lunedì 8 agosto 2011

38

Il corriere dei piccoli: il settimanale illustrato con la magia dentro (n.50, 11 dicembre 1983)

Madama Butterfly. Quella stronza
Stai come proprio per partendo. Ma siccome c'hai dietro il mècbukprò, la programmazione dell'Antro proseguirà regolarmente anche nei prossimi giorni, don't worry, be happy. Ma prima un bel tuffo nel dicembre del 1983, con un numero del Corrierino da spulciare sulle note di Der Kommissar di Falco. Check it out Joe, ah, two, three, four, eccetera eccetera [...]
Nel 1983 il Corrierino ha dedicato almeno duecentoventi copertine a Jenny la Tennista. Qualcosa che ha dell'incredibile, tanto più se pensi che si trattava di un settimanale e che quindi di uscite in un anno ne aveva 52. Comunque. Jenny la Tennista era uno di quei pochi cartoni ancora unisex in circolazione, e quindi veniva buono per tutte le stagioni. In copertina c'è Madama Butterfly, grande imperatrice del regno di mille pheeghe di legno
Seconda pagina, e sono già lacrime napulitante. Perché noi tutti, anche se non l'avevamo mai visto, quando l'Italia era più grande ma anche molto più piccola si era amici del pastore tedesco Armaduk. A parlare di avventure, allora, in tivvù c'era il povero, mai dimenticato Ambrogio Fogar. Oggi ci sono Giacobbo e Fiammetta Cicogna. No contest
Sui fumetti andiamo veloci, ché tanto sticacchi. Giusto qualche scan in più per la prima storia dell'albo, uno di quei tristi fotoromanzi che se avevi visto già quell'episodio non servivano a un'infiocchettatissima, e se invece non l'avevi visto restavano un triste surrogato lo stesso. Jenny si sta allenando con la sua amica Mary, nel circolo tennistico in cui facevano entrare solo le giocatrici pheeghe, le altre via, andatevene a giocare a pallavolo con Mila, raus
E mentre tra le due amiche è tutto uno scambio di battute e battute equivoche, le tre tizie del circolo zitelle acide mugugnano sullo sfondo
Vogliono sapere perché Jenny sia stata scelta per il torneo, e a chiederlo allo spietato, destrorso insegnante Jeremy è la più ambiziosa delle tre: la principessa Leila Organa
"Non riesce a capire la ragione, signorina?", le chiede l'inflessibile, reazionario, nazionalsocialista insegnante feldmaresciallo Jeremy
Ma quella proprio non riesce a capire. "Non riesco a capire, non riesco... Ooohh!", geme infatti, prima di andare a togliersi la vita nei bagni
Le altre storie a fumetti dell'albo sono una tristezza di manga giapponese di Hello! Spank...
(una tristezza di manga giapponese di Hello! Spank in cui a Spank viene spezzato il cuore da quella giovane egoista insensibile della sua padrona)
...un'altra di quelle meravigliose avventure oniriche della Pimpa, spinti da una fortissima nostalgia per le quali milioni di giovani si sarebbero dati anni dopo alle pasticche in discoteca...
...e una altrettanto lisergica, ma molto meno divertente di Barbaverde.
Poi c'è un fotoracconto dei Puffi. Ma si dà il caso che quella in oggetto non sia una puntata dei Puffi qualsiasi. I Puffi Viola sono infatti la versione cartoon dei Puffi Neri (il cambio di colore nel titolo non è chiaramente un caso), una storia a fumetti realizzata da Peyo nel 1963. Si parla di una malattia, diffusa da un insetto, che trasforma i Puffi in una loro versione violenta e aggressiva, pronta ad azzannare i propri simili. Sì, in pratica Peyo aveva inventato gli zombie come li conosciamo oggi sei anni prima di George Romero e del suo La notte dei morti viventi. It's a fact.
Ma passiamo pure a pubblicità e rubriche. Ad esempio un'altra di quelle robe pezzentissime del Paneangeli, all'insegna del "fai vedere subito questa pagina a tua madre, ti prego, altrimenti mi licenziano per questa idea della cippa che c'ho avuto"
Oppure questa altrettanto barbona (as usual) di Big Jim. Una pagina in cui si narra di fantastiche avventure, azione al cardiopalma, inseguimenti da film. Mentre nella foto tutto ciò che vediamo sono Big Jim e Jeff che giocano a tressette sul tavolino della roulotte come due polacchi in campeggio
Il poster di Uan e Five, ma Five era sull'altra pagina e in mezzo c'era un cartoncino e quindi ciao (ciao)
Le barzellette dei lettori. Attenzione a quella roba terrificante in rima sull'opossum, lì al centro
Segue quindi un bello specialone marchettoforo sui videogiochi, che è pur sempre il 1983 e il settore console è in pieno boom. Cioè, per almeno un altro paio di mesi, prima del grande crack che si tirerà dietro tutto quanto. Si parte da una nostra vecchia conoscenza: la meravigliosamente meravigliosa gamma di Game & Watch Nintendo trasformata in una serie di MICROFLIPPER dalla sgrammaticata pubblicità Oto Distribuzione
Una paginetta su WarGames - Giochi di Guerra, il film che ha fatto credere a un'intera generazione che fosse possibile intrufolarsi da casa propria nei computer di organizzazioni governative nominalmente a prova di bomba. Il bello, ma anche e soprattutto il brutto, è che era tutto VERO
Un po' di storia dell'Atari. Le "cassette" del 2600 costavano fino a 89.000 lire. Grossomodo 45 euro, ma 45 euro di vent'otto anni fa. Meico
"Verso il mondo dei videogiochi, dove tutto è luce e colore" è una frase di un romanticismo inarrivabile. Va detto
Ma c'è anche spazio per il "videogioco computerizzato" della Inno-Hit (LOL)
e per gli "esperti in cassette", la Imagic e la Activision (di questa magari avete sentito già parlare). No, niente, il termine "cartucce" proprio non ci piaceva ai redattori del Corrierino. In compenso "videogiochista" è molto più figo del banale videogiocatore. Perciò d'ora in poi ti definirai ufficialmente un videogiochista. E' deciso
Un altro di quei concorsi legati allo Zecchino d'Oro, con i bambini poveri costretti a tenere alzate le mani per avere un pasto caldo...
...e siamo già al piatto forte del numero. Un clamoroso cross-over con i Ronfi ci porta infatti al concorso del Leoncino Magnolia. Ve lo ricordate, sì? Esatto, quello che ci dovevi trovare un nome al leoncino, ché alla Magnolia evidentemente non erano stati capaci. Non c'avevano fantasia. Ci venivano in mente solo Billy e Fido
Che poi si fa presto a dire "dammi il nome e vinci un premio!". Guardateli questi premi. Affacciatevi pure su questo baratro di tristezza e disperazione capitanato dal pupazzo Tack e dalla scatola "Faccio la pasta"
Il Videopac della Philips o il viaggio premio a Disneyland per tre persone vanno già molto meglio. La bici da cross con le rotelle da minchietta, invece, per niente
La rubrica della posta è, come sempre, un crocevia di sogni, speranze e animali domestici potenzialmente letali. Se una giovane lettrice di Valenzano dichiara il proprio amore per il centrocampista dell'Immensinter Hansi Muller (brava), la piccola Michela cerca invece un criceto maschio adulto CHE NON MORSICHI
Ma c'è anche chi chiede a Jenny la tennista come diventare una sportiva più costante (e viene cazziata per questo dalla sua beniamina. Vatti a fidare), e chi vuole proprio sapere quale sia il colore preferito della Donna Bionica (il blu. Per la cronaca è il blu). La poesia per Lucy May è invece meglio se non la leggete, via
Platini. Ah-ah-ah! Platini. Prima che uno sportivo un uomo, prima che un uomo un uomo dimmerda, che festeggiava rigori regalati con i morti a bordo campo. La persona adatta, insomma, per guidare anni dopo l'UEFA e prendere gli schiaffi sul coppino da Blatter, restandosene lì, muto
Ma occhio alla chicca nella posta dell'odioso Five. Ora, Five, oltre che essere il simbolo di Canale 5 e in futuro di tutta Mediaset e quindi delle forze del male, era un biscione. Il biscione/basilisco simbolo araldico dei Visconti e, per estensione, di tutta Milano e della sua unica squadra mai finita in Serie B. A una ragazzina che descrive come sia stata massacrata una vipera con "un legno pesante" ti aspetti che un biscione minimo minimo, anche considerato il tono vagamente didascalico della rivista, spieghi l'importanza di rispettare la natura e lasciar perdere le vipere. Quelle menate lì, ché le vipere mica lo fanno apposta ad essere calpestate da ragazzini rompicoglioni a spasso per i campi, eccetera. E invece il pupazzo chiede solo: "Che regalo avete fatto, dopo, al coraggioso fratello?". Il viscido bastardo traditore della specie e bilanista
In mezzo al rubricame assortito si incontra pure un fumettino dei Flintstones, ma sono le solite, sacrosante prese per il culo della ridicola cucina francese
.La Guida TV. Don Chuck castoro...
...ma anche l'Ambrogino presentato da Lara Saint Paul, la cantante, e il telefilm "Il Principe delle Stelle". Del quale, giuri, ignoravi fino a dieci secondi fa l'esistenza
Siamo alla fine: una pubblicità di Bim Bum Bam. Cioè, no: una pubblicità di Bim Bum Bam. Con la line-up classica Bonolis, Colò, Uan. Bonolis sarebbe finito a cercare il senso della vita, la Colò a parlare di quanti guai ci sono in Paraguay agli spettatori anziani di Rai3, Uan l'avrebbero rapito nel 2005 assieme ai suoi colleghi pupazzi: Four, Five e SilviePernascone. L'identità dei colpevoli e l'attuale ubicazione dei pupazzi sono ancora ignote. Non c'è più religiuan
E con questo è tutto, dai, ché c'hai un paio di aerei da prendere. Quarta di copertina con i biscottini uao: si è fatto tardi ciao

POST CORRELATI

38 commenti:

  1. "..."Verso il mondo dei videogiochi, dove tutto è luce e colore" è una frase di un romanticismo inarrivabile", poi guardi la foto e ti accorgi che i colori sono tre.

    Che tempi...

    RispondiElimina
  2. Già, che tempi ... ( detto con tono ambiguo che altro che Jenny e Maki)

    RispondiElimina
  3. Ahhh, me li ricordo ecconme i biscotti Uau. Avevano il loro perché

    RispondiElimina
  4. D'ora in avanti a pranzo MORSICHERÒ!
    [OT provocazione]Ancora con sta storia di Platini? http://archivio.lastampa.it/LaStampaArchivio/main/History/tmpl_viewObj.jsp?objid=1414746[/OT]

    RispondiElimina
  5. "Videogiochista" non lo userò mai, ne abbiamo già troppi di "ismi".

    RispondiElimina
  6. Queto_Daemone: Platinììì può dichiarare quello che vuole, oggi come allora. Io però dopo il rigore me lo ricordo correre felice come le testimonial della nuvenia pocket. Lacrime e commozione un cazzo.

    RispondiElimina
  7. "Videogiochista" è un sinonimo di videogiocatore "incredibilmente pezzente su una scala da zero a Pupo", dico bene doc? :)

    RispondiElimina
  8. Non abbandoni noi poveri antristi rimasti al lavoro anche quando sei in vacanza. Eroico. (e grazie!)

    RispondiElimina
  9. pda: qui garantiamo un certo servizio. Siamo mica merdaset o la Rai.

    red tiger: portiamo rispetto per Pupo, per cortesia.

    RispondiElimina
  10. vutecco: dimenticavo: i biscottini Uao spaccavano a bestia forte-forte duro. Ci hanno tolto anche quelli. Bastardi.

    RispondiElimina
  11. Ma La Colò l' hanno fatta pheegona (tettona e Bonolise (ome lo chiamava Pagnussat/Pietro Ubaldi) ci ha il fisicaccio, ci ha.
    Ma che siamo a fantasilandia?

    RispondiElimina
  12. Avete notato la risposta a quello che diceva di amare la fantascienza ? Grande momento nostalgia col mitico Cinema Argentina dove Luigi "Profondo Rosso" Cozzi gestiva le rassegne di cinema fantascienzo. Ricordo ancora lo statuone a grandezza naturale del Mostro della Laguna Nera che troneggiava all'ingresso...

    RispondiElimina
  13. Dr.Manhattan, a te un "ronf" specialissimo! Hai visto cosa ci toccava fare nel "Corriere dei Piccoli"? Oltre che con i soliti lupi, volpi e compagnia brutta, ce la dovevamo vedere anche con le belve africane... e tutto per miserrime esigenze pubblicitarie! Comunque grazie per le lusinghiere parole che ci hai dedicato anche in passato! Il nostro padre putativo Adriano sta tentando di rilanciarci e si intestardisce a riproporci su "Giocolandia", un mensile di nicchia così ridotta che a malapena ci sta un ronfo: l'età non gli ha insegnato proprio niente e si illude ancora, poveretto... Va bene che dopo neanche trent'anni abbiamo vinto il nostro primo premiolino (al "Comicon" di Napoli), e che noi abbiamo riflessi lenti e tempi lunghi, però sarebbe meglio seguire la nostra filosofia ronfesca, secondo la quale "vale più ronfare che fare" (se non altro per il numero di sillabe). Un saluto ronfesco e ancora grazie! I ronfi al completo

    RispondiElimina
  14. Cioè, no, Adriano Carnevali che mi scrive un commento. Il papà dei ronfi. Ora affiggo il cartello 'basta, chiudete tutto: abbiamo vinto l'internet'

    :)
    Grazie mille, Adriano. Per tutto.

    RispondiElimina
  15. Grazie Carnevali, grazie ronfi e grazie anche a te Doc.

    Puoi chiudere da campione con questa per me :D

    RispondiElimina
  16. Grande Carnevali, pure lui qui!

    RispondiElimina
  17. Oggi a 33 anni suonati scopro che quella che conduceva Bim Bum Bam insieme a Paolo Bonolis era Licia Colò...

    RispondiElimina
  18. Mi genufletto al Maestro Carnevali.
    Ronfi uber alles.

    RispondiElimina
  19. Ma che poi, bici da cross un cazzo!
    Casomai è una Graziella di quelle vecchio stampo!(tipo quella di mia nonna)...
    Che poi con la Graziella si potesse fare del ciclo-cross è tutto un altro discorso...

    RispondiElimina
  20. fantastico (per modo di dire) quanti ricordi, e si chiude in bellezza con Carnevali Alèèè!

    RispondiElimina
  21. Purtroppo anche avendo un fratello classe 79 ed essendomi beccato tutta la sua roba riciclata negli anni, il Corriere dei Piccoli non è sopravvissuto abbastanza per arrivarmi... Però ricordo che all'epoca leggevo un surrogato che se non erro si chiamava il Giornalino (di cui wikipedia mi avvisa con un tono allarmato della sua "ispirazione cattolica", rabbrividiamo...)

    RispondiElimina
  22. Ronfi tutta la vita! Grazie al maestro Carnevali e continui così che rivogliamo i Ronfi! La filosofia ronfesca è uno stile di vita (il mio!) meravigliosa e i ronfi un ricordo indimenticabile per chi è cresciuto leggendoli!

    Doc: hai vinto l'internet! Congratulazioni :)


    sono così contento che evito il commento sulla risposta di Five all'ultima letterina (Columbro gli dava la voce, ma Pernasconi curava la posta, mi sa!!)

    RispondiElimina
  23. Un saluto e un grazie al maestro Carnevali. I suoi Ronfi furono l'ultimo raggio di luce del Corrierino degli anni 80.

    RispondiElimina
  24. I Puffi neri non erano gli zombi, erano i fasci. 9_9

    Se vede che siete cresciuti negli '80... :-P

    RispondiElimina
  25. Carissimo Dr. Manhattan, mi faccio vivo anch'io, dopo i miei roditori sorprendentemente gentili (di solito sono presuntuosi e saccenti, ma i tuoi complimenti li hanno evidentemente inteneriti), per complimentarmi di cuore con te: gli excursus che hai fatto (e che spero continuerai a fare) sul "Corriere dei Piccoli" anni Ottanta sono straordinari e (oltre che divertentissimi) molto più profondi e incisivi di quanto il tono scanzonato e "disinvolto" potrebbe far credere a un lettore non sufficientemente attento. Mi fa piacere, oltre tutto, scoprire come quei "Corrierini" non siano stati dimenticati e un qualche segno lo abbiano lasciato. Al di là dei tanti indiscutibili difetti, ingenuità, contraddizioni, "kitscherie", "kitscherie" (che già allora facevano soffrire molti di noi collaboratori), c'era in effetti qualcosa di magico che riusciva a resistere nonostante tutto (se no che magia sarebbe stata?). Questo revival mi conforta anche perché, come ben saprai, la grande mostra che venne organizzata (a Milano alla Rotonda della Besana) per il centenario del Corriere dei Piccoli si fermava all'inizio degli anni Settanta: come affermato esplicitamente dagli organizzatori, il periodo successivo non era stato ritenuto all'altezza della grande tradizione del giornalino. Il che, indipendentemente da qualsiasi valutazione estetico-letteraria e da qualsiasi giudizio critico, mi parve, se non altro, discutibile dal punto di vista della completezza storica (magari si sarebbe potuto allestire uno scantinato accessibile solo a visitatori maggiorenni debitamente preavvertiti, forti di stomaco e amanti dell'horror e del kitsch, dove esporre opere di arte fumettistica degenerata quali Gianconiglio, i Ronfi, i Cuccioli ecc.). Oltre tutto ciò mi causò una crisi degna di "A Wonderful Mind": se il "Corriere dei Piccoli" era defunto agli inizi degli anni Settanta, con chi avevo collaborato per una ventina di anni? Era tutto frutto della mia mente malata? Beh, adesso chiudo. Scusa la logorrea e ancora complimenti! Adriano (e roditori)

    RispondiElimina
  26. Errata corrige: ovviamente quello stordito di Adriano, nella sua foga livorosa, intendeva riferirsi a "A Beautiful Mind" (ma, a differenza di John Forbes Nash, non ha ancora vinto il Nobel). Abbiate pazienza, perché, pur non essendo arrivato a costruirsi nella mente un intero ventennio di esistenza, un po' via di testa è indubbiamente. Un saluto ronfesco a tutti! I ronfi

    RispondiElimina
  27. Adriano: Innanzitutto grazie. A volte sono piccole magie come queste a convincermi che l'Internetto ha del meraviglioso. Tornando a bomba al tema: se è vero com'è vero che l'invasione di fumetti ispirati ai cartoon giapponesi, fotoromanzi e manga ha snaturato nei primi anni 80 il Corrierino, andando a intaccare la sua gloriosa tradizione di disegnatori italiani, lo è altrettanto che per chi come il sottoscritto scopriva per ragioni anagrafiche in quegli anni lì il settimanale, i Ronfi, assieme alla Stefy e alla Pimpa, come scritto nei post precedenti, erano un assoluto punto fermo. Questo per dire che, fuor di piaggeria, i Ronfi la storia del Corrierino l'hanno fatta eccome.

    Se ti va, e se mi fai avere un tuo indirizzo email (il mio lo trovi nella barra a destra), la organizziamo una bella intervista atomica, per parlare dei Ronfi e non solo? Sono sicuro che ai debosciati follower di questo blog farebbe piacere leggere qualche curiosità sugli anni al Corrierino e sulla tua carriera.

    RispondiElimina
  28. Onore a Carnevali, al Doc, a queste pagine, al Corrierino anni '80. Ai tempi rimpiansi di non aver visitato la mostra, a pochi chilometri da casa mia. Ora scopro di none essermi perso niente, il Corrierino per me va dal'79-'80 in poi, prima per questioni anagrafiche non mi appartiene, penso che sarei stato in grado di litigare ad alta voce e di aggirarmi per le sale molesto in quanto tutto ciò mi sembra un tipico esempio di snobismo culturale, di selettività per sentirsi membri della "parte migliore", per poter dire "Una volta sì che..." Scommetto che la decisione l'hanno presa persone di una certa età, fiere di poter mettere spartiacque fra il "loro" corrierino e il "nostro". Storiacce che si ripetono costantemente, il Doc nel intervento precedente celebra il monumentale Villaggio, ebbene quanti anni ci ha messo a venir apprezzato per il genio che è, per quanti anni "certa critica" l'ha contestato? Andatevene tutti affanculo va, per me, la critica di certa intellighenzia, "è una cagata pazzesca!!!!!!!"

    RispondiElimina
  29. L'intervista, grazie al gentilissimo Adriano, si fa. Restate tonnati :)

    RispondiElimina
  30. Il "Figurati A giocarci" dei microflipper è qualcosa di geniale!
    Il romanticismo del "Verso il mondo dei videogiochi, dove tutto è luce e colore" è veramente d'altri tempi, peccato per il Bip!Bip! a cui non hanno saputo resistere...dai, il solito clacson delle F.1, non lo usa mai Socmaker quando vuole sorpassare in curva? Ma i due cellulari del '72 che usava come joystick l'Inno-Hit? Dove li piazziamo? La barza sull'opossum, voto 0, quella del maialino è già più divertente, per quanto sadica! Da buon gobbo ma non esaltato di pallone o calcio come lo si voglia chiamare, ricordo che nonostante sia diventato un venduto, Platini a suo tempo ha vinto 3 palloni d'oro di seguito, non penso solo per i presunti rigori regalati...

    RispondiElimina
  31. Lucio: chiaramente qui non discutiamo il calciatore ma l'uomo. Platini era bravo? Senza dubbio. Era anche una brava persona? Per me chi esulta così

    http://www.youtube.com/watch?v=BURxU8spu0k

    (minuto 3:45)
    con 39 suoi tifosi MORTI a bordo campo non lo è per nulla. Poi, dopo, con le chiacchiere di circostanza sono bravi tutti.

    RispondiElimina
  32. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  33. Ah, allora se si discute la persona, ne avrei di cose da dire sul calcio, partendo da chi non c'ha mai giocato ma è sempre nelle prime pagine della Gazzetta, gobbi per primi! ma non è blog di calcio...per cui, mi limito solo a dire che quando in qualche prossima vita segnerò un rigore in finale di Champions League, saprò come riuscirò a trattenermi dall'esultare.
    Mi dispiace sinceramente per il colore epigrafico del complianto Fogar, ma mi torna in mente il Donatone in Vacanze di Natale (ovviamente quello vero) che all'ospedale dice alla moglie: "la neve e i ghiacci lasciamoglieli al Fogar che lui si sbarba con l'Armaduk!", geniale!
    (Post identico a quello che ho cancellato, avevo solo scritto "gobbi" con una sola "b")

    RispondiElimina
  34. La pubblicità del lievito Paneangeli è datata da morire, con quel «fai vedere alla mamma», che era più da anni '60 che non '80.
    La OTO era un'organizzazione per lo scambio (verosimilmente "alla pari") di giochini tascabili LCD di Nintendo.

    Del "videogioco computerizzato" Inno-Hit non ho mai avuto notizie se non solo adesso che sto guardando il blog. Ma con quella cifra o su di lì, ti portavi a casa o un Atari 2600 oppure un Intellivision, non questa roba "pezzente", per dirla con il tuo linguaggio! E poi, per il modesto risparmio, ti saresti beccato le prese in giro di compagni e amici: tutti con l'Intellivision o col 2600 (o addirittura col Colecovision o col Commodore VIC 20 o 64) e tu con l'INNO HIT!!! Mi viene da piangere...

    L'ultimo Videopac Philips non era male, ma l'espansione con il Microsoft Basic (all'epoca, la Microsoft non era il colosso di oggi) costava moltissimo: infatti, VIC 20, Commodore 64 e Sinclair ZX Spectrum 48 K ebbero la meglio su tutti.

    RispondiElimina
  35. La barza del maialino è assolutamente orripilante; se io avessi un maialino a cui voglio bene, lo grazierei come fanno i presidenti degli USA con i tacchini del Ringraziamento. Le barzellette sui cannibali non mi hanno mai fatta ridere, mi facevano piangere quando ero piccola e mi fanno piangere adesso, questa non è sui cannibali ma poco ci manca.

    RispondiElimina
  36. Una vipera che "buttava il veleno"? Ma nel senso napoletano che, dopo il legno pesante (...), ha ittato 'o veleno (e 'o sango); oppure Brallo di Pregola si trova nella provincia del Kwa Zulu-Natal? Il regalo per il coraggioso (nonché fiòdena) fratello lo suggerisco io: una visita notturna con sguisciamento sotomayor di Jeff Corwin. Quello li che, toh, prorio adesso sta tentando di limonare (guarda caso) con una vipera su Focus TV. Quello palestrato ma con la faccia e il taglio di capelli un po' PdF e con lo sguardo inquietante tipo Lorenzo di "Non ho sonno" (Dario Argento, 2001). Perdonatemi... Perdonate questa digressione su questa (manco poi tanto) minuzia. Ma più che animalista io già nei primissimi '80 ho iniziato la mia carriera non di semplice animalista, bensì di viuleeeento sindacalista degli animali più scrausi e sfighé... Del resto, se c'è qualche antrista trekkie lo avrà capito pure dal nick, che è riferito a quella specie di rospo psichedelico antropomorfo che parla per metafore incomprensibili, proprio come un rospo psichedelico che avesse leccato sé stesso.

    Argh... che digressione... Quando la natura del post era tutt'altra. omg! OMG! OMMIODIO! Cioè qui sopra, 2 anni e mezzo fa, così, tomo-tomo cacchio-cacchio, tra un post e l'altro, si è materializzato IL DIO! EGLI! ADRIANO CARNEVALI! Vado un attimo di la a commuovermi...

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails