Cobra, Robocop, Supercar e tutti gli altri giochi Ocean tratti da film e serie TV - parte I (1985-1989)

giochi Ocean tratti da film e serie TV - parte I (1985-1989)
Quello che vi apprestate a leggere (se siete finiti qui per caso da un link su facebook, a far finta di leggere) è un post che volevi scrivere da una vita e mezza. Una rassegna di tutti gli storici tie-in della Ocean usciti su Commodore 64, Amiga, Spectrum e una cofana di altri home computer a 8 e 16-bit. Non sapete cosa diavolo sia un tie-in? È, a scelta, a) la trasposizione videoludica di un film, una serie TV, etc, b) una sola pazzesca perché spendevano tutto per la licenza e poi il gioco lo facevano programmare a un poverocristo scamuffo in trenta secondi. Bene, la britannica Ocean era una software house in grado di invertire questa nefasta tendenza, o quantomeno di fare storia a sé, realizzando alcuni tie-in memorabili a cavallo tra gli anni 80 e 90. Nel presente listone finiranno tutti i suoi giochi tratti da film e telefilm. E siccome si tendeva all'infinito e oltre, hai deciso di dividere il listone in due parti. Oggi ci andiamo a spulciare la prima, con i titoli usciti tra il 1985 e il 1989. Press play on tape [...]


THE NEVERENDING STORY - 1985
(Commodore 64, Amstrad CPC, Apple II, Atari 8-bit, ZX Spectrum)
L'avventura testuale tratta dal film di sognare e gettare la gente nel cassonetto e chiagnere dietro a stupidi, stupidi cavalli, La storia infinita. Avventura così così (e in quegli anni per il te rEgazzino ingiocabile, c'era evidentemente troppo testo in lingua albionica), ma il tema del film suonato dal SID del Commodore 64 era una roba che mollami. 
THE TRANSFORMERS - 1985
(Commodore 64, ZX Spectrum)
Buttando lì veloce come il ventre una citazione al surreale gioco dei Frankie Goes to Hollywood, che non è un tie-in ma ha pur sempre Hollywoo nel titolo (1985, C64, Amstrad e Spectrum), citiamo pure un'altra roba abbastanza collaterale rispetto al tema del presente listone. La TV, ma animata, del cartone dei Transformers, alla guida di cinque Autorobot in versione veicolo e robottazzo. Faceva abbastanza pena, ma c'erano i Transformers. E oh, bastava e avanzava, ché ci si accontentava di un cacchio, durante l'ancient regime. 
RAMBO: FIRST BLOOD PART II - 1986
(Commodore 64, Amstrad CPC, ZX Spectrum)
 
Passiamo al gioco del secondo Rambo. Anche qui, musica pazzesca (ci giocavi perlopiù per quella) e gameplay moderatamente divertente, non fosse che il respawn forsennato dei nemici ti metteva costantemente il pepper al bottom. L'ansia, signora mia. L'ansia. Turuturutù, turuttu...  
HIGHLANDER - 1986
(Commodore 64, Amstrad CPC, ZX Spectrum)
Il terrificante Highlander, gioco di duelli all'arma bianca in scarpe da tennis in cui Connor MacLeod sembra Puffo Capellone Drogato dopo un incidente grave.  
STREET HAWK - 1986
(Amstrad CPC, ZX Spectrum)
La bellissima cover del gioco di Street Hawk, il falco della strada, nascondeva purtroppo il pezzentissimo gioco di Street Hawk. Più che un falco, un tordo su ruote. Uscì solo per Specci e Amstrad, la versione C64, pare completa al 90%, fu accantonata perché ndringhete ndringhete ndrà. 
KNIGHT RIDER - 1986
(Commodore 64, Amstrad CPC, ZX Spectrum)
E c'è streetcoso, vuoi che non ci sia pure Supercar? E infatti. Peccato che fosse una sola pazzesca. Più che un gioco di superguida, un simulatore di vomito. Soli, nella tristezza senza volto del nulla cosmico. 
COBRA - 1986
(Commodore 64)
Quel pomeriggio dell'87, da Sirangelo Computer, avevi i soldi per comprare solo una cassettina per il Commodore. Dovevi scegliere tra Ghostbusters e Cobra, hai preso il primo. Non te ne sei mai pentito. Title screen e musica ok anche qui, ma il gioco era una cosa che non era cosa. Marion Cobretti che combatte con i temibili mimi verdi usciti da una puntata dei Teletubbies. E che ti danneggiavano pure mentre stavano morendo, i pezzi di melma. 
TOP GUN - 1986
(Commodore 64, Amstrad CPC, ZX Spectrum, Atari ST, DOS, Thomson MO)
Anche Top Gun era un gioco inverecondo. I tempi d'oro della Ocean che sforna bei tie-in erano ancora al di là della siepe. Duello tra caccia con velleità un minimo simulative, anche se non ci si capiva sostanzialmente una mazzarella, c'erano solo quelle crocette verdi su fondo nero, capirai. Mi fate abbattere i villanzoni senza volto del film e giocare a pallavolo e suonare le canzò e fare gli sboroni con la moto, grazie? 
V - 1986
(Commodore 64, Amstrad CPC, ZX Spectrum)
Pare che il gioco dei Visitors fosse gambizzato da bug e dalla mancanza di istruzioni per capire come diavolo fare a superare certi passaggi e quali cacchio di codici usare in un certo contesto. Voi figuratevi per un undicenne tipo te, che se lo ritrovava così, a freddo, in una cassettina da edicola scamuffa.
MIAMI VICE - 1986
(Commodore 64, Amstrad CPC, ZX Spectrum)
Sempre dalla tivvì arrivava il tie-in di Miami Vice, purtroppo senza fimminoni esagerati e giacche vergognose. In compenso, la superauto dei due protagonisti era talmente pregna di putenza che esplodeva al contatto con vasi di gerani, pedoni, moscerini. Emozionante quando guardare trecento diapositive su una partita di bocce.   
PLATOON - 1987
(Amiga, Commodore 64, Amstrad CPC, ZX Spectrum, Apple II, DOS, Atari ST, NES)
Nel 1987 escono solo un paio di tie-in Ocean, il primo dei quali sbarca anche su Amiga 500. Si controllavano a turno cinque personaggi del film e ai tempi non lo trovasti bruttissimo. Ma è pur vero che ai tempi andavi al cinema a vedere ogni nuovo film sul Vietnam, tanto che dopo un po' festeggiavi pure te il Tet.
SHORT CIRCUIT - 1987
(Commodore 64, Amstrad CPC, ZX Spectrum)
L'altro tie-in di quell'anno era l'adattamento di Corto Circuito. Visivamente carino (non fate quelle facce, era il dannato 1987), ma frustrante come una fila alla posta quando pagano le pensioni. La versione per Spectrum e Amstrad, parecchio diversa, era decisamente più godibile. 
ROBOCOP - 1988
(Commodore 64, Amstrad CPC, ZX Spectrum, DOS, Game Boy, MSX)
Volevi, oh quanto volevi una versione domestica del coin-op Data East di Robocop e... beh, fuochino. Graficamente passabile, gameplay molto legno, di quelli che citofonavi al condominio dei santi ogni due per tre.
RAMBO III - 1988
(Commodore 64, Amiga, Amstrad CPC, ZX Spectrum, DOS, Atari ST, MSX)
Ti ha detto decisamente più sfiga con Rambo III, che per una qualche ragione hai giocato sul 64 anziché in versione Amiga. Non credi di averne mai superato il primo livello. Nella title screen Rambo sembra Enzo Paolo Turchi moro. Nel gioco capaabombambo. 
BATMAN - 1989
(Commodore 64, Amiga, Amstrad CPC, ZX Spectrum, DOS, Atari ST, MSX)
E oh, finalmente. Un signor gioco. A lungo IL tie-in. Bello quanto il film di Burton, è tra i primi esperimenti (riusciti) di Ocean con la formula multievento: cinque giochi diversi, in pratica, ciascuno per una fase della pellicola. Si trattava del terzo gioco di Batman sfornato da Ocean: per tutti gli altri giochi del paladino di Gotham City, buttate un paio di occhi qui
THE UNTOUCHABLES - 1989
(Commodore 64, Amiga, Amstrad CPC, ZX Spectrum, DOS, Atari ST, MSX)
Altro giocone assurdo, quello de Gli Intoccabili. In quel 1989 e per tutto il 1990, ma pure dopo, guarda, financo nel '91 e nel '92, ci giocavano tutti quelli che conoscevi che avevano un'Amiga. Senza aver fatto un viaggio in Spagna. Anche se nessuno di quelli che conoscevi riusciva a pronunciare correttamente il titolo in inglese. Sasà Baratta era convintissimo che si dicessi Antouchèibolz, per dire. Giuri.
RED HEAT - 1989
(Commodore 64, Amiga, Amstrad CPC, ZX Spectrum, Atari ST)
Ma pure Red HNO, niente, il gioco di Danko faceva pena. I joystick scassati dalla gente per fare le prove di forza con gli omoni russi ignudi che... suona malissimo, te ne rendi conto. Victor Rosta! (Ma occhio alle saponette).

E ok, fine prima parte. Riprendiamo la prossima volta dalle notti magiche del 1990, precedute da pomeriggi magici a fondere gli home computer Commodore, chiaro. 



Commenti

  1. Beh, se oggi è a volte vero, io ricordo che ai tempi, almeno stando alle recensioni dell'epoca dato che non possedevo nessuna macchina commodore, l'accostamento film-gioco era inesorabilmente una sòla.
    Le famigerate sezioni inseguimento in macchina - puzzle per recuperare vite - picchiaduro a scorrimento, il tutto di legno massello, immancabili in moltissime opere tipo Terminator e Total recall (che andranno nel prossimo listone immagino).
    #Einvece a distanza di anni tu mi dici che poi, mh mh, poi tanto male non è? Almeno non per tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto per dirti Rambo '86 era un gioco carino e non era per niente legnoso. Come diceva il Doc i nemici che spammavano a manetta dopo che ti avevano scoperto tenevano alta la tensione (all'inizio lanci i coltelli per non fari scoprire l'allarme ma poi frecce esplosive).

      Elimina
  2. Che bella idea questa lista, e quanto mi dispiace non aver avuto il Commodore 64.

    Mi è sempre piaciuto poi il termine "tie-in" che si usava spesso sulle vecchie riviste di videogiochi tipo CVG Italia (che l'aveva appreso dall'edizione inglese), e faceva parte di quel particolare gergo del settore, come il verbo "blastare" caro al redattore Fabio Rossi ("blasta l'isoletta a forma di uccello!").

    RispondiElimina
  3. Rambo dell'86 era un giocone anche se la parte dell'elicottero era una rottura pazzesca, almeno così ricordo.
    Il gioco di Robocop lo ricordo ma poi ho un enorme vuoto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci spaccavi i joystick per sfuggire all'elicottero sovietico

      Elimina
  4. Nostalgia canaglia, li ho giocati quasi tutti. Io ho scelto Cobra, maledizione! E la mia cassetta dei Transformers per qualche motivo caricava una volta su venti

    RispondiElimina
  5. RamboII. Io arrivavo all'elicottero, l'elicottero finiva la benzina prima del campo successivo. Sempre. Poi il cheat con i due joystick, e saltavi alla fine. Cosa sbagliavo, io che avevo imparato a lasciare i "coltelli mina", facendoli volteggiare sul posto?

    Visitors: l'ho giocato credo una settimana, impossibilitato a capire il meccanismo dei codici alieni, poi l'ho abbandonato. La tristezza, altro che Impossible Mission.

    RispondiElimina
  6. E anche oggi produttività ci vediamo domani.

    RispondiElimina
  7. Le bestemmie con Rambo III, se non ricordo male lo avevo sul Mega Drive... non sono mai andato riuscito ad andare oltre un certo livello, c'era un cancello che non sono mai riuscito a distruggere.

    RispondiElimina
  8. Ho un ricordo bellissimo di Batman - the movie, sia per C64 che per A500. Su A500 ricordo un prodotto davvero notevole (su TGM s'era beccato sicuramente la coccardina), specie per i livelli con la batmobile e il batwing. Sul C64 è stato un piccolo capolavoro (anche di programmazione). Ricordo i livelli a piattaforme che erano curatissimi, e una musica davvero favolosa.
    Allo stesso livello ci piazzo Rambo2, che come giocabilità se la vedeva pari pari con Commando.
    Transformers era frustrante per via di un bug: quando raccoglievi un cubo di energon e poi disgraziatamente crepavi, il personaggio successivo si trovava ad un certo punto tutto il quadro di gioco riempito di "garbage grafico"... e dopo un po' il gioco crashava.
    Sugli altri ho un personale "meh", ché già su "zzap!" di quei tempi c'era il teorema dell'equazione "tie-in ==> aspèttati la porcata".
    Knight Rider spreco imperdonabile.

    RispondiElimina
  9. Proprio qualche settimana fa su Internet si era tornato a parlare dei giochi Ocean per C64 ma per circostanze molto meno liete, ovvero la scomparsa del disegnatore Bob Wakelin, autore di tante copertine di videogiochi proprio per la Ocean. Per i giochi cito:

    Cobra: LOL. La versione per Spectrum però gode di buona reputazione.

    Rambo 2: tante ore buttate a giocarci da pargolo, ma in retrospettiva l'unica cosa memorabile rimane la colonna sonora.

    Platoon: bello, e da citare il secondo livello per essere la cosa più vicina a un FPS mai vista sul Commodore.

    Robocop: non solo era talmente tosto che potevi spaccarci le noci di cocco, ma era un termitaio di bug che rendeva impossibile il completamento (finchè i soliti smanettoni non aggiustarono tutto ovviamente). La musichetta dei titoli fu anche usata in una pubblicità inglese dell'Ariston nei primi anni '90.

    Batman: autentico oggetto di culto quando lo comprò mio cugino, e ricordo ancora oggi come le schermate 3D della versione Amiga sulle riviste mi sembravano il massimo della grafica, insieme a quelle di It Came From The Desert...ah, come dite, si parla di 29 anni fa? Acciderbolina.

    RispondiElimina
  10. aaahh i Tie In che roba, anche il mio primo acquisto è stato Ghostbusters (figata). Peccato poi che abbia seguito con Howard the Duck (una sola ma è stato il primo gioco che ho finito da solo). Ho recuperato un pelo con Labirynth che erea veramente una figata di gioco ma feci l'errore di comprarlo su cassetta (costava meno) e mi resi subirto conto della scomodità assurda del multiload. Avevo preso anche Short Circuit sempre a causa del film e poi ricordo che desideravo tanto Robocop ma alla fine non mi convinse del tutto e quel giorno scelsi Combat School (che ha il pregio di avermi fatto sfasciare 3/4 joystick). Mi sa che sono ancora affascinato dal genere visto che sullo scaffale dei giochi play4 campweggiano Transformer Devastation, Attack on Titan e Berserk and the Band of the Hawk!

    RispondiElimina
  11. Io ricordo un altro Batman della Ocean, forse piu' datato e credo di derivazione Spectrum .. nel mio caso, ci giocavo sull'Msx (ah che bella macchina!) ed era piuttosto 'balordo': lo stile era mutuato dal piu' noto Head over Heels (quindi un quasi 3d isometrico), e la difficolta' era data dal dover calcolare (come in molti giochi dell'epoca) gli spostamenti a livello di pixel e anche solo il toccare alcune parti dello scenario (ex. le pareti di un labirinto) faceva perdere una vita .. quindi un po' frustrante .. ma erano altri tempi! .. questo titolo è comunque abbastanza conosciuto, tant'e' che ho scoperto un remake molto fedele (e a colori) a cura del sito Classic Retro Games

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Si trattava del terzo gioco di Batman sfornato da Ocean: per tutti gli altri giochi del paladino di Gotham City, buttate un paio di occhi qui."

      Elimina
  12. Grande rubrica! E mentre scrivo alla radio passano Take my breath away... Che ricordi, che panzane di giochi! Si salvava solo Rambo che avevo per ZX Spectrum (poi venduto per prendere quella sola del Commodore 128...). Visitor era veramente il gioco meno user friendly mai creato. Non si capiva una dannata cippa. Attendo la seconda parte per vedere il gioco di Predator!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho dimenticato di scrivere: fighissime le copertine! Per un bimbo di una decina d'anni (+ o - 2) erano davvero promesse di contenuti che poi venivamo miseramente delusi... Del gioco di Corto Circuito ti avevo parlato qualche post fa, lo vidi ad una fiera dell'elettronica di Torino ma non avevo abbastanza sghei (almeno così diceva mio padre) per comprarlo... Però ricordo tale fiera per un simulatore di volo su PC che era davvero avveniristico (per l'epoca, parliamo dell'87).

      Elimina
    2. Scusa faccio auto-ammenda da solo (e strappo un pezzo di tessera dell'antrista): Predator era dell'Activision, mannaggia ai miei due neuroni, mi sembrava l'avesse pubblicato la Ocean...

      Elimina
  13. Tutte le volte che si rivanga quegli anni videoludici li, mi si riapre LA ferita...
    Che tutti stavano passando dal Commodore 64 all'Amiga 500 (se non alla 1000), e io, che finalmente li avevo convinti, mamma e papà, che il compiuter era un investimento anche per lo studio e il futuro, sperando in una Amiga 500, appunto, mi ritrovai tra le mani un Amstrad. Con monitor a fosfori verdi. E inclusa una confezione con un tot di cassettine per un totale di 100 giochi. Sorvolo sulla qualità della selezione (immonda) e sul numero di quelli che dopo decine di minuti di caricamento (!) funzionassero realmente (esiguo), ma siccome già ne avevo tanti, inutile spreco di Lira comprarne altri. Grazie tante Babbo Natale. Maledetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io che passai ad un PC 8088? Con scheda grafica CGA? che dovrei dire? :D

      Elimina
  14. ah quel Rambo II, con l'opzione invulnerabilità (da me sempre scelta...), per mazziare tutti e tutto, come se non ci fosse un domani...

    e, per quanto riguarda le notti magiche e i connessi pomeriggi del 1990, ci vorrebbe un post sull'alluvione di giochi calcistici "su Italia 90" (licenziati, pseudolicenziati, apocrifi) che ci toccò in quei giorni... a tal punto da continuare a giocare con il solido e sicuro "Emlyn Hughes", per anni e anni...

    RispondiElimina
  15. Cobra era uno dei TRE titoli che noi possessori di Spectrum usavamo per le misurazioni del pene ad 8bit coi colleghi sessantaquattristi.
    Putroppo il suo talentuosissimo programmatore Jonathan "Joffa" Smith ci ha lasciati nel 2010. Come qualcun altro ha riportato, anche l' artefice della magia dietro alle copertine dei giochi OCean del tempo, Bob Wakeline, ci ha lasciati la scorsa settimana. Non ha fatto mai mistero che i capoccioni gli chiedessero delle cover-art più belle laddove il gioco in produzione sembrasse mediocre.Per chi volesse approfondire storia, giochi e aneddoti legati alla Ocean consiglio il libro (anche in pdf) di Fusion retrobooks.

    RispondiElimina
  16. Lista bellissima, giochi bruttissimi...

    RispondiElimina
  17. Adooooooro i listoni (nonostante il più delle volte parlino di cose di cui ho solo una vaga nozione ma adoro quando mi si “impara”le cose)

    RispondiElimina
  18. Trovo meravigliosa la compilazione di questa specie di enciclopedia interattiva dello scibile nerd che da anni ormai stai portando avanti. Ti immagino come un tecno-monaco, chino sul tuo cyber-scrittorio, come in un'illustrazione di D.A.T. I posteri te ne renderanno merito!

    RispondiElimina
  19. Wow, time machine, sono tornato indietro di trentadue anni.
    A tal proposito, mi ricordo vagamente di una roba, "VIKING", non so se era una casa di giochi, una linea di giochi o una rivista. Avevo un sacco di spillati che trattavano questa cosa (regalo di mio cuggino) ma non ricordo a cosa si riferissero, era però roba per commodore 64. Qualcuno di voi sa indicarmi se esistevano?

    RispondiElimina
  20. Quanti bei ricordi. Quante ore passate sul tie-in Batman per Amiga. Quante bestemmie alla Ocean per non aver fatto programmare anche la conversione di "Chase H. Q." allo stesso programmatore artefice della seconda parte di Batman (anche se, col senno di poi, si trattava di giochi simili solo in apparenza...)! Comunque Robocop c'era anche su Amiga (un refuso, Doc, o era uscito dopo l'89?), somigliava un po' più al coin-op Data-East, ed era più giocabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, c'era anche per Amiga e ST (e Apple II), era un gioco leggermente diverso, ma soprattutto sviluppato direttamente da Data East anziché su licenza da Ocean. Per questo non è in lista.

      Elimina
    2. Veramente io sapevo che la cosa era assai più buffa, ossia che Ocean aveva acquistato i diritti prima ancora che il film fosse realizzato e li aveva poi concessi a Data East per il coin-op ottenendo in cambio di poterlo convertire per tutti i formati Home (Nes escluso, ma non mi stupirei ci fosse anche qualche altro formato), Amiga e ST inclusi. Non mi sbilancio su Apple. Comunque, se quanto detto fosse vero, bella mossa quella della Ocean.

      Elimina
    3. Può essere. Dovrei trovare il numero di Retro Gamer in cui si parla di tutta la storia, ma non ne ho tempo né voglia. Magari un'altra volta.

      Elimina
  21. Rambo III nella mia ignoranza di pivello mi piaceva, mi dava un feeling vicino a quello di Gauntlet. L'unico altro gioco che ho giocato era quello di Batman, autentica perla per C64, della versione Amiga non ne sapevo nemmeno l'esistenza, l'ho scoperta solo negli anni più recenti.

    RispondiElimina
  22. Batman della Ocean mi è rimasto nel cuore, ogni tanto vado su youtube e mi ascolto la sigla iniziale, fighissima.

    RispondiElimina
  23. Quanti ricordi con questo Batman per Amiga. A memoria lo sapevo. Con tanto di livello finale con la cattedrale da scalare fino al gran finale con il Joker che [SPOILER postumo di 30 anni] precipita tale quale al film. Capolavorò

    RispondiElimina
  24. Batman era bellissimo.
    A me regalarono anche Total Recall che mi piaceva altrettanto, ma immagino che lo metterai con la prossima infornata.

    RispondiElimina
  25. gli intoccabili lo giocai su c64 dove il primo livello era piu' lungo e, praticamente, impossibile
    Per la serie pronuncie impossibili puoi aggiungere quella del mio amico che lo chiamava Ancauntabol (ma avevamo appena appena studiato gli uncountable in inglese per cui era giustificato... con zany golf trasformato in DENZI golf un po' meno ;)

    RispondiElimina
  26. Avevo una cassettina per C64 bellissima inzeppata di Tie In, fra i quali c'era anche The Visitors... ma che minchia bisognava fare?
    L'ho rigiocato emulato qualche anno fa e come allora sono rimasto bloccato all'inizio ^_^

    RispondiElimina
  27. Tanto effetto nostalgia, se vogliamo essere censori severi molto bello Rambo II del 1986 e per l'epoca bellissimo, peccato la difficoltà. Se non sbaglio si poteva prendere l'elicottero ed erano belle cose. Batman su Amiga mostruoso, il livello di macchine era il miglior gioco di macchine fino a quel punto (peccato durasse troppo poco). Robocop su Amiga per me era bellissimo, giocato e stragiocato, uno di quei giochi per impressionare gli amici

    RispondiElimina
  28. Cavolo questo post mi gasa! Un po' meno il fatto che li conosca tutti o quasi sti giochi.... Sono vecchioooooo!

    RispondiElimina
  29. Mamma mia che ricordi, giocati tutti. Poi proprio nell'87 mi ricordo che un mio amico mi portò a casa di una persona dove ci fece vedere l'amiga 500 con Defender of the crown ed il gioco di Simbad. Non vi dico la mascella che colpo che prree quando tocco terra. Tra l'altro questo tizio trafficone aveva una partita di amiga con i filtri audio rotti. In conclusione mi ha fatto un offerta che non potevo rifiutare e ciaone al c64...

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Oddio corto circuito, l'avrò visto un migliaio di volte, non sapevo ci fosse il gioco. Lo metti tra i possibili superfantascienzo?

    RispondiElimina
  32. E nel gioco di Danko non c'erano i parrocchetti... che mancanza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Parrocchetti? Che cos'è? Incasinare detto in russo? (cit.)

      Elimina
  33. Non ho bei ricordi per i giochi della Ocean, ma ammetto che questi non li ho provati. Non posso giudicarli appieno.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.