Le tre serie TV dell'anno (e quelle del Decennio) - Minollo d'Oro 2019

Migliori serie TV 2019

Terzo round di votazioni per il Minollo d'Oro 2019, ladies and genze. Dopo i videogiochi e i fumetti, tocca oggi alle serie TV. Le migliori serie TV uscite nell'anno che volge al termine, secondo voi, e sempre secondo voi quelle migliori di tutto l'intero del decennio, alé! [...]

Migliori serie TV 2019

Allora, LE REGOLE DEL GIOCO (leggere bene, leggere tutto, leggere forte, se necessario leggere due volte). Per il potere del copiaeincolla di Grayskull del regolamento di un anno fa, ma con alcuni decisi aggiustamenti di tiro:

1) Dovete scegliere innanzitutto tre serie TV uscite nel 2019. Valgono sia le serie nuove partite nel 2019, sia le stagioni (di serie preesistenti) andate in onda nel 2019. Non vale una serie precedente che avete recuperato voi nel 2019.

Poi, subito sotto, dovete segnalare anche le vostre 3 serie TV preferite in assoluto tra quelle andate in onda tra il 2010 e il 2019. Sì, è molto difficile ridurre la scelta a tre titoli, ma è un gioco.

Al primo telefilm verranno assegnati tre punti, al secondo due, al terzo uno. Verranno presi in considerazione SOLO i commenti in cui per ogni scelta ci sia un minimo di spiegazione. Bastano poche parole, ma la spiegazione ci deve essere: in pratica, i voti dei commenti senza spiegazione NON verranno contati e il loro autore sarà costretto a girare per due giorni ascoltando la versione polacca di 6 un mito degli 883 dalla mattina alla sera.

Esempio e template di commento valido:

Serie del 2019: 1) Mimmolino Adventure: la Serie, perché Mimmolino interpretato da Robert De Niro e doppiato da Olivia Wilde è davvero una qualchecaus; 2) Buco di Sceneggiatura Stagione 2, perché è la serie evento che ha dato voce ai milioni di sceneggiatori in pectore di Facebook; 3) Piki ora mangia finalmente la margherita se gliela taglio a pezzettini - Stagione 4, perché è il toccante epilogo di quel difficile problema familiare di quando bisogna ordinare la pizza a casa.

Serie del Decennio: 1) Uno, perché è la serie da cui tutto ha avuto inizio, 2) tto, perché è un appassionante ritratto del mondo delle coppie di voci soliste, 3) ma il regno delle tenebre e del male.

2) Non potete scegliere più di tre serie dell'anno e tre del decennio, ma se non arrivate a tre e ne volete votare solo due o uno per gruppo, va bene lo stesso (si applicheranno sempre tre punti alla prima e due alla seconda).

3) I commenti anonimi finiscono come al solito dritti nella vasca dei minolli piranha fluorescenti, tempo perso per chi li scrive.

4) Il termine per votare sono le ore 20 di martedì prossimo, 31 dicembre, pure perché è Capodanno. Tutti i voti arrivati dopo non contano. Per ogni "Ehhh, ma ho letto tardi", in regalo una bottiglia di Amaro Amarazzo. A chiusura di tutte le votazioni comunicherai le tue di scelte.

5) Ultima, ma non ultima, fatevi i commenti vostri, non rompete le balle agli altri per le loro scelte. Tutto chiaro? Come ai vecchi tempi, dichiari aperto il teleVov. Votare!

100 

Commenti

  1. Eccomi!

    2019:
    1. STRANGER THINGS: perché tutto sommato, anche se mi sono stufato del "mercato della nostalgia", è stata bella anche la terza stagione, e ha fatto ridere, commuovere ed esaltare, tutto insieme. Mica poco.
    2. WATCHMEN: perché non la volevo vedere da bravo e diligente mujaheddin dell'alan-moore-pensiero, ma dato che sono anche invecchiato e la mia spina dorsale scricchiola alla fine l'ho guardata. E mi è piaciuta. La puntata sul Doc Manhattan mi ha fatto dire "vaccaboia!" con gli occhi sgranati, quindi va bene così
    3. CHERNOBYL: perché nonostante i colori slavati e il trattamento un po' "americaneggiante" riservato ai sovietici, ha (ri)aperto una storia importante.

    Decennio:
    1. THE AMERICANS: la serie più bella che abbia mai visto nell'era post-X-Files. Lo sceneggiatore dovrebbe essere protetto dall'UNESCO; non c'è un buco, non c'è uno sbaffo, un dialogo sbagliato, un passaggio debole in sei stagioni. Non c'è mai la possibilità di prendere le parti di un personaggio in particolare, perché tutti sono avvolti da luci e ombre, tutti sono giusti e sbagliati, mai totalmente buoni o cattivi, e quindi molto ma molto reali. E alla fine tutto si chiude magistralmente tirando fili lunghissimi che partono dal primo episodio della prima stagione e attraversano tutta la serie. Insomma, per me è stato un capolavorissimo.
    2. VINYL: per fortuna non hanno fatto una seconda stagione perché la prima da sola è un filmone perfetto sul rock e il punk newyorkesi (che sono la mia musica preferita) e le relative industrie musicali.
    3. BLACK MIRROR: invecchierà malissimo perché ogni puntata è troppo legata al qui e ora, ma di fantascienza così vera se ne vede poca in giro.

    RispondiElimina
  2. Vado con quelle del decennio, quest'anno ho seguito poco:

    1) Game of Thrones: niente da fare, resta probabilmente la serie del decennio per produzione e impatto sul pubblico, che non oscurano la storia e i personaggi entrambi memorabili. Cioè, almeno fino alla quinta stagione.

    2) Rick & Morty: nonostante i fan sempre più rompiballe e insopportabili, è una serie fresca e originale. Caratterizzazioni perfette, sceneggiature ottime.

    3) Legion: la miglior serie di supereroi, il miglior film sugli X-Men pur non essendo un film. Visivamente spettacolare.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. 2019
    1) Watchmen, perché fa partire la scimmia ed è un giusto omaggio al fumetto. Attori bravissimi
    2) CHERNOBYL. Talmente fatta bene che mi pareva di avere le radiazioni in casa
    3) ms maisel. Attori superbi, solo le puntate con la manager che aveva in mano uno sturalavandino vale tutto

    Decennio
    1) GOT. Perché è stato un mondo in cui mi sono immersa e staccarsene è difficile, anche oggi
    2) GLOW Donne wrestler anni 80, comico e commovente.
    3) big bang theory. Tuttavia mi ha fatto sempre ridere e #stareserena

    Grazie
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TBBT anche per me è stata a lungo una serie familiare e rassicurante. Poi è finita nella totale indifferenza di tutti perché hanno mandato in onda l'ultimo episodio proprio nelle due settimane tra Endgame e il finale di GoT. Secondo me una furbata (forse involontaria?) visto che tanto i fan si lamentano sempre dei finali.

      Elimina
  5. 2019
    1. Mr. Robot. Dopo una seconda stagione sottotono, si è ripreso alla grande con la terza e soprattutto con questa quarta e ultima stagione (peccato sia un po' sparito dai radar). Un finale ad altissima tensione, che chiude il cerchio e regala colpi di scena riuscendo anche ad emozionare.
    2. BoJack Horseman. Al secondo posto solo perché è una mezza stagione. Ma sta arrivando in fondo agli stessi altissimi livelli delle precedenti. Mi ha fatto capire che non sono ancora pronto per salutare definitivamente BJ.
    3. Mindhunter. Basterebbe quella puntata con Charles Manson per metterlo nella mia top 3. Poi però c'è anche tutta l'indagine ad Atlanta che ti tiene incollato allo schermo fino alla fine.

    Decennio
    1. Breaking Bad. Perché la voterei come mia serie preferita di tutti i tempi, non solo del decennio. Un viaggio indimenticabile, dall'inizio alla fine (che ci ha regalato anche quell'altra serie che è uno splendido prequel).
    2. BoJack Horseman. Perché una serie animata con un cavallo come protagonista è quella a cui sono stato più legato emotivamente negli ultimi anni.
    3. Game of Thrones. Perché in fondo è tra le serie del decennio che più mi hanno appassionato, con quell'attesa logorante tra una stagione e l'altra e la paura degli spoiler ogni lunedì. Ed è stata tra le serie più importanti degli ultimi anni, che ha contribuito a cambiare le serie TV e farle diventare quello che sono oggi. Peccato per come si sia chiusa, perché con un finale decente avrebbe potuto giocarsi il primo posto con Breaking Bad.

    RispondiElimina
  6. Serie 2019

    1] Chernobyl : La sorpresa dell'anno, serie trovata cosi a caso che mi ha colpito subito. Dall'interpretazione degli attori allo svolgimento della storia, formato mini serie perfetto. Il primo film/serie che vedo in cui gli effetti delle radiazioni sono mostrati in tutta loro letalità.

    2] Glow S4 : Una serie che non ha il riconoscimento che gli spetterebbe. Proprio quando pensavo che la serie iniziasse la sua calata arriva questa quarta stagione e non solo tiene banco, ma nelle ultime puntate alza anche. Trovo che la serie abbia alcuni dei personaggi femminili attualmente meglio scritti e interpretati.

    3] Black Summer : Serie Netflix sugli zombie, ma quelli veri. Dopo una prima puntata un po' particolare di presentazione dei personaggi, la storia prende piede nel più classico dei modi, una madre separata dalla figlia durante la zombie apocalisse. La serie non è perfetta, ma sarà che sentivo la mancanza di uno show sugli zombie dove i protagoniste sono più impegnati a sopravvivere piuttosto che a mettere su un siparietto alla Beautifull . La puntata finale poi da sola vale tutta la serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commento anonimo purtroppo e mi spiace perché pochi voteranno Black Summer, serve un nick

      Elimina
  7. Voto solo per le serie del decennio visto che quest'anno ciò che ho visto non mi ha colpito molto.

    3) The Big Bang Theory: anche se non uscita in questo decennio è senza dubbio una delle rare serie che ho continuato a guardare anche se tra alti e bassi.

    2) The Flash: fin'ora la serie supereroistica che più mi diverte e ritorna rispetta bene il mio personaggio DC. Alcune stagioni hanno fatto scivoloni però hanno saputo riprendersi.

    1) Non fidarti della str**** dell'appartamento 23: la serie più folle che abbia visto negli ultimi anni.
    Divertentissima e tutti i protagonisti hanno il giusto spazio.
    Forse gli ultimi episodi sono sotto tono ma probabilmente era chiara la chiusura dello show

    RispondiElimina
  8. 2019:
    1) Chernobyl. Perché è stato un bellissimo pugno allo stomaco, e credo sia arrivato a sorprendere tutti. Cast magistrale.
    2) Watchmen. Anch’io, come tanti, ero impaurito dal signor Lindelof (nonostante la sua lettera di intenti), e invece ci ha tirato fuori una serie davvero memorabile. Ebbravo Damon. Ma pure gli attori, in buona parte, se la sono cavata bene.
    3) The Mandalorian. Ero indeciso sul voto a The Boys (altra gradita sorpresa), ma essendo fresco di season finale, voto per Mando e la sua cricca starwarsiana. Ambientazione e atmosfere splendide, da vero SW, e personaggi a cui ti affezioni. Certamente non è un gioiello di trame complesse e profondità, ma queste galoppate nella Galassia lontana lontana ci volevano proprio (solo che ancora non lo sapevamo).

    Decennio;
    1) Breaking Bad. Non so nemmeno cosa scrivere, che non sia già stato detto da chiunque. Come ai tempi ci fu un Prima-di-Lost ed un dopo-Lost, lo stesso dicasi per BB. Epocale.
    Quindi voglio premiare la downward spiral (scusate, qua cito i miei amatissimi Nine inch nails) di Walter White.
    2) Sons of Anarchy. Una versione motorizzata, tamarrizzata, dannatamente rock’n’roll dell’Otello. Davvero vi serviva qualcos’altro per guardarla? Certamente ha avuto alti e bassi, ma è una serie che si è scolpita a fuoco nel mio cuore. Se ripenso al finale (e alla soundtrack di quei momenti) ho ancora il magone.
    3) Hannibal. Credo non la menzionerà nessun altro, forse, ma questa non è una serie. È una dannata opera d’arte. Grandi attori, grandissima tensione e follia che ti catturano sempre di più, in piena sindrome di Stendhal. Amo totalmente.

    RispondiElimina
  9. Serie 2019:

    1) Brooklyn 99, una serie che mi ha fatto ridere come un pazzo per tutte e dico tutte le puntate, apprezzata davvero tantissimo.
    2) The witcher, per aver provato veramente a portare una serie fantasy come si deve, portando il peso di GoT sulle spalle.
    3) Sex education, perché alla fine ste cose teen lgbt Netflix negher e tutte quelle cose per cui i leghisti si lamentano, a me piacciono, e questa è fatta veramente in modo piacevole.

    Serie del decennio:

    1) Godless, dobbiamo parlarne? Serie corta, episodi lunghi, un western puro e duro, avrei voluto tantissimo altre serie cosí.
    2) Better Call Saul, sarà perché adoro McGill, sarà la fotografia e la lentezza generale della serie, ma è quella che adoro di più
    3) Dirk Gently, una serie FOLLE, peccato per la cancellazione, una di quelle che mi porto di più nel cuore.

    Nota da non considerare: ovviamente anche BrBa è tra la migliori del decennio, ma verrà votato da tutti quindi meglio queste più di nicchia. (Spero la stessa cosa per Narcos e Brooklyn99).

    RispondiElimina
  10. 2019
    1)Mr Robot stagione 4. Chiude benissimo il cerchio piazzando anche un paio di colpi di scena pazzeschi, con una regia impeccabile.
    2)Dark stagione 2. Serie sui viaggi nel tempo dove tutto si incastra perfettamente. Non è semplice da seguire, ma vedere come ogni dettaglio torni dà grandi soddisfazioni.
    3)The Boys stagione 1. Da tempo non sopporto più i supereroi in ogni formato, ma il modo originale che ha di trattarli questa serie mi ha divertito parecchio.
    Fuori classifica cito solo per farle pubblicità Coba Kai di cui è uscita la seconda stagione e merita tanto.

    Migliori del Decennio
    1)Breaking Bad. Il percorso di un protagonista umile in un villain non poteva esser reso meglio. Cranston su tutti, ma a render grande il telefilm è anche il modo in cui hanno curato anche gli altri personaggi, non resi solo figure di contorno.
    2)Twin Peaks the return. Da molti criticato, per me rimane un gioiello. Impossibile trovare un'interpretazione che accontenti tutti, bisogna solo seguire il flusso e goderselo. Una delle poche volte che un film/serie vecchio viene ripreso e si fa tutto per NON accontentare il pubblico. Da Lynch non ci si poteva aspettare altro.
    3)Mr Robot. Una serie dove la componente anarchica e hackeraggio informatico è solo la prima superficie. Esmail e Rami Malek hanno dato vita a un personaggio meraviglioso e a una serie che invece che naufragare nei suoi interrogativi riesce a dare risposte che spiazzano lo spettatore, ma anche lo soddisfano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente qualcuno che ha apprezzato Dark!!!! Dei miei amici non se l'è filata nessuno....

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. 2019
    1) WATCHMEN: gioca con gli ingredienti originali in un modo pazzescamente nuovo: la prima puntata è un ceffone sotto ogni cintura. Non si riesce a dire chi è il buono e chi il cattivo. Serie con grande personalità, che lascia il segno.
    2) TREDICI, 3 stagione: io vado matto per questa serie. Serie con grande personalità, che lascia il segno. Per ora ognuna delle tre stagioni si incastra benissimo con le altre, raccontando persone più che personaggi, che cambiano e che sono chiariscuri. Non si riesce mai a dire chi è il buono e chi è il cattivo.
    3) STRANGER THINGS, 3 stagione: recupera dopo una fiacca seconda stagione: le dimostrazioni di potenza di Undici fanno godere, e anche il finale con tutte quelle cose lì. E poi Steve è un personaggio fatto benissimo, il migliore della serie, l'unico che evolve veramente (e poi è una sorta di "fratello maggiore acquisito", figura non frequentissima nella letteratura e al cinema quanto dovrebbe - nella realtà è molto frequente). Serie con grande personalità, che lascia il segno. Unico neo: si riesce a dire chi è il buono e chi è il cattivo (tranne Steve, che inizia cattivo e diventa buono, migliore in campo, già detto).

    DECENNIO
    1) BREAKING BAD. Poco da fare: non si riesce mai a dire chi è il buono e chi è il cattivo. A distanza di un decennio, resta in testa, con quel suo umorismo e quel suo uso di oggetti di uso quotidiano per compiere crimini. Serie con grande personalità, che lascia il segno. E poi lo spin off è Better Call Saul, intendiamoci: (quasi) meglio dell'originale!
    2) BLACK MIRROR. Perchè nessuna puntata mi ha mai spaventato così tanto come lo speciale natalizio, e molte puntate mi hanno fatto soffrire davvero, come mai nessun altra serie. Peccato si sia edulcorata, ma va bene lo stesso. Serie con grande personalità, che lascia il segno. Non si riesce mai a dire chi è... no aspetta, sono tutti cattivi.
    3) TREDICI. Non si riesce mai a dire chi è il buono e chi è il cattivo (per me Anna Backer è il personaggio negativo e non la protagonista delle prime due stagioni), e racconta i drammi degli adolescenti con una profondità rara e una sceneggiatura pensatissima. Serie con grande personalità, che lascia il segno. Ogni stagione si incastra bene con le precedenti. Da usare in classe.

    RispondiElimina
  13. serie dell'anno
    1) Good omens - un peccato siano solo 6 puntate, scritta bene, recitata meglio, una bomba
    2) The boys stagione 1 - serie su supereroi (supercattivi?) fuori dagli shcemi e senza troppe remore (anche se edulcorata rispetto al fumetto)
    3) Crazy Ex-Girlfriend - A me fa sbellicare, commedia a tratti surreale con inserti di musical

    RispondiElimina
  14. Serie dell'anno:
    1) Chernobyl: nonostante la storia un filo modificata per esigenze televisive e la visione molto americana, è una serie che andrebbe fatta vedere nelle scuole.
    2) Watchmen: perché è una bomba e rende degnamente giustizia alla graphic Nobel, checché ne dicano gli integralisti e quelli che non hanno un cuore.
    3) Good Omens: perché Neil Gaiman va amato a prescindere e una serie basata su una sua opera e con David Tennant l'avrei adorata anche fosse stata brutta, ma è un piccolo gioiello.

    Del decennio:
    1) Game of Thrones: perché nonostante il calo, è riuscita a portare alle grandi masse una serie fantasy.
    2) Black Mirror: anche in questo caso un calo dopo il passaggio a Netflix, ma resta la migliore serie scifi futuribile di sempre.
    3) Rick & Morty: perché Dan Harmon è un genio dai tempi di Community e non perde un cazzo di colpo.

    RispondiElimina
  15. Serie 2019
    1). WATCHMEN per come ha saputo re-inventare gli stilemi tipici del fumetto e del romanzo, partendo da personaggi nuovi e tirando fuori in maniera originale la tematica razziale... davvero ben congegnato, tutte le tessere vanno al loro posto negli ultimi due episodi col rientro del DR!
    2). THE MANDALORIAN un tuffo nostalgico nella spaghetti western condita con astronavi e spade laser... un duro davvero chitarrista rock ... e poi Baby Yoda! Prodotto molto ben confezionato dalle musiche al design, storie brevi ma costruite bene.
    3). THE WITCHER Non avevo letto i libri, né giocato ai videogames, tuttavia è già diventata una serie di riferimento per l'ambientazione ed i personaggi misteriosi che la popolano.

    Menzioni d'onore che a questo punto faccio valere come VOTI del Decennio
    1). GOT L'ho attesa per tanto, troppo tempo e anche se il finale è deludente nello sviluppo della trama resta per sempre il secondo miglior fantasy trasposto in pellicola dopo il Signore degli Anelli.
    2). WESTWORLD La ritengo in assoluto la miglior serie fantascientifica di sempre, è un capolavoro, attori bravissimi, fotografia eccelsa, la riproposizione del mito della caverna di Platone e della creazione della vita artificiale con sentimenti
    3). KARATE KID ehm scusate COBRA KAI perché è un tuffo negli anni 80, la colonna sonora pazzesca ed anche la seconda stagione è avvincente col ritorno di Reese e questo finale cliffangher... non vedo l'ora della terza! No Mercy!

    RispondiElimina
  16. Lascio solo 3 voti
    1. THE BOYS, perché è quanto di meno ti aspetti da qualcosa che va in tv e pensi spesso che non sia possibile che sia davvero in tv.
    2. THE MANDALORIAN perché è il VERO Star Wars
    3. THE GOOD OMEN perché Neil Gaiman, David Tennant e Michael Sheen sono una tripletta imperdibile

    RispondiElimina
  17. Premesso che non è stato facilissimo scegliere le serie del 2019 perché ne ho viste diverse che meritavano il podio. Ne cito 3 che stranamente nessuno ha citato.
    1. UNBELIEVABLE: forse la miglior miniserie dell'anno, ispirato a veri fatti di cronaca raccontati in modo magistrale con un trio di attrici formidabile. Non è una visione semplice dato l'argomento trattato ma merita davvero!
    2.WHEN THEY SEE US: anche qui miniserie tratta da una storia vera. Un vero pugno nello stomaco, attori incredibili (non ho dubbi che Asante Blackk e Jharell Jerome abbiano un luminoso futuro davanti a loro), regia perfetta.
    3.FLEABAG, stagione 2: non seguo molte comedy ma questa è davvero ben fatta e divertente. Riesce nell'impresa più unica che rara di essere decisamente migliore della prima stagione. Phoebe Waller-Bridge fenomenale e Andrew Scott nei panni di Hot Priest. Cosa volete di più?

    Serie del decennio (pure qui scelta non facile):
    1.GOT: nonostante il finale rimane per me LA serie del decennio. Prime stagioni ottime, cast azzeccato, attesa spasmodica per le puntate come pochi altri sono riusciti a creare.
    2.THE AMERICANS: scritta benissimo, recitata anche meglio. Sono poche le serie che possono vantare 6 stagioni di ottimo livello, con in più un finale perfetto e in linea con la narrazione. Un autentico gioiello
    3. DOWNTON ABBEY: i Crowley mi hanno fatto compagnia per anni; impossibile non appassionarsi alle vicende dei personaggi. Lo speciale natalizio post stagione 3 regala uno dei colpi di scena più inaspettati e devastanti della storia.

    RispondiElimina
  18. 2019

    1
    Rick & Morty
    Il vero erede di Futurama, ancora più folle. Una delle pochissime serie che riguarderei daccapo. In più l'ultima stagione fa di tutto per smontare il mito di Rick, folle infelice in cui molti spettatori superficiali vorrebbero identificarsi per sentirsi più intelligenti e cool.

    2
    Gomorra
    Serie noir della stramadonna, che mi tiene incollato allo schermo raccontando un mondo criminale orribile e affascinante in cui non riesco mai a parteggiare per nessuno, perché fanno tutti tutti tutti schifo.

    3
    Veep
    Comicità di altissimo livello; un grande autore inglese (Armando Iannucci) prende in giro la politica americana e mostra che l'umanità al potere quasi mai è machiavellica, quasi sempre stupida. Stagione finale crudele e senza sconti.


    Anni 2010

    1
    Bojack Horseman
    Seconda miglior sitcom animata di sempre (dopo le prime 7 stagioni dei Simpson, duh).

    2
    Black Mirror
    Instant cult che ha cambiato tutto. Il genio Charlie Brooker ha descritto come nessuno il nostro presente in rapido mutamento e anche un poco il futuro prossimo. Ci ha costretto tutti a riconsiderare il rapporto con la tecnologia. E ovviamente svariati episodi sono fonte di una inquietudine profonda e persistente.

    3
    Daredevil
    Per i veri credenti le prime 2 stagioni stanno alla TV come Avengers (2012) al cinema. La meraviglia, appunto.

    Dolorose esclusioni:
    • Breaking Bad (iniziato negli anni 2000)
    • Better Call Saul (bellissimo, ma di fatto è sempre BB)
    • Mad Men (iniziato negli anni 2000)
    • Duck Tales 2017 (flippotrippissimo, ma rimane comunque derivativo della serie del 1989 visto che metà del gusto sono le citazioni)
    • Marvelous Mrs. Maisel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto per chiarire, BB e Mad Men sarebbero valide, ok che sono iniziate nello scorso decennio, ma sono terminate in questo e per i fumetti abbiamo fatto la stessa cosa, quindi sappilo nel caso volessi cambiare la classifica.

      Elimina
    2. Sì sì, mi era chiaro che sarebbero valide. Sono io che preferisco considerarle negli anni 2000 invece nei '10.

      Elimina
  19. 2019:
    Boejack Horseman: serie a cui voglio proprio un bene fisico, bellissima

    Got: sale fino alla quinta stagione, per poi atterrare male nell'ultima, ma ok, è stato pur sempre un'esperienza da vivere.

    Stranger Things 3: caruccia. Sta iniziando a rompere pesantemente tant'è che mi sono abbastanza annoiato nel vederla, ma ok.

    2010/2019:

    Boejack :come già detto
    GOT: come già detto
    Black Mirror: almeno fino alle prime due stagioni, era LA SERIE.
    Ma ad ogni modo ha toccato delle vette assurde.

    RispondiElimina
  20. Prima di votare chiedo se valgono TUTTE le serie animate, anche anime per intenderci?
    Chiariamoci, in ogni caso sarei purtroppo costretto a lasciar fuori la quarta stagione di My Hero Academia (non è ancora a metà e non posso votarla) e neppure l'anime di Vento Aureo perché devo recuperarlo per bene (inoltre come per MHA è una serie a cavallo dell'anno, non sai mai se sia corretto nominarle). Però per il decennio potrei dare dei voti a qualche anime e sarebbe utile saperlo (immagino di sì visto che Bojack e Rick e Morty erano validi gli anni scorsi).

    Del 2019 direi

    3° posto: Chernobyl.
    Funziona tutto, è indubbiamente filo-americana ma stiamo parlando di Chernobyl, è praticamente giustificata. Qualcuno disse che sarebbe da far vedere nelle scuole e do ragione a chi l'ha scritto, è un'ottima opzione per ricordare la negligenza sul posto di lavoro in casi delicati come possono esserlo le centrali nucleari.

    2° posto: Bojack Horseman stagione 6 (prima parte).
    Relativamente tranquilla, mostra l'assestamento dei personaggi prima della tempesta che sarà la seconda metà, ma non per questo priva di momenti alla "Bojack". Curioso di vedere dove andranno a parare con Mr Peanutbutter, mentre penso sia stata una delle stagioni migliori per le sottotrame di Todd. Non è al primo posto perché è solo la prima parte ed in sé è difficile credere sia superiore a Chernobyl o altre serie come When They See Us, ma visto l'attaccamento verso la serie ritengo sia doveroso premiarla col podio.

    1° posto: The Crown stagione 3.
    Non so se sia migliore delle prime due stagioni, questa copre molti più anni e salta eventi importanti come il tentato rapimento della Principessa Anna che spero verrà inserito nella quarta, ma la potenza espressiva degli attori è sempre incredibile e commovente, Filippo è forse il personaggio più...Non vorrei dire importante, ma secondo me è uno di quelli con cui il pubblico si identifica maggiormente, ha subìto una tale evoluzione nel corso delle stagioni che l'ha reso comprensibile per molte persone nonostante la sua scorza dura, inoltre la puntata sulla sua crisi di mezza età è sublime, forse la migliore dell'intera serie. Qualsiasi personaggio o attore nuovo è accattivante e interessante, da Wilson al nuovo Mountbatten, dalla madre di Filippo al nuovo attore del Re esiliato in Francia.
    Ogni personaggio ha una tale personalità che risplende pure per quelli tratteggiati come noiosi come il primo ministro Heath che si vede due o tre volte in tutta la serie eppure resta interessante nonostante la Regina non lo sopporti.

    Per il decennio resta la domanda di sopra Doc, domani rispondo comunque in ogni caso e le considererò valide anche senza una risposta

    RispondiElimina
  21. Serie del 2019:
    1)The Mandalorian: sorprendente: classico e nuovo allo stesso tempo, la Disney senza probabilmente nemmeno saperlo ha fatto il colpaccio e ha prodotto la sua prima cosa Star Wars degna di tale nome, speriamo che sia l'inizio di un nuovo approccio.
    2)The Boys: forse meno dissacrante del previsto, qualche buco nella sceneggiatura ma assolutamente divertente e interessante, storia e personaggi accattivanti, attori ottimi.
    3)Good Omens: miniserie divertente, ironica, bravi interpreti...che aggiungere di più?

    RispondiElimina
  22. Non trovo il mio commento di prima dove avevo iniziato con le serie dell'anno... Vabbeh le riposto qua insieme con quelle del decennio...

    2019
    1) FLEABAG perché come scrive e recita Phoebe Waller Bridge manco i cani
    2) WATCHMEN perché nonostante un episodio finale che sgonfia un po' tutto quanto costruito prima, si vola altissimo per almeno 4 o 5 episodi
    3) THE MANDALORIAN perché mi ha fatto tornare la scimmia di SW che era sparita dal 1983

    DECENNIO
    1) GAME OF THRONES dai... secondo me non c'è partita, è stata l'ultima delle grandi serie fruite "una volta la settimana", l'evento del decennio
    2) BOJACK HORSEMAN una sorpresa unica che monta piano piano e che si risolve in una delle serie più belle mai viste, anche se i protagonisti sono cavalli cani e seppie
    3) STRANGER THINGS perché gli anni '10 ancora più degli anni '00 sono stati imbevuti di nostalgia eighties e questa serie ne è il perfetto e zuccheroso distillato

    RispondiElimina
  23. 2019
    (1) The Marvelous Mrs Maisel: è brillante in ogni aspetto, dai costumi, al cast, alla musiche, ai dialoghi, alla trama.
    (2) Mindhunter: seconda stagione che tiene incollati allo schermo. Nonostante si tenda a trovare il protagonista anche un po' saccente e antipatico, la serie è ben congegnata, ben bilanciata e tutto sommato storicamente accurata e ti prende tantissimo.
    (3) Stranger Things: terza stagione persino più bella delle precedenti, inaspettatamente.

    Decennio:
    (1) Game Of Thrones: ha avuto la capacità di avvicinare al fantasy milioni di persone, di stupire, di lasciare sgomenti e di creare tantissima attesa. Guardarlo è stato come sentirsi parte di qualcosa, quasi come seguire le olimpiadi o i mondiali. Specialmente per quanto riguarda le prime stagioni, quelle fedeli ai libri.
    (2) Black Mirror: qualcosa di completamente nuovo che unita alla grande libertà data dalla serie antologica, e alla straordinaria capacità di costruire una realtà in un futuro vicinissimo al nostro o contemporaneo, la rende inquietante e allo stesso tempo ci fa riflettere.
    (3) True Detective: in questo caso soltanto la prima stagione è una vera perla, ma verrà sempre ricordata credo come qualcosa di altamente riuscito.

    RispondiElimina
  24. 2019

    1) Watchmen: che dire? Lindelof prende il materiale originale e ci ricama sopra una storia e dei personaggi che calzano perfettamente. Partenza col botto, temi attualissimi, rivelazioni shock: c'è tutto.
    2) Fleabag 2: la serie comedy dell'anno. Tagliente, ben scritta, ben recitata, il miglior sfondamento della quarta parete visto da molto tempo. E quanto si ride.
    3) Chernobyl: dramma enorme, serie enorme. Costruita e raccontata magistralmente, interpretata ancora meglio. Da brividi.

    2010-2019
    1) BoJack Horseman: non credo esista serie che meglio rappresenta gli anni Dieci. Animazione che colpisce come un pugno nello stomaco, più diretta di mille drammi tv visti e stravisti. Personaggi memorabili che sono già iconici.
    2) Black Mirror: per quello che è stato, più che per quello che è adesso. Ma le prime 3 stagioni (e metà della 4) valgono tanto, troppo. Per come hanno raccontato presente e futuro prossimo, talvolta arrivandoci per davvero prima della realtà stessa.
    3) GoT: oh, fino alla terzultima stagione sarebbe da primo posto. Il tracollo finale è vertiginoso, ma non posso che togliermi il cappello davanti alla serie che più di tutte ha rivoluzionato il modo di "fare televisione" nell'ultimo decennio.

    RispondiElimina
  25. 2019:

    1. Bojack Horseman

    Lo metto qua sulla fiducia anche se credo che il meglio lo abbia già dato, ma siccome non è ancora finito non me la sento di metterlo tra quelle del decennio perché, a differenza di altre, questo "stupido, stupido cavallo" l'ho amato davvero tanto e un finale non all'altezza dell'hype megascimmiesco che mi ha fomentato mi deluderebbe tantissimo...posto che come detto credo che il picco di quella puntata con Sarah Lynn non lo toccheremo mai più (spero in una smentita)

    2. La fantastica signora Maisel

    Perché la Sherman-Palladino scrive in modo fantastico, l'ambientazione è stupenda, la serie divertente e Rachel Brosnahan fa innamorare.

    3. The Umbrella Academy

    In realtà a ben pensarci non mi dovrebbe essere piaciuta così tanto da giustificare un podio...eppure mi è rimasta ferocemente impressa e in qualche modo credo che questo bronzo se lo sia guadagnato, specie considerando l'overdose da derivati dei fumetti a cui ormai siamo abituati da anni e anni

    Decennio:

    1. Breaking Bad

    Ma proprio sopra ogni cosa, senza rivali, perché ci sarebbero troppe cose retoriche da dire ma fondamentalmente perché è stata la prima serie che mi ha fatto pensare a quanto il Cinema di un certo tipo ormai passi più per la TV (e derivati) che per il Grande Schermo.

    2. Mad Men

    Per ambientazione, stile, interpreti e sceneggiatura è con ogni probabilità una delle cose più belle che io abbia mai visto. E Jon Hamm sarebbe il Bruce Wayne perfetto

    3. Vikings

    Perché amo le ambientazioni norrene da sempre, adoro lo stile di History e anche perché qua altrimenti ci metterei Better Call Saul e non voglio viziare troppo Vince Gilligan :P

    RispondiElimina
  26. 2019
    1)yellowstone: un Western puro ambientato ai giorni nostri con tanto di indiani e un grande costner
    2)the looming tower:serie sul l'inadeguatezza delle via riguardo l'11 settembre. Davvero magistrale
    3)billions:attori fenomenali e storia appassionante. L'ultima stagione più fiacca ma conto sulla ripresa

    Decennio
    1)shameless: una garanzia. Come facciano a costruire sempre storie nuove e interessanti è un mistero
    2)banshee: chiusa dopo qualche stagione ma davvero un pugno nello stomaco per tematiche e regia
    3)supernatural: ha mille difetti ma ai Fratelli Winchester hai difficoltà a non volergli bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Looming Tower è del 2018 anche da noi, hai una terza scelta?
      Stupido io che l'ho vista solo ora rimanendo poco tempo per modificare.

      Elimina
  27. serie dell'anno:

    3) Good Omens
    La premessa è geniale, e i due personaggi principali sono scritti e interpretati splendidamente. Inoltre è divertente e piena di fantasia (ps Bojack Horseman forse meritava di più questo posto, ma so che la voteranno già tutti e volevo dare a questa serie una possibilità)

    2) Brooklin Nine-Nine stagione 5
    B99 è velocemente diventata una delle mie serie preferite. La comicità è rapida e intelligente, gli attori hanno dei tempi comici perfetti nel pronunciare le battute, tutti i personaggi sono istantaneamente divertenti e memorabili, e andando avanti si scoprono essere più complessi di quanto apparissero inizialmente. Questa stagione in particolare ha alcuni dei migliori episodi di tutta la serie

    1) Mob Psycho 100 II
    Questa serie mi ha lasciato a bocca aperta. Già solo sul piano tecnico è stupefacente, le scene d'azione sono forse le migliori che io abbia mai visto in un qualsiasi prodotto d'intrattenimento. I temi trattati sono semplici ma profondi, e la serie li affronta con una purezza e una delicatezza disarmanti.

    serie del decennio (queste tre sono pressochè sullo stesso livello per me, ma se proprio devo scegliere un ordine):

    3) Over the Garden Wall
    La serie perfetta per Halloween. Un'immersione a capofitto in un mondo magico, misterioso e deliziosamente inquietante. Ogni dettaglio contribuisce all'atmosfera cupa e fiabesca allo stesso tempo. Inoltre i dialoghi sono ben scritti e l'animazione è ridicolamente bella

    2) Adventure Time
    Questa serie è un pozzo senza fondo di immaginazione. Decine di idee, di luoghi e personaggi memorabili paiono spuntare in ogni episodio senza mai apparire forzati o fuori luogo, rendendo anzi il mondo più ricco e più complesso. Inoltre è incredibilmente divertente e, quando vuole, anche profonda e commovente

    1) Gravity Falls
    Adoro ogni aspetto di questa serie, dall'animazione dai colori né troppo cupi né troppo accesi alle battute esilaranti e decisamente troppo adulte per un cartone per bambini. La trama mistery soprannaturale è intrigante e i personaggi sono amabili e fonte costante di umorismo. Inoltre, detto da qualcuno che ha una sorella a cui è molto legato, quello tra Dipper e Mabel è la migliore rappresentazione di un legame tra fratelli che io abbia mai visto, ed è probabilmente il vero motivo per cui questa serie mi tocca nel profondo, tanto da farmi piangere sul finale per due volte consecutive (e io non piango quasi mai guardando film o serie)






    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voto solo.per il decennio, nel 2019 ho visto poche cose:
      1) BLACK MIRROR: penso soprattutto alle prime stagioni, ha ridefinito il.concetto di serie distopica e di fantascienza in
      televisione
      2) TRUE DETECTIVE: la prima stagione, soprattutto,storia bellissima con coppia di attori eccezionale.
      3) GOT: per quanto non pienamente convinto delle ultime stagioni, è stata la serie che più.di tutte ha caratterizzato il decennio, creando un nuovo filone (quello del medievale/fantasy con sangue e sesso).
      Mamma mia, quante ne rimangono fuori nella scelta per il decennio...

      Elimina
  28. Visto poco quest'anno ma voto;
    3) Watchman: partita per me malissimo mi ha stupito. Alla fine una serie coerente con il fumetto e sceneggiata bene.
    2) Doom Patrol: le prima puntate sono fatte con pochi spicci ma i vari personaggi mi hanno fatto innamorare della serie. L'Uomonenegativo è scritto in modo stupendo e ti fa empatizzare con la sua condizione e con quello che ha sofferto.
    1) The Boys: una serie sontuosa che funziona e mostra uno spaccato delle miserie umane amplificate dai super poteri.

    Decennio:
    3) Dirk Gently: splendida nel suo essere fuori di testo e coinvolgente oltre ogni dire. Peccato sia stata chiusa.
    2) Rick & Morty: anche qui i personaggi la fanno da padrone. Sotto uno strato di citazione e di superficialità tutti i personaggi hanno un'umanità incredibile. Poi fa morire dal ridere.
    1) WestWorld: amore puro. Una serie che mi ha coinvolto dalla prima all'ultima puntata, che mi ha fatto riflettere. La scelta di Bernard alla fine della seconda stagione se aiutare gli umani o Dolores mi ha stupito per come è stata posta.

    RispondiElimina
  29. Allora, questa è difficile

    Per il 2019

    1) Good Omen
    Perché Terry Pratchett meriterebbe una serie al mese per quello che ha scritto, per come lo ha scritto e perché è interpretata in maniera meravigliosa

    2) Chernobyl
    Perché mi ha fatto piangere e ricordare che io c'ero ed è stata un pugno allo stomaco

    3) The Boys
    Perché ci voleva una serie così

    PER IL DECENNIO.

    1) Breaking Bad
    a mani bassissime e con una sola parola FE. Li. Na

    2) The Lady di Lori del Santo
    perché avevamo bisogno di dare al mondo una nostra immagine ancora più becera di quella che abbiamo

    3) questa non la. So

    RispondiElimina
  30. Mi accodo al commento di Denis Stayrock poiché condivido assolutamente la sua scelta di "Hannibal" come serie del decennio. Poco enfatizzata, poco acclamata, ma un reale capolavoro di sceneggiatura, interpretazione e tensione. E poi la fotografia, la saturazione o la desaturazione dei colori a seconda dei momenti! Davvero eccellente!

    Secondo posto per "Games of Thrones". Inutile girarci intorno: è "La Serie" per antonomasia,quella che chiunque ha visto o almeno sentito parlare. Riscrive un genere, ne mostra le potenzialità ad un pubblico non avvezzo (e parlo della mia compagna, rapita puntata dopo puntata pur odiando visceralmente il fantasy) e lo inebria con intrighi, sesso, tradimenti, grandguignolesche uccisioni di personaggi "principali" stagione dopo stagione e piazza qui e lì draghi con seri problemi l'alitosi forse solo per ricordarci che in fondo si sta guardando un fantasy.

    Medaglia d'oro (e ci mancherebbe!) per "Breaking Bad": cosa dire che non sia stato detto,cosa fare che non sia stato fatto,cosa gare che non sia stato gatto (cit.)? Basterebbe la sola affermazione "I am the one who knocks" per riassumere la mutazione di Walter White in cinque straordinarie stagioni. È quasi pleonastico aggiungere o scrivere altro su questa serie. È come "La Divina Commedia" o "I promessi sposi": non può esserci studente che non li abbia letti, non può esserci spettatore che non l'abbia visto, poiché sarebbe irremediabilmente compromessa la propria formazione culturale.

    Serie del 2019: sorry, posso purtroppo piazzare sul podio solo The Witcher che, pur meritando, ha gioco facile avendo visto quest'unica serie per l'anno in corso.

    RispondiElimina
  31. Per il 2019

    1) WATCHMAN
    Perchè una frase come: " E' dura essere bianchi in questo periodo" merita di esser premiata.

    2) THE BOYS
    Finalmente qualcuno pensa e prova a far vedere un altra faccia della medaglia.

    3) MIND HUNTER
    se avessero fatto la prima stagione nel 2019 avrebbe meritato a mani basse la prima posizione, troppo fatta bene per non essere citata anche la seconda stagione.

    PER IL DECENNIO.

    1) BREAKING BAD
    Forse la pietra miliare delle Serie TV.

    2) SHAMELESS
    sicuramente è la serie tv che ha tenuto un buon livello per più stagioni. Forse ora gli stanno tirando un pochino troppo il collo

    3) NARCOS
    merità sicuramente di essere menzionata. Girata bene e il personaggio è diventato Iconico.

    RispondiElimina
  32. 1. STAR TREK DISCOVERY: ha riportato Star Trek ai fasti che merita, con una resa visiva favolosa e momenti epici. Cast eccellente, seconda stagione migliore della prima (non succede spesso), ed è finalmente Star Trek.
    2. CANDICE RENOIR: negli ultimi anni, sono convinto, le serie americane sono sempre più brutte, stereotipate e diversificate a forza. A me piace molto questa stralunata serie francese con buoni drammi polizieschi e momenti leggeri.
    3. CHERNOBYL: per il ritmo narrativo lento, che si dipana senza colpi di scena, esplosioni, inseguimenti, grida e schioppettate. Pochi muscoli e tanto cervello

    Serie del decennio:
    1. GREY'S ANATOMY: anche se è iniziata nel decennio scorso, è stata prodotta per tutto il decennio attuale. Non sono molte le serie così longeve e che si fanno sempre guardare, anche nelle repliche.
    2. THE AMERICANS: scrittura eccellente, tema tra i più interessanti. Un gioiello che non hai mai uno scadimento e che non è stata tenuta in vita artificialmente per mungere la mucca.
    3. LAW & ORDER: entra nel decennio per un pelo (ma SVU è andata avanti, anche se scadendo di qualità), ma è l'archetipo di come si scrive e si fa un dramma procedurale. Altra serie le cui repliche non stancano mai.

    RispondiElimina
  33. SERIE DELL'ANNO:
    1) stranger things 3:
    Mi è piaciuta come serie sin dalla prima stagione...molti pregi e pochi difetti secondo me sopratutto per l'ultima serie in particolare...come ogni cosa su questo pianeta non è perfetta ma diverte e ti fa venire voglia di guardare subito l'episodio successivo cosa non da poco.

    2)The Mandalorian:
    Bellissima...visivamente, trama, personaggi, tutto...spero arrivi subito la seconda stagione...per un fan di star wars è il top!.

    3)Warrior:
    Serie tv che ho guardato su sky durante l'estate, progetto mai realizzato di un certo bruce lee 😁
    kung fu, duelli, bande criminali il tutto condito con del Western...molto bella e originale.

    SERIE DEL DECENNIO:
    1) big bang theory:
    anche se credo sia iniziata prima ma per me è finita pure prima nel senso che hanno spinto anche troppo il tutto oltre il suo limite.

    RispondiElimina
  34. Buon pomeriggio.
    Serie del 2019:
    1) The boyz, i supereroi mi avevano stufato prima di guardare questa trasposizione che anche se non è fedelissima è davvero piacevole e per certi versi sorprendente per il gore e la cattiveria profuse
    2) Stranger Things 3, niente da fare, nostalgia a profusione e anche un certo spostamento verso dinamiche di gruppo condite da un tono più scanzonato, quasi commedia horror anni '80
    3) Jack Ryan seconda stagione, meno incisiva della prima ma sempre ottimi gli intrighi e la definizione dei personaggi

    Per il decennio non ho dubbi:
    Person of Interest, serie capolavoro da insegnare ai corsi di scuola di cinema. Realizzata in maniera impeccabile, alchimia dei protagonisti pazzesca e finale che conclude la vicenda senza possibilità di riprendere la storia, dando una degna conclusione a un arco narrativo sviluppato nel corso di cinque stagioni esaltanti. Non trovo altre serie all'altezza, anche se devo dire che non ne ho viste così tante... 👋

    RispondiElimina
  35. Serie 2019
    1. Chernobyl: per quanto non sia tutto veritiero quello raccontato, è una serie ben fatta e che rende l'idea del disastro che è stato.
    2. Watchmen: poteva essere un disastro ed invece hanno creato un piccolo gioiellino.
    3. Tin Star (II stagione): anche se non è al livello della prima, c'è sempre un Tim Roth spaziale.

    Decennio
    1. Hannibal: capolavoro assoluto. Mai una serie mi era piaciuta così tanto. Mads Mikkelsen gigante!
    2. The Big Bang Theory: se vogliamo essere precisi il 2010 coincide con la IV stagione, ma poco cambia. Serie che ho guardato e continuo a guardare a ripetizione senza mai stancarmi. Conosco ormai le battute a memoria come i Fantozzi.
    3. Tre Detective I stagione: bellissima ambientazione, personaggio di Matthew McConaughey da pelle d'oca e ritmi lenti senza mai allentare però la tensione. Serie che dimostra che se ben fatte e non stiracchiate all'infinito, non sono necessari petardi per mantenere l'attenzione dello spettatore.

    RispondiElimina
  36. 2019:
    1-"Good omens": cast stellare e, finalmente, una sceneggiatura all'altezza, sia dell'opera originale che del cast. Ottimi effetti speciali e colonna sonora. Perfetta.
    2-"Dark": intricatissima, difficile da seguire e... coinvolgente!
    3-"The Kominsky method": anche qui premio senza dubbio l'originalità della sceneggiatura e un cast più che all'altezza. E la capacità di parlare di temi delicatissimi in modo molto diretto.

    Decennio:
    1-"The handmaid's tale": potentissimo. Spaventosamente attuale.
    2-"Modern family": butta all'aria tutte le regole del politicamente corretto. Parla di una società più attuale che mai facendo ridere dall'inizio alla fine.
    3-Non pervenuto.

    RispondiElimina
  37. Riformulo in un italiano più corretto (provo...)

    Per quanto riguarda il 2019

    1) Mr Robot, stagione finale. Probabilmente se la serie si fosse fermata all'episodio 11 non sarebbe salita neanche sul podio, invece la creatura di Sam Esmail chiude i battenti in maniera convincente.

    2) Glow, stagione 3. Le signore del breslin stupiscono anche in questa stagione dove ci sono stati meno suplex e più risvolti psicologici dei personaggi

    3) Voglio premiare l'innovazione e l'audacia di Raphael Bob-Waksberg (cioè il signor Bojack) per Undone. Serie consigliata dal Doc e che dopo un inizio così così mi ha preso sempre più, come cantavano gli 883

    Per il decennio invece

    1) Bojack, senza se e senza ma. Una serie nuova, fresca e brillante dove si ride, si riflette e si ride ancora. Per me esiste un prima e un dopo Bojack, alcuni episodi come quelli del funerale e del festival del cinema sott'acqua andrebbero insegnati al corso per serie tv dell'università di Hollywoo

    2) Mr Robot perché è riuscito a tenermi incollato alla poltrona anche nei momenti meno belli delle sue 4 stagioni (come la pizza) grazie alla profondità dei personaggi, ai colpi di scena quasi mai telefonati e a una trama sorprendentemente coerente

    3) Stranger Things, ok forse ultimamente ha un po' rotto però in un'analisi degli ultimi dieci anni di serie tv secondo me merita un posto d'onore

    RispondiElimina
  38. 2019
    1) Mindhunter. Per la tensione che ti mette addosso senza ricorrere a scene con spaventi faciloni o a colonne sonore scontate. È crudo nel senso di non raffinato, dà moltissimo l'impressione di essere "reale". Già si era visto nella prima stagione, la seconda ha proseguito sulla strada tracciata senza renderla stantia.

    2) The Man in the High Castle. La Seconda Guerra Mondiale è forse il periodo storico che più mi affascina (inquietante forse, ma non posso proprio farci niente), perciò una serie che ipotizza un mondo in cui l'Asse ha vinto non poteva che stuzzicarmi. In generale l'ho sempre trovata appassionante, con personaggi sempre sul filo dell'immoralità, sia per quanto riguarda i buoni sia per i cattivi. Anzi, più volte mi sono trovato a "tifare" per Kido e a sperare in Smith. In particolare la stagione finale è stata elettrizzante su molti aspetti; l'attenzione si sposta dai filmati pirata alle teorie degli universi paralleli, i conflitti interiori dei personaggi sono sempre più profondi e il finale non è spettacolare (volutamente credo) ma lancia un messaggio, una speranza, forse un auspicio.

    3) Designated Survivor. Perché nella terza (e ultima, ho appena scoperto) stagione ha saputo rialzarsi piuttosto bene da una seconda in cui si era riuscito a buttare in vacca tutto quanto visto di buono all'inizio. Non è House of Cards dei tempi d'oro, ma comunque gradevole. Quando poi Kirkman/Sutherland dà di matto e si trasforma in Jack Bauer mi emoziono.

    Decennio

    1) Sherlock. Cumberbatch e Freeman sono una coppia perfetta, la personalità di entrambi viene esplorata benissimo all'interno di episodi lunghi quanto un film ma mai pesanti. Si è anche fatto un lavoro meraviglioso nel creare casi partendo dagli scritti originali senza far capire che erano "vecchi", insomma, sono riusciti a calare nei giorni nostri dei casi nati a fine '800 in modo perfetto. Moriarty, inoltre, è affascinante tanto quanto Holmes, lo si apprezza anche se è il cattivo.

    2) Peaky Blinders. Avrei potuto metterla nelle migliori del '19 ma penso che meriti di andare oltre, è semplicemente grandiosa. Tommy Shelby è un personaggio tormentato, che oscilla sempre tra bene e male, e tutta la famiglia lo segue per l'enorme carisma di cui è dotato. L'evoluzione criminosa di Thomas, che lo porta da allibratore clandestino che trucca le corse di cavalli a membro del Parlamento britannico, intrecciando finzione con realtà storica, è qualcosa di spettacolare. #NoFockinFighting

    3) The Americans. Oltre alla IIGM, amo storicamente anche il periodo della Guerra Fredda, con tutte le storie di spie incredibili che si porta dietro. Per questo, The Americans è la scelta più ovvia. Ho recuperato tutte le stagioni su Netflix, peccato che non abbiano mai caricato l'ultima, quindi non so come sia finita. In ogni caso, penso meriti di essere tra le migliori del decennio per l'effetto realismo che ha, per la tensione continua che ci lascia sempre appesi a un filo.
    Altro grande merito è avere ribaltato la prospettiva: siamo occidentali e parte del blocco che ha "vinto", quindi per tutta la vita abbiamo visto prodotti in cui l'Occidente si auto-celebra nel dirci come ha battuto il cattivissimo blocco sovietico, facendoci credere di essere dalla "parte giusta". Questa serie ci mette dalla parte dei sovietici, dandoci un assaggio di come delle spie sovietiche affrontassero anche ideologicamente il fatto di vivere a casa del nemico. Sarà magari una rappresentazione edulcorata e incompleta, ma quello che mostra e il modo in cui lo mostra è spaziale.

    RispondiElimina
  39. stanislao zicarelli29 dicembre 2019 19:41

    serie tv dell'anno

    1) the mandalorian : perchè è un western spaziale fenomenale e baby yoda è tenerissimo

    2) chernobyl : serie inquietante e bellissima , la parte sul processo è fantastica . sono contento che gli operai mandati nel sottosuolo a pompare acqua siano poi sopravvissuti alle radiazioni nella vita vera

    3) stranger thing stagione 3 : per robin semplicemente


    serie tv del decennio

    1) got : perchè è un fantasy classico e perchè gli stark alla fine SPOILER vincono tutto

    2) black mirror : serie veramente inquietante anche nelle ultime stagioni riesce a piazzare capolavori come bandersnatch .

    3) modern family : migliore comedy del decennio a mio parere , shippo troppo hayley ed andy

    RispondiElimina
  40. 2019:

    3) DuckTales: il reboot più intelligente mai studiato, situazioni folli per personaggi folli e caratterizzati benissimo, apparentemente destinato a un pubblico di marmocchi ma in realtà una delle robe più irriverenti mai viste;
    2) The boys: una chiave diversa di quella che ci propinano i cinecomics, magari qualche storia buttata un po' lì e lasciata in secondo piano, ma scene e caratterizzazioni on focus con attori bravissimi;
    1) Chernobyl: forse scontata, forse troppo USA-oriented, ma ha fatto capire a un pirla come me cosa sia effettivamente successo senza annoiarmi dopo 2 minuti e anzi, mi ha spinto ad approfondire un lato molto importante della nostra Storia e le conseguenze che ci porteremo per chissà quanto tempo.

    Decennio:
    3) The Middle: serie che non si calcola mai nessuno e sinceramente non capisco perché, 9 stagioni in cui ogni singolo episodio mi ha strappato più qualche risata senza mai scadere nelle banalità e volgarità, personaggi che mi resteranno sempre nel cuore e forse vero specchio americano post-crisi; forse ci sono così affezionato perché ci vedo molto la mia famiglia, chissà;
    2) The Americans: pure qui torniamo alla Guerra Fredda, pure qui ho apprezzato molte scelte degli autori di immedesimare il ritmo della serie con lo stile di vita dei personaggi sempre sull'orlo del baratro, cielo quanto mi mancano Philip ed Elizabeth; menzione speciale a quasi tutti i comprimari, ognuno di loro ha vissuto un'evoluzione maestosa in linea coi grandi cambiamenti che la Storia si accingeva a proporre;
    1) The Leftovers: serie visionaria, introspettiva, che spiega in pieno la razza umana. Il pretesto da punto più interessante si rivela a un certo punto quasi superfluo, serie che spiega a Hollywood come i finali "semplici" se girati e preparati per bene (e magari supportati da attori coi contromazzi come Corrie Coon) possono emozionarti e restare impressi per una vita intera.

    RispondiElimina
  41. allora del 2019 è più facile :
    1) The Mandalorian - perché mi ha fatto tornare la scimmia per star wars, perché una serie semplice e godibile ambientata nell'universo SW è possibile!
    2) Mindhunter 2 stagione - per l'atmosfera, la fotografia e il procedere lento e angosciante.
    3) The Boys - perché è una delle poche serie che sono riuscito a divorare in una manciata di giorni e perché nonostante le differenze col fumetto (che ci devono essere eh) lo spirito resta fedele. divertente!

    il difficile sono le 3 serie del decennio:
    1) Breaking Bad - Iconica e irripetibile.
    2) True Detective prima stagione - Attori e regia in stato di grazia, da rivedere come se fosse un lunghissimo film.
    3) Black Mirror - anche solo per l'episodio "San Junipero"!

    RispondiElimina
  42. memoria e binge watching non mi aiutano, di sicuro mi dimentico serie che mi verranno in mente subito dopo aver votato. cmq, è un gioco - quindi, giochiamo. Voto soprattutto sentimentale-emotivo.

    2019
    1- SEX EDUCATION - perché si parla di sesso in modo fresco, franco e quindi bello. Gillian Anderson è irresistibile.
    2- DERRY GIRLS - Una serie irlandese di soli 12 episodi, brevissimi. Una commedia da sentire assolutamente in lingua originale (gli accenti!). Si ride come stronzi, ma alla fine di ogni stagione, zac! ti arriva una stoccatina che arriva più in profondità...
    3- GLOW - si vede sempre con piacere e divertimento. La surrealtà della vita di queste donne porta a galla tutte le loro complesse emotività.Alison Brie mi piace sempre tantissimo.

    DECENNIO
    1- SHERLOCK - iniziano bene gli anni '10, con questa serie che trovo accattivante, intrigante e sfiziosa. I due protagonisti, poi, sono perfetti. Non sembra, ma dura dal 2010 al 2017!
    2- THE CROWN - vado matto per le ricostruzioni storiche: qui tutto è curatissimo e dettagliatissimo. E attrici e attori sono fantastici da guardare. La Storia e la banalità a confronto, nella stessa 'famiglia'.
    3. CHERNOBYL - gli anni '10 finiscono con tremendi presagi, che si rispecchiano in un evento storico agghiacciante. L'uomo, anche quando interviene per rimediare, lo fa con mezzi catastrofici e distruttivi e dilaga con azioni mortali e devastanti.

    RispondiElimina
  43. Quest'anno partecipo anch'io.

    1. BILLIONS - una volta tolto il fastidio di sentir parlare di milioni di dollari come fosse pasta a pranzo (e si fa davvero, davvero fatica) e i continui riferimenti che ricordano tanto i Griffin, è una bellissima serie che parla dell'umanità e società (seppur quella americana).

    2. OITNB - per il lato saffico, sono pur sempre un maschio etero, e per il microcosmo che fa godere le varie storie parallele.

    3 - CASTLE ROCK - da stephenkingoniano, non posso non apprezzare questa serie che cita continuamente i suoi vari lavori e riesce comunque a tenere incollato allo schermo.

    DEL DECENNIO

    1. GOMORRA - prodotto dal sapore maledettamente italiano ma fatto anche maledettamente bene.

    2. WESTWORLD - qualcosa che va oltre ogni cosa mai vista prima (almeno da me), ti fa dire CA**O!! e ne vuoi ancora.

    3. HOUSE OF CARDS - soprattutto le prime due stagioni, ma qualcosa di meraviglioso per quanto riguarda vedere le macchinazioni per arrivare al potere. Peccato solo per la fine ingloriosa di Kevin Spacey che senza di lui la serie vale decisamente poco (vedi ultima stagione), ma pare si stia riprendendo alla grande,

    RispondiElimina
  44. 2019
    1- Mr. Robot s04: manuale su come si chiude una serie TV. Twist finale gestito da Dio e lacrimoni grossi.
    2- The Boys: più che per il valore della serie in sé, per il suo valore nel mercato. La prima serie di Amazon che fa parlare un pubblico importante e non 4 gatti
    3- Chernobyl: miglior miniserie dell'anno (tipologia di prodotto che apprezzo poco in generale) e una mitragliatrice di cazzotti in pancia ogni puntata.
    Decade:
    GoT: record di ascolti, merch in ogni angolo del globo e la corsa dei network alla nuova serie fantasy in grado di spaccare tutto. GoT è stata la Lost di questa decade.
    Mr Robot: iniziata come V per Vendetta, ha beccato lo spirito antisistema dell'oggi come nessuno. Oltre ad aver resuscitato Skater e lanciato definitivamente Malek.
    Adventure Time: tutta l'animazione americana seriale di questo decennio é figlia di Finn e Jake, basta questo

    RispondiElimina
  45. 2019

    1. The Boys - Non conoscevo il fumetto da cui è tratta, ma nonostante io sia solitamente per i supereroi americani più standard (Marvel, nello specifico), questa serie è riuscita a conquistarmi e vedrò di recuperare il materiale da cui è tratta al più presto.

    2. Chernobyl - Cruda, fredda, inquietante. Un resoconto degli eventi precedenti e successivi al disastro ambientale più grave dello scorso secolo.

    3. The Mandalorian - Non sono mai stato un grande fan di Star Wars. Ho visto tutti i film, ma il mio entusiasmo non è mai stato alle stelle, fino a questa serie. Sicuramente il prodotto di Star Wars che ho preferito, non vedo l'ora della prossima stagione.

    Decennio

    1. Game of Thrones - Che il finale sia piaciuto o meno (o abbia avuto più o meno senso) è la serie fantasy e non che ha ridefinito il modo di fare serie negli anni 2010. La serie del decennio senza alcun dubbio.

    2. How I met your mother - Non sono sicuro conti, in quando è iniziata a metà degli anni 2000 e finita a metà degli anni 10, ma si tratta sicuramente della comedy migliore dello scorso decennio. Per quanto abbia amato anche Big Bang Theory e altre comedy, nessuna ha lo stesso cuore di HIMYM.

    3. Sherlock - Nonostante l'ambientazione contemporanea, credo sia l'iterazione del consulente investigativo londinese che più ha centrato il personaggio ideato da Conan Doyle. Spero riescano ad organizzarsi per un'ulteriore stagione, anche se non ho grandi speranze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È ora di avere il coraggio di dire che HIMYM:
      1. È la versione migliorata di Friends
      2. Aveva un finale bellissimo (a differenza di quelo di Friends appunto, che non ha scontentato nessuno perché banalotto e senza coraggio).

      Elimina
  46. Premesso che non ho seguito moltissime serie tv nel 2019. La mia classifica è la seguente:

    2019

    1. Chernobyl: Un cazzotto nello stomaco. Potente e rispondente ai fatti. Ottimi gli interpreti.
    2. The Mandalorian: Uno Star Wars più maturo che trae ispirazione dai film western. Esplora nuovi temi con uno stile diverso dal solito. E poi quell'armatura Mandaloriana....
    3. The Boys: Anche qui un punto di vista diverso, questa volta su un tema abusato come quello dei supereroi. Mai banale e frizzante. Era da un po che non facevo Binge watching.

    Decennio:

    1. Games of Thrones. Ok, ultime stagioni sotto tono ma comunque spettacolari. Però nella sua interezza, soprattutto in riferimento alle prime stagioni, non si può negare che abbia segnato un epoca. Battaglie magistrali, intrighi e cambi di fronte, draghi...
    2. Breaking Bad. Non so se può essere inserita in quelle del decennio perché iniziata nel 2008. In tal caso Doc inserisco anche un altra serie (la n.4) che puoi decidere di togliere se accetti questa. Comunque interpreti magistrali e storia che sale di tono fino a una grande ultima stagione.
    3. Stranger Things. Furba. Cavalca l'onda della nostalgia anni 80 riciclando ad Hoc temi e atmosfere. Nel complesso mi sono sentito a casa e penso che abbia creato una scia di nuovi prodotti ispirati al nuovo cinema guaglione.
    4. True Detective. Stagione 1. Attori e regia in stato di grazia. Una storia matura portata avanti in modo cinematografico. Veramente un tocco di classe.

    RispondiElimina
  47. Ho lasciato volontariamente fuori le serie d'animazione perché altrimenti avrei dovuto lottare per far stare dentro tutto in sole 6 opzioni. Magari uno dei prossimi sondaggi XD?

    Serie dell'anno

    1) Dark S2: se cercate sul dizionario la voce "Mindfuck" trovate questa serie tra gli esempi. Viaggi nel tempo, anomalie temporali, apocalissi, culti assurdi, io sono te, ma tu non sei me, però potresti essere quell'altro. Mia madre è mia figlia, mio padre è il fratello del cugino di secondo grado di zia Tina. Un bordello gestito magistralmente che non smette di girare le carte in tavola fino all'ultimo secondo della serie. Ah e poi è in tedesco, quindi ha il fantastisco pregio che la gente sembra insultarsi anche quando si stanno dicendo "Ti amo."

    2) Umbrella Academy: Un'ottima trasposizione della versione cartacea con degli interpreti grandiosi. Dimenticavo quanto potesse fantasticamente pirla Robert Sheehan.

    3) Good Omens: finalmente una buona trasposizione TV di un'opera di Gaiman (Neverwhere purtroppo porta male gli anni che ha e American Gods purtroppo mi è scaduta dopo un paio di puntate). Inoltre qualsiasi serie contenente Tennant guadagna automaticamente un botto di punti

    Serie del decennio

    1) Person of Interest: la serie fatica un po' a ingranare, ma una volta che si lascia alle spalle la formula classica della "Persona della settimana" e inizia a sviluppare una trama orizzontale diventa a pieno titolo LA serie di fantascienza distopica di riferimento, anche più di Black Mirror. Ho pianto tantissime lacrime quando è finita

    2) Stranger Things: una serie che ha fatto scuola, e che vanta molte imitazioni, anche da parte dello stesso produttore. Sicuramente fa molto l'effetto nostalgia (io sono classe 83 ma molte delle cose presenti all'interno sono cose con cui sono cresciuto, in particolare i film del Nuovo Cinema Guaglione, da cui i fratelli Duffer pescano a piene mani), ma nel complesso ha una solida trama e dei personaggi indimenticabili. Non la metto al primo posto solo perché nella seconda e terza stagione in alcuni punti perde un po'.

    3) The Expanse: Era dai tempi della prima serie di Battlestar Galactica che una serie a tema spaziale non mi prendeva così tanto. La serie ha tutto e anche qualcosa in più di ciò che aveva BSG. Politica, maggior realismo a livello spaziale (tipo il fatto che generazioni passate a vivere a gravità zero/artificiale abbiano portato a mutazioni fisiche, o che per sopportare l'accelerazione delle astronavi il sistema deve imbottirti con un cocktail di droghe per evitare che la pressione ti faccia saltare il cervello), personaggi credibili e con motivazioni decenti.


    Bonus: menzione d'onore per True Detective, non è entrata in top 3 unicamente perché la seconda stagione è stata una delusione e la terza ancora non ho avuto modo di vederla. Ma la prima serie è una magnifica perla, recitata da paura e scritta e diretta da dio.

    RispondiElimina
  48. Al foto finish!

    2019:

    1) The Boys: non conoscevo il fumetto ma la serie mi ha colpito, una delle pochissime per cui ho fatto davvero il binge watching. Karl Urban superbo e credo che non dimenticherò mai la scena di Abisso con il delfino!

    2) The Mandalorian: insieme a Rogue One, l'unica cosa su Guerre Stellari prodotta ultimamente che abbia un senso. Partenza fantastica, una parte centrale più debole ma si riprende alla grande nel finale.

    3) Watchmen: dire che ero dubbioso è poco e invece mi sono ritrovato a vedere una interpretazione innovativa del lavoro di Moore, ottimamente strutturata e recitata.

    Per il decennio:

    1) Black Mirror: era dai tempi di "Ai confini della realtà" degli anni '60 che non vedevo una serie antologica così ben fatta. Peccato per l'ultima stagione, di molto inferiore alle precedenti, ma nel complesso resta una delle cose migliro che abbia mai visto

    2) Stranger Things: la prima stagione svetta su tutto, un mix praticamente perfetto di azione, SF, horror e tanta di quella ottantitudine che ciò che è venuto dopo sulla stessa scia apparirà sempre come una brutta copia, stagioni segeunti della stessa opera comprese.

    3) Broadchurch: David Tennant al suo massimo... anche qui peccato per la terza stagione alquanto inutile: le prime due però sono qualcosa di eccezionale per la prestazione di David Tennat.

    RispondiElimina
  49. Ma che classifica strana che esce fuori dal mio cilindro per il decennio.

    3° posto: Breaking Bad.
    Avevo pensato se effettivamente premiare serie come How I Met Your Mother che sono state di formazione per me durante l'adolescenza o serie come Sherlock o Black Mirror o Westworld, molto belle ma non ancora finite o peggiorate, perché BB la conoscono ormai tutti e sì, uno può dire di nominarne altre per non essere monotono o perché più di nicchia, ma alla fine ritengo sia poco sensato farlo se una serie famosa ma eccezionale sia tra le tue preferite.
    È Breaking Bad, cosa posso dire di più? Gilligan scrive da dio confezionando una storia epica che sarà tramandata ai posteri, per me è abbastanza per metterla sul podio.

    2° posto: My Hero Academia.
    In un mondo in cui lo shonen stava perdendo la sua attrattiva (versione anime, eh) ecco a voi MHA, serie che usa tutti i topos classici dello shonen e dei supereroi. Non pare interessante? Lo pensavo pure io, ma sono rimasto incollato allo schermo dopo un paio di episodi per finire ad amarla alla fine della prima stagione. È semplice in realtà capire perché, la serie ha un CUORE gigantesco.
    Tutto è curato nei dettagli (il world-building di MHA è considerato uno dei migliori in assoluto) e l'autore dimostra di possedere una passione per la materia che lo rende superiore a mio parere a qualsiasi scrittore in casa Marvel o DC attuale. I personaggi sono incredibili e i villain sono tra i migliori mai visti in un fumetto di supereroi in generale, ogni tanto i fan chiamano la serie My Villain Academia. Lo stesso protagonista, solitamente uno dei personaggi meno interessanti in uno shonen, funziona alla grande.
    Mi tolgo il cappello dinnanzi all'opera che sarà per i ragazzi del prossimo decennio ciò che è stato One Piece per i ragazzi del 2000 e Dragon Ball per i ragazzi degli anni '90.

    1° posto: Bojack Horseman.
    Cristo santo, mancano solo 8 episodi e potrei parlare della serie completa!!!!!!!!!!!
    Purtroppo no, ma resta una serie che ho cominciato a vedere quasi per caso e che, dopo aver odiato alcuni dei primi episodi, si è rivoluzionata all'improvviso dimostrando di essere una delle più toccanti di sempre nonostante sia una serie su un cavallo antropomorfo.
    Ah, viva il doppiaggio italiano e Pucci come unica vera voce di Bojack, probabilmente il suo lavoro migliore.

    Confesso che questa è stata meno faticosa da selezionare rispetto alla classifica dei fumetti del decennio, qui il primo posto per me era sicuro già da un bel po'.
    Il secondo posto l'ho scelto per premiare un anime che non è semplicemente meraviglioso, ma che sta calciando i culi alle controparti delle major fumettistiche americane. Dopo la fine di Invincible ritengo My Hero Academia il miglior fumetto e cartone (per quest'ultimo non c'è neppure storia) a tema supereroistico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In generale negli ultimi anni Shonen Jump tra My Hero Academia, Demon Slayer, Dr. Stone e The Promised Neverland è in gran spolvero...

      Elimina
    2. Infatti parlavo degli anime in generale, avevi shonen come Hunter x Hunter o JoJo in questo decennio trasposti fedelmente ma niente di originale o tratto da manga più contemporanei, MHA è stato un successo tale che in Giappone si riaccese la passione per anime shonen nuovi e all'estero la stessa cosa.
      Dopo My Hero poi sono arrivati tutti gli altri, non dico che abbia fatto da spartiacque ma confesso che un tale entusiasmo riguardo ad un anime shonen, su siti specializzati o da parte di youtuber o recensori non lo vedevo da tempo.

      Elimina
  50. Serie dell'anno:

    3. The Witcher: Prima stagione molto promettente, con un Cavill decisamente in parte.

    2. Good Omens: da fan di Gaiman, ma soprattutto da fan di Pratchett (laddove "fan di Pratchett" = mi sono letto tutto Discworld in inglese) ho seguito lo sviluppo di questa serie con molta attenzione e il risultato finale mi ha a dir poco deliziato. Ottimo cast, ma di prim'ordine anche il resto.

    1. Chernobyl: Al di là delle concessioni storiche rimane una serie potentissima, dove funziona tutto alla perfezione e con un messaggio mai così attuale.

    Serie del decennio:

    3. Gravity Falls: ho passato anni a considerare Gargoyles la migliore serie televisiva mai realizzata dalla Disney, poi arriva Gravity Falls e la scalza dal primo posto del podio... una serie mystery divertentissima a metà tra i Simpsons e Twin Peaks, ma anche inaspettatamente profonda.

    2. Daredevil: una serie TV su Cornetto...e cosa vuoi di più? Ma una serie su Cornetto fatta come si deve, specie per quanto riguarda le due prime stagioni! Obbligatorio citare l'incredibile performance di Vincent D'Onofrio nei panni di Kingpin.

    1. Bojack Horseman: Una serie adulta e matura, che parla di tematiche molto spinose in maniera intelligente e mai retorica, con un cast di personaggi imperfetti e infelici ai quali finisci per affezionarti. Episodi come Time's Arrow e Free Churro sono, a mio parere, tra i punti più alti mai raggiunti da una serie televisiva.

    RispondiElimina
  51. 2019
    1- Doom Patrol
    Da tanto non maratonavo un telefilm. Supereroi che sono sempre soprattutto persone, una serie che non si prende sul serio e bilancia citazioni e scelte narrative deliranti.
    2- Russian Doll
    Ricomincio da capo (circa),senza marmotta, un filo più dark, con un'ottima Natasha Lyonne.

    Decennio
    1- Doom Patrol
    Vedi sopra. Si ok mi è piaciuto tanto tanto tanto e finisce al primo posto delle serie viste negli ultimi dieci anni.
    2- Electric Dreams
    Racconti di P.K.Dick portati benissimo su schermo
    3- Sherlock
    Attori straordinari ma giá lo sapete.

    RispondiElimina
  52. Seguo poco le serie in genere, ma 3 su 10 anni riesco ad elencarle

    1) Rick and Morty
    Continuo mindfuck, ambientazione curata e ccoonsistente, e non era facile

    2) Good Omens
    Adoro lo humour britannico di cui è permeata

    3) American Gods
    Molto valida, raccontata in modo assolutamente non banale e in generale interessante.

    RispondiElimina
  53. Doc, io vado dirette per la classifica del decennio, visto che quest'anno mi sono dedicato piu che altro a recuperare qualcosa di vecchio-stravecchio:

    1: HIMYM: sisi, di certo ha tanti difetti qua e là, ma è stata la prima serie che, da giovine liceale, ho iniziato a seguire pescando dal "torrente" americano, con sottotitoli e quant'altro. probabilmente proprio dal 2010 fino alla sua conclusione. Mi porto dietro tanti ricordi del Mcclaren's, e effettivamente, con il passare degli anni, mi rendo conto che Ted Mosby mi ha influenzato fin troppo (sfortunatamente, per certi versi, più di Barney stinson). Sarà sempre amore per HIMYM.

    2) Fargo: da innamorato dei fratelli cohen, non ho potuto che iniziare a seguire quella che era una serie ispirata all'iconico film. E se in quell'anno tutti parlavano di True Detective, bello eh, io uscì fuori di testa per Fargo. Per fortuna anche sucessivamente non mi ha deluso, devo ancora recuperare l'ultima stagione, ma mi ha preso alla grande.

    3) GOT: certo, io le ultime 3 stagioni le prenderei e le butterei nel Tevere se ne avessi la possibilità: la settima seguita solo attraverso i riassuntoni, l'ottava da facepalm continuo. Ma non posso negare quanto GOT, dalla sua prima stagione, mi abbia coinvolto come poche cose al mondo. Era inusuale, rivoluzionario, fantasy e politico, insicuro. La sua risoluzione immeritata di certo non inficerà quello che comunque ha saputo darmi.

    3 menzioni d'onore:
    Homeland, che è un po caduto nel dimenticatoio, ma ad averli thriller del genere.
    Breaking Bad, recuperato tutto solo quest'anno, nonostante sia eccezionale, non dimentico che l'abbandonai senza tanti patemi a metà della seconda stagione anni fa.
    The Young Pope, forse fin troppo Sorrentino in certi casi, ma come si fa a non apprezzare la sua vena artistica, che piaccia o meno. Attendiamo Malcovich

    RispondiElimina
  54. Considerando solo le stagioni/serie che ho finito:

    Per il 2019
    - Good Omens: serie letteralmente divorata, attori bravissimi, scrittura stupenda così come tutto il comparto tecnico

    Del decennio:
    - Hannibal: visivamente bellissima, ultima stagione molto intensa (devo ammettere anche lenta, ma ha un suo perché) e ha uno dei finali più soddisfacenti e poetici che abbia mai visto

    Saro forse l'unica che non riesce a trovarne altre che le siano piaciute fino in fondo! Domanda: le serie animate contano per la classifica? Altrimenti aggiungerei per il 2019 Carmen Sandiego per lo stile grafico, la cura nei personaggi anche secondari e quel mettere nozioni educative a mo' di pubblicità occulta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti hanno già detto Rick e Morty, Bojack Horseman o altre serie animate americane e giapponesi, quindi vai pure

      Elimina
  55. Premesso che non ho ancora recuperato cose di cui non metto in dubbio la validità (vedi Chernobyl e Watchmen), e cose che non vedo l'ora di portare a conclusione (Mr.Robot) la mia personale classifica basata sul "questo almeno l'ho visto" per il 2019 è questa, senza contare Disney+ visto che non ho cuggini americani ;):

    1: Undone

    perché mi ha stupito da molti punti di vista e mi ha tenuto attaccato in fase binge watching come non mi capitava da tempo, ed avere un "prodotto" simile su una piattaforma di streaming in tivvù è una conquista per l'utenza finale.

    2: Too Old to Die Young

    la motivazione, pur con tutta la differenza esistente nei contenuti, è in sostanza simile a quella espressa per Undone.
    Refn è molto più "difficile", per una serie infinita di ragioni, ma ogni inquadratura, colore, i notturni in città, la colonna sonora, il tutto impacchettato per 13 ore di "roba" in una serie tv (non so neanche se possa rientrare a pieno nella categoria una produzione del genere) fino a poco tempo fa sarebbe stato fantascienza.

    3: Stranger Things 3

    Tutto "funziona" in questa terza serie (ovviamente vista con lo spirito giusto), belli i "team" di personaggi che si creano, le ambientazioni, il giusto misto di mostri schifosi e sgomitate nostalgiche a temi e atmosfere che quando ben confezionato fanno il loro dovere per bene. Rimette sui binari la serie dopo una seconda stagione un po' gné, speriamo solo non finiscano con il tirarla troppo per le lunghe.


    Per il decennio:

    1: Breaking Bad

    perché volenti o nolenti c'è quasi un pre e un post Breaking Bad in termini di quello che le persone ora si aspettano da una serie tv "moderna" in termini di qualità di scrittura, interpretazione e coinvolgimento. E molte serie successive vengono surclassate dal confronto. Dovrei riguardarla per vedere come regge il passare degli anni, ma c'è talmente tanto da vedere in giro che intanto la lascio lì sul podio senza nemmeno pormi il problema..

    2: The Shield

    perché è una serie incredibile, con uno dei finali più potenti ed azzeccati che io abbia mai visto (e non limitatamente al solo ambito di serie tv), cosa più che rara.

    3: Bojack Horseman

    non è la prima serie a dimostrare che i cartoni non sono solo per bambini, ma una qualità così alta, costante, spietatamente "diretta" sia sul lato comico che sul lato serioso raramente si trova in qualunque categoria di prodotti di intrattenimento.
    Mi gioco la "nomination" anche se la serie non è ancora finita, confidando non vada tutto in vacca nell'ultima manciata di episodi.

    mi piange il cuore a fare una selezione così spietata, ma per il minollo d'oro si fa questo ed altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo segnalarti che di The Shield l'ultima stagione uscì negli USA nel 2008, da noi nel 2009, quindi non vale.
      Deduco che Bojack salga al secondo posto, hai un rimpiazzo per il terzo.

      Elimina
    2. Caspitazza, ho fatto male i conti con la memoria e con gli anni, hai fatto bene ad avvisarmi.. allora entra in classifica a sorpresa This is England (le miniserie), perché regia, attori, messa in scena e trama sono un misto tra spettacolo e pugni nello stomaco, con personaggi che ho nel cuore fin dal film originario.

      Elimina
  56. 2019:
    1. CHERNOBYL: perchè da sempre "affascinato" dalla vicenda e vederla così realisticamente trasposta in tv mi ha lasciato senza fiato
    2. Cobra kai: perchè non ho mai sopportato larusso..... e in questa serie finalmente si è vista la realtà dei fatti
    3. GOT: perchè è epica nonostante il finale... detto da un non amante delle serie "in costume".

    decennio

    1. Breaking bad: volevo trovare un motivo non già detto ma non è semplice: una serie unica e inimitabile, attori tutti sopra la media e l'intelligenza di farla arrivare al TOP e poi chiudere, senza scadere in stagioni sempre più brutte solo per incassare soldi come spesso capita.....

    2. How I met your mother: per il valore affettivo che ha avuto per me (anche gli ultimi 2 minuti li avrei tolti volentieri), serie che ho seguito dalla prima puntata sempre il lingua originale aspettando i sottotitoli e che ha segnato una mia epoca così come....

    3. The big bang theory: nonostante gli evidenti cali delle ultime stagioni l'affetto per i personaggi era più forte delle delusioni e aspettavo con ansia quella mezz'ora di svago in ufficio. In più è divertente ancora ora vedere le repliche quando passano in tv, ridere delle battute e accorgersi che le ho capite solo io.... (o forse invece che divertente è inquietante.... bho...)

    3.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo e grazie che hai messo BIG BANG THEORY. erp ancheio dell'idea di inserirla, ma poi, si son fatte avanti serie più brevi. E pensare che l'ho rivista tutta due volte, sempre con enorme piacere :)

      Elimina
  57. 2019
    1) GOT: bè, per la smania gigante che avevo nel vedere il finale si guadagna gloriosamente il primo posto in classifica, roba che non mi capitava da anni (con tanto di proiezioni di gruppo, nemmeno per i mondiali di calcio ahahahah).
    2) DARK: il loop del loop dell'incesto del mistero dei viaggi nel tempo... conditi da una regia superba ed una fotografia sublime. Non vedo l'ora che esca la terza stagione!!!! Peccato che non se la fila praticamente nessuno.
    3) THE BOYS: finalmente una serie che parla male dei supereroi (non ne posso più in generale, ormai stanno appestando anche gli anime).

    Decennio
    1) GOT: perchè un fantasy partito con poco budget, attori misconosciuti e sfondi di cartapesta ha cambiato la storia delle serie tv... perchè per la prima volta ho provato sulla pelle LA DURA LEGGE DEGLI SPOILER e mi è toccato guardarmi le puntate in diretta con gli USA a orari improbabili, perchè le stagioni 2-3-4 sono puro capolavoro, e per altri mille motivi.
    2) SHERLOCK: adoro le serie britanniche, adoro lo Sherlock Holmes dei libri, adoro che siano riusciti a rendere omaggio ad una storia vecchia di 200 anni ambientandola perfettamente ai giorni nostri, arricchendola anzichè peggiorandola. E poi che dire degli attori incredibili?!?!
    3) STRANGER THINGS: perchè se non ci fosse stata lei tutta questa nuova manìa per gli anni 80 non sarebbe manco venuta fuori. Terza stagione un pò sottotono, ma rimane un ottimo prodotto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dark è una superfigata! Non l'ho messa sul podio perché secondo me ha un solo grande difetto...è una grande storia unica va valutata ad opera conclusa. E mi auguro/spero la concludano con la terza stagione perché già così la stanno intricando a sufficienza XD Speriamo non la facciano fuori dal vaso...

      Elimina
    2. da quello che ho letto la terza dovrebbe essere la conclusiva

      Elimina
  58. urca urca, quale emozione!

    serie dell'anno:

    1° The Mandalorian
    Prima incredibile stagione di una cosa così figa che manco me la sognavo da piccolo. Personaggi, cura, toni e tanto amore sano per la saga. Dopo Rogue One, secondo centro pieno di LucasDisney. This is the way!

    2° Chernobyl
    Ai punti probabilmente la serie migliore dell'anno, non solo per l'argomento trattato ma soprattutto per il come viene fatto. Mini film perfettamente adatti a sprofondarti in un pozzo senza fondo di angoscia. Prodotto superlativo.

    3° The end of the fxxxing world, stagione 2
    Continua e se possibile migliora ancora il lungo road trip degli scapestrati teenager inglesi. Tocca diverse corde del come eravamo da regazzini senza mai essere stucchevole né banale.
    La serie che ho più bingiato in assoluto quest'anno. Deliziosa.

    serie del decennio:

    1° GOT
    Perché volenti o nolenti, per la gioia del conto di ciccio martin, ha cambiato il mondo delle serie TV e non solo.

    2° Breaking Bad
    La serie con la trama verticale migliore mai vista. Better call saul la insidia ma alla fine tutto nasce da qui. Un cast memorabile per un'altra serie che ha cambiato il mondo dei telefilm.

    3° Black mirror
    La serie che poi serie non è che più ha saputo "stupirmi "del decennio. Alti e bassi recenti, ma le prime stagioni sono davvero super a darti belle legnate in faccia quando guardi dall'altra parte. Spiazzante in a very good way: anche questa come le prime due che ho citato, ha fatto la sua differenza nel mare di serie sempre più profondo in cui navighiamo.

    OT
    Doc la facciamo la categoria delle serie animate, sì? Non ce la fo a mettere tutto insieme!



    RispondiElimina
  59. Serie dell'anno
    Non ho ancora visto Stranger Things (lo so, lo so) e The Mandalorian che penso sarebbero entrate in classifica, perciò:

    1) TIMELESS: (Secondo Wilipendia, l'ultimo episodio/stagione è andato in onda in Italia nel 2019, quindi nelle regole dovrebbe starci) Serie sui viaggi nel tempo, super intrippante soprattutto nella prima stagione, con citazioni di Ritorno al Futuro, bellissimi costumi e protagonisti interessanti, avventura e accuratezza storica, per quanto possibile; per me se un episodio ti lascia con la voglia di vedere subito il successivo, è segno che funziona.

    2) THE GIFTED: Serie sui mutanti "abbandonati" dagli X-Men (Thunderbird, Eclipse, Polaris, una Blink gnoccolona e delle Stepford Cuckoos a tratti veramente spaventose) ma visti anche dal punto di vista degli umani. La serie è stata cancellata dopo la seconda stagione (in effetti meno interessante della prima), peccato perchè anche qui un episodio tira l'altro. Una chicca il cameo di Stan Lee nel primo episodio.

    3) GAME OF THRONES: L'ultima stagione può avere soddisfatto o meno, fatto sta che è stato uno degli eventi televisivamente più attesi degli ultimi anni, e parecchi momenti epici li ha regalati. Terzo posto perchè dopo aver saltato una puntata ho dovuto vivere in un bunker antiatomico per due settimane per non spoilerarmi il finale, tappandomi le orecchie e scappando urlante appena sentivo qualcuno che diceva "Ma hai visto che è successo... " ...maledetti

    Del decennio:

    1) GAME OF THRONES: Più che una serie, un evento globale, una lunga cavalcata che ha tenuto col fiato sospeso dalla prima all'ultima stagione, nonostante alcune siano inevitabilmente più lente di altre. A me che sono piaciuti più i libri della controparte tv, paradossalmente le ultime stagioni hanno appassionato di più, non sapendo dove si sarebbe andato a parare. Ha consacrato tanti attori semisconosciuti e tracciato un solco per il genere fantasy medievale che molti stanno già seguendo o seguiranno. Menzione anche per le location spettacolari. E poi da una serie che ha dato il via ai Riassuntoni, che vogliamo di più?

    2) SHERLOCK: Da lettore accanito di Conan Doyle ero molto scettico sulla trasposizione moderna, e l'avermi fatto ricredere la fa entrare di diritto in classifica generale. In gran parte è merito di Cumberbatch, pazzesco praticamente in tutto quello che fa (tipo Patrick Melrose, che ho dovuto lasciare a metà perchè era un cavolo di cazzotto nello stomaco ogni volta). Però il mio episodio preferito è quello ambientato nell'800 :D

    3) THE GRAND TOUR: O Top Gear, che poi è la stessa cosa. La genialità demenziale di quei tre meriterebbe un oscar alla carriera. Potrei rivedere un episodio 10 volte e ridere comunque come un cretino, fantastici

    RispondiElimina
  60. Mai come per questo 2019 avrei diverse serie da premiare, ma dopo mille ripensamenti questa è la mia terzina:

    3 - The Witcher: perchè dopo la fine del videogioco ho divorato i libri ed avevo bisogno di nuovo e godibilissimo metadone. Spero che il successo della stagione porti qualche vagonata di dollari in più per migliorare la CGI, vero punto debole della season-1.

    2 - Watchmen: perchè hanno attinto a piene mani da un fumetto bellissimo ma "difficile" senza essere mai sacrileghi, perchè la resa video e musicale dell'universo Watchmen è pressochè perfetta, perchè Regina King è di una bellezza magnetica.

    1 - Chernobyl: perchè in un unico prodotto c'è stile registico, fotografia paurosa, grandissime prove attoriali ed una meticolosa ricostruzione dell'epoca e di quanto successo (anche se un pò troppo yankee oriented)

    Menzioni d'onore dovute a Gomorra4 che ha rilanciato alla grande la serie e GOT: finale con lacrimuccia per noi del #teamArya

    Per le serie del decennio:

    3 - GOMORRA: perchè è un prodotto italiano capace di tenere testa alle migliori serie americane, perchè ha creato personaggi che sono entrati nel quotidiano di tutti noi, perchè i colpi di scena sono sempre imprevedibili e ti tengono incollati allo schermo.

    2 - GOT: perchè è stata un terremoto che ha abbattuto le barriere del genere fantasy per conquistare praticamente tutti.

    1 - BREAKING BAD: perchè è LA serie. Quella che ha trasfigurato il senso stesso delle serie TV, trasformandole in un prodotto di qualità superiore in tutti i suoi comparti. I personaggi, la trama principale e le sottotrame, resteranno un monolite difficilmente superabile.

    RispondiElimina
  61. Serie del 2019: 1) Dark (2a stagione), perché ci sono i salti nel tempo, perché attrici e attori sono bravissimi, perché non è americana. 2) Zone Blanche (2a stagione), perché Cernunnos è una figura incredibilmente affascinante, perché i colpi di scena son fatti da dio (celtico), attrici/attori superbi e non è americana. 3) Games of Thrones (ultima stagione) perché credevo che niente al mondo avrebbe potuto farmi amare il "fantasy", che infatti mi fa ancora schifo tranne Games of Thrones. E pazienza se è americana.

    RispondiElimina
  62. serie dell'anno 1) Chernobyl - Serie perfetta per recitazione e messa in scena. Drammatica al punto giusto e scritta davvero bene. Poi io sono molto legato a Chernobyl... penso sia uno dei motivi per cui mio fratello è 1.82 e io 1.69 :D 2) Euphoria - E che gli vuoi dire a Hbo? scrive il perfetto teen drama che straborda dal genere e diventa spaccato di vita americana e delle contraddizioni che la animano (e che si vedono soprattutto sulle vite degli adolescenti). Mi ha ricordato, moltissimo, ovviamente Skin... 3) Watchmen - Anche questa serie Hbo è partita benissimo e finita con un finale che mi ha lasciato un po' col sopracciglio inarcato (sennò sarebbe stata almeno seconda). Come hai detto più volte riprende in modo perfetto l'anima del fumetto e, oltretutto, ha dei nuovi personaggi praticamente perfetti (quanto adoro Looking glass) 3) Ex aequo The Mandalorian (se mi permetti un ex aequo) - Disney+ parte davvero col botto. Ho adorato anche le puntate filler (quella nella prigione davvero ben fatta) e soprattutto l'inizio e la fine. Personaggio del decennio: Baby Yoda (che secondo me diventerà un sith... ma sto divagando).

    RispondiElimina
  63. Serie del Decennio 1) True Detective - La serialità orizzontale che diventa perfezione. Niente lasciato al caso, fotografia, regia e recitazione da oscar. Semplicemente tre stagioni perfette (anche la terza, anche se non l'ho messa tra quelle degne di punti proprio perché la inserisco in questa votazione) 2) Twin Peaks - The return - Lynch porta il suo cinema sul piccolo schermo. Un film diviso in 18 episodi con un finale super disturbante e una puntata (mi sembra la 8) da storia della televisione. 3) Game of thrones - Non potevo non metterci "IL" fenomeno televisivo per eccellenza di questi anni 10... Dopo GOT è cambiato praticamente tutto (anche GOT :D ). 3) ex Aequo (se me lo permetti) Breaking bad (avrei potuto dire pure Mad Men ma BB mi sta più a cuore) - La creazione, perfetta, di uno dei villain migliori dell'intera storia dell'entertainment. scusate se non è poco.

    RispondiElimina
  64. Serie del 2019 

    Premessa: non ho ancora visto nè The Mandalorian nè Watchmen...e almeno quest'ultimo potrebbe sulla carta entrare nella top 3, ma tant'è..

    1) Umbrella Academy: famiglia disfunzionale di supereroi disturbati (come mi aspetterei Watchmen) e nemici folli e disturbati...cosa volere di più? Numero 5 for President, Hazel & Cha-cha Vice-Premier. Ottima trasposizione del fumetto (folle anche lui, recuperato e letto d'un fiato dopo!)
    2) Russian Doll: Groundhog Day moderno (e ho detto tutto!), storia di ritrovamento personale e colonna sonora super...what's not to love?
    3) The OA 2: molto più vario della prima serie, personaggi più "tondi" e mistero più fitto...storia originale e "oltre i confini" claustrofobici della prima serie. Un vero peccato sia stato apparentemente cancellato
    Stranger Things 3 e Glow 3 medaglia di legno: sotto le aspettative e, a mio parere, inferiori alle prime 2 stagioni per entrambi..

    Decennio:  

    Idem come sopra per Breaking Bad e GOT, non visti..ma recupererò BB, dato l'entusiasmo che sento ovunque (GOT non è il mio genere prioprio!)

    1) AHS - American Horror Story: per motivi personali, sono particolarmente legato a questa serie che mi ha fatto scoprire la nuova generazione di serie TV degli ultimi anni...splendida l'idea della serie antologica con gli stessi personaggi che di volta in volta cambiano carattere e personalità. Main characters di lusso, comparsate eccellenti e storie intrecciate...se non fosse per lui, non avrei visto tutte le altre..
    2) Stranger Things: l'apice dell'apologia degli '80 in salsa nostalgico-avventurosa. Nonostante vada in calando (per me la 3* serie è un grandissimo fan-service e poco altro...e ora tutti a cantare "Neverending Stoooory!!!") è comunque tanta robba...e mi son regalato il calendario 2020 di ST3 (massì...fan service sia!)
    3) Glow: Wrestling, fluo, anni '80, donne con le palle. Emozioni un po' in calando nella 3* serie (ma più personaggi a tutto tondo e storie "allargate" come temi e complessità), ma Sam-Ruth coppia del decennio e colonna sonora che non ha nulla da invidiare a ST, con cui sarebbe a pari merito, ma tant'è...
    Menzione d'onore per "Black Mirror - San Junipero" (si è capito il tema conduttore?). Molto episodi di BM non mi hanno esaltato proprio, per cui giù dal podio, se Glow e ST fossero pari...ma i bookmaker inglesi già danno BM sul podio finale..quindi...bites the dust for me!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHS ho adorato le prime due stagioni, dalla terza il calo è evidente.... droppato dalla serie con lady gaga in poi. le ultime meritano?

      Elimina
    2. S3 Coven è un po’ deboluccia concordo..Freak show e Hotel a me son piaciute..S6, S7 e S8 meritano molto a mio parere (S8 è molto peculiare, con collegamenti ad altre serie!). 1984 non l ho ancora vista. Buon DiemilaVecchi!

      Elimina
  65. Ecco le mie scelte (ché tanto dopo averle scritte vorrei già cambiarle, ma tant'è è un gioco,un bel gioco)

    Per il 2019

    3) Stranger Things #3 : perché continua essere divertente, con ottimi personaggi .

    2) DARK #2: perché è una serie di paradossi temporali e viaggi nel tempo, e di libero arbitrio.

    1) The naked director ( il regista nudo): un'ottima serie in cui s'intreccia commedia, tragedia e finto documentario.

    Serie del decennio

    3) Stranger things: per come ha sintetizzato il ricordo degli anni 80.

    2) Black Mirror: la Twilight Zone degli anni 10.

    1) Sherlock : perché Moffat e Gatiss hanno saputo trasportare il mito di Sherlock Holmes nel contemporaneità, con due ottimi interpreti.

    Ai posteri ardua sentenza.

    RispondiElimina
  66. Per il 2019:
    1) The Handmaid's Tales: una serie tv ben scritta che ti emoziona, ti regala emozioni piacevoli alle volte, ma più spesso preoccupazioni. Merita tanto!

    2) The Crown: anche quest'ultima stagione merita tanto. Inizialmente ero preoccupata per il cambio di attori ma ho apprezzato alla fine la scelta: sono stati fantastici. Ben fatto Netflix.

    3) The man in high castle: emozionata fino alla fine. Meglio non aggiungere altro.

    Per il decennio:

    1) Downton Abbey: penso che sia una delle serie tv più belle di questi ultimi anni, altro che GOT! Stupenda dalla prima stagione all'utilma, coerente, ben scritta, travolgente, con battute argute e trattando molto bene i vari avvenimenti storici, dal Titanic alla fine degli anni '20. Una serie che riguardo ben volentieri, sopratutto certe scene per tirarmi su di morale e una volta che inizi un episodio difficilmente riesce a staccarti.
    2) Chiamatemi Anna (Anne with "E"): ora voglio andare a vivere a Green Gables! Una serie tv che tocca molti aspetti attraverso gli occhi di una ragazzina che ha già sofferto troppo per la sua età ma è smaniosa di vedere il mondo e di vivere mille avventure. Anna ti fa sognare con lei, la sua poesia ti trascina nella magia di Green Gables e ti affezioni a tutti, anche alla pettegola antipatica del paese. Merita tanto per come tratta la morte, la sessualità, l'essere donna, l'indipendenza, le difficoltà economiche, l'amore, la schiavitù e tantissimi altri temi, con dolcezza, curiosità e un tocco di ingenuità. Non vedo l'ora che arrivi il 3 gennaio per vedere la stagione finale. *w* Ha già il mio cuore.

    3) Hannibal: Inquietantemente affascinante. Meravigliosa. Mette i brividi.

    RispondiElimina
  67. Allora, poca roba e di non grande qualità quest'anno (questa frase apre ogni mio commento a questo minollo d'oro, purtroppo). Dominano come di consueto i contenuti di animazione

    Classifica 2019:

    1- L'attacco dei giganti S3.2. Ecco, qui la qualità c'è tutta. Onestamente credo che come resa rispetto al manga mi abbia impressionato di più la prima parte di questa terza stagione, ma è del 2018; comunque, i primi 6 episodi di questa seconda cour sono *fenomenali*, grande azione, grande tensione, un sacco di momenti bellissimi (tipo !SPOILER AHEAD! quando Bertold viene lanciato dentro una botte dal Gigante Bestia sopra le mura fin dentro Shiganshina e tutti si aspettano si trasformi e distrugga tutto da un momento all'altro SPOILER ENDED)

    2- The promised Neverland. Premesso che è meglio il manga, la prima stagione di quest'anime ha comunque tutte le caratteristiche migliori dell'originale, seppur magari un po' affievolite. Trama avvincente, ricca di colpi di scena (pure un po' troppo), bei personaggi e soprattutto un finale che gasa un sacco

    3- Adrian. Qui invece la qualità non c'è. Ma quanto materiale per meme e prese per il culo ci ha dato... Ci vuole coraggio a mettere in giro una roba del genere. Così in basso nella classifica che fa il giro e sale sul podio, così per testimonianza.

    Per quanto riguarda le serie del decennio, passo.
    Ne ho tre in mente, che sono le mie preferite, ma di due (Daredevil e GLOW) non ho ancora visto l'ultima stagione e quindi non mi sento di dare un giudizio... L'altra è Black Sails, ma a sto punto tanto vale.

    Menzioni d'onore per le serie dell'anno:
    >Stranger Things s3: ero indeciso se darle il secondo posto o meno (Adrian doveva esserci), ma benché abbia la sensazione che sia stata una serie piacevole ne ricordo veramente pochissimo quindi boh, forse non era così bella? Dovrei rivederla. Neverland sto problema non ce l'ha perché comunque la storia la ricordo bene, avendola anche letta, e quindi si accaparra il posto.
    > Fire Force: bello shonen, assai divertente in certi punti (Arthur è il mio idolo), con gran belle immagini grazie principalmente alla grande presenza delle fiamme -ma anche in assenza di esse.
    > Cautious Hero: bella parodia del genere isekai (non sapevo cosa fosse prima di guardarlo però! quindi adatto a tutti), devo ancora finirlo ma mi ha fatto molto ridere, e al contempo sa essere epico di tanto in tanto... Mi ha ricordato l'anime di Bastard!!, direi che epicità e comicità sono in proporzioni invertite rispetto a quest'ultimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio mi son reso conto che sulle serie del decennio ho pensato solo alle live action... Mah, magari domani tiro fuori qualcosa attingendo anche agli anime, vediamo se ci riesco, è ardua

      Elimina
    2. io credo che si votino solo le live action... gli anime non dovrebbero andare insieme ai film d'animazione?

      Elimina
    3. Ma gli anime che sono stati votati non sono film, ma vere e proprie serie tv

      Elimina
  68. Iniziamo dal 2019
    1) Chernobyl, perché mi ha fatto capire perché, nel Giardino dei Giusti, c'è un albero dedicato a Valerij Legasov
    2) Watchmen, perché è visionaria, complicata, spiazzante e coraggiosa
    3) Fleabag 2, perché riesce a infrangere due tabù in una sola serie: farsi un prete - e che prete - e guardare in camera
    Passiamo al decennio
    1) GOT: perché è riuscita a farmi alzare innumerevoli notti solo per vedere la puntata in diretta e ha sfoderato regie e musiche fantastiche anche in una stagione che lasciamola perdere che è meglio.
    2) Les Revenants: non l'ha citata nessuno, una delle mie preferite in assoluto. Un viaggio simbolico nella morte di chi ci è caro. Inquietante, fredda e preziosa.
    3) The Leftovers: ancora Damon Lindelof. Ho fatto molta fatica a scegliere questo terzo posto, The Leftovers o Black Mirror? Alla fine l'ha spuntata the Leftovers perché è una serie che ha saputo fermarsi in tempo e soprattutto termina meglio di come è iniziata

    RispondiElimina
  69. Per una volta sono in tempo e stranamente ho avuto anche il tempo di vedermi qualcosa quindi iniziamo dal 2019
    1) The Boys: ho amato il fumetto e la serie ne rispetta lo spirito con opportune modifiche e variazioni tanto per spiazzare un po' chi il comix lo conosce. Super eroi che si comportano in maniera egoistica e spesso da criminali.
    2) Umbrella accademy: un mix ben riuscito che ricorda gli x-man e chi mi ha tenuto legato fino all'ultima puntata con la voglia di vedere come continuerà.
    3) For all Mankind: Perché lo spazio mi ha sempre affascinato, tra Apollo 13, la serie Dalla Terra alla Luna e vari documentari ho sempre seguito con interesse. Questa serie ripercorre l'esplorazione della Luna con un piccolo cambiamento, i russi sono arrivati per primi.
    Serie per il decennio.
    1) Breaking Bad perché è la serie che ho appena finito di vedere, quasi (manca l'ultima puntata), e quindi è la più fresca nella mia memoria ma ovviamente non solo per quello. Quando si vuole diventare criminali ma non si combina (almeno all'inizio) causando situazioni da humour nero.
    2) GOT. Avevo letto anni fa le prime quattro parti ma i ero piantato. Quando è uscita la prima serie, la prima scena mi ha colpito e da lì non mi sono più staccato (più o meno). Una delle poche serie che sono riuscito a seguire fino alla fine
    3) The Expanse perché ci vuole una buona serie di fantascienza nella mia classifica. I libri mi sono piaciuti per cui ho visto con curiosità questa serie. Una serie che mostra "verosimilmente" come potrebbe essere l'espandine del genere umano sul nostro sistema solare con i conseguenti intrighi politici.

    RispondiElimina
  70. In colpevolissimo ritardo, le festività so state un mezzo delirio, quest'anno:

    2019:
    1- GOOD OMENS: perché Gaiman e Pratchett li adoro, e Tennant è un attore geniale
    2- THE BOYS: una trasposizione magistrale di un'opera non semplice da trasporre, di quel genio di Ennis, che adoro
    3- WATCHMEN: ho appena finito di vedere l'ultima puntata: anche qui, apprezzata la genialità e l'evitato rischio di cadere nel banale, oltre che una storia degna di essere un seguito di una delle più monumentali opere a fumetti di sempre.


    Decennio:
    1- SCRUBS: per la capacità di passare da drama a comedy e viceversa in un attimo, senza sminuire ne l'uno nè l'altro. E per il personaggio del dr. Cox. Ah, e la colonna colonna sonora più bella delle serie tv.

    2- SONS OF ANARCHY: dodicimila storyline, tutte concluse logicamente, personaggi che crescono e si evolvono con una logica, uno stile narrativo che segue lo stato d'animo del protagonista, accelerando nei momenti "fast-paced" e rallentando quando è sulla soglia della depressione, alcune ottime interpretazioni (che riescono a controbilanciarne alcune effettivamente pessime), una colonna sonora interessantissima, con molti pezzi storici "riarrangiati" e "rimodernati". E un finale EPICO.

    3- GAME OF THRONES: una serie che ho amato, e che ho iniziato a detestare na volta diventata mainstream. Nonostante il finale da "dai ragazzi, chiudiamo veloce pure sta scena che dobbiamo andare, chissene se è ancora un po' meh, abbiamo solo 8 puntate e dobbiamo restituire il set al landlord", nonostante le emiparesi della maggior parte dei volti dei protagonisti arrivati alla fine della serie, ha indubbiamente modificato la percezione del mondo nei confronti del fantasy, quanto (e probabilmente più) della trilogia del Signore degli Anelli di Jackson, quindi merita un posto in classifica.

    RispondiElimina
  71. Allora,
    2019:

    1. Kidding: Gondry, Carrey, Langella, pupazzi e sequenze sognanti. Gioiello assoluto. Agrodolcemente fantastico.
    2. Watchmen: Io a questo punto la considero un seguito degno della graphic novel. Riesce in un'impresa titanica. Alcuni episodi talmente riusciti che mi temavano le mani. Tante finezze ben distribuite. Forse un episodio in piu mi sarebbe piaciuto ma amen.
    3. The Mandalorian: Veloce, scorrevole, pieno di blasterate gustose e personaggi non fini a se stessi. Goduriosa.

    Decennio:

    Ho deciso di premiare le serie con almeno 3 stagioni riuscite, e le poche che vedevo al mattino la notte in cui uscivano pescandole dal torrente.

    1. Better Call Saul: Lavoro immenso sui personaggi e sulla regia, è come brba ma con meno cose da dire ma il 200% in piu di consapevolezza nel dirle. Sequenze e puntate da manuale della serialitá.
    2. Breaking Bad: C'è un prima e dopo brba, non serve stare a descrivere cosa hanno fatto. Bella bella in modo assurdo.
    3. The Leftovers: Alcuni episodi sono a dir poco memorabili, ma è tutta la serie ad essere infusa di un non so che, sempre al limite tra luciditá e follia.

    Menzioni: True Detective (1,3), Mindhunter, Rick&Morty, Gravity Falls, Game of Thrones, Chernobyl, Handmaid's Tale, BoJack Horseman, Gomorra (1-3), Il Miracolo e tante altre che mi hanno fatto emozionare e mi sono sicuramente scordato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah cazzarola, The Young Pope, straordinaria.

      Elimina
    2. Kidding non è uscita nel 2019 né negli Stati Uniti né in Italia, ultimi mesi del 2018.
      Hai una terza serie per il gradino più basso?

      Elimina
    3. Allora inserisco al terzo posto del 2019 Chernobyl, per la luciditá e consapevolezza nel raccontare fatti storici in un modo romanzato ma non melenso come sono i biopic o le serie del genere. Attori tutti straordinari.

      Elimina
  72. 2019:
    Terzo posto: The umbrella academy.
    Una bella serie di supereroi imperfetti con superproblemi, con colpi di scena non gratuiti. Aspetto impaziente la seconda serie.

    Secondo posto: Carnival row.
    Ottimi interpreti in una trama coinvolgente ed in una società che purtroppo ricorda fin troppo la nostra, in cui la paura del diverso la fa sempre da padrone. E i nomi femminili (Tourmaline, Vignette...) sono fantastici.

    Primo posto: The man in the high castle.
    All'inizio non mi esaltava, ma stagione dopo stagione è diventata sempre più coinvolgente e l'ultima è secondo me un capolavoro, con la puntata finale che è meravigliosa, soprattutto per la tardiva presa di coscienza di John Smith, che capisce come, tra tutte le possibili versioni di se stesso, lui abbia rappresentato la peggiore.
    Costumisti e scenografi, oltretutto, meriterebbero l'oscar.

    Decennio: Games of thrones.
    Pur avendo subito un peggioramento nelle ultime due stagioni, come è successo a Lost, come per Lost si parla di una serie che ha monopolizzato i discorsi di chi la seguiva. E Tyrion è un grande.

    RispondiElimina
  73. 2019
    1) Dark: Iniziata assolutamente per caso, volevo sfottere le serie teTesche e invece ci sono rimasto sotto tipo meme di Pepe Silvia.
    2) Carnival Row: Più di un'ucronia dell'epoca vittoriana e più di un fantasy. Partita benissimo e spero che prosegua altrettanto bene.
    3) Rick & Morty: anche l'attuale stagione è stata tagliata a metà (così gli altri episodi valgono per il minollo d'oro dell'anno prossimo?), non mi sta affatto deludendo, con la sua follia e le sue critiche decisamente poco velate.

    Decennio

    1) The Expanse: L'unica space opera degna di questo nome attualmente in giro. Nonappena ho saputo che è stata tratta da una serie di libri (che prima ancora doveva essere un'ambientazione da gioco di ruolo cartaceo ed elettronico), mi sono fiondato a leggerli, insomma la mia personale GoT. Il passaggio ad Amazon non ne ha affatto scalfito la qualità, anzi in quest'ultima stagione sono riusciti a metterci molte anticipazioni della prossima.
    2) Bojack Horseman: dovrei aspettare le ultimissime puntate, hai visto mai che per la fretta succedano casini insensati, ma, sulla assolutissima fiducia che questa serie si è costruita, posso dire che non le manca nulla. Umorismo graffiante, critiche sociali, cinismo a palate.
    3) Person of interest: La serie che ti rimane nel cuore. Personaggi ben costruiti ai quali ti affezioni (e in qualche misura soffri con loro), in una storia che è riuscita ad appassionarmi tantissimo.

    RispondiElimina
  74. Sul 2019 mi permetto di fare un solo nome che vale per tutto il decennio: CHERNOBYL. Perchè sono un docente e credo fermamente nel fatto che prodotti di così alto livello debbano essere sfruttati come adeguati strumenti didattici e di approfondimento.

    Per quanto riguarda il decennio ho scelto questi titoli:

    1) THE AMERICANS. Vale lo stesso discorso che ho fatto per Chernobyl, tanto è vero che a molti alunni appassionati di Stranger Things e che inevitabilmente si sono anche appassionati agli anni '80 non ho potuto esimermi dal proporla. Un capolavoro, sublime, non una puntata di troppo, personaggi magnetici e mai prevedibili, girata benissimo e con una colonna sonora da pelle d'oca. Una coppia così magnetica come i Jennings sarà difficile ritrovarla in altre serie. Sul tema guerra fredda non posso poi che consigliare DEUTSCHLAND 83/86, e l'attesissima terza stagione ambientata sulla caduta del Muro di Berlino del 1989. La macrostoria della Stasi e le vicende della spia Martin Rauch sono estremamente avvincenti e godibili e perfette dal punto di vista storico e sociale.

    2) GAME OF THRONES. Non aggiungo altro a quello che è già stato detto. Ma a uno che odia profondamente il fantasy, che non ha mai voluto leggere/vedere Harry Potter o il Signore degli Anelli, riuscire ad apprezzare una cosa del genere era davvero un'impresa titanica. Iniziato e lasciato dopo 10 minuti del primo episodio, incazzato con la suddetta serie perché per dare più fondi a GOT l'HBO ha soppresso una serie che stavo adorando come Vinyl, mi sono poi fatto coraggio e ho recuperato le prime 7 stagioni in un mese. L'ultima è finita come sappiamo tutti, ma penso che per decenni ricorderemo, come solo pochissime serie hanno fatto, la potenza mediatica e culturale di una serie come GOT.

    3) MAD MEN. (Penso che valga visto che si è conclusa nel 2015). Sono davvero sorpreso di non averla vista tra le serie del 2010s. Credo che sia palese la mia passione per le serie storiche. Altra serie che ho divorato in un mese. Al di là della magnificente ricostruzione del decennio che forse più di tutti ha cambiato la storia della cultura e dell'immaginario collettivo, è probabilmente la miglior serie in costume di sempre. I ritratti borghesi e decadenti degli yuppie ante-litteram sono incredibili. E poi il personaggio di Don Draper è probabilmente assieme a quello di Tony Soprano e di Dexter Morgan uno dei migliori mai rappresentati nella storia delle serie.

    RispondiElimina
  75. All'ultimo minuto dichiaro:

    Serie del duemila e dieciannove
    1 The Doom Patrol, perché adoravo il fumetto e c'è Danny the Street
    2 Glow perché adoro le vicende di ste ragazzotte, anche se non vado pazzo per il uestring
    3 The Boys, che non si prende il secondo posto perché sono stati troppo buoni, nel fumetto c'è più cattiveria e cinismo ma lo sappiamo che in televisione non si può osare oltre.

    Serie del decennio ne voto una 3 volte:
    Better call Soul

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH