sabato 21 novembre 2015

140

Che pizza (Saturday night sondaggismo)

In quanto fervente praticante della religione delle tartarughe ninja, mangeresti pizza tutti i giorni. Ti sei ostinato così a provare la pizza di decine di paesi diversi, un po' per curiosità e molto perché ti piace vivere pericolosamenteeeh, scoprendone di incredibilmente buone anche nei posti più impossibili (tipo improbabili catene semiitaliane in Giappone) e assaggiando centinaia di gusti diversi. Ma alla fine, come in Highlander, ne resterà soltanto uno. Di gusto. Qual è la vostra pizza preferita? [...]

Ed è subito fame.
Parti col dire che sei uno di quelli che tornano quasi sempre alla margherita tradizionale. Alla napoletana, alle volte con l'aggiunta della bufala. Perché dopo aver tanto girato, alla fine uno sposa metaforicamente la figlia dei vicini di casa, come in un manga, come ne Il ragazzo di campagna con Pozzetto. Perciò, ogni volta che devi provare una pizzeria nuova, ogni volta che ti trovi in un luogo culinariamente ostile, ogni volta quandooooo, parti dall'alfa, vai di margherita. C'è però che nell'ultimo anno con la solita cricca di colleghi siete finiti spessissimo in una pizzeria che sta vicino all'ufficio ed è aperta anche a pranzo. E lì hai trovato il nirvana pizzaiolico: pizza bianca con speck, grana e pistacchi. Una roba che quando ne mangi una ne vorresti anche un'altra, non fosse che la prima ti zavorra al suolo con l'apporto calorico di un altoforno.

E là, andata. Tocca a voi, debosciantes: qual è la vostra pizza preferita? Una sola scelta (no menu interi), un minimo di perché, non rompete le balle ai commenti altrui. Fatevi le pizze vostre. Chi pubblica commenti anonimi accetta implicitamente la propria ammissione di minchionaggine. È pronta la pizza a portar via? Due minuti, è già nel forno. Occhè.

140 commenti:

  1. Amo la pizza e - so che verrò lapidato - la amo di più quando non ha la mozzarella. E quando ha mezzo maiale sopra di lei. Quindi: Rossa con salsiccia e salame piccante! :D

    RispondiElimina
  2. Alle melanzane... Le melanzane fritte che fa un pizzaiolo del sud trapiantato nel profondo est... Maronna😃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non bestemmiamo per favore che la norma è una religione

      Elimina
  3. Salmone e porcini, una delizia di sapore e profumi, ovviamente con mozzarella abbondante e pomodoro.

    RispondiElimina
  4. Gira e rigira, la mia comfort pizza resta la margherita, un po' alta e soffice, con tanta salsa e tanta mozzarella (e una passatina di origano e olio)

    Però mi permetto una menzione d'onore per la deep pan pizza Chicago style: più che una pizza, è una torta salata "mettici dentro quello che vuoi che siamo in America, patria delle libertà) tappaarterie, ma è divinamente, morbosamente buona :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però quelle che descrivi sono focacce, non pizze.

      Elimina
    2. Hai controllato sul manuale ISO 9001 relativo alle definizioni per la pizza ritenute corrette a livello internazionale per venirtene fuori con un commento così arguto?

      Giusto per sapere, così almeno mi indichi la pagina relativa e correggo il commento :)

      Elimina
    3. Ehi, il mio era un commento amichevole, visto che per pizza si intende universalmente quella tonda ecol condimento a vista, ma se sei così permaloso ti lascio nel tuo angolino solitario... ma pensa un po'. :-(

      Elimina
    4. Buoni.
      Filippo, per "non rompete le balle ai commenti altrui. Fatevi le pizze vostre" intendevo esattamente questo. E quella roba sull'angolino solitario facciamo finta di non averla scritta, eh?

      Elimina
  5. pizza con salamino piccante e peperoni! con mozzarella. e non troppo cotta.

    RispondiElimina
  6. Partendo da una base di pizza margherita con bufala, aggiunta di rucola, pomodorini e scaglie di grana a fine cottura... sbav...

    RispondiElimina
  7. tonno & cipolle tutta la vita. Tonno possibilmente non polverizzato e cipolle possibilmente rosse ed a cerchi, poco rosso, tanto bianco (mozzarella). Se fatta in casa (quasi sempre surgelata), ci aggiungo del salamino piccante e rilancio di cospargimento di 1 manciata di preparato per pasta aglio, olio e peperoncino. Le emorroidi ringraziano.

    RispondiElimina
  8. Base margherita con aggiunta di gorgonzola e rucola. Eeee gnamme!
    Il mio diabete gestazionale ti ringrazia per questo sondaggismo cazzo. Vado a piangere!

    RispondiElimina
  9. Bianca, con crema di funghi, funghi e abbondante salsiccia...il perché? sostituisci la crema di funghi e funghi con qualsiasi altra crema e relativa materia prima e hai una serie di orgasmi a piacere...a parte questo, è troppo buonissima....

    Rhaxs dal solito account lavorativo anche di sabato....

    RispondiElimina
  10. napoli, con extra acciughe

    RispondiElimina
  11. scusate, sono palermitano e la mia pizza non può che esser lo sfincione.... con il suo condimento ("conza") a base di salsa, cipolla e caciocavallo
    da mangiare in cento panifici e - almeno una volta nella vita - direttamente dalle motoape (la "lapa" o i "lapini") in mezzo la strada.... ascoltando il canto ("abbanniata") dello sfincionaro....

    https://www.youtube.com/watch?v=s34OHdxeqPc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. intanto ti amo e ti odio perchè lo sfincione l'ho mangiato ma stando a Milano me lo posso solo sognare la notte...dopodichè se proprio la devi fare "vastasa" meglio andarlo a prendere (lo sfincione eh...) direttamente dove lo fanno (solo per stomaci forti però)

      Elimina
  12. Dubito che potrò partecipare, essendo io sì praticante della religione della pizza, ma facente parte della confessione scismatica del provarne sempre di diverse.
    Mettiamola così, limitandoci alle pizze classiche, quella col salame piccante potrebbe essere la mia preferita.

    Ah cmq la tattica del "proviamo come fanno la margherita" come test per vedere se sono bravi o no in un ristorante la uso anche io a volte :D

    RispondiElimina
  13. Detto che il mio secondo nome è fogna, la mia pizza preferita da un paio d'anni a questa parte si chiama Z-Kebab: in pratica una margherita con mozzarella di bufala, patatine fritte, kebab e salsa barbecue (ci sarebbero anche cipolle e radicchio, ma non ci vado d'accordissimo).
    Ne mangi una e poi muori, ma muori contento.

    RispondiElimina
  14. Per anni ho divorato pizze a tonno e cipolla,per la giuoia di chi mi stava accanto,e il motivo era che quel delizioso mattone mi lasciava la felicitá in fondo allo stomaco... e tonno e cipolla sia!

    RispondiElimina
  15. gorgonzola rossa più salsiccia. perchè... gustosa, appagante, soddisfacente che posso aggiungere di altro?!?!

    RispondiElimina
  16. La mia pizza preferita non esiste più, almeno dalle mie parti. Intanto perché è "custom", poi perché evidentemente viviamo in un mondo di fighette con le papille gustative delicatissime, e quindi non esiste più la vera base per quella customizzazione.

    La base è una diavola, possibilmente con un impasto di tipo 'napoletano', non un biscotto da tre millimetri tipo pizzettaro a domicilio (che tanto valeva condire direttamente il cartone, guarda!), ma leggermente più alta e morbida. E deve essere una diavola vera, di quelle che fanno piangere. L'olio superpiccante della nonna, quello tenuto sul bancone del pizzaiolo in un'oliera con il logo Biohazard, da maneggiare con lo scafandro antiradiazioni, con dentro tutta una teoria di peperoncini rossi e verdi che di fronte a loro la scala Scoville si gira, si allontana e si mette in un cantuccio a piangere.

    L'olio piccante va messo sulla pizza PRIMA di mandarla in forno, così che possa, combinandosi con la mozzarella e la salsa, pervadere tutto il condimento e sviluppare il suo potere nucleare al 100%. Combinandosi, ovviamente, con una soppressata piccante di livello, mica quelle robe che ti dicono "diavola" e poi mettono semplicemente del salame appena più gustoso su una margherita del gatz. No, la potenza deve essere anche nell'affettato, è ovvio.

    La customizzazione arriva esattamente un secondo dopo l'uscita dal forno di tale bomba nucleare. Una pioggia, ma vera, di ampie ma sottilissime scaglie di parmigiano (SCAGLIE! Non grattuggiato!) a coprire il tutto, con il calore della pizza appena sfornata che le fa ammorbidire fino quasi al (ma non oltre il) punto di fusione.

    Il risultato è una roba favolosa, che ti fa sentire fortissimo il piccante al primo morso, per poi stemperarlo con il parmigiano che ti va delicatamente ad addolcire l'impatto facendoti godere come un maiale. Da piangere di gioia... e non solo, se il livello di piccantezza è quello giusto: io lo misuro con un mio indicatore personale infallibile, il singhiozzo. Se è piccante abbastanza, dopo i primi due morsi mi viene un immancabile e granitico singhiozzo temporaneo.

    Peccato, appunto, che ormai quando chiedo "una diavola molto piccante" la risposta tipicamente sia "se vuole le porto il peperoncino il polvere così ne aggiunge quanto vuole dopo". Dopo. Ma bafangule vah, mi porti una napoli e la chiudiamo qui.

    PS: condividendo con il Doc (anche fisicamente, in taluni casi, come si può vedere dalle foto del post nell'articolo su Mimmo Pizzaiolo Nippocoreano) la passione per la pizza di ogni tipo e interpretazione, una pizza "buona" riesco sempre a trovarla praticamente ovunque. "Buona" nel suo contesto, a volte, e a volte pure sorprendentemente buona in generale. Sì, anche in Giappone. O negli USA. Perché la pizza spacca, a qualsiasi latitudine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cinquanta persone in cucina per prepararla, quella nippopizza da dieci carte, però era buona...

      Elimina
    2. "Andiamo a mangiare una pizza al volo".

      No.

      Elimina
    3. Sole in questo momento riesco a vedere i fumi postatomici della tua pizza che sta arrivando in tavolta, e niente, DEVO ordinarne una così prima o poi.
      Ti consiglio solo di mettere la spianata calabra come affettato di accompagnamento, cotta nella pizza diventa una bomba, in ogni senso.

      Elimina
    4. Ti auguro di trovare qualcuno all'altezza, con l'olio corretto e la preparazione giusta :D

      E sì, la spianata calabra spacca i culi, sulla MIA pizza. :D

      Elimina
    5. Ciao a tutti, scrivo il mio primo commento qui per dire che hai perfettamente ragione. Anche la mia pizza preferita è identica (salame piccante+grana) e per mia fortuna l'ho potuta mangiare da sempre ogni settimana da quando sono piccolo.
      Ma anche voi se in una settimana non riuscite a mangiare una pizza vi sentite strani?

      Elimina
  17. Margherita, ma con un po' di prosciutto cotto, olive verdi e capperi.
    Il perché... beh, non so come si faccia dare una spiegazione: è una semplice questione di gusto :)

    RispondiElimina
  18. Melanzane e peperoni a mani basse...rigorosamente NO zucchine!

    RispondiElimina
  19. Napoletana o margherita con le olive snocciolate, ma qui nella punta dello stivale, le olive non me le snocciola mai nessuno.

    RispondiElimina
  20. Le migliori pizzerie d'Italia sono in assoluto queste e si trovano non distanti tra loro:
    "Da Michele" a Napoli
    "I Masanielli" a Caserta (Viale Lincoln, pressi Reggia Vanvitelliana)
    "Vecchio Frantoio" a Bellona (15km da Caserta, un posto di 5000 anime con oltre 30 pizzerie...)
    "A Luna Rossa" a Bellona (Caserta)
    "Pepe in grani" a Caiazzo (25km da Caserta)
    Tutto il resto è noia, frisbee o dischi volanti fatti passare per pizze...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella risposta, se qualcuno ti avesse chiesto la tua pizzeria preferita. Ma nessuno l'ha fatto.

      Elimina
  21. cipolla, pancetta, salsiccia

    RispondiElimina
  22. allora anch'io voto la pizza custom e il motivo principale risale a quando ero bimbo e abitavo in una cittadina quasi di montaga. Lì c'era una pizzeria gestita da veri napoletani, facevano la margherita a pasta alta, levitata e morbida condita con pomodoro in salsa, mozzarella e basilico fresco. Io da vero bimbo sgordo ci facevo aggiungere gorgonzola noci e salamino ma i pizzaioli erano davvero bravi quindi prima dell'infornata versavano olio piccante in modo da combinarlo bene con il resto degli ingredientipoi aggiungevano mozzarella fiordilatte, formaggio gorgonzola a cubetti in abbondanza e soppressata piccante (non salamino del cavolo ma vera soppressata) tagliata alta. Infine una volta sfornata un altro po' di olio e soprattutto una mega pioggia di noci...per me era il delirio assoluto.
    Anche oggi me la faccio fare ma il ricordo va sempre alla Pizzeria Bella Napoli (sai che fantasia) di Belluno!!!

    RispondiElimina
  23. Napoletana, con aglio tritato, rosmarino e un mare di olio piccante. Goduria assoluta nella sua semplicità.

    RispondiElimina
  24. C'era una pizzeria ristorante a Fabbrica Curone di nome La Ginestra (adesso ha cambiato gestione e la pizza non è più buona come prima) che faceva una pizza bianca simile alla focaccia di Recco con Montebore (un formaggio misto mucca/pecora della Valcurone) e tartufo nero (che in realtà era scorzone, un cugino povero del tartufo nero). Una bomba, buonissima. Poi se la prendevi grande ti zavorrava parecchio ma era una mega guduria.
    Parlando di pizze mangiate all’estero ricordo quella mangiate in un ristorante a Hillerod, vicino a Copenaghen, dove io ordinai una 4 stagioni in cui c’erano i gamberetti (???) e mia moglie (allora fidanzata, era il 2004) che ordino una margherita e la cameriera gli chiese se era sicura visto che c’era sopra solo pomodoro e mozzarella. Un danese che spiega ad un italiano come è condita una margherita, mi rimarrà impresso tutta la vita.

    PS: Doc adesso che puoi bere la birra è perfetto, una media e una pizza è il menu per tutte le stagioni.

    RispondiElimina
  25. Da pizzaiolo di lungo corso, mangiandola tutte le sere da 10 anni e avendole provate praticamente tutte, la migliore per me rimane quella con le verdure grigliate e bufala fresca.
    Ovviamente accompagnata da famigliare di weiss gelata…

    RispondiElimina
  26. Pur essendo tradizionalista, quando voglio proprio farmi del male e del bene assieme, prendo la pizza chalet ossia bianca con pesto, stracciatella, pinoli e prosciutto di Praga.

    RispondiElimina
  27. Salsiccia funghi peperoni e gorgonzola...delicatina! Ma una menzione speciale visto che vivo in UK va alla meatilicious di Domino's che quando c'ho un cazzo di voglia di cucinare è sempre lì pronto a portarmela a casa

    RispondiElimina
  28. Io non l'ho ancora capito. Compatitemi.

    RispondiElimina
  29. Buongiorno a tutti, primo commento sul blog, di solito non scrivo ma mi sono un po' sentito tirato in causa dall'argomento. Effettivamente, sulla pizza essendoci molti modi diversi di farla, in base alle zone, e molti ingredienti diversi con cui condirla, e' difficile dire la migliore quale è! La migliore puo' essere quella che ci piace di più, e siccome i gusti delle persone cambiano dall'una all'altra, non ci sono parametri fissi. Però vorrei spostare l'attenzione su alcuni fattori che per me sono essenziali: la gestione e i tempi dell'impasto, la scelta dei prodotti, e la cottura. Senza addentrarci troppo nei singoli argomenti, dico solo che l'ottimizzazione di queste cose porta ad un risultato ottimale, che purtroppo spesso non si riscontra in tante pizzerie.Il risultato ottimale per me è una pizza che abbia un giusto equilibrio tra le quantità degli ingredienti( esempio, spesso mi sono trovato di fronte a margherite dove il pomodoro non si vedeva nemmeno, a causa di uno strato "gommoso" di pseudo mozzarella sulla superfice della pizza), digeribile, non bruciata e che non dia problemi di "sete" durante la notte. Questo si può fare, a patto che siano rispettate alcune regole "professionali", e purtroppo questo si trova sempre meno in giro. Per me quindi la pizza migliore è quella fatta "bene", che sia napoletana, romana , in teglia, al metro , focaccia...Colgo l'occasione per suggerire a chi fosse interessato all'argomento, di andare a rivedere una puntata della trasmissione di report sulla pizza, ci sono molti spunti di riflessione! Scusate il dilungamento !

    RispondiElimina
  30. Ce ne sono tante "speciali" che spesso mi piace assaggiare ma anche io all fine finisco sempre per tornare alle basi.
    E infatti la mia preferita è la napoletana (ovvero la margherita con l'upgrade dei capperi e delle acciughe).
    Miiiiii! Ho fame adesso!

    RispondiElimina
  31. ortolana, magari con cipolla, SENZA verdure a foglia.

    RispondiElimina
  32. Punto primo: preferisco senza dubbio la pizza "alla romana": bassa e scrocchiarella.
    Dopo molte scelte ora sono orientato alla pizza con Fiori di Zucca (base bianca, mozzarella e alici). Che poi ti fa alzare almeno 2 volte per notte per andare a bere... ma anche questo fa parte del suo fascino....

    RispondiElimina
  33. di solito "fumo", ma anche "tonno & cipolla" se non conosco bene il locale (è la mia scelta standard insomma).

    Se il locale lo conosco e mi piace, scorro la lista e prendo quella che fa più schifo di tutte, di solito ha praticamente tutti gli ingredienti di tutte le altre pizze e come nome gli mettono quello del locale o della moglie del pizzaiolo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un classico XD Da me mettono i nomi dei figli, in genere !

      Elimina
    2. Il mio cliente pizzaiolo, che è di Salerno, ha tutta la famiglia nel menu', moglie e figli. Adesso gli arriva il nipote e aggiungerà anche lui alla lista.

      Elimina
  34. La mia invenzione è molto semplice ma ottima quando si ha molta fame e si vuole avere la sensazione di pienezza non spendendo troppo: Margherita con Crudo e Patatine. Qualche settimana fa ho provato anche l'upgrade di questa pizza facendoci aggiungere mais e grana, ma era una pizzeria con open wine e ricordo solo di aver tentato di spiegare bremsstrahlung ad un venditore di rose e di aver cercato di fare di tutto per infastidire una mia ex presente alla tavolata.

    RispondiElimina
  35. Zola e salame piccante tutta la vita

    RispondiElimina
  36. Pizza bianca con salsiccia e friarielli, scoperta solo da un paio d'anni (vivo al nord). Prima puntavo su un'ipercalorica quattro formaggi con salame piccante.

    RispondiElimina
  37. Bufala Pomodoro Speck Rucola Brie Funghi Porcini e Peperoncino

    E poi mi sveglio alle tre del mattino con il deserto dei tartari i bocca ed una moquette da far invidia a Cavalli!

    RispondiElimina
  38. Dipende dalla pizzeria in cui la prendo (vicino casa ne ho due che lavorano in maniera diversa) ma in genere :

    Mozzarella, salsiccia, porcini, provola, olio al tartufo

    RispondiElimina
  39. Bianca con le patate vince su tutto.
    A proposito Doc, visto che sei di Cosenza ti consiglio di andare a provarla dal ciclone. Anche solo vedere come lavorano vale la pena di comprarla, e le patate sono ottime!

    RispondiElimina
  40. Per la pizza mi va bene qualunque guarnizione, basta che sia impasto napoletano (bordo alto e morbido), mentre quelle basse, dure, sottili, risvegliano in me grande tristezza. Ahi, come sa di sale la pizza altrui, e come e' dura crosta lo scendere e salir per l'altrui pizzerie...

    Se devo scegliere la ricetta, la mia preferita e' salsiccia e friarielli. Quando le rape non sono di stagione, la Masaniello (margherita con 'nduja) o 4 formaggi bianca.

    RispondiElimina
  41. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  42. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  43. Beh... non è facile sintetizzare il tutto in un unica pizza... la scelta varia a seconda della location:
    In un posto nuovo, non sapendo la qualità dei condimenti utilizzati, si va su una strategica Diavola... al max con aggiunta di patatine.
    Nelle pizzerie di fiducia si può invece ordinare più coraggiosamente una parmigiana con salame piccante e porcini, col parmigiano a scaglie e le melanzane tagliate a fettine e fritte prima di essere piazzate in forno con la pizza.
    Poi ci sono le due eccezioni, prese rigorosamente nelle due pizzerie di appartenenza... una è la pizza Pirtuso: pomodoro, mozzarella, salsiccia sicula, salame piccante e patate a forno.
    L'altra è il primo amore, la Zabara: pomodoro, mozzarella, pancetta, melanzane a tocchetti cotti in forno con la pizza e funghi.
    Tutte queste pizze devono essere servite al tavolo accompagnate da olio piccante, da aggiungere indiscutibilmente a crudo.

    RispondiElimina
  44. Carbonara. Uovo, pancetta, cipolle, grana. Epica.

    RispondiElimina
  45. ghiottona (bianca con mozzarella, tonno e scaglie di grana) il tonno con la mozzarella filante crea un connubio corposo e dolce che un comune essere umano non può definire con le comuni parole....

    opzionalmente (nel senso che la segnalo, non voglio contravvenire alla regola one shot one pizza) la pizza al pesto....salata , croccante e dolce....

    RispondiElimina
  46. Premettendo che ho recentemente scoperto una pizzeria al taglio che fa anche pizze tradizionali con consegna a domicilio e che le suddette sono le più buone dell'universo conosciuto in qualsiasi variante e varietà, parlando di abitudini personalissime, io sono uno di quei tipini lagnosi ai quali 90 volte su 100 non va bene niente (...E la mozzarella è gommosa, e la crosta è poco/troppo crostosa... :P ).

    Detto questo, siccome mi conosco e non voglio tediare gli altri con le mie pizzaparanoie, solitamente finisco sempre per prendere "La Marinara", che essendo fondamentalmente una "Pizza Al Niente", non mi scontenta mai, ché l'aglio mi piace anche... :P

    RispondiElimina
  47. La quattro formaggi, perchè sono un amante dei vari formaggi, dallo zola, al taleggio, brie, formagelle varie, ecc ecc la fetta finale rimane sempre quella con la bella gocciolona di zola e muffa che ha un sapore da goduria infinita.

    RispondiElimina
  48. Direi che vado esclusivamente coi grandi classici. Prosciutto e funghi e passa la paura.
    La grossa variazione era in locale di Abano terme che veniva chiamata col nome di un minerale (anche se adesso mi sfugge quale fosse),ma a conti fatti sempre prosciutto e funghi era

    RispondiElimina
  49. Direi che vado esclusivamente coi grandi classici. Prosciutto e funghi e passa la paura.
    La grossa variazione era in locale di Abano terme che veniva chiamata col nome di un minerale (anche se adesso mi sfugge quale fosse),ma a conti fatti sempre prosciutto e funghi era

    RispondiElimina
  50. Mi piacciono tutte, ma essendo di Napoli mi butto sulla salsiccia e friarielli... Quando ritorno in città è la prima che ordino, visto che fuori Napoli i friarielli sono difficili da trovare.

    Una menzione per la pizza alla romanAHAHAHHAHAHAHAHHHSBRUOTFL! E la chiamano pizza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che romani e laziali in generale abbiano anch'essi facoltà di menzionare con lo stesso sarcasmo "la pizza alla napoletana", chiedendosi altresì se è o meno una pizza, vero?! ;)

      ...E lo domando da friulano, per la serie "DE GUSTIBUS". :P

      Elimina
  51. Essendo l'eterno indeciso e siccome mi piace un po' di tutto la mia preferita è sempre la 4 stagioni/capricciosa. Sono costretto ad indicarne 2 invece di una perché cosa c'è esattamente sopra varia da pizzeria a pizzeria e spesso si accavallano come contenuti, ma in sostanza, voglio la mia pizza piena di roba.

    RispondiElimina
  52. Gorgonzola, salsiccia, pancetta e olio tartufato: un'esplosione di gusto in bocca (e un tormento olfattivo per i commmensali). Ribattezzata come Pizza Ringhio perchè digerirla è come subire uno scontro di gioco col roccioso Ringhio Gattuso.

    RispondiElimina
  53. Da asporto:crema di noci e parmigiano. Da consumare al tavolo:Tonno, cipolla e curry. La seconda è preferibile prenderla se sei single e non hai comunque appuntamenti galanti.

    RispondiElimina
  54. La meno pizza di tutte: la quattro formaggio. Da amante dei latticini, è in realtà un pretesto per abbuffarmi di formaggio. Non ti nego che quando arriva a tavolo, molti mi guardano storto.
    Altrimenti mi accontento della buon vecchia Margherita. W la semplicità!

    RispondiElimina
  55. Ora è solo diavola con cipolle. Fino a 5-6 anni fa era LA SCHIFEZZA: pizza con peperoni, würstel, prosciutto e salame piccante. Alè!

    RispondiElimina
  56. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte le volte passo mezz'ora a leggermi l'intero menù, controllando i singoli ingredienti, anche quando ci sono 100 e passa tipi di pizza (true story), e alla fine prendo sempre una margherita bufala, salciccia e peperoncino. Pacifico.
      Sono un abitudinario, leggo la targhetta sopra l'ascensore, eccetera eccetera.

      Elimina
  57. Pizza al salame piccante (o, come si ostinano a chiamarla, "calabrese"), con rigorosa aggiunta di abbondante olio piccante.
    Il problema è che non è mai abbastanza piccante.

    RispondiElimina
  58. Cipolla, Olive e Scamorza affumicata.
    In alternativo la "monte bianco": bufala+cipolla+panna, e via di delirio da digestione.

    RispondiElimina
  59. Non ci credevo nemmeno io ma la mia preferita è pancetta origano e....BANANA..l'ho provata x sfida in una pizzeria in quel di Bologna e devo dire che l'equilibrio di gusto che si crea tra la dolcezza della banana e il salato della pancetta è fenomenale..una volta ne ho mangiare addirittura 2.
    Comunque ne provo sempre di diverse quando esco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maaaaa, il nome del locale per curiostà??? Metti caso che passando da Bologna mi venga in mente di provalra...

      Elimina
  60. Innanzitutto, complimenti per la premessa, molto saggia: margherita. Napoletana. Bufala.
    Solo che non ci si può fermare così, a costo di apparire noiosi, quindi faccio presente che il buon Sorbillo (a Napoli appunto) ha messo a punto questa pizza *perfetta* con nduja e una grattugiata di ricotta al forno.
    E che.
    Ve lo dico.
    A fare!

    RispondiElimina
  61. 4 formaggi rossa! Dipende dalle zone però, dal nord al sud i formaggi variano, la mia combinazione preferita: gorgonzola, mozzarella, emmental, brie!

    RispondiElimina
  62. A volte la pizza vale piu' per il momento che rappresenta che la pizza in se:

    Nei miei anni universitari la Pizza era con l'amico fraterno: teglia di "Americana". Wurstel, patatine, ketchup e maionese. Colesterolica, pesante, e malsana.

    Volendo invece mangiare bene, a scelta tra Norma, Vegetariana (con verdure grigliate).

    Adesso, nel mio esilio Zurighese, Pizza con Funghi e' quello che mi riesce meglio nel forno casalingo :D

    RispondiElimina
  63. Salamino piccante. Gira gira torno sempre lì, possibilmente con un po' di peperoncino piccante e tanto origano.
    Fame.

    RispondiElimina
  64. Mi tocca infrangere la regola aurea dei sondaggismi "una sola scelta" per una questione di cuore: la mia pizza preferita è una qualunque pizza cucinata nella stufa a legna modello dopoguerra di casa dei miei, che sia una margherita, una mozzarella e acciughe, uno speck e gorgonzola, ne esce sempre un capolavoro.
    In pizzeria vado sul sicuro con salsiccia e friarielli (che non riesco a trovarli venduti sfusi da nessuna parte, antristi torinesi aiutatemi) alla napoletana.

    RispondiElimina
  65. La mia preferita la pizzeria la chiama "Totò": nel centro pizza mozzarella di bufala, grana, basilico e olio, cornice ripiena di provola e friarielli (le cime di rapa). Qui la fanno pagare 11 euro che per una pizza è una vera rapina: al chilo mi costa quasi di più della mia trans preferita! Però almeno riempie uguale...

    RispondiElimina
  66. Essendo io un lontano parente delle turtles spesso mi concedo le peggio pizze (per la gioia della consorte)...
    Ma ultimamente sono abbastanza fedele a quella che qui chiamano Mago (pomodoro, mozzarella, peperoni, zola e cipolle)... per non andare troppo sul pesante...

    RispondiElimina
  67. Quella che proponi Doc con pistacchi e speck mi attira molto (non mi piace il grana) ma la mia preferenza per ora è su salame piccante e ricotta di bufala ;)

    RispondiElimina
  68. Tonno, gorgonzola e capperi. Pesantezza da 0 a 10: Giampiero Galeazzi.

    La cosa che può lasciare sorpresi è il gorgonzola: si sposa perfettamente con tutti i tipi di pesci che si possono utilizzare in una pizza.

    RispondiElimina
  69. Base margherita con doppia mozzarella e pomodorini freschi, magari con un po' di bocconcini di mozzarella.
    Sì, amo la mozzarella...

    RispondiElimina
  70. La più buona in assoluto è la pizza con ananas e uovo...particolare e raffinatissima. Ve la consiglio caldamente!




    Ok, scherzavo.

    Amo la pizza in quasi tutte le sue declinazioni, ma per me deve essere rossa. Una buona margherita è sempre garanzia di soddisfazione ma ultimamente ne ho provata una con salsa, fiordilatte, gorgonzola speck e pistacchisu un impasto fatto con lievito madre...davvero davvero deliziosa!

    RispondiElimina
  71. Marinara; un po' apprezzo aglio e origano, un po' la mozzarella tende a pesarmi, un po' sono tirchio & povero.

    RispondiElimina
  72. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  73. Sicuramente altri napoletani prima di me avranno risposto, comunque mi avventuro: 1) non esiste la pizza Napoli, ovvero esiste solo fuori Napoli, per cui è come se non esistesse (così come non esiste il film americano di Dylan Dog...non è un commento razzista, ma solo una constatazione); 2) ho conosciuto gente (delle parti di Rieti) che non aveva mai mangiato pizza napoletana, e pretendeva che quest'ultima in pratica non esistesse, esisteva solo quella del suo paese...beata ignoranza!; 3) nella stessa Napoli io ravviso due scuole principali di pizza, che fanno capo alla tipologia dell'impasto e alla sfumatura del pomodoro: la stessa pizza mangiata nelle due "scuole" assume giudizi diversi. Le due scuole sono fondamentalmente incommensurabili (ma ovviamente di elevatissimo livello entrambe); 4) bianca con salsiccia e peperoni, o meglio ancora il tronchetto.
    Bye
    Oscar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho mangiato la migliore pizza della mia vita a Ischia e ho sempre pensato che fosse perché, vista la zona, era vera pizza napoletana. Mi crolla un mito :(

      Elimina
    2. Dai, Ischia te la si perdona :-) Ultimamente sta facendo il suo exploit il pomodorino di Corbara (il corbarino), che ha anche una variante striata

      Elimina
  74. provola cicoli e ricotta!!che solo a guardarla ti chiedi se hai lo stomaco abbastanza grande!ma da mangiare solo in pizzerie di fiducia...che se i cicoli e la ricotta nn sono freschi...
    cmq quando si va di fretta e quando sei affamato il solo affacciarsi di una comunissima margherita ha lo stesso effetto dell insegna luminosa di un distributore di benzina aperto quando sei a secco...

    RispondiElimina
  75. Pizza con funghi porcini e salamino piccante, mozzarella di bufala, basilico, passata di pomodorini, tutta fatta in casa eh!

    RispondiElimina
  76. Vivendo all'estero, la buona pizza e' la cosa che mi manca piu' dell'Italia. Fortunatamente cercando si trovano ottime pizze anche fuori dal Belpaese.
    Per me pizza sottile e grande, mozzarella di bufala e scaglie di parmigiano sopra. Perche? Provatela e poi non tornerete indietro! :)
    Ottimo sondaggio, Doc.

    RispondiElimina
  77. Quando trovo ci sono gli ingredienti è sempre Asiago Sopressa e Funghi su base abbondamte pomodoro. Rigorosamente sottile. Perchè mi ricorda casa.

    RispondiElimina
  78. Ho assaggiato ventordicimila tipi di pizza, ogni volta che vado in un ristorante nuovo cerco la ricetta mai vista prima e se ce n'è una la provo. Ma la mia preferita è la bufalina perché adoro la mozzarella di bufala.

    RispondiElimina
  79. La pizza è sempre buona, ma solo se l'impasto è fatto a regola d'arte; la migliore, comunque, resta quella che è la più semplice, cioè la margherita. La mangerei ogni giorno!

    RispondiElimina
  80. Posto che anche per me la Margherita è La pizza, se però devo scegliere quella che mi da maggior soddisfazione, ultimamente è salsiccia e friarielli con olio piccante.

    RispondiElimina
  81. Sarò banale (me lo dicono ogni santa volta, saranno mica gli altri ad esserlo?) ma la mia è la margherita. Perché? Perché LA pizza è quella. Tutto il resto semplicemente per me non è pizza. Magari sono altrettanto buone o anche di più, ma sono un'altra cosa.
    IMHO ovviamente.

    RispondiElimina
  82. Io dico pizza con verdure grigliate, perché gira che gira torno sempre li... Non ci sono capricciose che tengano, adoro le verdure grigliate! Naturalmente la pizza deve essere accompagnata da una buona Weissbier.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece essendo astemia amo accompagnare la pizza con l'analcolico moro; e vedendo le mie amiche che anche con la pizza bevevano solo acqua naturale mi sono sempre chiesta come facevano.

      Elimina
  83. Quattro formaggi, senza pomodoro... in realtà non so nemmeno che formaggi ci sono sopra, non mi interessa, basta sia formaggiosa!

    RispondiElimina
  84. Ahhhh... pizza... decisamente una doppia pasta a base rossa con salsiccia dolce, peperoni e taleggio.
    Delicatissima!

    RispondiElimina
  85. Base margherita con pancetta, peperoni e provola.

    RispondiElimina
  86. pizza rossa salsiccia e melanzane

    RispondiElimina
  87. Non sapendo se dividere tra trancio di pizza e quella al piatto segnalerò le mie preferite per entrambi.
    Tonda ed imponente vince quella con base rossa, pomodorini, grana e pancetta a fette.
    Da portare a spasso invece quella coperta con spinaci. Semplice e deliziosa.

    RispondiElimina
  88. Buondì Doc. La mia preferita rimane sempre quella con melanzane e ricotta infornata ! (Pomodoro e mozzarella, of course)

    RispondiElimina
  89. Diciamo che lardo e 'nduja ha dato molto alla mia vita .
    Si , a entrambe.

    RispondiElimina
  90. Per circa 10 anni ho lavorato nella pizzeria di famiglia, ingurgitando tanta di quella pizza da sviluppare una sorta di "apatia". Adesso che ne sono uscito, ogni volta che posso mi butto sulla pizza bufalina, meglio se con pomodori pachino e basilico.

    RispondiElimina
  91. Anzitutto secondo me la pizza senza pomodoro e mozzarella , oppure cotta nel forno elettrico, non è pizza, è qualcos' altro , buona fin che vogliamo, ma diamogli un nome diverso, cosiccome tutti quei polpettoni di ingredienti nei quali l' impasto non lievita .
    Ma questo riguarda un mio precisinismo culinario.
    Andiamo al sodo.

    La pizza migliore è :
    cotta nel forno a legna , impasto tipo napoletano, pomodoro meridionale e non passatone del prix , mozzarella vera e non quella a mattone , pomodorini e bufala campana DOP , a fine cottura un filo di olio meridionale pure quello.
    Per fortuna qui in zona da me ci sono un paio di pizzerie che importano direttamente dalla Puglia e dalla Campania tutto il necessario, infatti spesso capita che non riescano a star dietro alle ordinazioni perchè " il camion non è arrivato"... grazie ragazzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Genova si mangiano pizze che hanno sopra lo stracchino invece della mozzarella. Immagino sia stracchino ligure, lo stesso usato per la focaccia di Recco, usato per risparmiare sui costi di trasporto (conosciamo tutti la fama dei lanternini...) Quindi volendo essere PdF si può dire che non sono pizze ma focacce con formaggio e pomodoro.

      Elimina
  92. Inanzitutto Doc ti dico che sono Marco, il ragazzo dell'ignobile selfie di Lucca, quello senza che niente bolla in pentola, così magari colleghi nick e persona!
    La mia pizza è PATATINE FRITTE-PROSCIUTTOCOTTO-TONNO e da anni non ordino altro.
    In una diretta durante l'E3 Ualone vide la mia pizza mentre li seguivo e vedendo le patatine sopra mi disse che dovevo morire male, bei momenti da ricordare

    RispondiElimina
  93. Impasto alla canapa e condita con pomodoro, mozzarella e salsiccia.

    RispondiElimina
  94. Forno a legna, impasto barese, sottile, Margherita.
    Perché?
    E' senza tempo (la gusterei tranquillamente per pranzo, cena o post serata), "leggera" e restituisce l'autenticità del sapore essenziale dei suoi ingredienti.
    Non sono contro le sperimentazioni/accostamenti di ingredienti anche diametralmente opposti che poi, però, al palato fungono,..dico solo:chiamate la pietanza in altro modo.
    Sono contro le blasfemie alimentari e per il rispetto dell'identità culturale/gastronomica delle pietanze.

    RispondiElimina
  95. Salamino & cipolla ai quattro formaggi.

    RispondiElimina
  96. Ah, perché devo sentire il profumo della morte che si avvicina ogni volta che mangio la pizza.

    RispondiElimina
  97. Da pizzaiolo romano doc, voto per la boscaiola rossa!
    Primo commento sul blog dopo un anno di letture arretrate! grazie per quest'anno Doc
    Michele

    RispondiElimina
  98. Premesso che io sposo la filosofia "alla fine è margherita", il mio vero piacere proibito (da mia moglie), il colpo di fulmine di un'estate dei tardi vent'anni, semplice e appagante è la tonno e cipolla. Molte pizzerie non hanno neanche il coraggio di proporla.

    RispondiElimina
  99. Salame piccante in quantità industriale...

    RispondiElimina
  100. Sono come i bambini dell'asilo che non hanno mai imparato a mangiare un sacco di cose buone e questo già limita la mia scelta. Ma tante altre cose buone, che mi piacciono parecchio, non le metterei mai sulla pizza, tipo salmone o patatine. Per questo motivo la mia preferita è la classicissima margherita ma con mozzarella di bufala al posto del fiordilatte. Se ci sono entrambe le mozzarelle va bene lo stesso ma l'ideale per me è solo con bufala. Pizza meno facile da fare di quel che si pensi, in quanto far sciogliere la bufala è un attimo e la pizza ne esce rovinata. Infatti se non mi fido del posto a volte la chiedo "a fine cottura" che vado sul sicuro. Ma il mio voto unico è per la bufala, che viene spesso erroneamente definita margherita.

    RispondiElimina
  101. Quella con i funghi ovviamente. Mi fanno anche diventare più alto o guadagnare una vita ogni tanto.
    In alternativa, anche una semplice Marinara va bene, in fin dei conti se l'impasto è buono e il pomodoro è di qualità qualsiasi pizza può essere squisita.

    RispondiElimina
  102. Bismark.
    In alternativa, Bufala e pomodorini freschi (rigorosamente aggiunti dopo la cottura)

    RispondiElimina
  103. Il sondaggissimo slitta al lunedì quando si trasloca e non si ha ancora internet... Allora, per me ce ne sono due, anche se una non è proprio una pizza. La non-pizza è una pasta sottile sottile fatta in casa, ripiegata in due nella teglia del forno (possibilmente fare il tutto con i propri genitori, che prende quel gusto in più di quando si era piccoli che rende tutto più magico) e riempita di provola (non affumicata) e porri. Un pochino di sale et voilà.
    La pizza vera, invece, da buon piemontese non può che essere la diavolaccia, impasto napoletano, base di margherita con soppressata calabra e 'nduja. In mancanza di soppressata va anche bene il salamino, qui ci sono certe carestie di soppressata che neanche in Giappone guarda.
    Per il Giappone, alla Tokyo Station c'è il ristorante XEX che fa una pizza davvero buona secondo me. Non ne ho provate molte altre in Giappone ma in generale, anche quelle più scrause non sono così tremende come in Germania.

    RispondiElimina
  104. Margherita tutta la vita.
    Ho provato tantissime altre pizze, ma niente mi piace come quella, soprattutto se fatta come si deve.
    Sono arrivato a mangiarne tre in una sola serata, non mi appesantisce mai...quindi volendo c'è spazio per qualche extra, come supplì o fritti vari : )

    RispondiElimina
  105. Senza dubbio la mia preferita è la Diavola ma senza olive!!! Cowabunga!!!

    RispondiElimina
  106. Provata una di recente: Zucca, Pancetta e Brie. Al posto del pomodoro una base di zucca frullata, la pancetta constrasta il dolce della zucca, il brie da il colpo finale!

    RispondiElimina
  107. Provata una di recente: Zucca, Pancetta e Brie. Al posto del pomodoro una base di zucca frullata, la pancetta constrasta il dolce della zucca, il brie da il colpo finale!

    RispondiElimina
  108. In ritardo ma non posso non rispondere a questo sondaggio, in primis perché anche io mangereri pizza tutti i giorni e per tutta la vita e poi perché
    mangeri pizza per tutta la vita, tutti i giorni.

    Naturalmente per provare una nuova pizzeria la margherita è la scelta ideale, concordo anche io.

    Tornado al sondaggio la mia pizza preferita è di mia invenzione, nella sua banalità non c'è in nessun menù:

    Base bianca doppio impasto (alta come un cuscino praticamente) mozzarella funghi freschi e carciofi, un po' di pepe nero o olio piccante.
    Ho fatto un periodo che prendevo sempre e solo quella, tanto da arrivare a chiamarla con il mio nome. A chi doveva prenotare le pizze per la serata la mia risposta era sempre: "Per me una giuliano, grazie."

    RispondiElimina
  109. Personalmente trovo ottima la pizza bianca con patate e rosmarino che trovo spesso a Roma ma devo dire che mi piacciono molto anche tanti altri gusti.
    A livello di aneddoto posso raccontarvi che quando vivevo a Firenze per un po' ho servito in una pizzeria (da bravo studente fuorisede quale ero). Ebbene venne un gruppo di americani e chiese una margherita con sopra gli spaghetti al ragù. Io dissi che dovevo chiedere al proprietario. beninteso: a Firenze ci sono così tanti turisti che ti arrivano le richieste più strambe per cui, ad esempio, pretendevano di trovare il pesto nei negozi tipici e spiegargli che la Toscana non è la Liguria ci mettevi mezz'ora. In ogni caso il proprietario della pizzeria, in un impeto di spirito patriottico eruppe in una serie di bestemmie, volò al tavolo e gli disse urlando che lui mai avrebbe fatto un tale attentato nel suo locale. Alla fine si calmò e loro ordinarono dal menu ma che risate quella sera

    RispondiElimina
  110. Amo la pizza e lì per lì direi "qualsiasi" a patto che non ci siano sopra verdure di sorta...
    Poi però mi viene in mente che spesso ripiego sulla 4 formaggi bianca (sui 4 formaggi non sono particolarmente puntiglioso, anzi) a volte con aggiunta di salame piccante (tanto per restare leggeri).

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails