I 200 fumetti della vita - parte I

I 200 fumetti della vita - parte I
È da tanto, ma davvero da tanto, che volevi mettere in pista questo listone definitivo dei tuoi fumetti preferiti di sempre. Perché te lo chiedono sempre e perché ti fa piacere ripescare le sensazioni che la lettura di alcuni capolavori ti ha regalato, due, cinque, venti o trent'anni fa. Ecco allora il primo di dieci post sui 200 fumetti da leggere nella vita... secondo te, ovvio. Che provare a fare qualcosa del genere passandolo per oggettivo è folle, e comunque non ti interessa. È un dannato blog, per affermare la verità suprema e raccogliere insulti ci sono i video di iutùb per il popolo di analfabeti funzionali dal pollice sviluppatissimo. E quelli, comunque e appunto, leggono poco perché non sanno farlo. Prima di partire con il listone, però, una precisazione. Che ripeterai sempre nelle future puntate, perché qui invece sono di passaggio gli sgarbati precipitevolissimi, che leggono in fretta per poter poi scrivere commenti non attinenti sui social. Tranne il primo, tutti gli altri fumetti sono elencati in questo listone in ordine totalmente CASUALE, come ti sono venuti in mente. Questi NON sono i primi 10 della lista e l'ottavo non è meno bello del terzo. O del 199°. Tutto chiaro? Bene. Si parte! 

Dicevi, in ordine casuale tutti, tranne il primo. Perché non puoi non partire da Watchmen. Da tutto quello che ha significato il capolavoro di Moore e Gibbons non solo per il mondo del fumetto, di super-eroi e non, ma per te. Ora immaginate questo: hai quattordici anni, sei tornato a leggere fumetti di supertipi da pochissimo. Anni dopo la fine dell'era magica delle buste sorpresa piene di raccolte Corno dell'Uomo-Ragno, di Thor, dei Fantastici Quattro, scopri che in edicola ci sono di nuovo gli eroi Marvel, pubblicati da Star Comics e Play Press (altre se ne aggiungeranno di lì a pochissimo). Fai amicizia con alcuni ragazzi a scuola che leggono super-eroi, e alcuni sono già nel giro della droga pesante dell'import. Uno di loro ti presta questo paperback pubblicato negli USA un paio di anni prima: raccoglie una miniserie chiamata Watchmen.
Era una copia identica a questa, la prima edizione in volume USA, anno 1987. Hai impiegato una settimana per leggerlo, per la densità di contenuti e per il tempo perso a sfogliare il vocabolario per le parole (tante) che non conoscevi. Ti ha completamente spazzato via. Nel tempo lo avresti riletto in almeno tre edizioni diverse (e ne possiedi almeno sei o sette), e all'arrivo di ebay la seconda cosa che hai comprato dagli USA è stata questa prima edizione in volume, come quella letta un paio di lustri prima. La prima è stata una maglietta con il logo Atari, ma non c'entra niente. Watchmen è e resterà sempre la storia di super-eroi perfetta, ma anche un romanzo grafico a orologeria in cui tutto s'incastra in modo incredibile. Hai sempre pensato che per scrivere una buona storia si debba essere bravi e avere delle grandi idee, ma anche che Watchmen poteva scriverlo solo Moore.

Quale edizione comprare? Quanto costa?
Se ve la cavate con l'inglese, quella USA con copertina rigida, che si trova in amazzonia o in fumetteria sui 27 euro. L'hardcover italiana Lion costa tanto, magari a quel punto meglio una vecchia copia dell'edizione Play Press: sulla baia ve la cavate con 20 euro. L'edizione da edicola Repubblica Serie Oro (#26) gira sulla baia a 10 euro o anche meno. 

Il più recente tra questi primi 10 titoli, Black Science è una serie Image scritta da Rick Remender e disegnata dal nostro Matteo Scalera. Cosa ne fa un instant capolavorò? Il fatto di riuscire a raccontare - come solo Remender e pochissimi altri sanno fare oggi - una fantascienza diversa e originalissima, intrecciandola con la storia di un uomo che amerete disprezzare, prima di iniziare a fare il tifo per lui. I mondi folli immaginati da Remender si sposano come il peperoncino sulla lagana e ceci con il tratto di Scalera. Poco più di un anno fa ne scrivevi in Microletture: "Quello che ne viene fuori è un fumetto di fantascienza incredibile, in cui l'immaginazione galoppa sfrenata come un cavallo cyborg, tra tecno pellirosse, soldati romani del futuro e paradossi pandimensionali, scritto divinamente e con dei dialoghi potentissimi. Il quarto volume sembra partire più lentamente degli altri, perché McKay deve fare i conti con il proprio di passato, letteralmente, ma si chiude con le tre pagine a fumetti più belle che tu abbia letto negli ultimi mesi. Quel monologo/finto dialogo su Dio e sul destino della persona che lui è andato fin lì a cercare? Bellissimo". 

Quale edizione comprare? Quanto costa?
Bao ha raccolto la serie in volume. Finora ne sono usciti sei e costano 15 euro l'uno (su amazon li trovate a 12). 
Persepolis di Marjane Satrapi i galloni da capolavorò mondiale dell'arte sequenziale se li è guadagnati praticamente subito. È un fumetto diverso, coraggioso, con il cuore dell'autobiografia e la mente di chi analizza un'era di cambiamenti vissuti prima come bambina, poi come donna. L'Iran della rivoluzione islamica, il conflitto con l'Iraq, l'impatto con il mondo Occidentale. Il film d'animazione omonimo (2007) è stato candidato all'Oscar e ha vinto il premio della giuria a Cannes.

Quale edizione comprare? Quanto costa?
L'edizione integrale pubblicata da Rizzoli Lizard, 24 euro. 
Si diceva settimane addietro dell'anime di Akira e della sua enorme influenza sull'immaginario collettivo e sulla diffusione degli anime in gaijinlandia. Il manga di Akira va però molto oltre, racconta un affresco decisamente più ampio, porta avanti quella storia che nella trasposizione animata, nata com'è in medias res, è solo abbozzata e decisamente criptica. Per stile, personaggi e ambientazione era e resta uno dei tuoi manga del cuore, di quelli che ti ritrovi a sfogliare con piacere quando ti capitano di nuovo tra le mani. Totale, come la benzina con una vocale in più.

Quale edizione comprare? Quanto costa?
Ahi. Per la prima edizione Planet Manga in 13 volumi, sul mercato dell'usato se ne vanno almeno 120 euro. Per quella più recente, in sei balenotteri, sui 150. Meglio, nel caso, comprare online o in fumetteria le ristampe dei singoli volumi a una quindicina di carte l'uno: si risparmia non poco. Se poi vi interessa la versione a colori americana (pubblicata in Italia da Glenat e completata da Panini), in giro per fiere si trova completa sui 60/70 euro. Per farvi fare un po' di sconto, basta urlare: "Renatoooooooooooooo!!!".
Probabilmente la tua preferita tra le storie di Dylan Dog scritte da Tiziano Sclavi, Memorie dall'Invisibile è un classicissimo delle avventure del tizio che disprezza ombrelli e cappotti. Una notte di pioggia infinita, il diario dell'uomo invisibile, l'incontro con Bree. Dylan Dog #19, aprile dell'88, praticamente trent'anni fa. Te che fai le medie e lo leggi sull'autobus tornando da scuola, negli anni in cui l'horror era il genere più amato dai rEgazzini ancora per poco in età da scuola dell'obbligo. Tipo qualche mese dopo, con tutta la cumpa siete andati al cinema a guardare Nightmare 4 - Il non risveglio. Rendiamoci conto. 

Quale edizione comprare? Quanto costa?
L'edizione cartonata uscita lo scorso agosto nella collana "Il Dylan Dog di Tiziano Sclavi" (#4, 4,90 carte). Online o in fumetteria lo trovate facile. 
Le Meraviglie del titolo, la Meraviglia del leggerlo. Marvels non ha solo lanciato la carriera di Alex Ross e generato orde di imitatori del suo stile pittorico iper-realista applicato ai supertipi in pigiama. Né ha solo trasformato Kurt Busiek nell'alfiere della nostalgia eroica - forse il miglior erede di Moore in tal senso - portata avanti mirabilmente con il suo Astro City. Ha raccontato per la prima volta i primi decenni di vita del Marvel Universe dal punto di vista dell'uomo della strada. Di volta in volta sbalordito, emozionato o terrorizzato da quanto gli accadeva intorno, in quella New York visitata da divoratori di pianeti, invasa dagli atlantidei, attraversata da misteriosi esseri giganti o tesi ad arrampicare la facciata di un palazzo. Fino alla perdita dell'innocenza, la morte di quel personaggio, il razzismo e la fobia dei mutanti. Non è invecchiato di un solo giorno, Marvels, bellissimo oggi come alla sua prima apparizione nello Stivale, sulle pagine di Marvel Magazine, nell'autunno del '94, quasi in contemporanea con gli USA.

Quale edizione comprare? Quanto costa?
Le edizioni cartonate Panini costicchiano, a meno di non avere una botta di bottom e scovarne una copia abbandonata in libreria e venduta a tipo dieci euro (eccolo!). Se non volete spenderci quelle 40+ carte, c'è l'edizione economica da edicola di Repubblica (Serie Oro #19), che sulla baia trovate anche a un euro o due.
L'Abisso delle Memorie, la storia di Nathan Never. Nel senso di storia del suo passato e anche di storia definitiva dell'Agente Alfa. Di ritorno da Lucca, due anni fa, ne scrivevi: "Il libro in assoluto più bello di tutti. Di tutti quelli che hai comprato, intendi, e probabilmente di tutta la fiera stessa. L'abisso delle memorie raccoglie in un volume cartonato i numeri 18 e 19 di Nathan Never, L'abisso delle memorie e L'undicesimo comandamento. Quelli della storia di Nathan, quelli scritti divinamente da Michele Medda e disegnati da un Nicola Mari stellare. Il suo Never con l'eyeliner e l'espressione triste è per te, da allora, la versione perfetta del personaggio. È una storia di dolore e di rimpianti, di un uomo imperfetto e della sofferenza che deve vivere per diventare l'eroe triste che sarà. Un volume IMPERDIBILE non solo per tutti i membri del nostro fanclub antristico di Michele Medda, ma in assoluto per tutti gli amanti della fantascienza e, più in generale, dei fumetti con la F e tutte le altre lettere maiuscole".

Quale edizione comprare? Quanto costa?
Il volume di cui sopra, che costa 24 euro. I singoli albi 18 e 19 di Nathan, in alternativa, li trovate nell'usato o sulla baia a un euro il primo, tre o quattro (se c'è l'albetto allegato) il secondo. 
Anche de L'Ultima Caccia di Kraven hai parlato più volte in questo covo di debauchery. Addirittura preferendola a Watchmen come tuo volume a fumetti del cuore, scelto così, seguendo il sentimento e non la ragione, come in un film di Nino. Il perché potete leggerlo qui, eccone intanto un estratto: "L'ultima caccia di Kraven di DeMatteis, Zeck e McLeod è una storia che prende questo personaggio ridicolo del pantheon di nemici zingari dell'Uomo-Ragno, questo cacciatore sbruffone con il gilet fatto di leone e chiaramente gay, che un po' sembra Freddie Mercury e un po' il magnate dell'editoria cattivo e taurino di Beautiful. Lo prende, lo butta via, e al suo posto ci piazza una figura drammatica, che non ci mette niente a sconfiggere il Ragno. E infilarlo ancora vivo tre metri sotto terra. Che ne vuole prendere il posto. Che sa di esser arrivato alla fine, e, anche se è un grande cacciatore russo, anche se ha passato gli anni a dire che ce l'aveva duro più dei leghisti della prima ora, fa esattamente quello che farebbe chiunque al suo posto. Piange". Ah, per non farti mancare niente, L'Ultima Caccia di Kraven l'hai letto per la prima volta pochi mesi dopo Watchmen. 

Quale edizione comprare? Quanto costa?
Quella nella foto qui sopra è l'edizione cartonata Panini e costa sui 20 euro. La cover della versione Star Comics del '90 era molto più bella, ma il volume non era cartonato e si trova allo stesso prezzo.
La Germania nazista trasformata in una trappola per topi. Figlio di un sopravvissuto ai campi di concentramento, Art Spiegelman racconta con Maus non solo gli orrori della Shoah, ma il rapporto tra un padre e un figlio. Quest'ultimo, l'autore, cresciuto in un altro mondo e con ben altri agi, a volte fatica a comprendere la mentalità di suo padre e quello che ha dovuto affrontare. Vincitore di un premio Pulitzer speciale, Maus è da trent'anni materiale da tesi di laurea e membro fisso di ogni top 10 sui capolavori del fumetto. Per il modo, a volte apparentemente leggero per l'impiego degli animali antropomorfi, ma a una più attenta analisi ancora più agghiacciante proprio per questo, di raccontare la realtà dei campi di sterminio e come chi ne è uscito vivo ne affrontava il ricordo. 

Quale edizione comprare? Quanto costa?
Il volume Einaudi costa 20 carte e in genere si trova a qualcosina di meno.   
Volevi chiudere questa prima decina con qualcosa di francobelga, genere di fumetto che non ami particolarmente, come noto. La giochi facile con una delle tue storie preferite dell'Asterix di Goscinny e Uderzo, Asterix Legionario. Il decimo volume della serie, storia pubblicata ormai cinquant'anni fa, e concentrato dei tormentoni delle avventure del piccolo gallo e del suo suscettibile amico. Falbalà, Tragicomix, Cleopatra e il suo nasino... ma soprattutto i due poveri centurioni della copertina, alle prese con due reclute in grado di scassare la macchina da guerra romana. Una volta tanto dall'interno.

Quale edizione comprare? Quanto costa?
L'edizione Panini costa 12,90 sesterzi.  


[CONTINUA]

59 

Commenti

  1. Grande Doc, mi piacciono tanto le tue liste di "preferiti". Riesco sempre a "scoprire" qualcosa di bellissimo che non conoscevo. Attendo i prossimi.
    Volendo (so che chiedo tanto) anche per i giocattoli mi piacerebbe conoscere i tuoi preferiti di sempre :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, qualcosa del genere già esiste :)
      https://docmanhattan.blogspot.it/2014/12/30-giocattoli-degli-anni-80-del-cuore.html

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Mea culpa, leggo il blog tutti i giorni ma questo post proprio non me lo ricordavo. E' proprio quello che chiedevo ... adesso me lo leggo con calma, così potrei trovare qualcosa di "nostalgico" da recuperare :-) PS: attendo con trepidazione il report del prossimo viaggio che farete in Giappone.

      Elimina
  2. Chiamami Untassì....capolavorò davvero tutto, anche se un paio mi mancano perchè non nelle mie corde (si sa che io invece poco amo i pigiamini americani) ma un bell'inizio col botto. Maus potentissimo.

    RispondiElimina
  3. questa cosa è fighissima... come anche gli altri listoni lo utilizzerò per capire cosa recuperare. Grazie mille Ale, sei il mio Virgilio come al solito :)

    RispondiElimina
  4. Grazie Doc, un vero distillato di cultura antro-fumettistica che per un ignorante come me ha un duplice valore di accrescimento personale e di scoperta di storie che vanno al di là della solita fantascienza e dei super-eroi. Peccato non avere molta disponibilità economica in questo periodo (ma cosa lo dico a fare, è una vita che sono in queste condizioni) perché mi piacerebbe molto arricchire la mia libreria con tali opere e tramandarle poi alla creatura. P.s. Ho letto da qualche parte che ci sono i fumetti DC in formato elettronico con forti sconti. Ciao

    RispondiElimina
  5. Anche io collezionavo edizioni diverse di Watchmen,dalla Play press,alla Planeta,ai classici serie oro di Repubblica.Avevo anche edizioni UK e spagnole....bei tempi,lo lessi a 16 anni,dopo aver comprato, a scatola chiusa praticamente,una biografia di Alan Moore....mi precipitai subito in una imbroglionissima fumetteria di Napoli,pagandolo a peso d’oro....ricordi che ti scaldano il cuore(per una volta,senza sarcasmo)

    RispondiElimina
  6. Tutto ciò è bellissimo. Grazie!

    RispondiElimina
  7. Ne ho letti sette su dieci...devo recuperarne almeno altri due della lista.
    Come al solito, gran bel lavoro, Doc!

    RispondiElimina
  8. Come al solito di queste letture ho letto ben poco. Alcune le ignoravo e altre ancora non le compro perché di fumetti in casa da leggere e infilati in ogni dove ne ho fin troppi.
    Grazie all'amicizia con il padrone di casa ho letto Natan Never e mi è piaciuto molto. Non ho idea se lo mettere tra le mie 200 letture preferite ma è molto bello.
    Nel mio pantheon de migliori fumetti dilagherebbero i manga e scarseggerebbero i fumetti nostrani visto che di italiano ho letto pochissimo, ci metterei Lukas sicuro. Parlando di fumetto americano metterei dentro in blocco tutta la produzione di Brubaker/Phillips senza pensarci un secondo, forse non metterei dentro Fade Out perché devo ancora leggerlo (Doc in questo elenco ci metterai Sleepers?).
    Di cose strane che conosciamo in 5 metterei sicuramente Kurosaghi - Consegna Cadavari per tutte le conoscenze sul folklore legato al mondo dei morti giapponese che mi ha trasmesso.
    Dal fumetto francese e dintorni metterei le storie più belle di Thorgal e molte opere di Sylvain Cordurié, specialmente quelle che ambientate nel mondo vittoriano con i personaggi famosi della letteratura di quell'epoca. Tutta la run su Sherlok Holmes e storie collegate pubblicata da Cosmo è bellissima.
    Poi ci sono i grandi esclusi che a tutti piacciono mentre a me non hanno detto molto come I Kill Giants che non sono riuscito a finire o Tre Ombre che è bello ma niente di trascendentale. Sono una brutta persona, che ci posso fare.

    RispondiElimina
  9. Gianfranco Sorrentino6 marzo 2018 12:27

    Grande come sempre. Cresciuto a pane e buste sorpresa della corno, quelle azzurre coi palloncini. Alla fine le guardavo in trasparenza per evitare i mille mila doppioni. Febbraio 1989 in edicola mentre mi accingo ad andare a scuola ma la vetrina cattura il mio sguardo : Uomo Ragno nr 10 " fate volare queste vecchie ali ". Ringrazio Dio e Apreda di esistere. Siamo noi. Siamo qui.

    RispondiElimina
  10. Watchman e l'ultima caccia di kraven. Ho smesso di leggere fumetti una vita fa ma vedo che quelli che ho letto non erano male. Ci saranno ovviamente anche la saga di elktra, il ritorno del cavaliere oscuro e batman year one, dai me lo sento. Quasi quasi vado a ripescare qualcosa...

    RispondiElimina
  11. perchè ho smesso di leggere i fumetti?
    Ancora oggi me lo domando, quando nella solita edicola lancio un occhiata al bancone dei fumetti... beh, sì...ogni tanto acquisto Dylan...
    Lo stesso posto, la stessa edicola da 35 anni, sempre quella...anche se ormai la gestiscono il figlio e i nipoti del partigiano comunista che scacciava a pedate i distributori che proponevano le zozzerie...

    RispondiElimina
  12. Grandissimo Doc. Non vedo l'ora delle prossime parti.
    Ne ho letti 5 di questa prima parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per non metterci troppo tempo (e perdere magari l'abbrivio), metto in programma la parte 2 già per la prossima settimana.

      Elimina
  13. "Su,su coraggio! Ritroverai colei che ami!" XD

    RispondiElimina
  14. Post interessantissimo, per essere sicuro di leggermeli tutti prima o poi mi sono permesso di creare la lista su GoodReads: https://www.goodreads.com/list/show/121852.I_200_fumetti_della_vita_secondo_DocManhattan

    RispondiElimina
  15. Per non essere un gran lettore me la cavo bene! 4 su 10 non è male no? Vuol dire che leggo poco ma almeno scelgo con cura. Recupererò ciò che mi mancherà. Ho sempre scperato in una lista del genere...un meglio del meglio che anche se rispecchia il gusto di un singolo è comunque un ottimo punto di partenza in un mare di uscite spesso inutili e biecamente commerciali.

    RispondiElimina
  16. Ma a me [inserire titolo X della lista] fa schifo!!11!!!!11!!1!1!1!!!

    Scherzi a parte, complimenti per il coraggio di provare a stilare un listone del genere, se ci provassi io mi andrebbe il cervello in pappa solo a pensare perché questo titolo è migliore di quest'altro che comunque reputo migliore di un altro che considero più emozionante del primo ecc...
    Poi, conoscendomi, mi farebbe schifo il risultato finale e mi verrebbe in mente il fumetto "bellissimo, geniale, non plus ultra" del secolo che per forza di cose avrò lasciato fuori.

    RispondiElimina
  17. Che super listonissimo che ci aspetta, grande Doc!
    di questa prima parte ne ho letti alcuni, e dire che Maus è rimasto nel mio cuore, anche perchè il fumetto è andato in fumo insieme ad una Polo del '96, è dire poco

    RispondiElimina
  18. Bell'idea, mi piace. Al mio conto in banca invece piace un po' meno XD mi sa che con questo mega listone ne avrò di roba da recuperare...

    RispondiElimina
  19. Idea splendida per una serie di post.
    Io stesso, che col fumetto ho dato parecchio ma che vivo in un periodo di magra (leggo poco e saltuariamente), trovo utilissima questa nuova rubrica, che mi permette di recuperare chicche lasciate per strada ma, soprattutto, avere qualche dritta su prezzi e luoghi dove cercare.
    Come sempre, Doc davanti a tutti

    RispondiElimina
  20. Colpevole di non aver mai letto watchmen,devo in qualche maniera recuperarlo..per il resto prendo ed annoto, Marvels compare fieramente nella mia libreria e..si 40mila lire per un fumetto erano tante all'epoca

    Io ho smesso da un po' di leggere fumetti, a parte il Ratto ovvio, e vorrei tanto recuperare le stagioni 1 e 2 di The Ultimates, di Millar ed Hitch, una delle riletture supereroistiche più interessanti.

    RispondiElimina
  21. Ho Maus!
    Menomale, stavo iniziando a preoccuparmi..

    RispondiElimina
  22. 4 letti, 4 vorrei e 2 che non mi attirano per niente.

    Maus è il più grosso shame-on-me, uno dei tanti "prima o poi DEVO recuperare".

    Black Science è dall'annuncio di Bao che mi puzzava di capolavorò e di serie a me assai affine, ma la mancanza di un'edizione economica (Bao te possino, tutti signori libri, per carità, ma di certo non a prezzo popolarissimo) m'ha frenato all'epoca a iniziare l'ennesima serie. Sta nell'altra lunga lista "Quando sarò ricco la recupero".

    Il NO più deciso invece va al gianfransuà, che non l'ho mai sopportato in tutte le sue incarnazioni. Soprattutto quelle natalizie, due palle di film d'animazione con troppe X. Oh, de gustibus, dicevamo.

    RispondiElimina
  23. Che bel post! Maus, Akira, Persepolis, WATCHMEN... sono tra i fumetti più belli di tutti i tempi.
    A questo punto, sono curiosa di leggere il resto del listone ^_^

    RispondiElimina
  24. Gran bella rubrica, ma è una di quelle cose dell'Antro che mi piacerebbe fosse centellinata nell'arco di tre-quattro mesi, perchè quasi di sicuro mi verrà la voglia di recuperare quelli che non ho ancora letto.

    Ho una domanda Doc (tieni conto che Maus è il mio fumetto preferito), hai letto MetaMaus? Vale la pena acquistarlo?

    RispondiElimina
  25. Bell'idea, apprezzo anche lo sbattone di segnalarne le varie edizioni disponibili.

    Ne ho letti 5 su 10 e condivido il loro status di letture stupende.

    Curioso di vedere le altre, anche perché negli ultimi anni ho sospeso quasi tutto e potrebbe aiutarmi avere una lista di "meraviglie"!

    RispondiElimina
  26. Angelo Coniglio6 marzo 2018 15:49

    Bello bello bello. L'abisso delle memorie l'ho recuperato nel volumozzo da fumetteria e ciclicamente lo rileggo, perché è cosa buona e giusta. Sul resto devo recuperare, ma è pacifico che prima o poi si farà. Diamine, a volte servirebbero giornate di 72 ore!!!!
    Su Asterix devo dire che la repulsione gianfransuà molte volte si sente, ma è anche vero che continuo a consumare il DVD delle "12 fatiche di Asterix" a loop continuo: mi faceva sganasciare da piccino e mi fa ridere come un ebete anche oggi. Chapeau.
    Curiosità: tra le prossime 90 segnalazione dei tuoi preferiti ci sarà per caso anche Surro_ _ _ _ _ [riempire con le lettere come se fosse il gioco dell'impiccato :-) ]

    RispondiElimina
  27. Per quanto riguarda me, in quest adiecina ci sono 4 non letti e che non leggerò (non m'interessano affatto né Marvel né manga), 4 letti su cui concordo (Watchmen, Maus, DYD19, Asterix) e 2 letti su cui non concordo: Persepolis (per me è un polpettone abbastanza indigeribile) e Nathan Never 18-19 (che all'epoca di certo comprai e lessi, ma che non ha lasciato la benché minima reminescenza nella mia mente... ergo, per me, del tutto dimenticabile).
    Per quelli letti, quindi, concordiamo abbastanza: aspetto il seguito della lista per vedere se ci sono titoli che mi possono incuriosire ;) Ad maiora, Doc!

    RispondiElimina
  28. Solo due noticine.
    Akira: compratelo e avrete per le mani le reference di vent'anni di fumetto internazionale di fantascienza e non solo. Ogni tavola é un "aaahhh ECCO da dove XXX ha copiato quella figata in YYYY".
    Watchmen: vi dico solo che questo sono io, che non leggevo fumetti, quando lo vidi aperto in mano a un amico. https://goo.gl/images/57WMaF

    RispondiElimina
  29. Si può dire postone? Boh vabbè io lo dico, praticamente una lista di letture di cui molte mi mancano, quindi comincio ad aggiungere alla mia lista personale e attendo i prossimi titoli.

    RispondiElimina
  30. Per la prima volta, dopo anni e anni che ti seguo (conditi da un email che ti mandai in cui ti ringraziavo per avermi aiutato, grazie alla tua ironia e ai tuoi articoli, a superare uno dei momenti più difficili della mia vita), scrivo qui. Questo perché, sempre grazie a te, un anno fa mi sono avvicinato al mondo dei fumetti americani, dopo anni a leggere solo manga e qualche fumetto italiano, come Tex. Ne sono rimasto subito rapito, e in 12 mesi ho recuperato il più possibile, soprattutto dell'universo Marvel (secondo me più facile da recuperare rispetto a quello DC), mentre per quanto riguarda la Distinta Concorrenza sto seguendo l'attuale universo post Rinascita. Scrivo, dicevo, oggi per la prima volta, perché sono felicissimo di questa tua iniziativa, doc. Per me è una profonda gioia scoprire fumetti che ti hanno segnato la vita, in modo da poterli recuperare per goderne anch'io. Un esempio è Marvels, che non avevo ancora letto perché non troppo convinto dallo stile di Ross. Ma, dopo aver letto le tue parole, gli concederò volentieri un'opportunità.
    Ho una domanda, però, che esula un pochettino dal contenuto dell'articolo. Hai letto la serie Before Watchmen? Vale la pena tanto quanto Watchmen?
    Concludo con un altro, enorme, ringraziamento al lavoro che svolgi qui, che seguo articolo dopo articolo con enorme piacere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Giovanni, grazie.
      E Before Watchmen non esiste :D

      Elimina
    2. un po' come l'allenatore nel pallone 2...

      Elimina
  31. Solo per il gusto del confronto, non metterei nella mia lista Black Science, di cui però ho letto solo il primo, e Nathan Never (che non mi ha mai acchiappato). Al mio primo posto c'è un altro fumetto di Moore, che vediamo se si presenterà nei tuoi; e incredibilmente anche i miei preferiti di Dylan Dog e Asterix sono quelli che hai messo tu.
    Gran lavoro, sei un'ottima compagnia.

    RispondiElimina
  32. Ehilà, pensavo peggio: di 10 ne ho letti almeno 3. Tutti in edizione Serie Oro di Repubblica XD
    Altri 3 li ho sugli scaffali, e prima o poi. ;)
    Lascio perdere a priori Spiderman e i bonelli (ma qualcosa di DYD negli anni l'ho letta), e mi piacerebbe recuperare Black Science, prima o poi, se mai - come hanno già detto - diventasi ricca ;)

    Belle le tue listone, Doc! Attendo la prossima puntata :)

    RispondiElimina
  33. bene bene BENE... di solito prendo grandi spunti dalle "microletture", quindi sono certo che anche qui il riempimento della libreria sarà direttamente proporzionale allo svuotamento del portafogli...grazie ehhh... mi confermi che devo recuperare black science

    RispondiElimina
  34. 6 su 10.. però Maus sono anni che devo recuperarlo e non lo faccio mai.. mea culpa. Ma in Persepolis integrale c'è più roba che nel serie oro repubblica?

    RispondiElimina
  35. Mannaggia i pescetti, Doc. Remender l'ho schifato da quando ha scritto la sua run sul Punitore e sugli Incredibili Avengers e tu mi dici, anzi mi ribadisci, che le storie non Marvel che scrive sono fichissime?
    Ufffff, farò fare uno sforzo al mio portafoglio, visto che le opere che segnali ( il resto l'ho letto tutto) in genere incontrano parecchio anche il mio favore.
    E poi, diciamocela tutta, adoro Flash Gordon, un fumetto che si chiama Black Science non posso perderlo!!! (Non c'entra niente, lo so, ma fammi dare una giustificazione, no?)

    RispondiElimina
  36. 9 su 10! Mi manca Nathan Never, da sempre mia lacuna personale da fan dei fumetti e della fantascienza in generale.

    Ps. nel tempo in cui avete letto questo commento, Rick Remender avrà lanciato una nuova serie.

    RispondiElimina
  37. Bel listone Doc, grazie
    Qualcuno di questi fumetti l'ho letto e riletto, altri dovrò chiederli a Fabio, il mio pusher fumettaro

    RispondiElimina
  38. .. la sfida adesso è di tenere il passo con i titoli che saranno presentati ogni volta! .. per adesso mi manca solo il piu' recente, Black Science, e forse anche il piu' 'ricercato' (rispetto agli altri che sono in effetti dei classici) .. penso di essere piu' ferrato sul fronte manga che su quello super-eroistico, comunque queste sono le basi (e presumo arriveranno poi V per Vendetta, Il cavaliere oscuro di Miller e altri) .. lato Bonelli, anche per motivi anagrafici, sono ormai (e ancora) assiduo lettore di N.Never, D.Dog, M.Mystere e pure di Nick Raider (finche' e' durata, e le tasche piangono), anche se noto un po' 'di stanca' (e vorrei vedere, alcuni di questi sono arrivati a 30 anni di pubblicazioni!).. come manga, Akira è sicuramente un punto di riferimento, direi a parimerito con il Devilman di Nagai, e probabilmente a seguire Rocky Joe, altre grandi, enormi, bruschette negli occhi!

    RispondiElimina
  39. Belliffimo post Doc, quello che aspettavo da sempre sperando che avessi in mente di scriverlo. Questi primi 10 li ho letti tutti (Watchmen e Marvels riletti più volte). Fremo nell'attesa del seguito.

    RispondiElimina
  40. Tranne 2 opere, conosco ed amo tutto il citato :-) Tocchera' recuperare il mancante . Grazie Doc

    RispondiElimina
  41. spero che ai prossimi giri ci sia Born Again di DD, ma penso proprio di si....

    RispondiElimina
  42. Figata! Ne ho letti poco più di metà, mi piacerebbe recuperare il resto (e magari ripassare quelli già letti).

    RispondiElimina
  43. Mancano Akira, Persepolis e Black Science....quest'ultimo mi sa che lo recupero

    RispondiElimina
  44. Doc sei espertissimo, onnivoro e hai un gusto che condivido molto, quindi spero di scoprire grazie a te perle ignote ma anche vedere nei prossimi listoni altri (xké Watchmen, Akira, Maus, Kraven e Persepolis me li hai già messi) dei miei capolavori a fumetti preferiti: Miller (Sin City, il suo Wolverine con Claremont), Moore (Promethea, il suo Swamp Thing), ESP (serie italiana sottovalutatissima ma che vanta dei numeri eccezionalmente belli), Devilman di Nagai, qualche Conan di Buscema, alcune minisaghe di Sturmtruppen (Bonvi genio), Ali d'argento di Ayumi Tachihara (si piange tantissimo), Patto con Dio di Eisner, Diamond is unbreakable (per me la saga migliore di Jojo), Alita di Kishiro, alcune saghe dei Fantastici 4, Calvin & Hobbes...

    RispondiElimina
  45. Questi listoni sono sempre un attentato a mio portafogli... anche peggio di quanto giá non lo siano le microletture.

    RispondiElimina
  46. Asterix Legionario lo adoro!
    Cell' ho!

    RispondiElimina
  47. 6/10 non mi pare vero. Col senno di poi ringrazio mio padre di aver comprato tutti i "classici del fumetto di Repubblica" a cui devo tanta cultura fumettistica. Doc non mollare del tutto il fumetto franco-belga. Da residente in Belgio posso dirti che tante cose sono uscite negli ultimi anni che possono fartelo piacevolmente rivalutare.

    RispondiElimina
  48. Potrebbe piacerti molto una bd che si chiama "Les beaux étés". É piena di g.m.e. Racconta di una famiglia con padre fumettista e le loro vacanze estive nel '74, '69 e '61. Piano piano si impara a conoscere questa famiglia a ritroso nel tempo e si guarda in faccia una generazione che cambia (che poi è quella dei nostri papà). Io l'ho amato. Non so se esiste una traduzione italiana...

    RispondiElimina
  49. Memorie dall'invisibile e il suo sequel, oltre a Johnny Freak, Damien e a quello della fidanzatina irlandese, sono i 5 DYD che mi hanno fatto piangere. Io ero al secondo anno di liceo quando la mia tuttora migliore amica cominciò a passarmi i suoi Dylan Dog e andai in botta, tipo con le pasticche, non avevo mai letto fumetti horror e di colpo non riuscivo più a smettere. La Satrapi l'ho fatta vedere a una mia classe, molto apprezzata. Ma Watchmen è Watchmen. Baci dalle colline pisane.

    RispondiElimina
  50. Mi aspettavo un elenco, invece c'è tanta emozione. Stupendo, non vedo leggere il resto della classifica!

    RispondiElimina
  51. Doc, l'edizione Bao di Black Science valorizza a sufficienza i magnifici disegni, o se si é a proprio agio con l'inglese é doveroso buttarsi sulla deluxe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella Bao è un'ottima edizione, vai Brooklyn.

      Elimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy