lunedì 24 aprile 2017

42

Kado: The Right Answer e altre nuove serie anime appena partite (AnimAntro)

È quel periodo dell'anno in cui partono tipo duecentoventisettante nuove serie anime, e uno non sa mai a quali dedicare il proprio tempo. Ma fear not, deboscia-loverz, perché c'è finalmente il debutto ufficialeegentiluomo della nuova rubrica contenitore a tema, AnimAntro (ringrazi gli antristi Mister Zoro e Red Tiger che hanno proposto il nome, mesi addietro), per parlare di nuovi anime, fare il punto su quelli che segui, scambiarsi suggerimenti e minacce di morte ad Anno da parte del ministro della distruzione Marandorino. Tipo Il circolino dei telefilm, in pratica, però con gli anime. Oggi partiamo con Kado: The Right Answer, una delle serie più interessanti degli ultimi mesi, Atom: The Beginning, Re:Creators e gli ultimi episodi di Attack on Titan / L'Attacco dei Giganti. NO SPOILER su nada, tranquilliFFimi come i manzi di Kobe [...]
KADO: THE RIGHT ANSWER
(episodi trasmessi: 3)

Kado: The Right Answer è una serie (finora, ammessi scongiuri più o meno volgari) piuttosto sorprendente. Ha pochissimo dei soliti anime, nel senso che - se togli la scienziata nerdkawaii insopportabile - è privo dei soliti stereotipi. Di che si parla? Di un cubo gigante.
In una situazione in stile Arrival, ma con più viola e fucsia e metallo liquido, un cubo gigantesco, alto duemila metri, appare sull'aeroporto di Haneda, inglobando un aereo che stava per decollare, con tutto il suo equipaggio. A bordo, tra gli altri, c'è un mediatore ministeriale dall'aria inflessibile, il che verrà utile per cercare di capire cosa diavolo vogliono questi alieni.
Dopo i primi tre episodi non sai ancora dove la serie voglia andare a parare, ma - forse proprio per questo - ci sei decisamente dentro. La grafica in CG a volte è un po' pesantuccia, ma nel complesso fa il suo. Funziona decisamente meglio qui che in tanti altri anime pieni di computerpupazzi. Guardatevela.
ATOM: THE BEGINNING
(episodi trasmessi: 2)
Grossa dilusione, invece, per Atom: The Beginning. Di questo prequel dell'Astro Boy di Osamu Tezuka, che racconta come i giovani Umataro Tenma e Hiroshi Ochanomizu hanno costruito A106, il futuro Atom, hai visto diverse tavole del manga, e le hai trovate bellissime. Soprattutto quelle a colori, dallo stile pittorico, richiamate dalla sigla dell'anime.

Peccato che lo stile grafico dell'anime vero e proprio sia invece banalissimo, tutto colori supersaturi e linee semplici. La storia è un mischione di tanti temi diversi, in un mondo post-grande-disastro in cui ci sono le arene dei robot, le parate dei robot, i gombloddi sui robot. Due episodi, tanti sbadigli, passi.  
RE:CREATORS
(episodi trasmessi: 3)
A guardarne solo il primo episodio, Re:Creators sembra una roba PAZZESCA. La storia non brilla per originalità, ma è comunque sufficientemente intrigante da farti sciroppare i primi venti minuti: un otaku di Tokyo, appassionato di animazione, entra in contatto con il mondo della sua serie anime preferita. La rossa protagonista del cartone si ritrova così nella nostra realtà: una belligerante Video Girl Ai che all'inizio è pure comprensibilmente incazzata per la magarìa.
Mech bellissimi - sia pure a far da tappezzeria - musiche piacevoli e, soprattutto, una regia pazzesca fanno volar via il primo episodio. Gli altri due non sono allo stesso livello e l'introduzione di tutta una serie di altri personaggi serve da un lato a tenere alto il livello di mazzate, 
 
dall'altro a ironizzare su altri mondi otaku, come quello dei JRPG. Nulla di veramente esaltante, ma si lascia guardare. Anche qui, come in Kado, a far da sfondo alla storia c'è la Tokyo vera, con decine e decine di luoghi noti a ogni vero nerd:
non solo Akihabara, chiaro, 
ma anche questa certa galleria coperta che porta a un certo luogo di deboscia in cui lavora l'antrista tokyense Enrico. 
Fan-service finora pressoché zero, e meno male. Viste le premesse, ti aspettavi un'altra tamarrata con la camera ad altezza mutanda ogni due secondi. Provi a guardarne qualche altro episodio, vediamo come va.
L'ATTACCO DEI GIGANTI - SECONDA STAGIONE
(episodi trasmessi: 4)
Della seconda stagione de L'Attacco dei Giganti, in streaming gratuito su vvvvid, si è detto qui. Sono solo pochi episodi, dicevamo, ma che affrontano una delle parti più interessanti del manga, promettendo di migliorarne gli aspetti di storytelling più disgraziati e di raddrizzarne le tante storture. Il che vuol dire pure che le scene di grande impatto che funzionavano anche su carta qui brillano ancora di più. Quella svela-tutto del ritorno a casa di Connie, per dire, ma anche l'assedio al castello diroccato con le due torri,    
con gli eroici Nanaba e Gelgar che ne escono come due personaggi enormi. L'eroismo fatto ciuffi e badasseria, senza contare che Nanaba nel manga aveva una faccia da disperata, come il 99% dei personaggi disegnati da mani-fucilate Hajime Isayama, qui è praticamente la versione anime di Kendra. 
C'è poco spazio, in questi episodi, per Eren, Mikasa, Levi/Rivaille, perché la storia va altrove, ma a Rivaille frega zero, ché i bassisti carismatici hanno bisogno di pochissimo spazio, come animali domestici poco invadenti. Lo sappiamo. E poi comunque fa nulla, perché da settimane c'è LUI:
il gigante piccolissimo Brunettattackontitan, l'idolo delle folLOL.

Voialtri, invece, che serie anime state seguendo? Come vanno? NIENTE SPOILER, se necessario usate il tag [ROVINATORE] a INIZIO commento e lasciate qualche rigo vuoto sotto prima di iniziare a scrivere. La prossima volta torniamo su Tiger Mask W e Gundam, promé. 

42 commenti:

  1. Ho appena recuperato il quarto cofanetto di Gundam Origin e mi accingo a vedere tutto in una botta sola. Quindi al momento non posso esprimere giudizi, bensì mi ritiro per deliberare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è arrivato stamattina il IV. Ne parliamo asap.

      Elimina
  2. Sto seguendo Fantastic Children, serie che sembra un mischione tra Conan, il ragazzo del futuro e Akira. La storia procede lenta e sto letteralmente friggendo dalla voglia di scoprire tutti i misteri che nasconde, consigliata.

    Mentre aspetto se verrà mai fatto l'anime su Vento Aureo, proseguo per inerzia Dragonball Super, serie che non sarebbe neppure così pessima, se non fosse per i continui errori e incongruenze con la serie Z.
    Per il resto Tiger man W e Hajime no Ippo verranno ripresi appena avrò tempo.

    RispondiElimina
  3. Premessa: io sono sistematicamente indietro di anni con le serie quindi difficilmente guardo qualcosa di appena uscito.
    Come scrivevo a latere di microletture mi ha preso molto Ajin - Demi Human. Il comparto grafico non è per me molto gradevole ma la storia mi ha preso parecchio e mi sono letto tutto il fumetto (otto numeri con la copertina variant del n. 1 fatta dal Cammo, quello è stato il segno divino che diceva COMRPA!!!). Aggiungo che la serie almeno non ha quei colori super saturi che imperversano negli anime ultimamente ma ha tinte molto più gradevoli benché il disegno sembra sia fatto con qualche software di animazione 3d... credo.
    La storia è semplice, l'umanità ha scoperto l'esistenza degli Ajin, esseri umani che, se uccisi, risorgono istantaneamente anche se smembrati o letteralmente fatti sublimare e che hanno alcuni poteri molto particolari.

    Parlando di altre serie e degli acquisti compulsivi che essere possono portare, il padrone di casa deve avere sulla coscienza un pesante attentato alle mie finanze perché, per il tramite dell'ottimo Wargarv, mi sono preso la GX-64. Ieri ho incominciato a mercanteggiare con la moglie perché il mio soggiorno diventi un protagonista del novecento.


    PS: mi sono preso su amazon il libro di Vitoiuvara, oggi in pausa pranzo me lo leggo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai preso "L'amore al tempo dei nerd"? A me quello è piaciuto tanto. Ho in lista arretratissimi anche "Figli di una dieta minore", son troppo curiosa.

      Elimina
    2. Ho preso "L'amore al tempo dei nerd", proprio quello.
      "Figli di una dieta minore" minore è bellissimo, devi leggerlo. Lo lessi anni fa proprio su consiglio del Doc e ti fa piegare dal ridere oltre a farti riflettere su tutto quello che ruota intorno alle diete. Godibile anche da uno come me che non ci ha mai manco provato a mettersi a dieta e dovrebbe farlo.

      Elimina
    3. Vito, mi devi già tre quarti di una margherita.
      Vedi tu.

      Elimina
  4. Io vorrei riprendere L'attacco dei giganti, ho aspettato tanto la seconda stagione ... Però non riesco su vvvvid, pur essendo registrata, ci clicco su e rimane lì lo schermo nero. Non essendo particolarmente smanettona, non l'ho nemmeno cercato altrove. Ci rinuncio. Al momento ho rinunciato a un sacco di roba e sul fronte Anime sono immobile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova semplicemente a cambiare browser. Se usi firefox prova chrome o viceversa oppure opera. Solitamente funziona.

      Elimina
    2. Se hai il filtro anti-pubblicità tipo AD-Block toglilo solo per la pagina VVVVID, altrimenti non ti fa vedere nulla

      Elimina
  5. Fabrizio Dionisio24 aprile 2017 12:16

    I miei hanno messo netflix a casa loro. La morte. Lo inaugurero con yamato 2199.

    RispondiElimina
  6. Ogni volta che col gruppo dei giochi di ruolo ci si riunisce (ormai anche qui con questa nuova rubrica), esce sempre questo discorso sugli anime godibili da vedere e spesso ci si ritrova con pochissimi titoli veramente (ritenuti) validi. Fortuna Animantro che ti impara le serie ^_^

    Penso che tra le poche serie a fumetti/anime uscite in giappone ultimamente le uniche degne di nota siano One Punch Man (di cui aspetto il seguito animato con frenesia) e L'attacco dei giganti (mani fucilate apparte) e quindi sono queste le uniche 2 serie originali che seguo, per il resto guardo solo anime vecchi o potenzialmente ispirati da quelli vecchi come ad esempio Gundam Thunderbolt (che uscirà al cinema in versione film di montaggio dal titolo "Dicember Sky" andatelo a vedete perforzamente!!!!).

    Quindi Goldrake, Devilman 72, Nadia, Arbegas ecc..

    Menzione di merito all'ultima serie Macross (so che ce ne sta un'altra in produzione), cioè Macross Delta che inizia abbastanza idiota ma che poi migliora molto fino a raggiungere un climax niente male, guardatela anche se non siete proprio Macross Fan..

    Goldrake è veramente un bell'anime, poi quando ci sono gli episodi di Araki capolavorò, capisco perchè all'epoca ci piacque tanto; è una serie dove c'è veramente tutto apparte la cosa del mostro da distruggere ogni puntata... scusate sono ampiamente in fase nostalgetica. Per il mistero della pietra azzurra invece non ricordavo che Nadia fosse una così grossa sfrangimaroni, non il bellissimo anime, intendo proprio la protagonista, che ti va sullaminchia quasi tutte le volte che apre bocca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nadia l'orchiclasta. Diciamolo.

      Elimina
    2. E Jean azzerbinato come e peggio di Kentozzi...

      Elimina
  7. finalmente una rubrica ufficiale sugli anime!! ben vengano i consigli (anche nei commenti), visto che AOT a parte delle altre serie non avevo sentito parlare. C'è da dire che io sto sempre indietrissimo con gli anime, e in questo periodo mi sono intestardito a vedere tutte serie lunghissime (es. Lamù 217 ep, o Mazinga Z 92 ep..) quindi chissà quando le recupererò..

    RispondiElimina
  8. Ancora superreuperando hunterxhunter, in una settimana mi sono scorpacciato circa 30 episodi, arrivando alla fine della saga di greed island, ep 70 e qualcosa. Ne mancano un'altra settantina e poi si passa al manga. Comunque anime strafigo, musiche e animazioni abbastanza al top direi. Solo quest'ultima saga è stata un po' di passaggio, con nemici un po meh, ma ora mi dicono che viene il bello, sono infognatissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai trovato "meh" anche Razer/Razor (non ricordo come lo chiamino nell'anime)? Comunque sì, dicono bene, riguardo le prossime puntate. Il ritmo va un po' giù, ma tutto il resto sale

      Elimina
    2. di certo è il punto più alto della saga, ma non l'ho molto apprezzato comunque, forse anche per via di quel feeling che avevo durante tutta la saga di star vedendo un "filler" (hisoka in squadra con i ragazzi, tutti i ragni nel gioco per non fare, attivamente, alla fine niente di che, oltre al nemico buzzurrissimo), se non fosse naturalmente per i legami con la storia e per il momento di allenamento fondamentale per il futuro diciamo.
      mi dispiace che l'idea del rpg mi ispirava tantissimo, con il fatto che l'avesse costruito il padre ancora di più... forse son partito anche io con troppo hype

      Elimina
    3. Non l'avevo mai vissuto come un filler, però concordo con quel che dici in linea di massima (solo, Hisoka gestito così mi è piaciuto)

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Onoratissimo di aver dato i natati al titolo della rubrica, rubrica di cui fra parentesi sentivamo un po' (o almeno io) la necessità, essendomi distaccato non poco dalla categoria in favore delle serie tv.
    Su consiglio tuo Doc, e grazie a Netflix, ho recuperato la prima stagione de l'Attacco dei Giganti (che a mio avviso gira a volte un po' a vuoto, ma quando spinge sul pedale è una vera bomba) e One Punch Man, e il recupero sta proseguendo con Star Blazers 2199 (BEL-LIS-LI-MA!) oltre a un bel secondo giro su Gundam e Daitarn III, che sto effettivamente rivalutando, non avendolo mai visto con soluzione di continuità.
    Di questo lotto di AnimAntro m'ispira moltissimo RE:CREATORS, ma c'è già in italiano o per ora è solo sottotitolata?

    Bella Doc, come sempre, vai così che l'hai messa di nuovo nel 7!

    RispondiElimina
  11. Attualmente sto seguendo su Netflix "One Punch Man", spinto anche dai commenti dei qui presenti praticanti la deboscia e devo ire che lo trovo proprio bello e fuori di cozza come nessun altro.
    Sto aspettando una settimana di ferie che mi attende i primi di maggio per farmi un binge watching come si deve di Yamato 2199 di cui ho visto solo i primi 6 episodi e già mi hanno scimmiato di brutto.
    Per "l'attacco dei giganti 2" attendo i cofanetti DVD per fare il paiono la prima serie.
    Invece sono colpevolmente fermo con "iron Blooded Orphans 2" ... qualcuno sa dirmi com'è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iron Blooded lo sto portando avanti (sì, da tempo immemorabile). Appena arrivo alla fine ne parliamo qui.

      Elimina
  12. Su vvvid ho finito iron blooded tizi e recuperato hellsing... mi stava piacendo drifters ma è fermo... ho iniziato la seconda di MHAcademi è mi sta piacendo clockwork planet... di recente ho anche recuperato 2 serie molto simili fra loro... irregular at magic high school e l'epopea del cavaliere ripetente... entrambe in albionico idioma...

    RispondiElimina
  13. Grande Doc, ci voleva una guida nel marasma. Da parte mia posso certamente consigliare senza timore di smentita la seconda stagione di Shingeki no Bahamut.

    RispondiElimina
  14. Al momento sono fermo, sto dando spazio ad Iron Fist. Appena finito però mi aspettano Kabaneri of the Iron Fortress (che avevo interrotto dopo il primo episodio perché troppo simile ad AoT, che stavo leggendo in quel periodo) e poi gli OAV di The Birth of Rivaille seguiti da rewatch della prima stagione di AoT per arrivare pronto al binge watching della seconda. Poi boh, rimanendo sull'animazione (ma non giappa) mi è venuta voglia col post dell'altro giorno di vedermi Esplorando il corpo umano... LOL Ma la metterò nei ritagli di tempo.

    Piuttosto interessante Re:Creators e un po' anche Kado.
    Gran bella rubrica, in ogni caso!

    RispondiElimina
  15. Tanta tristezza per Atom: the Beginning, perchè il manga (che ho scoperto su uno dei tanti mangasiti che ci sono in giro per la rete) ha dei disegni che sono bellerrimi, talmente tanto che a trovarlo in cartaceo andrei direttamente dal fumettaro di fiducia con la cartamoneta in mano, "Fry style".

    RispondiElimina
  16. Kado l'ho trovato su Crunchyroll, ma per Re:Creators ci sono fonti legali?

    RispondiElimina
  17. Da quando ho l'abbonamento a Netflix non dico che mi sto guardando la qualunque, ma ho comunque ripreso a guardare parecchi anime dopo un'astinenza di anni. In questo anche l'Antro ha aiutato (l'Antro Atomico: il blog che crea dipendenza conto terzi).

    L'unica novità sulla quale mi preme dire due parole è Ajin : Demi-Human. Ho iniziato a guardarla su consiglio del buon Drakkan e ci sono finito sotto. Ha un taglio molto adulto e realistico, i personaggi vanno ben al di là delle solite macchiette, non c'è qualcuno per cui fare il tifo perchè in estrema sintesi sono per la maggior parte stronzi e il resto dei ciclopi. Sconta qualche leggerezza e ingenuità sul piano narrativo (senza spoilerare nulla dirò che certe parti di trama non stanno in piedi nemmeno con le stampelle), ma i pregi sono molti più dei difetti, quindi lo promuovo in pieno.
    Sul piano grafico la nota dolente è che è tutto in CGI, personaggi compresi: movimenti abbastanza scattosi, espressioni facciali meh e autoche "scivolano" sulla strada. Però si fa guardare bene, non è tipo Cyborg 009: Call of Justice che fa sanguinare gli occhi. In compenso i fantasmi neri (non vi dirò cosa sono, scopritelo da soli) sono fatti molto bene.

    E comunque Saitama rulla di brutto. :D

    RispondiElimina
  18. Ho visto che iersera su VVVVIS è uscito Yamato 2202. Mi accingo alla visione.

    RispondiElimina
  19. Grande commozione per il gran finale di IronBlooded Orphan e Rakugo Showa. Opere che definire monumentali e' riduttivo , per la costruzione dei personaggi, trama e spessore . Per le indicazioni le seguiro , ma per l'Attacco dei Giganti passo... Ho trovato noioso il manga e l'-anime prima stagione ...

    RispondiElimina
  20. Sto seguendo Samurai Jack,e devo dire che l'è un gran bel vedere,poi attack on titan mi ricorda di non affezionarmi mai a chiunque abbia più di dieci minuti di screentime:i poveri Nanaba e Gelgar non se lo meritavano...

    PS
    Un attimo,i RE vari sono separati?Quindi posso anche guardare questo senza preoccuparmi di quelli prima?
    Avevo già visto RE:Zero,ma gli altri?Come funziona?

    RispondiElimina
  21. In attesa che vanga rilasciata tutta la seconda tutta la stagione di Attacco dei Giganti, sono in fase di rucupero:
    - visto "Terror in Resonance (Zankyō no teroru)" di Shinichiro Watanabe: interessante serie su attacchi terroristici, forse non proprio centrata soprattutto su i personaggi femminili, però a suo modo da guardare;
    - finito di guardare ieri sera le prime due stagioni di Jojo, Phantom Blood e Battle Tendency (e ora mi butterò sulla quata parte, Diamond is Unbreakable, dispobili su VVVID) : per chi ha amato il manga, una godibile e buona versione animata.

    RispondiElimina
  22. Un po' datato, sebbene inedito in Italia, consiglio Monster, uno dei migliori anime che abbia mai visto (penso lo rivedrò nuovamente tutto a breve tempo permettendo), insieme a Mushishi e PlanetEs. Vi consiglio anche Kaiji. Di più recenti sto aspettando la nuova stagione di Drifter e Assassination Classroom.

    RispondiElimina
  23. Ho iniziato la 2° stagione dell'Attacco dei Giganti e Yamato 2202 ed entrambi mi prendono un casino, mi attira molto Kado, mi metto in cerca sul web.

    RispondiElimina
  24. Appena finito di vedere One Punch Man, sto andando avanti con Tiger Mask W

    RispondiElimina
  25. Doc, poi l'anime di Atom - the Beginning dovrebbe migliorare molto, se segue la storia del manga (a me infatti piacerebbe se portassero il manga in Italia). Certo, non è all'altezza di quel capolavorone di "Pluto" (NON QUELLO DELLA DISNEY), ma è comunque più che valido!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indipendentemente dalla storia, è proprio lo stile grafico che trovo sciatto. Non il charadesign, bada, tutto il resto. :(

      Elimina
    2. In effetti non è probabilmente il massimo, ma quanto meno è più guardabile di quella robaccia 3D nota come "Berserk 2016" (che poi adesso c'è anche la seconda stagione...)

      Elimina
  26. Pero` quel titano mi ricorda Alfano

    RispondiElimina
  27. Questa stagione ho provato a guardare:

    Kado: premessa interessante e pare originale, vediamo dove vanno a parare.

    Re-Creators: interessante la presa in giro dei vari tropes, tipo la maghetta che trasportata nel mondo reale devasta per sbaglio la città, e l'interazione tra personaggi e loro creatori. Molto meta, vediamo come va avanti.

    Sagrada Reset: poteri soprannaturali in un paese della provincia jap ma con un punto di vista un po' particolare, è intrigante.

    Alice no Zeuroku: anche qui poteri ESP, la novità è il protagonista anziano, ma mi sa che lo abbandono.

    DanMachi Gaiden: bah, fantasy insipido, anche qui penso di mollarlo.

    Eromanga-sensei: fratellastro e sorellastra reclusa scoprono dopo diverso tempo di essere collaboratori alla realizzazione di light novel (scrittore e illustratrice). Dimenticabile

    Tsuki ga Kirei: commedia scolastica, mi sa che non ho più l'età...


    Poi se vi piacciono gli shonen nell'attesa di One Punch Man 2a stagione vi consiglio Boku no Hero Academia

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails