Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione VII, parte IV): settembre-ottobre 1992

E dopo un quarto di secolo la gente ancora
litiga con la differenziata. Bravi, bravi tutti
Rassomigli a tutti noi, sei furbo e birichin, e perciò noi gridiam, viva Topogìgg! No, aspe'... com'era? Era che nell'autunno del '92 tanto si cantava il Pippero degli Elio e le Storie Tese & Le Mystrère des Voix Bulgares. Direttamente dall'autunno di ventisei anni fa (fischia), le pubblicità che ti saltano fuori dai Topolino 1922-1926 (27 settembre - 25 ottobre 1992, 2.300 lire cadacatorce). E poi tutti a ballare un ballo a misura d'uomo, più umano, più vero [...]

Partiamo da I 5 Samurai, con le loro armature fichissime, i pugni d'acciaio (a proposito di Pippero) e i corpicini flessibili per ammucchiarsi come uomini molto sessuati. Questo è Krana, il demone dei veleni e protagonista della barzelletta sulla Krana dalla borga Klarga.
Costui è invece Demon, il demone supremo, ché i nomi originali li avevano finiti. Spende una fortuna in parrucchiere e c'ha la maschera con la risatina, Demon, perché sì. 
Ed ecco un quadro completo del kamasutra dei 5 samurai, con la Presa del Riflusso Magmatico (vomiti dopo aver bevuto un lavalovalove cocktail), il Corpo che Crolla nell'Oscurità (fossa imprevista sulla via delle latrine del campeggio), Mossa del Fulmine che Cade (incastri da tergo, con e senza fidanzamento), etc.
 Schiribilla, dove batte brilla. In pratica, una lucciola sulla tangenziale. 
Mr. Perfect degli Eroi del Wrestling Hasbro/Gig, con un collo incredibilmente ancora più grosso di quello del vero, povero Curt Hennig.
Il Winner Algida e la storia complicata di un giocatore di baseball che in panchina se ne sta a mangiare il gelato, anziché sputare come ogni praticante di questo sano sport inutile (/lenzacalata). 
Due pubblicità delle Kickers, di cui ti sbatterebbe allegramente il belino, non fosse che sono a fumetti e che queste storielle sulla scarpa giuovine Kickers le ha realizzate Umberto Manfrin, storico autore di Tiramolla
Il gioco del secondo Batman di Burton in versione Atari Lynx. Tutti sognavate un Atari Lynx, il portatile a colori, e chi ne aveva uno spendeva la pensione della nonna in batterie. Ne avresti comprato una versione loose solo molti anni dopo, per collezionismo, e ci hai giocato a Toki per giorni, nonostante lo schermo un po' smarmellato nei colori. 
 Continuava intanto imperterrita la piaga degli odiosi Gig Tiger,
ma almeno quelli di seconda generazione non si spacciavano come controparti dei giochi da sala (#credici), ma come semplici giochini elettronici ispirati a fumetti, film e cartoni del momento. 
Birba, il tuo amico di strada. La padroncina, stanca di questo mostro orribile, sta caricando nella foto grande una puntazza di destro con cui spedirlo nel sole. 
Ma c'era anche Birba Dalmata, che di notte diventava aggressivo e azzannava alla gola i suoi padroncini per vendicare il cugino vaporizzato. 
Allo stesso modo, alla variante classica di Sbrodolina, la bambola che sta per morire e quindi fa le bolle dalla bocca, 
si affiancava la versione Dolce Nido, immobilizzata in un pratico carrello da supermercato per vecchie. 
Passettina, invece, impara a camminare, vestita come una Paolino Paperino scappata di casa. La sua padroncina la chiama a sé, con quell'indice flesso, perché se non impara subito le spezza le rotule. 
Le pagine dei videogiochi del Topolino primi anni 90 erano sempre uno spettacolo. Nascevano console come il "Sega master system Gear" 
o l'Atari Linx, con la i. La descrizione di Batman Returns è però bellissima e ovviamente il fatto che gli si dedichi un paginone intero non è influenzato dalla presenza della pubblicità del gioco in questo e nei numeri seguenti. Non fate i soliti maliziosi. 
Convincentissima anche la descrizione di Corvette ZR-1 Challenge (il nome nel titolo è scritto tutto sbagliato, come quello di Ghostbusters sotto).
Sotto un giovanissimo Magalli (AAAAARGHHHHH) si parla del Karaoke di Fiorello, questo nuovo programma TV su Italia 1. "Karaoke significa cantare con un accompagnamento musicale". No, in realtà è l'esatto contrario, ma non sottilizziamo, va' che giacca color mandarino c'ha Fiore. 
Qui, invece, vediamo il cartone Forza Campioni, i programmi sportivi dell'epoca (Gianni Brera al processo di Biscardi...) e il comico e ventriloquo Pietro Ghislandi, che ti ricorda tanto il film Soldati - 365 all'alba che tutta una serie di programmi TV per ragazzi. 
Vanessa Paradis, troppi ricordi, gialli come il gioletacsi, 
 la rubrica Perry Naso del grande Francesco Salvi,
un'intervista ad Arianna sul suo rapporto con i videoregistratori. Anche i suoi genitori erano "videofans", ma meno di lei. Son notizie. 
Infine gli auguri a Martina Navratilova, che è incredibilmente meno inguardabile ora che ha sessant'anni che all'epoca. Davvero. Qui scopriamo comunque il segreto dei suoi successi a Wimbledon: era "scortata da una trup di consulenti". Gli Sturmtruppen. 
Le figurone da collezione Score. Card plastificate a 1.000 lire a bustina. Nel feudo delle figurine adesive? Mmmh.
Quando senti parlare dell'Albero Azzurro, per via di suggestive esperienze lavorative di qualche anno fa, ti prendeunDODÒBASTARDOINUNFORNOCONLEPATATEEEEEE. Scusate, tutto ok, proseguiamUCCELLODIMMERDAMAVAFAMM...
Il Tesoro del Tempio, un gioco della MB di cui non avevi mai sentito parlare, 
a differenza dell'entusiasmante (uh, guarda) gioco ufficiale di Euro Disneyland, prima che in una botta di revanscismo il parco venisse ribattezzato Disneyland Paris. "E chi ottiene i 4 differenti souvenirs partecipa alla parata trionfale di Topolino". Minchia, che culo.
Un'altra Gig Nikko molto sobria ed elegante, la Sonic Animal Superluminoso e Ruggente, ché veniva direttamente l'Attila di Abatantuono a pilotartela, 
e quel povero sfigato di Capitan Planet. Il super-eroe dai capelli verdi e il mullet da drogato che affronta nemici inquinanti come Lady Velenia, Mr. Virus, Dick Disastro, Rody Rogna, Capitan Flagello, Catarrino Sputaaterra, Maggiore Minzione, la signora del quarto piano che ancora non ha capito che al mercoledì c'è la carta e non l'umido, vecchia stronza rincoglionita.  
Una nostra vecchissima conoscenza, il robottino a cassette saputello 2-XL. Che sa tutto, c'ha le mani sui fianchi, dopo cinque minuti volevi distruggerlo a calci per togliergli quell'espressione di sicumera robotica.
I Coccodritti, collana di sorpresine degli ovetti, a tema coccodrilloso. Vinsero il ballottaggio, nel reparto R&D Kinder, con i più attuali e provocatori Tirabamba. 
Chiudiamo con i nostri cari Playmobil. Dall'Incantatrice di Serpenti a un altro ruolo supersfigato su una scala da zero a Playmobil Barbone scacciato dall'Ussaro: il Playmobil naufrago su una zattera. Circondato dagli squali. Addio, amico, pensa che tuo cugino fa l'astronauta, e te non ti caga nessuno. Tranne il pescecane, tra poco. 

TUTTE LE ALTRE PUBBLICITÀ FUORVIANTI DI TOPOLINO


Commenti

  1. Le mosse di "annodamento" dei Super Samurai mi ricordano troppo gli incastri dei pupazzetti di Team America: World Police!

    RispondiElimina
  2. Due noticine veloci veloci:

    - Parlando di Capitan Planet, il personaggio che in Italia si chiama Dick Disastro, il peggior pornodivo di tutti i tempi, in America è noto come...


    Duke Nukem.

    Infatti alla Apogee rinominarono temporaneamente il loro personaggio "Duke Nukum" per evitare problemi legali. Dopo però aver scoperto che il nome Duke Nukem non era protetto da copyright, Broussard e amici decisero di registrarlo loro e il resto è storia.

    - Il Gig Tiger di Rocketeer lo tenevo (e dovrei averlo conservato tuttora)!

    RispondiElimina
  3. Sempre una totale meraviglia le pubblicità del topo

    RispondiElimina
  4. Mi è entrata un'enorme bruschetta in un occhio quando sono arrivata ai Coccodritti, visto che mio babbo ha ancora sulla scrivania il Giotto Panciotto a cui l'avevo assimilato all'epoca...

    RispondiElimina
  5. Vorrei segnalare due plaympobil recenti ed interessanti; Cleopatra coi serpenti e lo schiavo della miniera di carbone del west

    RispondiElimina
  6. Il tesoro del tempio ce l'avevo. Era un Isola di Fuoco più tecnologica, mi ci son divertito assai da bambino.

    RispondiElimina
  7. Doc, aver compreso quanto sessuati fossero i samurai ha appena dato una connotazione tutta diversa alla mia infanzia...sono stati sempre sotto i miei occhi eppure non mi sono mai accorto di niente!

    Io avevo il Gig Tiger di Golden Axe; riuscii a finirlo subito prima che si rompesse definitivamente.

    Capitan Planet m'ha fatto venire un mezzo infarto.
    Sallo.

    RispondiElimina
  8. il tesoro del tempio ce l'aveva a mio cuggino!
    Coccodritti rulez.

    RispondiElimina
  9. Il WINNER continua a mancarmi tantissimo anche oggi, adoravo quello snack freddo, forse ancora più di suo cugino TACO...
    Mi sono appena ricordato che uno dei "nuovissimi" Gig Tiger ce l'ho ancora inscatolato da qualche parte. Ovviamente sto parlando di quello di Ducktales (cuoricioni)

    RispondiElimina
  10. Grazie per aver postato la pagina che mi dice tutto sul giorno del mio settimo compleanno

    RispondiElimina
  11. La prossima volta che ci si vede giochiamo al Tesoro del Tempio.

    RispondiElimina
  12. Meno male che hai messo L'occhio alla lenza, Doc...l'ultima volta che uno ne ha detta mezza sul Baseball e' scoppiato un putiferio. Era sulla Gazza, mi pare...
    Da come la vedo io, se uno sport ti piace giocatelo in santa pace, invece di stare sempre a guardare ogni singola sillaba.
    Per il resto, articolo ottimo e divertente come sempre. Davvero un inizio d'anno scoppiettante!
    Beh...ci vuole!
    L'Atari Lynx era IL TOP, all'epoca, per le console portatili.
    Ma la potenza, da sola, non basta.
    Il Game Boy era in bianco e nero, se ci mettevi sopra la mano non si vedeva piu' nulla, ma...aveva un catalogo SCONFINATO, ed un ottimo rapporto qualita'-prezzo. E le batterie duravano un casino.
    Il Lynx, invece, aveva un'autonomia scarsissima.
    Peccato, perche' giochi come Toki (che hai citato), Gates of Zendocon,Rampage o Xenophobe (la roba piu' simile ad Aliens che abbia mai visto, almeno su console portatili) erano IMPRESSIONANTI.
    Batman Returns per Lynx mi ricordo che lo avevo provato al SIM HI-FI di Milano. Era in esposizione, e ci potevi giocare.
    Altro che Games Week, a quell'epoca quel poco che c'era lo rimediavi li', oppure allo SMAU. O alla vecchia ABACUS. Un anno pero' era stata favolosa. Sia Nintendo che Sega avevano i loro stand (ok, erano Gig e Giochi Preziosi) con una decina di postazioni. Quello Nintendo era in un tubo gigante, e si crepava dal caldo...

    RispondiElimina
  13. "...la signora del quarto piano che ancora non ha capito che al mercoledì c'è la carta e non l'umido, vecchia stronza rincoglionita." MUORO!

    Menzion d'onore all'Algida Stronza per la Sua vistosa assenza. IL MIRACOLO DI POSTNATALE!

    RispondiElimina
  14. Fiorello e il Karaoke, che brutti ricordi: mi fanno lo stesso effetto che fa Dodo a te.
    Perry Naso, invece, è un pilastro: gli avevo anche scritto, assieme alla mia compagna di banco (ovviamente qualcosa di completamente insensato) e ci aveva spedito l'autografo (con dei saluti completamente insensati, un grande)

    RispondiElimina
  15. Roba di livello come sempre! Ma qui si sarebbe curiosi di sapere,se si può, dei tuoi trascorsi con Dodò, che parrebbero succulenti..;)

    RispondiElimina
  16. Aggiungo, da proprietario all'epoca del Gig Tiger degli X-Men,che il verso al gioco da sala Capcom lo faceva eccome...maledetti!

    RispondiElimina
  17. Il cane Birba, quanti ricordi! Mio fratello quando vedeva la pubblicità del cucciolo non perdeva mai occasione di chiedersi perché il guinzaglio gli finisse nel... sì, che insomma c'era del sadismo latente. Di Sbrodolina invece ricordo che mi faceva abbastanza schifo per via di quel suo sbrodolio da invasata mentecatta. Dei coccodritti serbo particolare ricordo di Lallo Intervallo, che finiva immancabilmente nel presepe di mia zia accanto al fabbro, prima di essere immancabilmente tolto di mezzo dalla suddetta zia a suon di minacce e di mannaggia.

    RispondiElimina
  18. wow doc avevo 8 anni nel 92,adoravo i samurai e ne avevo 4 di cui 3 erano tarocchi ma comunque costosi per quel che ricordo,guardavo capitan planet su solletico a rai uno collezionavo i coccodritti e poi batman il ritorno...ero totalmente in fissa avevo l'album che sfogliavo di continuo la vhs sempre tarocca letteralmente consumata.durante la vigilia di natale ho ricordato ma più di tutto rinfacciato a mia madre che dovevamo festeggiare i 25 anni della promessa non mantenuta di portarmi al cinema a vederlo,infatti mentre il mondo si strugge per il vile attentato del 2001 io ricordo l'11 settembre del 92 come giorno della perculazione e del credici da parte di mia madre :(
    off topic @doc tu che sei sensibile astieniti da coco della disney io e mia figlia(ma anche la sala) sul finale stavamo annegando nelle lacrime

    RispondiElimina
  19. i migliori sono per me i playmobil perchè suscitano sempre le domande più importanti sull'umanità e il segreto dell'universo, in questo caso due prodotti spiccano:
    1) il carro del fieno: PERCHE' dovrebbe interessare a qualcuno avere il carro del fieno playmobil?
    2)la zattera: Doc, se guardi c'è scritto pirata+zattera+pescecane, è un pirata sfigato che va in zattera oppure nella pubblicità hanno messo "pirata" per rendere più avventuroso un naufrago che in realtà è un geometra di Velletri? (senza offesa eh)

    RispondiElimina
  20. Non mi rovinare le "mosse mitiche" (come diceva lo spot televisivo) dei samurai. XD

    RispondiElimina
  21. in quei mesi inziavo l'università...e dei giocattoli non avevo nessuna notizia... però che nostalgia a pensare che erano ancora anni di (quasi) libero sport in TV... le moto erano appena approdate su payTv ma sarebbe stato impensabile e sacrilego privare la Nazione della Formula 1 (c'era ancora Senna...Mansell vinceva il suo unico titolo mondiale e un giovane tedesco proprio in quei giorni vinceva il suo primo GP)...

    RispondiElimina
  22. Io me li ricordo tutti, eccome!
    Le mie lacrime napulitante sono per i 5 Samurai, i Coccodritti, Capitan Planet, i fumettini delle Kickers (in quanto lettrice del Tiramolla col cappellino da baseball, riconoscevo il disegnatore), i Gig Tiger dei film Disney e le figurone Score (che la mia maestra ritirava e buttava nel cestino e io recuperavo, ma non per renderle ai compagni, bensì per tenerle per me...).

    RispondiElimina
  23. Ricordo benissimo tutte quelle pubblicità!
    Nel 1992 avevo 4 anni... Tra topolino e gli spot pubblicitari tutto è ancora impresso nella mia capoccia XD

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.