venerdì 10 gennaio 2014

108

La bibita perduta (Junk Foood Junkie - 4)

Perché oggi quel vizioso del Dottor Destino non ci porta a conoscere mandorle pucciate nel wasabi, popcorni ninodangeli pucciati nella cioccolata o inquietanti, perigliosi beveroni di latte cioccolatoso. C'è che l'altro giorno, al supermercato, ti sei imbattuto in una bibita che credevi estinta tipo dal 1992. E invece ancora esiste. In piccolissime sacche di resistenza, dice. Incredìbbole dictu, factu, ma soprattutto biptu [...]
One o One Sanpellegrino
Esatto, la One-o-One della Sanpellegrino. E no, non è una lattina rimasta lì da ventitre anni per sbaglio. Ve la ricordate la One-o-One? Cento bollicine e una stella? La pubblicità col rEgazzino che tornava a casa palleggiando con la lattina, come un tossico sotto speed? Quella sul tubo non l'hai trovata, ma in compenso c'erano queste due spremute di tardi anni 80 qui. Una:

e una due:

Lanciata nel 1987 con un grande battage pubblicitario
(qui, assieme ad altre bibite Sampellegrino estinte, in un concorsone con Super Mario e il Game Boy, ci raccontava questo appuntamento delle pubblicità fuorvianti di Topolino), la One-o-One scomparve qualche anno dopo, presa a pizze in faccia troppo forti dalla Coca Cola. La striminzita pagina della One-o-One su Wikipidia recita quanto segue:
Occhio alla parte che hai evidenziato. In pratica, la One-o-One la producono ancora, ma solo per farla trovare a te casualmente un sabato pomeriggio nel Carrefour subito fuori Cosenza nel quale vai a far la spesa, tipo. Fine del momento mariomerolo, passiamo ai fatti. Che sapore ha questa bibita venuta dal passato che la infilavano negli episodi de I ragazzi della 3a C
Mah. Un incrocio dolciastro tra un chinotto e una Pepsi. Te la ricordavi completamente diversa, ma vai a capire se hanno pastrugnato con la formula o se sono i tuoi gusti ad esser cambiati in tutto questo tempo. Può essere.

108 commenti:

  1. Qua da noi (Trieste) in effetti non la vedo da 30 anni tipo O.o che strano!Cmq mi ricordo della megapubblicità quand'ero piccola.... Qualcuno si ricorda il Quench fragola-limone?ne ho bevuti a galloni da piccola,ma quando ne parlo nessuno li ricorda mai;forse i miei li compravano in (quella volta)Yugoslavia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginny Hermione10 gennaio 2014 14:47

      Si, ricordo il Quench, una specie di medicinale antitosse travestito da bibita. Aveva come testimonial Romina Power in una pagina vista spesso anche sul Topo (doc, spero che tu la ritrovi e la includa nelle pubblicità fuorvianti) ;)

      Elimina
    2. ah il mitico Quench! In pratica la Burn prima che inventassero quella specie di sciroppone per contrastare la Redbull...credevo di conoscerla solo io

      Elimina
  2. Questa proprio nn me l'aspettavo. La logica dietro certe strategie retail mi coglie di sorpresotomayor.

    RispondiElimina
  3. Per un attimo ho pensato(...anzi ho sperato) stessi parlando del Billy :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato (e sperato) la stessa identica cosa XD

      Elimina
  4. A proposito dei ragazzi della terza C, proprio ieri (o ieri l'altro) c'era su repubblica.it (o corriere.it) uno di quei tristi articoli "che fine hanno fatto..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E a proposito di ragazzi della terza C, per chi guarda il programma di Bonolis... http://www.youtube.com/watch?v=HjB8lanPEj8

      Elimina
    2. Ginny Hermione10 gennaio 2014 14:51

      Corriere, e pure con un errore: nell' articolo si afferma che l'attrice Rossella Schnell interpretava il personaggio di Claudia Vegliante, mentre in realtà RS era il personaggio e CV l'attrice.

      Elimina
  5. Avevo sentito dire che la 101 era ancora in commercio, ma non ne avevo mai visto le prove. Fa piacere vedere confermare una voce bizzarra, ogni tanto.
    Per il sapore, la cosa e' strana. Io la ricordavo semplicemente come una delle tante imitazioni della Coca Cola, ma forse e' proprio cambiata.

    Gia', "I Ragazzi della 3a C" nella seconda stagione era tappezzato di questa bibita, come al ballo della scuola dove sul banco delle bibite c'era solo questa da bere, nemmeno una fanta o una gazzosa!

    Ah, negli ultimi giorni si e' riparlato del telefilm per la morte dell'attore Antonio Allocca, alias "Sacchi... tre!".

    RispondiElimina
  6. oddio me ne ero dimenticato!! ho un vago ricordo di quando ero piccolino della uanouan

    RispondiElimina
  7. Del Billy avevo la cintura tamarrissima porta Billy. Immagino, visto la colorazione della bevanda, che non abbia superato i controlli di tossicità e l'abbiano tolto dal,commercio :)

    RispondiElimina
  8. Qui ricordo una bellissima dissertazione del mio professore di strategia all'università. Ci raccontò che Sanpellegrino fece molteplici test al buio prima di lanciare il prodotto verificando che la One-o-One piaceva molto di più della Cocacola. La bibita, spinta da un'ampia compagna pubblicitaria, non decollò perché vi fu' la risposta aggressiva di Cocacola ma soprattutto perché la gente ama l'abitudine.
    La storia dei prodotti a largo consumo come la Cocacola (ed anche la Nutella) è costellata di prodotti concorrenti oggettivamente più buoni che non sono decollati perché la gente ad un certo prodotto associa un gusto specifico, cambi il gusto (anche migliorandolo) ma la gente vuole il gusto vecchio perché è abituato in un certo modo.
    La stessa Cocacola tento di svecchiare il gusto della coca ma dopo una feroce levata di scudi torno sui suoi passi benché i test al buio facessero pensare che il nuovo gusto fosse più buono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante la storia dei test al buio. È il triste, infame destino toccato in Italia alla Dottorpéppaaa.

      Elimina
    2. Ho letto un libro una volta sulla storia della New Coke. Una tragedia di proporzioni pazzesche che poco ci manca affossava l'azienda.

      Il mercato è una bestia strana... urla e strepita per le novità pur volendo, in cuor suo, che le cose non cambino mai e ci siano sempre le stesse cose sugli scaffali.

      Come disse una volta l'immortale Vetinari: “Be careful. People like to be told what they already know. Remember that. They get uncomfortable when you tell them new things. New things…well, new things aren’t what they expect. They like to know that, say, a dog will bite a man. That is what dogs do. They don’t want to know that a man bites a dog, because the world is not supposed to happen like that. In short, what people think they want is news, but what they really crave is olds.”

      Cheers

      Elimina
    3. Alla Dottorpéppaaa preferisco al Root Beer che fa tanto Monkey Island. Comunque per apprezzare bibite di quel tipo ci vuole il gusto dell'orrido che modestamente ho.

      @Andhaka
      La storia della New Coke è bellissima ma cercati la storia delle patatine di Burger King che fanno croc anche alla quarta masticazione.

      Elimina
    4. Link della seconda please che non riesco a trovarla :)

      Elimina
    5. Onestamente l'ho letta o sentita in un programma di approfondimento economico e visto che si fa fatica a trovare informazioni su internet lo racconto io. La storia è questa:

      La Burger King decice che le sue patatite fritte dovessero essere le migliori al mondo, sia sotto l'aspetto del gusto sia sotto l'aspetto della consistenza. Riunirono un nutrito di team di esperti per studia una patatina fritta che alla 4° masticazione facesse ancora croc sotto i denti. Il team si compose di vari gruppi di ricerca che incominciarono a studiare come riuscire a realizzare questa maledetta patatina e dopo vari tentativi e mesi di ricerca si arrivò a concepire una patatina che prima venica cotta, poi impanata nella farina di patate e poi fritta di nuovo.
      Alla fine quella della Burger King si accorsero che la patatina rispondeva alla spacifiche ma avevano buttato così tanti soldi nel cesso per fare una patatina di cui nessuno aveva mai sentito il bisogno. Questo è classificato come il primo caso studiato di sovra engineering dove la montagna ha partorito un topolino, molto croccante. Come sprecare soldi per studiare qualcosa veramente futile ed inutile.

      PS: provate le patatine di Burger King e scoprirete che effetivamente fanno croc almeno 4 volte, poi quanto siano sane è tutto un'altra storia.

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe fare una puntata speciale di Junk Food Junkie tutta dedicata alle inquietanti gazzose al caffè che vendono quaggiù. Ma non bevo caffè...

      Elimina
    2. Doc qualche anno fa stavo a Reggio Calabria, ho avuto la sfortuna di incrociare le labbra con una di quelle cose al caffè gasate....

      E' stata una delle cose più inquietanti della mia vita....
      Piuttosto giù in calabria avevo trovato la Pepperade, simil Redbull aromatizzata al peperoncino

      Elimina
    3. Io me le faccio spedire da amici per mia moglie perchè qui al Nord non le riusciamo a trovare. :D

      Il caffè frizzante fu una di quelle cose che mi presero proprio alla sprovvista. :D

      Cheers

      Elimina
    4. Ops, scusa Doc ma mentre rispondevi eliminavo il commento per correggere gli errori di battitura, lo riporto di seguito:

      "Se mi trovassi in un supermercato in Calabrifornia, Doc, punterei dritto alla ricerca della Brasilena che per noi gaijin è realmente un sapore perduto. Al contrario, non ho mai pensato avessero tolto la 1o1 dalla circolazione; penso giochi un ruolo importante il fatto che non beva la cola usualmente e ripieghi più spesso sul Chinò, cosa che mi fa mantenere i prodotti San Pellegrino entro il radar."

      Rispondendo al tuo commento, invece: da buon salentino il mio corpo è composto al 67% da caffè ma sono a favore della biodiversità, a me per esempio la Dottorpéppaaa non è mai piaciuta. Aveva a mio avviso il sapore di uno di quei bizzarri esperimenti che con gli amici si facevano alle feste delle elementari, quando ognuno si improvvisava piccolo chimico mischiando tra loro le bibite (E lo sciroppo di menta E/O il latte di mandorla). Ma meno intenso.

      La Brasilena, di contro, l'ho scoperta alla fonte in uno dei miei soggiorni estivi nella ridente Girifalco e porta con sé il vigore della giovinezza e il sapore delle fregole adolescenziali. Mica cotiche.

      Elimina
    5. Penso che "ridente" e "Girifalco" formino assieme un ossimoro meraviglioso :)

      Elimina
    6. La meglio gioventù Girifalchese (tutti e 4) ti avrebbe stupito Doc, poi ci s'aveva la casa della zia di un amico a Soverato a disposizione fino alla fine di Luglio e la sala prove nella zona di Squillace che affacciava sul ponte "del diavolo". Roba grossa bro', roba grossa.

      Elimina
    7. I parenti calabresi del mio ex fidanzato, com'è come non è, riuscivano sempre a tirare fuori da non si sa dove (smagliatura interdimensionale)? interi pallet di gazzosa al caffè e regalarcela. E non c'era verso di rifiutare, che si sa che al sud si offendono. Se sento dire "gazzosa al caffè" ancora adesso mi butto per terra e rotolo sotto la macchina più vicina.

      Elimina
    8. Dalle mie parti in prealpia vendono la gazzosa al caffé, si trova in un negozio che vende specialità calabresi

      Elimina
    9. Non l'ho mai provata e non credo che ci riuscirò mai, visto che per me il caffè dev'essere rigorosamente amaro, ma se devo immaginare la gazzosa al caffè mi immagino una specie di Guinness dolce analcolica.

      Elimina
  10. Che poi un tempo non era neanche Carrefour ma Gransole... :D

    RispondiElimina
  11. Doc ma le bibite Virgin le hai mai incrociate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho provato anni fa, in Angleterra, un loro energy drink terrìbbole.

      Elimina
    2. Ginny Hermione10 gennaio 2014 14:57

      Ho un vago ricordo anche delle bibite Virgin, credo di aver assaggiato tutti e 9 i gusti commercializzati in Italia, ma mi piaceva solo la gazzosa (bottiglia blu), molto simile alla Sprite.

      Elimina
  12. E questa, ragazzi, è la storia di come il doc manhattan ha riscoperto un fossile del passato dell'industria bevandifera italiana.
    LOL gigante per la pagina di uichipidia! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora, qualcuno vada ad aggiornare Wikipedia, confermando le voci sulla sua persistenza nel meridione italico. :D

      Elimina
  13. a questo punto mancaa soltanto l'ormai mitica aranciata "Fruit Club Recoaro", quella al 30% di succo d'arancia... qui in Sicilia fece il botto, la bevevano in tanti, preferendola alla Fanta....e poi sparì nel giro di sei mesi.

    Si diceva che l'avessero ritirata perchè "cancerogena"...ma io ho sempre sospettato che si sia trattato di una astuta manovra della terribile multinazionale dell'analcolico moro che, oltre a cancellare per sempre la pubblicità del "vorreicantareinsiemeavoi", non tollerava ulteriori intrusioni nel mercato...

    valloasapere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dannato analcolico moro /agitailpugno

      Elimina
    2. Io ti dono le mie Tepa

      Elimina
  14. Buona la gazzosa al caffe', peccato che qui in sicilia non si trova. Andare fino in calabria solo per comprarla e' troppo oneroso :'(

    Curioso che a 100 metri da casa c'e' il negozio che vende la Dr. Pepper americana (certo a costi alti, ma ogni tanto ne vale la pena), ma non si riesce a trovare una gazzosa al caffe'...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Organizziamo uno scambio culturalgasato! :D

      Elimina
    2. Vendono per caso anche la root beer? Dove?

      Elimina
    3. la root beer non so, non ci ho mai fatto caso. troppe cose nuove :D Sono andato sul sicuro su cio' che conosco.
      Il posto e' a catania, al corso sicilia, si chiama cristaldi ed ha roba da tutto il mondo. Il mio ultimo acquisto:
      https://scontent-a-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-frc1/1175431_396380767128533_988189582_n.jpg

      Elimina
    4. Dài, la birra di radice no, vi prego, è la bevanda più menzionata qui di seguito http://lastsuppersbook.blogspot.it/ (e, restando in tema di cibo spazzatura, lì se ne legge a ogni post... robe da restarci secchi...)

      Elimina
  15. *_*
    la mia merenda tipo era a giorni alterni:
    Latte+Nesquik/Sprint (a seconda di quello che trovavo) + Soldino
    oppure
    OneOnOne+Cipster

    RispondiElimina
  16. Ma l'Orangina "scuoti e scopri" la fanno ancora?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginny Hermione10 gennaio 2014 15:02

      Ho bevuto la mia prima Orangina a Parigi nel marzo del 1989, trovandola sublime; perciò ho esultato quando pochi mesi dopo è arrivata sul mercato italiano, forse trainata dalla lambada di cui era sponsor. Ma adesso mi pare che in Italia, perlomeno qui in Padania, non la vendano più.

      Elimina
    2. Non vorrei dire, ma fino a qualche mese fa vendevano (nello stesso Carrefour) anche quella. La prossima volta controllo.

      Elimina
    3. Ciao, abito in quel di Francia e l'Orangina è una bibita comunissima, forse più comune della Fanta (anche in termini pubblicitari).

      Elimina
    4. Ginny Hermione11 gennaio 2014 08:43

      Infatti l'Orangina è prodotto francese, e si sa che i gianfransua' sono molto restii a farsi colonizzare culturalmente, cibi e bevande compresi (eppure durante il viaggio a Parigi di cui sopra gustai anche degli ottimi cookies american style appena sfornati).

      Elimina
  17. Ogni forma di "cola" che non fosse preceduta da "coca" personalmente mi ha sempre ripugnato. Speravo che certe malsane bevande fossero sparite dalla circolazione, e invece...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè non è che la coca cola sia tanto sana

      Elimina
  18. Io ho un Flash della mia infanzia dove mi ricordo una bottiglia in vetro di Coca Cola o Gazzosa al caffè con la pallina dentro, qualcuno ricorda se è in effetti esistita una bottiglia così?
    Detto questo, sarà inquietante ma io la Gazzosa al caffè l' adoro.
    Oltre alla One O One, mi pare che un' altra risposta tutta italiana alla Coca Cola sia stato il Chinotto, che però mi pare si filino in pochissimi, peccato perché a me piace parecchio, quantunque saranno anni che ho smesso di bere bibite gassate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiusura con biglia di vetro per bibite gassate, prego ecco qui:
      http://en.wikipedia.org/wiki/Codd-neck_bottle

      Elimina
    2. Il chinotto se lo filano in pochi ma ha uno zoccolo duro non indifferente :D
      Anche se devo dire che dopo aver cominciato a bere chinotti un minimo più su di quello della sanpellegrino, quest'ultimo mi stucca un po' tanto

      Elimina
    3. Presente fan del chinotto! :-D
      Peccato che quello Neri (il mio preferito) costi (nei limiti di una bibita che ti fa diventare diabetico, s'intende) due spropositi e tre quarti.

      Elimina
    4. Si, anche il Lurisia costa un frazzo e mezzo

      Elimina
  19. Intervengo solo per postare due recenti foto bibitose scattate l'estate passata, mentre ero in vacanza gggiù :P Nella prima trovate una cocacola con "personalizzazione" regionale, ma soprattutto nella seconda, notare il messaggio "salutista" nella foglietta verde :P :) http://oi43.tinypic.com/nqr0o9.jpg

    RispondiElimina
  20. Qui nel paese perduto tra le montagne (CH) , si trova nu casino di Bibite spazzatura junk styla , 7up / Dr.Peppone / Pepsi Crystal / Mountan Dew verde rossa gialla arcobaleno / Sinalco / Cerry Cola e pure alla milli&Vanilli / Root Beer e piu non posso .........

    e Nel lontano 2003 quando sono stato in Florida ebbi un Flash di zucchero li ce ne sono cosi tante che non sai cosa prendere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo la 7up! La mia preferita insieme alla Sprite! *-*

      Elimina
    2. Ma voi nella CH avete la Rivella, che a junkezza è imbattibile.

      Elimina
  21. Doc, non voglio fare il precisino della fungia... ma io, quando torno in Italia, le bibite SanPellegrino le trovo tutte... (alcune le trovo addirittura qui in Germania) non mi pare che siano defunte... hanno solo cambiato il packaging...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, A) si parlava solo della One-o-One. Le bibite Sanpellegrino si trovano ovunque (per chi non lo sapesse, l'azienda è in mano da anni alla Nestlé) e l'acqua Sanpellegrino la servono nei ristoranti di tutto il mondo. B) Anche se stavi parlando pure te solo della One-o-One, e dalle tue parti si è sempre trovata, beh, nel resto d'Italia pare non sia così. Butta un occhio agli altri commenti... :)

      Elimina
    2. Mi sa che ci siamo fraintesi a vicenZa... ;)

      Elimina
  22. sono relativamente giovine (20 anni) quindi non la avevo mai vista ;-) ma se parliamo di bevande spazzatura per me esisteva solo il CaldoCaldo al cioccolato!

    RispondiElimina
  23. In attesa di una one-o-one anche qui in polentonia..vorrei ricordare l'esistenza, anzi la rinascita da qualche anno, della spuma chiara (non scura come una volta), e da scoprire la karamalz, bibita dolce al malto

    RispondiElimina
  24. Incredibile, la davo anch'io per estinta, ma effettivamente alcuni prodotti sembrano esistere solo in certe catene di supermercati e solo in certe zone (e.g. prima di tagliare i capelli lo scorso mese usavo un olio della Bilba che trovavo solo all'Auchan di Sassari)

    RispondiElimina
  25. Io abito a due passi da San Pellegrino (il paese) ma nemmeno li si trova! Valle a capire le leggi di mercato, chissà perché và solo al sud...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era Destino che la trovassi.
      /battutone

      Elimina
    2. Perché noi meridionali "siamo aperti alle novità" :)

      Elimina
  26. Doc, ma le leggendarie fante al "mirtillo, "uva" e cose simili che te le lanciano dietro nei paesi bassi, germania, rep. ceca, etc.....qua da noi si sono mai viste almeno di sfuggita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo la Fanta ?
      In Inghilterra comprai una coca-cola, la bevvi in un sorso per poi sputarla schifato, controllai l'etichetta COCA COLA ALLA CILIEGIA.

      Elimina
    2. L'aranciata Fanta viene commercializzata nel mondo in oltre 70 gusti; comunque, molti di questi sono disponibili solo localmente in alcune nazioni. Ad esempio, in Romania esiste una "Fanta Shokata", basata sulla tradizionale bevanda rumena "Socată" ricavata dalle bacche di sambuco, in Italia invece esiste la Fanta Chinotto.

      Tutti a provare la fanta "soocata" lol

      alla ciliegia non l'avevo mai vista, solo coca-cola al limone e....aromatizzata all'arancia (coca-cola con retrogusto di fanta); penso che certe cose non le importino da noi per mantenere un minimo di dignità lol

      Elimina
    3. Cherry Coke e Vanilla Coke si trovavano fino a una decina di anni fa in tutti i paesi anglosassoni e pure in Gianfransuàlandia. Sempre amata la Vanilla Coke.

      Elimina
    4. In un discount vicino casa mia l'ho vista, la Fanta all'uva. Pare vada fortissimo in Romania (ed infatti ha l'etichetta in romeno). Il mio coinquilino greco mi ha raccontato che anche lì da loro sono anni che producono Fanta dal sapore particolare... però ora non ricordo quale!

      Elimina
    5. Ginny Hermione12 gennaio 2014 10:46

      Secondo la Wiki in Grecia esiste una Fanta all' anguria (watermelon)

      Elimina
    6. La Cherry Cola la producono ancora i Gianfransuà, ne ho comprata un po' a Nizza ad agosto.
      Confermo sull'Orangina, a proposito, in un banco bibite almeno metà è Orangine e il resto sono le varie Coca-Fanta-Sprite-RedBull-Monster.

      La One-O-One però mi piacerebbe provarla, se solo ci fosse a Torino. Andare avanti a chinotti alla lunga stanca.

      Elimina
  27. Io la adoravo...così come adoravo la pubblicità del palleggiatore
    (lo sconforto quando ha perso la lattina e se ne fa un'altra per palleggiare...)

    La lattina originale comunque era diversa il numero prendeva tutta la lunghezza e il blu era una tonalità pù scura.

    RispondiElimina
  28. A me la uanouan piaceva 'na cifra, ma proprio eh!
    Se non ricordo male nella sua formula chimica era presente la mandorla...
    Interessante che la producano ancora solo per il mercato sudditalico... Doc organizziamoci in un import/export della uanouan tra Cosenza e Roma....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riciclando la battutaccia fatta su FB poco fa: "la vendevano qui perché sapevano che l'avrei trovata io. Era DESTINO".

      Elimina
  29. la one o one! incredibile credevo fosse estinta

    i ragazzi della terza c avevano una sorta di concorso di individuare in quale scena c'erano one o one, cornetti e forse qualcos'altro

    RispondiElimina
  30. hai detto one o one e m'hai fatto ricordare un'altra cara estinta: l'aranciata ferrarelle. con il suo tristissimo concorso dei soldatini di metallo raccogliendo le etichette... mo dimmi tu che ci faceva un ragazzino a 6 anni con degli omini di metallo fermi e immobili in una posa plastica. per di più in pieno boom (in tutti i sensi) dei robottoni e le loro ipnotizzanti esplosioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e mio fratello coi soldatini di metallo (non della Ferrarelle) ci abbiamo giocato un casino :)

      Elimina
    2. Erano considerati la sorpresa "sòla" per eccellenza degli ovetti Kinder. Oggi vorrei tanto averli conservati...

      (Ché poi, a cavallo del 1980 in quegli ovetti si trovavano delle cose che andavano dal megaLOL al fantasmagorico/superflippotrippissimo, poi sono diventati mainstream e ciao)

      Elimina
  31. E' ormai risaputo da tempo che sulla Salerno-ReggioCalabria c'è un vortice spazio tempo. La gente in macchina crede di muoversi "lentamente" nello spazio ma in realtà va avanti nel tempo.
    E questo spiega perchè al Sud vendono cose scomparse dal resto del pianeta da decenni.

    Non è che qualche calabrese potrebbe portare su a Roma un Urrà o un Ciocorì, un biancorì, un Galek...mi mancano tanto sob sob...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma guarda che il ciocori' lo producono ancora!! :) te lo dico perché la ditta che lo produce e' a 1km da casa mia (dalle parti di cremona)

      Elimina
    2. Inizio la caccia ma non lo vedo da decenni nei supermercati.

      Elimina
    3. anch'io credo di aver visto il ciocorì qualche anno fa (ma forse anche dieci anni fa)

      Elimina
    4. il galak credo anche, nei miei ricordi il ciocorì era una bontà

      Elimina
    5. comunque al nord (ognuno ha le sue robe...) :D

      Elimina
    6. Io al carrefour trovo ancora sia il ciocorì che il biancorì, e mi pare pure il Galak

      Elimina
  32. Doctor Pepper FOREVER !!!!! Bevanda che non è stata capiyta dall'universo italico ma che per me rappresenta la migliore miscela possibile di Orzata + Coloranti + Bollicine ! SEnza Ingrdienti natuali aggiunti ! Come la bevanda al caffè & gazzosa che bevo sin da bimbo quando vado a Cetraro ! Long Live Junk Food !

    RispondiElimina
  33. Nella mia infanzia credevo che tra la bevanda e la radio One-O-One ci fosse una qualche misteriosa connessione!

    RispondiElimina
  34. Vedere la lattina ha fatto un certo effetto bruschetta, anche perché questa One O One era finita assolutamente nel subconscio.
    Però il sapore non me lo ricordo assolutamente.
    (Ah, Doc, ribadisco come ogni volta: La Doc Pepper Fa Cacare!)

    RispondiElimina
  35. No, cioè, la vendono solo al sud? ma cavolo, mia nonna compie 101 anni quest'anno e volevo regalarle una lattina. :/

    RispondiElimina
  36. In verità non la producono più

    RispondiElimina
  37. La Cherry Coke me l'hanno portata qualche mese fa amici americani..buona!

    RispondiElimina
  38. doc dovresti creare la rubrica sulla ricerca del cibo mariomerolo

    RispondiElimina
  39. altra bibita introvabile è la lemonheads
    http://www.inkiostro.com/2006/10/06/teste-di-limone/
    in stile O.O ma se non ricordo male alcoolica e per di più fallita... almeno credo!!!
    :)

    RispondiElimina
  40. Maresca dice che non esiste! Ne è convinto eh!
    "Postate una immagine di quando è stata fatta e quando scade che sennò non ci crede!"

    [Utente Gamesforum]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una
      http://i42.tinypic.com/255qbes.jpg
      e una due
      http://i40.tinypic.com/11w4xau.jpg
      Servìti. ;)

      Elimina
  41. Royal.

    Crown .

    Cola.

    Quella lattina argentata che in alcune trattorie epizzerie del centritalia ti posavano furtivamente sul tavolo con l'espressione colpevole di chi ha infilato un tappo di bottiglia nella questua della messa, dileguandosi prima che tu, che avevi chiesto una coca e al massimo ti aspettavi una pepsi, potessi riprenderti dalla sorpresa.

    Pensavo fosse sparita e invece è ancora lì, prodotta a "soli" 150 km da Atlanta ed è antica quasi quanto la rinomata concorrente. Me la ricordo più simile alla coca che alla pepsi, solo più annacquata e agrumata.

    RispondiElimina
  42. La One O One esiste!!!!
    L'ultima volta che l'avevo incontrata è stata durante il corso di economia, in cui il prof l'ha portata come esempio di un fornitore (il signor Coca Cola) che tirava le orecchie ai distributori (i supermercati) che davano troppa visibilità al concorrente (il signor San Pellegrino).
    Mi ricordo anche il bimbetto che prendeva a calci la lattina

    RispondiElimina
  43. Ginny Hermione17 gennaio 2014 19:15

    Il dr pepper aveva la caratteristica di essere imbevibile a temperatura ambiente, quindi era impossibile in caso di attacco di sete al supermercato berne una per direttissima. Adesso ammetto che lo ricordo soprattutto per la scena di "Forrest Gump" in cui Tom Hanks ne beve 25 al party di Kennedy e poi confessa candidamente al presidente che deve fare "plin plin" ;)

    RispondiElimina
  44. Hi, I am sorry but I cannot speak Italian. Can you help me find this bibite? Is it still being sold? Thank you.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails