Ratboy, Salvezza, Motor Girl, Black Hammer, Kids with Guns (Microletture)

Volete comprare in edicola Ratboy, il nuovo fumetto di Leo Ortolani con Giorgia Cosplay in copertina, senza sembrare dei Rat-Tusi? Ecco come si fa! Ma in questa puntata di Microletture c'è spazio anche per Salvezza di Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso, Motor Girl di Terry Moore, Black Hammer #2 e Kids with Guns di Capitan Artiglio. 'Nuff sailutatemi il fumettaro di fiducia [...]

Ratboy, Panini, 96 pag., 9,90 lettereA
Ci sono uomini soli, e li incontri dove la gente viaggia e va a telefonare. Lo sappiamo. Oppure in edicola, che cercano di comprare l'ultimo fumetto di Rat-Man e di Leo Ortolani, Ratboy. Ma si vergognano, per quelle tette in copertina e per il fatto che sembra una versione di Playboy per amanti dei fumetti e del cosplay. Insomma, una roba molto, molto più perversa.

Questo bernoccolo di creare una rivista patinata sul Ratto, in stile macsìm e simili, Leo ce l'aveva da tempo. Dalla collaborazione con Giorgia "Cosplay" Vecchini nasce questo albo fuori serie corredato da una serie di scatti e di posteroni di Giorgia. No, in nessuno è nuda, cacchio di domande, pure voi, ma vi farà rivalutare Cinzia Otherside, mettendo in discussione tutto quello in cui avete mai creduto. È un attimo che diventate pure voi postini, tipo.

Ratboy racconta il mondo del cosplay visto con gli occhi di Leo, cioè da fumettista che ha visto le fiere di settore trasformarsi in un circo. La Luppa della storia non è poi mica così lontana, insomma, in un mondo in cui "i comics" sono diventati per Lucca un altro Carnevale. Anche giustamente, eh, chi siamo noi per criticare le cosplayer della Gatta Nera bone. Ma ce n'è anche, di presa per i fondelli, per gli standisti dei fumetti afflitti da sfastidio grave che non fanno niente per tenersi quelli che ancora vanno a Luppa per la carta disegnata. Nell'albo, Rat-Man trova l'amore incontrando Giò, una specie di fatina del cosplay, custode del segreto di ogni buona storia d'avventura: le tre A. Avventura, Azione, Atette. Soprattutto l'ultima.
Si ride di gusto, come in ogni parodia/albo fuori serie del Ratto, tutto incentrato sulle gag. Alcune delle quali veramente feroci, ma oh, Leo lo si ama anche per questo. Sembra un uomo così buono e santo che non gli puoi dire niente, anche quando ti butta lì delle battute volgarissime o vetrioliche. Ma dicevamo: come fate a comprare Ratboy in edicola, se vi vergognate di prendere insieme a rakam e tvsupplizieceffoni una rivista con quelle tette in copertina? Old school, gente! Ve lo fate incartare nel quotidiano, vi si deve insegnare tutto. Se però il quotidiano che leggete abitualmente è tipo Il Giornale, Libero o La Padania, fate il contrario: fatevi incartare quello in qualche giornaletto veramente zozzo, è più dignitoso.
Kids with Guns, Bao, 208 pag, 20 sauri
Che fumetto bizzarro e immaginifico questo Kids with Guns di Capitan Artiglio, uno dei nomi emergenti dell'interweb fumettaro degli ultimi tempi. Un western-fantasy ambientato in una frontiera popolata da alieni e dinosauri, kaiju e robot. Ma, attenzione, non è l'insalatona di generi il punto, ché ormai se ne sono viste di ogni, capirai. È il modo in cui quell'ambientazione viene plasmata e sfruttata, calandoci dentro una storia dai tratti a volte realistici, altri mistici. Con uno stile di disegno che in alcune scene molto dettagliate ti ha ricordato qualcosa di Toriyama. Ah, come nome d'arte, Julien Cittadino si è scelto un nickname cazzuto: chi ricorda da dove viene, SENZA sbirciare la soluzione su gùgol, il suo "Capitan Artiglio"?
C'è qualche passaggio un po' ingenuo, forse, ed è solo il primo capitolo di una trilogia di volumi, vai a sapere quindi come prosegue. Ma è bellissimo da vedere e piacevole da leggere. E non solo per i triceratopi bicefali con l'aureola, giuri.
Motor Girl, Bao, 204. pag, 19 gorilla
Ma quanto ti piace Terry Moore? Risposta: tanto. Dall'autore di Strangers in Paradise, una storia autoconclusiva che Moore avrebbe voluto mettere in pista dopo Echo, e alla quale si è potuto dedicare invece solo di recente. Sam è una reduce di guerra, che fa il meccanico nel deserto. In compagnia di un gorilla parlante e di alcuni misteriosi omini alieni. Sembra una storia ironica, e per lunghi tratti lo è, ma le cose con Moore non sono mai così semplici, perché è uno di quei rari autori in grado di interfacciarsi direttamente con l'apparato cardiaco di chi legge. Di creare dei personaggi che sono innanzitutto persone, in qualsiasi contesto.
Si parla di traumi, in Motor Girl, di come li si affronta, di come si va avanti. E alla fine della lettura vi sentirete diversi rispetto a quando avete iniziato ad esplorare il suo mondo. "Una storia di strenua difesa di tutto ciò che è fragile e prezioso", promette la sinossi in quarta di copertina. Cacchio se è vero.
Black Hammer #2, Bao, 176 pag., 19 mantelli
Quanto ti sia garbato il primo volume di Black Hammer lo hai spiegato qui. Il secondo volume, L'Evento, porta avanti la storia di questi eroi finiti in un altro mondo, apparentemente molto semplice. Ma. Prosegue l'omaggio di Lemire e Ormston al fumetto cosmico della Silver Age, soprattutto i Nuovi Dei di Kirby, ma dentro c'è di tutto, compresa una riuscita presa per il culo del sacchettismo anni 90 alla Liefeld e una citazione della morte di Superman.
Uno dei fumetti di super-eroi più riusciti e adulti in circolazione, pìriod.
Salvezza, Feltrinelli Comics, 128 pag., 16 euro
E per ultimo... no, niente, vi tocca un altro 5 presidentesse. Ché alcuni di questi volumi (non Salvezza, appena uscito) li hai letti settimane fa, ti hanno colpito e volevi proprio parlar(ve)ne. Cos'è il graphic journalism? È raccontare a fumetti una realtà, un mondo, dei fatti. Puoi farlo come Zerocalcare in Kobane Calling, oppure come un Delisle qualsiasi, che fa lo stronzo a Pyongyang per mettere nei casini la sua guida. Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso, in curriculum già diverse biografie e fumetti d'impegno sociale, hanno seguito la prima strada, imbarcandosi per alcune settimane su una di quelle navi che soccorrono i migranti nel Mediterraneo. I taxi di Di Maio. La salvezza arancione per chi rischia di annegare in un braccio di mare di cui a volte non conosceva neanche le reali dimensioni. È un libro non retorico e nato sul campo, cioè in mezzo al Mediterraneo, Salvezza, frutto delle interviste ai membri della ONG che ha ospitato i due autori e ai migranti incontrati. Si parte con il peggior cazzotto nello stomaco possibile, gli stupri ripetuti dei campi di prigionia in cui queste persone diventano bestiame umano, in una transumanza di uomini. Perché prima di affrontare un problema, devi far capire quanto sia tale per chi lo vive, anche se ti volti dall'altra parte e fai finta di non esser figlio di un popolo che per generazioni ha tentato di trovare una vita migliore altrove.
Un problema complesso che non ha soluzioni semplici, men che meno un generico Aiutiamoli a casa loro da campagna elettorale, e che Salvezza ovviamente non prova a risolvere. Ma far capire a chi è interessato a saperne di più - o, meglio ancora, a chi è ostinatamente convinto che un respingimento e punto sia la soluzione migliore, se qualcuno gli mettesse questo libro sotto il naso - cosa pensa e vive quella gente, da una parte e dall'altra di quella mano tesa in copertina, questo sì. Altrimenti siamo tutti dei Delisle.

E questo è quanto. Non hai ancora letto il nuovo libro di Zerocalcare, la seconda parte di Macerie Prime, e nella tua edicola ancora non è arrivato il nuovo Linus di cui tutti parlano, tocca rimandare al prossimo Microletture. O in altra sede. Stai pensando, per esempio, di fare un riassuntone video veloce veloce (un paio di minuti massimo) di una pila di manga che hai accanto al comodino, alcuni dei quali molto interessanti. Vediamo se ci riesci.

Voialtre belve, intanto, cosa state leggendo/avete letto di bello negli ultimi tempi?


A TOKYO A SETTEMBRE CON L'ANTRO

Commenti

  1. appena vista la copertina di Ratboy la prima parole che mi è saltata in mente è stata "ellapuppa!",
    poi però mi sono ravveduto... sono 2, quindi "ellepuppe!"

    RispondiElimina
  2. Nella mia edicola Ratboy non è arrivato, mi sono vergognato a chiederlo la sera con l'anziano proprietario e il giorno dopo con la figlia (che potrebbe fare la copertina di un eventuale seguito, per dire)
    Oppure è arrivato, finito tra i playboy e venduto in un nano secondo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, in alcune edicole è finito "per errore/ignoranza" tra la roba zozza...
      Io l'ho preso in fumetteria e domenica me lo faccio autografare da Giorgia xD

      Elimina
    2. Nella mia edicola era in mezzo ai calendari di Patreppio il frate karateka e delle squadre di calcio.
      Don't ask.

      Elimina
    3. Buona domenica allora
      Penso che anche io lo prenderò in fumetteria
      Ma con la lista che ha fatto il Doc qui sopra sarebbe stato meglio evitare quel luogo di perdizione

      Elimina
    4. @ Andrea
      Esiste ancora la roba zozza in edicola? Ti giuro che io non la vedo più, sul serio. Pensavo che tipo "Iouporn" se la fosse portata via tutta...

      Elimina
    5. Io furbescamente l'ho preso su Amazon :D (assieme a Macerie Prime sei mesi dopo, che sto leggendo nel poco tempo che ho)

      Elimina
    6. Anche io sono andato dagli amazzonici :P

      Elimina
    7. Non li fanno più gli uomini soli di una volta...

      Elimina
    8. Sarà un caso che è tra i Bestsellers di Amazon?

      Elimina
  3. Io come sempre sono indietrissimo con le letture e molto spesso mi viene il blocco della noia, ossia le serie regolari che seguo ogni tanto mi vengono a noia e ho bisogno di cambiare genere, e quindi mi butto su qualche volume autoconclusivo, giusto per cambiare aria. Ho letto di recente Happy, in vista dell'uscita della serie tv su Netflix e ho preso il primo volume di Oblivion Song di De Felici e Kirkman e devo dire che mi garba parecchio, mi sento di consigliarlo.
    O poi scoperto da poco Witch Doctor e ne sono rimasto subito rapito sia per lo stile di disegno che per le storie pazzesche, praticamente un Dottor House del paranormale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La serie Happy te la consiglio, molto divertente. Ne ho scritto mesi fa per per Screenweek.

      Elimina
  4. Con Ratboy ho riso come non mai, un Leo veramente in forma! Ho molto apprezzato anche Kids with Guns, fra l'altro io lo so da dove deriva Capitan Artiglio, ma perché me l'ha detto lui di persona :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu quoquO, non mi ricordavi quella citazione videoludica? :)

      Elimina
    2. Eh no, non lo ricordavo :D Mea culpa mea maxima culpa! Dopo che me l'ha detto lui, l'ho cercato sulla rete, e credo di averci pure giocato, all'epoca!

      Elimina
  5. Esco e vado a cercare ratboy.. Spero sia arrivato nelle edicole della zona, ma ne dubito...

    RispondiElimina
  6. Letto ieri Rat-boy. Non so, Leo è sempre Leo ma non mi ha fatto ridere come al solito, mi sembrava tutto già visto (qualcuno ha detto Gessica Lovebol? Ah sì, Giorgia cosplay nell'intervista). A certi momenti sembrava una storia di Leo del 1998, ma con battute più volgari (madonna il cavallo morto!).
    Letto anche Macerie Prime sei mesi dopo (Macerie Seconde?). Bello, non vedo l'ora di sentire il Doc al riguardo.

    RispondiElimina
  7. Io sono ancora completamente infognato nella lettura delle "cose anni '90" rimediate nei vari mercatini per collezione e mai lette. Adesso è la volta di Spidre----volevo dire l'Uomo Ragno Star Comics, le storie quelle nere metropolitane, con il costume nero metropolitano che da la caccia ai criminali metropolitani con tanto di storie umane e realistiche.
    Nel belmezzo, per curiosità, mi sono concesso la nuova testata di Venom che, visto anche il ritorno del buon Eddie insaccato nel simbionte, era particolarmente a tema.
    Ho pensato molto ad acquistare Rat-boy, ma adesso sono talmente impegnato in altro (maledizione adesso la scimmia dei Gumpla chi me la leva...) che ho deciso di seguire meno fumetti per evitare accavallamenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gran belle storie, quelle dell'UR in nero. Come scritto più volte, sono molto affezionato a quel ciclo.

      Elimina
    2. Concordo, poi rileggerlo con i testi scritti a mano e con i vecchi redazionali di Lupoi che ti parlava delle "novità del periodo"... mamma qui c'è nostalgia, nostalgia canalissss™

      Elimina
  8. Ratboy comprato oggi all'edicola di fiducia (di fronte al Tribunale��). Era, giustamente, fra i fumetti. Preso, pagato, messo in borsa. Qual è il mio segreto? Sono una donna ��. Cambiando discorso, sto finendo di leggere La mia cosa preferita sono i mostri, una roba bellissima che consiglio a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra molto interessante, grazie per la segnalazione.

      Elimina
  9. Oh, finalmente anche te hai letto Black Hammer, dovrai aspettare un bel po' per il prossimo volume nel nostro paese perché Lemire ha ripreso la storia proprio questo mese, prima si è dedicato ad altre narrazioni su alcuni personaggi di questo ispiratissimo universo.
    Sai però che ora come ora non ricordo la presa per i fondelli su Liefield, puoi scrivermela (sotto ROVINATORE ovviamente)?
    Detto questo STEEL BALL RUN È ARRIVATO CON LA NUOVA EDIZIONE, STRONZI! COMPRATELO!

    Scusate lo sfogo, per il resto ho appena letto il nuovo inizio di X-O Manowar, per il momento promette bene, la contrapposizione Aric-Armatura funziona sempre benissimo, ma Kindt quante serie deve seguire in casa Valiant? È ovunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SBR lo stavo leggendo giusto ieri.
      La presa per i fondelli sta in una cover in stile Liefeld, disegnata dallo stesso Lemire...
      Oltre che in un certo sviluppo legato all'interno a quella scena.

      Elimina
  10. Judge Dredd di Garth Ennis della Cosmo e Fables Deluxe vol 7 con in canna il Vol.8 . In attesa Tex "Giustizia a Corpus Christi" e Saga deluxe di Vaughan

    RispondiElimina
  11. Ratboy è lì che mi guarda da due giorni all'edicola fuori dal lavoro, ma l'imbarazzo di comprarlo non è per Giorgia Cosplay ma per il dover spiegare a mia moglie la spesa di 9,90€ per un fumetto.

    Comunque di recente ho letto "Kraken" di Emiliano Pagani e Bruno Cannucciari e ci tenevo a consigliarlo a chiunque: la storia è bella, ma il vero punto di forza sono i disegni! Leggendolo non potevo fare a meno di percepire il movimento dei capelli mossi dal vento, lo sciabordio delle onde e il verso dei gabbiani in lontananza!

    RispondiElimina
  12. Non vedo il mio precedente commento. Deve essere rimasto nel filtro anti spam a causa del mio essere contraria all'uso di tet*e pro-vendite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nei filtri non c'è e non mi è arrivata nessuna notifica. Sicura di averlo inviato?

      Elimina
    2. Ci riprovo... Ieri ti avevo già risposto e sono stata attenta a cliccare su "pubblica".
      Ho controllato (da pc) che il commento ci fosse e c'era. Alla sera, da mobile, non c'era più. E nemmeno adesso che ho ricontrollato da pc. Un Antro magico...

      Elimina
  13. "Black Hammer" è bellerrimo...nostalgico e feroce al tempo stesso, Jeff Lemire è uno gajardo.
    Straconsigliato anche da queste frequenze.

    RispondiElimina
  14. Ratboy non l'ho letto ancora, piacuti un sacco sia Kids with gun che The Hammer, Macerie Prime sei mesi dopo letto ieri mentre aspettavo il disegnino di Calcare (ma alle 2 am ce l'ho fatta)... Ah il 21 C'è Jeff Lemire a Milano per presentare il primo Spin off di Black Hammer (Sherlock Frankenstein)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avessi una vita normale ci sarei andato anche a farmi fare un disegnetto.

      Elimina
  15. Altra cosa, il quarto volume di Lazarus lo sto aspettando da 6 mesi, ma sto cominciando ad avere timore che la vogliano cestinare come serie, c'è da dire che con Panini i ritardi succedono fin troppo spesso e volentieri, molto lunghi pure, chi sta leggendo East of the West purtroppo lo sa

    RispondiElimina
  16. Kids with two guns è sul comodino in attesa di essere letto(preso quasi a scatola chiusa)...pero' segnalo un volume che mi ha conquistato ovvero The Godamned: un fumetto sporco e cattivo ambientato nella preistoria (che pero' sembra un po' il mondo di Mad max ma senza auto)...Aaron è bravo ad amalgamare azione, bibbia, sangue, violenza e avventura complici gli stupendi disegni di Guera...dategli un'occhiata.
    in piu' ho finito Secret Empire: non male ,nella tradizione di questi eventoni annuali a cui la Marvel ci ha abituati (partita bene, un po' cosi' cosi' nel mezzo e recupera abbastanzanel finale)..ora vedremo cosa porta questo Legacy.
    Per i manga segnalo "our little sister -diari di kamakura": a parte è ambientato in un bellissimo posto (ci ho lasciato il cuore) ma è soprattutto un fumetto ben scritto, delicato, divertente e amaro al tempo stesso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Our Little Sister si è parlato un annetto fa, qui.

      Elimina
  17. La smetto di spammare, promesso.

    La copertina di Rat Boy di incanta sia per gli occhi sia per ... ci siamo capiti. Tolta la bava dalla l'ho solo sfogliato, quando ho un attimo mi metto a leggerlo. Detto questo ultimamente ho letto pochissimissimo se non i primi due 2 numero di Joe Doe della Bao e poco altro. Oggi mi sono preso Creepy Pasta e vediamo com'è.
    Dimenticavo che sto leggendo 4 Hood e non mi dispiace.

    RispondiElimina
  18. Mi mancava Microletture! Non sapevo dell'uscita di Ratboy, dovrò comprarlo in qualche modo...e ciao bei propositi sul riparmio! Anche Motor Girl sembra molto interessante.
    Venendo alle cose da me lette in sto periodo...
    Un po' di fumetti brevi e gratuiti dal sito retinacomics, ossia Sono Mario? (di Maicol&Mirco) e due brevi opere di Ratigher (Le incredibili avventure di Tuta Teschio e altri storie a caso; Sbadiglio nero). Il primo dei tre ha un'introduzione che lo fa sembrare chissà cosa, ma io sinceramente non ci ho letto così tanto dentro (sarà anche perché mi mancano i riferimenti culturali), comunque divertente. Venendo a Ratigher, con me vince facile: amo i suoi dialoghi. Sbadiglio un po' più interessante di Tuta, ma nelle "storie" a caso mi è piaciuta molto la "trilogia" (tre tavole...) del cobra di marmo.
    Restando in Italia, apprezzato Pulp Stories che era stato consigliato qui anni addietro: va un po' troppo di palo in frasca forse, ma ha un bel bianco e nero e la storia comunque prende. Julia #233 col ritorno di Myrna (anche se è la prima volta che mi imbatto nel personaggio) mi è piaciuto... Myrna non convince del tutto come antagonista ma l'aspetto che preferisco di questa serie sono tutti i piccoli spaccati di vita dei vari personaggi minori che la protagonista incontra. Sprayliz #3-4 purtroppo serie un po' in calo, dal punto di vista grafico: questa gabbia molto più rigida mi ha stufato in fretta, fortuna che il volume 5 -che vado a leggermi fino il post- è impostato diversamente; sempre una lettura fresca e interessante. Dragonero #51 (niente male, peccato sempre per le 98 pagine bonelli), e soprattutto lo Speciale #4, una delle migliori storie della serie da un bel pezzo a questa parte; la parte del rapimento stupenda imho.
    Per i manga (molti) aspetto il video, così sto in tema e soprattutto non scrivo troppo qui...
    Due parole sui libri: finiti gli otto volumetti della saga di Deltora, anche l'ultimo è stato bello nella sua semplicità. Letto poi un breve PDF del collettivo di debunking storico Nicoletta Bourbaki, disponibile su Giap, dal titolo "Questo chi lo dice? E perché?". Una sessantina di pagine un po' troppo autoreferenziali nella scelta degli esempi, ma comunque interessanti e istruttive. Certo non sono chissà che scoperte, ma vale comunque la pena darci una lettura credo. Bella l'idea di inserire anche esercizi didattici per insegnanti ed educatori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo pubblicato lo stesso testo da Firefox, tanto per vedere se col nuovo design del blog sarebbe andato, ma mi sa che è stato triturato dai filtri antispam perché anonimo (non so bene come mai ma lì non mi prende l'account google, da sempre). Chiedo venia

      Elimina
  19. Ecco il mio primo commento con il nuovo corso!
    E come sempre...libri, libri e ancora libri.
    Letto PICCOLO DIO di Winston Graham. Storia drammatica di una donna contesa tra un riccone e un pugile proveniente dai bassifondi. Romanzo vecchio ma appassionante. Mi ha ricordato molto Ashita no Joe.
    Poi ho appena finito BASTARDI IN SALSA ROSSA di Lansdale.
    Una nuova indagine per la coppia di detective Hap e Leonard. Divertente, sboccato ed eccessivo come sempre. Si legge tutto d'un fiato.
    Adesso sto leggendo FOXCRAFT - L' ARTE SEGRETA DELLE VOLPI, di Inbali Iserles.
    Mi ha incuriosito, e gli ho dato un'occhiata. Credo si rivolga piu' agli adolescenti, ma...mi sta piacendo molto.

    RispondiElimina
  20. E due!
    Ormai ci ho preso gusto...
    Giusto per precisare...STEEL BALL RUN e' quello di Araki, giusto?
    Mah...sinceramente non so.
    Io ed il buon Hirohiko abbiamo litigato di brutto proprio da li'.
    E dire che JOJO era il mio manga preferito in assoluto...
    Ma ho smesso di leggerlo proprio da li'. Mi aveva stufato.
    Amavo molto l'ambientazione western, eppure...ha finito per rompermi e l'ho mollato. Ho ancora la prima versione piantata li' a meta'.
    Vedremo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhhh, miscredente infame!
      Pentiti!!!1111!!1!1!1!1!!

      Ma ci sta tutto sommato, JOJO è una serie antologica, quindi è normale preferire una parte ad un'altra. Pensa che la mia preferita, ciò che ritengo il capolavoro dei capolavori, il non plus ultra ecc...Insomma, la mia parte preferita è Vento Aureo!

      Elimina
  21. Ok grazie per aver consigliato Black Hammer, ho trovato il nuovo fumetto da leggere aspettando le uscite settimanali Marvel e DC

    RispondiElimina
  22. Ho letto ieri sera Macerie prime parte 2 e niente, non riuscivo a smettere, infatti l'ho finito tutto in una volta.
    E che dire... è una foto della nostra generazione perfetta, fatta dal dentro con una macchina fotografica speciale.
    Tornando alle recensioni del Doc, Rat-Boy mi tenta... ma non so se riesca a non venir equivocato a casa, prima ancora che in edicola, tra moglie e bimbi grandicelli...

    RispondiElimina
  23. Dopo aver terminato di (ri)leggere la saga di Pikappa (e dopo tre storielle di Ammaniti in cui muore chiunque, sua sorella, e pure i cugini di terzo grado), ora sto leggendo Maus (impresa poco comoda, essendo un mattone che cade a pezzi), che sto tentando di farmi una qualche cultura fumettistica.

    RispondiElimina
  24. Certo che Giorgia Cosplay è proprio gnoc... Ops, volevo dire che uno rischia di diventare cieco! In ogni caso mi vergogno troppo a comprare una rivista platinata con una sventola in copertina. Poi, come ha scritto qualche altro marito, mi vergogno anche con la moglie per giustificare la spesa richiesta. Aspetto che arrivi in biblioteca!

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.