Perché poter prendere a calci in culo quel catanzarese di Lovejoy dà soddisfazione fino a un certo punto (I Simpson - Il videogioco)

Il vg dei Simpson non ti piace perché puoi andare a spasso liberamente per ogni anfratto di Springfield. No. E neanche per il modo in cui prende garbatamente per il culo l'industria dei giochini elettronici, da Will Wright a GTA. O per le ludocitazioni di Frogger e Space Invaders, e tutte quelle robe metareferenziali in grado di far passare a uno come Ivan un Natale più felice. Nemmeno. Che il gioco in sé, diciamolo, è solido quanto le tesi difensive di Moggi, e tutti questi titoli "alla GTA" con grande "libertà d'azione" e un sacco di "item da collezionare" hanno iniziato seriamente a rompere los cojones. Il vg dei Simpson ti piace perché ci sono le battute di Tonino Accolla. Ecco. Tutto qui. Il che comporta, ti rendi ovviamente conto, che per lo stesso motivo compreresti e giocheresti fino in fondo anche i tie-in di "Simon & Simon", "Tre scapoli e un bebè" e, soprattutto, "Cocoon - L'energia dell'universo".

In foto, l'Homer Simpson di Tonino Accolla (che in foto magari non si vede, ma sì, garantisci, è proprio quello di Tonino Accolla). L'unico personaggio in grado di farti ridere qualunque cosa dica. Lui, e un paio di tuoi colleghi.

Commenti

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH