingua originale e lo seguivo per migliorare l'inglese (per modo di dire: era pieno di espressioni idiomatiche americane!). Q.T. Hush era un detective privato accompagnato dal suo cane parlante Shamus (mi faceva ridere l'epiteto "private nose") in episodi di pochi minuti che terminavano sempre con i due in pericolo di vita e quindi dovevi vedere l'episodio successivo per vedere se si salvavano.

    RispondiElimina
  73. Grande Isidoro!!
    Speravo che venisse fuori il nome di questo cartone che vedevo da piccolo su RAITRE e di cui non ricordavo assolutamente il nome.
    SANTO SUBBITO!!

    RispondiElimina
  74. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  75. Comic strip. Era un cartoon fatto da mini episodi di serie diverse: di questi preferivo Karate Kat, un gatto detective esperto d'arti marziali e Tiger Sharks (cloni marini dei Thundercats). Lo ricordo con affetto perché lo davano la mattina su Rai 2 durante le vacanze estive a cavallo tra anni '80 e '90.

    https://www.youtube.com/watch?v=SuDSDtgEoAU

    https://www.youtube.com/watch?v=jqUI4U8AHnQ

    https://www.youtube.com/watch?v=kZM2K5HloQA

    RispondiElimina
  76. Anche per me buona parte (se non tutta) la produzione nipponica che è giunta da noi (e pure cio' che negli anni sono andato a cercare) non si puo' catalogare come minore .. per cui cercando di scegliere qualcosa di particolare, cito le "Fractured Fairy Tales" che se non ricordo male erano un piccolo intermezzo durante il 'Rocky and Bullwinkle Show' (che aveva molti di questi contenuti) .. come dice il nome si tratta di fiabe, ma molto 'storte' e forse oggi neanche riproponibili (alcune di queste sono anche sul tubo) .. visto che il contenitore principale è gia' stato citato, aggiunto quei cartoni molto datati (anche anni 30, che qualche volta 'apparivano' nei palinsesti) .. tipo Betty Boop o Tom & Jerry (non il gatto e il topo), al cui design e inventiva si è avuto un grande omaggio con il recente CupHead

    RispondiElimina
  77. Viste che siam tutti giovani uguale (piu o meno) me li avete nominati tutti, non i resta che Alfred, mi ricordo che ne ero ipnotizzato e lo adoravo pure se mi diede molti traumi all'epoca, non era proprio un cartone per bambini
    https://it.wikipedia.org/wiki/Niente_paura,_c%27%C3%A8_Alfred!

    RispondiElimina
  78. Il primo che mi è venuto in mente onestamente è il cartone degli elettrodomestici marchiati IMQ.

    RispondiElimina
  79. quello di Sherlock Holmes con cani antropomorfi! Vale?

    RispondiElimina
  80. Il Dottor Doolittle... perché viaggiava per il mondo e parlava con gli animali

    RispondiElimina
  81. È una bella gara, tra una marea di produzioni H&B di serie C2, altre di cui non ricordo la nazionalità ed anche qualche giapponese.
    Mi scuso in anticipo per il dilungamento, ma cercherò di districarmi in un podio onde arrivare al primo, così da non incartarmi troppo il cervello con le memorie: Medaglia di legno (che fa pendant con nave e scudi) a "Vicky il Vichingo" per memorie d'infanzia molto piacevoli. Bronzo a "Grisù": stessi motivi, con l'aggiunta del primo meme (almeno in ambito locale) di cui abbia memoria. Argento a "Il bosco dei perché" (De Fabeltjeskrant): letteralmente dei "cartoni", animati in stop motion. Offro una fanta allo struguri con scorzetta di oreo a chi ne abbia memoria: la mandava Rai 1 negli anni '80 ma era già vintage nel 1985. Il mio voto?
    "L'uccellino azzurro", giapponese, con disegni di Reiji Matsumoto, andato in onda su Italia 1, grossomodo, nell'84, e tratto da un romanzo del belga Maurice Maeterlinck. Lo considero un "perno", ispiratore di futura creatività, forse perché mi è arrivato sotto il naso nel momento perfetto della mia infanzia. Mi andava a genio tutto: sigla, arco narrativo, malinconia di fonto, antagonisti (ovviamente in viola), ambienti, colori, lisergia. Rivisto in DVD 10 anni fa, è invecchiato bene; nonostante qualche dialogo bislacco (comunissimo ai primi doppiaggi nippo-italiani) e la comune abitudine dei vecchi anime a 26 episodi di concentrare TUTTO, cronometro da starter alla mano, in quei 22 minuti scarsi.

    Fuori classifica: "La Famiglia Mezil". Mi rifiuto di considerare i padri putativi di Homer (Sandor), di Stewie e Brian (Aladar e Foffi) al di fuori del Pantheon dell'animazione, in quella ristretta nuvoletta dove tutti usano "Olimpo, il detersivo degli dei!" :-)

    PS: no, per davvero, qualcuno ha memoria de "Il bosco dei perché"? L'"Amico Gufo" con la "R" gutturale gianfrançoise?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. i Mezil ... tornano sempre! (visti anche i post precedenti), credo si possano definire tranquillamente 'maggiori' !

      Elimina
  82. Senza pensarci sopra piu' di 7 nanosecondi: Wacky Races e tutte le altre saghe di Dick Dastardly e Mattley!

    Pero' anche Yattamane e tutti i Time Bokan (Calendar Man, I Predatori del Tempo, etc.)

    Aspe', vale anche Carletto qui?

    Troppa roba...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carletto il principe dei mostri MINORE?????!!!!????

      Elimina
  83. Le serie minori che mi piacevano erano davvero tante. Mah... io a questo punto dico "Il mio amico Guz". Mi piaceva perchè era simpatico, un draghetto-godzilla domestico, a cui piaceva il ferro e odiava le punture.

    RispondiElimina
  84. Assolutamente Rocky e Bullwinckle!!!

    RispondiElimina
  85. gli impossibili....Fluidman...Multiman e Coilman.

    RispondiElimina
  86. Non so se Darkwing Duck conta (alla fine è uno spinoff di Duck Tales) e allora per rimanere in Europa metto Sharky e George che ha allietato le mie estati la mattina su Rai2.

    RispondiElimina
  87. Anch'io non so se il termine "minore" sia appropriato, ma dato che a quanto pare non sono stati ancora menzionati darei il mio canuto voto a Mototopo e Autogatto

    RispondiElimina
  88. Le avventure di Poncho e Toro titolo originale Tijuana Toads...in realtà è degli anni 70 ma io lo vedevo da piccolo nei primi anni 90... ancora ricordo Poncho che gli chiede: "Contento?" E Toro al quale do solito nel frattempo era capitato qualcosa rispondere "no contento"

    RispondiElimina
  89. Ma nessuno ha pensato al conte Duckula? La domestica che lo richiamava per il castello con la voce di Platinette. Bei ricordi. Devo citare però un altro trauma della deboscia mediatica anni 90: le avventure del bosco piccolo, che terminava per esaurimento dei protagonisti via via falciati dalla mala sorte. La donnola scema che moriva perché era scema, i topi decimati dai serpenti, il tasso catananno, la volpe pdf.

    RispondiElimina
  90. Mamma mia quante cose mi sate facendo ricordare!
    Gli Impossibili piacevano tantissimo anche a me, però voto Nils Holgersson.
    Mi piaceva l'idea del bambino maltratta-oche che viene rimpicciolito (così impara), del papero goffo che impara a volare e poi tutte quelle scene bellissime di stormi in volo. Poi aveva una sigla bella malinconica che ti imbrischettava già lì in diretta

    RispondiElimina
  91. https://www.youtube.com/watch?v=KeMMow_Itqw Jamie and the magic torch. Perché inglese (come mia madre) perché la premessa e la realizzazione davvero 70s flippotrippo, perché amo le cose fantasy che partono da contesti normali (così potevi sognarti la notte che succedeva anche a te, credo sia successo) perché la canzone era bella e rimaneva in testa e perché lo hanno visto e se lo ricordano davvero in pochi

    RispondiElimina
  92. Non so se possa essere considerato "minore" ma il mio voto va a Judo Boy.
    Tutta quella bella e sana violenza mossa dal desiderio di vendetta, tutto quell'effetto a carboncino ovunque, roba che pure Tarantino ci si faceva le pippe sopra

    RispondiElimina
  93. ... Vabbè parliamo delle guerre punisher... C'è qualcuno che ricorda il titolo dì quei cartoni con protagonisti il Beatles?

    RispondiElimina
  94. Dunque, dico anch'io Superpollo e aggiungo George della Giungla, che nella tv privata che vedevo venivano trasmessi regolarmente uno di seguito all'altro.
    Ma se devo citarne uno che è tra i miei primissimi ricordi d'infanzia, dico Filopat e Patafil. Produzione slava o ungherese, comunque d'oltrecortina, che davano su Telecapodistria nei primissimi anni 70.
    In realtà non è propriamente un cartone, ma uno "stop-motion": credo che vada bene uguale. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ecco, avevo dimenticato: in quella tv privata davano in fila tre cartoni, non due. Superpollo, George della Giungla e SUPERNONNA! Fantastici e folli tutti e tre!

      Elimina
  95. agorick-twitter27 giugno 2018 07:33

    Sempre stato un fan dei cartoni di stile "investigativo"; colpa delle prime serie, quelle vere, di ScoobyDoo (la puntata col clown del circo è stata il mio primo trauma a colori in tv), quindi oltre al più noto Goober-cane fantasma, ricorderei volentieri la Gang dei giovani segugi (Cue Club), da noi in tante tv locali, qui nel padovano TRIveneta Tv ad esempio, sempre di H&B della quale mi piacevano pure le voci dei 2 cani; purtroppo introvabile in rete in italiano :/

    RispondiElimina
  96. Mi viene in mente un cartone animato degli anni '80, simpaticissimo, ambientato nell'antica preistoria, dove vedevi questo primitivo disegnato con i piedi a squadra, fuori prospettiva, che andava perennemente a caccia di mammut. Una volta catturati li mangiava e poi li conservava facendoli a "fette"! La cosa che mi piaceva di più era quando dal cielo spuntava la morte (tutta ossa) sopra il suo destriero (anche lui tutto ossa), disegnati molto fanciulleschi ma di cui rimanevo affascinato quando facevano capolino nel cartone. Qualcuno sa dirmi se si ricorda questa serie e come si chiamava?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. ... anche questo non è per niente 'minore' (da giappofili) ovvero si parla di 'Giatrus, il primo uomo' (vedere sul tubo la mitica sigla!)

      Elimina
  97. Io dico Top Cat di Hanna e Barbera.
    Un ottimo doppiaggio in italiano e l'idea della banda di gatti stile anni '30 mi è sempre stata simpatica insieme alla sigla in inglese.
    Scopro ora che ne hanno fatto un lungometraggio in CGI e pure dei Funko pops ergo forse così minore non è...

    RispondiElimina
  98. Ho scoperto come si chiamava il cartone di cui accennavo sopra: "Giatrus il primo uomo"( https://youtu.be/j-Qk9uGPC9k )... Spassosissimo! Anche Fantaman non era niente male all'epoca.

    RispondiElimina
  99. Vabbè Alvaruccio e Camilla per sempre, direi!

    RispondiElimina
  100. Toriton
    https://it.wikipedia.org/wiki/Toriton

    RispondiElimina
  101. Voto anch’io (in ritardissimo) per gli Impossibili! Perché alla fine era dei supereroi + dei fratocugini dei Beatles. Cosa si può volere di più? :D

    RispondiElimina
  102. A distanza di una settimana, ancora son qui a pensarci.
    Perché non trovo un vincitore del cuore tra Grisù, La signora Minù e Coccinella.
    Mi arrendo.

    Però 'sta cosa dei cartoni dei Beatles la devo approfondire, mi incuriosisce un botto, essendo fan dei suddetti fin da bambina.

    RispondiElimina
  103. Dick Dastardly e lo squadrone avvoltoi (conosciuto anche come Dick Dastardly e i diavoli volanti) perché era il primo cartone che vedevo con protagonista un cattivo, (suca banda Drombo!) ex aequo con Fantazoo, perché Piero Tiberi che passa con disinvoltura da Tetsuya a Alvaruccio è impagabile!

    RispondiElimina
  104. beh il concetto di minore è un po' relativo, si va dal minore allo sconosciuto, quindi ne cito 3 in ordine di "misconosciutezza": Mafalda (probabilmente visto su italia 1 era rusconi), Microsuperman (sempre italia 1 era Rusconi, credo al mattino) e Le fiabe di Andersen (la serie con qui due personaggini che introducevano e commentavano alla fine, non il film di Miyazaki; non ricordo se era in pausa pranzo su italia 1 Rusconi o Retequattro era Mondadori)

    ps: potresti prima o poi fare un post sulle serie con fiabe andate in onda negli anni 70-80, se l'argomento interessa.

    RispondiElimina
  105. Ah ha, bello, anche io avrei votato "Gli Impossibili" o in seconda battuta "Il fantastico mondo di Paul". Ma vedo che hanno molti altri sostenitori. Allora, se il fatto che è più recente dei cartoni "classici" non ne inficia la validità, darei il mio voto a "Spy Groove"
    https://en.wikipedia.org/wiki/Spy_Groove
    animazione di MTV che pochi sembrano conoscere. Lo ricordo come divertentissimo, va riscoperto! Vedo ora che sul tubo ci ne sono parecchi episodi (spero di non essere smentito riguardo la qualità, rivedendoli).
    Comunque, se Spy Groove non valesse, voto per Gli Impossibili (così, giusto per; lo so che è tardi).
    P.S. Rispetto per @Renato Akira Guasco che più sopra ha ricordato "Mototopo e Autogatto"

    RispondiElimina
  106. Tra i pochi cartoni animati minori "da femmine" che mio fratello mi lasciava guardare (egemonia del telecomado sua) sicuramente quelli che adoravo di più erano "Pat la ragazza del baseball" e Iridella ovvero Rainbow Bride! (Giustamente il correttore automatico suggerisce Pride). Comunque sia, amavo quei folletti batuffolosi nelle miniere a scavare stelle colorate per creare l'arcobaleno e i colori nel mondo! Ovviamente i due cattivi rendevano il mondo grigio! Che spettacolo

    RispondiElimina
  107. Qualcuno ricorda un cartone di un orsetto abbandonato... Finisce nella discarica e poi in un inquietante(almeno così lo ricordo io) ospedale dei giocattoli, alla ricerca della sua padroncina... Non ricordo neanche se alla fine l'ha trovata😬

    RispondiElimina
  108. Il mio cartone minore è talmente minore, vecchio e sconosciuto che neanche io ricordo il titolo. Iniziava ogni puntata con questo bambino che tutte le notti prendeva una torcia e da una botola sotto il letto, tramite uno scivolo colorato a spirale raggiungeva un mondo fantastico con tanti personaggi strani

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy