Perché Daredevil è stata cancellata da Netflix

perché Daredevil è stata chiusa da Netflix?

Ieri se ne discuteva sui socialcosi, ma la storia che Daredevil sia stata cancellata da Netflix solo per l'arrivo di Disney+ non ti convinceva. Per tutta una serie di ragioni troppo lunghe da spiegare sui social. Ecco allora, sulla base di quanto noto, una ricostruzione dei fatti che parte, appunto, da una domanda: c'entra davvero solo Disney+, la piattaforma di streaming Disney in arrivo nel 2019? La risposta, per farla breve, è no [...]


I fatti, dicevamo. Disney+ è stata annunciata, con questo nome, lo scorso 8 novembre. Ma la stessa Disney aveva promesso una piattaforma di streaming proprietaria, su cui sarebbero confluiti Star Wars e i franchise Marvel, già nel SETTEMBRE 2017. Quindici mesi fa.

E non erano voci di corridoio, ma una dichiarazione ufficiale del CEO, Bob Iger. La piattaforma non aveva ancora un nome, ma si parlava già di 2019, di esclusive e di Netflix ridammi le robe mie. Se quella news era arrivata a te, semplice fruitore, figurati a chi con Disney aveva messo in piedi una partnership con tante, tante, tante banconote da un dollaro in ballo.

Quelli che immaginano uno scippo a sorpresa delle licenze Marvel compiuto da Disney solo ora, immaginano anche, evidentemente, che Netflix sia gestita da Henry Fondle, il sexrobot di Todd in BoJack Horseman. Del ritorno all'ovile dei brand, in generale, si parlava da un anno e mezzo.

Matt mentre abbraccia la croce dei tempi tecnici.

Quindi, se tutti sapevano che Disney si sarebbe ripresa tutto il banco nel 2019, Netflix sapeva già che non ci sarebbe stato spazio per un Daredevil Stagione 4 nell'anno in arrivo, no? Era tutto già scritto? Erano solo gli spettatori a non sapere di un'inevitabile cancellazione dovuta ai tempi tecnici, come si legge in giro, dopo la Stagione 3?

No. Con questo Tweet, due settimane fa, Erik Oleson, lo Showrunner di Daredevil 3, annunciava di aver sottoposto a Netflix la sua idea (pitch) per Daredevil 4. E incrociava le dita. 17 novembre. Ripetiamo: due. Settimane. Fa.

Presumendo che Oleson non sia un pazzo, nessuno aveva detto allo showrunner della serie che nel 2019 si chiudeva e non ci sarebbe stato spazio per un'altra stagione? Se n'erano dimenticati? La mail dei tempi tecnici gli era finita nel filtro anti spam?

La tua ricostruzione dei fatti è che i rapporti tra Marvel e Netflix, già tesi*, siano saltati. E che una performance non stellare in termini di ascolti di Daredevil 3 e delle altre serie collegate abbia pesato sulla vicenda. L'ultimo punto è ovviamente una tua supposizione, visto che quei dati li conosce solo Netflix. La faccenda dei rapporti tesi, invece, la spiega questo articolo dell'Hollywood Reporter, in questo punto:
Marvel and Netflix's relationship has been strained by the negotiations over Luke Cage. Scripts for a potential third season were all but done when Netflix and Marvel were unable to come to terms for the new season. Sources note that issues included the total episode count as Netflix wanted to reduce the standard run of 13 to 10 in a bid to tighten the creative. 

Liti iniziate su una possibile Luke Cage 3, lo scorso autunno, poco prima che ne venisse annunciata la cancellazione e dovute anche a divergenze creative, ad esempio sul numero di episodi. Ma questo vuol anche dire che lo scorso autunno hanno provato a mettere in piedi una nuova stagione, NONOSTANTE il futuro arrivo di Disney+. E sempre a ottobre, con Daredevil, non c'erano i "tempi tecnici" per una season 4, alla quale il suo showrunner stava già lavorando? Sul serio?

Delle due, una: o hanno litigato talmente tanto due mesi fa che Disney si è portata a casa il pallone di cuoio ed è andato tutto a monte (o ha forzato la mano per riportarcelo comunque), e nessuno ha avvisato il povero Oleson, o i rapporti tesi e i dati non esaltanti hanno spinto Netflix a concentrarsi, come sua intenzione manifestata da tempo, su IP proprie o su licenze meno costose, mollando l'allegra Marvel family.

In questo articolo di The Ringer, che spiegava a ottobre le ragioni delle tensioni tra Disney e Netflix, si ipotizzava appunto che le sorti di Daredevil 3 avrebbero pesato sulla decisione di Netflix: continuare a remare contro la corrente Disney, o alzare bandiera bianca e dedicarsi ad altro?

Quindi è molto probabile che Daredevil Stagione 4 sia stato ucciso anche dagli ascolti di Daredevil 3 (oltre che delle serie collegate) e/o dalle parole-di-maleducazione volate durante le trattative dell'abortita Luke Cage 3, che potrebbero anche, per quanto ne sappiamo (una cippa) aver portato Disney a cambiare idea e bloccare la produzione di nuove serie non già in cantiere. Ti chiedi a che pro - visto che Netflix avrà comunque due nuove stagioni, Punisher 2 e Jessica Jones 3, nel 2019 e continuerà a tenere a catalogo gli show esistenti, come da comunicato, per anni - ma tutto può essere.

Che poi Disney voglia impiegare in futuro Daredevil nel suo MCU è ovvio: non è più gestito da Netflix ed è un personaggio famoso, ci sono proprio tutte le basi del principio fisico del Grazieaciccio. Ma per ora il comunicato di ieri parla solo genericamente di nuove avventure con l'Uomo Senza Paura in futuro. Gli attori stanno intanto postando sui social il loro addio alle serie. Il "magari prosegue com'è su Disney+", al momento, è altamente improbabile, per usare un eufemismone.

Resta il fatto che Oleson deve cambiare client di posta elettronica. Ma pure per quello dice che ci sono dei tempi tecnici.

17 

Commenti

  1. E pensare che la prima stagione di Daredevil scritta da Goddard era un bellissimo connubio tra lo stile di Nolan e lo stile fumettoso. Dipsiace che si sia persa per colpa di scelte sbagliate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credo si sia persa, la seconda e la terza hanno proseguito su quel solco, aggiungendo altri elementi alla ricetta.

      Elimina
  2. Al di là di quelle che sono poi effettivamente le vicende da soap opera tra colossi, mi rimane l'amaro in bocca per una serie che in tre stagioni ha portato sullo schermo un personaggio non appetibile (almeno in apparenza) come il cuginetto ragnesco. E dallo schermo, in queste tre stagioni, mi ci sono appassionato e ho iniziato a leggere storie che forse non avrei mai letto, storie che ho fatto autografare da Miller in persona al Comicon di Napoli.
    Tutto il resto, ma proprio tutto il resto (soprattutto i cinecomics), non hanno mai avuto lo stesso effetto e purtroppo continueranno a restare noia. Maledetta noia.

    RispondiElimina
  3. Dovevano mettere la tutina a Iron Fist, dovevano... XD

    RispondiElimina
  4. Probabilmente lo reinventeranno in Disney+ , ma facendolo diventare Daredevil & Black Widow (o aspetteranno il 2025 per il cinquantenario:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le accoppiate potrebbero non essere male. Io pensavo avessero chiuso Cage e Iron Fist proprio per farli tornare in coppia.

      Però la Vedova gioca nella serie A sul grande schermo. Dubito che, anche in un'eventuale sua nuova interpretazione tv, possa fare coppia con Matt. Ma non si sa mai...

      Elimina
  5. Ma davvero Daredevil 3 ha avuto bassi ascolti ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I dati li conosce sono Netflix, non sono pubblici.

      Elimina
  6. Ovviamente la verità non la so, ma se dovessi mettere su due piatti di una bilancia rispettivamente "ascolti/qualità" e "motivi organizzativi", io credo che il filone Defenders di Netflix stia andando a scemare più per i motivi organizzativi.

    Questo lo dico non tanto alla luce dei miei gusti personali (a me la stagione 3 di DD nel complesso è piaciuta più della seconda) ma perché, leggendo in giro e sentendo gente (che detta così rende quanto comunque la mia idea possa essere erronea) sembra che la terza abbia avuto responsi più che positivi, sia dal pubblico che dalla critica.

    Non abbastanza per proseguire? Non lo so, non ho avuto questa impressione. Forse l'intero progetto è arrivato all'alba di una fase 2 come l'universo cinematografico e la Disney ha deciso di portare avanti le cose per conto suo.

    Quindi, che si stiano allontanando in buoni rapporti o meno, a me sembra che Disney e Netflix abbiano altro che bolle in pentola.

    Di sicuro, la Disney ha dimostrato in questi anni di essere furba, impara in fretta dai suoi errori.

    La linea Defenders ha avuto i suoi alti e bassi, cose che funzionavano bene e altre no.

    Probabile che se verrà fuori qualcosa sulla nuova piattaforma, sarà un prodotto migliore.

    Io spero soprattutto che riorganizzino il format, con stagioni più brevi. Magari alla Sherlock.

    Staremo a vedere.

    Piccolo OT sulla Distinta Concorrenza: Titans. Ho visto i primi due episodi e mi fa un effetto strano. Forse è per un pubblico più giovane rispetto ai miei quasi 40 anni, ma di sicuro non è quello che mi aspettavo. Non è una serie alla Arrowverse (e per me è solo un bene) e non è una serie alla Defenders Netflix. Mi sembra cada da qualche parte, nel mezzo. Proverò a darle una chance. Anche se quel Dick sembra molto più un altro Robin di nome Todd. E anche questo mi stranisce un po'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La critica a Netflix interessa poco e nulla, però, occhio. Le interessa quanto una serie muove in termini di spettatori e anche di awareness pubblica. Quanto il brand tira, perché così facendo si tira dietro i nuovi abbonati o conserva quelli esistenti. Li vedi tutti quei cartellonio di Narcos Messico in metro? Ecco. La domanda da porsi non è se ai siti sia piaciuta o agli amici della fumetteria garbi, ma quanto si parli sull'Internet tutta di Daredevil. Messa meglio: se n'è parlato, dopo la terza stagione, come ai tempi della prima e della seconda? A me, per dire, non pare proprio. Ma neanche lontanamente. E questo è accaduto perché? Perché la gente si annoia delle serie dopo qualche stagione? Molte vanno in crescendo, e comunque un calo non ce l'hanno dopo tre stagioni, ma sei o sette. E allora?

      Elimina
    2. Su quanto se ne sia parlato, non posso che darti ragione sulla fiducia che ripongo nei tuoi confronti, perché sono poco social e anche a livello di pubblicità sono piuttosto lontano dai canali abituali.

      Quindi, forse hai ragione e le cose sono semplici: c'è stato un calo di interesse su Daredevil e forse sull'intero progetto Defenders.

      Forse i supereroi in tv piacciono di più nel formato Arrowerse e Netflix ha deciso di virare verso altre soluzioni. I Narcos tirano più dei supereroi. (ehm...)

      Insomma, un'idea forte e precisa come in altri casi analoghi, io non ce l'ho.

      Se dovessi scommettere, punterei sulla chiusura di un progetto per un rilancio in casa Disney, solo perché sembra il momento ideale: esce una nuova piattaforma; la "fase 2" supereroistica è alle porte; il ciclo Defenders ha completato un discreto arco narrativo e comunque avrebbe la necessità di rinnovarsi.

      Ma è appunto una scommessa. Sono curioso di vedere se davvero la Disney abbia in mente qualcosa su Daredevil come ha detto, oppure se è stato il tentativo di calmare i fan, fino a quando non si saranno dimenticati della cosa...

      Elimina
  7. Peccato. A me questa terza stagione, dopo lo scivolone pesante della seconda, non era dispiaciuta affatto. Soprattutto sarà difficile per la casa del Topo trovare un Matt Murdock e un Wilson Fisk all'altezza di Charlie Cox e Vincent D'Onofrio. Ma tant'è.
    Il bicchiere mezzo pieno è che posso sperare che magari (magari) i capoccioni di Burbank decideranno di promuovere DD nella serie A dell'MCU

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quale sarebbe questo scivolone "pesante" della seconda che tutti hanno avvertito?

      Elimina
  8. Pensa che io la terza ancora me la devo vedere.
    E sono uno che, nonostante tutto, si è visto tutte le stagioni degli altri amici di merenda di Murdock, Iron Fist(s) compreso. Per dire, uno la resilienza ce l'ha pure.
    C'ho provato eh, tipo 2-3 volte, ma mi addormentavo alla prima puntata. Non come metafora, eh, proprio nel senso proprio che nonostante il tentativo di resistere mi abbioccavo sul divano che tipo ti svegli e vedi che hai saltato un pezzo, allora mandi indietro fino a dove ti ricordi, e poi ti riabbiocchi.
    Allora mandi indietro fino a dove ti ricordi, ma ti riabbiocchi. Poi ti svegli e vedi che hai saltato un pezzo, allora mandi indietr... Penso si sia capito il concetto.
    Certo c'è da dire che gli orari del "tempo libero" quando è uscito erano abbastanza folli (per non dire praticamente notturni), però immagino che il ritmo narrativo non abbia agevolato la visione. L'abbiocco però si, quello lo ha agevolato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena postato il commento sono andato a riguardarmi la tua recensione.
      "Parte così lenta, questa stagione, che è difficile guardare la serie in orari da licantropi e vampiri senza abbioccarsi."
      Appunto.

      Elimina
  9. Non sapevo della cancellazione della serie ( e non ho ancora visto DD3), peccato...
    Comunque la prima stagione di Daredevil resta una delle cose fatte più belle tratte da un fumetto, solo per questo sono contento che ci sia stata questa collaborazione tra Netflix e Disney, al di là di come è finita.

    PS
    Scopro solo ora anche questa cosa di Disney+, cioè questi stanno mettendo su una piattaforma streaming con dentro, oltre i cartoni (pure quelli Pixar) anche roba Marvel, SW, National Geographic e le produzioni della FOX... se il prezzo è competitivo ammazzano la concorrenza.

    RispondiElimina
  10. Buonasera a tutti sono nuova, intervengo solo per dire che enorme peccato sia la soppressione di Daredevil. Uno dei miei tre preferiti in assoluto e assolutamente piu' convincente nella prima st. Che non nel film con il peraltro bonazzo BenAffleck. Sigh.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy