lunedì 18 luglio 2016

61

Blade Runner 2. No, cioè, "Untitled Blade Runner Project"

Ti arriva un comunicato in cui si parla del nuovo Blade Runner, e tanto basta a farti andare storta la colazione. Ma facciamo finta per un attimo che tutti siano dei George Miller e che un seguito di Blade Runner possa avere un senso, trentacinque anni dopo. Facciamo finta cioè che il mondo sia un posto migliore di quello che è in realtà. Di che si parla?
"Ambientato DIVERSI DECENNI dopo il film originale dell'82, con Harrison Ford che riprende il suo iconico ruolo di Rick Deckard", si legge nel comunicato. E poi "story details are not being revealed". C'è Deckard anziano, insomma, cosa che essendo lui un replicante non dovrebbe essere possibile, ma vabbè, bobbè.

La sceneggiatura di questo "Untitled Blade Runner Project" è di Hampton Fancher, che è uno degli autori di Blade Runner, e di Michael Green, nel cui curriculum figurano la serie tratta da American Gods di Neil Gaiman, in arrivo l'anno prossimo, e il film di Lanterna Verde. Ahia. Ahia i diverticoli.

Il regista è il velocissimo Denis Villeneuve (Sicario, Prisoners) e nel cast, oltre a Harrison Catanonnford, figurano Ryan Gosling, Robin Wright, Ana de Armas, Sylvia Hoeks, Carla Juri, Mackenzie Davis, Barkhad Abdi, Dave Bautista (!), David Dastmalchian, Peppino Caligiuri, Totonno U Squalo e Hiam Abbass. La foto in apertura, quel concept art lì a calorie e fantasia zero, è l'unica ufficiale allegata al comunicato stampa; le riprese del film cominceranno a giorni. Esce a fine 2017, se il mondo esisterà ancora. Detto che un seguito di Blade Runner, in qualche modo, esiste già, cosa ne vogliamo pensare di questa roba senza titolo, in termini di mere vibrazioni? Oppure: c'è qualcuno tra voi disposto a dargli due lire di fiducia e confidenza? Te vai a cercare intanto un alkaseltzer. 

61 commenti:

  1. E' un film di fantascienza in quel mondo. Ancora presto per le vibrazioni, se va bene avremo comunque un film costantemente in ombra rispetto alla prima iterazione. Se va male, fara' compagnia a tanti film sequel/reboot di cui nessuno gia' ricorda piu' niente.

    Fattori positivi: i giovani spinti da curiosita' vedranno il magnifico film originale, e tanto merchandise potrebbe spuntare. Teniamo le dita incrociate :)

    RispondiElimina
  2. #ciaoneRickDeckard #RickDeckardcomeHanSolo
    Secondo me bastano questi hashtag

    RispondiElimina
  3. Secondo me il riferimento a Blade Runner è solo per sviare. In realtà è il seguito di Super Mario Bros.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il seguito dell' omonimo film del '93, per essere perniciosi della fungia.

      Elimina
  4. Avevo visto queste immagino io:

    http://herocollector.com/article/blade-runner-2-concepts

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viste anche queste immagini faccio una debita premessa. Ieri mi sono letto il fumetto di Mad Max Fury Road, non male a dirla tutta. Nel volume c'è la genesi di Nux e Immortan Joe ed anche degli antefatti sulla vita di Furiosa e di Max con cui mettono in linea cronologica i film precedenti e colmano qualche buco sul passato "recente" di Max.
      Detto questo leggendo la prefazione viene alla mente che Mad Max Fury Road è uscito da una gestazione e degli studi interminabili, il tutto sempre sotto l'occhio attendo di Geoge Miller.
      Blade Runner 2 è un qualcosa che solo con un team di sceneggiatori ben indirizzato e sorvegliato da un regista che ha saputo cogliere lo spirito del primo film può diventare un ottimo film.
      Logicamente serve una produzione non invadende e qualcuno che fermi tutti le spinte a rendere gggiovane o meno opprimente un mondo fantascientifico che funziona bene già così.
      Dalle immagini ad oggetto luci al neon + pioggia non si capisce una ceppa riguardo a quello che sarà il film. Il camion stile nettezza urbana un po' mi preoccupa.

      Elimina
    2. Drakkan, puoi darmi qualche informazione sul libro di Mad Max (costo, autori, etc)

      Elimina
    3. Il fumetto è edito da RW Lion e questo è il link che lo descrive:
      http://www.rwedizioni.it/news/mad-max-fury-road/

      Gli autori sono Nico Lathouris e Mark Sexton ma leggendo la prefazione c'è scritto che c'è lo zampino dello stesso Miller.

      Elimina
    4. Dimenticavo, su ebay lo trovi sui 15 euro. Onestamente un po' caro.

      Elimina
    5. effettivamente un po' caro...ma grazie mille per la disponibilità

      Elimina
  5. Ryan Gosling, Edward Norton e a volte pure Ewan Mcgregor per me sono la stessa persona. Forse uno dei tre ha un neo, ma chicazzolosà quale

    RispondiElimina
  6. il link mi rimanda ad un avviso di sito ingannevole.. gombloddo??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il link di Drakkan (ovvio che non è colpa sua) qui sopra. O__o;

      Elimina
    2. Sono le foto pubblicate da Entertaiment Weekly riproposte da un sito legato alla Eaglemoss (indirizzo sopra). Questo è l'articolo orginario:

      http://www.ew.com/article/2016/07/15/blade-runner-sequel-concept-art

      PS: se sono un pacco non ho idea ma mi sembra strano.

      Elimina
  7. A "Harrison Ford riprende il ruolo di Deckard" la timida scimmietta che mi scorazzava sulle spalle s'è inca**ata, è scesa e mi ha detto solo: "Esco. Vado a comprare le sigarette!". Forse non è un buon segno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari ricompare in un cameo di Deckard morto e mummificato per superata data di scadenza

      Elimina
    2. Basta che non l'abbiano trasformato in una specie di "uomo bicentenario" in un improbalissimo melting pot tra ispirazioni Dickiane e Asmioviane :D

      C'è da dire che Ford non è mai stato d'accordo con l'idea che DEckard fosse un replicante...

      Elimina
    3. Ormai stanno invecchiando tutti i grandi robot,vedi anche Termynator Genesis

      Tra un pò mi aspetto Gundumarell col bastone laser

      Elimina
    4. http://2.bp.blogspot.com/-bUunCgkkVJc/UYJoVc63QFI/AAAAAAAEzus/5WtAU7ePzjY/s1600/4444444.jpg

      Elimina
    5. Oh mio dio!!!
      Ormai ho imparato una lezione...fai tutte le battute che vuoi sui personaggi degli anime...ma i giapponesì ci avranno già pensato...e l'avranno realizzato sul serio! XD

      Elimina
  8. Mah, per ora ho poco interesse... Spero che non sarà la dissacrazione di un classico.

    RispondiElimina
  9. Prisoners e Sicario mi sono piaciuti perchè erano visivamente bellissimi (soprattutto il secondo) e con attori in ottima forma. Ma in entrambi i casi la storia mi era sembrata abbastanza "fredda" e fin troppo lineare.
    Quindi sì, ho qualche dubbio su Villeneuve alle prese con il sequel di uno dei migliori film sci-fi in assoluto.

    L'immagine non mi dice nulla, potrebbe essere tratta un film/videogioco a caso ambientato nel futuro :D

    RispondiElimina
  10. Ho gia' detto che (secondo me, eh) il videogioco e' piu' bello del film che a sua volta e' piu' bello del libro?
    Comunque prevedo molta sofferenza per i fan.

    RispondiElimina
  11. Io ho ripensato a questo:
    http://www.i400calci.com/2015/04/ve-ne-siete-accorti-voi/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gigos, questo l'ho ripescato dai filtri, dove faceva compagnia a un commento quasi uguale.

      In linea generale, per cortesia, non postate commenti che si riducano a link più due parole, perché vengono presi dal sistema per spam.

      Elimina
    2. Ah, ecco perché era sparito. Mi scuso per il fastidio.

      Elimina
  12. Io non sono uno di quelli che appena vede un seguito o un remake si schifa,do sempre la possibilità.
    Può uscire male o può uscire bene,solo andandolo a vedere lo sapremo.
    Quello che mi preoccupa però è che non sono più gli anni 80,siamo nel 2016 e il cyberpunk lo stiamo vivendo.
    Connessione internet ovunque,strapotere delle corporazioni,mescolanza di civiltà,paranoia e violenza quotidiana.
    Certo non abbiamo le auto volanti e i replicanti nè parliamo nippoinglese,ma nel mondo di Blade Runner non sanno cosa siano uno smartphone o una connessione wireless.
    Blade Runner era un film in un futuro che avrebbe potuto essere,Blade Runner 2 sarà un film in un futuro che non esisterà mai.

    P.s. o meglio non parliamo nippoinglese...a parte certi fansubber incapaci che in una frase ti infilano 10 termini giapponesi che conoscono solo loro XD

    RispondiElimina
  13. Hype enorme. Per la parodia di Ortolani.
    In ogni caso un fiasco annunciato. Come operazione commerciale forse funzionerà ( sempre se la curiosità non verrà sfogata illegalmente).
    Per fasce di pubblico (rispetto al primo film):
    Appassionati: non sarà MAI all'altezza del primo ( anche fosse il miglior film di tutti i tempi)
    Freddi/tiepidi: continuerebbero ad esserlo, magari riscaldandosi con un pò di flame ( come fanno quando una grande storica del calcio è in difficoltà).
    Disinteressati: se non t'interessa puoi avere pure 12 anni, non vale più " non lo conoscevo". Non t'interesserá nemmeno questo.
    E tutto questo nel caso sia un film migliore del primo....

    RispondiElimina
  14. Mi sono sempre chiesto come minchia facesse Deckard ad essere un replicante quando aveva una vita normale, circondato da gente normale, una ex-moglie e quant'altro. Ricordi falsi impiantati a sua insaputa? E a che scopo?
    Forse la questione del sogno dell'unicorno era volutamente fuorviante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ricordo male anche nel libro lui a un certo punto ha dei dubbi sulla sua stessa natura, ma non ricordo perché... anche se Dick ha detto che il film ha catturato lo spirito del libro, in realtà me lo ricordo molto diverso, il libro nelle scene "quotidiane" era molto etereo, molto solitario, ti dava un po' l'idea che ci fosse un mondo un po' finto intorno al protagonista. O forse è un'idea solo mia e sto dicendo cazzate eh

      Elimina
  15. Viste la grande fantasia di Hollywood e sul suo meschino riutilizzo delle IP di culto per fare cassa, le aspettative sono debitamente sotto lo zero assoluto. Nonostante qualche nome simpatico ci sia. Come ha detto giustamente il Doc, però, non se ne vede davvero il bisogno.

    RispondiElimina
  16. Dunque, Indy 4/Guerre Stellari VII/Blade Runner 2... non è che Ford sta seguendo un tutorial di Aranzulla del tipo "Come mandare a pu**ane la propria carriera di attore?" (ok, in SWVII non era così male, però dai...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Harry ha 74 anni suonati e per questi film lo strapagano, è solo più furbo della media

      Elimina
    2. Lo sai poi che di Indy ce ne sarà un quinto a breve, vero?...

      Elimina
    3. E' una cosa che ho rimos...di che stavamo parlando scusa?

      Elimina
    4. < Non sa / Non Ricorda / Non risponde >

      Elimina
  17. Dobbiamo proprio commentare? #tristezzaapalate

    RispondiElimina
  18. Blade Runner è il mio film preferito: personalmente ho aspettative a zero e mi sto già allenando per quando, una volta uscito, dovró autoconvincermi non esista.

    RispondiElimina
  19. si va bene ma, Stranger things?

    RispondiElimina
  20. Prequel, sequel, reboot... ormai le uniche storie originali vengono prese dai fumetti, il che è tutto dire. Capisco che sia difficile inventarsi ogni volta qualcosa di nuovo, e, soprattutto, meno remunerativo, visto che fare copia e incolla è più semplice e, se qualcosa ha già avuto successo in passato, hai più probabilità che lo abbia ancora, ma prima o poi anche i vecchi classici da ritirare in ballo finiranno... e intanto il cinema lentamente muore...

    RispondiElimina
  21. Di Villenevue mi fido C*I*E*C*A*M*E*N*T*E.
    Lo aspetto, e con ansia pure.
    Doc hai visto Enemy di Villenevue? Se no, te lo consiglio caldamente. Filmissimo.

    RispondiElimina
  22. Mi vogliono rovinare anche questo film mitico, era destino.
    Quasi sicuramente Harrison pretenderà di far morire il suo personaggio anche in questo film secondo la sua geniale strategia del prendi i soldi e scappa. E' sempre stato un vero dritto il vecchio Harry.

    RispondiElimina
  23. Aspettative zero proprio perchè non vedo nessun motivo per girare un seguito. Sarebbe già tanto che riuscissero a fare in film decente.

    RispondiElimina
  24. Secondo me questo sequel sarà una cagata pazzesca (cit.)

    RispondiElimina
  25. Come si fa a fare un sequel senza materiale scritto dall'autore del libro, e fuori tempo massimo? Meglio un reboot, come stanno facendo con ghostbuster (che comunque era solo una gradevole commedia, i paragoni sono improponibili)

    RispondiElimina
  26. Come rispose il parente filosofo di Peter Giffin:
    ... PERCHE'?

    RispondiElimina
  27. Blade Runner, il 1982, Gilles Villeneuve...
    scusate... non posso farcela

    RispondiElimina
  28. Capisco l'attenzione, in tutti i sensi, quando si va a toccare un film del genere.

    pro e contro.

    CONTRO: quando una cosa funziona, perché cambiarla? Perché di fatto, dare un seguito ad una storia che, proprio nel finale incerto, aveva un suo punto di forza, significa riscrivere anche il pregresso.

    PRO: almeno non si tratta di un reboot, che secondo me sarebbe stato peggio.

    MAH: so che Scott ha detto che la sceneggiatura di BR2 è una cosa fighissima. C'è da fidarsi?

    Comunque, io una possibilità la do, poi vedremo.

    RispondiElimina
  29. Visto il successo di Star Wars VII. era naturale che ributtassero fuori pure Blade Runner.

    d'altronde basta fare un film ben fatto tecnicamente e senza nessuno spunto di originalità ed il successo di questi tempi è assicurato.

    RispondiElimina
  30. Sulla necessità di materiale dell'autore del libro non mi impunterei più di tanto, in fondo nei libri di Dick c'è una quantità enorme di materiale per avere spunti, e del resto già le differenze tra il "libro di blade runner" e il film sono notevoli.

    Se non ricordo male il secondo sceneggiatore di Blade Runner non aveva neppure letto il libro eppure, a detta di Dick, riuscirono a catturare "perfettamente" lo spirito del libro

    RispondiElimina
  31. Boh direi proprio che un seguito di Blade Runner non ha senso. Ma dobbiamo metterci l'anima in pace, ormai faranno seguiti di qualunque cosa. Basta pensare che avranno un seguito anche i due film su Bill e Ted che personalmente amo ma che finiscono li, con un giovanerrimo Keanu Reeve.

    RispondiElimina
  32. Ma Hiam Abbass si pronuncia alla napoletana maniera, cioe' "jamm' abbasc'" (=scendiamo)?

    RispondiElimina
  33. Sicuramente lo vedrò, essendo il seguito di uno dei miei film preferiti DI SEMPRE, possibilmente al cinema, ma non nutro grandi speranze, devo ammetterlo!

    RispondiElimina
  34. Tanto lo vedremo tutti...non è che uno ha poi tutta questa libertà di cui si vantano le democrazie moderne! La verità è che la curiosità e il lavaggio del cervello pubblicitario ci impongono alcune cose. Una sarà vedersi questo film. Anche solo per parlarne male che poi è sport nazionale su internet.
    Io comunque voglio credere in questo progetto. Sicuramente più adatto al Ford di oggi.
    Ma i replicanti se non hanno data di scadenza invecchiano? Perchè se non invecchiano allora Ford sarà qualcosa di diverso...non so...un umano sul cui dna è stato progettato Dackard.

    RispondiElimina
  35. In realtà potrebbe avere un senso, dato che il libro aveva tonnellate di spunti non sviluppati nel film.

    Non che ci creda molto, nrl ridiltato finale. ..

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails