Mario Kart Live: Home Circuit, averci Luigi che ti gira davvero per il salotto

Mario Kart Live Home Circuit recensione

Arrivi buon ultimo, probabilmente, a parlare di Mario Kart Live: Home Circuit, visto che il gioco è in giro  - in senso letterale - da metà ottobre. Ma c'è che te n'è arrivata la versione con il kart di Luigi da Nintendo, ed è diventato il nuovo videogioco preferito di PiKi. Anche e soprattutto perché non è solo un videogioco, e ci può fare gli agguati alle pantofole [...]

Mario Kart Live Home Circuit recensione
Tecnicamente, Mario Kart Live: Home Circuit fa parte del franchise di Mario Kart, di cui rappresenta il decimo capitolo su console (e il quindicesimo in totale). A differenziarlo da tutti gli altri, però, è l'impostazione: questo è un ibrido tra un videogame e un giocattolo, con un kart di plastica da guidare tramite Nintendo Switch - sul televisore o sullo schermo della console - come se fosse un radiocomando.

Le porte di cartoncino e i segnali per le curve presenti nel kit permettono di creare un gioco in realtà aumentata, in cui sfidi sui vari percorsi Bowser Jr. e i Bowserotti, schivando Boo, Surgelini e raccattando bonus e monete come in qualsiasi altro Mario Kart. Solo che negli altri Mario Kart non avevi un'automobilina che ti girava per il salotto, e non creavi la pista facendola passare dietro al divano o sotto al tavolino.

Il fatto di avere un kart di plastica - nel tuo caso di Luigi, che è anche quello dei due che costa meno su Amazon. Ma a prescindere da quello, sempre #TeamLuigi - con telecamera a bordo, da controllare su quello che per lei è un tablet con tanti tasti e due levette, ha fatto impazzire PiKi, che lo ha trasformato, uh, in una macchina da scherzi.

Mario Kart Live Home Circuit recensione

Ma ha fatto impazzire pure te, in effetti, a metà tra lo stupore per la magia Nintendo - che riesce sempre e solo a Nintendo, da una vita a questa parte, pare - e l'effetto strano dato dal vedere una versione dalla componente così concreta, fisica di una storica saga videoludica. 

O vedere un pezzo di cartone trasformarsi sullo schermo in un'insegna lampeggiante. Perché potremo pure sapere come funziona esattamente la realtà aumentata e tutto il resto, ma questo non vuol dire che vederla all'opera non lasci a volte lo stesso a bocca aperta.

La cosa probabilmente più bella, al di là della mixed reality, è chiaramente la possibilità di crearsi il proprio percorso, piazzando le quattro porte in giro per la stanza, stabilendo le caratteristiche e i bonus di ognuna per customizzare il tracciato. E disseminandolo poi di pupazzetti e altri oggetti reali.

Mario Kart Live Home Circuit recensione

E pure qua: vedere il piccolo terremoto che si studiava un circuito è stato divertente. Per te, anche e soprattutto per lei, alla sua primissima esperienza di game design. Funziona anche in modo bizzarro il rapporto con il giocattolo-macchina: chi gioca tende a concentrarsi sul tracciato, gli oggetti, sulla partita a un Mario Kart. Ci sono otto trofei, vari effetti attivabili sul percorso, la possibilità di personalizzare pilota e veicolo on-screen... insomma una discreta dose di contenuti come gioco in sé. 

Chi osserva dall'esterno, invece, resta ipnotizzato da quell'affarino rosso o verde che ti gira per casa. È... bizzarro, appunto. Passando ad aspetti più pratici, il setup è veloce: scarichi gratuitamente il gioco dallo store Nintendo, fai leggere il QR alla telecamera del kart, piazzi le porte di cartone - che si possono ripiegare e metter via nel loro astuccio una volta finito di giocare - segui il tutorial e sei pronto.

Mario Kart Live Home Circuit recensione

Il kart si ricarica con il cavo USB incluso o l'adattatore di Switch. Per giocare fisicamente con due kart è comunque necessario avere due Switch, perché puoi abbinare a una console un solo kart. Non puoi spedire la macchinina troppo lontana, perché dopo cinque metri (o con troppi muri in mezzo) perde il segnale. E lo sai perché PiKi l'ha mandata in missione qui nello studio per spostarti a tradimento le pantofole da sotto la scrivania e il piano le è riuscito solo a metà.

Altre cose da sapere: occorre uno spazio ovviamente non troppo piccolo, come un salone o un corridoio abbastanza largo, e che sia ben illuminato. Insomma come uno di quei salotti da pubblicità Nintendo, sì. Meglio evitare i tappeti alti, perché il pelo blocca le ruote del kart. Uno potrebbe anche dire, Embè, grazie, buongiorno, e avrebbe pure ragione. Ma tu te ne sei accorto solo quando le ruote del kart di Luigi avevano messo su la pelliccetta.

Mario Kart Live Home Circuit recensione

È chiaro che con un prezzo di circa 109 euro, a considerarlo solo come un giocattolo è costoso. Ma è un videogioco che si basa su un giocattolo munito di telecamera, e visto che i giochi di questa generazione superano ormai facile anche le 70 carte, la cosa messa così ha un altro peso. 

Certo, sarebbe molto più figo avere due kart fisici da far gareggiare, ma per le ragioni spiegate sopra, diventa un bell'investimento. Se uno non è un collezionista Nintendo e non sta neanche leggendo queste righe, perché tanto ha già preso tutto mesi fa, ok.

Ah, domani, se riesci, giochi finalmente in live su Twitch un po' di Turrican Flashback, la collection dei vecchi Turrican per PS4 e Switch, che ti è arrivata qualche giorno fa ed esce la prossima settimana, l'1 febbraio. Restate sintonizzati.


Vetrina Antro su Amazon

Commenti

  1. #TeamLuigi forever. Potrebbe essere il prodotto che mi convince a prendere Switch. Sembra dannatamente divertente ente

    RispondiElimina
  2. Fighissima idea, ispirava molto anche me.
    Anche io ho un piccolo terremoto, ma per il momento è troppo piccola, tra qualche anno però potrebbe diventare un oggetto interessante.

    RispondiElimina
  3. Sembra davvero bello e divertente. Molto affascinante questa interazione tra reale e virtuale.

    RispondiElimina
  4. Mi tenta tantissimo, non avessi due cani in giro per casa pronti ad assaltare il veicolo l'avrei già preso!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Veramente una bella trovata di Nintendo, sono stato tentato di prenderlo per i miei Decepticon ma il costo abbinato alla casa piccola mi ha fatto desistere. Ma ho sentito bene? Turrican flashback!!!!! Mioddio lo voglioooo!!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy