E guardo il Tetris da un oblò (vomito un po')


La testa. Quando giocavi a Tetris in sala giuochi, quando con una monetina stavi lì le ore a sentire le musichette russe e a guardare i balletti dei cosacchi, dovevi assicurarti di avere la testa al posto giusto. Cioé, nel senso che sì, sempre al suo solito posto sul collo, ma fissa esattamente a metà schermo. Immobile. Così, come un portiere che senza girarsi sa quanto distanti dalle sue spalle siano rispettivamente il palo destro, il palo sinistro e il telefono con SIM svizzera dell'arbitro, tiravi giù pezzi su pezzi senza nemmeno guardare la base dello schermo. Le I rosse sui lati. La L sull'altra L capovolta, la T un po' dove cacchio ti pareva. Che quella andava sempre bene uguale dappertutto.
Sarà forse per questa tua forma mentis, per questa tua fissa del volto fisso, che giocare a questo meraviglioso Tetris in prima persona ti riesce IMPOSSIBILE. Come funziona? E perché rovinare la sorpresa a chi vuole provare di suo il brivido di vomitare il pranzo?

Commenti

  1. Hahahahaha, bellissimo (il mal di testa che mi ha provocato, intendo).

    RispondiElimina
  2. Si ma Doc, posta anche la fonta da cui ha preso spunto per postare il link!!!! XD

    RispondiElimina
  3. Eh no, cacchiarola. Che per la mia dose di nausea quotidiana devo già ringraziare ad aeternum i tipi di DICE per quel capolavoro sbarazzino di Mirror's Edge. Uggh.. Mi serve una bacinella.

    RispondiElimina
  4. A me Mirror's Edge è piaciuto un casino. Sì, lo so: sono in minoranza.

    :)

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy