martedì 3 maggio 2016

64

Game of Thrones S06E02, il riassuntone

Riassuntoni Game of Thrones S06E02 6x02
Odio i lunedì, cantava Vasco, ma che ci frega, oggi è Riassuntonedì™. Eccoci all'episodio 2 della sesta stagione di Game of Thrones/Il Trono di Spade, "Home". Chi stesse seguendo gli episodi in italiano su Sky, ed è quindi indietro di una settimana, trova il Riassuntonedel 6x01 qui. Tutti i Riassuntoni™ precedenti, invece, quo e qua. Tutto chiaro? Si va? Si va, ché ci son grosse nuove per il campionato di STACCE™. Purtroppo. [...] 
Fan-fa-farafanfa-farafaaaaan… Ricomincia, dopo un anno in cui grazie al cielo ce la si era levata dalle balle, la sottotrama di Bran oltre la Barriera, Doro l'esploratoro storpio con quanto resta della banda dei ranocchi. Evviva. Che culo. Per la gioia, appena iniziata la puntata, hai brindato con la varichina. Ma comunque: dopo una serie di robe all’insegna di un WTF così sfrenato che non ci capiva niente manco Siffredi, Bran si è trovato davanti Max von Sydow incapsulato in un albero. Dice che è un umarell rimasto a guardare i lavori stradali per troppo tempo, c’è cresciuta addosso la vegetazione.
Ritroviamo Bran cresciuto di un altro paio di metri e con gli occhi bianchi della droga: questi giovani debosciati, non puoi lasciarli un attimo da soli che vanno a sballarsi. 
Grazie all’effetto della pasticca di MDMA (Magica Droga di un Maestro di Astapor), Bran è in compagnia di Max Von Sydow Barbalbero nel passato e sta vedendo suo padre allenarsi da bambino con lo zio Benjen, a Grande Inverno, allora castello ancora in costruzione e perciò noto come Medio Autunno. Il piccolo Ned Stark era ai tempi un rEgazzino molto assennato. Con la testa sulle spalle, ohohoh.
Arriva al galoppo anche la zia Lyanna, della quale abbiamo sentito tanto parlare perché tipo ha provocato una guerra e perché Cersei ogni volta che faceva il suo nome, per rispetto, scatarrava in terra.
La visione amarcorda, la parentesi da saranno famorti include anche il piccolo (si fa per dire) Hodor: il suo vero nome è Wylis e i rEgazzini dicono che ha sangue di gigante nelle vene. Probabilmente il resto era cotica di bufalo.
Ma la cosa strana è che Hodor parla normalmente e vuole giocare anche lui allo spadaccino con i giovani Stark.
Solo che poi arriva quella rompicoglioni della vecchia Nan (vezzeggiativo di Catanann), ci buca il pallone e porta via Hodor per un orecchio. "Bella figura, grazie tante!", dice Wylis. "Che cavolo stai dicendo, Wylis?", risponde Nan, facendo la faccia buffa da nano di colore fintobambino.
"Dobbiamo andare", dice il vecchio a Bran. "Ancora un altro po'", si lamenta il ragazzo.
"E NO, REGAZZÌ. La prima pasticca è gratis, le altre si pagano, bello", gli imbruttisce l’umarell spacciatore, facendoci la presa vulcaniana di Spock per zittirlo.
Bran si risveglia sotto l’albero e si ritrova in compagnia di una tizia mostro. "Chi sei tu?", chiede Bran. "Una pheega di legno", risponde lei. "E tu, vecchio nell’albero?", insiste il giovane, "Chi sei tu, che credi di potermi dire quello che devo o non devo fare?"
In cerca di altre risposte, Bran si gira verso Hodor e gli chiede come mai non parli più. "Hodor", risponde l’omone, che vuol dire "Fattiicazzituoi".
Poi i due imboccano l'uscita di emergenza della grotta, premendo i maniglioni antipanico,
e all’esterno trovano Meera, con il suo entusiasmo sempre così contagioso, la sua gioia di vivere sprizzata da tutti i pori, roba che al sabato sera tra i crannogmen si leggeva tutti insieme un libro di Schopenhauer e ci si buttava dal terrazzino.
Una volta Meera frequentava un gruppo di emo, poi ci ha detto Oh, se volete fare tutta questa baldoria io me ne vado, eh, e se n’è andata. "Hodor", dice Hodor, che vuol dire "Toda joia toda beleza".
La pheega di legno le ricorda però che Brandon Stark ha bisogno di lei. Ed è un momento molto toccante, perché quella strana donna glielo dice mentre sta facendo il bisogno grosso dietro un sasso.
Intanto, al Castello Nero, il tempo di traccheggiare è finito per Ser Davos e gli altri fedelissimi di Jon Snow asserragliatisi in una stanza con il cadavere dell’ignorante. "Aprite!", gli dice Thorne da fuori. "I volantini lasciateli al portiere e non citofonate più", prova a confonderli il cavaliere delle cipolle.
Ma serve a poco, perché a) quelli sono determinatissimi e hanno pure organizzato una roba con Edoardo Stoppa di Striscia la Notizia per farsi pubblicità,
b) sono incitati silenziosamente dal malvagio figlio di Satana, il bimbogigi della Kinder, così cattivo che sulle scatole delle barrette di cioccolata dei Sette Regni c’è la foto di lui che ti sputa.
Così Davos e gli altri impugnano le spade e si preparano ad affrontarli, quegli sfaccimmi powered by il demonio, caricandosi a chitemmù. "Spettro, tu pensa al rEgazzino", dice Davos alla belva.
"Stacippa, sono metalupo, mica tutto stronzo", risponde Spettro con un ringhio.
Il piccolo Olly, che si allena tirando i bestemmioni, ricorda invece i giorni felici, prima di tutto questo, quando da piccolo giocava nei prati con Cerbero e andava a tirare i miniciccioli nel girone dei cagasotto. 'Sta cosa che quelli devono sfondare la porta va avanti per un paio di minuti, sembra tipo un’azione di attacco di Holly e Benji, appunto, non finisce mai.
E infatti è fuorigioco: l’attenzione di tutti viene rapita dal portone del castello, mandato in pezzi da un gigante. Mo', hai perso il conto dei giganti morti, ma è probabile che sia un parente del vecchio Naso di Pene. Con lui ci sono il roscio Tormund e gli altri! Arrivano i buoni, cioè i bruti! I nostri, cioè i loro! La cavalleria, cioè la selvaggeria! Per gli insorti del Castello Nero guidati dal viscido Thorne si apre ufficialmente la stagione dei falli senza zucchero, 
come dimostra in modo molto chiaro il balestriere pirla trasformato in piadina.
Thorne viene circondato e prova a placare gli animi raccontando una barzelletta. Tragicamente, sceglie quella sbagliata: la barzelletta dello svizzero, del tedesco e del bruto tontolone non fa ridere nessuno.
"Quando diceva "puttana" e "vecchia stronza" lei alludeva al suo attendente, vero?!", gli chiede Edd Catellani puntandogli una spada alla gola.
L'unico con le palle (fiammeggianti) è ovviamente il malvagio bimbogigi, che si lancia all’attacco, viene immobilizzato e si becca un paio di coppini da esorcista. GROSSO ERRORE lasciarlo in vita. Mo' io ve lo dico, eh.
Jon, in tutto questo, è sempre morto-morto (#credici), e per festeggiare la liberazione del Castello dalla malvagità, la villanzoneria e la sfaccimmitudine, si organizza un bel falò di ex lord comandante. La chitarra e il canzoniere di Battisti li porta Davos, che è più vecchio, le sigarette simpatiche i Bruti. Si sa che oltre confine, su al nord, sono state liberalizzate.
Intanto (2), ad Approdo del Dead Relative, ancora si racconta di quando la regina Cersei ha fatto il numero da Lady Godiva giù in strada. E il pubblico godeva, infatti, e un sacco di rEgazzini son diventati ciechi.
Il guitto ubriaco prosegue e i poveri (che per una legge dei Sette Regni devono vestire tutti di arancione o nelle sfumature marroncino della diarrea) se la ridono.
Ma quando poi il tizio fa a fare un goccio viene raggiunto dal mostro creato da Qyburn per Cersei. Non puoi dire due cagate per la strada, che viene a interrogarti Torquemada.
Dopo aver spalmato il cervello del povero gonzo sul muro, come fosse spuntì al gusto tonno e materia grigia, il mostro torna da Cersei. Me-éh-e-éh-e, dice, come il Frank di Carletto il Principe dei mostri, mentre Cersei gli riempie la ciotola dei croccantini. Ad Approdo del Re si spendono soldi in ricerca, altro che storie.
Un'intera squadra di poveristronzi senza nome cerca di sbarrare il passo a Cersei e al suo bodymostroguard, per impedire alla donna di partecipare al funerale della figlia. A un momento che per lei vuol dire commozione, dolore e copula incestuosa.
 Per un attimo sembra che il mostro che un tempo era la Montagna stia per ammazzarli tutti, ma poi Cersei rinuncia, ubbidisce agli ordini di suo figlio e torna dentro. Peccato, pensavi volassero gli schiaffoni a mano aperta con gli effetti sonori dei film di Bud Spencer, i mobili sfasciati e la musica di Bomber.
Nessuna vittima, solo una dozzina di pantaloni da cambiare.
Il re Tommen, la stella dei Giantsen, e suo ziopadre stanno intanto (3) vegliando sul corpo di Myrcella. Sarebbe una scena triste, non fosse che anche loro…
…faticano a trattenere le risate di naso davanti agli OCCHI SCHERZONI DELLA MORTE. Ma oh, ogni terra ha le sue usanze. A Lannisport, per dire, ai morti ci mettevano direttamente il nasone coi baffi finti di Groucho Marx.
Jaime chiede al figlionipote come mai non abbia permesso che Cersei partecipasse alla festicciola, e lui gli spiega che loro non lo consentono. Loro sono i religiosi, che in questa città e in questo paese mettono ancora becco ovunque, non si fanno mai i fatti propri, pretendono di dettare leggi che riguardano tutti, non solo a chi crede nelle loro storie, perché non digeriranno mai il concetto di uno stato laico. E questa è l’Italia, ora torniamo ad Approdo del Re, scusate.
Jaime, in quanto burattino senza fichi, rimedia uno STACCE™ pure da quel bamboccio di suo figlio.
Ormai pure quando va a prendere il giornale, pure se scende a pisciare il cane o la Montagna: lo zittisce chiunque.
Arriva l’Alto Passero, fratello di una molto pheega chiamata la Slanciata Passera, e continua con le sue storie super teocon per cui finché non confessa, la reginella Margherita non la rilasciano. Tutto il pubblico davanti allo schermo, all’unisono, incoraggia il piccolo re idiota a tirare fuori una volta per tutti gli attributi, far passare al fil di spada quell’indisponente straccione fintopauperista (e/o fargli scomparire quel sorriso da ebete a frustate) e salvare la moglie, gettando giù da una scogliera a calci in culo chiunque si opponga alla cosa. Dite che basta? Sì, dai, basta. Dai, su!
Ma allora è finita che Tommen è un figlio di consanguinei, con il quoziente intellettivo di una gallina che ha preso troppe botte in testa e il coraggio di un troll caghella di Internet. Booo dagli spalti, lancio di motorini in campo, panolada e bandiere della democrazia settedeiana bruciate in curva.
Ma anche il vecchio straccione sudicio ha qualcosa di interessante da dirci, per quanto possa sembrare incredibile. Andato via Tommen, racconta infatti a Jaime il perché delle pietre con gli occhi scherzoni: servono a non aver paura della morte e non presentarsi nell’aldilà con gli occhi arrossati o cisposi.
Ok, Jaime, tuo figlio è un minchia. It’s a fact. Ma almeno tu, un moto d’orgoglio, e piantagli una spada nel petto, eghe.
Sì! Così! Massiccio e incazzato! Dagli addosso! Va bene anche una cinquina fortissima con la mano finta! Mandalo ad abbracciare i sette dei, ché magari si trova davanti R’Hrllor il signore del fuoco e si accorge di aver sbagliato tutto! Vai!
Ci starebbe pure un mezzo STACCE™, piuttosto fiacco, ok, ma te lo diamo per buono perché siamo con te. Su! Coraggio!
Ma niente. Quello, campione regionale delle facce di culo e sempre tizio che deve morire malissimo, si è portato le guardie del corpo, una squadra intera di fanatici religiosi con la ruota della fortuna incisa in fronte.
ControSTACCE™, il nove e il bove, gioco-partita-incontro-muto:
e questi maledetti stronzi cattocomunisti ce li dobbiamo sciroppare minimo per tutta la stagione. Che due coglioni moltiplicati per sette (= quattordici coglioni).
Intanto (4), Tommen è andato da sua madre a chiedere perdono. Lei fa la faccia mariomerola e ci dice 'O zappatoRE, nun sa scorda 'a mamma!
Addenócchiate...e vásame sti 'mmane! Pampara-mpara-mparapa zan-zan.
Intanto (5), a Meereen, si continua a parlare di peni e di vino,
in compagnia di DUE EUNUCHI. E della ragazza di uno dei due. Tyrion viene insignito all’istante del premio Sensibilità e tatto.
La situazione, lì dove il Mare Stretto luccica e spira forte il vento, è rosea: la regina s’è data, la flotta è stata bruciata e tutto il resto della Baia degli Schiavi, fino ai confini con il Golfo di Policastro, è tornata in mano ai maestri, grazie al nuovo concorsone di Renzi.
E dopo aver rivolto uno sguardo di disprezzo al suo uomo, cogliendolo sul fatto mentre cercava di infilarsi del cotone nelle mutande,
la perata Missandei spiega che pure i due draghi ancora incatenati non se la passano bene. Non mangiano da quando è andata via la Ciglioparrucca, ché nessuno di loro ricorda la marca delle scatolette giusta.
Tyrion spiega allora che i draghi vanno liberati, per farli vivere bene. Che è un po’ come dire che se spargi per il salotto il tuo allevamento di tarantole e dai fuoco al divano poi guarderai meglio i film su sky, ma oh, ognuno. D’altronde, Tyrion non vuole mica andarci lui, dalle bestie. Chiama Missandei e le dice Ciao ciao belle tettine, scusami se parlo male, ma dei draghi te ne occupi te. Ciaone. Son tutti frosci col culo degli altri.
Senza offesa, Varys. Al terzo "Scordatelo, Magic Johnson", accompagnato da un gesto dell’ombrello, Tyrion intuisce però che dovrà mettere in pratica la sua gloriosa idea da solo, e scende nella tana dei draghi.
"Tuttappò", si ripete per darsi coraggio, "Una volta al baretto di Lannisport mio cugggino ha finito Dragon’s Lair alla prima partita".
Uno dei due draghi, felice della visita, lo accoglie con un rutto che per poco non gli dà fuoco.
Mentre perde il controllo della propria vescica, Tyrion prova ad accattivarsi le due belve, dicendo che è un amico della loro madre. Un amico intimo, che…
Ahia. I draghi se ci tocchi la mamma si incazzano come bestie. Poi però Tyrion recupera, perché libera uno dei due, incatenato con un sofisticatissimo collare:
tiri un paletto con due dita e alè, fatto. Meno male che i draghi non hanno pulci, o quelli capace che si liberavano alla prima grattatina. "Sono animali intelligenti", ha detto poco prima Tyrion. Uh, guarda. Se il tuo cane lo legavi con un sistema del genere, si scioglieva dopo tre secondi e ti portava il collare in bocca con un’espressione sprezzante da "Ciupa, cretino" dipinta sul muso.
Intanto (6), Arya è talmente cieca che non si è spostata di dieci centimetri dal vicolo dell’altra volta. Continua il suo apprendistato da mendicante della banda degli zingheri,
e continua a prendere mazzate dalla secchiona, la EliaseTisini della classe. Botte da orbi, ohohoh.
Poi arriva Jaqen Giacchett Giacominz Sqatarr, che continua con i suoi discorsi in terza persona da calciatore degli anni 80 e cerca di tentarla, offrendole un tetto sotto cui dormire e tre saccottini del mulino bianco scaduti solo da un mese. Lei però resiste: corso superato, promossa, bravappapà, se porti una buona pagella a fine anno ti regaliamo la sordità. Dalla gioia, Arya vorrebbe chiamare a casa e dirlo ai parenti, poi si ricorda che glieli hanno ammazzati quasi tutti. Peccato.
Intanto (7), su al Nord, Sir Bolton lo sciupafemmine e scuoiamaschi sta facendo i conti con la strage di suoi sgherri provocata da Brienne e Podrick. Ora, Bolton, il cugino del cantante, potrebbe essere seriamente il nostro candidato campione di STACCE™ per la stagione in corso. Potrebbe. Ne volete una prova? Appena coso, lì, Ramsay la carogna, prova ad aprire becco…
…pèm!, dietro le orecchie.
Ma quello, perché è un sadico bastardo, ci riprova. Oh, pa’, perché non attacchiamo il castello nero. Prendiamo la Panda 4x4 di Renatone, facciamo il pieno di gas e po…
ripèm!, questa volta in faccia. Dice: beh, ma ora ha capito, no? No. Insiste: dalla loro parte ci sono gli Umber, i Manderly, i Karstark, i Vallefrasca, i Mignoletti, quelli che abitano nel sottoscala della panetteria, i Franzullo, i Cicciolini, i Monteviggiani, i Passalovo, i…
terzo STACCE™ in meno di un minuto. Leader provvisorio del torneo! Sa-lu-ta-te il ca-po-lis-ta!
Ma in questa famiglia di bastardi e scuoiatizi, finalmente una buona notizia: Lady Walda, della casata del Capodoglio, ha finalmente partorito il nuovo erede di casa Bolton. Un maschio.
Poi il viscido bastardo abbraccia il padre, che si lascia abbracciare solo perché non ha mai visto la prima mezz’oretta de Il Gladiatore.
E infatti. No, niente, ri-sa-lu-ta-te il capolista, stavolta per sempre, ché come l’altro ex campionissimo di STACCE™ ha subito lo sfortunato incontro tra un’arma e la sua panza. "Certo che te sei proprio un bastard…", prova a dire Bolton Senior, prima di spegnersi canticchiando When a Man Loves a Woman.
Proprio vero che certi bambini si ingelosiscono quando la cicogna porta un fratellino.
Va detto che il figlio di Walda e Bolton, Walterino, è davvero grazioso per essere un piccolo alieno di X-Files.
Intenerito dalla vista di quel criaturo, per rallegrare il fratellino e la matrigna, Ramsay li porta a fare un bel giro del canile.
Dov’è Lord Bolton?, continua a chiedere quella, poveraccia,
e Ramsay, di nuovo nei panni del supervillanzone che "detiene il dottorato" (cit.) in STACCE™, tira fuori una doppia risposta che avrebbe reso orgoglione suo padre, se non l’avesse ammazzato a tradimento.
Non c’è trippa per gatti, insomma, ma per i cani sì. Avoja.
Intanto (8), Briennhulk, Boy Georgia Sansa, Theon Senza e Podrick, lo Stallone Payniano, stanno scambiando due chiacchiere nel bosco. Brienne chiede a Sansa com’è andata a Grande Inverno, la ragazza risponde che per il contraccolpo non ha più le tonsille. Anche Theon non è più lo stesso e si strugge per il suo grave problema,
la forfora a mazzi. Perciò si vergogna e se ne torna a casa.
Parlando della qual cosa, in quel suggestivo posticino che sono le Isole di Ferro, intanto (9), suo padre e sua sorella Yara discutono come al solito delle loro partite a Monopoli sul continente, sotto lo sguardo severo di una statua del polpo Paul.
Yara resta femminile nella sua versione telefilmica alla Ricky Memphis quanto un camionista dell’Arkansas campione di rutti.
suo padre un Terence Hill più anziano e malvagio. Balon la zittisce, perché anche lui non ha visto la prima mezz’oretta de Il Gladiatore e quanto è successo poco prima. Non porta bene, a Westeros, cazziare i propri figli. "Se non vuoi che tiri fuori un altro erede al posto tuo", le dice, “shut your mouth and obey”. E lei lo fa
Poco dopo, il vecchio re Balon ha questo commovente incontro con il fratello a lungo creduto morto, Euron, e se ne stanno a parlare lì sul ponte di corde e assi cigolante di Dark Souls, sotto la pioggia e il vento, perché alle Isole di Ferro dei reumatismi se ne sbattono il piovrino.
Durante la sua assenza, va detto, Euron Greyjoy ha mantenuto l’umiltà che lo ha sempre contraddistinto. E dopo aver finito le pose da spararsi, scaraventa di sotto il fratello.
Oh, glielo si era appena detto che fare lo stronzo in famiglia non porta bene. Dice che hanno speso tutti i soldi della stagione per gli effetti speciali dei draghi, mo’ devono sfoltire parecchio il cast. O campa cavallo che la panza di Martin cresce.
Il funerale, senza occhioni scherzoni e altre pacchianate del sud, si svolge in modo sobrio, ci mettono al morto un impacco d’alghe della dottoressa Tirone e poi via, a mare.
Segue discussione sulla successione al trono fra Yara e il vecchio pazzo leader spirituale Capelli Bagnati, seguace di Gigino col Gel. Per comodità, i due ne discutono immersi fino alle cosce nel gelido mare del Nord. Reumatismi? 'Sto polpo.
Al Castello Nero, intanto (10), Melisandre è tornata giovine grazie alle creme comprate da sephorah a centocinquanta carte l’una.
Davos va a trovarla e ci dice Signorì, scusasse, mica mi potete resuscitare a gionsnò? È tanto ‘nu bravo guagliò
La donna in rosso, catananna en travesti, è però perplessa e pure depressa, non sa più a chi credere, come Biagio Antonucci nel '93.
Davos prova allora a convincerla con il suo pragmatismo agnostico e pronunciando più volte la parola "fOck",
così quella accetta e ci fanno la magarìa al cadavere di Jon Snow, pronunciando le parole magiche di un arcano e incomprensibile rito di magia nera:
E quando sembra ormai che la macumba non sia servita a niente, Jon si risveglia. Oh, per quello lì famoso hanno aspettato tre giorni per vederlo resuscitare e tutti a gridare miracolo miracolo, qui dopo tre minuti si son già rotti i maroni e sono andati via. Eghe.


I Riassuntoni™ di Game of Thrones tornano martedì prossimo. As come sempralways, se questo vi è piaciuto a) commentate, b) fatelo girare su tutti i socialcosi che conoscete, plìs.

I RIASSUNTONI™ PRECEDENTI LI TROVATE TUTTI QUI

64 commenti:

  1. Ma il regolamento consente di chiudere un round di STACCE™ a coltellate nella panza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo se mentre lo fai dici "Il nove e il bove".

      Elimina
  2. La comodità di godersi 'sta camurrìa tutte le settimane, per di più facendosi anche due risate, senza dover per forza sorbirsene una puntata non ha prezzo: grazie Doc! (E voto 11 per la citazione Brullonullica! :D )

    RispondiElimina
  3. In realtà dicono che Wylis/Hodor ha sangue di gigante, non di drago...

    RispondiElimina
  4. Sbaglio o i ragazzini dicono che Hodor ha sangue di gigante e non di drago?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho corretto il refuso tipo venti minuti fa, prima che iniziaste a leggere, temo. Usate il potere del refresh :D

      Ringrazio comunque Nicola e obo per la segnalazione (thanx, guys) e ne approfitto per chiarire una cosa: please non fatela a peperini se qualcosa nel raccontone è diverso, il nome del personaggio secondario Y è in realta Yz, manca la battuta X o whatev. Questi sono riassuntoni di ridere, fatevi due risate.

      E sì, una parola del pistolotto precedente è sbagliata di proposito, per vedere chi è tanto PdF che lo dobbiamo spedire a prendere il nero alla Barriera. :D

      Elimina
    2. Doc comunque hai scritto raccontone e non riassuntone...and now my watch begins!

      Oh eccola la pubblicità progresso fuorviante, da bambino mi inquietava così tanto che ho iniziato a drogarmi

      Elimina
    3. Eh lo so che era un commento da Topolino però l'ho scritto pensando alla povera mamma di Hodor, che già il gigante è dura, il drago poi.

      Elimina
    4. ero convinto fosse un refuso e volevo solo segnalartelo :p

      Elimina
  5. Come se la sono giocata bene 'sta cosa di Jon Snow: lo sapevano TUTTI come sarebbe andata a finire e non sono riusciti a giocarci nemmeno un po', dopo due puntate BUM Jon Snow riciccia. Domanda però: Beric Dondarrion ogni volta che respawnava al falò si dimenticava le cose, Jon Snow essendo ignorante e analfabeta che dimentica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non penso sia analfabeta, è cresciuto assieme agli Stark e ha ricevuto la loro stessa istruzione. Però sì, dovrebbe perdere una parte di sé.

      Elimina
    2. Jon l'Analfabeta è il suo affettuoso nomignolo da queste parti, perché... beh, "non sa niente" ;)

      Elimina
    3. Se gli va bene dimentica Ygrette e si fa un giro sulla super milf!

      Oppure si dimentica della sorellastra Sansa e quando questa arriva alla barriera la manda via. Nel karma di Sansa ci starebbe! :)

      Elimina
    4. No Daygod, no! Povera Sansa, ne ha già vissute abbastanza.

      RIguardo a Jon: magari dimentica il suo essere Analfabeta e diventa un genio (e saprà tutto!).
      L'escamotage per farlo uscire dalla confraternita però è stato veramente telefonato.

      Elimina
    5. non mi pare che Beric avesse amnesie. più che altro, portava per sempre i segni delle ferite sul suo corpo ...

      Elimina
  6. Secondo me a Milfisandre è andata bene.

    Più che la resurrezione, il rito che aveva visto lei doveva essere un semplice shampoo e taglio da 15 carte!

    Quindi si preannuncia un altro combattimento totale al Castello Nero, che il set lo hanno già e risparmiano sul budget.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la differenza principale tra libri + fumetti con i film è che coi primi non devi pagare effetti speciali, set e costumi !

      Elimina
  7. Secondo me, il vero campionissimo di STACCE è Hodor l'immortale!

    RispondiElimina
  8. Sono l'unica che spera che Sansa si risvegli un po' da questo stato comatoso per cui tutti possono fare di lei quello che vogliono e decidersi a tirare fuori gli attributi di famiglia?

    La trama di Bran servirà a scoprire finalmente chi è la madre di Jon?

    E Rickon che fine avrà fatto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel dubbio, anche se non so se rientra nella categoria, lo metto sotto

      SPOILER

      Secondo me Jon non conosce entrambi i suoi genitori. Credo che la madre di Jon sia Lyanna e il padre il Re pazzo Targaryen che l'aveva rapita. In realtà quindi Ned era lo zio, che ha nascosto le origini di Jon, che altrimenti sarebbe stato messo alla griglia come tutti gli altri Targaryen.

      FINE SPOILER

      Elimina
    2. Spoiler....


      Hm no... Non è il RE Pazzo ad averla rapita ma il figlio Reaghar [o come si scrive] visto un po' da tutti come la vera manna dal cielo rispetto al padre completamente bruciato...
      Fine Spoiler

      Elimina
    3. Sì, ho confuso i personaggi. Anche se pure Reaghar avevo capito che non ci stasse tanto con la testa! :)

      Elimina
    4. Assolutamente non il re pazzo, ma il principe Rhaegar Targaryen ;)

      Elimina
    5. Nope lui ci stava eccome, tanto che anche i suoi nemici lo ricordano come una figura positiva ;)

      Elimina
    6. A Robert Baratheon non piace questo elemento! :)

      Cmq sì, ho confuso i personaggi e sono un po' condizionato dal fatto che i Targaryen mi sembra siano visti tutti come un po' pazzerelli, ma magari ho travisato io le parole di alcuni personaggi.

      Resta comunque il succo di quello che penso, quindi Jon sempre bastardo è, ma non proprio uno Snow!

      Elimina
    7. Però L+R=J è troppo facile!!!

      Che poi: quanti figli bastardi dei Targaryan ci sarebbero in giro (se consideriamo anche l'ipotesi TL)?

      Elimina
    8. Robert era accecato dall'ira e lo voleva secco, lui amava Lyanna ed era convinto fosse stata rapita e stuprata a piu ripetizioni...ma non era esattamente così ;)

      Elimina
    9. [SPOILER]
      @Daygod:
      e` lasciato intendere che con diverse centinaia di anni di inbreeding molti Targaryen non ci stessero tanto con la testa. Raeghar era un'eccezione, cmq.

      e probabilmente ti confondi con Tyrion: lui sì che ha qualche probabilità di esser figlio del Re Pazzo.
      [FINE SPOILER]

      Elimina
    10. "Re Jaehaerys una volta mi disse che follia e grandezza sono le due facce della stessa moneta. Ogni volta che nasce un nuovo Targaryen, disse, gli dèi lanciano in aria quella moneta, e il mondo trattiene il fiato aspettando di vedere su quale faccia cadrà."

      Elimina
  9. L'attore che fa Euron non mi piace, più che il fratello di Balon sembra suo figlio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anfatti ... io speravo in qualcuno con un taglio più cialtronesco alla Errol Flynn :)

      Elimina
  10. "Davos va a trovarla e ci dice Signorì, scusasse, mica mi potete resuscitare a gionsnò? È tanto ‘nu bravo guagliò." Esattamente così.
    HAHAAHHA! :D

    RispondiElimina
  11. Comunque R+L = J (e magari M) ce la stanno iniziando a far assaggiare eh..

    RispondiElimina
  12. Be' Melisandre si è rimessa a fare la parrucchiera e ha funzionato, dopotutto "Volevo un negozio di tagliato ai capelli". (cit. Riassuntone 5 x 10)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, non l'ho citata perché pensavo non se la ricordasse nessuno #einvece :D (grazie!)
      http://docmanhattan.blogspot.it/2015/06/game-of-thrones-s05e10-il-riassuntone.html

      Elimina
    2. No, la parrucchiera di Asshai era rimasta impressa nella mia mente. Ho pensato proprio in diretta oh allora il Doc aveva ragione.
      L'altra cosa che ho pensato durante la scena con Euron è che due anni fa cantava le canzoni sceme all'Eurovision Song Contest.

      Elimina
  13. E lo hanno fatto resuscitare la domenica della pasqua ortodossa xD

    RispondiElimina
  14. ma sei impazzito, Doc? Quando hai scritto che la parentesi Saranno famorti includeva anche Hodor mi hai fatto temere che pure lui sarebbe finito tra questi ultimi. Non si gioca coi sentimenti della gente.
    Per il resto grandissimo riassuntone, as usual, anche se non ho capito cosa c'entra Candy (forse per gli occhioni scherzoni?).

    ps: ritiro la mia pur fiacca difesa di Bimbo Gigi. Con quella faccia non può che essere il figlio del demonio

    RispondiElimina
  15. La scena coi draghi mi è piaciuta molto, anche se la fiammella mi ha ricordato una caldaia (mi sa che l'avevi già fatto questo paragone, può esse?)
    Il campionato di Stacce non è più quello di una volta, dopo i ballotini e gli scandali

    RispondiElimina
  16. Doc, riassuntone d' applausi, ma ormai non ci sono più gli stacce di un tempo, quelli dell'orapiuchemai andato mark knopfler Bolton, della nonna tyrell, e soprattutto del vecchio Carlo Danza.

    RispondiElimina
  17. Certo tutti quegli Stronzi nelle famiglie mi ha fatto pensare a questo:

    https://youtu.be/CXd2K2ViGaY

    RispondiElimina
  18. Ma "detiene il dottorato" è una citazione di Daw, l'amore della mia vita?!? Sono morta dal ridere come sempre. GRAZIE!

    RispondiElimina
  19. Personalmente, ci sono rimasto così male quando mi sono reso conto che la vipera figlia di Raoul Bova è anche la protagonista di Mia and Me, serie per bambini seguitissima da mia figlia, che quando appare lei non riesco a seguire GOT con la giusta attenzione.

    RispondiElimina
  20. Per me il "non è detto che tu succeda a tuo padre" era superstacce poi decide il doc ;)

    RispondiElimina
  21. Scusate, ma dopo tutta la querelle sulla scena di Sansa della scorsa stagione

    [SPOILER]
    Solo io ho trovato eccessiva e gratuita la scena di Ramsey nel canile? Magari perchè ho un bimbo piccolo, ma l'indugiare nella preparazione dell'atto, quei particolari, quei dialoghi, benchè siano plausibili per un personaggio come Ramsey, io li ho vissuti come una tortura nei confronti dello spettatore. Onestamente sono scene come questa che mi fanno sentire preso in giro dagli sceneggiatori. La HBO non avrà limiti, ma a volte mi sembra proprio che certe scene siano scritte solo per inorridire o titillare il sadismo di chi guarda. Non le vedo funzionali al racconto, ma solo al portafoglio. Che Ramsey fosse capace di nefandezze simili lo sapevamo tutti anche senza che ci fosse il bisogno di scendere così in basso. Anche la "strage degli innocenti" di Joffrey fu pesante, ma alla fine era come guardare un dipinto del 700, La mano calava ma era tutto funzionale al racconto e durava una manciata di secondi. Ieri ti hanno costretto a guardare una scena di 3 minuti nella quale speri fino all'ultimo secondo che ci possa essere speranza. Non raccontatemi che questo è raccontare una storia. Scusate lo sfogo, ma vorrei sapere se ha preso così solo a me.

    [FINE SPOILER]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì. Solo a te.
      va narrata la crudeltà di Ramsey, e mi sembra azzeccatissimo.
      Hai visto bambini carbonizzati e passati a fil di spada on screen, qui hanno avuto anche la premura di far accadere il tutto fuoriscena. Che altro pretendi?
      Io anzi immaginavo che il pupo sarebbe finito male mentre era inerme tra le braccia dello zietto.
      Son stati pure buoni

      Elimina
    2. Non credo che il fatto di mettere fuori scena l'atto in se sia stata una premura, visto che la cosa orribile succede prima. La crudeltà di Ramsey la puoi narrare in mille modi, ma questa è solo la mia opinione.
      In ogni caso se pretendi di sapere che sia stato l'unico a provare certe sensazioni bontà tua, ma puoi anche stare più calmino.

      Elimina
    3. L'effetto che una scena produce su uno spettatore ha sempre margini di soggettività.

      Dal mio punto di vista, credo che non sia stata una scena fine a se stessa o mal costruita. Sapevamo dall'annuncio del suo arrivo che fine avrebbe fatto il mini-Bolton.

      Ci può stare che a te abbia suscitato sgomento, ma ciò che descrivi, la speranza che le cose andassero diversamente, penso fosse voluta e ci sta.

      GOT è una serie che secondo me spiazza perché secondo me non siamo tanto abituati a vedere un fantasy così violento. Paradossalmente, credo che se fosse una serie storica, ci farebbe meno effetto, benché la storia sia piena di efferatezza simili.

      Elimina
    4. Anche per me è stato pesante. Ho cambiato canale in quel momento perché sapevo perfettamente come sarebbe andata a finire e non ce la facevo, sarà, anche per me, perché ho una bimba piccola, ma hanno indugiato troppo. Inoltre un conto è un bimbo passato al fil di spada (credo sia una morte veloce), ma sbranato dai cani la trovo più atroce.

      Quello su cui si sta esagerando è mostrare la pazzia e la crudeltà gratuita di Ramsey, indugiare su questa: sappiamo che è pazzo e che è crudele, potevano farla finire prima, tanto avremmo comunque immaginato e l'immaginazione è potentissima.

      A me aveva disturbato anche il rogo della figlia di Stannis, bastava staccare prima e lasciare al lettore l'immaginazione.

      Elimina
    5. @Daygod

      Capisco il tuo punto di vista, soprattutto perchè spiegato civilmente, ma intendevo proprio dire che la speranza generata dalla lunghezza della scena e il dialogo, benchè flebile, è proprio la cosa che fa stare peggio. IMHO continuo a vederla come una forma di sadismo sullo spettatore, cosa che fà ODIENS.
      Allo stesso modo penso che se avessi visto la scena tre anni fà l'avrei vista in modo forse diverso, quindi ti do ragione sulla soggettività dell'esperienza.

      @Data79
      È esattamente quello che ho pensato io, indugiare troppo. Mi consolo pensando di non essere stato l'unico. Ti sono vicino Bro. (e coetaneo)

      Elimina
    6. secondo me Ramsay è un personaggio inutile come un cu*o senza il buco. Vabè è sadico, è perfido, è psicopatico. Sai che novità.se voglio leggere una roba tipo saw l' enigminkia mi leggo altri autori , mi risparmio migliaia di pagine e non svacco una serie che funzionava almeno fino a un paio di libri fa per massacrare gratuitamente personaggi .


      Che poi, la cena con delitto è tutt' altra faccenda, è una sorpresa, sconvolge la trama, si svolge in un solo capitolo. Questo pistola di Ramsay invece non serve a nulla e la mena lunga per un bel tocco. A mio avviso una nota dolente della serie e una noia senza fine. Detto questo , francamente non mi impressionano le scene di vuolenza e nemmeno questa, l' ho solo trovata noiosa gratuita e scontata. Anche perchè una volta abituati al peggio , ci si assuefa e il resto passa in secondo piano.

      Elimina
    7. casper, la penso come te. Ma dato che il mio commento sarà molto più pepato del tuo, e non voglio "sporcare" quanto da te detto educatamente, leggi sotto, se vuoi.

      Elimina
  22. La puntata ormai non è che il trailer del Riassuntone che se la magna a colazione. Trappa rentesi ormai l' hai mandata talmente in vacca che trovo impossibile restare serio quando succede qualcosa di tragico. Quando vedo Ciglioparrucca poi mi scompiscio automatico come neanche con Pippe Bauda.

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  24. https://www.youtube.com/watch?v=IVm_XmOrzag#t=02m28s

    RispondiElimina
  25. W i Riassuntoni!
    Però mi aspettavo la battuta per la fugace scena in cui, mentre il primo accende il fuoco, Podrick e Theon sono uno di fronte all'altro: "fare metà per uno basta e avanva!"

    RispondiElimina
  26. Ma di Tyrion sempre più identico a Massimo Ciavarro ne vogliamo parlare?

    RispondiElimina
  27. ...e comunque la frase "I drink and I know things" io me la faccio stampare su una maglietta!
    Tyrion tra i favoriti del torneo (come sempre eh).

    RispondiElimina
  28. Allora, visto che vedo la puntata doppiata in italiano, per evitare spoiler posso commentare solo ora. Mi scuso fin d'ora per il linguaggio un po' forte che userò, e se il Doc lo riterrà eccessivo provvederò ad eliminare il commento. Comunque, ECCHECAZZO! Ma non staremo un filino esagerando? La scorsa stagione Stannis che riserva quel trattamento alla figlia, adesso il piccolo Bolton fatto fuori così! Ma è proprio necessario? O è solo un trucco meschino e di bassa lega per far parlare del prodotto (o quanto siamo fighi! O quanto osiamo,noi! O quanto adoperiamo ardite provocazioni! MA ANDATE AFFANCULO!)? Cioè, almeno sui bambini potremmo darci una regolata? Veramente si pensa che questo faccia di un libro (o una serie tv) un prodotto migliore degli altri? Personalmente io sono in ballo e continuerò a ballare, ma perché sono uno stronzo. Se dovessi essere fedele alle mie convinzioni manderei la serie a cagare da ora. Ma se anni fa mi avessero detto che in una serie avrei potuto vedere una bambina mandata ad ardere viva dal padre, ed un neonato dato in pasto ai cani dal fratello, non avrei mai cominciato a seguirla.

    RispondiElimina
  29. Gli occhi scherzoni della morte mi hanno steso. Grazie, doc. :-D

    RispondiElimina
  30. Ma il re delle isole di Ferro non era morto quando Melisandre aveva fatto la maiga con le tre sanguisughe bruciate dopo che avevano bevuto il sangue del figlio illegittimo di Robert Baratheon?

    RispondiElimina
  31. adoro.. sei geniale... ti scopro solo ora... addio ore di sonno..

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails