mercoledì 17 agosto 2016

23

Evangelion 01 Spec XS-03 e altri Transformers Combiner Wars

Sì, è arrivato finalmente il momento di parlare di quel pupazzino bellerrimo dell'EVA 01 di cui hai postato una foto sui social la scorsa settimana, e, già che ci siamo, anche di un altro po' di Transformers Combiner Wars [...]
L'EVA in questione è, più precisamente, l'Evangelion 01 XS-03 della sottolinea SPEC dei Soul of Chogokin Bandai, dedicata ad anime robotici più recenti come Metal Armor Dragonar e Tekkaman Blade. Questo EVA 01 XS-03 è quello dei film Rebuild of Evangelion, la "nuova versione cinematografica di Evangelion", ed è uscito in Giappone nove anni fa, nel settembre del 2007. Sei riuscito a trovarlo grazie all'antrista wargarv che - piccolo spazio pubblicitade - non solo ha nel suo shop online prezzi ottimi e uno sconto per tutti i debosciati dell'Antro, ma se vuoi ti procura pure pezzi non facili da trovare. 
La confezione è già di suo flippotrippissima, perché si apre a libro e mostra sotto una vetrinetta trasparente i vari pezzi dell'EVA.
Il concetto è infatti che c'è l'esserone cyborg da rivestire con i vari pezzi della corazza, esattamente come per i Myth Cloth dei Cavalieri dello Zodiaco.
Il cyborg è tutto in plastica e ha un'espressione molto vispa:
 ciao, Ginetto!
Queste due pagine del manuale mostrano tutti i vari pezzi e la procedura di montaggio. Bastano pochi minuti e tutto va al suo posto e ci resta, fatta eccezione nel tuo caso per la parte posteriore di uno dei gambali, che continuava a staccarsi mentre mettevi in posa la figure.
L'effetto, una volta completata la vestizione, è ottimo. Il viola vivo e il verde acido, la cura dei dettagli, la quantità di snodi. Va detto che, a differenza di molti myth cloth, la "corazza" è qui quasi tutta in plastica, fatta eccezione per i gambali e gli schinieri.
Questo, d'altro canto, permette di bilanciare bene il peso e quindi rende l'EVA molto posabile.
Qui lo vediamo in ginocchio, mentre chiede la mano della sua Adamo,
mentre qui si frega le nocche perché ci sta per uscire la violenza dai pugni. Chiaro.
Ecco, sarà il volto particolarmente feroce, soprattutto a bocca spalancata, ma la figure ha esattamente lo stesso livello di badasseria della versione animata delle prime puntate/primo film rebuild, quando esce dalla base NERV e fa a pezzi qualsiasi cosa prendendola a ceffoni e cavucincù.
Dietro la nuca c'è la presa a scomparsa per il suppostone Entry Plug e la pistola del rifornimento all'automatico della pompa di benzina NERV,
mentre sulla spallina sinistra c'è un vano per riporre il coltello dopo averne piegato la lama. Se non piace quel buco lì sulla spallina, nella scatola ce n'è anche una versione "piena", senza vano. Quindi a tua volta metti via quel coltellino, dai, non fare lo stronzo. Gol, eccetera.
Confronto all'americana, cioè masticando una cingomma, tra XS-03 (sinistra) e il Soul of Chogokin vero e proprio dell'EVA 01, il SoC GX-14 (destra), uscito nel remoto 2003. Quest'ultimo è un modello più piccolo, con molto più metallo e diverse armi in più (ma niente gatling gun). Il colore è però molto meno viola vivo che nell'anime. Tutto quel metallo, inoltre, tende a gravare sulla figura piegandone le ginocchia, nonostante la basetta complicata che dovrebbe simulare l'hangar e tenere su il robottino (sì, gli EVA non sono dei veri e propri robot, puoi abbassare la mano, PDF là in fondo, grazie).
E passiamo alla Gatling Gun, la più importante delle tre armi incluse in questo modello (la terza è il fucile impugnato con la sinistra qui sopra) e, diciamolo, probabilmente la più badassica di tutte quelle utilizzate dallo 01.
Cioè, come lo batti un robot gigante con una mitragliatrice a canne rotanti? Ecco.
Le canne dell'arma ruotano davvero, nel senso che non sono fisse, e la gatling è fortunatamente leggera, non tende cioè a disintegrare l'articolazione del braccio destro o a "scendersene" se si tiene la figure in questa posa. Un altro paio di fotine, da guardare immaginando i proiettili espulsi e l'EVA che strilla in berserk, gridando Porca Me Stesso!
Passiamo ai Transformers, perché ti sono arrivati finalmente quei Combiner Wars presi su Amazon (per le puntate precedenti, vedi qui). Il primo è Mirage, raro ripescaggio di uno dei Transformers G1 meno sfruttati da Hasbro/Takara.
Il robot, libera reinterpretazione del Mirage/Mistero originale, ti piace. Per gli standard da robottini economici da 20 euro è piuttosto curato,
per quelle parti bianche con vernice effetto metallo sul petto o quelle argentate dell'alettone posteriore/piedi.
 Anche di lato si presenta bene,
idem dietro. Rispetto alla pezzenteria del Wheeljack di questa linea, tanta roba. Probabilmente è uno dei Combiner Wars classe Deluxe (aka "quelli medi") che ti piace di più.
Il confronto con il Mirage G1 in versione robot. Si tratta di una reinterpretazione piuttosto libera, dicevi, ma ti piace che abbiano ripreso quei fregi della testa in stile Sfinge, una delle cose che ti scimmiavano di più da rEgazzino del Mirage G1. E sì, non vedi l'ora che ti tirino fuori finalmente un Masterpiece di Mirage, frega niente al momento dei third party che già ci sono.
Passiamo alle auto e, come potete vedere, in versione veicolo il nuovo Mirage non ricorda per niente una Ligier JS11 F-1, anzi, non ricorda proprio una monoposto di F1, ma più una Indy car.
Questo perché, come già detto per gli altri Autobot G1 della linea Combiner Wars, anche Mirage è il repaint/retool di un'uscita precedente, il Decepticon Dragstrip, uno degli Stunticon:
Nota curiosa, il Dragstrip G1 era, nonostante il colore arancione utile al camuffo, una Tyrell P-34, la celebre monoposto di F1 a sei ruote. Ah, per la legge universale della termovillanzoneria, che recita: "I cattivi son sempre più fighi",
source photo: tfw2005.com
il Dragstrip avrà pure colori da maglia della Roma di qualche anno fa, ma ha un volto da vero killer. E talloni pure. "Tallone da killer" (cit. cult). 
Tornando al nostro Mirage, il numero di gara è per qualche ragione l'inverso del 26 originale, il 62, ma bella la font retro utilizzata. L'unico vero cruccio che hai con la versione veicolo...
...è il posteriore, che ha il solito foro centrale presente in quasi tutti i modelli della linea che si trasformano in auto. L'originale, con le suole in ferro del robot, vinceva facile. Mirage forma un braccio o una gamba di Optimus Maximus. Gli altri componenti sono Optimus Prime Battle Core, Sunstreaker (vedi sotto), Prowl e Ironhide.
Passiamo a Hound, che invece forma il combiner Sky Reign insieme a Sky Lynx, Wheeljack, Smokescreen e Trailbreaker.
Hound in versione robot è abbastanza curato. I tanti dettagli sulla plastica verde del modello sono piacevoli, le parti colorate in argento brunito e il fucile argentato sono un bel tocco. 
Resta il solito problema delle coscette nella plastica grigia color scrausolandia, ma ne abbiamo parlato già le altre volte.
La versione veicolo è una jeep militare dal look moderno, bella compatta, con il fucile che si aggancia sul tetto e funge da mitragliatrice. Ingegneristicamente presenta delle soluzioni interessanti: tutta la parte posteriore è formata in pratica da braccia e spalle. Hound è un recolor di un altro Stunticon, Swindle del Combiner Bruticus.
Come sa chi ti segue sui social, qualche giorno fa la signora Manhattan è tornata dal centro commerciale con Swindle, sperando di farti cosa gradito. Ti sei gettato in ginocchio in lacrime, recitando metà del repertorio di Mario Merola. Come potete vedere, le due jeep sono identiche, colori a parte. Hound ha anche una stella bianca da esercito USA sul cofano, Swindle si accontenta del loghetto Decepticon decentrato.
La versione robot di Swindle ti piace un casino. Trovi che questo giallo/arancione tipo La Cosa funzioni molto, e gli occhi e gli altri dettagli viola, da villanzone di razza, ti garbano. Promosso.
Il che non si può dire, purtroppo, di Sunstreaker, che invece rasenta con Wheeljack il fondo dei Transformers Combiner Wars che ti sono entrati in casa, almeno sul fronte robot.
Già la plastica è in un giallo infelice, da cinesata, e il look del robot non aiuta. Meglio di Wheeljack, probabilmente,
ma restiamo sul triste spinto. Passiamo al veicolo,
che ricorda una Lamborghini Diablo, il che va bene, visto che il Sunstreaker G1 era una Countach. Il fatto che questa versione sia un repaint di Breakdown ha inoltre perfettamente senso, perché anche il Breakdown G1 era una Lamborghini Countach. Nel complesso non è male,
peccato anche qui per la dannata plastica grigia della pezzenteria usata per l'alettone, che ammazza le linee del veicolo, altrimenti belle compatte. Parziale soluzione?
Andare di nostalgia e piazzare sul tetto del veicolo il cazzabubbolo che funge da piede o mano del Combiner, per dare all'auto un look da versione G1. Dei piccoli ma funzionali agganci permettono di fissare l'accrocchio.

E anche per questa volta è tutto, veloce aggiornamento prima di chiudere del progetto #Trasformansi, "un terzo nome antristico ufficiale a ciascun Autorobot G1 per superare la vecchia diatriba nome italiano/nome originale". Ecco i nuovi aggiunti alla lista, engiòi.

Shockwave         Scostumatonda
Rumble         Rompo
Frenzy         Frengo
Ravage    Ravano
Laserbeak             Beccuramiopi
Hook             Dustinhoffmano
Mixmaster         DJ Bravo
Red Alert         Comunisti!!1!
Perceptor         Sensibile
Inferno         Disco
Beachcomber    Pettinaspiagge
Seaspray         Gavettone

  

23 commenti:

  1. Bellissimi ! soprattutto Hound e Swindle ! , Hound l'avevo da piccolo e mi piaceva un sacco anche se era un blocco monolitico una volta trasformato come più o meno tutti i G1. Doc ma per curiosità farai anche recensioni della linea titan returns ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, me ne interessano solo alcuni, ma di quelli penso proprio di sì.

      Elimina
  2. Scostumatonda! MUORO.

    RispondiElimina
  3. L'eva è stupendo, i transformer sono troppo "giocattolosi". Probabilmente parlando di altre categorie ("quelli seri") l'effetto sarebbe diverso, ma visti così, mi lasciano molto meh.

    RispondiElimina
  4. Non so... mi lascia perplesso vedere quella Dallara DW12 con i colori Gitanes, troppo stacco tra la livrea e la macchina...

    RispondiElimina
  5. L'Eva è davvero molto bello,mi piace tanto. Ci faccio un pensierino? Può darsi..
    Un punto in più per la citazione di "Amico Uligano" degli Elii.
    La indy coi colori Gitanes in effetti è alquanto strana..

    RispondiElimina
  6. Concordo su tutto: Mirage e cumpa recensita sono ben fatti, mentre Sunstreaker così come Wheeljack è affossato dalla plastica. Peccato che lo stampo mi piace ed è perfetto per Breakdown, e lì la plastica è perfetta e richiama il bianco sporco del G1. E' pure vero che Lince e Saetta sono quelli che rispetto agli originali hanno la trasformazione e quindi la fisionomia più diversa, e avevano quindi più bisogno di cure, invece quella plasticaccia... >___<

    Avrei visto meglio uno Sideswipe/Freccia con quello stampo, ma non l'hanno fatto che il rosso era già preso da Ironhide, presumo.

    RispondiElimina
  7. L'eva è veramente spettacolare ... c'è da farci un pensierino serio.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Il 'tallone da killer'... oddio cosa mi sei andato a ripescare.
    Bello l'Eva, soprattutto la confezione, é davvero un peccato aprirla.

    RispondiElimina
  10. Occavolo! L'Eva è bellissimissimo (e pure flippotrippissimo) e ci stavo pure facendo un pensierino ma nel summenzionato negozio non l'ho trovato (sbaglio qualcosa io?). Doc, hai per favore dei consigli su dove/come comprarlo? E su che fascia di prezzi siamo (giusto per capire se devo dedicare parte delle mie finanze a quello)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se non è disponibile nello store, se lo chiedi a wargarv te lo procura lui (dovresti trovare il suo indirizzo email nel sito). Prezzo tra gli 80 e i 100 cuccuzzeuros.

      Elimina
    2. Ciao Felson parliamo di oggetti usciti oltre 9 anni fa è normale non li trovi sul negozio dato che sono esauriti da un bel po!
      Se però ti interessa contattami e vedi che te ne trovo su commissione senza problemi! Un saluto :)

      Elimina
    3. Ok, tutto chiaro e grazie ad entrambi :-)

      Elimina
  11. Cioè, come lo batti un (finto) robot gigante con una mitragliatrice a canne rotanti?

    Con un VERO robot gigante con DUE mitragliatrici a canne rotanti ;)

    https://tor0.files.wordpress.com/2008/09/sg-13-getter-1.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O anche solo una,ma più razzuta :D

      http://www.collectiondx.com/gallery2/gallery/d/93915-4/P7196332.jpg

      Elimina
  12. l'EVA che strilla in berserk, gridando Porca Me Stesso! pare bugs bunny travestito.... che dentone ha? :D

    RispondiElimina
  13. Swindle --> "Truffaldino"

    RispondiElimina
  14. Ma dell'EVA 01 non si dovrebbe parlare al femminile?
    Ci sono almeno DUE motivi, uno genetico e uno spirituale. Non dico di più perché è un ROVINATORE, chi ha visto sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dipende da come li chiamano,se usano solo il nome Eva negli anime hanno sempre usato il pronome maschile,mentre quando parlano di Unità Eva hanno sempre usato il femminile.

      Elimina
  15. doc, farai mai una serie di commenti alle puntate di beast wars dei transformer? da quel poco che mi ricordo dalla mia infanzia era abbastanza intrippante con tutti i robottoni che imitavano le forme di vita animali per adattarsi alla terra. una delle prime serie in cgi

    RispondiElimina
  16. Tutta la linea degli Eva spec, ingiustamente passata in sordina, è di gran lunga la migliore produzione che esista per i modlli di evangelion, tra resa scenica, posabilità e accessori.
    Per me numeri uno ;)

    RispondiElimina
  17. Scusate il pdfismo ma Swindle è un combacticon non uno Stunticon...

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails