Avengers: Infinity War, la recensione SENZA spoiler

Avengers Infinity War recensione
Ed eccoci qua. Un altro 25 aprile, un altro giorno della liberazione dei nerd. E infatti il multisala locale era talmente pieno, a tutti gli spettacoli, che sembrava una scena di Nuovo Cinema Paradisney. Avengers: Infinity War: sei anni esatti dopo il primo Avengers, la giostra continua, tirando dentro praticamente chiunque. Tanti super-eroi, tanta roba spalmata in due ore e mezza di calci in culo, lacrime e risatine. Perché, essenzialmente, Avengers: Infinity War è un film per ubriachi (ma non è necessariamente una cosa brutta). Niente spoiler su nulla, tranquilli [...]

C'è quell'inizio, che non fai a tempo a sederti su quella seggiola, come una belva senz'anima, che ti asfalta le cornee. Non può essere tutto così, ti dici. Non può essere tutto così epico, così tirato, così spacchiamo qualsiasi cosa e chiunque, perché ai bambinetti in sala con le magliettine comprate dai genitori chi glielo spiega. Che gli dici al pubblico di oggi e di domani? E infatti non è così, non è tutto così. Anzi. Per il tipo di storia che vuole raccontare, e per i pupazzi che ci mette dentro, per tutta la sua prima parte Avengers: Infinity War diventa un affastellarsi di trame diverse, per protagonisti e taglio, almeno quanto sono diversi i colori delle gemme dell'Infinito. Come in uno Star Wars. Come in una puntata di Game of Thrones, si diceva stasera con un amico in sala. Con quello stesso effetto spiazzante da insalata con dentro frutta e frutti di mare. E non poteva essere altrimenti.
Perché devi mettere insieme personaggi diversi, mondi diversi, variazioni anche abbastanza nette di tono. Perché ok, se tutti i super-eroi Marvel in carne, ossa e CGI sono, metti, il colore verde, in questi dieci anni abbiamo visto passare sul grande schermo di tutto, dal verde bosco al verde acido dei rave party con la droga nelle bibite. Devi tenere dentro i confini di una stessa storia il Capitan America scalciaculi, che qui di culi ne scalcia come forse non mai, e le gag sceme di Drax e degli altri Guardiani della Galassia. Il sarcasmo di Tony Stark e l'euforia del giovine Bimbo Ragno. Il Thor epico e il Thor scemo di Pio e Amedeo nello Spazio. Il mantello scherzone del Dottor Strange e il dramma che funziona, quello che solo i fratelli Russo, a quanto pare, riescono a metter giù bene nel Marvel Universe cinematografico. Cioè in tutto il supercirco del cinematografò, grosso modo.
Il risultato è, beh, un denso polpettone che per oltre un'ora ti ha spiazzato, letteralmente, rimbalzandoti da una parte all'altra. In giro per l'universo, e ok, e con continui cambi di tono. Capisci il perché, comprendi lo sforzo ecumenico, ma molto meno ok. Un attimo prima il Nooooo, un secondo dopo le gag di Occhio e Coniglio, o la Casa Vianello di Drax e Mantis. E non è tutto così netto, o così semplice da catalogare, mai ce ne fosse realmente il bisogno: perché i piani si sovrappongono, le carte si mischiano. 
Pensi che il segmento Thor e Guardiani sia la componente cialtrona del film, perché si rivolge a quel pubblico lì, dei due film con le cassettine e di Thor Ragnarocchiopinocchio, ma poi il segmento in questione ti tira fuori un dialogo che ti lascia basito, nella sua semplice beltade. E quegli stessi tizi allestiscono dei momenti epici che hanno fatto tremare il cinema. Nel senso che la gente applaudiva, quelle robe che un po' ti fanno vergognare per gli altri, ecco (non ha senso battere le mani davanti a un panno, ricordiamolo), ma un po' ti rendono fiero quando applicate a un contesto meritevole. Fiero non sai bene di cosa, ma oh.
Tutta la seconda parte di Infinity War ha per forza una maggiore omogeneità. Le gemme vanno al loro posto (sappiamo dove), gli eroi convergono, nasce la fiducia e l'amicizia, come in un coloratissimo video di Dario Baldan Bembo. E vengono fuori le scimmie dalle gabbie. Tolto il momento Buono Fuffi ("Ho dovutooooo"), che ti è sembrato mimmo oltre ogni dire, ti sei goduto tantissimo tutto quello che girava sullo schermo dopo l'intervallo (sì, esistono ancora multisala in cui l'intervallo piazzato a membro di Lockjaw esiste perché la gente deve mingere e comprare patatine, magari contemporaneamente, non fate caso)Perché non c'era più tempo per le chiacchiere. Perché un Cap così figo non s'era mai visto, e il Team Cap è ancora lì a festeggiare con gli striscioni e a detonare miniciccioli nel parcheggio del cinema. Perché la battaglia finale in Wakanda ti ha regalato almeno tre momenti da brivido e/o elettrizzanti. Tre, non uno. 
Non mancano le sorprese, come una certa, enorme trollata legata proprio ai trailer di quella battaglia. Come il ritorno di [OMISSIS], fuori dal puffo. Come un finale che vagli a spiegare pure quello, ai rEgazzini in sala. Sì, è solo la prima parte di un dittico, sappiamo che le cose non resteranno così, ma avanti, spiegaglielo ai bambini perplessi. Uno dei trucchi narrativi più elementari, quando hai un eroe e vuoi che tutti facciano il tifo per lui, è del resto trascinarlo nella polvere. Oltre che opporgli un nemico più figo di lui. Parlando della qual cosa...
C'è stato un momento preciso, durante la visione, in cui hai sperato fortemente che quello non fosse Thanos. Nel senso che pensavi a quanto sarebbe stato belliFFimamente meraviglioso averci un Dottor Destino così, sul grande schermo, che fa e dice quelle cose. Potentissimo, inarrestabile, spietato, ma con una sua motivazione molto forte. Una cosa in cui crede e per la quale è pronto a tutto. Quando i nodi vengono al pettine, e per quanto sia buffo dirlo di un villanzone cosmico calvo, questo Thanos emerge come uno dei migliori malandrini del MCU in assoluto. No, aspe': così è troppo semplice. Come uno dei migliori in assoluto di tutti i film di supertipi che si menano. Facile peraltro che, con quello che dice, abbia convinto una fetta di spettatori della bontà della sua visione. Quella storia delle risorse che scarseggiano? Avessi un euro per quante volte l'hai sentita tirar fuori da persone insospettabili, ora ti compreresti le Industrie Stark per farne azienda leader mondiale nella costruzione di fischietti.
Vorresti scrivere un milione di altre cose, o almeno una ventina, ecco, ma questa è una recensione senza spoiler e non puoi farlo. Rimandiamo al post companion di riflessioni e considerazioni spicciole per chi il film l'ha visto, se trovi il tempo di scriverlo nelle prossime ore. Intanto resta la questione del voto, bella rogna. Come sintetizzi in un cacchio di numero, pur nella sempre lodata scala Presidentesse, un film in cui succede di tutto, come neanche in un kolossal di Bollywood, e in cui il tuo interesse e la tua attenzione rimbalzano da un comprensivo vabbè ai brividi della battaglia, passando per l'apprezzamento di alcuni personaggi, il disprezzo genuino per altri e un finale che va oltre quanto ti aspettassi, pur col barbatrucco che lascia tutti di stucco? Per un film che è solo la prima parte di una storia, per il primo tempo di un'unica pellicola da cinque ore, tipo?
Hai pensato anche di non farlo, ma poi ti sei detto che non sarebbe stato corretto. Provi a buttare lì una sorta di media mentale, e ne viene fuori un quattro Olivie. Perché ci sono tante cose che all'inizio cozzano troppo, perché c'è poco spazio per tanti eroi, perché gli eroi sono tanti. Solo che quel quattro, finito il film, ti sembra stretto. E allora quattro, quattro virgola cinque. O tre, uno, venti. Tanto vale quello che vale un numero, cioè poco e niente, perché, mai come in questo caso, hai un milione di cose che ti girano per la testa. O forse almeno una ventina. Perché, dicevi all'inizio, Avengers: Infinity War è un film per ubriachi. 
Un distillato cinematografico di serata alcolica con gli amici, di quelle che inizi a ridere per una battuta scema, pur sapendo che è molto scema e pure fuori contesto. In cui pensi di afferrare per un attimo il senso dell'amicizia, ti ritrovi triste e con un mini magone. In cui ti diverti, sospiri, ti dici vabbè, ti annoi, ti chiedi perché non te ne sei stato a casa, ti ripeti che è la più bella sera della tua vita. Sei felice, sei triste. Che poi, forse, a pensarci è il senso tutto dei fumetti di super-eroi, di questa grande telenovela di giovanotti in costume che si scambiano battute sulla barba mentre lottano per salvare la vita, l'universo e tutto quanto.


AL TOKYO GAME SHOW CON L'ANTRO, QUESTO SETTEMBRE!



Avengers: Infinity War
Recensito da: DocManhattan DocManhattan Data: Apr 25 2018
Voto: 4
37 

Commenti

  1. Spettacolo. Thanos miglior cattivo finora.e buona anche la scena post credits

    RispondiElimina
  2. Andrò a vederlo la prossima settimana, proprio per evitare la ressa (spero) quindi per ora non mi pronuncio... però non ho resistito a postare il primo commento :-D

    RispondiElimina
  3. La sensazione che ho avuto per tutto il film è stata quella dei crossover fumettistici vecchia maniera. Quelli che non si dipanavano su una minserie principale con realtivi tie-in sulle serie regolari, ma direttamente su di esse in modo sequenziale. Cambiando un po' registro a seconda del personaggio protagonista di ogni capitolo, ma mantenendo coerenza col tono della storyline principale.
    Ecco perché non mi hanno infastidito, ad esempio, le gag dei Guardiani. Perché nei momenti incentrati su di loro sembra effettivamente di assistere a un film dei Guardiani, così come tutto si fa più serioso con Cap e amici.
    E nel momento in cui anche i personaggi più scazzoni vengono coinvolti in questo elettrizzante crescendo di morte e distruzione l'effetto è ancor più disarmante.
    Non per niente un paio di momenti tra i più tragici riguardano i protagonisti di due delle pellicole Marvel più "da ridere".
    E fu così che anche Pio e Amedeo nello spazio, una volta che i loro protagonisti vengono catapultati in questo contesto completamente opposto per tono e drammaticità, acquista un suo senso e un'utilità nel preciso affresco che è l'MCU.

    RispondiElimina
  4. Bello bello bello.
    Anche se pure a me la prima parte ha spiazzato non poco, tanto che ad un certo punto ho temuto un Thor Ragnarok 2. Per fortuna non è così.
    Con almeno due sorprese che hanno fatto esaltare me e pochi altri nella sala, ma che rimangono meravigliose.
    Per il resto, rimando tutto al post dove si potrà parlare con gli spoiler.

    RispondiElimina
  5. Mamma mia la scimmia...
    Ma appena me lo mettono aggratise su grandecinematre mi ci fiondo così caccio il soldo solo per la signora e i pop-corn, che è come prendere un altro biglietto ormai.

    Non è che il post di discussione puoi programmarlo con un po' di ritardo, eh? xD

    RispondiElimina
  6. Attendo la recensione con spoiler

    Per ora dico solo : WOW

    RispondiElimina
  7. domani è il giorno per il sottoscritto: solo grandissima scimmia

    RispondiElimina
  8. Concordo con la recensione, e avrei concordato con la scelta di non dare un voto: questo non è un film, è una cosa diversa secondo me. È un metafilm, se vogliamo: mai nella storia penso sia stata fatta un'operazione simile, con dieci anni di trame fatte culminare così.

    RispondiElimina
  9. Belli i 2 sorpresoni (1 riguardo 1 personaggio, l'altro riguardo ad u attore che non credevo nel cast)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti quell'attore non è nel cast. È CG sulla facci di un altro attore. Comunque bella sorpresa, e pure in una delle scene migliori di tutto il film.

      Elimina
  10. A me ne è piaciuta proprio la diversità, esattamente come in Got hai momenti di ridere e i momenti di ringere e i momenti epici, TANTI momenti epici.
    Thanos grandioso e complesso, molto più di un Imperatore o di un Voldemort, mentre Steppenwolf della DC non può neppure lucidargli il guanto.
    MA, perchè c'è un ma, eliminando la sua adorazione per la Morte hanno snaturato il suo personaggio e soprattutto hanno snaturato la sua motivazione.
    Essendo questa una recensione senza spoiler discuterò questo aspetto nel dettaglio nella discussione libera.

    RispondiElimina
  11. Spettacolare nelle scene, ma deludente nella narrazione: tutto troppo telefonato, duelli avvincenti ma di epici solo quelli con il villain principale. Inspiegabile Hulk in questo MCU. Thor finalmente mitico. A 10 anni di distanza da Iron Man I, mi aspettavo di più... Rimane un film ben risuscito che regala tante emozioni e riflessioni.

    RispondiElimina
  12. Ma finalmente un Thor che fa il Thor in battaglia? Ne vogliamo parlare?

    RispondiElimina
  13. Mi è piaciuto troppo !La summa di tutti i film Marvel e soprattutto dinun certo modo di fare film Marvel, quello dei fratelli Russo ovviamente.
    Qualcuno mi può spiegare che ruolo sarebbe quello del tizio che "guida" Thanos e Gamora quando è il momento per il Titano di prendere la Gemma dell'Anima?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente spoiler su nulla.
      Aspettiamo per piacere il post con spoiler, che arriva in giornata.

      Elimina
  14. Livello Scimmia : King Kong Scansati !

    RispondiElimina
  15. Non l'ho visto. Avevo già il biglietto ma ero terribilmente stanco ieri sera causa una notte prima quasi in bianco per un partitone a Rising Sun, un giorno di lavoro alle spalle (ieri ho lavorato) e lo stress che ultimamente mi mangia vivo.
    Come scrivevo ieri al Doc credo che con ieri sera sia finita la mia "relazione" con il MCU.

    RispondiElimina
  16. Sono uscito dal cinema frastornato e fomentato, invece ora... pure, uguale. Cose che "stonano" ce ne sono, non lo nego, ma il confronto che faceva Spider più sopra è molto calzante: è un megacrossover, il culmine di 10 anni di trame, ed i fratelli Russo hanno fatto un lavoro fenomenale nel bilanciare il tutto.

    Aspetto con impazienza il post spoileroso per discuterne meglio.

    RispondiElimina
  17. Non ho ancora visto il film (Sabato, Sala Energia Melzo, ho voluto aspettare il posto giusto) e non ho letto niente in rete, che la rete è piena di stronzi.
    Ma ho letto questa Rece.
    E mi sono ritrovato alla fine con gli occhi lucidi.
    Fai te conto come cazzo sono giusto...

    Credo di non aver mai atteso tanto un film di supertizi =,)

    RispondiElimina
  18. Bella rece zio Doc (non nel senso di zio fa)!
    Visto che mia moglie mi dice che sto diventando un alcolizzato come un qualsiasi pari età americano (sarà perché mi sono tracannato da solo una bottiglia di Spritz in un pomeriggio? Però, a mia discolpa, faceva caldo e poi come stavo bene, dopo…), direi che è il film giusto per me. A dire il vero aspettavo di vedere Thor e Black Panther prima (sono rimasto un po’ indietro, su tutto, ormai), però mi ispira molto per i vari stati d’animo che riesce ad innescare (e senza bisogno di assumere alcuna sostanza!).

    RispondiElimina
  19. Bella doc!Ottavio recensione!
    Film visto in mezzo a bambini e fan petulanti ( con frasi del tipo "ma è un film orrore! Bimbo 5 anni alla scena interrogatorio, o ecco " il Titano pazzo" nerd di 40 anni alla prima comparsa di Thanks ) ma goduto amille!

    Domanda riflessione:
    Possibile rovinatore deduttivo!


    Ma alla fine non sopraggiunge una alzata di sopracciglio ancellottiana vedendo tutta la polvere che gira e sapendo che marvell ha annucannun 34 film con nomi e cogmico e date ? Cioe, tu sai.. loro per marketing devono annunciare il calendario film anni prima ma in un mondo perfetto non sarebbe stato meglio non sapere nulla, ma nulla nulla di ciò? E non parlo di spoiler ma proprio della loro stessa strategia promozionale!

    Fine rovinatore!
    Bella zio del tuono!
    ( Lo so, potevo risparmiarmi! ;-) )


    RispondiElimina
  20. Io ho avuto i brividi all'entrata in scena di Cap e quando arriva Thor *in quella scena lì* che se durava di più aveva senso metterci Immigrant Song come in Ragnarock, che già senza il mio livello di eterosessualità era calato, ma in quel modo sarebbe pericolosamente precipitato XD

    Per rialzarla, mi sono fatto venire in mente che in effetti probabilmente il motivo per cui mi piace molto il tema di Wonder Woman è proprio perché in un certo senso mi ricorda Immigrant Song con Thor...

    RispondiElimina
  21. 10 decimi al miglior cinecomic della storia del cinema e palla al centro.

    RispondiElimina
  22. Andrò in settimana a vederlo e, devo ammettere che sembra che vada al primo appuntamento con qualche tizia... Ho letto la recensione e se scriverai quella CON gli SPOILER farò di tutto per non leggerla; vivendo quel momento come una novella tortura di Tantalo! Dovrò farmi incatenare le mani x non cliccare su quel link!

    RispondiElimina
  23. Sotto SPOILER, mi potete dire chi muore nel film e se gli unici sopravvissuti siano Dr Strange, Pantera Nera e Namor?
    Vi prego, voglio una fase Marvel in cui ci siano solo film dei veri Difensori.




    P.S. No, non preoccupatevi voi che non avete visto il film, pure io non l'ho visto, ho scritto Namor solo perché spero compaia

    RispondiElimina
  24. Ehm....

    Rovinatore



    Sta stai sperando quello che speri... Beh.. il film allora ti stupirà molto!😉

    Fine rovinatore
    Buona visione

    RispondiElimina
  25. Io i film marvel li ho visti tutti tranne Black Panther.
    E' necessario aver visto Black Panther per vedere Infinity War?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No assolutamente non è necessario, certo chi lo ha visto riconoscerà anche tutto quello che gira attorno al personaggio.

      Elimina
  26. Io sono in Marvel-fatiugue almeno da Age of Ultron:
    ho come l'impressione di mangiare al mcdonald dal 2008, e che questo sia l'ennesimo "special a durata limitata". Buono, eh. ma anche basta.

    RispondiElimina
  27. Io sono rimasto pienamente soddisfatto, qualche piccolo difetto c'è ma ragazzi davanti a tanta badassica figaggine mi inchino ai fratelli Russo e comincio a schiumare per Avengers 4!

    RispondiElimina
  28. L'ho visto finalmente anch'io, mai più al cinema di domenica sera, c'era troppa gente che rideva come scimmie anche per le battute più sceme.
    Per il resto gran bel film, avessero saltato un po' meno frettolosamente da una scena all'altra e se ci fosse stato un 20% di battute in meno avrebbe rasentato il capolavoro. Con tutto quello che succede ma non viene mostrato avrebbero potuto fare 4 film invece che 2.

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  30. A me un tordo me l'ha spoilerato di brutto... Mi era quasi passato la voglia di vederlo. In ogni caso è un grande film, hanno saputo giocare bene le loro carte.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy