sabato 3 ottobre 2015

198

Il vecchio telefilm di cui vorreste vedere un remake (Saturday night sondaggismo)

Se la settimana scorsa ci siamo occupati di libri convertibili in film, questa volta parliamo di serie TV. Nella fattispecie, di quale vecchio telefilm - laddove per "vecchio telefilm" si intende qualcosa passato in televisione almeno vent'anni fa - vorreste vedere un remake? E sì, come al solito la domanda è semplice solo in apparenza [...]
Perché buona parte dei telefilm che ti piacevano da ragazzino (Automan, A-Team, Manimal etc.) avevano una rigidissima struttura verticale e una continuity prossima allo zero. Ma più che altro erano molto semplici, ben distanti dalla complessità media delle serie TV attuali. Detto questo, questo, sì, ti piacerebbe vedere un nuovo serial Marvel su Hulk, con quel senso di solitudine e quella tristezza profonda che si portava dietro la vecchia serie con Lou Ferrigno, L'Incredibile Hulk (1977-1982). Ma la tua scelta cade su Spazio 1999. Co-produzione italo-britannica (ci mise dei soldi anche la RAI) che ricordi come qualcosa di mitico, anche e soprattutto perché ai tempi eri troppo mocciosissimo per capire tutto quello che succedeva. Col tempo ne hai rivisto diversi episodi e pensi che, nelle mani giuste, soprattutto la prima stagione (quella senza Maya) potrebbe diventare una serie moderna fichissima. Ci sono riusciti con Battlestar Galactica, perché non con le avventure del comandante Koenig e del resto della cumpa di Base Alpha. Cioè, la Luna come mezzaccio per spostarsi nel cosmo, figata astrale. Appunto.


E ok, deboscia: tirate fuori UN vecchio telefilm (UNO, non DUE o VENTI) e, in poche parole, spiegate perché un suo remake oggi potrebbe funzionare e vi piacerebbe tanto-tantissimo vederlo. No listoni, niente pulci ai commenti degli altri, niente commenti anonimi, no adattamenti cinematografici, vale qualsiasi telefilm di almeno vent'anni fa. Sì, compreso Il giornalino di Gian Burrasca

198 commenti:

  1. Troppo facile: quantum leap ("In viaggio nel tempo" sulla RAI).
    Con un approccio moderno, potrebbe essere il veicolo perfetto per raccontare delle storie attuali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @MacAnatomist

      Quanto hai ragione. Guardandolo ora sembra così lento..mi sa che all'epoca avevamo molta più capacità di immedesimarci..

      non essendoci esplosioni avevamo tutto il tempo per provare empatia con i personaggi...

      Elimina
    2. esattissimo! mi è venuto in mente subito anche a me! quanto mi piaceva… grande!

      Elimina
    3. Pienamente d'accordo! Nelle mani giuste sarebbe veramente bella e intrigante!

      Elimina
    4. Si si si, assolutamente si, nella speranza che Sam non diventi Samantha, solo figa e niente arrosto, Al un personaggio macchietta e Ziggy una AI PdF.

      Elimina
    5. Stravince Quantum Leap, che se fatto bene, oggi scalcerebbe coooli alla grandissima. A patto che non si verifichi quello che giustamente teme il saggio gSan.

      Elimina
  2. il problema oggi per "piacere" una serie tv che spacchi e che non sia noiosa è che dev'essere intrigante, "nuova" nel senso di non già vista in altre e che incuriosisca. 20, o oltre soprattutto, anni fa bastava metterci roba tecnologica e/o futuristica che andavi alla grande (Supercar e Automan ad esempio, per intenderci), oggi sarebbe quasi banali, perchè di fatto auto computerizzate o computer grafica c'è ovunque. Direi quindi che, per spiazzare e coinvolgere il telespettatore, oggi, bisogna andare giù pesanti o con tematiche fantastiche/fumettose o ancor più futuristiche, come scelto dal Doc. Io propendo per la prima. Tipo 1 Batman & Robin tipo quello fighissimo vintaggio, ridicolo e sborone come lo era quello, all'epoca ed oggi, ma adattato ai tempi di oggi per le tecnologie, auto, accessori, vita, ecc ecc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'ottima serie sarebbe Twin Peaks , non un sequel ma un remake con Orlando Bloom come perfetto agent special Dale Cooper...

      Elimina
  3. Uhm non saprei. Probabilmente direi Hercules, quello con Kevin Sorbo (sì sono giovanissimo :D) anche se il taglio trash paccotiglioso aveva un non so che di piacevole da guardare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima stagione della serie è del 1995 quindi siamo a rischio squalifica.

      Elimina
    2. Eh vabbé io son del '92 :D

      Elimina
    3. ahahah che scelta !
      Nel '92 ero già vecchio abbastanza per gustarmi le avventure di Hercules e del suo amico (!) Iolao con tutto il disincanto postmoderno necessario

      C.

      Elimina
  4. Zaffiro e Acciaio... le storie erano fantastiche ma il budget per gli effetti speciali era abbastanza solo per pagare un tizio che accendeva e spegneva la luce, suonava il theremin, ed ululava fuori dalla scena.
    Non so cosa darei per poter vedere una serie con quel genere di storie (strambe ma che ti calamitano l'attenzione fino alla fine dell'episodio) ed effetti speciali "all'altezza" (anche se forse parte del fascino è proprio quel profilo low budget).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo e sottoscrivo.
      la sigla mi fa ancora venire l'ansia....

      Elimina
    2. sottoscrivo, ho acquistato la serie originale in DVD qualche anno fa; penso però che data in mano a qualunque produzione moderna perderebbe molto del suo fascino (e poi dove trovi un'altra della classe di Joanna Lumley? forse Charlize Theron..)

      Elimina
  5. Spazio 1999 era una serie che piaceva tanto anche me, bella ed anche con qualche accenno ad una trama orizzontale. La cosa che mi irritava era la sindrome da magliette rosse, come la serie classica di Star Trek.
    C’è una serie di cui ho visto solo la prima stagione, che vorrei vedere tutta e di cui amerei un remake decente: Il Prigioniero. Idea molto bella, rielaborata da una quantità di serie successive e film che però hanno fatto una serie di buchi nell’acqua. Wayward Pines ci ha provato ma mi ha stufato alla velocità delle luce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del prigioniero hanno già fatto il remake 2009 con Jim "l'uomo in giacca" Caviezel.

      Ritornando in tema, a me piacerebbe rifacessero un'altra serie degli anderson: UFO con parrucchino Straker

      Elimina
    2. Il prigioniero era veramente avanti per l`epoca,l`ho scoperta e vista da poco sul tubo....sarebbe bello rivederla in chiave piu` moderna,ma sinceramente non credo che funzionerebbe....e` stata talmente "saccheggiata" da tutti che dubito che possa venirne fuori un prodotto godibile oggi.

      Elimina
    3. spazio 1999 la ricordo perché c'era l'unico computer dell'universo che dopo essere stato interpellato rilasciava regolare scontrino fiscale.

      Elimina
  6. Voto anch'io Spazio 1999, Vale l'effetto nostalgia, ma non solo. Ricordo ancora la primissima messa in onda sulla RAI (credo fosse il '76), vista quasi per caso una sera in cui, per miracolo, mi era stato permesso di stare alzato fino a "tardi" (cioè dopo le 9). È stato amore a prima vista. La base, le tute, le armi... ma soprattutto LE AQUILE! Mio dio, penso siano le più belle astronavi mai concepite per una seria televisiva. E lo sono ancora oggi, a quasi 40 di distanza. Mica catzi. Ho rivisto gli episodi in tempi recenti e molta della magia di allora si è un tantinello smorzata. A livello di rigore scientifico siamo messi male, ma resta comunque una serie fantastica, con una successione di episodi che spaziano (AH AH!) dall'avventuroso al lisergico (certe sceneggiature sono state sicuramente scritte in acido), passando per gli episodi che preferivo, quelli "da paura". Sì sì, vedrei volentieri un bel remake, a patto che non stravolgano il design delle aquile e diano una parte a Nick Tate. Ah, dimenticavo: a rivedere gli episodi con l'occhio dell'uomo del 2000, ghigno sempre al pensiero che il futuro immaginato negli anni '70 era fatto di basi lunari e avveniristiche astronavi, il tutto governato da computer grandi come una stanza che sputano scontrini fiscali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quotissimo per le Aquile ! Fantastiche ! Il primo e unico modellino che abbia mai costruito ormai perso da decenni nel buco nero dei traslochi.

      Elimina
    2. Se danno una parte a Nick Tate, allora io voglio anche Zienia Merton nel cast.
      Un remake senza Sandra Benes ed i suoi svenimenti?
      Ma che scherziamo? :D

      Elimina
    3. Ma certo! Ovviamente vorrei ritrovare nel cast tutti i membri della serie storica, escluso Tony (peraltro nel frattempo deceduto) che mai ho sopportato. Ma Nick Tate aka Alan Carter resta il mio favorito. Ecchè, il miglior pilota della miglior astronave mai concepita! Peccato che pure Barry Morse ci abbia lasciati. In effetti, più che un reboot alla Galactica, la nuova serie potrebbe essere una sorta di "Next generation".

      Elimina
    4. L'idea di una "next generation" riguardo Spazio 1999 mi parrebbe sensata, magari prendendo le mosse dal cortometraggio "Message from Moonbase Alpha" girato dalla Merton nel 1999 per la convention losangelina che, a suo modo, conclude la serie originale e, nel contempo, pone le basi adatte per un sequel.
      Nick Tate e Zienia Merton nei rispettivi ruoli di Alan Carter e Sandra Benes potrebbero essere un ottimo trait d'union tra la vecchia serie e la nuova (e soprattutto tra i decenni che li separerebbero). Con magari qualche cameo del resto del cast, tra cui i più "blasonati" Landau e Bain.
      Vista l'età media degli attori, però, dovrebbero spicciarsi a farlo. :D

      Elimina
    5. a spazio 1999 preferivo UFO e di gran lunga, era una serie veramente avanti per quei tempi anche per gli effetti speciali, i produttori erano gli stessi.

      Elimina
  7. Interpreto la domando con il presupposto che il telefilm in questione venga automaticamente realizzato come dio comanda (in questo caso io XDXDXD), perchè altrimenti visti i risultati direi "nemmeno uno".

    La scelta è ardua ma direi... "Misfits of Science"
    Il perchè è che intanto secondo me merita una seconda occasione: avevano tentato di mostrare gente con veri superpoteri da fumetto ma a differenza di allora, gli effetti speciali oggi sono buoni abbastanza da rendere tali poteri anche in un telefilm.
    Potrebbe funzionare perchè aldilà del "superpotere" che adesso va forte, c'è la formula "disadattati che fanno gruppo per fare cose fighe" che non fallisce (quasi) mai e se ne può cavare qualcosa di interessante secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, per il discorso con i disadattati che fanno gruppo con veri superpoteri da fumetto ci sarebbe la serie Misfits (l'omonimia è un caso? Noi di Voyager crediamo di no) del 2009.
      Certo il plot è completamente diverso.

      NB: non era per fare le pulci. Era giusto un pour parler :)

      Elimina
    2. No no no. La conosco ma non è un remake di quella che dico io e poi appunto i poteri non sono poteri da fumetto, sono poteri al risparmio.
      Io voglio esattamente quelli di Misfits of Science: il tizio che corre veloce e spara le cannonate di elettricità; il tizio che si rimpicciolisce; la tizia telecineta eccetera.
      Ma sopratutto, visto che quei telefilm li guardavo da bambino e mi erano perfettamente godibili, un remake dovrebbe essere altrettanto. Giusto per chiarire, non sono il vecchio fan di tipo "egoista" ma del tipo al quale piace condividere: se rifacessero tipo.... Automan, super dark eccetera per adulti, ovvero solo per me che ormai son cresciuto, mi farebbe cagare: io me lo godevo da bambino ed è divenuto un mito della mia infanzia, perchè era fatto in un certo modo e mi piacerebbe che qualche bambino di adesso possa fare altrettanto da un eventuale remake. ;-)

      Elimina
  8. A me non dispiacerebbe un remake di "Fantasilandia"...ricordo che da ragazzino ero curioso soprattutto di assistere al finale degli episodi, nei quali si assisteva al "risvolto della medaglia" dei desideri degli ospiti...magari con una virata verso l'horror, come accade nel racconto di W.W. Jacobs "La zampa di scimmia"

    RispondiElimina
  9. io direi "I Ragazzi della Terza C", senza distaccarsi dalla sceneggiatura originale, aggiustando alcuni difetti (attori troppo vecchi, pochi protagonisti e gli altri compagni solo comparse) perchè era tutto molto anni 80!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo sarebbe ricreabile la magia di quella serie...Zampetti, Sacchi e il cartolaio, la guerra di softair, l'incontro di pugilato etc...

      Elimina
    2. eh, lo so... ma vedendo come è stato ricreato male il 1989 in "Notte prima degli esami", sognare non costa nulla...

      Elimina
    3. Un remake de "I ragazzi della III C" lo sogno da anni anch'io, anzi sarebbe bello un sequel magari con Lazaretti che è diventato professore e Bruno Sacchi che gestisce la cartoleria fuori scuola. Certo visto cosa fa Fabrizio Bracconieri oggi, gli farebbe solo bene aprire una cartoleria.

      Elimina
  10. io voto per il ritorno dell'uomo (e pure della donna, crepil'avarizia) da sei milioni di dollari, mi manca da morire il tatatatatatataaaaa preludio dell'imminente mimmata, uno dei telefilm piu genuinamente ignorante della storia
    Sigh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo ci hanno già provato con la donna bionica: è venuta una cagata pazzesca (il tatatatatatat non c'era nemmeno) perchè l'hanno voluto fare "complesso" ed è venuto solo brutto.

      Elimina
    2. ah ok, allora cambio
      Manimal, quello con il sosia di Sberla, di sicuro non ci hanno gia provato. spero

      Elimina
    3. Tranquillo, Manimal per ora non lo hanno ancora toccato ;-)
      Un grande mito di quando ero bambino quello :)

      Elimina
    4. Manimal sarebbe grande, povera serie sfortunata.

      Elimina
  11. Non ci penso neanche mezo secondo: Thunderbirds.
    Fermo restando che rimane figherrima anche ora, con tutti quei movimenti "sgraziati" e con i fili delle marionette sempre in vista, con il taglio molto cinematografico e le storie costruite bene (non come quella cagata del film), il perchè è presto detto: il mondo del puppazzame ha subito un notevole boost (basti vedere i vecchi vintage e le attuali reincarnazioni, dai Transformers ai Myth Cloth ^^)

    Rhaxs bla bla bla \m/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io direi Team America, ma il lungometraggio che è uno spasso

      Elimina
    2. Già visto e rivisto...la "tecnica" è la stessa, ma con i Thunderbirds non ha nulla a che spartire ^^

      Elimina
    3. C'è comunque, Thunderbirds 2086 ;)

      Elimina
  12. In realtà nessuna, perché troppo grande il timore che ne venga fuori una porcata. Se proprio dovessero dirmi "stai tranquillo, lo rifacciamo come si deve", allora sceglierei il Batman di Adam West. Perché? Perche era una serie leggera, volutamente sciocca ma sapeva divertire ed intrattenere, era piena di cliché e di situazioni ambigue o valide per chi spegnesse il cervello però riusciva nel suo inte to.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente quel che intendevo io. Leggerezza, volutamente sciocca e da interpretare come si vuole, perchè l'intento dev'essere 1 solo, ovvero spegnere il cervello ed intrattenere.

      Elimina
  13. Meraviglioso Spazio 1999.
    Io avevo persino un modellino (in metallo!) dell'Aquila. Mi pare di ricordare che il pilota si potesse estrarre…
    Bravo Doc, esco anch'io la preferenza x il remake di Koenig e i suoi amicici

    RispondiElimina
  14. Captain Power: era pionieristica per la CGI e gli sceneggiatori se ne fregarono del fatto che fosse un telefilm per far vendere giocattoli, e crearono una serie molto matura per i tempi (non si era mai vista una prima stagione terminare con la morte di uno degli eroi).
    Tempo fa si parlò di Captain Power: Phoenix Rising, un reeboot con episodi di un'ora pensato per gli adulti, ma non se ne è più sentito nulla.
    PS
    Ancor di più spaccherebbe un reboot live action de I Rangers delle Galassie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un piccolo capolavoro Captain Power

      Elimina
    2. Ecco, bravo, assolutamente Captain Power. Un mondo del futuro preso di peso da Terminator, con scene alla Star Wars (la sigla con la corsa nel tunnel...)...i nemici pur essendo fatti di CG preistoria li trovavo inquietanti nella loro "immortalità" e ubiquità! Le armature era fighissime.

      Elimina
    3. Si. Sarei davvero curioso di come potrebbero reinterpretarlo con le attuali tecnologie. Ed anche con un budget cospicuo, direi...

      Elimina
    4. ho letto tutto proprio per vedere se qalcuno lo citava...assolutamente captain power fatto bene, era parecchio disturbante nonostante gli effetti da due lire.
      Sempre rimasto fermo alla distruzione della base e rosicato che si fermasse li. Ingenuo ma bello

      Elimina
    5. E non dimentichiamo i fumetti made in Italy su Magic Boy. Alcune storie le disegnava Gabriele Pennacchioli, che oggi è un pezzo grosso della Dreamworks :)

      Elimina
    6. Bellissimo! Grazie per avermela fatta ricordare :)

      Elimina
    7. Grande! Anche io Capitan Power!

      Elimina
    8. Mi accodo anch'io per un remake di Captain Power! *__*

      Elimina
    9. Grandissimo Capitan Power, serie saccheggiata da me per preparare le avventure di Cyberpunk 2020

      Elimina
  15. Ah, Doc, commento del tutto OT. Te l'avevo scritto in coda al post sulla moto di Akira ma il mio computer, complice il simpatico baco Yosemite (de li mortacci), continuava a farlo scomparire: ci spieghi la faccenda di Akira/Renato?
    Immagino sia un joke privatissimo ma sono davvero curioso… Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho ritrovato il post ma la storia è questa: quando usci Akira al cinema una compagna di classe delle superiore del Doc gli chiese cosa significasse Akira e lui risposte (giustamente) che era un nome proprio come può esserlo Renato. La tipa travisò la risposta e qualche giorno dopo il Doc la vide dire ad un'alta compagna "Oh, sai che Akira significa Renato".
      Da qui Akira/Renato.

      Elimina
    2. Yep, grazie, Drakkan. La storia è questa. Non la trovi nei post perché se n'è parlato sulla pagina FB dell'Antro, quando è tornato al cinema Akira qualche tempo fa.

      Elimina
    3. Potresti (dovresti... :P ) trasformare l'aneddoto in una di quelle belle storie di vita vissuta strapiene di "ringere" e condite con videogiochismo recente surrealisticamente decontestualizzato nel periodo dell'infanzia...

      Con o senza "rombi di tuono" a tua discrezione, Dottò! :)

      Elimina
  16. ma nessuno ha nostalgia di UFO? a me è sempre piaciuta 'ho rivisto la serie in tempi recenti e sono stato rapito da quel futuro prossimo immaginato negli anni 70,ok le trame erano piene di buchi , ma che futuro colorato e glamour e che colonna sonora!!mi immagino ora un salto di qualità come per battlestar galactica,
    P.S vedo che molti citano telefilm inglesi,evidentemente anche allora Londra aveva una marcia in più

    RispondiElimina
  17. Io dico UFO, serie di fantascienza brit di fine anni '60 ambientata negli anni '80 ma con costumi e acconciature e design di oggetti e veicoli da swingin london del '66/67.
    Aveva una sua continuity e ricordo aspetti intriganti della trama. Oggi ne uscirebbe un prodotto di nicchia per gli amanti del trash e della pacchianeria, anche se ho paura che una sua contestualizzazione rispetto alle tecnologie di oggi la possa rendere.... una cacata.

    RispondiElimina
  18. Fantaghirò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un nome buttato lì, per fare il simpa, senza uno straccio di perché. Ecco il perfetto esempio di chi ancora non ha capito come funzionano i sondaggismi e a che servono (fare due chiacchiere su un argomento qualsiasi).

      Elimina
    2. Ecco perchè mi piace questo blog!
      Il Doc scherza e condivide, ma sbrocca pure, perchè ci tiene.

      Elimina
    3. la mia voleva essere solo un'antifrasi. Con lo scopo di alimentare la discussione.
      Elaboro; l' idea che ognuna delle serie finora proposte (ed ivi aggiungerei anche "riptide", "i ragazzi del computer" e "mac gyver") possa essere adattata o peggio attualizzata mi ripugna. Rimarranno figlie di quegli anni, riproporle in altra forma equivale ad attraversare bendati un enorme campo costellato di deiezioni. Coi sandali aperti.
      Fantaghirò ha per me una immagine "cheap-trash-fantasy" così fuori dal tempo che non si può deturpare.
      Per fare le cose per bene; alla regia Guillermo DelToro (per quello che ha dimostrato ne "il labirinto del fauno"), attrice principale Mackenzie Davis (per quanto dimostrato in 2halt and catch fire"), nel ruolo della strega monica Bellucci (per quanto ancora da mostrare).

      Elimina
    4. A pensarci, l'effetto "campo minato di deiezioni" c'è. Pensavo fosse un sondaggismo facile facile da rispondere ma, effettivamente, i dubbi detti sopra da SpammerRusso (ed altri personali) si presentano. Anzi, "me s'aripropongheno":

      *quelle serie che già stavano bene così com'erano, pure se un po' mimme, ma ormai ricordi del cuore
      *quelle che erano mimme di loro, indipendentemente dall'epoca, e a modernizzarle verrebbe fuori qualcosa di anche peggiore (cit.: "rabbrividiamo!")
      *poi ovviamente ci sono quelle che erano perfette (IMHO) così com'erano, Blue Jeans (The Wonder Years) su tutte, e sono fuori discorso.

      Però ci sto pensando, una serie vorrei votarla. La sfida dell' "uomo dei sondaggi con la pistola", 'sto sabato, m'intriga molto. Proprio perché fra un taglio e l'altro mi rimane poco in campo.
      Effettivamente penso che "Spazio 1999" possa essere la serie per antonomasia da scegliere. Gran potenziale, davvero, e un remake in cui, ad esempio, la dottoressa Russell sorrida almeno mezza volta, sarebbe stràfico :-)

      ... No, niente suggerimenti. Debbo cercarne una personale da modernizzare e la troverò prima di mezzanotte. Gran bel sondaggio Doc, complimenti.

      Elimina
  19. Ralph Supermaxieroe. Bellerrimo con il contrasto tra l'agente dell'FBI cazzuto e opportunista ed il professorino timido ed idealista cui gli alieni regalano il "pigiamino" ... è geniale l'idea del libretto di istruzioni perso. Oggi con tutto questo ritorno in auge dei supereroi ci starebbe proprio bene il ritorno del super imbranato Ralph.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ralph era la mia seconda scelta nel sondaggio,ci starebbe bene una serie action comedy a trama verticale dove magari si spiega anche la storia degli alieni e perchè gli han dato il costume.

      Elimina
    2. Altro telefilm leggendario!

      Elimina
  20. Giorgio Salimbeni3 ottobre 2015 11:19

    Spazio 1999 sicuramente spaccherebbe, anche se ormai dovrebbero aggiungerci almeno un migliaio al titolo. Però, sempre rimanendo nella sfera britannica, un remake attualizzato de "Il Prigioniero", quello con Patrick McGoohan, sarebbe notevole. Ovviamente però ci vogliono dei britanni per farlo, i cugini americani temo non sarebbero capaci. Però con un'ambientazione moderna ne perderebbe, dovrebbero tenere il gusto psichedelico mantenendo un'ambientazione fine anni '60. Insomma dovrebbero fare una roba bella, moderna, senza snaturare troppo l'originale e del cioccolato.

    RispondiElimina
  21. Io vado moooolto indietro e dico La Famiglia Addams rifatto però in stile documentario tipo Gli Osbourn oppure in uno stile alla Modern Family con dei piccoli momenti confessionale dove i membri della famiglia parlano e sparlano degli altri e di quello che succede.
    Ovviamente per il fattore pheega farei diventare Wednesday\Mercoledì una teen-ager.

    La stessa struttura volendo sarebbe applicabile a I Munsters ma sinceramente preferirei gli Addams.

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  23. Si può dire "Supercar"?

    Vale anche se tecnicamente ha già avuto un remake/seguito? Però le puntate oscillavano da "buona idea, ma si poteva far meglio" a "DIOTIPREGOBASTA" (tipo il virus informatico che passa tipo animale rabbioso sui cavi dell'alta tensione e che non può infettare KITT perché le gomme sono isolanti ma poi invece può. I'm not making this up).

    E vale anche se Person Of Interest è praticamente la stessa cosa?
    (Fondazione coi soldi che va a proteggere gente random, con Tizio Sciallo che va a menare i cattivi e Tizio Tutto Puntiglioso che dà informazioni e risolve problemi da remoto tramite altissima tecnologia più o meno realistica. Solo che Tizio Tutto Puntiglioso non ha le ruote.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti quel Knight Rider è stato un'occasione sprecata. Qualche buona idea, vome dicevi tu, ma non ben sfruttata... e momenti WTF... Personaggi lunatici, scontro con KARR risolto troppo velocemente... I difetti erano troppi... forse con la fase della gestione con i soli giovani avrebbero potuto tirarsi su, ma probabilmente ormai era troppo tardi.

      Elimina
  24. I tempi sono maturi per un nuovo Star Trek Next Generation, però sono necessari una barca di finanziamenti e degli ottimi sceneggiatori.

    RispondiElimina
  25. Vado di vero vecchiume "i forti di forte coraggio - F Troops" mie la stò riguardando in lingua ed è ancora oggi fantastica

    RispondiElimina
  26. Sono indeciso tra Happy days e la signora in giallo....mumble mumble... No, ok scartato l'a-team perché il film alla fine imho è un buon prequel/remake imho MacGyver sarebbe un ottimo telefilm. E lo si potrebbe fare sia attualizzandolo, quindi dovendo fare fronte anche ai vari imprevisti tecnologici (vedi person of interest o Mr. Robot) o al contrario ponendolo in contrapposizione alla tecnologia, quindi uomo analogico che cerca di sottrarsi all'invasione della tecnologia con vecchi trucchi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Clopin
      per la tua gioia è stato appena annunciato: http://www.badtv.it/2015/10/in-arrivo-il-remake-di-macgyver-james-wan-alla-regia-del-potenziale-pilot/

      Elimina
    2. @Clopin: telepatia. Stessa risposta 1 minute prima.
      @fresh: la scimmia ringrazia. ;)

      Elimina
  27. Più che al capo lavorò io punto alla Nostalgia Canalis e voto MacGyver.
    Sarei curioso di vedere un handyman tutto fare alle prese coi gadget del 2015. E poi, nella sua semplicità, a me faceva sorridere. Mi manca un serial che sia intrattenimento e smanettone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo faranno sul serio e in produzione

      Elimina
  28. Io dico "Un medico tra gli orsi" (il titolo originale è Northern Exposure). Era la storia di un giovane medico di NY che finisce a esercitare in un paesino sfigato dell'Alaska. Non era molto più di una commedia ma aveva buoni personaggi (come la ragazza a cui continuavano a morire tutti i fidanzati o l'ex astronauta padre e padrone dell'intera comunità) e certe puntate avevano un mood mistico che prendeva, fatta ora secondo me sarebbe un prodotto interessante e sopratutto più maturo visto la stupidera di certe battute.

    RispondiElimina
  29. Custodisco ancora gelosamente la mia scorticatissima Aquila della Dinky Toys. Devo aggiungere altro ? Mi piace rimembrare anche una vetustissima miniserie gianfrasuà in coproduzione con Belgio e Canada , che da rEgazzino mi tenne incollato al tevisore ( rigorosamente B/N ) Il Tesoreo Del Castello Senza Nome. Prima o poi dovrò rivederlo , anche se temo di distruggerne il vago ricordo. Spazio 1999 portrebbero reintitolarlo semplicemente Base Lunare Alpha , andrebbe benissimo. (=^___^=)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Il tesoro del castello senza nome" remake ??? mah ... ci vorrebbe uno bravo ma veramente bravo per non farne una puttanata totale, se lo fate, fatelo come merita di essere fatto.

      Elimina
  30. "Hulk" perché è il primo serial televisivo di cui ho memoria (esclusi i cartoni animati).

    RispondiElimina
  31. Hogan's Heroes!

    IMHO potrebbe avere le carte in regola per essere una serie fattibile anche ai giorni nostri (vedi il successo di film irriverenti sulla WWII tipo "Bastardi senza gloria" o "Monuments Men")

    RispondiElimina
  32. Sono d'accordo con quelli che propongono serie che all'epoca erano leggere o che sapevano prendersi in giro perchè attualmente in giro di serie così ce ne sono poche. Detto questo, di serie me ne sono venute in mente almeno una decina.

    Voterei per Magnum P.I. se non fosse che per lui, come per altre serie vintagge, vale l'assioma di Kirk: se non è William Shatner allora no grazie.

    Allora ho pensato ad altre serie in cui gli attori non avevano un impatto altrettanto forte di un Tom Selleck per Magnum P.I. e ho pensato a Get Smart, M.A.S.H. e Hogan's Heroes, ma la mia scelta cade su quest'ultimo: non ha bisogno di chissà quali effetti speciali, le storie erano divertenti e leggere anche se ambientate in un campo di prigionia tedesco durante la seconda guerra mondiale (e ogni tanto c'erano anche storie un po' più serie) e gli attori principali erano tutti eccellenti nella loro parte ma facilmente sostituibili con attori attuali (a trovare quelli giusti, ovviamente)

    RispondiElimina
  33. Quantum Leap - A spasso nel tempo.
    L'ho adorata. Personaggi ben definiti e ogni volta cambiava il genere delle puntate, visto come era strutturata la serie. Per l'epoca era molto innovativa, secondo me. E poi, c'era uno Scott Bakula da oscar!

    RispondiElimina
  34. Io vorrei l'A-Team con tutto lo spiegone della diserzione, prigionia, fuga e clandestinità a Los Angeles. Ma se avete un problema che nessuno può risolvere è se riuscite a trovarli allora potete ingaggiare il famoso A-Team tadadattattata trattata taradaratatta ta tadatada.....
    O se no una mia parafilia: la trasposizione in serie tv di Sam ragazzo del west.

    RispondiElimina
  35. Io vorrei l'A-Team con tutto lo spiegone della diserzione, prigionia, fuga e clandestinità a Los Angeles. Ma se avete un problema che nessuno può risolvere è se riuscite a trovarli allora potete ingaggiare il famoso A-Team tadadattattata trattata taradaratatta ta tadatada.....
    O se no una mia parafilia: la trasposizione in serie tv di Sam ragazzo del west.

    RispondiElimina
  36. Io mi immagino Koseidon con un taglio moderno,dinosauri meno pezzenti(magari in CGI),meno enfasi jap-stile anni '70,mezzi e cavaliere del tempo invariati!
    Dai la storia degli alieni che vogliono conquistare la terra dal passato é un idea flippotrippissima!😜

    RispondiElimina
  37. Uhmmm non c'è molto che vorrei rivedere.
    Forse un remake di Mork & MIndy non mi dispiacerebbe..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mork era Robin Williams, senza non ha senso...

      Elimina
    2. Mai visto "La vera storia di Mork & Mindy"?

      Elimina
  38. Dico Il Prigioniero, che all'epoca era talmente avanti da aver fatto infuriare spettatori non ancora avvezzi a trame con risvolti del genere. Ovviamente vorrei un remake non pedissequo, anche perché il colpo di scena finale - guardalà oggi sarebbe annusato alla 2a puntata, ma remake nel senso che abbia lo stesso impatto sul pubblico a casa.
    PS Doc, per restare in tema serie tv, come ci collochiamo noi dell'Antro di fronte alla notizia di una serie HBO su Watchmen? Ho sempre pensato che l'unico modo di "filmare" W. (se proprio si debba farlo) fosse una serie tv ad alto budget, 12 episodi da 1h l'uno. Ma in mano a Snyder, no...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una serie sempre in mano sua? Mhhhh. Previsioni del tempo: nuvoloso tendente alla pioggia di rane.

      Elimina
  39. Il Prigioniero,assolutamente!
    Per quanto la serie originale sia comunque godibile ora, con l'attuale tecnologia, penso che le avventure del Numero 6 nell'isola delle spie potrebbe funzionare in un maniera addirittura migliore.

    RispondiElimina
  40. "Missione Impossibile" (senza i due punti, persi nella traduzione), perché, pur piacendomi, i film sono troppo ethancentrici mentre il bello della serie stava (anche) nel gioco di squadra. E poi nei film viene solo accennato il fattore "maschere ed espedienti teatrali" che era un dettaglio fondamentale della serie.

    RispondiElimina
  41. E' difficile! Perchè le serie che mi piacevano di più proprio non vorrei rivederle rimaneggiate e adeguate ai gusti di oggi. Ma non vorrei vederle neanche fedeli all'originale perchè non avrebbero successo e ne sarei dispiaciuto.
    Ci ho pensato! Vorrei vedere un remake di Progetto Eden! Telefilm che piaceva solo a me e infatti interrotto! Era troppo affascinante l'esplorazione di un pianeta alieno...sembrava di esseri lì con loro! Devono assolutamente rifarlo e dargli un finale degno.

    RispondiElimina
  42. Scelta difficile Doc, scelta difficile...
    Punto su Street Hawk, se lo facessero bene potrebbe venire fuori qualcosa di interessante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io rilancio con Air Wolf / Super Copter :-D

      Elimina
  43. Anch'io dico Zaffiro e Acciaio, penso le atmosfere della serie riportate a oggi e con un budget adeguato darebbero vita ad una serie molto godibile. Dato che la serie finiva con un episodio lasciato in sospeso, si potrebbe anche fare un'operazione come quella di Doctor Who con episodi moderni ma in continuity con quelli classici; se ci mettessero le mani sceneggiatori come Davis o Moffat ne uscirebbero bene...

    RispondiElimina
  44. Premessa : dal telefonino ho cercato di selezionare "account google" per rispondere, se dovesse uscire commento anonimo mi scuso ma credo sia la prima volta che provo a commentare.


    Detto ciò: partendo dal presupposto che venga fatto BENE, ho un solo titolo il cui tema credo non sia mai stato ripreso allo stesso modo.

    RALPH SUPERMAXIEROE

    RispondiElimina
  45. anche se è andato in onda dal 95 al 2000, io desidero ardentemente un remake o un seguito di "i viaggiatori" (Sliders)... lo adoravo, ed il fatto che non abbia avuto un vero e proprio finale mi tormenta tutt'ora

    RispondiElimina
  46. Qualcuno ha citato Derrick e vale il discorso fatto per Robin Williams. Senza Horst Tappert non ha senso, e poi ormai anche i tedeschi si son ammeriganizati (lo dico avendo visto anche la tv là da loro, perché ho vissuto alcuni mesi a Berlino) e quello spirito si è perso.
    La sigla di Derrick e quella di Hulk, giuri, mi facevano piangere a fontana. Non so quante volte son scappato in camera fingendo indifferenza.
    Di base sono contrario ai remake/reboot, ma mi accodo anch'io all' A-team, purché creino una trama orizzontale parallela alla verticalità degli episodi. E basta jeep cappottate e zero morti. Siamo nel 2000ecredici!

    RispondiElimina
  47. Qualcuno ha citato Derrick e vale il discorso fatto per Robin Williams. Senza Horst Tappert non ha senso, e poi ormai anche i tedeschi si son ammeriganizati (lo dico avendo visto anche la tv là da loro, perché ho vissuto alcuni mesi a Berlino) e quello spirito si è perso.
    La sigla di Derrick e quella di Hulk, giuri, mi facevano piangere a fontana. Non so quante volte son scappato in camera fingendo indifferenza.
    Di base sono contrario ai remake/reboot, ma mi accodo anch'io all' A-team, purché creino una trama orizzontale parallela alla verticalità degli episodi. E basta jeep cappottate e zero morti. Siamo nel 2000ecredici!

    RispondiElimina
  48. Io vorrei una nuova serie di "Ai confini della realtá", il mistero è sempre affascinante, potrebbero essere recuperati gli episodi ancora affascinanti e sostituiti quelli oramai obsoleti per mutata tecnologia etc con altri nuovi di zecca.
    Il mio sogno nel cassetto sarebbe una nuova serie di Alfred Hitchcock presenta ma servirebbe una macchina del tempo per riportare in vita il regista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ai confini della realtà" ha anche il mio voto, gli episodi erano autoconclusivi e slegati tra loro, un modo di fare televisione che non si vede più da anni, ho sempre visto la serie come una discreta raccolta antologica fantascienza, qualche episodio era buono, molti mediocri, ma nel mucchio spuntavano delle vere perle.
      Un remake del formato, e non solamente di singoli episodi famosi del passato, mi piacerebbe assai, magari autori giovani o sottovalutati avrebbero la possibilità di portare sul piccolo schermo storie di un certo livello.

      Elimina
    2. Stavo proprio cercando questa serie tra i commenti, in modo da scriverla io in caso non fosse stata presente!

      La qualita' era mediamente alta, ricordatevi che molti di quegli episodi nacquero nel 1959, ed osavano andare oltre la 'moda' del momento (un certo modo di fare fantascienza), presentando una varianza di ambientazioni che nessun telefilm modermo ha mai piu' potuto ripresentare.

      Western, spazio, metropoli, paesini di provincia. Allo stesso tempo futuro, presente e passato. E alcuni episodi giocavano su questa incertezza, perche' dopo aver seguito 19 minuti con delle idee base ben piantate in testa, quell'ultimo minuto ti fa comprendere che i precedenti 19 minuti non sono come li avevi capiti la prima volta.

      Elimina
    3. Voto anche io per Ai Confini della Realtà, anche se servirebbero davvero degli sceneggiatori coi controattributi!

      Per chi non l'avesse seguita, vi consiglio Black Mirror, una discendente dello stesso genere che in certi aspetti gli si avvicina molto (inglese, solo 3 puntate per serie).

      Elimina
  49. Ralph Supermaxieroe, il mondo ha troppo bisogno di supereroi che non si prendono sul serio. Poi sarebbe curioso vedere gli alieni rifatti con i budget odierni.

    RispondiElimina
  50. Da piccolissimo andavo pazzo per Le Isole Perdute, ed ero affascinato dalla figura del Signor Q.
    Ammetto che un remake mi garberebbe non poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... lacrime,lacrime e ancora lacrime ... e magari Saturnino Farandola ...

      Elimina
  51. Love me Licia!
    Seriamente, la storia della rock-band intrecciata coi problemi dell'amore/crescita/adolescenza ha tutt'oggi delle grandi potenzialità. Ovviamente se realizzata coi sacri crismi, non con le fettine panate e i telefoni rosa.

    RispondiElimina
  52. Avenger -Agente speciale (non mi è mai andato giù quel film con Ralph "Voldemort" Finnes)

    RispondiElimina
  53. Sondaggismo difficilissimo per me, rischiando di fare arrabbiare il doc questa volta barero' un pochino.
    Non sono certo un appassionato di telefilmi e non sento il bisogno di remake di cose che ho guardato da giovincello - più o meno si tratta dei seriali indicati da molti: supercar, manimal, dukes of hazzard, i ragazzi del computer (ce n'era uno con questo titolo o mi sbaglio?), automan (che mi faceva veramente sbloccare), l'uomo bionico, wonder woman (primo vera infatuazione), Magnum PI (che a volte con amici lo si guarda ancora adesso, ma con sguardo tutto diverso) eccetera eccetera.

    E allora, fatto salvo che al posto di Twilight zone ci abbiamo Black Mirror, forse suggerirei The Prisoner.
    La verita' e' che the prisoner io non l'ho mai visto, ma la premessa mi e' sempre sembrata tanto ganza da indurmi a pensare che meriti un vero e proprio remake.

    C.

    RispondiElimina
  54. Pensavo giusto ieri che sarebbe figo un remake di Manimal, ce lo vedrei bene nelle mani di Del Toro. Ovviamente con trama orizzontale che ormai senza cliffhangher non vivo.

    RispondiElimina
  55. mi piacerebbe un HAPPY DAYS ma ambientato negli anni 80. non sarebbe male come idea, no?

    RispondiElimina
  56. "In viaggio nel tempo", capolavoro della mia infanzia nel 92...devo rivederlo, giusto per vederlo senza gli occhi della nostalgia ^^

    RispondiElimina
  57. Anche io dico QUANTUM LEAP in onore del mitico Scott Bakula e poi il fatto che ogni volta interpretava un personaggio diverso lo trovo particolare. (Anche se quello che vorrei davvero e' una serie inedita di Star Trek).

    RispondiElimina
  58. "L'isola di Gilligan"! Era troppo bella perche'... ah no, hanno gia' fatto un remake, si chiama "Lost".

    Allora mi accodo alle richieste di una nuova serie di Hulk, quella con la musica triste dell'autostop. Mi veniva sempre in mente quando perdevo l'autobus e dovevo tornare a casa a piedi...

    RispondiElimina
  59. Grazie a tutti per a vermi fatto ricordare alcuni telefilm che mi sono rimasti nel cuore (UFO, Spazio: 1999, Ai Confini della Realtà... perfino I Forti di Forte Coraggio...) ma forse il telefilm che mi piacerebbe vedere rivisitato ed aggiornato è M*A*S*H,,, forse perchè era un perfetto mix di umorismo, sagacia, simpatia e cruda realtà della guerra. ...

    RispondiElimina
  60. Ne direi una marea, ma dovendo scegliere un nome direi Automan. Però ne verrebbe fuori una cagata atomica, quindi spero che non lo facciano e rimango col bel ricordo dei tempi che furono... In generale non vedo un remake/reboot/sequel di buon livello per nessuno di "quei" telefilm. BG è stato un caso a se, il rischio che si facciano pastrocchi terrificanti tipo il remake di Supercar/Knight Rider è altissimo...

    RispondiElimina
  61. Street Hawk...con gli effetti speciali di oggi sarebbe una figata e poi ora che il concetto di super eroe è sdoganato il supereroe centuaro farebbe figo...vedi Aronauta della Emmetre edizioni

    RispondiElimina
  62. A piacerebbe vedere un remake di "Professione pericolo" in cui Lee Majors (L'uomo da 6.000.000 di dollari) interpretava uno stuntman che nel tempo libero era un cacciatore di taglie, con trame divertenti e qualche comparsata di di star del piccolo e del grande schermo che interpretavano se stessi (una volta addirittura Richard Burton), poi piacerebbe anche a me "Ralph supermaxieroe", una serie divertente, anche se non superficiale.

    RispondiElimina
  63. Star Trek TOS? c'è già Star Trek Continues che mi piace.
    Il Prigioniero? già fatto ed era brutto.
    direi quindi la serie Selvaggio West (Wild Wild West) degli anni 60 (non il film!) con le possibilità di oggi lo stile steampunk della serie verrebbe sicuramente bene

    RispondiElimina
  64. Attenti a quei due (The Persuaders!) con John Barrowman nel ruolo di Lord Brett Sinclair (in origine interpretato da Roger Moore) e Nathan Fillion in quello di Danny Wilde (in origine interpretato da Tony Curtis).
    Se scritto bene potrebbe essere molto divertente.

    RispondiElimina
  65. Mi avete fatto tornare in mente praticamente tutti i telefilm primi anni 80. Compresi quelli trasmessi da microreti regionali. Di remake riusciti però se ne sono visti pochi. E quando sono abbastanza riusciti come i V poi non continuano le serie.... Dico anch'io Spazio 1999, seguito da Quantum Leap. AL massimo Magnum P.I. DImensione Alfa lo ricorda qualcuno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ricordo io, ma davvero vagamente. Ricordo forse nell'intro l'immagine di un occhio egiziano scolpito su una stele o ad ogni modo nella pietra, che sembrava importante.

      Elimina
  66. Io vorrei vedere "Attenti a quei due": lo so che è un tipico prodotto Settanta, ma, secondo me, la serie andrebbe benissimo anche oggi...trovando due nuovi interpreti all'altezza di Curtis e Moore (ma esisteranno?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne ho proposti due un paio di commenti più sopra. Tu non hai in mente nessuno?

      Elimina
    2. Proprio nessuno: mi piacciono troppo gli originali...ma chissà, forse c'è qualche perla nascosta da qualche parte...

      Elimina
  67. Direi mork e mindy ... Per il semplice motivo che il mondo ormai è talmente incomprensibile da aver bisogno di un nuovo alieno per essere spiegato. Ma direi che non avrebbe senso un remake di tale serie per rispetto a Robbie... E quindi dico rifacciano mcguyver. Perchè sono ingegnere e di fronte a un pelapatate che con un laccio da scarpe e quattro noccioline diventa bazooka vado in visibilio. Per la trama mettano pure quello che vogliono, tanto a noi ingegneri non interessa.

    RispondiElimina
  68. Domanda insidiosa, Doc. Ne avrei diverse, soprattutto nel settore fantascienza. Condivido Spazio 1999, UFO, Star Trek Next Generation, Il prigioniero, Zaffiro e Acciaio... cose già dette. Anche una serie seria (ops) di Mission Impossible non mi dispiacerebbe, che Tom Cruise ho smesso di sopportarlo tipo... l'ho mai sopportato?
    Alla fine però, seguendo il filone degli amici che rilanciano Steve Austin piuttosto che Automan, A Team etc, io dico una serie che mi piaceva molto e che nessuno ha ancora nominato: Operazione Ladro. Al Mundy, interpetato da un Robert Wagner fascinosissimo e ben prima di Cuore e Batticuore. "In fondo che cosa ti chiedo? Ti chiedo solo di rubare..."
    Ecco, fatta bene (alla Ocean's Eleven, per capirci) potrebbe essere molto divertente, al pari di una Mission Impossible: l'originale lo era.
    Qualcuno se la ricorda con piacere come me?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo di essere l'unico a ricordare la serie assieme alle altre miscoconisciute degli anni '70 tipo "I piloti di Spencer", "Cannon" "Gemini man" "Caccia grossa" "Mannix" , "Le brigate del Tigre" ecc ...

      Elimina
    2. Aggiungerei la miticissima Squadriglia delle Pecore nere e Agenzia Rockford, assieme al fantasticamente divertente (ma già citato) Hogan's Heroes.
      "Hogan, c'è qualcosa di diabolico che alberga in voi" è una delle frasi indimenticate e indimenticabili della mia gioventù.

      Elimina
    3. tre serie bellissime, Hogan's Heroes era la versione tv della Grande Fuga, Agenzia Rockford che adoro si basava molto su James Garner, Le Pecore Nere pensavo di essere solo io a ricordarmele!! mi piaceva molto ed era pure basato su una storia vera.

      Elimina
    4. Ho letto il libro di "Pappy" Boyngton, e la serie è una delle mie preferite

      Elimina
  69. Vabbè, Spazio 1999 naturalmente… avevo dieci anni quando trasmisero il primo episodio, ed un enorme desiderio di fantascienza del tutto disatteso da mamma Rai… Mi faceva imbestialire il fatto che gli 'altri' avessero Star Trek, per il poco che ne sapevo, e noi niente… Spazio 1999 fu qualcosa di epocale, perlomeno la prima stagione (la seconda era già palesemente bimbominkiesca, troppo anche per un ragazzino come me.) Ricordo che apprezzavo enormemente, ed apprezzo ancora, le sue atmosfere un po' dark e certi finali poco rassicuranti ed ambigui, mentre già allora trovavo l'uso della fisica e della tecnologia (ovviamente sempre per il poco che ne sapevo) alquanto disinvolto… Due cose mi davano davvero fastidio: la prima era l'idea spesso suggerita, palese nella seconda stagione, che le cose sulla Terra fossero andate molto male dopo 'il distacco'… e la seconda era capire come facesse la Luna a volare tranquillamente da un sistema solare all'altro in poco tempo… l'ultimo mi ha sempre arrovellato, tanto da averne scritto recentemente, quarant'anni dopo, in una 'fanfiction'… Dovevo proprio risolverla in qualche modo ! Insomma, Space 1999… ricordo che nelle intenzioni di Anderson sarebbe dovuta essere una serie collegata ad 'UFO'… metti mai, l'inizio di una nuova saga… Me ne viene in mente un'altra ma, in ossequio a quanto richiesto dal DOC, taccio… ;)

    RispondiElimina
  70. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  71. Mi unisco a quanti hanno detto Ralph Supermaxieroe. Gli altri sono tutti già visti, tutto già rifatto n-mila volte.
    Altrimenti Moonlightning, per trovare il Bruce Willis del terzo millennio.

    RispondiElimina
  72. Ed eccomi al mio primo post dopo anni da lurker!
    Captain Power l'avete già detto? Si...
    Ralph Supermaxieroe? Idem...
    Il sempre mitico A-Team? Fregato anche quello!

    Allora perdonatemi se sovverto un pelo le regole: chi di voi si ricorda di un film del 1984 intitolato "Runaway"?

    C'era Tom Selleck che faceva parte di una sezione speciale della polizia, dedicata ai crimini informatici in generale ma soprattutto a quelli causati dai molti robot di uso comune che affollavano quella pellicola. Alla regia c'era nientemeno che Michael Crichton!

    Ecco, mi piacerebbe una serie tv tratta da quel film. Ovviamente con un nuovo cast...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scena indimenticabile, seppur siano passati decenni...

      SPOILER

      il finale sul grattacielo in costruzione, lui che soffre di vertigini, il ragno robot assassino col suo pungiglione velenoso, il maniaco, col viso sudato e cereo come solo negli anni 70 e primi ottanta potevano essere, che gli dà la caccia, ma poi finendo -colpo di coda- per cadere in mezzo a millemila suo robot killer che, ironia della sorte, gli danno la morte...


      FINE SPOILER

      Ma si può spoilerare un film dell'84, mi chiedo?

      Uno dei tentativi di Tom di passare al lungometraggio con successo (ruolo alla Harrison Ford), siamo nel periodo di 3 Scapoli e un bebè, se non sbaglio.
      Il film, derivato da un libro di successo, non era chissà che ma si poteva guardare e, hai ragione, potenzialmente intrigante seppur certe tecnologie siano state ampiamente surclassate e nel cinema se ne sia abusato oltremodo.

      Ma comunque siamo in OT, sapevamolo... :)

      Elimina
    2. Il cattivo era Gene Simmons dei KISS ;-)

      Una serie che si potrebbe rifare e' TEDESCA degli anni 60 contemporanea di Star Trek, ma veramente fuorissimo :
      Le fantastiche avventure dell'astronave Orion, con l' astronave che usciva da un gorgo del mare ...

      tutta b/n con dei robot improbabili, poche puntate ma veramente belle :-) ...... sigh quanto sono vecchio....

      Raumpatrouille - Die phantastischen Abenteuer des Raumschiffs Orion

      Elimina
  73. OT: visto che siamo in OT mi permetto un plauso particolare al Doc per il ricordo in alto di Randy Savage, un vero mito.
    Anche se per molto tempo l'ho odiato per le continue prese al collo e colpi sporchi a uno dei miei preferiti, esteticamente bellissimo da veder lottare e con un gran fisico, Ricky the Dragon Steamboat.

    RispondiElimina
  74. Spazio 1999 sarebbe la migliore un assoluto ma per evitare un uso industriale di CG in sostituzione dei modellini che tanto danno all'effetto scenico, scelgo Zaffiro&Acciaio, solo dove trovare due protagonisti all'altezza degli originali ??? vedi the Prisoner , Jim Caviezel per Patrick McGoohan non soddisfa, peggio ancora l'esempio di Survivors , altri titoli che soffrirebbero sono Kronos - Sfida al passato , troppo bello ma troppo "delicato" per darlo in pasto a sceneggiatori non all'altezza e Supertrain stesso discorso di prima ... restiamo nella modalità "se lo fanno gli inglesi,lo fanno meglio" e confermo Zaffiro&Acciaio

    RispondiElimina
  75. Senza ombra di dubbio Zorro: 1° e 2° serie degli anni '57-'59, interpretato da Guy Williams. Sono episodi fantastici e divertenti anche oggi!
    E la sigla è indimenticabile!

    RispondiElimina
  76. Io rivedrei volentieri classe di ferro. La comicità data dalle varietà regionali dei personaggi funziona e fa sempre ridere.

    RispondiElimina
  77. Sledge Hammer perché sento la mancanza di serie demenziali fatte bene.

    RispondiElimina
  78. UFO.
    Gerry Anderson, lo stesso autore di Spazio 1999, ma senza la pretesa di piacere al pubblico USA, e di Thunderbirds.
    A parte che _tutto_, dagli effetti speciali al costume design era totalmente all'avanguardia per il 1969, c'era una continuity inusuale per l'epoca.

    RispondiElimina
  79. Io da piccolo amavo x-bomber (ammesso che lo consideriate telefilm).
    Sarebbe curioso vedere come potrebbero riproporlo, se renderebbe in comp grafica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No. X-Bomber in computer grafica proprio no.

      Elimina
  80. @DukeFleed:
    Si, ovviamente intendevo con tecnologia, messa in scena e ambientazioni aggiornate, episodi tipo:

    "abbiamo una versione commerciale di Asimo che é impazzita e ha trucidato un'intera succursale della Honda, abbiamo chiuso il palazzo per impedirgli di fuggire ma... Nei suoi log recenti risulta che ha scaricato un aggiornamento per un'attitudine da ninja, e ha effettuato anche il download delle planimetrie dell'edificio, é solo questione di tempo prima che esca in strada e riprenda ad uccidere!". Ok, fine OT...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora la mettiamo come una cosa alla 24 tutto tecnologica/futuristika...? Un Fringe più dinamico?
      Perchè se rimaniamo solo nel realmente concreto, teniamo presente una cosa: chiunque parla di tecnologia parla di qualcosa destinato a invecchiare, a meno che non ci si metta, al centro degli ingredienti, la fantascienza...

      Elimina
    2. No, non 24: un episodio con l'asimo-killer, un altro ad esempio con autobus robotizzati usati come corrieri per la droga, un altro con un virus che si propaga da PC a PC per commettere omicidi mirati, un altro con un treno/aereo robotizzato che sequestra i passeggeri e minaccia di ucciderli se non verrà pagato un riscatto, etc etc... e su tutto la trama orizzontale di chi stia fornendo alla malavita queste "patch" criminali, come faccia ad impiantarle, quale sia il suo "master plan"... e magari anche la sottotrama delle vertigini di Ramsey, su come sia diventato vedovo, la storia col partner e col figlio...

      Sul fatto che la base tecnologica faccia "invecchiare" i film é vero, ma inevitabile anche nei film non spiccatamente sci-fi: per identificare un numero telefonico, già 40 anni fa, bastava che il criminale alzasse la cornetta e componesse il numero, eppure ce l'hanno menata fino all'altro ieri raccomandando al tizio di turno di "farlo parlare a lungo"... solo uno dei millemila esempi possibili. É che certe volte, per esigenze di drammaticità, si finge che certe tecnologie non esistano, altre volte la realtà supera davvero la fantasia, che ci vuoi fare?

      Solo, se cominciamo a metterci dei paletti perché il film che giriamo oggi potrebbe essere tecnologicamente ridicolo domani, allora non gireremmo più niente!

      E in retrospettiva non avremmo avuto nemmeno dei classici come Blade Runner, Terminator, Robocop... tutti film che sottovalutano lo sviluppo dell'informatizzazione: col senno di poi, il T-800 non avrebbe mai ammazzato le Sarah Connors in ordine alfabetico: gli sarebbe bastato collegarsi ad un terminale dell'anagrafe (c'erano già, nell'84) per andare a colpo sicuro su quella con l'età approssimativamente più compatibile con la nascita di John Connors!

      Ma non si perde tutta la magia, a ragionare così?

      Elimina
    3. Non mi dispiacerebbe, impostata così. Certo, la tecnologia impone un atto di fede (a posteriori) e, perchè avvenga ciò, ci vuole il matrimonio con il fruitore. Vedasi Diabolik, nei cui fumetti era semplicemente escluso l'elicottero perchè avrebbe reso impossibili certe fughe... Se si è bravi a scrivere, ci sta anche il patto di lasciar passare certe situazioni che, negli anni, possono risultare anacronistiche e hai ragione, non sarebbe il primo caso e sarebbe anche il funerale della immaginazione... ma bisogna esser proprio bravi, ripeto.
      Una serie che è morta ingenerosamente, seppur per me interessantissima, è stata Cronicles of Sarah Connor, che per quel che vidi non mi dispiaceva affatto... eppure, puff alla (credo) seconda stagione... e nonostante il soggetto Terminator tirasse un casino ancora... poi, vabbè, il capitolo con Cris Bale che non c'entrava una mazza e fatto coi piedi...
      Con l'idea Runaway hai un alleato, ecco. :))

      Elimina
  81. The Master, con Lee Van Cleef nella parte di un maestro ninja in giro per l'America con il suo rozzo e smargiasso giovane pupillo.

    E' ora che i ninka tornino in televisione con qualcosa di interessante e la struttura maestro/discepolo ha ancora tanto da dire in chiave moderna, secondo me.

    Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magara (cit)
      io vorrei anche trovarlo per rivedere l'originale che ho ricordi vaghissimi

      Elimina
  82. Prigionieri delle Pietre: credo fosse un ottimo esempio di telefilm per ragazzi non stupido, piuttosto inquietante (una specie di Wicker Man per reghezzini) e che non cercava di venderti pupazzi o merendine, ma una storia.
    Mi piacerebbe vederlo con mia figlia, a lei piace lo spavento ma non i film con i jumpscare, le danno fastidio senza spaventarla, credo che la tv abbia bisogno di storie per i più piccoli dove i bambini non sono considerati piccoli deficienti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tua figlia è intelligente: il jumpscare è il modo di fare horror dei registi di serie C.
      Non avevo mai sentito di questa serie, mi informerò.

      Elimina
  83. Fuori dal sondaggismo perché ho già risposto, ma con Mash mi avete fatto venire in mente un altro telefilm ad ambientazione militare che mi piaceva tantissimo da piccolo: Gli eroi di Hogan, ve lo ricordate?!?

    RispondiElimina
  84. L'ispettore Derrick, con una storia moderna, con un taglio a True Detective, nella Germania attuale della Merkel, dei rifugiati, dell'emigrazione italo-spagnola di massa...

    RispondiElimina
  85. La Famiglia Addams. Ma senza modernizzare proprio un bel niente, che il ganzo era proprio questa parodia della famiglia strampalata e antiquata, che se ne frega di tutto e tutti e continua imperterrita a seguire i suoi rituali bislacchi alla faccia del mondo moderno. Oltretutto a questo punto Christina Ricci sarebbe una Morticia spettacolare.

    RispondiElimina
  86. L'uomo di Atlantide, perché vorrei vedere un telefilm con ambientazione oceanica girato con i mezzi odierni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottima scelta!!

      Mi ero quasi scordato di questo telefilm!! Per l'epoca era fatto anche piuttosto bene e la premessa non era niente male!

      Cheers

      Elimina
  87. "Samurai", col mitico Itto Ogami che si porta appresso il figlioletto Daigoro.

    RispondiElimina
  88. Propenderei per un remake di "Ai confini della realtà" (in realtà re-remake, viste le serie di metà anni '80), per due motivi in particolare.
    1) La ripresa di una fantascienza di questo tipo potrebbe riportare l'attenzione del pubblico su produzioni sci-fi che non debbano essere per forza basate su budget miliardari (vedi "interstellar") o su trame forzatamente grandiose. Quante opere di Asimov (per dirne uno che conosciamo più o meno tutti) sono, alla fin fine, libri anche brevi strutturati come gialli o come giochi d'incastro logico? Diciamo che lo svecchiamento del tipo di fantascienza low-budget, basata più sull'acume o sul gusto del paradosso, potrebbe passare proprio per un remake di questo tipo, e che ci porta dritti al secondo motivo.
    2) Sarebbe assai interessante vedere quale sarebbe l'effetto della resurrezione di una serie di enorme successo, andata in onda più di mezzo secolo fa, arricchita dalle nuove tecniche di scrittura e produzione, ma anche dalla nuova mentalità, molto più smaliziata, che anima spesso chi sta dietro la macchina da presa. Pensiamola, magari, diretta da un David Lynch.

    RispondiElimina
  89. Premesso che anche io sarei favorevole al remake delle mitiche serie anni 80 (a-team, magnum p.i.,hazzard, supercar, automan, ecc, ecc) mi trovo d'accordo con la potenziale bruttura che potrebbe venirne fuori.

    Il cuore allora mi indirizza verso ally mc beal ma è il telefilm è del 97 e quindi non ha ancora 20 anni e dobbiamo rispettare le regole del Doc.

    Mi butto allora su Remington Steel che in Italia uscì come Mai dire sì con un grande Pierce Brosnan prima che approdasse a Bond.

    Ps. Qualcuno ha nominato la serie Professione pericolo di Lee Majors. Scusandomi per l'OT sto cercando di recuperare qualche episodio in italiano. Era una delle serie preferite da mio padre e vorrei fargli un dvd con alcune puntate. Sapete se per caso si trova disponibile da qualche parte? Anche sul torrente in caso?

    Grazie

    RispondiElimina
  90. io non vorrei un remake,vorrei l'originale ma pIù di una
    RalphSupermaxieroe
    Chips
    I Robinson :P chiedo troppo :;P?

    RispondiElimina
  91. Sandokan, ma con un vero malese come protagonista (non un indiano alto un metro e novanta).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Sandokan era descritto da Salgari proprio come Kabir Bedi (ad ecezione del colore degli occhi, che l'attore ha po' più chiari dell'originale). Se poi si riesce a trovare un malese barbuto, leggermente abbronzato e alto, ben volentieri vedrei un remake.

      Elimina
    2. Sandokan si riciclava come capo dei pirati malesi, ma di nascita era un principe indiano la cui famiglia era stata deposta dagli inglesi.

      Elimina
    3. Effettivamente nei romanzi Sandokan viene descritto come alto, slanciato ed elegante, in netto contrasto con la sua truppa desnuda.
      Comunque non era indiano, ma originario del Borneo (regione della Malesia insulare).
      Le differenze somatiche tra malesi e indiani sono abbastanza evidenti, ciò nonostante non ne farei un dramma (in fin dei conti Kabir Bedi è stato uno dei maggiori punti di forza dello sceneggiato).

      Elimina
  92. Beh, se proprio proprio allora mi butto su un sogno irrealizzabile: una nuova serie di Star Trek, con l'equipaggio visto nei due (quasi tre) film di J.J.Abrams. Si lo so, cosa irrealizzabile, e si lo so, il secondo non era all'altezza del primo, ma con un buon team di sceneggiatori potrebbe venirne fuori una serie leggen (...aspetta che arriva...) daria!

    PS: Da quando ho scoperto che faranno una serie su Galaxy Quest sono un bimbo di 31 anni felice come una pasqua XD

    RispondiElimina
  93. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon ultimo e fuori tempo massimo, io alla fine scelgo Hulk.

      - Perché lo schema vintaggio delle puntate isolate, essendo una serie on the road, può essere attualizzato senza fare troppi danni, aggiungendo dei fili conduttori e anche senza episodi autoconclusivi
      - Perché la chiedono da più parti e la dimensione cinematografica in solitaria su Hulk non funziona gran che, si è visto.
      - Perché la Marvel ha i soldi per farla anche in location multiple, invece di girare nel giardinetto dietro agli studios
      - Perché Ruffalo molto probabilmente ci starebbe
      - Perché potrebbero partecipare una pletora di sceneggiatori e potrebbe sapziare tra molti generi al di là del supereroistico (questo vale anche per Quantum Leap!)
      - Perché... (incipit di pianoforte)

      ...Ma tanto la Marvel ha detto che non la fa, e poi non ci potrebbe essere Bill Bixby.

      Elimina
  94. Anche per me il desiderio e' un remake di Spazio1999, qualche anno fa ce n'era stato pure un abbozzo sulla scia del successo di Battlestar Galactica.
    Tra l'altro gli episodi della prima stagione avevano anche trame per nulla banali e ricordo ancora con angoscia l'episodio "il dominio del drago" che da bambino mi aveva impressionato. Le aquile restano il mezzo di trasporto/combattimento piu' figherrimo delle serie TV.

    RispondiElimina
  95. Max Headroom
    era già figa negli anni 80, ora potrebbe davvero spaccare!

    p.s. mi piace molto la scelta di qualcuno su Quantum Leap

    RispondiElimina
  96. io voto indiscutibilmente "Ai confini della relatà" per le atmosfer einquietanti e la genialità degli episodi autoconclusivi.
    Poi lancio una provocazione...ma qualcuno si ricorda di "Anna Ciro & compagnia?" serie TV Rai del 1982 con protagonisti tre ragazzini romani ela mitica Milena Vukotic. Venen riproposta quanche anno più tardi anche su TMC, ricordo che mi piaceva tantissimo per la semplicità e soprattutto per il modo diretto di rappresentare le siatuzioni, senza particolari sovrastrutture. Due anni fa sono andato in vacanza in un villaggio turistico e il capovillaggio era uno dei bimbi del cast...lacrime napulitante come se non ci fosse un domani!!!

    RispondiElimina
  97. Scusate, so che ho già detto la mia (Captain Power), e che pon sono ancora trascorsi 20 anni dalla sua conclusione, ma... ci pensate a quanto potrebbe essere figherrima una nuova serie di Highlander? Per carità, adoro quella 90s con Adrian Paul (per certi versi anche più del film originale), ma era strutturata per episodi autoconclusivi. Provate invece a considerare Highlander rifatto coi mezzi di GoT o Rome (cioè costumi e scenografie che rivaleggiano col grande schermo) e soprattutto la struttura narrativa di serie come Lost o Once Upon A Time: una serie che si snoda attraverso i secoli, con più personaggi ciascuno con la propria storia che si intreccia a quella degli altri, dove tutto viene spiegato tramite flashback messi strategicamente al momento giusto, e con misteri insoluti che, quand'anche trovino risposta, questa dà automaticamente il la a nuovi interrogativi.
    Gargoyles è stata fatta così, ed è un capolavoro intramontabile... :)

    RispondiElimina
  98. Forse qualcuno lo ha detto ma un remake di Spazio 1999 intitolato Spazio 2099 è in progetto da tempo: http://www.space2099theseries.com/content.php?s=83a45d8a9fc3c395b56f1a032efb6b90

    RispondiElimina
  99. Forse qualcuno lo ha detto ma un remake di Spazio 1999 intitolato Spazio 2099 è in progetto da tempo: http://www.space2099theseries.com/content.php?s=83a45d8a9fc3c395b56f1a032efb6b90

    RispondiElimina
  100. Tante cose belle mi passano per la testa, ricordi... ma proprio perchè serie con un loro perchè, telefilm unici e irripetibili, di cui si ricorda lo spirito e non tanto i contenuti, credo che qualsiasi remake non garantirebbe nessun piacere ai vecchi fan, ma per lo più gastriti e indignazione (tranquilli, NON segue listone dei telefilm che metterei nella suddetta categoria).
    Mi intrigava l'idea citata da qualcuno di riproporre FANTASILANDIA: non l'ho amato alla follia ma mi ha sempre affascinato, aveva delle potenzialità che nel candore televisivo dell'epoca non potevano essere sviluppate come oggi. Oggi il nanetto potrebbe essere bastardo (e chi se non LUI??), un inquietante Ron Pearlman come direttore, e l'acceleratore della sceneggiatura spinto alle estreme conseguenze grottesche/horror/oniriche/filosofiche.

    RispondiElimina
  101. Sono contrario ai remake per principio quindi non voto, ma concordo al 1000% con la tristezza profonda che mi suscitava il finale di ogni puntata di Hulk. Mamma mia quella sigla con Bruce Banner che fa l'autostop con la borsetta in spalla: veramente la quintessenza della solitudine!

    RispondiElimina
  102. Bellissime tutte le serie, però io voto "I ragazzi del computer", portato ai giorni nostri ci sarebbero cyberintrusioni, furti di identita, account Facebook violati, deep web e chi più ne ha più ne metta. Se fatto bene sarebbe stupendo. E poi potrebbero approfondire le interazioni fra i protagonisti, all'acqua di rose nella serie originale.

    RispondiElimina
  103. Dai che è facile: o UFO, oppure Agente Speciale parimerito.

    Ma dovete farmele bene.

    RispondiElimina
  104. Tempo fa hanno fatto un pilot del remake e poi non se ne è fatto nulla, ma visto che le proposte per me migliori sono già state fatte, direi the time tunnel (il tunnel del tempo da noi) con i due scienziati che, cercavano di tornare nel presente, saltando in giro per le epoche fra mille peripezie... schema da cui con qualche variazione ha molto probabilmente attinto quantum leap...

    RispondiElimina
  105. Zaffiro e Acciaio.
    Ciò detto, sembra siano saltate fuori delle immagini delle riprese in corso del pilot del remake dell'Incredibile Hulk!
    http://40.media.tumblr.com/5ba0dc405341cddd83958a842a5661fc/tumblr_nvt84wyeh91r1ksyoo1_400.jpg

    RispondiElimina
  106. Palmambrogio Guanziroli7 ottobre 2015 21:12

    EMIL il bambino scultore che a ogni marachella veniva rinchiuso in un capanno e scolpiva una statuetta. Perche' la sigla era bellissima e "i ragazzi del sabato sera" non si puo' rifare. Mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Palmambrogio Guanziroli7 ottobre 2015 21:16

      no ho cambiato idea; vorrei un remake di "guerra fra galassie" perche' con gli effetti speciali odierni sarebbe ancora piu' bello

      Elimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails