Celebrity Deathmatch, Daria, The Head, The Maxx: gli anni di MTV Animation - Parte 2

celebrity death match daria the maxx the head MTV animation

Seconda parte della nostra carrellata sugli anni di MTV Animation, quando sulla più frizzante delle reti televisive d'America (e, in differita, anche sulla sua filiale italiana) andava in onda un'animazione fuori dagli schemi. VIP alle corde (di un ring), capoccioni con sorpresa, cloni famosi e il sarcasmo di una ragazzina cinica [...]

the head la testa MTV animation

THE HEAD

Qualche giorno fa dicevamo dei primi passi di MTV Animation, dai corti d'autore a Beavis and Butt-Head ed Æon Flux. Poco dopo le sgangherate avventure di Beavis e Butt-Head, nel dicembre del 1994, è la volta di The Head - La testa.

Nato per il programma MTV's Oddities, The Head era appropriatamente un cartoon molto bizzarro: la storia di uno studente di NYC di nome Jim che un giorno si risveglia con un cranio gigantesco. Perché, viene fuori (anche letteralmente), l'alieno viola Roy ha deciso di stabilirsi nella sua capoccia.

Creato dal 24enne Eric Fogel - torneremo a parlare di lui tra un attimo - The Head va in onda per una manciata di giorni, a cavallo tra il dicembre del '94 e il gennaio successivo, per poi essere soppiantato da The Maxx

Nel '96 ne va in onda una seconda stagione, con la durata degli episodi raddoppiata (mezz'ora anziché quindici minuti), ma questo nuovo lotto di otto puntate manca di coesione e sembra perdersi in storie secondarie. Gli ascolti ne risentono e l'avventura di The Head si chiude lì. Il videogioco di Jim e Roy, che è in cantiere per SNES e Mega Drive, viene cancellato.

Purtroppo è solo la prima di tante serie godibilissime di MTV Animation arrivate al capolinea troppo presto.

The Maxx MTV

THE MAXX

Dicevamo di The Maxx: il personaggio creato dal fumettista Sam Kieth per la Image (prima apparizione: l'antologico Darker Image 1, marzo 1993) diventa nel 1995 la nuova serie animata da 15 minuti per il contenitore MTV's Oddities. 

Inizialmente Oddities avrebbe dovuto essere uno show di mezz'ora, affiancando e un episodio da un quarto d'ora di The Head a uno di The Maxx. La realizzazione di quest'ultima, storia di un eroe senzatetto che deve proteggere una ragazza che ha un certo ruolo in un reame mistico, si trascina però per le lunghe, costringendo le due serie ad arrivare su Oddities in sequenza, una dopo l'altra. 

Pur con il suo tipo d'animazione volutamente schizofrenico, che alterna in continuazione stili diversi, buttando nel mucchio anche alcune sequenze dal vivo o in CGI, The Maxx adatta tutto quello che del fumetto di Sam Kieth ha a disposizione, vale a dire quella storia su Darker Image e i primi 11 numeri della serie di The Maxx, più The Maxx #1/2. Uno dei numeri "mezzo" ordinabili per posta dalla rivista Wizard.

Si tratta di un adattamento piuttosto fedele, spesso vignetta per vignetta, di quanto visto su carta, ma una volta esaurito il materiale originale, gli autori sono costretti a inventarsi un finale con quello che c'è. 

The Maxx sarebbe arrivata sulla MTV italiana tre anni dopo, nella primavera del 1998. 

Daria MTV

DARIA

17 maggio 1993: nel primo episodio della seconda stagione di Beavis and Butt-Head, "Roba scientifica", i due deficienti sono costretti a lavorare su un progetto di classe con una compagna molto intelligente, Daria Morgendorffer, convinta di poter spiegare in modo scientifico l'idiozia di quei due. 

È la prima di una serie di comparsate di questa ragazzina con gli occhiali: un personaggio troppo interessante per lasciarlo al ruolo di comprimaria. Passano quattro anni e Daria diventa infatti la protagonista di una delle più celebri e longeve serie animate di MTV Animation. Creata da Glenn Eichler e Susie Lewis Lynn, Daria è la storia di come questa ragazzina supercinica e misantropa vede il mondo. 

I commenti sui coetanei, la società e qualsiasi altra cosa snocciolati da Daria tra i corridoi della Lawndale High School, spesso in compagnia dell'amica Jane Lane, mettono alla berlina le fissazioni di una cittadina di provincia. Danno cioè voce a quello che buona parte degli spettatori pensa della realtà che li circonda. 

Daria MTV

È il perfetto contraltare all'idiozia contagiosa di Beavis and Butt-Head, e il tono monocorde con cui Daria demolisce, un pezzo alla volta, l'America suburbana diventa una compagnia irrinunciabile per milioni di spettatori. Si va così avanti per 65 episodi, dal '97 al 2002, chiusi dal secondo film televisivo, Is It College Yet?, che funge da finale.

Alcuni anni fa ne fu annunciato lo spin-off Daria & Jodie, che poi però ha cambiato il titolo in Jodie e basta, e ora pare diventerà un film d'animazione anziché una serie. Quel che è certo è che chiunque vi dica che Daria è una delle serie animate più interessanti mai prodotte negli USA non vi sta mentendo.

Avremmo avuto Diane Nguyen di BoJack Horseman senza Daria, per dire? 

Celebrity Deathmatch MTV

CELEBRITY DEATHMATCH

Vita televisiva ancor più lunga di Daria ha avuto l'altra serie creata dall'Eric Fogel di The Head, Celebrity Deathmatch. La follia totale di una serie per adulti in claymation, cioè animata in stop motion con la plastilina, in cui VIP e celebrità a vario titolo si affrontano in brutali match di wrestling conditi da mutilazioni di ogni tipo.

Si parte nel gennaio del '98 da Charles Manson contro Marilyn Manson e si va avanti - contando anche la sosta di qualche anno e il passaggio per la quinta e sesta stagione sulle frequenze di MTV2 - per altri 93 episodi, fino al 2007. 

Al ritmo di tre incontri a episodio, in quegli anni sul ring di Celebrity Deathmatch si vede di tutto, dallo scontato confronto tra Arnold Schwarzenegger e Sylvester Stallone a Calista Flockhart contro Lucy Lawless, per la sfida tra Ally McBeal e Xena. Da Martin Scorsese contro Oliver Stone allo scambio di posteriori tra Nicolas Cage e John Travolta (ma, almeno, niente balli del qua qua), fino ad Andre Agassi contro Tiger Woods. 

C'è perfino un episodio in cui Roberto Benigni fa fuori Mussolini.

La nuova serie reboot di Celebrity Deathmatch annunciata da MTV e da Fogel qualche anno fa sembra intanto essersi persa nella fusione tra le compagnie Viacom e CBS, e giusto ieri - ravanando in mezzo a vecchi giochi da regalare a tuo nipote - ti sei ricordato di aver speso dei soldi (pochi) anni fa per il videogioco per PS2 di Celebrity Deathmatch. Ti correggi: per il videogioco assurdamente brutto e ingiocabile di Celebrity Deathmatch.

Downtown Spy Groove 3 South Station Zero MTV Animation

LE ALTRE

Gli anni di MTV Animation, tra la fine dei Novanta e l'inizio del nuovo millennio, sono costellati da tante altre serie. Spesso brillanti, ma, come si diceva all'inizio, in molti casi scomparse dopo una sola stagione.

Nella foto qui sopra, procedendo in senso orario dall'immagine in alto a sinistra, troviamo innanzitutto Downtown (13 episodi, 1999) di Chris Prynoski, sitcom che racconta le vite di una serie di giovani di New York. Storie che sembravano reali perché lo erano: i personaggi e le loro vicende erano basati su interviste a persone vere. Un episodio ricevette una nomination agli Emmy del 2000.

Spy Groove (13 episodi, spalmati tra il 2000 e il 2002) seguiva le avventure di Agente 1, Agente 2 e del loro capo Helena Troy, scritte dai comici Michael Gans e Richard Register. Lo stile visivo era ispirato ai lavori del disegnatore Glen Hanson.

3-South, creata da uno degli autori de I Griffin, Mark Hentemann, e basata sui suoi giorni al college a Miami, ai 13 episodi previsti non ci arrivò nemmeno: fu interrotta dopo i primi 10, andati in onda tra fine 2002 e inizio 2003.

Station Zero (20 episodi, 1999), infine, seguiva una banda di ragazzini del Bronx impallinati per l'hip hop e alle prese con un loro show televisivo. Era tratto da un fumetto indie pubblicato sulla rivista The Source. La formula, con i ragazzi che commentano i video musicali, riprendeva in un contesto diverso quella di Beavis and Butt-Head.

Clone High MTV

Ci sarebbero altre serie ancora da citare, come Undergrads (13 episodi, 2001) e soprattutto Clone High, che tra il 2002 e il 2004 riesce a coprire tre stagioni e 33 episodi. Come il titolo lascia intuire, parla di una scuola superiore popolata da cloni (di personaggi storici come Lincoln, Cleopatra, Gandhi o Kennedy) messa in piedi per un esperimento governativo segreto.

A crearla, insieme al Bill Lawrence di Scrubs (e poi tanto altro, tra cui Ted Lasso), sono due ragazzotti ventisettenni che si sono conosciuti al college. Si chiamano Phil Lord e Christopher Miller, e anche grazie all'esperienza maturata con Clone High, negli anni a seguire firmeranno film come Piovono polpette, The LEGO Movie, 21 Jump Street e, come produttori e sceneggiatori, due cosucce di poco conto intitolate Spider-Man - Un nuovo universo e Across the Spider-Verse.

Magari ne avete sentito parlare.

Nerd Shopping su AmazonAntro Store: felpe, magliette, mug della deboscia
21 

Commenti

  1. The Head mi faceva semplicemente orrore. Ma non in senso buono, odiavo tutto di quel cartone. Viceversa, con Daria è stato amore a prima vista (erano gli anni del liceo. Diamine, ero identica anche d'aspetto!!) e con Celebrity Death Match idem, quante risate. Ho ricordi vaghi di Downtown e Station Zero, mai apprezzati davvero, il resto l'ho perso per strada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daria era la serie perfetta da guardare con l'insofferenza per il mondo che si ha da rEgazzini. Ma al di là di questo, era scritta proprio bene.

      Elimina
    2. Ma poi vogliamo di parlare della Massironi? Forse il miglior casting di doppiaggio di sempre.

      Elimina
  2. Daria era geniale.... quel modo che hanno, alcuni illuminati autori, anche negli Usa di prender per i fondelli sè stessi, tutto il Paese e le sue cento, mille manie e fobie... facendo credere agli spettatori che il bersaglio sia sempre "l'altro" e non proprio lui....

    RispondiElimina
  3. Genuino momento emozione (con una spruzzata di nostalgia canalis). Se non ricordo male Daria fu la prima serie animata che vidi su MTV all'epoca e l'impatto che ebbe sul me stesso dell'epoca fu enorme. Adoravo buona parte dei personaggi e il cinismo e l'ironia di quella serie lo ho ritrovate solo molti anni dopo con quel capolavoro di Bojack.
    Celebrity Deathmatch non aveva lo stesso spessore ma era una serie fuori di testa e dissacrante al punto giusto. Vedere tutti quei personaggi famosi massacrati nelle maniere più improbabili era spassosissimo (menzione d'onore all'incontro tra gli Hanson e le Spice Girls la cui conclusione ricordo ancora oggi).
    Per il resto credo di aver visto di sfuggita solo Downtown che non mi parse affatto male mentre degli altri non ho memoria.
    Quello che non capisco è come abbia fatto MTV a passare da perle di animazione come quelle che hai citato a programmi al limite dell'inguardabile come "18 anni incinta".

    RispondiElimina
  4. The Head: totalmente folle
    Daria: incredibile, ben scrittissimo e fondamentale.
    The Maxx: stiloso e allucinogeno, che pure il fumetto lo era
    Celebrity Death Match: spassosissimo

    Non ricordo bene se quando uscirono queste serie esisteva MTV oppure c'era tipo TMC2 che fungeva da supporto per le cose musicali, in ogni caso a Penisville, tra i monti, quella stazione tv non prendeva bene e non riuscivo mai a godermi queste serie. Ricordo che un mio amico dotato di "padre radio/video amatore" aveva un'antenna gigante che prendeva anche dalla Russia, con la quale amavamo guardare sul suo comodo divano il Wrestling della WCW (e NWO) e le meglio reti musicali, tra cui chiaramente qualla che dava MTV italia. Che spasso mangiare schifezze e guardare questi video così moderni, e incredibilmente c'erano anche le ragazze con noi! :D, Daria in particolare piaceva un po' a tutti/e, ma i più suonati erano comunque Beavis and Butt-Head!
    Nell'estate del '99 giunse nelle mani del mio allora batterista la VHS di Beavis and Butt-Head alla conquista dell'America e fu un tripudio, praticamente sapevamo tutte le battute a memoria e guardammo quel film almeno un pacco di volte XD
    'Mazza che flash...

    RispondiElimina
  5. Ricordo bene i titoli presentati nell'articolo precedente, di quelli ricordo Daria e Celebrity Deathmatch, mentre gli altri titoli non mi dicono nulla.
    Può essere che in Italia siano stati replicati meno o sono io che perdo colpi?

    RispondiElimina
  6. Daria e Celebrity Death Match, che ricordi! Sarei curioso di riguardarli, per capire se davvero sono invecchiati bene come credo o se la patina di nostalgia agisce anche su questi (soprattutto Daria). Sono su qualche piattaforma?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su YouTube trovi molti match di Celebrity Deathmatch in versione originale (cerca il canale MTV Vault). Daria non c'è neanche su Paramount+, da noi, quindi temo di no.

      Elimina
    2. Grazie mille. Davvero peccato per Daria.

      Elimina
    3. Appunto.
      Uno dei motivi che mi ha spinto a provare Paramontagnapiu' era la speranza di ritrovare un sacco di roba trasmessa ai tempi da MTV.
      Sapete com'e', trattandosi di produzioni Viacom in teoria sarebbe loro proprieta'.
      Al momento c'e' davvero ben poco, da quel che ho potuto vedere.

      Elimina
  7. Di The Head ho ricordi molto vaghi, però mi chiedo: cosa succedeva nella serie? Cioè cosa poteva accadere in una puntata del cartone? Jim e Roy vanno al supermercato? Si scontrano con altri alieni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più o meno: Roy vuole impedire un'invasione aliena (di un altro tipo di alieni) e deve ricostruire un certo macchinario per riuscirci.

      Elimina
  8. All'epoca non perdevo un episodio di Daria, era il mio cartoon preferito in assoluto. Ricordo che ritardavo l'uscita universitaria di bevuta settimanale per vedere la conclusione dell'episodio e venivo regolarmente infamato dai miei compagni d'appartamento!
    Ho apprezzato moltissimo anche Downtown, lo stuolo di personaggi che erano raooresentanti era fuori da ogni cliché visto prima e grazie alal tua spiegaizone comprendo solo ora il perché.
    Ho visto anche tutto The Head nontando l'orribile cambio di direzione delal seconda serie, con la storia parallela del bodyguard che fa lo spogliarellista e le mille altre divagazioni...peccato era davvero fico come incipit!
    The MAXX non l'ho mai visto in Italia, ma lo beccai un'estate durante un soggiorno in Spagna sulla MTV locale e rimasi abbagliato. Peccato non averlo seguito!
    E come sempre grazie per le dritte DOC

    RispondiElimina
  9. Avevo un rapporto complicato con Daria, troppo diverso da Beavis e Butthead (leggi: "troppo intelligente") per farmelo apprezzare (capire) all'epoca. Di Celebrity Deathmatch soffrivo un po' quando gli sfidanti erano personaggi che non conoscevo, però sapeva prendermi anche con incontri tra personaggi che conoscevo ma di cui non me ne fregava nulla (incontro preferito: Tyson contro Holyfield, ancora adesso associo Mike Tyson a Mario Zucca che fintamentr mellifluo sibila: "Holyfiiiield?").
    The Maxx mi ha sempre attirato ma non sono mai riuscito a beccarlo: se non ricordo male andava in onda a tarda notte e sbaglio o non era nemmeno stato doppiato?

    RispondiElimina
  10. Altro gran post, Doc. Complimentoni.
    Ci sara' una terza parte, per caso?
    No, perche' gradirei molto un tuo intervento sui corti (tipo quello di The Sandman e quello di Halloween col ragazzino con la maschera da zucca, assolutamente da brividi), su The Boondocks e magari su Pets, anche se non era d'animazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per i corti vediamo. Per le altre due: anche se furono trasmesse da noi su MTV, sia The Boondocks (serie per Adult Swim) che Pets (dell'inglese Channel 4) non c'entrano con le produzioni di MTV Animation.

      Elimina
  11. I cartoni che davano su MTV all'epoca erano una roba dell'altro mondo! Prima ancora dell'Anime night (gli anime "adulti" come Evangelion erano la naturale conclusione della parabola iniziata con queste perle) cose come Beavis and Butthead e The Head erano incredibilmente sperimentali, sporchi e underground.
    Aeon Flux e Daria restano i miei preferiti: del primo ricordo trovate narrative incredibili, come una donna di cui era innamorato Trevor, che non veniva percepita da nessuno perché in qualche modo le sue molecole vibravano in una fase diversa da quella del resto dell'universo, così lui indossava un dispositivo che lo metteva "in fase" con lei è quando si incontravano il resto del mondo spariva... roba da trip alla Philip Dick, io ci andavo a nozze.
    Daria poi è il cartone perfetto: tutti i personaggi mitici, protagonista miticissima (e identica a una mia amica 😀 ), episodi che potevano benissimo tenere testa a un mostro sacro come i Simpson per intelligenza e satira graffiante. Bello bello davvero.
    Celebrity deathmatch mi piaceva poco, troppo gratuita la violenza e non ho trovato l'intelligenza di Daria.
    Invece, qualcuno si ricorda della Super Adventure Team? Era un cartone in "supermarionation" come i Thunderbirds, ma con storie esilaranti: ricordo un gruppo di terroristi che rapivano la regina d'Inghilterra perché volevano vedere i Kiss 😀, con i miei amici abbiamo riso per anni alla scena del capitano che con voce drammatica diceva "Non possiamo mettere a rischio la vita della band più ROCK d'America".

    Quoto Redferne sul cortometraggio "The Sandman", con l'uomo-uccello che strappa gli occhi al bambino e li dà in pasto ai suoi cuccioli.... mamma mia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Redferne:
      Era AGGHIACCIANTE, quel corto.
      Mi mise un disagio pazzesco.

      Elimina
  12. Diverse serie che avevo visto su MTV a quanto pare non erano di MTV ma le trasmettevano soltanto.
    Ricordo molto bene Beavis and Butthead, The Head, Celebrity Deathmatch e soprattutto Daria, le altre purtroppo devo essermele perse.

    RispondiElimina
  13. Adoravo Daria e Celebrity Deathmatch.."Da Nick Diamond e Johnny Gomes, buona notte e buone botte!".

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy