martedì 19 aprile 2016

58

Soldier (1998)

Diretto da Paul W.S. Anderson (anche se all'epoca si faceva chiamare Paul Anderson e basta) subito dopo Punto di non ritorno/Event Horizon, Soldier fu nel 1998 un flop discretamente disastroso al botteghino, capace di incassare solo 14 milioni di dollari a fronte dei 60 spesi per realizzarlo. In compenso, il film era... no, niente, abbastanza mimmo, prevedibile e superderivativo. Tuttavia, un posto nella rassegna di SuperFantaScienzo se lo meritava tutto, perché in giorni in cui si parla molto del famigerato Blade Runner 2 con Harrison Ford, Robin Wright, l'ex wrestler Batista e Ryan Gosling (in arrivo a gennaio 2018), è importante ricordare che un seguito di Blade Runner esiste già. O meglio, uno "spin-off sidesequel" ambientato nello stesso universo, in cui, tanto per iniziare, ti spiegano una volta per tutte che diavolo siano i bastioni di Orione e le porte di Tannhäuser...  [...]
Se il film vede la luce solo nel '98, il progetto era in ballo da almeno quindici anni. Il suo autore, David Webb Peoples, aveva scritto pochi anni prima il copione di Blade Runner insieme a Hampton Fancher, e nel buttar giù quello di Soldier ci ha infilato alcuni collegamenti al mondo di Rick Deckard. La storia parla di alcuni bambini nati nel '96 e cresciuti con una feroce educazione spartano-militare, premiando e selezionando i più forti, uccidendo a sangue freddo i più deboli ed esponendo i sopravvissuti a massicce dosi di violenza. Un soldato vive solo per uccidere, la guerra ci è amica, i codardi puzzano, e fuori dal letto nessuna pietà.
A diciassette anni, ai ragazzi - ormai macchine incapaci di provare emozioni - hanno tatuato un nome e un numero in faccia e li hanno spediti a combattere guerre in tutti i sistemi conosciuti per oltre due decenni. Kurt Russell è il Sergente Todd 3465 e per tutto il film c'ha questa faccia qui:
Sempre. Che tipo dev'esser stato il film più facile che Russell abbia mai girato. Gli hanno dato 20 milioni di dollari (6 in più di quanti il film ne abbia incassati) per recitare solo 104 parole, e nel 90% dei casi si tratta di un "Yes, sir". La prima battuta diversa arriva dopo mezz'ora di pellicola... ed è un "No, sir". Giuri. Ma comunque: Todd 3465 combatte la sua brava dose di guerre stellari con la sua faccia di sale,
e nella sua scheda che appare sullo schermo per qualche secondo leggiamo che tra queste battaglie ci sono, appunto, quelle di "Tannhäuser Gate" e "Shoulder of Orion". Il monologo di Roy Batty in Blade Runner, il celeberrimo Ho visto cose che voi umani #ciaone eccetera eccetera improvvisato in parte da Hauer, recitava: "attack ships on fire off the shoulder of Orion. I watched c-beams glitter in the dark near the Tannhäuser Gates". In italiano è diventata "navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser", ché i raggi C eran diventati B dopo aver vinto i play-off. I bastioni di Orione e le porte di Tannhäuser sono quindi luoghi in cui si sono consumate delle battaglie, e visto che il replicante Roy Batty aveva un passato da soldato nei corpi speciali extramondo, tutto torna. Non si tratta però dell'unico riferimento a Blade Runner. 
Poco dopo, quando Todd 3465 arriva sul pianeta discarica, in mezzo ai rottami si intravede uno Spinner,
un'auto della polizia di Blade Runner. Anche come anni siamo grosso modo lì: il capolavorò di Ridley Scott si svolge nella Los Angeles del 2019 (fa un certo effetto leggerlo ora, eh?), Soldier nel 2036.
Se, quindi, per il suo sceneggiatore il film è ambientato nell'universo di Blade Runner, non mancano comunque strizzate d'occhio a molti altri film... e videogiochi. Nella summenzionata scheda del sergente, prestando un po' d'attenzione si legge sulla sinistra, sotto "Ordnance Levels", che Todd è abilitato all'uso di "USMC Smartgun" (cioè la Smartgun degli United States Colonial Marine Corps, i Marine di Aliens - Scontro Finale) e DOOM MKIV BFG (ovvero la BFG di Doom e Quake). 
Subito sotto, nel riquadro "Service Record", vengono elencati una serie di riconoscimenti sul campo che citano scherzosamente tutta una serie di personaggi interpretati da Kurt Russell in carriera:
"Plissken Patch" (1997: fuga da New York), "O'Neil Ring Award" (Stargate), "Cash Medal of Honor" (Tango & Cash), "Maccready Cross" (La cosa) e perfino "Dexter Riley Award" (Dexter Riley è il protagonista della trilogia Disney Il computer con le scarpe da tennis, Spruzza, sparisci e spara e L'uomo più forte del mondo). Tra le guerre di Todd vengono elencate anche "Nibian Moons Campaign", "Antares Maelstrom War" e "War Of Perdition's Flames", tutte e tre in omaggio a Star Trek II - L'ira di Khan. Perché allora, ci si potrebbe chiedere, in questo mare di citazioni quelle di Blade Runner sono più importanti? Lo vedremo tra un attimo. Torniamo alla storia.
La classe di soldati di Todd, ormai quarantenni, reduci da guerre in ogni buco di coolo cosmico, e guidati da Gary Busey, riceve uno scherzone gerarchico.
Il malvagio colonnello con baffetto Mekum (un Jason Isaacs fresco da Punto di non ritorno) si presenta con una nuova squadra,
una banda di cosplayer ante-litteram del Riddick di Pitch Black, ottenuti tramite ingegneria genetica. All'improvviso, Todd e i suoi sono "obsoleti". Il sergente, distrutto, fa questa faccia qui:
Per dimostrare quanto quelli nuovi con la canotta tamarra siano una squadra fortissimi, Todd viene surclassato dall'energumeno lì accanto. Per quanto possa sembrare incredibile, l'energumeno è Jason Scott Lee, il Bruce Lee di Dragon e il Mowgli del film live action sul Libro della Giungla del '94, dopo essersi gonfiato come un canotto. Ma comunque. Todd e altri due commilitoni vengono uccisi dal tamarro. Il sergente muore, con questa faccia qui:
Solo che non è davvero morto-morto e si ripiglia. Il problema: è stato gettato insieme agli altri due cadaveri in una nave pattumiera, che per ragioni di praticità e ottimizzazione dei costi va a scaricarli in un altro sistema solare. Nella fattispecie, il pianeta-pattumiera Arcadia 234,
un luogo ostile in cui, tra cumuli di detriti, sopravvive una piccola comunità di umani naufragati lì molto tempo prima. Tanto è vero che quando Todd si riprende, dopo esser stato spettinato da una tempesta di sabbia, si trova davanti dei bambini:
"Minchia sono finito sul pianeta dei Cabbage Patch Kids!", si dice il Sergente.
Todd viene accolto da un'allegra famigliola composta da Mace (Sean Pertwee, anche lui in Punto di non ritorno di Anderson e oggi noto soprattutto come l'Alfred di Gotham), Sandra (la Connie Nielsen de Il Gladiatore) e dal piccolo Nathan.
Sono proprio i due coniugi a tornare sulla battaglia alle porte di Tannhäuser, leggendo il curriculum tatuato sul braccio di Todd: ed ecco che non si tratta più di un fugace easter-egg, ma di un elemento importante della storia. "Sidesequel spin-off" di Blade Runner, per usare le parole di David Webb Peoples, in tavola.
Todd è chiaramente attratto dalla bella Sandra, perché quando la guarda fa questa faccia qui:
Il soldato che non ha mai conosciuto nient'altro che guerra e morte scopre che esistono altre cose bellissime al mondo,
come le minne
 e il giardinaggio.
Ma soprattutto le minne. Todd salva uno degli uomini della comunità da un incontro ravvicinato con i rottami di una trebbiatrice. Emozionato per la cosa, fa questa faccia qui:
Poi quelli festeggiano il Natale e lui, felicissimo, fa questa faccia qui:
Poi sbrocca, perché affiorano i suoi tragici ricordi di guerra, e allora quelli lo cacciano. E lui fa questa faccia qui:
cioè uguale, però c'hanno aggiunto le lacrime, per far capire allo spettatore che era sempre davvero Kurt Russell, parola, e non un pupazzo piazzato lì al posto suo.
Per quelle cose della vita, che vanno prese un po' così, su quello stesso pianeta finisce PER CASO a fare esercitazioni militari la squadra di soldati di baffino. Qui il film di Anderson mostra un altro suo grande limite, espressività del suo protagonista, il sergente di ferro, ma più che altro di fermo, a parte. Se su 60 milioni di dollari di budget un terzo è andato a Russell per diventare campione intercontinentale del gioco del silenzio, è evidente che non sia rimasto molto per fare tutto il resto. Il che spiega la CGI pezzente pure per gli standard del '98, o tante altre cose poco riuscite, come il design totalmente anonimo delle astronavi.
 Carino il design dei mezzi corazzati con le ruotone giganti,
superanonimo quello dei soldati malvagi con le corazze del lidl. Ma comunque. Baffino, adda venì, ordina di uccidere qualsiasi umano presente sul pianeta, così, per sfizio. Todd s'incazza come una belva e fa questa faccia qui:
Il sergente affronta quelli che gli hanno ciulato il posto di lavoro,
utilizzando prima fini tattiche di guerriglia come una serie di missilate,
poi tramutandosi in un incrocio tra Rambo e Commando e facendoli fuori tutti, uno per uno (= uno), dopo essersi rigato il volto con il camo facciale nero alla John Matrix. Camo applicato su una faccia determinatissima così:
Ovviamente si consuma lo scontro finale contro Mowgli palestrato,
e altrettanto ovviamente questo si svolge sotto la pioggia. È tempo di morire per il villanzone (chiamato con grande originalità Caine 607), la cui vita si perde come lacrime nella pioggia e saliva in una piscina. Todd può quindi vendicarsi di Baffino, prender possesso dell'astronave insieme ai suoi ex compagni ammutinatisi per lui e fuggire con quanto resta della comunità di profughi spaziali. Il tutto perfettamente simboleggiato dal coacervo di emozioni che è questa faccia qui:
E insomma, con Sandra (rimasta vedova) forse ce n'è,
tanto che per far colpo, Todd s'accolla pure il rEgazzino. Tira più un bastione di Orione che il Grande Carro, recita un vecchio proverbio di Tannhäuser.
Abbastanza mimmo, prevedibile e superderivativo, dicevi all'inizio. Però la sua fratocuginanza con Blade Runner lo rende una pellicola da vedere almeno una volta (basta e avanza) per i tanti cultori del film più bello della storia dell'umanità. E se non per quello, fatelo almeno per gustarvi le grandi capacità attoriali messe in mostra dal buon Kurt in questo film. Se non lo fate, lui potrebbe rimanerci malissimo:

TUTTI I FILM DI SUPERFANTASCIENZO

58 commenti:

  1. Un film che non ho mai sentito nominare,e da quel che vedo l'ennesima occasione sprecata da Hollywood.
    Per un attimo ho pensato di vedere finalmente come sono fatti i Bastioni e le Porte stracitati da sempre ma come dice il Doc in terzo è andato in stipendio per il buon Kurt,quindi niente,va bene così,se mi capita un occhio lo butto.
    Invece tremo per il secondo Blade Runner...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che figata se a inizio pellicola, al posto di quelle scene di guerra di ridere, avessero piazzato una comparsata di Roy Batty, commilitone di Todd.

      Elimina
    2. Figata davvero,però si sarebbero fumati un'altra fetta di budget :-) poi i "soldiers" avrebbero dovuto andare in giro in bicicletta
      :-)

      Elimina
  2. Dal grande libro " Occasioni Sprecate " . Lo ricordo e pensai già all'epoca che avrebbe potuto essere un picclo gioiello ... ma come sempre con i se e con ma non si fà nulla

    RispondiElimina
  3. Mai visto, da recuperare. Doc tu dove lo hai recuperato, sei andato a pescare o nel cestone dei dvd figli di un dio minore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alba degli anni duemila, primi stipendi, tonnellate di DVD fantascienzi comprati da PlayUSA. In mezzo c'era anche questo (che non era neanche lontanamente il più brutto, diremo).

      Elimina
  4. Sono sempre felice quando l'Antro mi insegna le cose, per esempio non sapevo (ma proprio per niente) che esisteva questo film. Mai visto, mai sentito parlare e mai, e dico mai, saputo esistesse uno spin off di BR, se escludiamo "Arma non convenzionale" che in italia veniva spacciato su i vari TV magazine come sequel prima di Terminator poi di Blade Runner...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arma non convenzionale è il tipico film da serata action di Italia 1. Ha solo la particolarità che è il film che Verdone e la Buy vanno a vedere al cinema in "Maledetto il giorno che t'ho incontrato".

      Elimina
    2. Non ho mai collegato Arma non conv. A Blade R. O T.
      Non mi dispiace però

      Elimina
  5. Non l'ho mai visto, mi par di capire che si tratta di un filmetto bruttino che si salva solo in parte grazie alle magistrali doti interpretative del protagonista.

    RispondiElimina
  6. Mai visto né sentito, in italiano ha lo stesso titolo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi sopra: credo che non esista in italiano.

      Elimina
    2. Ormai è passato un anno+ dal post, ma io l'ho visto tempo fa sulla tv in chiaro, forse rai4, dopo la mezzanotte.

      Elimina
  7. Ah ecco perché lo ignoravo, non esiste in italiano! ;) peccato a volte le minnate si apprezzano eccome

    RispondiElimina
  8. Mi chiedo in quale realtà alternativa mi trovassi in quegli anni per non aver mai sentito parlare di questo film.

    RispondiElimina
  9. PS al DOC che non centra un bip ma piace tanto ai giovani: per l' angolo figu ti potrebbero interessare le scan dell' unico album che ho completato ovvero il primo sgorbions?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok! Mi metto subito all'opera, sono una trentina di pagine per cui non ci dovrei metter moltissimo! :P Che formato dei file preferisci? Tanti jpg singoli o hai preferenze? A che mail mando il tutto poi?

      Elimina
    2. ..ah dimenticavo, già che ci sono. Risoluzione?

      Elimina
  10. Doc ma il sito originale è ... è ... è ... bellerrimo!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ma manca la versione per cellulari! Insomma! :-P

      Elimina
  11. L' Antro ti impara sempre qualcosa di utilmente. Film manco sentito mai nominare, trama tutto sgommato a sentirla così non malaccio, per il resto che sia fatto bracciometricamente coi piedi mi fido.

    RispondiElimina
  12. neanche io avevo mai sentito parlare di questo film, devo assolutamente recuperarlo per aggiungerlo alla mia cultura fantascienza di serie Z--. Grazie DOC!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche detta detta fantascien-Z-a

      Elimina
    2. Che poi serie Z direi proprio no. Avevano un attore famoso, un regista (già) famoso e un budget da 60 milioni di petroldollari. Sono grosso modo la stessa cifra spesa un anno dopo per Matrix. È che ha floppato di brutto al box office e in alcuni paesi - compreso il nostro - non l'hanno mai distribuito.

      Elimina
    3. adesso io non ho visto il film , ma dalla qualità della CG si vede che il budget se lo saranno magnato in tartine , all' italiana

      Elimina
  13. Semisconosciuto film dell'Anderson pre-Resident Evil e AvP, me l'ero visto su consiglio di un amico maniaco di film della Troma (c'entra niente, ma per farvi capire il soggetto).
    Anch'io lo trovai ai tempi un filmetto, ma indubbiamente non pessimo quanto tanta altra robaccia di terz'ordine dei tempi.

    C'è da dire che questo film fa raggiungere a Kurt Russell l'olimpo degli action hero monoespressivi anni '80: in compagnia di Steven Segal, Christopher Lambert e Chuck Norris, ma solo perché voleva la tessera onoraria.
    Kurt nostro ha ridato prova di gigiosità estrema proprio l'anno scorso nei panni dell'agente speciale CIA in Fast & Furious 7.
    Attore espressivo in base a quanto si diverte sul set, e in F&F7 si dev'essere divertito parecchio ;)

    RispondiElimina
  14. Per chi fosse interessato c'è la versione in DVD per il mercato UK a meno di 4 euro, comprese le spese di spedizione: http://www.ebay.it/itm/Soldier-DVD-Kurt-Russell-Jason-Scott-Lee-Jason-Isaacs-Connie-Nielsen-Sean-P-/301813277239?hash=item4645792237:g:T6EAAOSwKrhVeeA2#shpCntId

    RispondiElimina
    Risposte
    1. conviene aspettare. Tra qualche mese ti pagano per smaltirli

      Elimina
  15. Mmmm... raccontato così non sembra bruttissimo,ma sfortunatamente Blade Runner di suo non mi è piaciuto granché,quindi passo alla prossima pellicola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Blade Runner o lo ami o lo odi secondo me,io appartengo alla categoria di quelli che lo amano,come mio papà,mi ha insegnato lui ad amare certi capolavori

      Elimina
  16. Doc, mentre leggevo il tuo articolo, mi strizzavo la memoria trivellandola per ricavarne ricordi del trailer, o almeno della locandina. Poi nei commenti leggo che in Italia non è mai uscito. Grazie al ceppo che non me lo ricordavo!!! Mi sarebbe comunque piaciuto vederlo. Cia'

    RispondiElimina
  17. comunque l'inespessività del buon Kurt si spiega (come specificato nel Final cut del film) perchè in realtà era un replicante riuscito male

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel film in realtà è spiegato sin dall'inizio. Lui e gli altri membri della sua squadra sono stati cresciuti formattandone le emozioni. C'è una scena della sua formazione in cui il Todd ragazzino (interpretato dal figlio di Russell) pesta a sangue un compagno: continua a colpirlo fino a quando quello perde i sensi, poi se ne torna al banco a finire il suo puzzle.

      Elimina
    2. beh, ma se guardi il post-final cut (nella scena del pupazzino di pongo) si capisce benissimo che sono ricordi chiaramente impiantati!;-)

      Elimina
    3. In linea generale, sono della scuola di pensiero "Vale quello che arriva al cinema", perché di scene tagliate ne esistono di ogni tipo, spesso contrastanti con quanto poi effettivamente un film ti racconta. Nel primo Alien, a tener buone le scene tagliate, viene sovvertito il ciclo di generazione degli xenomorfi, per dire.
      Fa eccezione Blade Runner? Sì, perché lì c'hanno attaccato un finale posticcio i produttori, anche se a me piace nel complesso più la versione originale della director's cut. In questo caso specifico? Boh, il film è già di suo una roba di secondo piano, mi fermo alla versione liscia, non ho interesse per le scene tagliate. Sono in pochi a conoscere la pellicola, in pochissimi - immagino - a interessarsi alla sua versione final cut. Poi oh, ognuno :D

      Aggiungo - ma questo ovviamente non c'entra con Soldier - che sempre più spesso questa cosa di una cut del regista postuma per l'home video viene usata per giustificare film e situazioni pezzenti. "Quella scena fa schifo, non ha senso", "Eeeeeehhh, ma in una scena tagliata del BR ci spiegheranno tutto, perché l'hanno tagliata e questo e quello". Bene, regista genio, la prossima volta prova a stare sotto le due ore e mezza ;)

      Elimina
    4. Lo so, e non ho citato BR a caso.
      I produttori, ormai lo sappiamo, mettono becco nel 99% dei casi. E i cambi in corsa di rating sono molto frequenti. La bravura di un regista sta anche nel fare un grande film aggirando paranoie e veti di chi caccia i soldi. Non serve sottolineare come, se sei in gamba, puoi fare un film d'azione pazzesco anche in PG13 (Winter Soldier), mentre se sei uno scarpone puoi accusare il rating proguaglionico di averti rovinato un film che altrimenti, signora mia, non ti dico (un The Wolverine qualsiasi).

      Grosso modo tutti i capolavori del cinema hanno subìto influenze dei produttori. Parliamo di milioni di dollari in ballo, è fisiologico. Però ne son venuti fuori dei capolavori lo stesso.

      Daredevil è e resterà per il mondo il filmetto che tutti hanno visto al cinema o il film incompreso della Director's Cut? A me son piaciuti talmente poco i personaggi e l'atmosfera (poco = 0), che, confesso, pure tutte le sottotrame e le aggiunte di quei 19 minuti in più non mi hanno mai spinto a ripescarlo in DVD. E figurati che anni fa me lo regalarono, ce l'ho ancora a casa incellophanato. Ti credo sulla parola, sia chiaro, ma voglia di rivederlo? Zero.

      Perché il problema grosso, e torniamo a Soldier, è che se quello che arriva al cinema non va, solo una frazione del tuo pubblico sarà interessato a scoprire il What If del Come sarebbe stato senza produttori impiccioni.

      Elimina
    5. comunque si scherzava, fino a oggi non sapevo neanche dell'esistenza di Soldier, figuriamoci di sue versioni alternative.
      Semplicemente, data l'ambientazione ambiziosa contrapposta ai magri risultati, mi divertiva fare un parallelismo con BR

      Elimina
    6. Ah. E io che volevo indietro i soldi da Play USA di sedici anni fa perché nel mio DVD le scene tagliate non ci sono :D

      Elimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Gary Busey!! Non riesco mai a ricordarmi che il suo nome non è Nick Nolte... :D

    RispondiElimina
  20. Domandona Nerd: ma spiegano perché se nel 2019 erano già operativi i soldati replicanti, usavano umani addestrati col lavaggio del cervello? E i soldiers OGM del 2036 cosa sono, replicanti 2.0?

    RispondiElimina
  21. Comunque sia devo troppo vederlo questo film.

    RispondiElimina
  22. Dovevo vederlo, ma poi mi hanno detto che era fantascienza mimma e quindi non ci ho più pensato.

    Sono andato a vedere chi è lo sceneggiatore e salta fuori che è David Peoples, quello che ha scritto la sceneggiatura definitiva per Blade Runner.
    Dello stesso sceneggiatore ci sarebbe anche un altro film di fantascienza scemo "The Blood of Heroes", anche questo da vedere ma mai guardato, con Rutger Hauer.

    RispondiElimina
  23. Doc ma non ricordo : hai mai parlato di starship trooper? Se no, ci butteresti su due righe? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspe'... aspetta un attimo che lo faccio... Fatto!
      http://docmanhattan.blogspot.it/2015/08/starship-troopers-fanteria-dello-spazio-recensione.html
      :D

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  24. Nei primi anni del 2000 lessi da qualche parte di questo film e ne parlavano tra l'altro come di un piccolo cult, così me lo recuperai dagli USA. Infatti confermo che non è mai stato distribuito in italia e di conseguenza in lingua italica non esiste.

    RispondiElimina
  25. Ciao doc., scusa l'ot. Ma de "il mio nemico" (enemy mine, 198X) se ne vuole parlare in questa rubrica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne ha parlato qui: http://docmanhattan.blogspot.it/2013/07/film-di-fantascienza-anni-80-sottovalutati.html
      (nb in cima alla pagina c'è uno spazio per digitare le ricerche)

      Elimina
  26. Mai sentito nominare questo film!
    Russell come Eastwood! Due espressioni in croce...anzi una! Meglio di Eastwood.
    Lo recupererò di sicuro 'sto film.

    RispondiElimina
  27. Grazie! Strano però, nel 2013 ero già sull'antro da un pezzo...

    RispondiElimina
  28. pensavo di averlo visto soltanto io sto film, giuravo che Soldier esisteva, lo avevano fatto, c'era kurt russel, proprio lui. era il semiofficial prequel di blade runner, niente..... nessuno mi ha mai creduto.
    Minimo 3 geishe.

    RispondiElimina
  29. Quando vedo le minne... Faccio questa faccia qui :-)

    RispondiElimina
  30. Aggiungo un dettaglio: negli screenshots, le colonnine verticali sulla sinistra sono etichettate "Genom" e "NEXUS".
    Noi di Voyager, eccetera...

    RispondiElimina
  31. Soldier è uno dei film che ha ispirato Halo, i riferimenti sono tanti.
    Paradossalmente quando saltava fuori il nome di Anderson per un film su quel videogioco, i fan iniziavano a sclerare.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails