martedì 12 aprile 2016

388

Antro Impossible Patrol: Missione 8

Ed eccoci finalmente alla nuova missione dell'A.I.P., la Pattuglia dell'Impossibile: un'altra avventura attende un gruppo di antristi pronti a tutto. Ma prima, come sempre, il ripassone obbligatorio delle REGOLE. Partecipano alla missione solo gli eroi indicati dopo l'incipit. Questi antristi dovranno portare avanti la storia. Dovranno organizzarsi e collaborare per a) affrontare la minaccia, b) tirarne fuori una storia bella da leggere. Per chi gioca, lo scopo, ricordiamolo, è rispettare caratteristiche e indole dei propri personaggi e cercare di rendere la trama più convincente possibile: far sembrare la battaglia e tutto il suo contorno un vero fumetto Marvel. Tutti gli eroi convocati dovranno aprire ogni commento con il tag [NOME EROE - IN MISSIONE]. Dopo ogni commento in missione, aspettate un po' per vedere come e se interagiscono i vostri compagni di squadra. In caso di commenti scritti in contemporanea o quasi che si contraddicano, mettetevi d'accordo per cancellarne uno e ripostarlo modificato. In caso di dubbi, guardate quanto è stato fatto, molto bene, nelle missioni precedenti. Gli eroi non convocati possono invece, se vogliono, discutere l'evolversi della storia, dare dei suggerimenti, fare semplicemente il tifo. Tutti i commenti dei non convocati non devono però avere alcun tag e devono essere incasellati come risposte ai commenti di chi è in missione. Per agevolare la lettura della storia, insomma, chi non è in missione deve usare i commenti nidificati, vale a dire cliccare sul tasto RISPONDI sotto a un commento precedente, anziché creare un commento nuovo. Chi non è in missione, inoltre, scriva commenti BREVI ed eviti precisinate della fungia. Ricordate infine che verranno visualizzati di default sotto al post solo i primi 200 COMMENTI; se si supera quel limite, per vedere i successivi cliccate sulla scritta CARICA ALTRO. La missione avrà termine con un apposito annuncio quando Sole Ardente la riterrà completata, o in ogni caso entro le ore 20 di domani sera (mercoledì). Tutto chiaro? Si parte! [...]

MISSIONE 8

Il mutante noto come Sole Ardente aveva un mal di testa così amazing che sulla boccetta delle aspirine c'era una foto dell'Uomo-Ragno. Aveva sentito parlare di una roba chiamata Guerre Segrete, l'universo distrutto e ricostruito daccapo, ma lui non ne sapeva nulla, aveva dormito per tutto il tempo. Boh, proprio non c'aveva fatto caso. Palingenesi: quale filosofo presocratico ne parlava? Anassimandro? Non era importante. Nulla ammazzava di più un appuntamento con una bella pheega che mettersi a parlare di filosofi greci morti duemilaecinquecento anni prima.
Il mutante noto come Sole Ardente capì che quella storia delle realtà parallele scomparse non era davvero finita, per due motivi. Il primo era che il telefono interdimensionale rub... preso in prestito all'odioso Richards funzionava ancora, e la Jean Grey regina nera del Club Infernale di Terra-S3X continuava a mandargli foto sconce. La seconda è che sul terrazzo c'era di nuovo quell'omone seminudo in mutande.

"Cosa diavolo vuoi ancora, Uatu?"
"Sono Utau, suo cugino, ci siamo presentati già l'altra vol..."
"Ti do tre secondi per dirmi perché sei qui, prima di incenerirti. Sto per cominciare a contare, partendo da 2..."

Utau, l'Osservatore supplente, spiegò allora che c'era un altro casino cosmico da risolvere e che solo l'A.I.P. poteva farlo. 

"Esattamente, io cosa dovrei fare?", chiese Sole Ardente.
"Oh, nulla". Gli eroi sono già finiti lì, in quella dimensione parallela", spiegò Utau. "Devi solo tenere acceso il macchinario dell'A.I.P., o salta il segnale e ci perdiamo la diretta. E detto questo, l'omone gigante pelato sparì, lasciandosi dietro solo un odore di pretzel alla cannella. Doveva esser passato a prenderne un sacchetto da Auntie Anne's, chiamalo stronzo.

Dopo essersi stappato una birra, Shiro si avvicinò alla macchina dell'A.I.P. e vide lampeggiare i nomi degli eroi: 

Starbolt della Guardia Imperiale (omoragno)
Dinamo Cremisi V (Gianluca Fuccillo)
Mostro di Frankenstein (Ferdinando Coppola)
Ian Zola (Air Angelo)
Visione (Massimo Sola)
Destino 2099 (doom2099)
Howard Stark (Il Satiro)
Gamora (enrico -kelith-)
Capitan Bretagna (MisterZoro)
Pantera Nera (Jacopo Di Gregorio)
Ink (Tonyx)
Siena Blaze (Caravaggio)
Morph (Domenico Greco)
Mystica (Nicolò)
Ghost Rider (Peter Giaquinto)
Iron Man (Krizalid)
Spider-Woman/Gwen Stacy (Lara Aletta)  
Devil Slayer (Tham)
Access (L'Uomo Che Sapeva Troppo)
Bob dell'Hydra (Deiv) 

Riserva: Deadpool (Gabriele Vergani)

Su uno schermo lì accanto, li vedeva combattere contro un'orda di demoni cosmici, esseri mostruosi in parte bestie, in parte macchine, in part time. C'era crisi pure là. Gli esseri erano guidati da Thanos e... come si chiamava quell'altro tizio? Darkseid? Dove averne letto il nome da qualche parte, probabilmente su un fumetto. Insomma c'erano Thanos e Darkseid, un intero esercito di mostri spaziali, e magari pure qualche sgherro cosmico dei due bruttazzoni. E come se non bastasse, c'era un problema.
Da quanto poteva vedere sullo schermo, il mutante chiamato Sole Ardente capì che in quella dimensione i poteri, le abilità e perfino i tratti caratteriali degli eroi non erano al loro posto. Ciascuno assumeva per qualche secondo quelli di chi gli stava accanto, e viceversa. Destino dell'universo 2099 parlava russo come la Dinamo Cremisi, Gamora rifilava cazzottoni accompagnati da battute molto british che non facevano ridere nessuno, perché vicina a Capitan Bretagna, Pantera Nera aveva le mani e la testa in fiamme quando si avvicinava a Ghost Rider. L'effetto durava solo pochi istanti, ma cacchio se era buffo.

"Che gran casino", penso il mutante chiamato Sole Ardente. E pensò anche che il pelatone aveva ragione: sarebbe stato divertente gustarsi la diretta. Dov'è che aveva messo la busta di mini Oreo?
     

388 commenti:

  1. [DIVAMO CREMISI V IN MISSIONE ]

    Improvvisamente l'armatura stava cadendo in picchiata. E la realtà attorno non sembrava neanche quella solita. Era in missione di ricognisione sul Kamchakta devastato dalle guerre di Risiko, quando si era ritrovato un universo fucsia e blu "funky quanto un compare con tre dita di anello" .
    Cercava di riattivare gli stabilizzatori ma nulla, il sistema non reagiva.
    Stava per rivolgersi alla Santa madre di tutte le Russie quando la sua voce gli sembro strana.
    L'imprecazione era uscita ma .... in Latveriano.
    Lingua a Lui socnosciuta. E quel che peggio ignota al sistema operativo, che leggeva si gli ordini dal suo sistema cerebrale ma solo in Russo corretto.
    " Questa Volta mio caro D*mitri scopriremo il finale della barzelletta sul pomodoro che Tony Stark racconta a tute le feste ....."

    RispondiElimina
  2. [SPIDER-GWEN IN MISSIONE] Anche non sapevo come fosse finita lì in fondo avrebbe sempre potuto andare peggio. Tipo finire su un pianeta senza atmosfera. Certo avrebbe potuto andare anche molto meglio se ci fosse stato qualche posto dove aggrapparsi per non doversi fare tutto a piedi... All'improvviso vide una macchia rossa in lontananza e sperando che non fosse un nemico provò a chiamarlo, solo che a quel punto si accorse che oltre a stancarsi più in fretta del solito stava parlando in russo

    RispondiElimina
  3. [VISIONE IN MISSIONE]
    L'androide noto come Visione faticava a focalizzare quella situazione apparentemente folle. "Dove ci troviamo?" pensò "e soprattuto, perchè mai non ho i miei consueti poteri? E perchè mi sento così attratto da quella rossa, fino a sentire l'impulso di circuirla con charme, sfrontatezza e ostentazione della mia ricchezza (per altro non così cospicua)?"
    "Gwen - disse con una voce molto meno sintetica del solito - la situazione è molto complicata, urge un piano di battaglia. Ma se ci appartiamo un attimo sulla mia fuori serie, lontano da questa confusione intollerabile, possiamo unire le nostre intelligenze e analizzare il problema"

    RispondiElimina
  4. [Jhonny Blaze/Ghost rider- IN MISSIONE]. Jhonny era in un pessimo locale di Hells Kitchen, sorseggiava il suo burbon assorto nei suoi pensieri. Non ebbe tempo di capire il perchè e il percome l'intero locale si fosse trasformato in un pianeta ostile pieno di demoni inferociti, Tecnodemoni degni di quei video anni'80 un pò Cyberpunk. "Non so perchè sono qui, ma so che voglio immediatamente delle Fot****ssime spiegazioni!!" Un tecnoragno direttamente da Doom 2 lo colpì alle spalle, facendolo finire su un cumulo di roccè chye franò per la violenza del colpo, quando emerse, era avvolto del fuoco infernale egli era Ghost, lo spirito della vendetta. Le orbite vuote del demone si guardarono attoirno, non era solo, eroiu conosciuti, altri metaumani provenienti dal suo mondo, combattevano contro quelle creature. Le creature non erano uno sciame barbarico erano guidate da due esseri che ricordava....Thanos, si già una volta lo aveva affrontato o era un What'if?! anche l'altro lo ricordava vagamente..Drar..Darqualcosa...si quando scoppiò la crisi dei fratelli...La testa faceva male e non solo per le fiamme, o no. Cercò di non pensare diresse lo sguardo verso un tizio di sua conoscenza. "uomo latta rosso, Ghost si ricorda di te"! si fece largo fracassando qualche cyber cranio, passando accanto a Pantera Nera, e fu li che il suo potere scomparve, era nuovamente in forma umana ...ma le sue mani ...era divenuto un uomo di colore....non più in lui scorreva il potere del fuoco d'inferno. Un balzo all'indietro una piroetta non sa nemmeno come, ma cosi facendo scampò dall'attacco di una di quelle creature. "Che dimine succede....l'altra volta lo spirito del perdono, ora cosa dovrei essere? la reincarnazione di Martin Luther King?"

    RispondiElimina
  5. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Un grande lampo acceca per un momento i visori ottici dell'armatura e finalmente la macchina del tempo rilascia una figura avvolta da crepitii elettrici al cui centro spiccano due occhi rossi cremisi. Destino ha compiuto il suo viaggio per l'ennesima volta. E' stanco, troppi balzi temporali negli ultimi giorni lo hanno fiaccato ma sa di essere sempre più vicino alla sua meta. Di colpo si erge in tutta la sua potenza, i sistemi dell'armatura si sono riavviati correttamente allineandosi alla nuova linea temporale. Fa per esclamare qualcosa ma la parola gli si strozza in gola. Non parla latveriano ma russo. Bozhe moi!!!!
    Che succede? Qualche virus è riuscito a penetrare i suoi sistemi o è la sua mente ad essere ancora confusa per il viaggio nel tempo? Destino scaccia questi pensieri. Sa che ha una missione e non può perdere tempo. Se qualcuno è stato davvero così pazzo da ostacolarlo conoscerà la sua furia. La furia di Destino!!!!

    RispondiElimina
  6. [SPIDER-GWEN IN MISSIONE] Sentì un'altra persona (o meglio qualcuno sufficientemente umanoide) chiamarla e per fortuna si accorse di poter di nuovo parlare normalmente:"Punto uno: questo è il mio interno cappuccio. Punto due: non mi importa se qualunque telepate può sapere chi sono ma anche se sono di Terra-65 non è il caso che vi mettiate a fare passa-parola su chi sono. Punto tre: parliamo pure ma a debita distanza"

    RispondiElimina
  7. [ Devil Slayer – IN MISSIONE ]

    Eric Payne non era nuovo ai viaggi verso altre dimensioni, ma di solito era lui a decidere la destinazione. Non sapendo dove fosse finito non osava rischiare una nuova traslazione, quindi usò la cappa delle ombre per procurarsi una mazza chiodata. Stava per affrontare degli esseri verdastri che si facevano chiamare Parademoni (grosso errore) quando improvvisamente si ritrovò a riflettere sull'illogicità della situazione e il suo braccio destro divenne intangibile, disarmandolo. "Machecc.. "

    RispondiElimina
  8. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    "...Dove mi trovo?", si domandava il Mostro, sorpreso come forse mai. Cercava di fare mente locale, quando all'improvviso un lampo:"...Si... lo scontro con gli Spiriti dei Boschi.. li stavo combattendo con l'Uomo Lupo.
    Stavo cercando di liberarlo dalle mani di uno di quei cosi...quando ho visto un fuoco enorme, e da quel momento...".
    Dà una occhiata al suo corpo enorme per controllare eventuali danni, ma non vede il suo di corpo,grigio e pieno di cicatrici. Era piuttosto squamoso e...blu?
    "Ma cosa...?". Istantaneamente sente il suo corpo che cambia,nella forma e nel colore,fino a diventare molto più femminile.

    RispondiElimina
  9. [STARBOLT - IN MISSIONE]
    Erano passati quasi tre anni dall'ultima volta che aveva avuto a che fare con i terrestri, durante la sua prima missione per l'A.I.P., ed era passata tutta la vita del Multiverso da quando quella stessa missione (almeno per lui) si era conclusa.

    Fu quello il primo pensiero a balenare nella mente di Starbolt quando si accorse di non essere più in presenza di Lilandra - l'Imperatrice di cui lui, assieme a tutto il resto della Guardia Imperiale Shi'ar, era responsabile - e del resto dei suoi compagni.
    E questa volta niente nausea. Niente reclute dell'Accademia della Guardia Imperiale da maltrattare. Non si era trattato di teletrasporto. Era decisamente qualcos'altro.

    Il secondo pensiero, molto meno profondo ed elegante, suonava tipo "Ancora quel dannato pianeta blu. Ancora lo zampino di quell'arrogante brutta copia Made in Japan". Ma c'era del lavoro da fare. C'erano delle vite in gioco. Come sempre, del resto.

    Cercando di schiarirsi le idee, Starbolt cominciò ad osservarsi intorno, riconoscendo alcuni di quei terrestri. In primis quel tizio con l'armatura rossa con cui aveva collaborato proprio in occasione della sua ultima, pittoresca, visita al pianeta.

    Stava volando, no, precipitando verso di lui. Il russo era palesemente in difficoltà, e questo gli bastò per spiccare in volo in suo soccorso.

    Ma nel momento stesso in cui lo afferò accadde qualcosa che Starbolt non credeva sarebbe mai accaduto: la sua fiamma si spense, l'energia che costituiva il suo corpo si dissolse e lui prese FORMA UMANA! Ossa, pelle, muscoli, e una strana voglia di vodka.

    Sarebbero precipitati entrambi se, di contro, da dentro l'armatura del russo non fossero cominciate a balenare fiamme di energia pura, quelle stesse fiamme che fino a poco prima gli appartenevano.

    Il salvatore era divenuto vittima, la vittima salvatore. Il russo accompagnò Starbolt a terra, mentre questi inveiva in una lingua che neanche credeva di conoscere.







    RispondiElimina
  10. [Ian Zola-in missione] Per l'ennesima volta si trovava in una nuova dimensione,come se già non ne avesse abbastanza di casini sul suo,di pianeta..
    "La più grossa meenchiata della tua vita è stata dare la tua disponibilità a quella testacalda asiatica,che poi ti chiama e se ne lava le mani" pensò Ian...
    perlomeno questa volta non era un poppante,il suo costume era a posto ed i suoi sensi pure.
    "Laggiù c'è del movimento" pensò,e si diresse verso un gruppo di figure colorate,stringendo il suo crasher.

    RispondiElimina
  11. [SPIDER-GWEN IN MISSIONE] "D'accordo, direi che la prima cosa da fare è stabilire entro che raggio avvengono questi scambi in modo da non ritrovarsi senza poteri, poi dobbiamo trovare delle coppie che non abbiano troppe differenze, ad esempio: vicino a te posso volare ma tu... Senza lanciaragnatele non sono molto forte."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok io ci sono per il resto della serata e domani ma adesso mi devo assentare un attimo. Intanto vi ho dato una soluzione minima (altro es. Io dovrei stare vicino a Pantera nera o Dynamo e visione a Starbolt o qualcosa del genere

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tag!
      Taglia e incolla in un nuovo commento con i tag!
      ;)

      Elimina
  13. [CAPITAN BRETAGNA - IN MISSIONE]

    Nell’istante in cui si svegliò, Brian Braddock stava bruciando.
    Davanti a lui una battaglia. Un esercito. Una distesa senza fine di esseri senza nome si profilava fitta oltre l’orizzonte, dove tre giganteschi soli arancioni si stagliavano alti nel cielo.
    Il caldo era insopportabile, anche peggio di quel giorno di tanto tempo prima quando fu costretto a correre in aiuto del team Europa, in Italia, in pieno agosto. Un’esperienza da dimenticare.
    Si sentiva bruciare, come nell’istante in cui la Furia lo colpì anni prima, quando le sue carni divamparono, le sue ossa si sciolsero e di lui non rimase che polvere spazzata via dal vento.
    Il calore era talmente insopportabile che anche solo concentrarsi gli sembrò un’impresa al di là delle sue possibilità: com’era finito lì? E soprattutto dov’era “lì”?
    In tutta la vita ne aveva viste di cose strane, ma quelle creature, quel pianeta sconosciuto...cosa diamine stava succedendo?
    Lentamente, quel calore sembrò svanire, disperdersi nel nulla da dove era venuto, e solo allora Brian Braddock vide il comunicatore d’emergenza dell’A.I.P. lampeggiare al suo polso.
    “Un’emergenza? Magari la prossima volta avverti prima, Yoshida.”
    Capitan Bretagna si alzò e dietro di lui vide un tizio in armatura rossa discutere con un altro uomo.
    Quell’uomo era Starbolt, e Brian si ricordò dove l’aveva già incontrato, e soprattutto rammentò quali fossero i suoi poteri.
    In quel momento realizzò che quella non sarebbe stata una missione come un’altra.
    “Va bene signori: aggiornatemi”.

    RispondiElimina
  14. [Jhonny Blaze/Ghost rider- IN MISSIONE] Quanto gli mancava lo shotgun con i pallettoni di fuoco infernale, anche la catena sarebbe un ottima arma, ma cosi era un Afroamericano, con un estrema agilità...e...e No.. non era solo questo, per qualche strana ragione conosceva qualcosa che non sapeva conosceva la chimica,l'alchimia, e dire che il suo voto massimo alle superiori era 4. I suoi sensi erano sviluppati oltre la sua comprensione, sentiva la puzza di quelle creature. Sorrise, quando quasi istintivamente saltò addosso ad un demone alato , molto simile ad un giganterscoi pipistrello dalle ali meccaniche. Aprì la bocca per una delle sue battute fulminanti da uomo della strada, ma invece provò l'impulso di affondare gli Artigli tra le scapole del mostroide. Ovviamente non aveva artigli ne era conscio, ma possedeva abbastanza forza per strappare le ali della creatura. Come lo sapeva? lo sapeva e basta. Quando la prima ala di metallo fù strappata la creatura iniziò a precipitare, Jhonny/Pantera sapeva che a quella velocità avrebbe dovuto compiere un balzo in un preciso istante, ad una particolare altezza, calcolando la curva di salto....ma proprio in quell'istante, le sue mani cambiarono tornando ad essere le solite mani caucasiche di ogni giorno, le solite mani del solito e IGNORANTE Jhonny blaze, quello che aveva 4 in matematica "OH M***A!" non aveva abbastanza tempo per trasformarsi in Ghost, Se nessuno lo avesse afferrato al volo, avrebbero trovato un cumulo di ossa in fiamme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commento generale, per tutti: sono un po' perplesso su questi cambi di etnia/sesso/fisicità.
      Il Doc ha parlato di scambio di poteri, le abilità e perfino i tratti caratteriali...

      Ora, per quelli il cui corpo è "costituito" dal potere, può aver senso, ma gli altri, soprattutto gli umani, dovrebbero rimanere fisicamente "inalterati", salvo i poteri, appunto. O sbaglio?

      Elimina
    2. Credo sia il caso, ci tengo al mio batacchio inglese XD

      Elimina
    3. Ha ragione omoragno. Ok tratti caratteriali - gag sulle diverse lingue parlate incluse - ma fisicamente son sempre loro. Diremo allora che all'inizio c'era un po' di confusione, ché la dimensione è incasinata e all'incrocio nemmeno funzionava il semaforo. Procediamo pure :)

      Elimina
    4. una caratteristica di Pantera nera è Essere un Discendenta Wakandiano, non era mia intenzione fare sottile razismo se è questo che pensavate :(

      Elimina
    5. No ma figurati, che razzismo.
      E' che quello è etnia, non certo un potere o un tratto caratteriale :)

      Elimina
  15. [ Devil Slayer – IN MISSIONE ]

    Per un attimo si sentì preso da una infinita tristezza, e divenne insensibile ai colpi dei parademoni. Con una manata ne stese tre, prima di ritornare se stesso. Doveva capire cosa stava succedendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. comunicazione di servizio : sto ancora lavorando, per cui per un pò sarò on-off .

      Elimina
  16. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Destino si guardò immediatamente intorno e riconobbe alcuni dei personaggi accanto a lui. Non era finito dove aveva previsto. Qualcosa o qualcuno lo aveva attirato in quel preciso punto distraendolo dalla sua missione. Infuriato per l'accaduto la sua attenzione fu catturata da Iron man. Destino urlò dentro di sè: Stark!!!!! Se c'è lui Richards non sarà lontano. Qualcosa però non quadrava: c'era Tony e anche suo padre Howard. Come era possibile? Evidentemente le linee temporali dovevano essersi intersecate. Ciò era un male. La ripresa del suo viaggio era compromessa fino a quando non avrebbe risolto questo problema. Allo stesso tempo i sensori della sua armatura coglievano picchi energetici mai conosciuti prima. Destino riconobbe facilmente la traccia di Thanos ma insieme a lui c'era qualcos'altro, qualcosa di mai conosciuto prima ma estremamente potente. Potente come una forza dell'universo. Nella mente di Victor un piano comincia a farsi strada e sotto la sua maschera un sinistro sorriso compare sulla sua bocca. Chissà quali opportunità si celano di fronte a questo imprevisto. E' il momento che Destino parli con Stark. Neanche il tempo di formulare questo pensiero e la sua armatura svanisce come rapita dal flusso temporale. Attorno a lui fiamme infernali lo avvolgono e un inarrestabile sete di vendetta lo consuma. Dura qualche secondo e l'armatura ricompare. Destino è stordito. Qualcosa sta interferendo con questa realtà. Urge trovare una soluzione e davanti a lui una figura sorge pronta ad essere usata a tale scopo

    RispondiElimina
  17. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    "Non mi piace. Non mi piace".
    Il mostro cambiava conformazione fisica continuamente, ma impersonava a rotazione l'Uomo Lupo, Victor Frankenstein e sua moglie. Sopratutto ricordare gli ultimi due non lo faceva stare tranquillo.
    E così correva, ma pochi passi erano stati più che sufficienti affinchè tornasse il solito, aberrante mostro gigante.
    Poi un rumore, come uno scatto felino, alla sua destra, e un mostro agghiacciante gli azzannava una gamba, con quegli innumerevoli denti metallici.
    Il Mostro urlò, fortissimo, prima di stringere il corpo dell'essere (essere era la parola giusta?) con la forza pari a quella di una pressa idraulica, fino a fargli allentare la presa.
    Voleva risposte, a questo punto, per quello che il suo intelletto poteva permettersi, e forse quei tipi in costume a pochi metri da lui potevano dargli quello che voleva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che stiamo facendo un po' confusione: rileggetevi l'incipit:

      i poteri, le abilità e perfino i tratti caratteriali degli eroi non erano al loro posto. Ciascuno assumeva per qualche secondo quelli di chi gli stava accanto, e viceversa

      Elimina
    2. Si, io sono stato a "contatto" con Mystica, quindi ho avuto per un poco la capacità di cambiare aspetto, e data la sua inesperienza nell'utilizzo del potere, cambiava forma a seconda di chi pensava in quel momento. Avrò sbagliato nel non interagire con Mystica, mi dispiace, ma non credo di essere uscito dal seminato così pesantemente.

      Elimina
    3. Ok, sorry, non avevo capito il riferimento a Mystica mea culpa.

      Elimina
    4. Figurati, non ti preoccupare. :)

      Elimina
    5. Ah, ora ho capito: mi ero perso il commento precedente nel vortice degli F5 xD

      Elimina
  18. [MORPH - IN MISSIONE]

    Il sole, il mare, i fichi d’India… Questa sì, che è vi… un bagliore!
    Niente più mare, niente più sole… o meglio… non uno, sono tre! Ma soprattutto niente più fichi d’India.
    Solo mostri. Tanti. Grandi. Piccoli. Medium size. Ma soprattutto brutti.

    Questa non è la Terra, chiaro. Millemila missioni con gli Exiles e vuoi che non riconosca il passaggio in un’altra dimensione? Anche se questa è brutta forte.
    E va bene, esploriamo la zona.

    Abbigliamento di Morph: stivaletti da escursione, braghe corte, camicia con tasche ed elmetto da esploratore. Tutto rigorosamente cachi. In aggiunta, trombone da brigante calabrese.

    Mi faccio largo fra bestie di ogni tipo, eccetto Hank McCoy che non vedo. Schivo qua, schivo là…
    Ok, allora: mostri, mostri, mostri, mostri… Ehi, quelli non sono mostri! O meglio, sono meno brutti degli altri. Sembrano quelli dall’A.I.P.! Devo raggiungerli!

    RispondiElimina
  19. [Ian Zola-in missione]la situazione non è per niente buona-pensò Ian-qui siamo carne da macello,e non riusciamo ad organizzarci.
    -Forse può venirmi utile un trucchetto del vecchio Steve-si disse vedendo dei volti familiari-
    Si riempì i polmoni e gridò,per sovrastare il fragore della battaglia:-VENDICATORI,UNITI!!-

    RispondiElimina
  20. [MORPH - IN MISSIONE]

    Ho sentito bene? “Vendicatori unti!” O uniti? Boh…
    Quello è Zola… Non Gianfranco, l’altro.
    Lo raggiungo e vorrei fare un’entrata a effetto. Quindi…

    Abbigliamento di Morph: …
    Checcacchio succede? Non riesco a cambiare il mio aspett!.

    Molto male, in compenso ho raggiunto Zola.
    “Ehm… salve… passavo di qua… E mi chiedevo, come lo risolviamo ‘sto macello?!” rivolgendoti a Ian Zola.

    RispondiElimina
  21. [Bob dell'Hydra - IN MISSIONE]

    Un bussare insistente sveglia Bob dal suo sonnellino pomeridiano. Dall'altra parte una voce conosciuta continua a sbraitare e invitare il povero soldato. Bob si alza controvoglia e apre trovandosi davanti il suo "amico" di vecchia data Deadpool che sembra avere molta fretta...

    "Forza Bob, vestiti e preparati! Ho un lavoro per te!!"

    "Che genere di lavoro mr. Wilson?"

    "Dovrai sostituirmi all'A.I.P."

    "Casomai all'A.I.M. mr. Wilson... Ma io non ci voglio avere nulla a che fare con quelli, non offrono nemmeno l'assistenza dentale nel contratto..."

    "Ma no, testone! L'A.I.P. una cosa segretissima... Piena di supereoi di ogni genere e, ovviamente, ci sono un sacco di benefit, persino l'assicurazione dentale!"

    Bob si diresse verso il bagno, continuando a parlare

    "Ma perché ci devo andare io mr. Wilson? A sostituire Lei oltretutto..."

    Il mercenario chiacchierone nel frattempo prese una fetta di pizza fredda dalla cucina.

    "Perché servono dei VERI eroi, capisci? E poi non ti preoccupare, io vi seguirò in qualità di riserva"

    Bob uscì finalmente dal bagno, e Deadpool lo guardò con aria interrogativa

    "Vuoi davvero andarci con QUELLA?"

    "È l'unica divisa che ho mr. Wilson..."

    "Va bene, va bene... Devi solo metterti fermo qui, ancora qualche istante e..."

    *ZOT*

    Wade uscì da casa di Bob lasciando la porta aperta, la maschera nascondeva sicuramente un gran sorriso

    "Ci sarà da divertirsi"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti dispiace se proseguo la tua entrata in scena?

      Elimina
  22. [DINAMO CREMISI V - IN MISSIONE ]

    Improvvisamente si senti' avvolgere da un potere sconosciuto, come se il fuoco di mille soli lo bruciasse e inizio a levitare planando gentile al suolo.
    Vide un corpo e lo riconobbe o meglio, l'armatura si riattivo e, nonostante il sovraccarico energetico, venne identificato in STARBOLT.
    "Grazie Tovarish, grazie a te non siamo divenuti un Hamburger imperislista"
    Il gruppo iniziava ad infoltirsi e radunarsi, mentre i sensori di allarme identificarono immediatamente il TITANO THANOS quale la minaccia.
    Rispose al richiamo sorreggendo un ancora stordito Starbolt : " DO BELIEVE THE AIP ! ANTRISTI UNITI "

    RispondiElimina
  23. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    Il Mostro accellerò il passo, dirigendosi nella direzione in cui è partito il grido di Ian Zola. "Vendicatori Uniti? E cosa significherebbe?".

    RispondiElimina
  24. [STARBOLT - IN MISSIONE]
    Poco dopo aver toccato terra insieme al russo in armatura, Starbolt era tornato alla normalità. Era stato decisamente disorientante, ma ora era nuovamente se stesso.
    Si accertatò che anche il compagno stesse bene, e insieme cercarono di capire la situazione.

    Era la Terra si, ma decisamente non era la stessa Terra che conosceva. Tre soli e tutto il resto. Mostri, demoni e altre creature immonde ovunque.

    Riacquistita la lucidità udì il grido di richiamo, seppur fuori luogo, dei Vendicatori.
    Da buon soldato si precipitò all'appello volando, senza tuttavia privarsi del piacere di lasciarsi dietro una scia di creature carbonizzate.

    "Ok, siamo qui" disse rivolgendosi a nessuno in particolare, "che si fa? Qualcuno ha la più pallida idea di cosa stia succedend...?"

    Neanche il tempo di finire la frase ed era nuovamente privo delle sue fiamme. Ed il suo corpo cominciava a cambiare nuovamente: pelle biancastra e, lo percepiva senza sapere come, la possibilità di mutare in chiunque.
    Ed una voglia matta di sparare ca%%ate.
    "E dai, basta però!"

    RispondiElimina
  25. {Sono dal telefono e non so bene dove sto commentando, scusate.}
    @Peter continua pure :)

    RispondiElimina
  26. [Siena Blaze- In Missione] Ritrovarsi da un momento all'altro, su un pianeta sconosciuto e con davanti una battaglia fra quelli che sembrano persone conosciute e strane creature, mi fa venire voglia di spatafasciare il tutto, tanto a chi vuoi che dispiaccia se sparisce un miserabile pianeta con i suoi abitanti e una ventina di supereroi... Sole Ardente ne avrà qualche centinaio nel suo marchingengo di chiamata... Basta che mi avvicni un pò, anche perchè alcuni di loro chiamano ad essere uniti... Quando sarò lì, allora deciderò che fare...

    RispondiElimina
  27. [Jhonny Blaze/Ghost rider- IN MISSIONE]
    La morte ultima è li a qualche istante, quando Dal nulla qualcosa appare, come un lampo Gialloverde che lo "placca" al fianco . Precipitano entrambi, ma per chissà quale mistero l'apparizione di un AGENTE HYDRA il cui nome è BOB lo ha salvato dallo Schianto. Rialzandosi dalla polvere, JB si guardò attorno, cercando di tirar su in piedi colui che l'asveva salvato. Grazie, credo sia ora di prendere la cosa un pò sul serio, non troppo distante, ascoltava le parole di Starbolt, fece un passo avanti: "io dico di spianare la strada fino ai generali, prendere le Teste di Thanos e del suo amichetto e spiedire le loro anime all'inferno di Titano" suggerì con sorriso sghembo Jhonny" ed è proprio in quell'istante che tentò di trasformarsi....senza nuovamente riuscirci...."ok ora inizia ad essere seccante" Gli occhi cadderò sull'ìagente Hydra che poco fà lo aveva salvato.... la mascella casco a terra.... GHOST RIDER con la divisa dell' Hydra.... "ok, credo di aver capito..." disse indicando l'uomo BOB.

    RispondiElimina
  28. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    Il corpo del Mostro divenne sostanzialmente un fiammifero di due metri e mezzo, stando vicino a quell'essere di energia.
    All'inizio avvertì un senso di terrore assoluto: il fuoco, il suo peggior nemico. Ma non avvertiva nessun dolore, anzi, e si sentiva assolutamente sicuro del suo potere, tanto da percepire alcuni esseri svolazzanti a decine di metri di distanza, e facendoli fuori con sicurezza e precisione.
    Il tutto in pochi secondi, prima di tornare "normale".
    Era ancora sorpreso, e ci voleva qualcuno che glielo spiegasse bene, e lentamente.

    RispondiElimina
  29. [MORPH - IN MISSIONE]

    Strana ‘sta cosa… Ho appena raggiunto Zola e mi sento in qualche modo atletico, scattante e cintura nera di tipo tutte le peggio arti marziali del mondo.

    Vorrei quantomeno poter assumere l’aspetto di Bruce Lee o Chuk Norris, quando se le davano al Colosseo.

    Ok riproviamo…

    Abbigliamento di Morph: …
    Niente, nada, nisba…

    Ma eccone un altro, che si aggiunge alla festicciola. Arriva come una palla di fuoco, come se non bastasse il calore di tre soli nel cielo.
    Sarbolt! Sì, è lui!
    Però io non mi sento bene…
    Sarà l’emozione, sarà il jetlag, sarà Ferguson… ma sento caldo, molto caldo…
    E mentre Sarbolt si… ehm… spegne?! … io mi accendo some un fiammifero!
    Poco fa ero un supercombattente e adesso un cerino ambulante. Neanche venti minuti...

    RispondiElimina
  30. [Siena Blaze- In missione] Vediamo un pò se riconosco qualcuno... Quelllo sembra il Mostro di Frankenstein, "ma perchè sta bruciando?!?" e sembra anche che gli piaccia, meglio stare alla larga... Ah ecco là con quella strana armatura violetta, quello che ha urlato:"Antristi uniti!", adesso mi avvicino e cerco di fargli un paio di domande per veder se devo spaccare tutto oppure no...

    RispondiElimina
  31. [DINAMO CREMISI V - IN MISSIONE ]

    " Mi piace il tuo stile " urlo al fiammeggiante mentre i raggi energetici dei polsi cercavano di mantenere una zona di relativa tranquillità per permettere il concentrarsi degli eroi, ma affidarsi alla voce gli sembro ormai inutile, meglio sparare un razzo di segnalazione che anche in mezzo a quella bolgia infernale avrebbe attratto gli amici ..... sperava .

    RispondiElimina
  32. [Siena Blaze- In missione] "Eccomi vicino a questo strano tipo vestito di rosso e che parla russo,ma... Perchè adesso sono io dentro la scatoletta di tonno? E perchè ho un braccio in alto? Meglio riportarlo ad altezza uomo, ecco così..." MA in quel momento uno strano sibilo uscì dal braccio stesso... Un missile!!! Diretto verso un teschio in fiamme e uno stano tipo pallido...

    RispondiElimina
  33. [STARBOLT - IN MISSIONE]
    "Ok, è chiaro che questo continuo scambio di poteri, qualunque ne sia la causa, non accenna a stabilizzarsi", disse mentre passava dall'essere ora un mutaforma, ora con un corpo umano, ora di nuovo in fiamme (ma non le sue), "e che ora che siamo tutti vicini le cose vanno peggiorando".
    "Suggerisco di dividerci in squadre: mutaforma, supersoldati, fiammiferi, umani con armatura o senza eccetera, in modo da arginare, quanto meno, gli effetti di questa aberrazione".
    "Ora sbrighiamoci, che mentre siamo qui a fare salotto, quei cosi stanno facendo i loro porci comodi".
    E mentre gli eroi si allontanavano in gruppi, Starbolt si chiese da chi avesse assorbito, temporaneamente, si spera, quella logorroica parlantina.

    RispondiElimina
  34. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    "mmmmmmmmmmmhhhhhhhhhhhhhhhh".
    Il Mostro guardava uno strano oggetto proveniente dal braccio di quella signorina, con l'istinto di afferrarlo, ma quella fiammella dietro quel cilindro in movimento lo fece desistere. "No, il fuoco no".

    RispondiElimina
  35. [Bob dell'Hydra - IN MISSIONE]

    il turbinio di emozioni quasi lo sopraffece: il teletrasporto, un nuovo mondo, uno schianto, la consapevolezza di aver lasciato il gatto sulla pentola a pressione e ora questo.

    Stava ospitando tale Zarathos (professione demone a tempo pieno) che aveva preso controllo del suo corpo è muoveva le sue membra.

    Ah e ovviamente aveva la testa che ardeva come se fosse un ceppo d'abete in un camino la mattina di natale.

    Inoltre il Tizio che ha investito poco prima ora gli stava parlando, e sembrava anche molto convinto quindi decise di non interromperlo...

    RispondiElimina
  36. [MORPH - IN MISSIONE]

    “Ok, non che mi dispiaccia scambiarci i poteri come la mononucleosi alle feste del liceo… ma Starbolt ha ragione. Come ci dividiamo? Chi fa cosa? Per esempio, chi inizia a pregare?” chiedo al team di compari in mezzo al caos.

    RispondiElimina
  37. [Jhonny Blaze/Ghost rider- IN MISSIONE]
    "E' un Piano" disse Blaze rivolgendosi a StarBolt. Iniziò a muoversi verso la sua direzione, avvicinandosi di quel troppo verso il Mostro di Frankenstein e così il Povero Blaze, si ritrovò con le capacità comunicative di un bonobo. "Alieno fuoco, Jhonny Ghost venire con te.. Jhonny Ghost Bravo fuoco, anche se adesso, no parla.." Si muoveva a stento, come se ogni parte del suo corpo fosse pesante come un macigno. Voltandosi verso il Frankye originale, sperava solo che la Creatura non avesse assorbito il suo di Potere. ed è voltandosi che vide la retroguardia dell'esercito di Thanos. Una trentina di tecnodemoni che si lanciavano in carica. Smanacciò con le mani "Voi andare andare, io rompo Demoni...andare andare" Se i suoi calcoli erano esatti ora aveva la forza del mostro di Frankenstein per qualche attimo, se fosse restato solo, avrebbe riavuto i suoi Poteri... forse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. // Ghost resta in retroguardia e va a cena. Missione polpette!

      Elimina
  38. [ Devil Slayer – IN MISSIONE ]

    Seguendo il bengala lanciato dalla Dinamo Cremisi arrivò vicino al gruppo di eroi, giusto in tempo per udire il suggerimento di Starbolt. Un attimo dopo metà del suo corpo era avvolta in fiamme infernali.

    RispondiElimina
  39. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    "Pregare? Che cosa significa pregare? Io devo solo capire che posto è questo e come posso tornare ad aiutare l'Uomo Lupo".

    RispondiElimina
  40. [Siena Blaze- In Missione]
    Finalmente sono tornata me stessa e sembra che il bengala non abbia fatto troppi danni, quello lì che uno ha chiamato Star Bolt ha avuto una bella idea ma adesso dobbiamo avvicinarci gli uni agli altri e divederci... E forse sarà un bel casino... Oltre al fatto che quei simpaticoni dei demoni hanno lanciato la cavalleria... INtanto prima di riiunirmi al gruppo manipolo un pò di energia elettromagnetica e creo un muro di difesa "dovrebbe bastarmi un'energia pari a distruggere una piccola nazione come la Danimarca per darci il tempo di organizzarci..."

    RispondiElimina
  41. [IAN ZOLA-IN MISSIONE]
    Il trucco aveva funzionato,aveva attirato la loro attenzione..dannato Rogers,la sapeva sempre più lunga..
    Il suggerimento di Starbolt era giusto,anche lui stava pensando la stessa cosa; chi c'era di simile a lui? Ma certo,Pantera Nera!
    -poteva andarmi peggio-pensò-non mi è mai piaciuta la barba di Chuck Norris!-

    Sono arrivato ora a casa,sarò fuori servizio fino alle 22 circa..usate pure il mio personaggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le prossime volte, le comunicazioni fuori "trama" vanno nei commenti nidificati ;)

      Elimina
    2. Hai ragione,ma da telefono non riuscivo..ora dal tablet va meglio ✌🏻😄

      Elimina
  42. [STARBOLT - IN MISSIONE]
    L'idea di formare squadre di "simili" era stata buona in teoria. Nella pratica era tutto molto meno semplice.

    Un attimo prima un demone in fiamme. Un attimo dopo un umano con evidenti problemi di afasia. Il suo compagno si era attardato troppo tempo vicino a quell'energumeno mostruoso dalla mente semplice.
    Così mentre Starbolt tornava se stesso, Jhonny Blaze arrancava sbracciando in mezzo all'orda di tecno demoni che gli si stava fiondando contro.

    "Vedo che per ora te la cavi con i pugni. Resta qui a terra e fanne fuori qualcuno. Io penso a quei demoni alati, fintanto che non tornerai in possesso della tua fiamma infernale. A quel punto poco male se cominceremo a scambiarci nuovamente: potremo riavvicinarci e fare lavoro di squadra".

    E porgendogli un cenno di saluto militare, si librò in aria scatenando le fiamme che costituivano il suo stesso corpo, emettendo flussi di energia in direzione dei suoi avversari volanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado pure io off per un po'. Buon proseguimento e a più tardi. :D
      #DoBeliveTheAIP

      Elimina
  43. [SPIDER-GWEN IN MISSIONE] Andare in fiamme a caso non è molto divertente ma almeno non le ha distrutto il costume. Sembrava che con Starbolt per fortuna avesse anche scambiato qualche idea insieme ai poteri, il problema sarebbe stato evitare brutti incontri e sperare che nessuno spuntasse a caso come quel tizio che si era scambiato con ghost

    RispondiElimina
  44. [DINAMO CREMISI V - IN MISSIONE ]

    L'dea di dividersi in gruppi avrebbe funzionato, almeno non sarebbero stati disorientati.
    Lui e Stark avevano già dimostrato una bella sinergia ma L'Imperatore di Latveria nella sua nuova armartura sarebbe stato altettanto collaborativo ?
    NEl frattempo decisi di levarsi in volo, aumentando la distanza avrebbe ridotto l'effetto bizzarro che sembrava colpirli all'improvviso e creare una copertura aerea prima che tecnocavallette urlanti li cogliessero di sprpresa.
    Il gruppo era compatto ma occorreva avnazare il piu' velocemente possibili.
    "Avanti Compagni, in volo le vostre Tecnoarmature e facciamo strada alle signore "
    L'invito sembro essere raccolto mentre i raggi repulsori stendevano i Tecnodemoni

    RispondiElimina
  45. [Siena Blaze- In missione]
    Ho visto in mezzo alla folla quella testa rossa di Visone, i nostri poteri sono abbastanza simili, entrambi possiamo manipolare differenti forme di energia, volare, ecc... Devo ritrovarlo e oltre a lui cercare chi può starci vicino senza subire troppi mutamenti...

    RispondiElimina
  46. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    Il Mostro sarebbe stato per forza di cose a terra, a differenza di quei tipi scintillanti.
    Se aveva capito bene le parole del signore fiammeggiante, dovevano dividersi in gruppi. Sarebbe stato più tranquillo se ci fosse stato con lui Man-Thing, o la Mummia, ma poteva stare relativamente bene al fianco di quella signorina colorata di verde abile coi coltelli.
    "Come ti chiami?"
    "Gamora".

    RispondiElimina
  47. [SPIDER-GWEN IN MISSIONE]Sentirsi improvvisamente più intelligenti invece non era affatto brutto. Solo che quella fu solo la quarta cosa che pensò appena tornata normale subito dopo:"La prossima volta piuttosto spero di scambiarmi con il russo, per fortuna che le altre donne del gruppo si sono allontanate o mi avrebbero ucciso all'istante ... E poi devo ricordarmi di chiedere scusa a Visione per la rispostaccia di prima ora che so come ci si sente. E sperare che essendo una donna non mi ritrovi a comportarmi così anche con i maschi anche se per ora è tutto ok."

    RispondiElimina
  48. [Siena Blaze- In Missione]
    Ottimo, le cose si stavano mettendo abbastanza bene, anche la cavaleria dei tecno demoni sembrava che stesse prendendo una serie di coppini sulla nuca che levati... Sia il campo di energia che i raggi del russo con l'aggiunta di Frankestein li stavano respingendo e davano tempo al gruppo per organizzarsi secondo ill piano di Starbolt...
    MA all'improvisso, un rumore tipo uno schiocco secco, guardiamo tutti verso dove era arrivato il botto e vediamo che qualcuno ha aperto un portale inter- dimensionale da cui stanno uscendo 12 persone... Credo di non sbagliarmi e lo dico anche agli altri:"Thanos ha chiamato Lo Zodiaco!!!"

    RispondiElimina
  49. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Destino è riluttante. Ha sentito qualcuno gridare "Vendicatori uniti" e questo lo porta verso altri mondi e altri pensieri ma non è il tempo di distrarsi. Giunge accanto ad Iron man e la Dinamo Cremisi e propone loro di far interagire le loro armature all'interno di un network. Poche semplici modifiche lo permettono agevolmente. In questo modo la rete creata dalle loro corazze permette di attenuare lo scambio dei poteri così improvviso. Allo stesso tempo nota una figura femminile che i suoi sistemi riconoscono come Siena Blaze i cui poteri potrebbero essere utili a destino. Vola velocemente verso di lei e con voce perentoria le dice: i tuoi poteri potrebbero essermi utili. Possiamo unire le nostre forze che ne pensi?"

    RispondiElimina
  50. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    Il Mostro lancia un pugnale con l'abilità di Gamora, ma senza sortire alcun effetto. Si lancia come un ossesso verso i nemici, ma viene inglobato da Aquarius nel suo corpo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non esci, continuerai a scambiarti i poteri con Aquarius, visto che ti ha inglobato nel suo corpo...

      Elimina
    2. Non so se funziona anche con i nemici ma potrebbe sessere visto che per ora abbiamo affrontato solo robot

      Elimina
  51. [Siena Blaze- In Missione]
    Una voce che mi chiama... Assomiglia al Dottor Destino, ma è dalla nostra parte, boh...
    Mi chiede di unire i nostri poteri e se è come l'originale, io potrei maneggiare i fulmini, Gli rispondo:"Ok!!! Ma da soli non possiamo fare niente contro quei dodici!!! Dove sono tutti gli altri???"

    RispondiElimina
  52. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    Questo fatto dello scambio dei poteri porta a situazioni impreviste. Il Mostro assunse forma liquida, e rendendo Aquarius un essere umano normale. Istintivamente, il Mostro fuoriuscì dal corpo del nemico, danneggiandolo, ma non in maniera grave.

    RispondiElimina
  53. Ora arrivo giusto il tempo di capire chi accidenti sono. Anche perché ci sono tipo tre versioni di questi tipi

    RispondiElimina
  54. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Bene, una donna ambiziosa, proprio una persona adatta a Destino dice una voce fredda e metallica che però possiede come qualcosa di suadente.
    Vedi normalmente dovrei studiare bene i tuoi poteri per farli interagire con la mia armatura ma questa strana situazione in cui ci scambiamo le nostre abilità può esserci di aiuto. In questo momento la mia armatura sta tracciando i livelli del tuo potere e lo sta facendo in quei pochi istanti in cui essi divengono di mio possesso. Ora mi basterà sintonizzare le capacità cronotemporali della mia corazza insieme ai tuoi poteri elettromagnetici per generare un'onda abbastanza potente da controbilanciare l'apertura dei portali di Thanos e chiuderli definitivamente. Quelli dello zodiaco lasciamoli ai piccoli pesci e alla carne da cannone. Noi dobbiamo andare a cercare la testa del serpente.
    Compagno Dinamo vieni pure tu e portati quell'imbelle di Stark se riesci a trovarlo in mezzo alla vodka

    RispondiElimina
  55. [Dinamo Cremisi V - In Missione ]

    Le capacita' di Destino erano veramente fuori del comune e Monarca era un titolo che, riluttantemente, non poteva negargli .
    Solo avviconandosi aveva connesso la sua Corazza alla sua armatura, riprogrammandola affinche' accettasse gli ordini in tuttele lingue presenti, aggiornato il flusso di potenza e migliorato gli algoritmi di risposta.
    Il tutto mentre aumentava con la sua potenza di fuoco, unita a quella di Iron Man, rendendoli' cosi' padroni del cielo funky.
    Ora si sentiva nuovamente a suo agio ed avrebbe potuto essere utile all'avanzata, dopo aver assicurato la testa di,ponte .
    Ma i segnali da terra non erano i piu' rincuoranti, le ondati di tecnodemoni aumentavano ad un ritmo esponenZiale e solo un piano ben coordinato avrebbe permesso loro di prevalere ed il materializzarsi di un portale dalle quali emergevano figure imponenti non era certo un buon segno.
    " Avanti Tony, ti ho visto piu' reattivo al cocktail alla nostra ambasciata .... Come dite voi americani : It's time to rock n roll "
    Nel frattempo voleva spingere al limite le nuove capacita' dell'armatura ed il nuovo scan software - non integralmente tradotto - ma il suo Latveriano era comunque sufficiente per dare una lezione a questi figuri

    RispondiElimina
  56. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    Il Mostro aveva capito, a sue spese, che lottare contro un essere liquido non sarebbe convenuto. Decide allora di focalizzarsi sugli altri membri dello Zodiaco, lasciando i nemici più "strani (o, per meglio dire, quelli che non possono essere mazzuliati viso a viso) agli altri membri dell'AIP. In attesa che le menti eccelse adottino un piano per chiudere il portale, lui si sarebbe dedicato ad "intrattenerli" a suon di sganascioni.
    Riesce ad afferrare Leo, urlandogli in faccia tutta la sua rabbia, e lo scaraventa in aria, involontariamente verso Spider-Gwen, che sta volteggiando cercando di capire il da farsi.

    RispondiElimina
  57. [Bob dell'Hydra - IN MISSIONE]

    Così com'era arrivato, il demone in qualche modo sparisce dalla testa di Bob, insieme alle fiamme che gli avvolgono la testa. Stranito e spaesato vede intorno a lui gli eroi prontamente organizzarsi in base alle categorie di potere e alle affinità fra di essi.

    Lui, immancabilmente, rimane da solo.

    Decide così di mettersi al riparo (per non dire vigliaccamente nascondersi) sfruttando la composizione calcarea del terreno di questo mondo alieno.

    Dal suo nascondiglio può vedere gli altri eroi cavarsela egregiamente contro l'esercito di tecnobestie super incazzate (perchè sì part-time ma comunque precarie)

    "E adesso cosa diavolo faccio... Se mi avvicino a qualcuno rischio di togliergli i poteri..."

    Quasi una folgorazione interruppe Bob dai suoi pensieri

    "In questo mondo ci si scambia i poteri gli uni con gli altri... ma io non ho poteri, quindi nel caso in cui riesca ad arrivare abbastanza vicino a Thanos... io diventerei il capo dell'universo mentre lui sarebbe solo un soldato semplice...

    A parte che, mi domando, come faccio ad andare in giro con questa tuta sudicia e sgualcita?! Devo decisamente rifarmi un outfit più in linea coi tempi quando torno a casa..."

    Nel momento stesso in cui finì questi ragionamenti Bob si rese conto che LUI non sarebbe mai stato in grado di pensare a piani così geniali (meno che meno alla moda del momento).

    Decise però di fregarsene e procedere col piano appena concepito (no l'outfit, eh...) e sgattaiolò al di fuori del suo nascondiglio per dirigersi verso Thanos.

    Nel frattempo sopra il nascondiglio di Bob, SpiderGwen smise di pensare a quanto Deadpool fosse un tipo rispettabile e, soprattutto, alla quantità di letame da spargere sotto le Calendule per farle fiorire fuori stagione.

    RispondiElimina
  58. [SPIDER-GWEN IN MISSIONE] Pur non avendo idea di cosa sapessero fare quei tipi appena arrivati per sua fortuna il più vicino sembrava umano nonostante la strana armatura che lo faceva sembrare un minutauro. Lo bloccó con una ragnatela e passò all'altra carne da cannone sperando che non ci fossero altri di genere "fiammifero"

    RispondiElimina
  59. [Siena Blaze- In Missione]

    Vedo che il re di Latveria eè ormai vicinissimo e gli dico: "Ok Destino! Fai quello che devi fare ma fallo in fretta, per piacere, non mi piace quando non capisco in che lingua penso e ho quella strana sensazione di voler dominare il mondo e un odio per quattro tipi che levati..."
    Chiudere i portali è il primo passo, ma non sottovalutiamo lo zodiaco, anche perchè anche con loro avviene lo scambio di poteri... E anche gli altri alleati di Thanos...

    RispondiElimina
  60. [SPIDER-GWEN IN MISSIONE] ed ecco che il prossimo arrivò sotto forma di proiettile. Era diventato una palla di cannone. "Non è carino cambiare schieramento in questi casi!" Pensò prima di ritrovarsi un bel taglio sul braccio. Riuscì a bloccarlo appena in tempo prima che le tornasse addosso e decise di allontanarsi un attimo. Per fortuna non era niente di grave

    RispondiElimina
  61. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    Libra colpisce violentemente il Mostro, lanciandolo a metri di distanza. E' estremamente forte. Chiudere il portale diventa questione vitale per il gruppo. Nonostante Spider-Gwen abbia bloccato Taurus, c'è bisogno di aiuto, perchè le forze di terra sono in numero esiguo.

    RispondiElimina
  62. [PANTERA NERA - IN MISSIONE]

    C'era voluto troppo tempo. Prima quel mondo strano, poi lo spaesamento dovuto alle tante, troppe persone che gli stavano intorno. Ma T'Challa, la Pantera Nera, ora aveva capito.

    Vicino a lui, l'allievo di Rogers. Forse qualcun altro, di poco potente e molto intuitivo.

    I loro avversari sono troppi. E troppo forti. E sopratutto, troppo organizzati. Questo è evidente al Re di Wakanda. Per un istante, si chiede cosa farebbe Steve al suo posto. Si chiede se sarà mai degno di essere chiamato suo figlio.

    Un pensiero che dura poco. Come lui, anche Ian Zola ha capito. C'è qualcuno, che sta guidando le orde dirette contro l'AIP. Un semplice uomo, ma dalle capacità tattiche e combattive straordinarie.
    La Pantera e Ian, non visti, lo raggiungono sull'altura da cui coordina gli assalti. E stanno per prenderlo di sorpresa, quando...

    -SIGNOR WILSON? - Urla Bob, l'agente dell'Hydra - CHE COSA CI FA QUI.

    - Come fai a sapere chi sono, scarto? - risponde l'uomo, somigliante solo in parte all'amico di Bob - Ma non importa. Avete voluto sfidare Deathstroke il Terminatore. Preparatevi a pagarne il prezzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Scusate il ritardo. Ho pensato di dare ai personaggi non potenti uno scontro 'al loro livello', come da tradizione fumettistica. Deathstroke si presta bene a fare lo sgherro di Darkseid.)

      Elimina
  63. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    E' elettrizzante potere manovrare le forze primordiali dell'universo con la semplicità con cui le domina questa donna. Probabilmente non si è mai resa conto delle potenzialità che possiede. Sotto un attento addestramento che solo Destino potrebbe darle questa donna potrebbe rivaleggiare con Magneto al massimo della sua potenza. Mentre questi pensieri scorrevano nella mente di Destino la sua armatura lo avvisava che l'esame dei poteri era completo.
    Bene Siena Blaze a te l'onore di spazzare via questi esseri inferiori. Scarica tutta la tua potenza verso il portale. La mia armatura sarà capace di calibrare il tuo potere e chiudere il portale. Poi penseremo al resto

    RispondiElimina
  64. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  65. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    "Tu, signorina con la maschera e la ferita al braccio..." fa il Mostro rivolgendosi a Gwen, "dobbiamo combattere. Gli amici volanti stanno combattendo contro i nemici volanti, e quel signore vestito di nero è andato su quell'altura assieme ad un tizio vestito di verde e un altro lassù."

    RispondiElimina
  66. Contatto!!! Adesso il Dottor Destino ha i miei poteri ed io ho i suoi... Guarda là: Capricorno, che corre verso Frankie steso a terra... Mi sa che un fulmine non glielo toglie nessuno mentre aspettiamo di vedere cosa combina il Monarca...
    Mentre penso a tutto questo, vedo quel tipo con quella tutina sgualcita che cerca di aggirare le linee nemiche, se qualcuno di quei mostri lo vede, gli cantiamo un bel "De Profundis"...
    Destino sbrigati!!! Almeno cerco di proteggerlo dall'alto...
    Ma una voce dentro di me, quella di Destino mi dice che è ora di distruggere il portale, e intuisco anche qualcosa sul dominare il mondo da parte mia...
    Frankie e omino con la tutina sgualcita dovete cavarvela da soli, sorry...
    Ma adesso fuoco!!!

    RispondiElimina
  67. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    Il Mostro vede Capricorno cadere ai suoi piedi colpito da un fulmine di Blaze. La ringrazia a suo modo, ossia con un urlo che vuole sembrare di apprezzamento, e si lancia all'attacco. Decide di rimanere nei pressi di Capricorno, così da utilizzare i suoi poteri, e combattere l'orda demoniaca tecno-bestiale, assieme a Spider-Gwen. I due formano una coppia strana: il Mostro è sgraziato, furioso, sbatacchia i nemici e li finisce stampandogli il suo 52 di piede sui loro corpi; la ragazza è al contrario agile, aggraziata.

    RispondiElimina
  68. [SPIDER-GWEN IN MISSIONE] Frankie aveva ragione e cercò di individuare altri da bloccare con le ragnatele per diminuirne un minimo il numero. Una volta sconfitti non sarebbe stato difficile sconfiggere quello d'acqua una volta scambiati. Sperando che non fosse uno psicopatico che uccide i suoi compagni o simili, mica si può capire a vista

    RispondiElimina
  69. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  70. [MYSTICA IN MISSIONE] Mystica si sveglia tutto ad un tratto, la testa sanguinante. "Da quanto sono rimasta svenuta?" si chiede. "Devo essere precipitata da un'altezza considerevole". Tuttavia non è sicura di essersi ripresa completamente. Attorno a lei tutto è strano e sconosciuto. Scorge dei combattimenti in lontananza. Anche se non tutti i combattenti sembrano padroneggiare pienamente i loro poteri. Vedendo che la maggior parte di loro sembravano essere mostri spaziali decide di mutare la propria forma in uno di loro, perlomeno per potersi avvicinare alla ressa indisturbata, prima di capire come procedere con le mosse successive.

    RispondiElimina
  71. [ Dinamo Cremisi V - IN MISSIONE ]

    Iron Man aveva potenziato molto la sua armatura dal loro ultimo incontro, ed era come sempre un alleato prezioso negli scontri aerei. Spied Gwen si stava dimostando una guerriera indomita e coraggiosa, piu' preoccupata dell'incolumita' altrui che della propria e questo le faceva onore. La. Supremazia aerea che avevano garantito al gruppo aveva permesso al gruppo di avanzare e l'artivo del Signore del Wakanda avrebbero potuto far volgere le sorti a loro favore. Riusci solo per un soffio ad evitare il proiettle energetico che era promanato da uno di quei colossi in armature d'oro appena fuorisciti dal portale ed era l'ora di lanciarsi nella mischia.
    Spinse i propulsori al massimo e si lancio in picchiata verso quello che assomigliava ad un gigantesco .... Granchio ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea di Bob dell Hydra mi sembra ottima e con il giusto twist :-)

      Elimina
  72. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  73. [CAPITAN BRETAGNA - IN MISSIONE]

    Due ore. Due lunghe e interminabili ore a pestare come un fabbro, ma trattenendosi per evitare vittime. L'Omniverso ha regole chiare. Il Corpo dei Capitan Bretagna aveva regole chiare. 
    Ma Brian Braddock aveva le sue regole... 
    Dopo il briefing con Starbolt e il russo Brian aveva deciso di allontanarsi. Doveva pensare, doveva riflettere, e soprattutto non voleva che i poteri degli altri interferiscono con i suoi. Catapultato nel bel mezzo di una guerra senza sapere chi o cosa li aveva portati lì, non aveva avuto il tempo di riflettere. 
    Preso com'era a mutilare i tentacoli metallici degli esseri che si trovava contro, a eliminare fucili incastonati in masse di carne putrida, non riusciva ad elaborare una strategia. 
    Forse gli mancava la squadra. Di sicuro gli mancava sua sorella Betsy...ma che gli era preso? Non poteva pensare ad altro in quel momento, doveva rimanere concentrato! 
    Aveva appena preso il volo per travolgere un gigantesco insetto volante con ali meccaniche quando improvvisamente una luce accecante lo fermo' a mezz'aria lì dov'era: in quell'istante le migliaia di esseri cibernetici che aveva reso inermi nelle ultime ore ebbero un fremito. Il campo di battaglia fu scosso da una specie di corrente elettrica, talmente forte da essere visibile, e tutti quegli esseri si rianimarono. 
    Capitan Bretagna alzo' gli occhi al cielo: fra lui e i tre soli immensi avevano fatto il loro ingresso centinaia di navi spaziali, e in mezzo ad esse un'enorme, mastodontica nave madre. 
    Era una scena talmente imponente da togliere il fiato, anche a lui. 
    Da sotto il casco, Brian si accorse di sudare freddo. 
    Estrasse Excalibur dal suo fodero e penso' che isolarsi, in quella situazione, in quella battaglia, era stata con ogni probabilità l'idea più stupida che avesse mai avuto. 
    Poi un raggio di luce arrivo' inaspettato , violento, e la luce dei tre soli ando' lentamente a morire tra le tenebre dei suoi occhi. 
    Si accorse solo che stava cadendo senza freni verso il campo di battaglia pieno di creature urlanti. 
    Poi, solo il buio.

    RispondiElimina
  74. [IAN ZOLA-IN MISSIONE] Il team con Pantera stava funzionando,le tecniche del sovrano del Wakanda non erano così diverse dalle sue; sentiva la sua abituale lucidità nella lotta venir meno,come intaccata da istinti più selvaggi e primordiali..non una brutta sensazione a dire il vero..

    RispondiElimina
  75. [Siena Blaze- In Missione]

    Mentre centinai di astronavi apparivano nel cielo, Siena lasciò partire il suo colpo con un'energia tale che Terra- 616 sarebbe rimasta solo nei ricordi ma grazie a destino tutta la forza era concentrata su quel buco...
    L'esplosione fu enorme e quando il fumo si diradò... Il portale era ancora lì, la nave madre aveva creato come uno scudo potentissimo di fronte al portale, incredibile!!!
    E Siena vide un'ombra che si stava avvicinando all'uscita...

    RispondiElimina
  76. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Bene Siena bel colpo, adesso il portale è chiuso e non potranno avere altri rinforzi. Lasciamo gli altri ad occuparsi di queste creature noi dobbiamo proseguire, abbiamo perso fin troppo tempo ma prima credo sia necessario assicurarci l'aiuto di altri due membri. Destino contatta Dinamo attraverso il network creato prima e gli chiede: prendi Pantera nera e Demon Slayer e raggiungimi il prima possibile. Con il loro aiuto potremo mettere in difficoltà Thanos e il suo alleato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Doom che facciamo? Io avevo intenzione di far uscire un altro paio di personaggi e con la loro sconfitta far chiudere il portale...

      Elimina
  77. Tuttavia il loro avversario era davvero abile,e riusciva a tener loro testa con una facilità quasi beffarda.
    Ian decise che era ora di darci un taglio,nel vero senso della parola..basta trattenersi, come gli aveva insegnato Steve, era ora di dare il massimo.
    -Dai Pantera!-Liberiamoci di questo tizio!

    RispondiElimina
  78. va bene seguiamo la tua storia ma io non so come si cancellino i messaggi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora preparati perchè dovremmo veramente essere una squadra con più poteri...

      Elimina
  79. [SPIDER-GWEN IN MISSIONE] Almeno quei tizi che sembravano arrivati a caso peggio di un paio di luogotenenti scarsi a Dragon Ball sembravano susitemati, in compenso era direttamente arrivata l'ammiraglia e Cap.Bretagna era riapparso dal nulla con un esercito dietro per precipitare subito dopo. Le ragnatele non sono morbidissime ma sempre meglio che niente sperando che riesca a staccarsi. Ed in effetti forse potevano funzionare come garza, tentar non nuoce in fondo, meglio tenta ora con una ferita poco grave. Basta che non venire eletta a crocerossina del gruppo. Nel frattempo potrebbe essere una buona idea rimanere vicino al capitano finché non si riprende. Qualche potere in più fa sempre comodo, soprattutto se preso da qualcuno che ha fatto da solo metà del lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gwen, sei il mio angelo custode ^^
      Ragazzi scusate la poca partecipazione ma stasera m'é toccato lavorare, percio' mi sono messo momentaneamente KO (meno male che la giovane biondina ragnesca si é presa cura di me XD
      Torno reperibile domani!

      Elimina
    2. No problem almeno con la scusa dell'esercito redivivo posso rimanere occupata fino a domani con la tua stessa scusa! E poi almeno ho sistemato anche quella storia del rischio morte per dissanguamento (poi sul come mi tolgo le ragnatele di doszo una volta trovato un medico decente ne riparliamo) Oltretutto mi stavano riempendo di complimenti a caso e cominciavo a sentirmi in colpa non facendo niente di che


      Elimina
  80. [Dinamo Cremisi V - In missione ]

    Dal network una voce imperiosa gli suggeri - meglio gli ordino' - in maniera secca di raggiungere e portare Pantera Nera e Demon Slayer verso ... Destino 2099 ? - il Dbase non eiportava il soggetto ma il profilo vocale confermava Von Doom . Avrebbe risolto dopo il problema.
    Sino ad ora le sue intuizioni si erano rivelate esatte e sembrava avere un piano bene definito . Inizio a volare rasoterra in mezz atentacoli biomeccnici e sotto l'inquietante ombra delle astronavi per recuperare i compagni AIP . Il tempo si rivelava smpre piu' un fatore cruciale

    RispondiElimina
  81. [Mystica - IN MISSIONE] Restando nascosta a valutare la propria mossa successiva era stato un gesto da codarda e opportunista, quindi niente di nuovo, ma grazie a ciò la situazione le era finalmente chiara. Conosceva troppo bene parte dei combattenti per capire che doveva esserci stato una sorta di mercatino delle zecche dei poteri e, poiché questi eroi non fanno altro che urlare ad alta voce i propri piani, le era anche chiaro più o meno quale era il piano generale. D'altra parte lei era abituata ad interpretare altri personaggi, anche se questa volta avrebbe dovuto accontentarsi dei poteri e non dell'aspetto fisico. A meno che uno di loro non avesse poteri simili ai suoi.
    E ad un tratto il tizio in fiamme si spense e riapparve sotto forma di Morph. "Bingo!" gridò a gran voce Mystica...

    RispondiElimina
  82. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Destino rimase stupito: i suoi calcoli sulla chiusura del portale non erano sufficienti. L'arrivo della flotta era completamente inaspettato. Il monarca di Latveria si rese conto che aveva esultato troppo presto. Bisognava correre ai ripari e forse l'aiuto di Dinamo, Pantera e Demon Slayer poteva essere fondamentale

    RispondiElimina
  83. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    Frankie (da ora lo chiamerei così, in base agli input di Siena e Gwen) vede un corpo precipitare e infrangersi al suolo. Non lo riconosce, anche se i colori del suo costume gli ricordano qualche paese europeo vicino al suo luogo di nascita... Si avvicina e acquisisce i suoi poteri...può volare!!! Anche se per pochi secondi, tanto gli basta per dirigersi verso qualche nave nemica, atterrare su di essa e cercare di buttarne giù almeno una.

    RispondiElimina
  84. [MORPH - IN MISSIONE]

    “Se quello sguardo birichino è rivolto a me, sappi che mi hai appena rubato il cuore” dici a Mystica, appena emersa da una montagna di tecnoschifezze.

    RispondiElimina
  85. [Siena Blaze- In Missione]
    Adesso le ombre nel portale erano diventate due... E all'improvisso si rivelarano ancora alleati di Thanos!!! Mai una volta che qualcuno dei super-eroi ttrovasse un portale per caso...
    Ma bando alle ciance perchè Thanos aveva appena fatto arrivare: Mangog e Tarakis!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla faccia del vero credente marvel. Tarakis completamente dimenticato. Ciclo di Jurgens di Thor o sbaglio?

      Elimina
    2. Proprio quello!!! Il Gran Vizir infamone di Odino e il cercatore di vendetta Mangog

      Elimina
    3. Ragazzi quindi ricapitolando:
      -sgherri tecno.bestiali sconfitti perchè è stato fermato DeathStroke;
      -Membri dell'Acquario sconfitti;
      Rimarrebbero Mangog e Tarakis, oltre naturalmente a Thanos e Darkseid, giusto?

      Elimina
  86. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  87. [MYSTICA - IN MISSIONE]
    Pochi balzi felini e Mystica si ritrovò accanto a Morph, il quale smorzò il proprio sorriso scemo e la accolse con uno sguardo glaciale e sinistro. Al contrario mistica da scocciata per la situazione si ritrovò un sorriso a 52 denti stampato in faccia, non solo era l'unica che si sentiva a suo agio con i suoi nuovi poteri ma, anzi, in qualche modo erano migliorati e amplificati. Peccato solo che non riuscisse a togliersi dalla testa tutte quelle battute sceme. "Morphino pisolino, stammi assolutamente attaccata come una Cozza e andiamo a spaccare un po' di culi che non possiamo lasciare tutto il divertimento agli altri!"

    RispondiElimina
  88. [IAN ZOLA-IN MISSIONE]
    La tecnica combinata con T'Challa aveva sortito il suo effetto..al grido di CATAPULTA INFERNALEEE!! il tizio con la maschera bicolore e le Katane era stato sparato in aria,ed una raffica energetica, sparata da non si sa chi, l'aveva rispedito nel portale..
    -uno di meno!- pensò Ian-vediamo se questi mostra ci sono ancora così combattivi senza la loro guida!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Compagni di battaglia io stacco fino a domani mattina, IAN è disponibile per chiunque voglia usarlo. ;)

      Elimina
  89. [MORPH - IN MISSIONE]

    I miei occhi a cuoricione non conquistano ahimé la rossa tutto pepe e gene X. Ma la signora ammazzatutti mi fa presente che noi possiamo scambiarci i poteri senza conseguenze eccessive. Logorrea esclusa.

    RispondiElimina
  90. [MOSTRO DI FRANKENSTEIN - IN MISSIONE]
    Con lentezza, ma con efficacia, Frankie sgomina tutti gli occupanti di una navicella nemica. Una pulce in meno, sostanzialmente, ma meglio di niente, per quello che lui è in grado di fare. Poco prima che la navicella si infranga al suolo, Frankie fa un salto per evitare le esplosioni.

    RispondiElimina
  91. [Siena Blaze- In Missione]
    Oddio quei due esseri stavano guardando proprio lei che era la più vicina al portale...
    Siena stava sudando freddo, non le piaceva dover morire su questo stupido pianeta...
    "Antristi dove siete?"

    RispondiElimina
  92. [MYSTICA - IN MISSIONE] "Ti ricordo che ti ho preso in prestito anche quel pizzico di telepatia che hai in dono. Quindi i pensieri sconci riguardo al mio fondoschiena li percepisco tutti. Dai, sbrighiamoci a trovare un piano che se tutto finisce bene può anche darsi che ce ne sia per te alla fine di tutto. A chi/cosa puntiamo? Hai un'idea interessante. Io mi sento completamente scema in questo momento, spero che le mie doti da stratega ti siano arrivate almeno..."

    RispondiElimina
  93. [MORPH - IN MISSIONE]

    Touché! Non puoi non pensare a Mystica almeno una volta al giorno. Dopotutto, siamo esseri uman… ehm… mutanti.

    “Thanos ha organizzato un bel carnevale qui. Dobbiamo raggiungerlo e fermare lui per spegnere ‘sta giostra. Ma per arrivare fin là bisogna abbattere orde di tecnoschifezze. Facciamoci strada fino a lui…” dico a Mystica.

    E aggiungo: “Ma prima di abbracciarci in questa danza di morte…
    Fammi pensare… Verde c’è… Grigio c’è… Rosso c’è… Ok, vada per il bianco.”

    Comincio a gonfiarmi a dismisura e ad assomigliare a un Lou Ferrigno + candeggina.
    Poi ci lanciamo nella mischia per aprire un varco sul campo verso Thanos.

    Abbigliamento di Morph: Morph spacca!

    RispondiElimina
  94. [ Devil Slayer – IN MISSIONE ]

    Ondata dopo ondata di demoni da abbattere, si era perso nel furore della lotta e allontanato dal resto del gruppo. Si stava facendo largo tra gli esseri biomeccanici quando sentì a tutto volume sopra di sè... l'inno dell'Armata Rossa ???
    Alzando la testa vide Dinamo Cremisi diretto a tutta velocità nella sua direzione e protese la cappa delle ombre verso di lui. Se era fortunato il russo l'avrebbe presa al volo e il contraccolpo non gli avrebbe spezzato il collo.

    RispondiElimina
  95. [Dinamo Cremisi V - In Missione ]

    L'impeto di patriottismo gli era stato suscitato dalla vice stessa di Doom 2009 e l'Inno dell'Armata gli era sembrato un buon segnale.
    Riusci ad individuare Devil Slayer dalla immane catasta si nemici, tentacoli, cyber arti e colori fluo e lo affero' con la delicatezzache gli avevano insegnato gli Asghardiani durante la loro ultima missione e spero' di individuare Pantera Nera con la stessa facilita'.
    " Spero il passagio ti sia gradito Devil Slayer perche' la corsa e' lunga e difficile ed il servizio ricorda la Mosca-Kiev all'ora di punta.

    RispondiElimina
  96. [MYSTICA - IN MISSIONE]
    Mentre Morph in versione "Omino Michelin" stava facendo il gradasso ne approfitto del fatto di aver riacquisto la mia lucidità mentale per pensare ad un piano. Dopotutto in due mutaforma dovrebbe essere un gioco da ragazzi avvicinarsi a Thanks. Tuttavia guardandomi intorno noto Siena Blaze in palese difficoltà, "Sticazzi...merda! Sicuramente quel pallone gonfiato, letteralmente, di Morph avrà percepito a sua volta Siena in difficoltà. Morto di Phega com'è ora vorrà sicuramente andare a salvarla..."

    RispondiElimina

  97. [MORPH - IN MISSIONE]

    Io e la bella senz’anima distribuiamo cinquine e calcincoolo a mostri, mostracci e mostrilli.
    Qualcosa però attira la mia attenzione: Siena Blaze è in difficoltà.
    Mi giro verso la puffetta sanguinaria e dico “Chérie, deviation!”
    Lei mi guarda atterrita. Lo so, padroneggio il francese che manco Gambit.
    “Vediamo se possiamo dare una mano alla dottoressa Blaze, raggiungiamola!”

    RispondiElimina
  98. [MYSTICA - IN MISSIONE]
    "Fermati! Dove diavolo stai andando? Possibile che pensi solo con quella protuberanza che ti ritrovi tra le gambe?! Non capisci che se ci avviciniamo a lei c'incasineremo i poteri di nuovo? Se vuoi aiutarla almeno fallo da distante, attira quei due esseri da qualche parte, ma non avvicinarti a lei!"

    RispondiElimina
  99. [Siena Blaze- in Missione]
    Quei due essere su Fabio sempre più vicini... Ormai, mi sa, che ho i minuti contati... Quando vedo arrivare Mystica e L'omino dei Marshmallow??? Arrivare in mio aiuto...

    RispondiElimina
  100. Volevo scrivere: quei due esseri viscidi sono sempre...

    RispondiElimina
  101. (DOOM 2099 IN MISSIONE)

    Vedo la Dinamo cremisi che sta eseguendo i miei ordini prontamente e riconosco subito in lui un buon soldato. L'apparizione dei due nuovi sgherri di Thanos non mi spaventa. La vicinanza con Siena Blaze però mi fa percepire la sua paura. MI rivolgo a lei con tutta la mia autorità: "Non avere timore. Deve ancora nascere chi potrà opporsi al sovrano di Latveria!!!!"

    RispondiElimina
  102. [MORPH - IN MISSIONE]

    “Ciao bellezza!” grido a Siena mentre mi avvicino. Ma senza superare i limiti, che mamma Mystica è in uno di quei giorni che non può fare la ruota, evidentemente.
    “Pensavo che tu ti chiami come una splendida città italiana e io di cognome faccio Sidney. Un caso? No, non credo proprio: è stato il Destino a volerci insieme su questo campo di battaglia. E non quel Destino che svolazza lassù, l’altro.
    Comunque, io e cuore di pietra siamo qui per aiutarti. Chi sono questi due cattivoni?”

    RispondiElimina
  103. [Siena Blaze- In Missione]
    MA io sto rischiando di finire a fare da concime ai fiori (Se esistono) di questo pianeta e quello lì mi parla di città??? "Ma vedi di aiutarmi- gli urlo- e i tuoi Marshmallow non servono a niente contro questi due... Sono Mangog e Tarakis!!! Hanno distrutto Asgard insieme a Thanos!!!
    Comunque vicino a me sento il Dottor Destino e le sue parole mi danno un attimo di conforto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LA scelta di Siena non è stata casuale... Sono battezzato anche in contrada (Oca) per l'esattezza... :)

      Elimina
    2. Altra osservazione: Morph è alto 1,55 Siena 1,89 (Secondo marvelwikia)... Mi sa che non tivedo

      Elimina
    3. Ma Morph può cambiare tutte le sue caratteristiche fisiche. Potrebbe aggiungere tranquillamente quei 30 cm. Che detta così presta il fianco anche all'interpretazione di altri benefici.

      Elimina
  104. [MYSTICA - IN MISSIONE]
    "Gli dico di stare distante e lui che fa?! Fa il provolone fa... Che se per caso si ritrova con i suoi poteri e col proprio cervello minimo minimo ci manda tutti all'aria. Un paio di pianeti compresi."

    RispondiElimina
  105. [MORPH - IN MISSIONE]

    Le donne non mi capiscono…
    “Beh… se non ricordo male Mangog acquisisce potere dall’odio… quindi se noi ci amassimo lo indeboliremmo!” dico a Siena. Mystica mi guarda basita.

    RispondiElimina
  106. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Percepisco le difficoltà di Siena e accanto a lei vedo un omuncolo avvicinarsi frettolosamente e non capisco cosa voglia fare. Non me ne preoccupo. Destino ha ben altri piani. MI frappongo tra Siena e i due nemici pronto a intercettare l'attacco di Mangog e Tarakis

    RispondiElimina
  107. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  108. [Siena Blaze- In Missione]
    "Che cosa???"-sto per urlargli al provolone là sotto, ma se lo faccio Mangog diventa ancora più forte... Beh intanto che Destino si sta mettendo fra me e i due mostri, provo a fargli gli occhi dolci, facendocelo credere, e vediamo se serve a qualcosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazzi io mi fermo qui, tornerò domani. Un urlo mostruoso per augurarvi la buonanotte. :D

      Elimina
  109. [MORPH - IN MISSIONE]

    “Ehi voi porci, toglietele le mani di dosso!” grido ai due.

    Abbigliamento di Morph: vestito spezzato da ballo della scuola anni ’50 con giacca bianca e cravattino a farfalla.

    Bene, li ho distratti mentre Destino si prepara a colpirli.

    RispondiElimina
  110. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Mangog mi carica con tutta la sua forza. Attivo gli scudi cinetici e, allo stesso tempo, uso lo scudo di Seraphim per parare il suo attacco ma Mangog mi atterra senza sforzo. Destino è a terra. Qualcosa non ha funzionato. Eppure avevo calcolato tutto. Se scopro che c'entra qualcosa quell'omuncolo che si fa chiamare Morph può dire addio alla sua testa. La mia armatura si riavvia, i sistemi stanno riparando i guasti ma intanto la corazza esterna è incrinata. Evidentemente Tarakis deve aver potenziato Mangog con degli incantesimi. Ma se questo mostro si nutre di odio cosa succederebbe se si nutrisse del mio?

    RispondiElimina
  111. [Dinamo Cremisi V - in Missione]

    Nel marasma vedo Pantera Nera mentre Devil Slayer sembra aver trovato il modo di partecpiare allo scontro appeso al contrario. Il Signore del Wacanda mi vede e con balzo felino mi e' sul dorso a mo' di surf.
    Ora tocca riorganizzarsi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eroi mi lancio in branda. Usate pure Dinamo : E' un Buon Soldato

      Elimina
  112. [Siena Blaze- In Missione]
    Che cosa? Destino è a terra e quel altro gioca a fare il Fred Astaire dei poveri... Siamo messi male, penso, forse è la fine...
    Quando sento un rumore dietro di me e vedo arrivare DInamo Cremisi con a bordo Pantera Nera e Devil Slayer attaccato sotto...

    RispondiElimina
  113. [ Devil Slayer – IN MISSIONE ]

    Mentre sorvolamo Destino e il suo gruppo Dinamo mi lascia e si dirige verso l'altro fianco. Mi trovo davanti quello che sembra un asgardiano ostile. Sfodero Dragonfang e iniziamo a combattere .

    RispondiElimina
  114. [MYSTICA - IN MISSIONE]
    "Sapevo che non era affatto una buona idea provare a salvare Siena, per quanto mi riguarda era un pezzo sacrificabile nello scacchiere della battaglia. Ora anche volendo non posso fare nulla per aiutarla, solo sperare che sia valsa la pena provare a salvarla, e che ne sopravvivano a sufficienza per portare l'attacco finale a Thanos"

    RispondiElimina

  115. [MORPH - IN MISSIONE]

    Destino è sdraiato al suolo. Devo distrarre i dos amigos e dare tempo al Monarca di rimettersi in piedi. Se c’è uno che può metterli k.o., quello è lui.

    “Ehi, Stanlio e Ollio, che ne dite di questo?” sbracciandomi verso i due.

    Abbigliamento di Morph: elmetto con ali, mantello rosso e spalle di Chris Hemsworth.

    Avanti Destino, tirati su, tirati su, tirati su…

    Oh, arrivano rinforzi. Sia lodato Devil Slayer e la Cicogna Cremisi che ce lo ha portato.

    RispondiElimina
  116. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Finalmente sono arrivati i rinforzi. Era ora compagno che ti facessi vivo. Problemi con i tuoi ospiti? Tieni a bada Mangog qualche minuto io devo parlare con un altro regnante: Pantera nera.
    Nobile T'Challa come stai? Avrei bisogno della tua collaborazione. SO che nella tua tuta da combattimento porti del vibranio wakandiano. Messo insieme al vibranio presente nella mia tuta neurale possiamo costruire un'arma che invece che assorbire energia cinetica possa assorbire emozioni e in particolare l'odio. I miei blocchi psichici dovrebbero reggere per qualche secondo lo sforzo di neutralizzare la fonte di potere di Mangog e poi rilasciarla, attraverso il potere di Siena Blaze su Tarakis. E' un rischio ma dobbiamo correrlo

    RispondiElimina
  117. [STARBOLT - IN MISSIONE]
    Dopo aver fatto strage di demoni bio-meccanici volanti Starbolt si ricongiunse al suo partner, che nel frattempo aveva riacquisito il suo infernale potere.

    Insieme avevano continuato a fare incetta di anime dannate, palleggiandosi i poteri in un balletto mortale di fiamme, ora demoniache, ora cosmiche, quando l'arrivo in scena di dodici grotteschi personaggi aveva ribaltato nuovamente gli equilibri dello scontro: altri nemici e altri poteri da gestire.

    Come se non bastasse, dallo squarcio nel tessuto pandimensionale avevano fatto ingresso in quel mondo bizzarro altre due esseri: un asgardiano e una immonda creatura dalla forza smisurata.

    Il campo di battaglia si faceva sempre più caotico, le abilità di alleati e nemici rimbalzavano da persona a persona senza soluzione di continuità.

    L'aver diviso i compagni in squadre aveva da un lato permesso loro di controllare almeno in parte lo scambio di poteri, dall'altro aveva frammentato le loro forze, rendendo la battaglia più lunga ed estenuante.

    L'improvviso ingresso in campo di una flotta di astronavi aliene non meglio identificate non aveva di certo migliorato le cose, vanificando il lavoro di chi si era impegnato a sgomberare i cieli dai demoni: gli alleati a terra venivano nuovamente attaccati anche dall'alto.

    Tutto questo sotto lo sguardo compiaciuto e divertito dei due esseri che avevano dato inizio a tutto ciò: Thanos ed il suo doppelganger di una qualche altra realtà (Darkseid, aveva sentito dire da qualcuno).

    Fu proprio incrociando il loro sguardo che la mente di Starbolt fu attraversata da un dubbio.
    Demoni bio meccanici. Squarci dimensionali. I dodici dello Zodiaco. I due villanzoni nemici di Asgard. Flotte aliene. Realtà alternative. Poteri ballerini.
    Tutto questo contemporaneamente? Troppa carne al fuoco. Tutto ciò stava DAVVERO accadendo loro?

    Pensò ai due generali delle forze nemiche e alle loro quasi onnipotenti capacità, ma non fece a tempo a darsi una risposta, quell'attimo di distrazione era bastato a farsi raggiungere impreparato da un colpo, partito da chissà dove, indirizzato a chissà chi, ma che aveva scelto lui come bersaglio della sua traiettoria.
    Starbolt era a terra.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piccolo suggerimento di plot twist. Magari non è tutto come sembra :)

      Elimina
    2. PS: Goodnight, see you tomorrow :D

      Elimina
  118. [ Devil Slayer – IN MISSIONE ]

    "Avanti donna, dimostra di valere quanto un uomo e combatti". La frase e soprattutto l'arroganza con cui la pronuncio non mi sono proprie ma sembrano avere effetto. Siena Blaze si rialza e inizia a brillare di energia come neache un maestro di Hokuto... sono troppo vicino al buffone mutaforma ma la sua distrazione paga. Tarakis si distrae e lo colpisco al fianco. E' a terra.

    RispondiElimina
  119. [MYSTICA - IN MISSIONE]
    Mystica si rende presto conto che senza una pensata intelligente ben pochi sopravviverebbero. Sapendo che Tarakis assorbe il proprio potere dall'odio si avvicina a Morphs, quel tanto che basta per scucirgli quelle due gocce di telepatia che le servivano. A intermittenza assume le forme di Sole Ardente donna, Tempesta, Sue Storm e tutte le persone amate dai propri compagni di battaglia. La vista, seppur breve, dei propri amati/amanti placa una buone dose d'odio del team. Una tecnica degna di Sailor Moon e/o dei Pokemon ma tanto basta per permettere a Tarakis di mostrare il fianco. Mistica spera solo di non essere ricordata per questa pensata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ovviamente qui ho sbagliato, è Mangog che assorbe l'odio no? Quindi facciamo finta che io abbia scritto Mangog?

      Elimina
  120. [Siena Blaze- In missione]
    Cavoli, sono sempre stata per dire un'anarchica, ma adesso la vicinanza di tutti gli altri mi sta dando come nuove energie e nello stesso momento sento Von Doom che mi dice di tenermi pronta per una nuova scarica del mio potere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazzi per il momento mi ritiro al pian delle tende...
      Cosa vogliamo fare? Quando rispediamo indietro quei due , si chiude il portale e sfruttiamo l'idea di Star Bolt: tutto era tipo un'illusione e anche le astronavi spariscono e rimangono solo i due villanzoni capi? Io un giretto prima di arrivare a loro due contro Santuario II me lo farei tanto abbiamo tempo fino alle 20 domani...
      Comunque vi lascio Siena (i suoi poteri vi possono esserdi aiuto) con il suo tipico saluto:"Sarà sarà Thanos che si purgherà!!!" A domani

      Elimina
  121. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Il re del Wakanda ha un attimo di esitazione di fronte alla parole di Destino ma si rende anche conto che Thor non è nelle vicinanze e ben poche persone possono fronteggiare un potere simile. Acconsente ad aiutare Destino ma lo avverte: potreste morire per il contraccolpo neurale!
    Von Doom lo guarda severo e per un attimo sembra quasi che stia per scomporsi in qualche imprecazione. La sua veste regale riprende subito il controllo e pronuncia: se noi monarchi non siamo capaci di prendere decisioni difficili possiamo mai aspettarci che la plebe ci segua? Avanti T'Challa mettiamoci all'opera abbiamo poco tempo. Siena tieniti pronta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sto divertendo e colgo l'occasione per scusarmi se ho inserito qualcuno a "forza" dentro la trama ma dovendo impersonare un egocentrico come Destino la democrazia non era proprio nelle mie corde. Più che altro magari domani il Doc giocando Sole ardente potrà darci qualche altro spunto narrativo che ci può portare verso la risoluzione del conflitto

      Elimina
    2. Stacco anch'io gente.
      Secondo me dobbiamo muoverci a risolvere un paio di questioni "secondarie" e dedicarci a Thanos, Darkseid e chiunque altro ci sia dietro.
      A domani!

      Elimina
  122. [ Devil Slayer – IN MISSIONE ]

    La pausa è stata breve. Tarakis ha mutato forma a attacca con rinnovato vigore. Con la cosa dell'occhio vedo che Mangog, indebolito dal calo di odio provocato da Mystica, è tenuto a bada dai repulsori della Dinamo. E' uno stallo, e se il piano di Von Doom non funziona sarà la fine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo Tham che hai capito che intendevo indebolire Mangog e non Tarakis. Al contrario mio a quest'ora sei ancora sveglio...

      Elimina
    2. 5 ore di fuso di vantaggio... :)

      Elimina
  123. [MYSTICA - IN MISSIONE]
    Come non detto, l'essersi messa così in mostra per indebolire Mangog, ha permesso a Tarakis di colpire alle spalle Mystica che crolla al suolo priva di sensi, ancora prima di pensare "Li mortacc' Morph, chettavevo detto?!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E, come il mio alias Mystica, ne approfitto per farmi un pisolino anch'io. Liberissimi però di utilizzarla come meglio credete in mia assenza...

      Elimina
  124. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domattina non penso di esserci, usate pure Visione. Forse qualche mente brillante può recuperare da una Terra/Dimensione DC qualcosa per battere Darkseid?

      Elimina
    2. Domattina non penso di esserci, usate pure Visione. Forse qualche mente brillante può recuperare da una Terra/Dimensione DC qualcosa per battere Darkseid?

      Elimina
  125. (Gamora - in missione)

    Sono rinchiusa da ore, pesantemente sedata. Dalla mia cella posso sentire il clangore della battaglia, le urla della guerra.
    Thanos, dannato padre, piaga universale, berrò dal tuo teschio alla fine di questa giornata. Dammi solo il tempo di liberarmi e prendere il controllo di questa nave e vedrai che ti potrò fare!

    ...

    Posso sentire nuovamente il mio corpo,finalmente, e quel beota di guardia sta iniziando a passare abbastanza vicino da...

    -Gamora scatta e afferra con le gambe alla gola la guardia. Stringe finché la guardia non si muove più. Quindi afferra l'arma e fa saltare le sue catene-

    La donna più pericolosa della galassia e mi mettono a guardia 'sto tappetto?

    -Apre la porta della cella e dietro ci sono un paio di dozzine di guardie. Gamora sorride-

    Così è quasi alla pari.

    -e con un balzo si getta in mezzo alla mischia-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedo scusa, m'ero scordato. Ho riletto tutto, spero di ricordarmi domattina e di dare il mio contributo.

      Buonanotte

      Elimina
  126. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Destino finisce di armeggiare sulla sua armatura insieme a T'Challa che, una volta finito, gli chiede: sei sicuro funzionerà? Destino lo guarda con ferocia e quasi con un ringhio gli risponde: Destino non sbaglia mai, fatti da parte. Il monarca latveriano si alza in volo e si scaglia contro Mangog. Con un'abile manovra area, aiutato da Dinamo Cremisi, riesce ad arrivare alle spalle del mostro e applica su di lui i componenti di vibranio costruiti insieme a Pantera nera. Di colpo un'onda emozionale potentissima investe Destino. Il suo corpo è scosso, la rete neurale non regge, sulla sua mente viene scaricato l'odio di miliardi di esseri tutti insieme. Nessuna psiche potrebbe reggere tale shock ma lui è Destino e Destino non soccombe. COn uno sforzo poderoso di volontà non interrompe il contatto mentre Mangog si indebolisce sempre di più, comincia a rimpicciolire mentre Destino cerca di trattenere tutto quell'odio. Ovviamente non ha detto ai suoi compagni che prima di lanciarsi contro l'asgardiano ha deciso di usare un antico incantesimo che gli permette di trasformare l'odio in forza magica in modo da renderlo più forte di qualsiasi altro mistico. L'incantesimo sembra funzionare. Destino comincia ad ingigantirsi, non si capisce se sia un'illusione ottica o meno, tutto attorno a lui comincia ad assumere altre forme e colori. Di colpo il monarca di Latveria si rende conto che ha sottovolutato il potere di Mangog. L'odio dell'asgardiano è troppo potente, non è gestibile senza l'ausilio di qualche artefatto mistico. In un'altra occasione Destino avrebbe avuto il tempo di trovare una soluzione ma adesso non ne ha il tempo. Siena Blaze aspetta che Destino le scarichi il suo potere addosso ma è costretta a rimanere delusa. Con un ultimo sforzo il latveriano riesce a prosciugare l'ultimo stillo di odio da Mangog che cade a terra sconfitto. Accanto a lui giace un'armatura argentea con un uomo esanime. La sua psiche è in pezzi, la sua mente brucia in preda ad un odio assoluto e incomprensibile che Destino non riesce a gestire. Il nero avvolge il suo sguardo e la realtà pian piano scompare. Destino è a terra

    RispondiElimina
  127. [ Devil Slayer – IN MISSIONE ]

    Il contraccolpo psichico dell'attacco di Destino colpisce indiscriminatamente, ma è Tarakis a urlare e cadere a terra. Evidentemente gli incantesimi che lo legavano a Mangog gli hanno fatto condividere il fato del mostro.
    Mentre si rialza, Payne avverte, con la sua limitata telepatia, qualcosa di familiare, orribile e attraente insieme. Follia, Delirio, quale sia il nome, lì accanto una mente è stata spezzata. Ha già percorso quel sentiero e, per quanto tema di perdersi in esso, non può permettere che altri lo percorrano se può evitarlo.
    Indebolisce il suo legame mentale con la cappa delle ombre e la protende verso Destino, ordinandole di accoglierlo al suo interno. Non sa se sarà sufficiente, ma isolarlo dagli stimoli esterni può essere l'unico modo. Se realmente Von Doom è il mistico che crede, non avrà problemi a controllare la cappa una volta tornato in se.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antristi, devo scappare. Potete usare DS come credete, solo terrei la cappa a riposo finchè Doom non ne esce. Poi fate voi.

      Elimina
    2. spunti :
      e se fosse una partita tra Thanos e Darkseid per decidere se sia più forte la morte o l'anti-vita (entropia vs ordine assoluto)? In questo caso, di chi siamo pedine e possiamo rovesciare la scacchiera ...?
      oppure
      e se non fosse un caso avere Destino, Distruzione, Desiderio (ciao Morph) e Delirio nello stesso posto ?

      Elimina
    3. Bella l'idea della sfida tra i due.

      Aggiungo che tra i "dormienti" di oggi c'è Access, che può creare varchi dimensionali tra DC e Marvel, oltre a viaggiare nello spazio/tempo ed ha il potere di fondere personaggi dei due universi (lo scambio di poteri potrebbe essere un effetto collaterale?).
      Magari stanno usando in qualche modo i suoi poteri per plasmare questa realtà?

      Giusto due idee buttate li.

      Elimina
    4. Davvero ottima idea la sfida!
      Anche perché poi finora loro due non si sono mossi, stanno studiando il nemico prima di agire o...se la stanno semplicemente godendo?

      Elimina
  128. (DESTINO 2099 IN MISSIONE)

    Destino comincia a perdersi in una dimensione che stranamente gli è familiare. Come se l'avesse già conosciuta eppure non ricorda nè quando nè dove. Sembra un quadro di Escher o forse un film di Harry Potter (ma Victor non sa chi sia questo Harry potter. Forse la vicinanza di Morph continua a causargli qualche problema). L'oscurità si dilata e comincia un incessante rumore di grida. Non sono lamenti e neppure suppliche ma odio, rancore, vendetta. Tante urla che non arrivano mai a diventare sinfonia ma rimangono, volutamente cacofonia. Destino è sopraffatto da esse, stenta a reagire. Si sente stordito e, forse per la prima volta, incapace a reagire. Eppure si è perso nel cyberspazio, nelle illusioni di Margaretta, nelle droghe somministratogli da Herod. Ha sempre resistito. Cosa c'è stavolta di diverso? Ad un certo punto sente degli zoccoli. Ha quasi un momento di sollievo. Allora sono finito nel cyberspazio e questo è Duke Stratophere. Invece che vedere la figura a lui familiare scorge un uomo con abiti verdi, capelli arruffati e un ghigno in volto. Lo guarda, gli sorride, comincia a girargli intorno e anche lui grida. Grida un nome solo: Incubo!!! Destino non sa perchè ma è come se lo conoscesse eppure è sicuro di non averlo mai incontrato. Di colpo ricompaiono come un puzzle tutte le immagini del Victor Von Doom del XX secolo, i suoi scontri con Strange, Mefisto, Satannish e tutti gli altri esseri mistici. Destino non riesce più a distinguere la sua vita dalla sua controparte del XX secolo. Eppure era sicuro: lui è Destino. L'unico e solo. Non può essercene un altro. Incubo ride e gira sempre più vorticosamente finchè non intravede un'uscita. Scura anch'essa, forse ancora più scura del posto in cui è capitato ma come potrà mai essere peggiore? Con tutta la poca forza di volontà rimasta Destino striscia verso quella direzione e la imbocca ma ormai è allo stremo. La sua mente vacilla e la sua coscienza cade in un lento oblio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado a letto, ringrazio Tham per l'aiuto. Se vi serve decidete voi come Destino uscirà dalla cappa altrimenti lo faccio io domattina appena posso. Ricordatevi solo che è destino 2099 e non il Destino del XX secolo

      Elimina
  129. Spunto mattutino per l'evoluzione della storia,seguendo l'idea di omoragno: Gamora trova Access prigioniero e collegato ad una macchina che assorbe i suoi poteri;Thanos e Darkseid li stanno usando in una sorta di sfida tra i due,per vedere quale team di eroi,delle loro due realtà,ne uscirà vincitore..oggi è "in sfida" l'AIP,facciamoci valere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me potrebbe anche essere ok ma non ho visto la sfida. alla fine a parte Deathstroke chi è arrivato dall'altra parte?
      Zodiaco, Mangog e Tarakis son comunque tutti personaggi Marvel, no?

      Elimina
    2. Buongiorno!
      Potremmo fare che sull'astronave, visto che Gomorra ha parlato solo di guardie, ci sia al comando un supervillanzone DC...

      Elimina
    3. Thanos usa i poteri di Access per portare gli eroi dell'AIP su questo strano pianeta e li mette alla prova,con qualche "gusto star" dell'universo DC; è proprio una sorta di scommessa tra i due..non so se mi sono spiegato ;)

      Elimina
  130. Io non li conosco molto anche se so più meno i poteri. Per me va bene ma fate voi, anche perché forse conviene aspettare almeno qualcun altro. Io ora ho una verifica controllo come va quando la finisco al cambio dell'ora

    RispondiElimina
  131. [Siena Blaze- In Missione]

    "Destino..."- pensò Siena- "Ti sei scarificato per tutti noi", mentre il Monarca di LAtveria giaceva esanime a terra e anche gli altri sembravavno come in catalessi, di nuovo quello schiocco, quel ruumore...
    "No ancopra nemici no!" pensò di nuovo Siena, ma guardando verso il portale, si accorse che era chiuso e con questo erano spariti anche Mangog, Tarakis, Lo Zodiaco e nel cielo era rimasta solo l'astronave madre... Che significava tutto questo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso, mantenendoci alla debita distanza l'uno dall'altro, altrimenti si rincasinano i poteri, potremmo concentrarci tutti sui tre obiettivi...

      Elimina
  132. [DINAMO CREMISI V - In Missione ]

    La Dinamo continua a fornire supporto ma la scena non lo consola.
    DESTINO e Pantera Nera hanno affrontato Mangog ma il risultato non appare confortante , pur sconfitto lAsgardiano il Monarca di Latveria giace a terra e solo l'aiuto di Devil Slayer lo rend diverso da un bimbo in fasce.
    Si lancia veloce per creare una linea difensiva e cercare un modo per rimandare il nemico al suo mistico reame.
    La scena non ha lasciato la squadra indifferente ma,improvvisa,ente un urrlo selvaggio squarcia il campo di battaglia.
    In lontananza Gamora , in una furi a senza pari, si sta facendo strada verso di loro , con un intento che definire amichevole sembrerebbe inappropriato .
    Gli scan del'armatura lo avvisano della presenza di fonti di potere di membri dell'AIP, in particolare di ACCESS ma non lo si vede .... E se fosse lui la fonte del portale ?
    Ma non c'e' tempo pr pensare, occorr portare Destino al sicuro almeno fino a che non si riprenda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho seguito lo spunto di Omoragno, per cercare di liberare Access e cosi' poi dedicarci ai cattivi

      Elimina
    2. Siena veded il portale chiuso, Gamora sta arrivando dove ci troviamo noi... Quindi Gamora potrebbe aver trovato ACCESS e averlo liberato? Ma anche con loro vale la legge dello scambio dei poteri, Gamora non può trasportare ACCESS fino da noi... O si?

      Elimina
    3. Questo e' un bello spunto per Gamora ;-)

      Elimina
  133. [Gamora - in missione]

    La nave è gigantesca. Ho la meglio su centinaia di soldati di una razza che non ho mai visto. Anche la nave, i suoi comandi, non mi sono familiari: non è la solita nave di Thanos.
    Finalmente una plancia di comando. Di sotto vedo la battaglia che infuria. Ci sono un bel po' di eroi terrestri, molti non li conosco, e c'è uno della guardia imperiale. C'è Stark. Un varco dimensionale che sembra sputare gente casualmente e demoni meccanici molto simili a quelli che ho combattuto qua dentro.
    Thanos. Maledetto.
    E un altro tipo che gli rassomiglia, che se ne resta braccia conserte con un ghigno anche peggiore di quello di mio padre.
    Non lo conosco. Vedo che se ne resta su di una piattaforma la cui tecnologia è simile a quella di questa nave.
    Ok, guardiamoci in giro, cerchiamo qualcosa che possa essere utile.
    Dai terminali noto che c'è qualcosa che torna di continuo. Sembra una formula matematica, un'equazione.
    Bah, non ci capisco un granché, mi servirebbe un Kree.
    Ma ecco finalmente qualcosa di interessante. La lista dei prigionieri. Bella lunga. E io non sono l'ospite d'onore ma è sto tipo qui, chiuso nella parte centrale della nave.
    Access. Non mi dice niente nemmeno questo, inizia a diventare frustrante sta cosa. Beh, andioamo a vedere cos'ha di speciale, magari capiamo che vogliano i due bestioni.

    RispondiElimina
  134. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  135. [CAPITAN BRETAGNA - IN MISSIONE]

    Brian Braddock era chino sul terreno, ansimante, ferito nel fisico e nell’orgoglio.
    Il campo di battaglia portava i segni della lotta senza quartiere che nemmeno lui sarebbe stato in grado di dire quanto tempo fa fosse iniziata, ma una cosa la sapeva: non poteva arrendersi.
    Alzò la testa e la vide: la Furia era lì davanti a lui, e nonostante i danni subiti sembrava più forte che mai.
    Avrebbe potuto uccidere quella creatura cento, dieci, mille volte durante quello scontro, durante tutta la sua vita, ma non era quello che Capitan Bretagna doveva fare, non era quello che Capitan Bretagna doveva essere.
    La Furia, decisamente provata, era pronta a sferrare l’ultimo colpo, Brian lo sapeva: se lo sentiva nel sangue, nelle ossa, stava provando nuovamente una paura che conosceva bene, di quando il raggio energetico della Furia lo investì riducendolo in polvere, privando il mondo del più grande Capitan Bretagna che l’Omniverso avesse mai conosciuto.
    Ma stavolta era diverso. Stavolta lui sapeva. Stavolta aveva Excalibur.
    La Furia era china sul ginocchio malconcio e stava caricando l’arma che aveva al posto del braccio sinistro.
    Brian poteva sentire l’energia accumularsi, sentiva il calore del cannone a dieci metri di distanza, e colse l’attimo: si scagliò a velocità inumana contro quell’essere, Excalibur in pugno pronta a tagliarlo in due… ma la Furia fu più veloce.
    Il colpo che partì era di una potenza mai vista, e a lui non restò altra scelta che improvvisare: ancora sospeso a mezz’aria e a tutta velocità, Brian tese la spada a difesa davanti a sé, il raggio mortale la colpì e si divise in due infrangendosi sulla lama e moltiplicandosi, colpendo ogni cosa che lo circondava.
    Capitan Bretagna diede forza, sospeso a due metri da terra, e si scagliò contro la Furia.
    Uscì dalla traiettoria del raggio, caricò il colpo dall’alto e calò Excalibur con tutta la forza che aveva.
    La Furia fu come privata di energia da un momento all’altro, il braccio si spense e cadde lungo il fianco, la bestia crollò sull’altro ginocchio, si divise in due e rovinò riversa sul terreno bruciato.
    Brian Braddock chiuse gli occhi. Aveva risolto il problema, ma si era spinto oltre dove non avrebbe dovuto.
    “Brian…” sentì alle sue spalle, e col terrore nel cuore capì cos’era successo ancora prima di voltarsi.
    Betsy Braddock, sua sorella, la mutante conosciuta come Psylocke, stava bruciando proprio lì davanti a lui, la mano tesa alla ricerca del suo aiuto. Accanto a lei tutti i suoi vecchi compagni di Excalibur, gli X-Men, i Vendicatori. Dietro di loro Londra. Ogni cosa era in fiamme.
    Brian tese la mano verso quella di lei, ma non fece in tempo. Psylocke si sbriciolò sotto i suoi occhi, ogni cosa divenne polvere, e tra lacrime e rabbia e dolore Capitan Bretagna si accasciò a terra.

    Brian Braddock si svegliò che stava ancora urlando.
    Una mano guantata di bianco gli accarezzava il volto, la sua testa appoggiata sulle sue gambe e in quel momento gli tornò alla mente la sua amata Meggan.
    Si sentiva bene, era in pace, ma anche vulnerabile e spaventato e...
    Si rialzò, in qualche modo la ragazza ragno l'aveva salvato da quella caduta allucinante.
    Spider Gwen disse di chiamarsi, lui la ringraziò, e poi guardò verso l'alto.
    Della gigantesca flotta giunta poco prima che venisse colpito si stagliava nel cielo una sola, imponente nave.
    Non c'erano rottami nei paraggi, quindi...illusioni.
    Ma chi poteva generare illusioni tanto imponenti e complesse? Il suo pensiero tornò al folle Merlino, ma no, non poteva trattarsi di lui.
    La ragazza ragno voleva perlustrare l'astronave madre, ma con la sua vicinanza non sarebbero riusciti a salire così in alto.
    "Vai con gli altri accanto al portale e tenete la posizione, e dì agli uomini in armatura di raggiungermi lassù. Dobbiamo capire cosa c'entra quella nave con tutto quello che sta succedendo".
    Capitan Bretagna si sollevò dal terreno e spiccò il volo, salendo studiò un possibile punto di attracco e si fermò lassù, a mezz'aria, in attesa di Iron Man e Dinamo Cremisi.

    RispondiElimina
  136. [SPIDER-GWEN IN MISSIONE]Purtroppo non sapendo quale fosse il raggio massimo per lo scambio non poteva farsi dare un passaggio attaccanfosi con le ragnatele, quindi rimase a terra e pensò il da farsi. Stava cercadno qualche altro nemico da combattere per dare una mano quando si imbatté in Bob che le spiegò la sua idea. Per fortuna era abbastanza umana da poter stare vicini, così cominciò a pensare ad un modo per arrivare da Thanos. Solo che da quel che aveva capito non c'era solo lui e tutti quei tizi mai sentiti nominare sembrano dare problemi. Bob non è stupido ma se smettesse di pensare ai fiori certo la aiuterebbe. "Come dovrei fare a pensare come lui accidenti?!" Meglio allontanarsi un attimo

    RispondiElimina
  137. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah! Stavo pensando che l'equazione anti-vita non intaccasse noi perché universi diversi/diverse regole, quindi un'equazione che può annichilire l'universo DC su di noi ha solo il potere di annoiare a morte.
      Access è sotto controllo perché è a metà tra uno e l'altro universo. D'altra parte c'è possibilità di liberarlo vista la sua metà marvelliana.
      Pretestuoso, ma è giusto per giustificare il fatto che non sia finito sotto controllo di Darkseid :D

      Resta da definire bene che vogliano i pupazzoni.
      Non si menano tra di loro.
      Restano in disparte dalla battaglia.
      Io avevo impostato sta cosa di Access messo così per far si che fosse a causa sua che i nostri poteri si incasinavano, che fosse una mossa di Darkseid o di entrambi i villanzoni per sfruttare in qualche maniera i poteri di Access contro i loro nemici.
      Boh.

      Elimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails