Star Wars: Gli ultimi Jedi, la recensione senza spoiler

Star Wars: Gli ultimi Jedi, la recensione senza spoiler
Ed eccoci qua. Tanta attesa, i trailer visti trenta volte, il marketing, il merchandising con le macchinette del caffè che cedono al lato oscurotfl, i pupazzetti, le magliette, le teorie, i sarà questo, sarà quello, sarabanda. Due anni fa eri stato molto indulgente con Episodio VII, il Risveglio della Forza, non solo perché eri felice dopo tutto quel tempo di scoprire finalmente come diavolo proseguiva sul grande schermo la storia di quella galassia lontana lontana che ti aveva rapito oltre trent'anni prima. Non solo per la scimmia di rivedere i tuoi eroi di nuovo in azione, vuoi pure ormai con il fisico da professionisti del bingo. Ma perché pensavi che pur con tutti i suoi difetti, il riciclo di idee e situazioni, Episodio VII fosse un modo efficace per riportare in pista la saga. Mettendo insieme, alla pari, il vecchio e il nuovo. Cast, pubblico, tutto. Come le serie di Holly e Benji, che prima di raccontarti qualcosa di inedito, devono ri-raccontarti in qualche modo il vecchio, per farti sentire a casa. Nel Millennium Falcon e non. Hai sorriso bonariamente di chi si attaccava alle impossibilità fisiche del film e della sua megaarma spaccamondi (in una pellicola di Star Wars, eh. Ricordiamolo) e ti sei goduto quello che di apprezzabile c'era. Anche il nasone, col senno di poi soprattutto il nasone. Non è che non vedessi cosa non funzionava, è che il lato chiaroscuro della scimmia era più forte di tutto. Solo che ora, soprattutto dopo una pellicola riuscita come Rogue One, quella storia rimessa in pista bisognava portarla avanti. Spingerla in una direzione, una qualsiasi. Due ore e trentadue minuti di Episodio VIII, Star Wars: Gli Ultimi Jedi più tardi, esci dal cinema pensieroso, sfilando accanto ai cosplayer con le spadine di plastica e l'orda di spettatori della proiezione successiva. Loro sorridono, emozionati. Tu no [...]

Ora, prima che qualche precipitato da Google o dai socialcosi rompa l'equilibrio della Forza e fondamentalmente i coglioni con i suoi Non sei un critico quello che dici non valeeee LALALALA, no, non sei un critico cinematografico e questo non è Variety. Sei uno che guarda un film dopo aver pagato un biglietto e scrive quello che ne pensa sul suo cacchio di blog personale. Nel senso di blog personale. Ti scoccia ricordarlo ogni volta che esce un film nerd di rilievo, ma là fuori è pieno di scimmie con problemi gravi nell'accettare il pensiero altrui laddove ≠ dal proprio. Gente che s'incazza, anziché tipo farsi una vita e comprendere che tocca smetterla di essere rEgazzini dopo i 12, massimo 13 anni. Fine pistolotto anti scimmie terminatrici, torniamo al film.
Il tuo grosso problema con Gli Ultimi Jedi è che per un sacco di tempo la storia non solo non va avanti, ma resta inchiodata su se stessa, a fare i girotondi come un Nanni Moretti del 2002. Si parte da una gag agghiacciante sul Generale Hux:non dell'umorismo semplice, di quello che in Star Wars non è mai mancato (basterebbero le smorfie di Han Solo o le figure dimmerda di C-3PO a far casistica), ma quelle gag da film Disney in stile Thor: Ragnarok. Quelle con i silenzi e gli sguardi alla Mister Bean, che ami così tanto da augurarti che chi le ha scritte finisca sotto un ponte. Subito prima che crolli. Ma dai, fortunatamente ci si riprende un attimo dopo, con una battagliona spaziale di quelle strategicamente inutili ma molto spettacolari. Tutto forzatamente e molto volutamente già visto, ma oh, quando guardi fare a quei caccia lì quelle robe là non ti frega molto del resto. Del deja vu o del fatto che su un GameCube hai ripetuto quell'attacco un'infinità di volte. E poi dopo... niente. Grosso modo niente, per quasi due ore. No, sul serio.
Kylo e Rey, Rey e Kylo. Il mistero che circonda la seconda, la raccomandata dalla lobby del midichlorian, e la vera natura del primo, personaggio fondamentalmente incompreso da una grossa fetta del pubblico di Episodio VII, troppo presa a far battute sulla sua nasca per capire quanto fosse interessante un "ragazzino con la maschera" (cit) che vuole fare il cattivo ma si sente attratto dal lato sbagliato della forza (per lui quello chiaro), tanto da chiedere disperatamente ispirazione al feticcio di suo nonno. Tutto ruota ovviamente attorno a loro e a quello che è successo davvero durante l'addestramento del figlio di Han e Leia. Kylo Ren resta anche qui un personaggio interessante, vuoi perché la sua evoluzione e le sue scelte non sono scontate, vuoi perché il ragazzino con la maschera è cresciuto. Ha ancora grossi problemi nel gestire gli scoppi d'ira, ok, ma è cresciuto. Magari un corso di meditazione zen ogni tanto, metti.
Il punto è che a lungo la crescita in oggetto e il borsino del chi è davvero buono e chi davvero villanzone nell'animo scorre sui binari di una videochat su WhatsApp powered by the Forza. Alla terza o quarta videochiamata, il tutto inizia a diventare risibile. Devo attaccare, scusa, c'è mia madre. Del resto, non c'è molto altro. Doveva essere il capitolo oscuro della nuova trilogia, il nuovo L'Impero colpisce ancora, e in qualche senso lo è: l'Impero il Primo Ordine colpisce duro, i Ribelli la Resistenza le prende, c'è la grande battaglia su un pianeta di sale che fino a quando non lo pesti sembra proprio ghiaccio di Hoth. Ma manca il tour di pianeti e ambientazioni, manca l'avventura in giro per la galassia. Se togli quel casinò cosmico inguardabile, e il messaggio buonista alla Luis Miguel che gli hanno legato attorno alla fine, o lo scoglio eremo di Luke Skywalker popolato da pupazzi (quelli del convento e gli altri), son tutti interni di astronavi e attesa. Attesa che qualcuno faccia qualcosa, in genere sbagliata.
Ciao, ex principessa. Sempre nei nostri cuori.
Facciamo a intenderci: non è che ti aspetti chissà quale trama sconvolgentemente originale da un film di Star Wars. È un tratto che in fondo non è mai appartenuto alla saga, sin dalla prima trilogia che tutti amiamo. La storia convenzionale (principessa e cavaliere vs cavaliere nero) e le mimmate (tipo Leia che non fa una piega dopo che le hanno nuclearizzato il pianeta) hanno sempre fatto parte del DNA dell'universo di Ciccio Lucas. Adori Star Wars, ovvio, ma per tutto il resto: l'azione, gli eroi che fanno cose eroiche, le battaglie, il fascino esotico di un viaggio tra razze, mondi, culture come neanche un Interrail su Alpha Centauri. E qui quel brivido del nuovo, quella gita nell'immaginazione, ben presente in Rogue One (l'ottavo film, non il primo o il secondo) semplicemente non c'è. Ci sono delle belle sequenze (e volevi pure vedere), ma tutto sembra così, boh, piatto come una pianura di sale biancorosso. La regia e la sceneggiatura di Rian Johnson incapaci, come aveva pur fatto un minimo Gareth Edwards, di affrancarsi dalla KathleenKennedycrazia e dai voleri dei piani alti della Casa del Topo.
Capitan Phasma. Occhio ché... no, occhio e basta.
Certo, è bello rivedere finalmente Luke Skywalker che fa e dice qualcosa, non solo la faccia enigmatica da anziano bucapalloni. Certo, è bello vedere anche un certo altro personaggio, per quanto il tutto sia rovinato tre secondi dopo da un'altra gag scema e fuori luogo. E sì, ci sono un sacco di morti nella transizione tra il vecchio e il nuovo (fortunatamente qui si parla solo del cast e non pure del pubblico, alzate quelle mani) e c'è un momento di commozione. Ma la storia, come un Ala-X a diesel con gli iniettori sporchi, sembra decollare davvero solo nel terzo atto. Lì Gli Ultimi Jedi sembra scollarsi dalla videochat, dalla tautologica ripetizione delle stesse quattro cose (tranne qualcuno del Primo Ordine che urla ABBATTETELO! Quello c'è fino alla fine) e si ricorda di essere un film di Star Wars. Ci sono i duelli con le spade laser, i dogfight, gli atti eroici e pure il momento commovente. Telefonatissimo, ma c'è.
Poe Dameron, con il naso in prestito della Cucinotta.
Ma il fatto che il terzo atto sia decisamente meglio di quanto viene prima non significa che ti abbia galvanizzato davvero. Quei Camminatori messi lì a far scena, il modo in cui si risolve il tutto. Boh, fatta eccezione per il momento commovente di cui sopra (e pure lì...), nessuna emozionivery. Torneremo sulla storia e i suoi non-sviluppi in un post apposito, magari, con le considerazioni per chi il film l'ha già visto, ma questa è una recensione senza spoiler e più di tanto non puoi dire. Fatto sta che da quel deserto di sale e da quel cinema sei uscito così. Così nel senso di deluso. Non hai trovato quello che ti aspettavi e speravi di trovare, e ora che la scimmia del nuovo dopo la lunga astinenza si è borghesizzata nell'appuntamento annuale di metà dicembre, ti sei sostanzialmente divertito poco. Molto poco. Sì, è solo la seconda parte di una trilogia, ma doveva e poteva esserne la spina dorsale e il piatto forte. Anche perché al prossimo giro torna in campo J.J., sai le risate. 
Tre presidentesse, nel senso di sei, massimo sei e mezzo. Per quel poco di emozioni che ti ha regalato - un cazzo, hai cacciato i soliti otto euro - l'ultima parte. Ma il resto, boh. Tutti a farsi le menate sui Porgs, sul che vergogna gli animaletti kawaii (solo te ricordi metà Episodio VI affidata a quei dannati orsacchiotti dei boschi?) e poi quello è il più innocuo dei problemi, in una pellicola a cui non bastano i buoni presi a calci in culo e una parata di Camminatori gorilla per essere il nuovo L'Impero colpisce ancora. Manca il vero pathos, manca l'amore (oh, nella fiaba fantasy fantascienza che era la prima trilogia contava eccome anche quello) e manca pure il cazzottone nello stomaco che Episodio VII, atteso o meno, ti rifilava a un certo punto. 

Piove a dirotto, quando esci dal cinema. Avresti tanto voluto trovare una nuova speranza, ripescare anche nella saga principale le vibrazioni giuste di Rogue One, e invece devi accontentarti di quel poco (poco) che è stato di tuo gradimento. Perduto l'equilibrio della Forza forse è, quello della nasca in compenso no, ché nella Resistenza - incredibile - c'è una più nasona di Kylo. Magari pure di Pippo Franco. Rogue One, pur col compitino più facile dello spin-off con carta bianca, aveva alzato inevitabilmente asticella e aspettative. Qui dove siano finite l'una e le altre è meglio non scriverlo. 

Discussione libera, ma A) Niente spoiler su NIENTE, B) ogni commento minimamente mosso da animosità verrà irriso e affidato al tritarifiuti. È pur sempre un cacchio di film, se quello che scrive chiunque altro, di qualunque cosa si tratti, vi fa arrabbiare e non riuscite a discuterne con calma, beh, avete un problema. Grosso. Tutto chiaro? Bene. Che la forza sia... no, niente. 

Star Wars: Gli ultimi jedi
Recensito da: DocManhattan DocManhattan Data: Dec 13 2017
Voto: 3

Commenti

  1. Lo andrò a vedere la settimana prossima, pur avendo capito che forse non ne vale la pena, che peccato

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è detto niente spoiler, anche nei commenti. Della trama parliamo nei prossimi giorni in un secondo post, come fatto per Episodio VII.

      Elimina
  3. Se tanto mi da tanto, visto che a te è piaciuto tanto il primo (nel senso di VII) che io ho trovato una gigantesca presa per il culo... beh, questo lo adorerò...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sure, ne parliamo dopo che l'hai visto. Le previsioni da proprietà transitiva non sono sempre affidabilissime quando parli di film diversi girati e scritti da gente diversa, mi comunicano dalla regia. Ma oh, ognuno.

      Elimina
  4. Completamente d'accordo! Mi aspettavo un film diverso più, diciamo un Impero Colpisce Ancora che incontra Rogue One. Belle le battaglie ed il momento bruschetta nell'occhio, ma sono uscita dal film delusa. Magari riguardandolo più in là farò pace con la realtà!

    RispondiElimina
  5. Ciao Doc! Da ammiratore solo lettore del tuo blog a commentatore la distanza è breve un parsec e mezz...ah no!
    Beh, cosa dire di questo Ep.VIII? Sostanzialmente d'accordo con te: aspettative tanto (troppo?) alte, uscito dalla sala tutto sommato emozionato e soddisfatto ma con quel retrogusto di sì..però...Sicuramente la presenza di nonno Hamill è un valore aggiunto e surclassa, imho, quella di nonno Ford in ep.VII. Per il resto diverse perplessità, su cui magari ritorneremo nei prossimi post.
    Dico che la mano Disney, come con gli ultimi film Marvel, si nota e non è sempre un bene, per usare un grossissimo eufemismo. Sensazione che manchi qualcosa a questa saga, e dato che siamo già a 2/3 e nel prossimo torna Abrams, come dici te, non sono per niente tranquillo

    RispondiElimina
  6. Ci risentiremo quando parlerai della trama ( anche per quella cosa che succede alla fine!). comunque a noi e’ piaciuto molto, l’abbiamo trovato eroico e commovente.

    RispondiElimina
  7. A spanne, dopo varie rece no spoiler lette in giro, mi sembra che il film piaccia ai giovani e lasci freddini gli anziani. Che poi fa rima con Disney, a volte.

    RispondiElimina
  8. A spanne, dopo varie rece no spoiler lette in giro, mi sembra che il film piaccia ai giovani e lasci freddini gli anziani. Che poi fa rima con Disney, a volte.

    RispondiElimina
  9. Visto alle 10:00 assieme a mia moglie, devo dire che entrambi ne siamo usciti soddisfatti. gli unici dubbi che ho riguardano alcuni passaggi della trama (pignolerie mie, ne riparleremo) ed effettivamente ho rilevato qualche gag fuori luogo (che invece alle dolce metà sono piaciute).
    Anche io ho visto una storia in certe parti statica e chiusa su se stessa, ma l’ho attribuito a una scelta voluta collegata alla struttura stessa della storia ... mi dilungherò nel post apposito.

    RispondiElimina
  10. Doc, qui parlano di una scimmia che sta seminando il panico a Tokyo: http://www.corriere.it/esteri/17_dicembre_13/scimmietta-che-terrorizza-tokyo-a618c5e8-dff6-11e7-b8cc-37049f602793.shtml

    Credo di aver capito di chi è

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Il vero problema è che mi tocca andare per forza a vederlo per evitare liti coniugali. 'sta cagata di roba. Il vero Star Wars (anzi, Guerre Stellari), per quanto mi riguarda, è finito con lo Jedi del 1983.

    RispondiElimina
  13. Commento ipersintetico: una sceneggiatura ottima (trama, svolte, colpi di scena) affidata ad una regia da fratelli Vanzina (la gag che ricordavi in avvio tra le altre). Siccome l'ho visto due volte, alla prima do 6, la seconda 6,5

    RispondiElimina
  14. E diciamolo che Kylo Ren è l'unica vera novità interessante della nuova trilogia! Questo però lo devo ancora vedere.

    RispondiElimina
  15. Onestamente mi pare che episodio VIII, in tante piccole cose, come trama sia sopra la media.

    Oddio, forse trama non è la parola più esatta, però in diversi punti (me ne vengono in mente un paio proprio nei due momenti principali) si nota una attenzione nel. giustificare certi sviluppi che difficilmente si troverebbe negli altri film. Forse non è indice di una trama di buona qualità nel suo complesso, ma io l'ho apprezzato molto.

    Come pure ho apprezzato il fatto che si discosti dall'usuale "giro dei pianeti" tipico del film di star wars, per concentrarsi in uno spazio ed un periodo di tempo molto più ristretto.
    In tante cose mi pare abbia apportato delle novità al franchise di cui si sentiva il bisogno, e dopo un altro paio di visioni potrei arrivare a dire che è uno dei migliori della saga.

    RispondiElimina
  16. Senza alcuna animosità dico che le parole del Doc sembrano confermare quel trend discendente che ai miei occhi era già evidente in Rogue One, film che non mi ha entusiasmato affatto.
    Siccome a Hollywood non si alzano manco dalle sedie senza essere sicuri di fare un botto di soldi penso che la ragione di questi film così poco "evocativi" quando belli a vedersi sia che non sono più il target di questa nuova trilogia (+ annessi). A 45 anni non mi bastano più storielline scemotte e cartoonistiche e non mi bastano gli effetti speciali super perchè ormai sono lo standard. Non è per nostalgia che continuo a preferire la vera trilogia. Credo che sia davvero meglio di tutto il resto, che sia di Lucas e di altri.

    PS A casa mia non entreranno mai modellini dei nuovi film...almeno per ora...aspettiamo gli altri 4 e più che arriveranno.

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Sono uscito dalla sala con addosso una tristezza e la consapevolezza che Guerre Stellari non é più il "mio" Guerre Stellari quello visto da ragazzino. Rimando al post sulla trama tutto quello che non mi é andato giú

    RispondiElimina
  19. Eh, mannaggia a Obi Wan. L'ho visto stamattina ed è da allora che cerco di capire se mi è piaciuto o meno. Ho tanti pollici in su e altrettanti in giù. A parte per come Poe guida l'X-Wing. Quella manovra lì sembra essere il tratto distintivo di questa trilogia* e me ne beo ogni volta. Il tamarrometro schizza alle stelle ad ogni visione. Ci devo dormire su, sono davvero confuso.

    *Se è considerato spoiler cancella pure tutto, mi sembrava abbastanza vago :)

    RispondiElimina
  20. Ciao Doc, come al solito grazie per la recensione senza spoiler. La Forza scorre potente nelle tue parole e mi fa capire che non è più il posto giusto per me, nonostante il ritorno di un vecchio amico come il buon Luke. Lo vedrò probabilmente ma in tempi più lunghi e senza l'hype che avevo per Rouge One. Unica cosa che mi ispira è il sandspeeder della Lego, tra i set dedicati a questa pellicola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://thumbs.dreamstime.com/z/ruota-di-roulette-classica-del-casin%C3%B2-con-il-settore-rosso-uno-1-28935268.jpg
      :-D

      Elimina
    2. Sai che non avevo colto il refuso? Però ci sta, visto che nel nuovo film c'è il casinò!

      Elimina
  21. D'accordo praticamente su tutto. La parte centrale sembra messa lì per allungare il brodo.

    RispondiElimina
  22. Visto stasera e ne sono rimasto soddisfatto: in particolare i "teledialoghi" li ho trovati interessanti perché hanno creato il pretesto e l'occasione per far appunto dialogare due personaggi distanti non solo spazialmente... Dicevo a mia moglie tornando a casa, che una cosa del genere nella trilogia originale non riusciva ad avvenire, tant'è che Luke e Vader si incontrano giusto 3 volte (tutte significative, ma comunque poche).
    In generale non ho trovato nessuna parte inutile all'economa della storia, al limite ci sono state azioni inutili per uno o più personaggi, ma questi "fallimenti" li ho trovato appunto funzionali: di insegnamento ^_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luke e Vader parlano allo stesso modo, accade in Ep. V

      Elimina
    2. Ok, grazie per la segnalazione: andrò a rivedere quel pezzo ^_^
      Mi sembrava fosse una cosa molto più vaga: che si percepissero, più che dialogassero.

      Elimina
  23. D'accordissimo su tutti i fronti, Kylo Ren unico aspetto che mi è veramente piaciuto. Il casinò inguardabile e ho intravisto una citazione maldestra de "la storia infinita" (forse era la stanchezza)...

    RispondiElimina
  24. Boh Doc, a me è piaciuto tanto, io sono uscito galvanizzato dal cinema e per la prima volta ero letteralmente elettrizzato e inchiodato alla poltrona. Sarà che sono più giovane e i primi tre episodi li ho visti in TV decisamente più tardi, ma a me sembra che, al netto delle fastidiosissime mimmate Disney stile Thor (che per fortuna non sono così tante) ci sia stato un finale per niente scontato e talmente bello da risollevare TUTTO il film. Hanno finalmente dato spazio a tutti i personaggi, vecchi, nuovi e nuovissimi, e ci hanno trollato alla grande facendoci credere parecchie cose a partire dal precedente episodio e trailer.
    Io lo piazzo sul podio, scalzando Rogue One. E temo semmai per il prossimo episodio...

    E comunque il problema con Star Wars è sempre che se ne potrebbe parlare ore e ore e ciascuno ha la sua opinione ben motivata, come si è visto a Lucca :)
    Quando passi da Milano ci starebbe un giropizza/sushi/whatever dove la sezione locale discuta animosamente :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul fatto di farci credere alcune cose a me è venuta l'impressione che in ep VII fossero partiti in una direzione e che l'abbiano poi cambiata durante la scrittura di ep VIII

      Elimina
    2. Difficile, dato che ricordo avessero detto che alcune cose erano state inserite nel 7 già da Rian Johnson...

      Elimina
  25. Ecco ... le lacrime finali avevano lavato via tutto quello che tu come sempre hai sapientemente riportato a galla. Un film che inizia con una gag agghiacciante che ti lascia paralizzato per mezz'ora, e che bastardamente fa leva per salvarsi su chi come noi ha quelle musichine maledette e quei suoni nel DNA ormai da 40 anni. Concordo su tutto. Complimenti come sempre (vedasi come sopra per Homecoming ribrezzo)

    RispondiElimina
  26. Uscito da poco dal cinema dico che preso a se non è neanche un brutto film.Ma non è Star Wars.Non è più il mio Star Wars.Le battute demenziali tipo quelle all'inizio stavano benissimo in Balle Spaziali.Qua proprio no.
    Sono favorevole all'avanzata delle nuove leve ma qua siamo quasi alla commedia d'azione.Non c'è più il pathos la tensione e la drammaticità che vorrebbe questo secondo episodio.Visivamente eccezionale ma poi...

    RispondiElimina
  27. Io invece le mimmate non le ho mandate giù. le ho trovate FASTIDIOSISSIME e mi hanno rovinato il film. Ho percepito una serie di gag inutili per tutto il film e questo mi ha davvero distrutto. Oh ed ero al Royal Albert Hall di Londra alla premiere Europea...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo e ti diro´ che dopo averlo visto sto rivalutando gli episodi 1-2-3

      Elimina
    2. anche io ho rivalutato la minaccia fantasma, e allora veramente a questo punto spero che l' apocalisse zombi li fermi tutti

      Elimina
  28. Tristemente concordo con te. In questo SW manca la Magia. Leggere la tua recensione mi fa sentire meno solo.

    (UNA gag - muta, di 3 secondi - mi ha però fatto scompisciare. Per non spoilerare non aggiungo nulla, ma secondo me hai capito esattamente di cosa stia parlando XD)

    RispondiElimina
  29. Eravamo un centinaio di nerd in sala, un bel gruppozzo di quarantenni (o giù di lì) disposti a sorbirci qualsiasi cosa, perché tanto: 1) è star wars 2) non potevano fare peggio di episodio sette. Dopo due ore e mezzo (ma percepite sei), durante i titoli di coda ci siamo alzati tutti e visti negli occhi per una decina di minuti, avevamo tutti sulla bocca le stesse domande/considerazioni:
    1) ma chi era quello?
    2) ma perché è morto così?
    3) ma che ci sono andati a fare?
    4) sembrava figo ma non ha fatto un cazzo
    5) ma che cavolo di missione è stata?
    6) ma quei nasi esistono veramente?
    7) se moriva lì era meglio
    8) sanno costruire navi interstellari ma non una uscita secondaria
    9) ma perché prendono sempre il due di picche?
    All'uscita di episodio sette ricordo che bestemmiai, all'uscita di questo ho recitato il Padre nostro.

    RispondiElimina
  30. il film mi è piaciuto veramente tanto,ma le gag mi hanno davvero infastidito a parte la "spolverata".
    Ora dico ma non possiamo lanciare una petizione e dire alla disney che basta gag.BASTA.

    RispondiElimina
  31. Andro' a vederlo perche' ad una certa eta' certe cose sono obbligatorie, ma boh, non ho nessuna aspettativa...

    RispondiElimina
  32. Pienamente d'accordo, anche nei puntini e nelle virgole. Bello da guardare, ma non succede niente per due ore e mezza, e idee davvero poche.

    RispondiElimina
  33. Non spinge mai a fondo, né nelle gag né nell'epico, è un film a cui manca il coraggio. Nella trilogia, ma anche nei prequel c'era il personaggio che buttava là la battuta, come dici tu un Han Solo ma ti dico anche un JarJar. Qua capitano così a caso che quasi viene voglia che viri verso il Thor Ragnarok ma non ci riescono! Momento epici? Prossimi allo zero. Emozioni sotto la soglia minima. Episodio VII aveva dalla sua l'atmosfera, è vero che c'era molto già visto ma l'avevano confezionato bene. Qua c'è altrettanto già visto, in qualche scena hai quasi la sensazione che siano per mollare il colpo ad effetto... ma poi arriva l'omino Disney che gli dice "mettici una gag" o "torna sul prevedibile". Alcune scene ed ambientazioni inutili alla narrazione, personaggi secondari sbozzati senza un minimo di spessore. Il secondo di Lando su Bespin non parlava mai ma faceva la sua porca figura in confronto.
    Delusione, per me é un 5 e di manica larga. Purtroppo. La scimmia è rimasta immobile sul pianeta di sale a fianco dei walker.

    RispondiElimina
  34. Vederlo oggi era d'obbligo: sui socialcosi e un po' dovunque cominciano già con i rovinatori, quindi pazienza se mi è toccato l'ultimo spettacolo e domani si pasteggerà a caffeina. Appena uscito dalla sala (età media da neo sbarbati ma con alto tasso nerd, quindi rispettoso silenzio) e posso sottoscrivere praticamente tuttotutto. Leggevo di un uso eccessivo delle gag e in effetti già dalle prime scene ho tremato al pensiero che la quantità di momenti busciodeculo avrebbero mandato in vacca il tutto, poi invece no. Nel senso che no tutto sino al terzo atto. E' bastato? Non lo so, ma se il Risveglio della Forza è stato l'ammore (un fanservice, lo so, ma 'sti cazzi) e Rogue One un grandissima roba su cui far ripartire la storia, qui siamo distanti, tanto. Aggiungo solo che, a differenza di molti qui, il ritorno di JJ non mi spaventa. A rileggerti con la versione spoilerazzi.

    RispondiElimina
  35. Doc, le tue rece senza spolier sono sempre fonte di riflessione e occasione di discussione. proprio perché lasciano ancora tutto libero alla immaginazione, almeno fino al post post-visione. Detto questo, cercando di leggerti tra le righe, posso dire che secondo me - paradossalmente - il film si blocca per un bel po', come se non succedesse niente, perché han voluto far succedere troppo. Però, tante cose - compresi i come e i perché della Forza - mi son piaciute. Sul resto: personaggi, snodi, e tutto quanto, a dopo il post post :) nei suoi commenti. per ora, grazie

    RispondiElimina
  36. Ovviamente sono dovuto andare a vederlo al day one.
    Non mi è dispiaciuto, è stato interessante vedere finalmente un film di Star Wars imprevedibile dove non avevi idea di cosa sarebbe successo.
    La trilogia originale ero troppo piccolo per gustarmela al cinema, la trilogia prequel fu appunto un prequel e quindi la storia era già conosciuta a grandi linee e la trama di episodio VII era telefonatissima per andare su dei binari già rodati.
    Episodio VIII invece gode di una certa imprevedibilità con dei colpi di scena veramente interessanti e che non mi sono aspettato.
    Di positivo c'è anche che finora è il film di Star Wars con gli effetti speciali fatti meglio, certo, si vince facile contro dei film a cavallo tra gli anni 70 e 80 e anche contro dei film degli anni 2000 ma io lo comparo anche ai moderni film tipo I Guardiani della Galassia.
    EP VIII ha i migliori ambienti e i migliori animali creati al computer che abbia mai visto in un film, alcune inquadrature sono davvero magiche.
    Ma ovviamente ha anche dei difetti, a partire da una trama pesante dove succede poco gran parte del tempo, e quel che succede sono telefonate tra teenagers powered by The Force.
    Un'altra scelta che mi ha fatto storcere il naso è stata quella del Casinò, a livello di costumi soprattutto, per un attimo mi è sembrato di ritrovarmi in un film di James Bond con Sean Connery, addirittura si vede uno in giacca e cravattino terrestri.
    Capisco volessero accentuare il lusso e la decadenza di quell'ambiente ma i costumi sono stati realizzati male e troppo simili ai nostri abiti da sera, Star Wars è un setting multiculturale, avrei preferito una sarabanda di stili di abbigliamento diversi e soprattutto un uso dei colori più fantasioso, l'intero ambiente con gente vestita solo di bianco e nero sembrava un ritrovo di ultrà della Juve.
    A proposito di multiculturalismo avrei preferito una maggiore diversità a livello di specie aliene nel cast, capisco che nella trilogia originale Lucas abbia dato spazio soprattutto agli umani ma i tempi erano quelli che erano, gli effetti al computer non c'erano e il trucco non era avanzato come adesso, ma già nella trilogia prequel vedevi molta più presenza aliena anche nel cast di supporto ai protagonisti, basti pensare a tutti i maestri Jedi, mentre qui tutti i personaggi con un minimo di screen time e battute sono umani,avrei preferito vedere che so: twi'lek, zabrak,rodiani, etc etc, le serie a cartoni accentuano questo aspetto in modo migliore secondo me.
    Altro discorso sulle specie che appaiono come comparse nel film, avrei preferito una maggior presenza di specie classiche per farmi sentire a casa mentre invece hanno buttato fuori nuove specie aliene con la pala.
    (Che poi è possibilissimo intendiamoci, basti vedere le centinaia di migliaia di seggi nel Senato Galattico della trilogia prequel per capire che le razze viste nei primi 6 film di Star Wars sono solo la punta dell'iceberg)
    In ultimo voglio dire che questo film mi ha intristito ancor di più per la perdita di Carrie Fisher, sia per averla rivista, sia per altri motivi che stavo scrivendo ma che poi ho cancellato perchè avrebbero spoilerato, commenti che scriverò nel post dove si potrà parlare più liberamente.

    RispondiElimina
  37. Prima o poi mi doveva capitare di essere totalmente in disaccordo con te Doc, ma come dici tu sono opinioni. :)
    Io l'ho trovato ottimo, e di storia raccontata ne ho vista molta.
    È vero che parte magari un pelo lento, ma poi accelera parecchio.
    Una cosa penso: questo più di ogni altro non è un film dedicato ai vecchi fan della saga.
    Hanno dato corso ad una (giustissima) operazione di distacco dal vecchio concetto.
    Hanno detto "Noi dopo 40 anni molliamo il vecchio Star Wars ed andiamo avanti. Dateci fiducia e seguiteci, e vedrete che andremo lontano."
    E nonostante questo grande rischio che si sono presi, sono riusciti a tirar fuori un film che va benissimo per tutti.
    Applauso speciale ad Adam Driver: bravissimo, una crescita esponenziale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro è una trovata economica, anche se loro hanno i diritti per Star Wars (personaggi e universo) credo che i diritti per i film dei primi 6 episodi, nel senso di vendita del film su supporto fisico e trasmissione in tv e web, appartengano ancora a 20th Century Fox.

      Elimina
    2. Anche se adesso è certo al 99% che Disney acquisirà Fox, quindi tutti i film saranno della Disney senza contare anche i diritti di X-Men e Fantastici Quattro che tornano in mano ai Marvel Studios.

      Elimina
    3. Sai che storia se dopo che si comprano i diritti ritoccano digitalmente i primi tre per coprire di più Leia quando é schiava di Jabba?

      Elimina
  38. Visto ieri sera...ci sono dei momenti godibili ma non e´ Star Wars, non quello che mi aspettavo...sono un po´ deluso

    RispondiElimina
  39. Visto ieri sera.....sapevo che ciò che è stato non si può ripetere (episodio 4-5-6)....l’unica soluzione è cercare di guardarlo senza aspettative,vi garantisco che così è molto più fruibile(X me inciso guardo gli episodi 4/5-6 almeno 2 volte l’anno!)

    RispondiElimina
  40. Sono uno dei fortunati che a suo tempo ha visto guerre stellari al cinema. Non andrò per la prima volta a vedere uno star wars al cinema. La magia per me è davvero finita mi giro intorno e vedo solo aggressivissime strategie di marketing.

    RispondiElimina
  41. E che cavolo... in rete sembrava il milgiore film di Star Wars di tutti i tempi e poi mi smonti così?

    Vabbè, tanto è uno Star Wars... ovvio che lo si vada a vedere al cinema, non c'è nemmeno da discuterne, ma speravo che non avere JJ alla guida avrebbe dato migliori frutti.

    Il prossimo qual'è? Han Solo Giovane scavezzacollo? Ma un film su Vader che ripulisce la galassia basato su quella meraviglia di fumetto che hanno pubblicato qualche anno fa no?

    Cheers

    RispondiElimina
  42. a me è piaciuto, nel senso che alla fine l'ho trovato godibile. anche se un po' lento, la storia si evolve con dei "colpi di scena" fuori dal classico cliché di star wars, e questo invece l'ho trovato coraggioso. mi hanno lasciato perplesso un paio di esagerazioni, ma era vedibile nel complesso. non mi sono "fomentato", ma i ragazzini che erano in sala sì. alzavano le mani, urlavano e gioivano. come quando noi abbiamo visto la prima trilogia. avevamo un'altra età e lo vedevamo per la prima volta. penso che questo film, così come il VII, sia rivolto ad un pubblico che non ha mai visto le prime due trilogie. ad ogni modo, io, a questo punto, sono molto curioso di vedere il IX.

    RispondiElimina
  43. Woah doc, stavolta - incredibilmente - sono con Arno Bledd qui poco sopra dopo "centocinquantanni" di perfetto allineamento mentale con te. Cominciavo quasi a preoccuparmi :-)

    Io al primo bivio della "battutaccia" al generale Hux ho sorriso, ho preso l'altra strada rispetto alla tua e mi sono stragoduto il film (a parte SpaceMonaco e la sottotrama di Finn un po' al sapore di filler).

    Secondo me hanno avuto il coraggio di scuotere la legacy e andare avanti, tante cose nuove, nessuna nuovissima. la mission sembra chiara: chiudere per davvero il cerchio iniziato nel '77.

    Ho trovato tanti momenti davvero epici inframezzati da giusti alleggerimenti, un crescendo, una colonna sonora roboante, effetti sonori da stato dell'arte (al solito, ma valgono da soli il film), buona recitazione, una amazzone dorata sullo schermo più di 28 secondi, Una Leia in forma, un Luke eccellente e una godevole digressione dai risvolti taoisti sulla forza.

    Soprattutto ho avuto la netta impressione che non si siano risparmiati ed abbiano calato tutti gli assi che avevano. A tal punto da avere più che altro dubbi su cosa ci possa essere nel prossimo. Per dire la tabula rasa che son riusciti a fare.

    4 Olivie e 1/2 per me !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco volevo scrivere anche il mio commento ma praticamente mi hai tolto le parole di bocca! D'accordissimo pure io, 4 1/2 e la 1/2 in meno solo per un paio di scene troppo tirate (una che riguarda pure la nostra amata principessa)

      Elimina
  44. DOC ma ci hai fatto cado che Luke è in realtà intepretato da Paolo Rossi?

    https://i.ytimg.com/vi/MfQyxMz04uY/maxresdefault.jpg

    https://www.youtube.com/watch?v=MfQyxMz04uY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mark Hamil è veramente inquartato, e che lo hanno messo a dieta altrimenti faceva esplodere il mantello...

      Elimina
  45. Visto ieri sera, lingua originale... beh, dopo 2h di film, guardavo l'orologio in preda alla voglia di uscire dal cinema. Film brutto, con una sceneggiatura e dei dialoghi imbarazzanti. Ogni tanto qualche sprazzo di colore e fotografia ma buttato lì, senza motivo. La Disney sembra proprio non voler rischiare la barca di soldi che ha investito e così facendo rischia però di rompere il giocattolo tanto costoso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. john boyega è migliorato o recita ancora come i fichi d'India?

      Elimina
    2. è proprio imbarazzante il suo ruolo... difficile renderlo migliore anche sapendo recitare

      Elimina
    3. guarda , lo dico turandomi il naso , ma preferivo jar jar binks.

      Elimina
    4. noooooooooooooo dai binks no. però ragazzi, tutto il resto è veramente risibile... che delusione

      Elimina
    5. Ma la vera domanda è: è finalmente cresciuto, in altezza?

      Elimina
  46. era destino che finisse in melma, e te l' avevo pure prediciuto su Facebook.
    Guarda Doc, l' hai ammesso anche tu : nella precedente recensione ti eri fatto prendere dall' hype. E umanamente ci può stare. Ma col senno di poi , si rinsavia e ci si rende conto della modestia del risveglio della forza.
    Il problema è che episodio 7 fa schifo , a mio modesto parere, ed ha guadagnato troppo perchè pensassero di cambiare qualcosa.
    Vedremo questo cosa combina al botteghino, speriamo meno di rogue one, io starò a casa questa volta , potranno frignare fin che vogliono ma i furfanti non li porto al cinema, a costo di piantare una guerra stellare cercherò di piantare il mio piccolo chiodo sulla bara di questo modo indegno di fare guerre stellari. A questo punto meglio la minaccia fantasma... a questo siamo ridotti.

    RispondiElimina
  47. Non l'ho ancora visto... comunque, dici che più che il film di mezzo delle trilogia originale, ricorda il film di mezzo della trilogia prequel, nel senso della trama che procede col freno a mano?

    Fra l'altro, immagino che questa visione non ti abbia messo voglia di procedere con la serie dei post di "tutta la serie in ordine cronologico", vero?

    RispondiElimina
  48. Visto anche io ieri sera. L'impressione generale che ho avuto è di alta qualità delle scene d'azione e degli effetti speciali, preoccupazione che lo spettatore cmq possa ridere durante il film, ma una scarsa attenzione alla trama purtroppo. Sembra un mischione di ammiccamenti ad episodi precedenti e solo gli ultimi tre quarti d'ora si salvano a mio avviso. Può star bene che chiudano le porte del passato e ne aprano altre nuove, ma almeno con un tentativo di spiegazione che connetta passato e presente! Han lasciato un vuoto cosmico tra episodio VI e VII che si riempie parzialmente con le storie personali legate a Han, Leia e Luke, ma ne han lasciate altre importanti che, almeno fino a questo momento, sono affidate alla completa immaginazione dello spettatore che giustamente tenta di connettere i pezzi del puzzle senza riuscirci in modo coerente.

    RispondiElimina
  49. Non ho ancora visto questo episodio, ma lo scorso mi aveva dato la stessa impressione di "staticità", nel senso che di fatto non succedeva nulla.
    Mi son detta che era il primo, era quasi una grossa presentazione dei personaggi... Spero che non sia così anche il secondo.

    Comunque a me Kylo Ren era piaciuto, anzi forse più di Rey come scrittura del personaggio. Lei è forte, abile, se la cava da sola da secoli, parla lingue, ecc... Sempero dovessimo dire mezza riga di difetti o dettagli del carattere, non sono emersi.
    Kylo invece ha il conflitto, che è quello che lo rende interessante, anche capire perché sia arrivato lì è interessante.

    Almeno su quello spero non resterò delusa!

    RispondiElimina
  50. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  51. Andrò a vederlo tra qualche giorno,boh,speriamo bene

    RispondiElimina
  52. Premesso che devo ancora vederlo, ma in che senso "manca l'amore"?
    Intendi amore uomo-donna che nasce dall'attrazione reciproca oppure amore in senso più universale?

    RispondiElimina
  53. Visto incredibilmente (per il mio standard) al day one ieri pomeriggio, devo dire di essere molto soddisfatto. Il film è lungo ma per niente pesante. Peccato solo per i fastidiosi momentidisneybambineschinutili di cui però bisogna ormai farsene una ragione anche perché prossimamente li vedremo in altri franchise di imminente acquisizione (tremo al solo pensiero di vedere alien che fa battute sceme o gioca con animaletti odiosi...brrrrrrrr).
    Mi è piaciuta molto la parte di Luke, e tutta la riflessione che ne consegue sulla forza. Ne riparleremo. Peccato per una cosa buttata via senza se e senza ma e soprattutto wtf...tanti pipponi per niente. Apprezzo il tentativo di vedere la saga da un'altra angolazione valorizzando le sfumature e non cristallizzandosi su un ormai obsoleto, a mio avviso, "o bianco o nero". Ho visto una roba notevolissima in CGI, veramente da mascella slogata come non mi succedeva da un altra trilogia del passato, e mi è piaciuto molto che invece per un'altra cosa abbiano ripescato un "supporto fisico" (forse un bel contentino per i fan più vecchietti?). Insomma sono uscito soddisfatto e ben predisposto per il futuro della saga.

    RispondiElimina
  54. io, cmq, forse lunedì, vado a rivedermelo...

    RispondiElimina
  55. Visto ieri sera. Sono scioccato per quanto EPISODIO 7 sia stato sostanzialmente rinnegato da questo film. Il tono scelto, il set-up sui nuovi personaggi, TUTTE LE DOMANDE, le teorie, nessuna risposta, tutto a troie. E questo è un film nettamente migliore del 7 eh... Ma dov'è Guerre Stellari? Dov'è Doc? È troppo tardi per rimettere George Lucas a scrivere?

    RispondiElimina
  56. A me son cadute le palle in tanti momenti, c'è poco da fare. SE nei primi dueterzi di film invece di fare i divertenti (SANTO DIO, IL BLUE MILK!?! REALLY?!) si fossero concentrati tanto quanto hanno fatto per l'ultimo terzo, santo dio, che film. Che film sarebbe venuto fuori!

    E invece gli STRIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIZZZ! d'occhio di jarjar abrams l'abbiano fatta da padrone, almeno fino al punto in cui vuoi perchè gli è uscito un occhio dall'orbita o perchè a furia di strizzare gli si è chiusa una vena ed è svenuto, qualcuno che sa scrivere è saltato fuori e ha combinato qualcosa di decente.

    Mi è piaciuto Luke e come Mark lo ha interpretato (quasi in tutto, almeno)
    Kylokal rimedia sempre figure di tolla ma il personaggio si è evoluto
    Lacrime per la Principessa, Carrie sempre nei nostri cuori.

    Gli altri... meh.

    Bene, ma non benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... se non erro, per Episodio VIII sia regia che sceneggiatura sono di Rian Johnson, non di J.J. Abrams...

      Elimina
  57. Temo che delle critiche anche pesanti una certa fascia di fan siano inevitabili, ed è anche giusto così perché i gusti sono gusti.
    Però hanno deciso che era ora di cambiare, o mai più. E nel farlo hanno preso un rischio enorme, consapevoli del fatto che a determinati fan potrà non piacere. Però secondo me il rischio ha pagato.
    Se la scelta era fra questo e un trascinarsi ripetitivo di cose viste e straviste, scelgo questo tutti i giorni della settimana e due volte la domenica.

    RispondiElimina
  58. Il grosso problema, e mi riferisco più a certi commenti che alla recensione, è il costante bisogno di paragonare i film nuovi nemmeno alla trilogia classica, ma alle emozioniche vi ha fatto provare quando l'avete vista da bambini. Quelle non tornano più, meteteci una pietra sopra. Nel complesso abbastanza d'accordo con la recensione anche se alla fine mi è piaciuto, sebbene alla battuta iniziale temessi lo zio del tuono 2... (e fra l'altro leggendo i titoli iniziali ho subito detto al mio amico sulla sedia accanto "ecco, è il nuovo ordine colpisce ancora" fortunatamente non era così :)

    RispondiElimina
  59. Purtroppo non so quando riuscirò ad andarlo avedere ma a questo punto non mi metto neanche tanta fretta! :)

    RispondiElimina
  60. Sono uscito dal cinema e mi sono reso conto che ho 41 anni....che il tempo passa e purtroppo passa anche per StarWars.....il carisma dei vecchi personaggi è solo un ricordo.....LA "FORZA" è solo un ricordo.
    Cambiare è giusto e doveroso,ma i punti forti della saga andavano mantenuti e gli attori si sono confermati piatti e inutili per le sorti della storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho ancora visto l' 8, ma concordo per il 7: penosi vecchi e nuovi

      Elimina
  61. Questo film non lo andrò a vedere, non vado mai a vedere qualcosa della ditta del topo.

    Faccio solo una breve considerazione, ma vorrei chiarire fin da ora che non é un attacco a nessuno, é solo un mio pensiero.

    Quest'anno ho visto due remake, IT e Assassinio sull'Oriente Express.
    Due remake nuove di film vecchi per un pubblico nuovo.
    Io nel momento in cui scrivo queste righe ho trentaquattro anni, francamente non so davvero come collocarmi per definirmi generazionalmente.
    Questi remake fatti per il pubblico odierno attiravano in sala orde di millennials...e ricevevano applausi.
    Io ogni volta sono uscito dalla sala annoiato e deluso. OGNI VOLTA.
    E allora ho pensato che forse il problema stà nel fatto che non faccio parte della generazione giusta, non sono un pubblico a cui queste produzioni vogliono far spendere i soldi.
    Perché col cavolo che andrò a vedere il secondo di IT o Assassino sul Nilo.
    Certo, sicuramente i ragazzini che erano in sala con me c'andranno...e quando cresceranno parleranno di questi film come delle cose eccezionali della loro epoca da far vedere ai giovinastri dei loro tempi...salvo poi pentirsene cinque minuti dopo constatando che la lente dei ricordi é maliziosa e ingannatrice.
    Ci sono dei film che saranno dei classici, ma non credo che necessariamente saranno quelli che oggi fanno il record di incassi.
    Un classico non é un'esplosione coinvolgente che non sorprende più nessuno la seconda volta che appare.
    Un classico é un'opera che riesce ad attraversare le epoche per le sue qualità intrinsiche e punta più sulla ricerca dell'essenza dell'umano che sulla narrazione di un preciso avvenimento per dei specifici spettatori.
    I personaggi di un classico non sono stereotipi, sono archetipi.

    Non sono andato a guarda Wonderwoman, non mi sono mai piaciuti i personaggi della Distinta Concorrenza, con l'eccezione dei battoni, e di sicuro non pago per stare seduto due ore o più in una sala calda, intrusa dell'olezzo di patatine, magari ad una distanza non ottimale dallo schermo e con un audio molesto per vedere qualcosa che non mi interessa.
    Ho chiesto ai miei amici e ho fatto bene; un bel film, nel senso che é migliore dei precedenti, ma considerando quanto scarsi questi fossero...
    Sono andato a vedere Atomica Bionda, ottima scelta, mi sono divertito molto, fin'ora uno dei migliori tre film che ho visto quest'anno.
    E qui ravviso un altro problema di quest'epoca, la socialità aumentata ed esasperata unita alla politicizzazione di qualunque cosa.
    Dopo oltre trent'anni che il cinema proponeva eroine e figure femminili di ogni sorta al cinema pareva che per la prima volta il genere femminile si fosse reso conto che al cinematografo poteva recarsi anche senza accompagnatore e godere di qualcosa in maniera autonoma.
    Tutta una menzogna.
    Era di nuovo tutta propaganda politica.
    Le donne vanno a vedere Wonderwoman perché i capi delle donne gli dicono di farlo.
    Forti e indipendenti.
    Certo.
    La politica non centra assolutamente nulla.
    Come no.
    Infatti é per questo motivo che in sala a guardare Atomica Bionda io non ero l'unico miserabile fallocratico in un'orda di emancipate indipendenti, ma solamente il terzo dei proverbiali quattro gatti (forse uno era una gatta comunque, ma non ricordo bene).
    L'agente Broughton é un personaggio così capace e profondo che la tanto osannata Imperatrice Furiosa dovrebbe essere data in pasto alle capre se messa a suo confronto, eppure niente, a parte qualche appassionata del cinema di menare questo film in poche se lo sono filato.
    Mi dispiace davvero, ma per favore, non scambiate questo come il mio ennesimo commento reazionario, per ché il punto che voglio mostrare é un altro.
    Oggi non si va al cinema perché é bello il cinema.
    Oggi il cinema é un EVENTO.
    Socialmente parlando, tu non guardi un film perché ti piace, ma perché é socialmente d'uopo farlo, altrimenti si viene esclusi.
    E' tutta campagna elettorale signora mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Faccio solo una BREVE considerazone..." disse.

      Elimina
    2. concordo appieno sulla politicizzazione esasperata di tutto.. ormai fa vomitare
      firmato un altro codino fallocratico

      Elimina
    3. "pareva che per la prima volta il genere femminile si fosse reso conto che al cinematografo poteva recarsi anche senza accompagnatore e godere di qualcosa in maniera autonoma.
      Tutta una menzogna."

      oddio, spero che tu ti riferisca al fatto che il genere femminile lo sa gia' da tempo che puo' andare al cinema a godersi i film senza accompagnatore...perche' senno' oltre ad essere un filino OT (ma vabbe' si chiacchiera fra amici) e' pure una frase un po' offensiva per tutte le deboscia che seguono questo blog (e tutte le altre!) e che non hanno bisogno di eroine badassiche per andare a vedere un film al cinema. :)

      Elimina
    4. Debosciate, maschiacci e cultiste dell'orrido e del gotico sono le donne con cui mi sono sempre relazionato meglio...sarò io, saranno loro, comunque mi pareva chiaro che non ci fosse un insulto verso di loro, o di altre donne.
      Infatti ho scritto che sto film le appassionate del cinema di menare se lo sono visto.
      Io ho avuto un'insegnate di inglese che era appassionata di Guerre Stellari, si figuri se non lo so che ci sono anche donne a cui piace.
      Io mi riferisco a tutti quelle dichiarazioni che vedevano in Wonderwoman un altro passo della liberazione della donna e del fatto che potessero le donne essere finalmente protagoniste d'un film d'azione e di andare a goderselo al cinema per i fatti loro.
      E giù a far vedere in televisione orde di donne entusiate che finalmente pure loro avevano avuto accesso al cinema di menare.
      Stessa cosa con servizi televisivi costruiti ad hoc per il settimo di Star Wars.
      E quando vado a vedere fatto dannatamente bene, con personaggi ben costruiti e interpretati, con una protagonista femminile che non stà lì a fare da quota rosa o da Marie Sue...il vuoto.
      MA ALLORA MI HANNO PRESO PER IL CULO!
      Ma fatemi capire, se non c'é dietro il marchio feminism-approved la maggior parte delle donne continua a preferire Pretty Woman?
      Io al cinema non ci sono andato per trovarmi una sala piena di gnocca, ma per vedere un bel fim (non rimasi deluso), però visto tutta la fanfara mediatica avrebbero dovuto essercene di donne entusiate.
      Invece no, ed é di questo che mi lamento, di questa politicizzazione di ogni cosa.
      Io vado al cinema, anche da solo, e le vedo le donne che ci vanno per cavoli loro, ma magari non guardiamo gli stessi film.
      E' l'andare al cinema come atto politico che m'indigna.
      E' promuovere la visione di un determinato film con la scusa della politica o a favore di questa che mi fa incazzare.

      Se ha ancora dei dubbi chieda pure.
      (cercherò di essere più conciso ma non prometto niente)

      Elimina
  62. Le videocassette della triologia originale hanno avuto un principio di autocombustione quando sono tornato dal cinema ieri. Con l'ultimo jedi è morta parte della mia infanzia. A mio parere film inutile e privo qualsiasi tipo di ispirazione.a parte le Gag inutili ed inserite a forza ad un certo punto mi sembrava di vedere una puntata brutta di Battlestar Galactica.

    RispondiElimina
  63. Beh IT può piacere o non piacere ma non lo definirei un remake del vecchio film...
    semplicemente perché il vecchio film era una economica serie per la Tv via cavo , e poi blockbuster in videocassetta..
    Il nuovo film si ispira semplicemente al romanzo di KING, non alla vecchia e penosa serie.

    RispondiElimina
  64. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  65. Doc, come sempre le tue recensioni sono interessanti da leggere e ti fanno riflettere su aspetti del film che non consideravi. Nonostante questo pero' mi accodo ai felici e soddisfatti: il film mi e' piaciuto molto,pure io alla gag di Poe ho scelto la strada del mettiamoci comodi e divertiamoci (anche se una delle poche pecche a mio avviso del film sono appunto le battute un po' tirate) e lo piazzo sul podio sopra Rogue One, bello ma non del tutto convincente (il suo plot hole finale io ancora non lo digerisco troppissimo...). Di questo episodio 8 ho apprezzato tanto i personaggi, Kylo e' davvero il piu' interessante, ma ti affezioni facilmente agli altri, come gia' successo nel 7. Ho apprezzato la claustrofobia della fuga, la finalmente non-riuscita di certi piani, cosa che accade per la prima volta nella saga ed e' rinfrescante. Ho adorato le scene di battaglia e oh, anche le gag di quel certo personaggio che richiamano direttamente ep.6. Insomma, si' vero che in certi punti se l'allungano, pero' alla fine io ho avuto quello che mi aspettavo da SW: forza, badassitudine, badabum, giocattoloni alcuni anche scassati, buoni e cattivi e mix, divertimento senza pensieri. Insomma, io mi sa che ci torno presto a farmi un altro giro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè, critichiamo Rogue One per dei plot hole minori e un film con protagonista una Mary Sue, niente?

      Elimina
  66. NON-SPOILER: qualcuno ha notato i QUATTRO puntini di sospensione alla fine dei titoli di testa? No, dico, QUATTRO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei un Grammar Imperial?

      Elimina
    2. Si fa quel che si può!
      (sono lo stesso di sopra, questo è un altro profilo, diciamo "il mio profilo migliore")

      Elimina
  67. Ho letto tutti e 92 i commenti ed ancora non ne ho trovato uno che la pensi come me, eppure pensavo che le critiche principali sarebbero state su questo aspetto. Solo io ho trovato tante situazioni troppo simili a L'Impero colpisce ancora? Non è una critica, perché ancora sono indeciso sul se abbia apprezzato o no questa scelta, ma dopo un'ora di film ero davvero spaventato davanti ad una cosa che rischiava di essere una copia carbone. Punto gigantesco a suo favore sono sicuramente i plot twist, che puoi indovinare come non farlo, ma difficilmente li definirai scontati una volta usciti dalla sala. Sulle gag capisco tutti i commenti negativi, ma non posso farci nulla: a me l'ignoranza piace e se non ho smesso di ridere un attimo con Thor, qui che è tutto molto ridotto non potevo disprezzarlo, ma su questo aspetto incide troppo il gusto personale più che in altri aspetti. Penso sia la terza o quarta recensione in tre anni che ti seguo come spettatore muto in cui discordiamo così tanto, ma ce ne faremo una ragione fino a quando le tue opinioni sono scritte in maniera sempre così sublime. A mio parere il fatto che tanti "adulti" (legalmente lo sono anche io a 23 anni, ma abbiamo capito a che fascia di età mi riferisco) abbiano avuto impressioni negative sta proprio alla base della scelta di trama del film, tutto il messaggio di questo episodio VIII spinge tanto sulla distanza generazionale, e il discorso che un personaggio fa a riguardo l'ho apprezzato tantissimo. Kylo Ren ormai si è ritagliato con quel nasone un posto grosso nel mio cuore, sfiorando i picchi raggiunti da Darth Vader (si, anche quando si faceva chiamare Anakin, non sono mai riuscito a odiare quell'interpretazione) e ha dalla sua il poter veramente vivere la sua evoluzione, invece di poterla solo immaginare con il nonno nella prima trilogia, per quanto sia più affascinante. Infine ti invito a riflettere su di una cosa, per quanto come te mal sopporti chi sbraita per attaccare le tue idee (e in generale quelle degli altri), è fastidioso vedere come sotto questa recensione ci si divida nettamente tra "non sono d'accordo ma rispetto la tua opinione" e "Che schifo, Star Wars è morto, al rogo topolino e tutta la Disney, il bimbo dentro di me si è impiccato". Insomma, per quanto SW sia la mia saga preferita in assoluto, si parla sempre di un film...

    RispondiElimina
  68. La cosa chemi è rimasta di più di tutto il film è un pezzo di popcorn tra un molare e un premolare.

    RispondiElimina
  69. Interessante come ogniqualvolta io legga le tue recensioni, ci troviamo agli antipodi dello spettro. Personalmente RO l'ho trovato completamente piatto, sia nella storia, sia nei personaggi. Capisco che fosse un compito molto difficile: parlare di una storia di cui si conosceva il plot generale, e introdurre e chiudere personaggi nell'arco di un solo film. Ma per me è no, non c'è molto che salvo da quella pellicola.
    TFA invece l'ho apprezzato, e pur ritenendolo un film poco coraggioso, è tra i miei preferiti di sw. È familiare (nella dicotomia buoni/cattivi, nei vecchi personaggi, nell'estetica) ma proiettato al futuro (nel world building, nei nuovi personaggi, nel ritmo stesso del film).
    TLJ per me ha raggiunto il rango di re assoluto dei film di Star Wars. Il migliore senza dubbio. Preferisco questa visione della Forza, adoro i personaggi molto più complessi per gli standard degli altri sw movies, ed è stato uno spettacolo per il cuore e per gli occhi. In un primo momento ero molto perplesso dai leak della trama e degli eventi chiave usciti il giorno dopo la premiere su reddit, ma poi ho capito che i miei dubbi nascevano dal fatto che la direzione presa da Johnson e il suo team erano totalmente su un altro binario rispetto alle mie ipotesi e aspettative. Poi, una volta visto il film, ho amato le loro decisioni. Si tratta sicuramente del miglior sviluppo possibile per questa trilogia. Ed ora due anni di attesa per episodio 9,fortunatamente accompagnato dai comics e dai romanzi di Star Wars che usciranno nel frattempo.
    Che la forza sia con voi.

    RispondiElimina
  70. Non credo sia uno spoiler ma solo un mio dejavu.. Ma nel casinò nella scena dove si vedono i vari volti sfilare.. Non c'è l'attore che fa hux ma con barba e baffi?

    RispondiElimina
  71. Ho capito... Sarà un altro film che lo ami alla follia o lo odi a bestia.

    RispondiElimina
  72. Opera coraggiosa fatta con arte e con il cuore.. onestamente c'e ne fossero di opere così.. promossa a pieni voti! Siamo il terreno su cui cresceranno:questo è il fardello dei Maestri! QuestA è la frase simbolo del film affidata al personaghio più saggio.. bisogna cambiare e andare oltre ed ha ragione.. bravo e coraggioso!

    RispondiElimina
  73. Premetto che sono andato a vederlo con buone aspettative, proprio con la mente aperta.
    Doc a me ha fatto rivalutare l'attacco dei cloni, non mi è piaciuto affatto. Sembra un film fatto per piacere a più persone possibili, non per dire qualcosa. Hanno gestito male un po' tutta la baracca, non sto argomentando più di tanto per il rischio spoiler però è stata una grandissima delusione. Ci sono parti di questo film che sono una pubblicità del disney store (2-3 volte ok, ma dodici e più..), un dlc per un videogioco, un buonismo da italia 1 delle 3 del pomeriggio ecc.
    Ci sono stati dei dialoghi in cui mi sono veramente sentito preso in giro da chi ha scritto questo film, come è successo per Thor ragnarok.
    Non hanno corso alcun rischio in realtà, per me fare un film basandosi sugli indici di gradimento è qualcosa che fa male non solo alla storia ma proprio al cinema.

    Comunque scrivo così poco sul blog che ogni volta ti devo fare i complimenti, sei grande.

    RispondiElimina
  74. Visto stasera con la famiglia. Avevo letto recensione (senza spoiler) del Doc e commenti, e non ero molto fiducioso di ciò che sarei andato a guardare. Beh, per una volta, a film visto e rimuginato, non sono d'accordo con il giudizio che ne esce fuori dal blog. A me è piaciuto tantissimo, e lo metto addirittura tra i film più belli della saga. Capisco che certe gag sono un po' fuori le righe, ma possono essere ancora ritenute verosimili (chi non ha mai assistito a figure di palta da parte di capi tronfi e arroganti, con tutti che ridono sotto i baffi... signori, succede, anche nei migliori imperi/nuovi ordini) dicevo, ok qualche gag un po' forzata, qualche plot che meritava un approfondimento migliore, ma alla fine un film tosto, robusto, con una trama non prevedibile, con i protagonisti che crescono in profondità, con risposte coerenti che vengono date a fronte di domande ancora aperte, con vecchi amici che tornano non come l'ombra invecchiata di ciò che furono, ma con uno spessore assolutamente credibile e perciò affascinante. La disperazione di un uomo la cui consapevolezza di fallimento induce al chiudersi, a cui manca quel quid per capire, accettare (finalmente), e trasfigurare se stesso di fronte ad un giusto tramonto. Perché è così, il tramonto è nell'ordine delle cose, e nessuno è condannato alla perfezione, neanche i jedi. La speranza rimane negli occhi (bellissimi) di un'orfana, ma è la sua irascibile nemesi, che pur rimanendo molto "umana" nei suoi limiti, a caratterizzare questo secondo capitolo di questa terza trilogia, a stagliarlo nell'oscurità. E, a differenza del primo (parlo dell'ep. VII), senza un imbarazzante deja vu. Tradizione e originalità, e tanta potenza espressiva (interpretazione di Hammill in primis), questo è l'Episodio VIII. Tutto questo, ovviamente, IMHO.

    RispondiElimina
  75. A me è piaciuto (pur con le sue magagne), ma va detto che con Episodio VII ho scoperto un potere della Forza dormiente in me: andare a vedere i film di Star Wars senza aver visto/letto nulla. Nessun trailer, nessuna discussione, nessuna recensione, niente di niente. Tanto so che andrò a vederlo lo stesso, così non passo per nessuna immagine distorta del film

    RispondiElimina
  76. A me è piaciuto direi un tre presidentesse e mezzo, col rischio di diventare quattro se lo rivedo (nuovamente in lingua originale, mai più senza). E' un film pieno di meenchiate importanti, anche se la cosa più bislacca è che l'intero film è a livello spaziale come un leeeeentissiiiimo inseguimento per dare tempo alla gente di failare in ogni modo possibile.
    Però mi son divertito. E ho capito perché: perché ci avevan già pensato ep. unduetré a uccidere il fanciullino, quindi con questa nuova trilogia posso tornare ad andare al cinema invece che alla messa del mio ego infantile. E se vado al cinema oh, tre pres. e mezzo quasi quattro non le sputo. Non so loro. UN BACIONE E AUGHURIII DOC SEI IL NUMERO UNO. Numero. Non Episodio.

    RispondiElimina
  77. Visto ieri sera non mi è piaciuto peggio del primo,scene senza senso come la sceneggiatura non credo che editeranno libri, videogiochi o giochi da tavolo su questi film.

    RispondiElimina
  78. A me sembra che si sia persa completamente l'anima degli originali Star Wars. Guardando i nuovi episodi percepisco chiaramente l'intento di Disney di "cavalcare l'onda" senza sbilanciarsi. Personaggi poco incisivi, storia lenta e priva di veri colpi di scena... Non c'è poesia in Ep. VII e ce n'è ancora meno in EP. VIII.
    Sarò ingenuo, ma non riesco a farmi piacere questa nuova trilogia.
    Al netto di Rogue One, eh, che mi è piaciuto tantissimissimo!

    RispondiElimina
  79. Recuperato oggi..se di Ep.VII scrivevo in occasione del Minollo d'oro 2015
    "va bene le lacrime va bene il ritorno a casa e l'eccitazione per i personaggi nuovi e quel che accadrà..va bene la seconda posizione..ma l'adrenalina da "porca pupazza che roba nuova e mai vista!" quella non decolla, non ce l'ha..speriamo nei prossimi"
    dando la prima posizione a Fury Road..
    Ecco..se scrivevo cosi', questo Ep.VIII è un bel film di Star Wars, con alcune cose discutibili e discusse in post apposito, ma anche privo di quell'eccitazione e lacrime da ritorno a casa..trama mediamente più complessa e articolata, originale anche, sviluppo dei personaggi promettente, ma mooolto lungo (troppo) e momenti emozionanti inferiori e meno intensi di Ep.VII.
    Amen..aspettiamo la chiusura e incrociamo i flussi..
    Ah..le gag in lingua originale sono meno penose e fastidiose (visto solo in inglese, ma letto cosa ne è uscito in italiano)..non di meno capisco il doc quando dice che buttare lì così un Mr.Bean a inizio film non è proprio una bel modo di iniziare..il resto è classica simpatia e spacconeria da Star Wars..

    RispondiElimina
  80. Film piaciuto. Il pensiero e' credo condizionato dal fatto che sto cercando da recensore in erba di de-recensionarmi, ossia evitare di andare con l'occhio critico e clinico un film, cercando anche di trarne emozioni o, semplicemente, dire "mi vedo un film". Punto.
    Star Was è ovviamente una di quelle pietre miliari per chi è un appassionato- chè oggi tutti si definiscono nerd e manco sanno che significa, magari- e quindi o è diventato una religione, o è rimasto nell'alveo del film/saga culto o solo viene bistrattato nell'annosa questione "meglio star treck o star wars?".
    Il punto è che, penso, a mio modestissimo giudizio, questi film siano ora diventati una sorta di speranza: speranza di recuperare il sense of wonder, la speranza di rivivere delle emozioni che, inutile nasconderlo, NON ci potranno essere.
    Al di là del fatto che un film piaccia, e Rogue One so che è piaciuto tantissimo -io non l'ho ancora visto- questa è una saga che serve a chiudere i conti per chi come noi questi film li ha visti nei frequenti passaggi televisi perchè c'erano le astronavi e le spade laser da bambini e poi li ha apprezzati per tutto quello che ne veniva su con una analisi più profonda, bene male, redenzione, viaggiare per infiniti mondi di infinite razze, combattere per ideali eccetera eccetera; e introdurre personaggi magari più scialbi per noi che ad un bambino di oggi magari piace, perchè si pensa a questi film come prodotti tesi al merchandising e quindi non accade più molto spesso che si concepiscano film dal taglio più adulto in cui si ragioni in termini di "faccio il film e pace". Magari non era così nemmeno prima, però nemmeno con la spasmodica ansia di mercato che muove oggi questi progetti su scala quinquennale, decennale e così via, che sembra un piano finanziario... perchè lo e'.

    RispondiElimina

  81. Quello che voglio dire è che purtroppo siamo stati bambini - ho 37 anni, eh non sono stagionatissimo XD- e abbiamo vissuto un'infanzia con cose bellissime e di un certo tipo. Oggi le stesse magari ci fanno schfio o non le capiamo esattamente come i nostri genitori rispetto a noi, loro venuti su a Carosello e noi magari già con gli ammiccamenti spinti di un Drive In o Indietro Tutta. Magari l'unica differenza è che questa "differenza generazionale" prima la misuravi in cinquanta o sessant'anni, ora vai liscio in termini di un decennio o due massimo, a dire pure troppo.
    Quindi, quello che volevo semplicemente dire è che "il termine di paragone" o citando Ortolani "gli occhi di un bambino", consci o inconsci che siano nell'esserci dentro, ci svieranno molto spesso, in questi prodotti.
    Ce ne saranno di atroci, di così così o di buoni ma diversi perchè diversi sono i gusti che vanno oggi per la maggiore (per fare una battuta...oddio, mica tanto, vent'anni fa un Fedez lo passavi per le forche caudine, magari, così come una Belen non l'avresti messa ovunque in tv pur essendo null'altro che è una bambola gonfiabile senza personalità della quale sappiamo anche i giorni del ciclo oltre alle infinite beghe sentimentali, che anche sti gran ***zi).
    Si riesce ancora a divertirsi, vedendo un film, perchè"solo un film"?
    La mia non è una critica al Doc che stimo profondamente e i cui giudizi salvo qualche caso trovo comunque sempre sensatissimi e ponderati perchè motivati. E' un discorso che forse si riallaccia a quello che scrisse proprio il Doc a proposito di Gods of Egypt e di ciò che eccepiva il suo regista, il "sempre-compreso-tardi", per cui tutto è capolavoro o schifo: per questo, questo questo e quest'altro motivo, alla fine fai le somme, aggiungi e sottrai e al netto dai il voto.
    Ecco, forse è proprio questo genere di meccanismo a cui tutti ci siamo assuefatti, io per primo quando scrivevo su un quotidiano fantasy online o facevo recensioni sul Tubo, ad aver rovinato la nostra capacità semplicemente di sedersi e godersi un buon film.
    Sembra un po' la recensione di Nostalgia Critic di Batman V Superman che giudico molto illuminante sul pezzo: il fan medio che si incazza e vuole linciare il regista, ma alla domanda di questi, nascosto sotto la scrivania, "allora non vi è piaciuto proprio, eh?" tutto mesto e rassegnato, il duo risponde "no, bè, no, è un buon film comunque" con il regista che li guarda come si guarderebbe due spostati dopo che gli hanno detto peste e corna XD
    Se però parliamo di questo... a me è piaciuto.
    Non salvo purtroppo solo due cose che sono stupide, profondamente e inevitabilmente stupide, ossia Leia "volante" e la sottotrama di Rose e Finn sia perchè inutile in sè, sia perchè proprio Rose un personaggio inutilmente buono a tutti i costi, che ti dà l'impressione di uno con dei problemi anche mentali - senza offesa- con un dramma di cui non interessa una infiocchettatissima (copyright da Victor) a nessuno e in generale messo solo perchè dobbiamo mettere un messaggio buonista sennò qualcuno s'incazza che non c'è il politically correct.

    presidentesse o meno, comunque, senza dar voti, se mi si chiedesse "ti è piaciuto?" direi "si" senza esitazioni.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.