domenica 28 settembre 2014

52

Inter - Cagliari, 1-4. La maledizione di Oliver Hutton

Oliver Hutton Capitan Tsubasa
Bastardo!!11!
Prenderle in goleada, in casa, dall’ultima in classifica: com’è possibile? È possibilissimo, se si decide improvvidamente di affidare la fascia di capitano a Nagatomo. Per caricarsi, Yuto dimentica di essere un Bruce Harper, la pippa atomica tutta cuore, e si convince di essere il maledetto Holly. Ispirarsi al gran visir dei precisini della fungia porta notoriamente malissimo, e infatti in metà primo tempo il giapponese riesce a combinare l’impossibile [...]
Al 10° un pallone piove nell’aria dell’Inter dove Sau, iscritto da anni nelle liste dell’ufficio collocamento dei cacagaz*i, ringrazia il colpo di testa di minchia di Nagatiello che lo rimette in gioco, controlla e porta in vantaggio il Cagliari.

Un minuto dopo Palacio tira addosso al portiere l’occasionissima del pari. Ma al 17° lo stesso argentino si procura una punizione e la calcia a tradimento verso Osvaldo, che ci fa lo scherzone agli isolani. La reazione sugli spalti e sulle panchine al gol più da pirla della giornata è drammatica: Thohir sbadiglia, Zeman una sfinge.

Ma ecco la maledizione del maledetto Hutton: al 26° Nagatomo becca il secondo giallo in 3 minuti, per il più inutile dei falli a centrocampo, e finisce negli spogliatoi (molto) prima del tempo. Un gol provocato e un’espulsione, quando mancano ancora tre quarti di partita: non gli date mai più quella fascia da capitano, per l’amor del cielo. Il gioco riprende e al primo mischione in area Ekdal riporta in vantaggio i cagliaritani. Lo stesso Ekdal segna al 34° il terzo gol, dopo che Ibarbo si è bevuto mezza difesa nerazzurra. Tre tiri, tre gol presi, ottima media. Che ibarbo, che inoia.

Ma non è ancora finito il primo tempo e c’è ancora spazio per qualche altra mimmata: Vidic si getta in spaccata alla Van Damme in area: rigore. Quello, come noto, non è un problema, e infatti Handanovic lo para. Il problema è che il rigore parato dovrebbe dare la carica, e infatti lo fa, ma per gli altri: sull’ennesimo mischione in area Ekdal fa la tripletta. Si porterà a casa il pallone, e sapendolo tutti ci sputano sopra.

Subito dopo si sfiora il 2 a 4 su angolo, ma qualche cagliaritano di passaggio salva sulla linea, e lì hai come idea si sia arenata ogni possibilità di arrivare al pareggio. Fine primo tempo, le bestemmie di Mazzarri, intanto, scuotono il Vaticano dalle fondamenta.

Secondo tempo. Al 6° Osvaldo segna ancora, ma è fuorigioco di sedici metri, non vale. Per il resto del tempo, squadra sbilanciata in avanti che produce solo qualche tirello senza convinzione, senza mai impensierire il portiere avversario, cuomo Cragno. Praterie dall'altra parte per il Cagliari, che ha però esaurito gli attacchi critici "ungolperazione", e il risultato non si schioda da lì. C'è giusto che Guarin vorrebbe menare Dessena perché invidioso delle sue meches da parrucchiere delle dive.

Ora. Spiritosate a parte, bisogna essere sportivi e non negazionisti come i nazisti e i nostalgici di Moggi (hop, hop!), e dire le cose come stanno: se è vero che il Cagliari ha dilagato dopo l’espulsione di Nagatopo, che ha condizionato inevitabilmente la partita, lo è altrettanto che pure in undici contro undici gli avversari tenevano bene il campo. Magari avrebbero vinto lo stesso, magari no. Nel dubbio, Nagatomo lo spediamo per punizione a Tana delle Tigri.

52 commenti:

  1. ottimo articolo, come sempre!!

    RispondiElimina
  2. È tornato quell'inno di melma di Pazza Inter ed è tornata quella squadra da montagne russe che tanto non ci mancava

    RispondiElimina
  3. Aspetto di sentire Mazzarri che favola si inventerà oggi.

    RispondiElimina
  4. Tripletta di Ekdal a San Siro, se me lo avessero raccontato avrei preso a coppini in testa chiunque.

    RispondiElimina
  5. Dopo "che ibarbo che inoia" ho avuto un moto di sardolicesimo spinto che mi ha quasi portato sul lato oscuro del tifo patagarru :-)
    Comolimenti.
    Per l articolo non per la squadra.
    Ma forse era ovvio. Scusa.

    RispondiElimina
  6. Il Vate faceva il cuculo a capanna ai ragazzi dopo LE VITTORIE, perché "si deve imparare a vincere, non solo a non perdere"... Mazzarri invece abbastanza no! Mi sembra un bravo "tecnico" ma non imbrocca MAI la preparazione psyco alla partita... detto questo, siamo la solita squadra "de ciòchi" (ummbriachi)

    RispondiElimina
  7. Non ci posso credere, ora quei maledetti zemaniani risorgeranno dalle tombe dove dovevano marcire per tipo 30000 anni, e ricominceranno con il loro mantra sulla "genialità" di Zeman, di come sia il migliore e come sarebbe meglio la Roma con Zeman al posto di Garcia.....e si, lo giuro su una divinità a piacere del Pantheon greco/romano che conosco zemaniani che lo scambierebbero immediatamente per Garcia.
    Quanto li odio!

    RispondiElimina
  8. Doc, ma non servono i tuoi articoli, l'inter fa ridere già di suo, come sempre. Zeman che batte l'inter, non si può dare manco la colpa a Moggi.
    32 sul campo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella storia della B non vi passa più: calo l'amo ed ecco che i pesciolini abboccano. Una certezza.

      Elimina
    2. Che vuoi che ti dica Doc, noi gobbacci pensiamo che calciopoli sia stata un'ingiustizia per noi. Di conseguenza no, non dimentichiamo. Ai tempi di Moggi l'inter era come adesso, e la Juve pure. Perdevate per colpa vostra: Gresko-Nagatomo voi, Ibrahimovic-Tevez noi. Iuliano-Ronaldo allora, gol di muntari adesso. L'errore arbitrale c'è sempre stato, ma alla fine vince chi merita di più, altro che gomblotti.
      Magari gli juventini non sono completamente pazzi? ;)

      Elimina
    3. E certo che non ve lo dimenticate. Come scordare quei pomeriggi in serie B, a prenderle dal Rimini? :D Noi intanto si è vinta una Champions, la terza. Una in più di voi, nonostante i 54 scudetti. Ma vince chi merita di più, hai appena scritto, no?

      Elimina
    4. Ciao, sono juventino e più che convinto che gli juventini abbiano rotto definitivamente i maroni con la storia dei 32 scudetti, che fosse imbarazzante che quando le prendevamo dall'inter dicevamo "eh sì, però chi ha le due (tre) stelle sulla maglietta?", come se quello fosse l'antidoto a ogni sconfitta o periodi di merda successivi. Mi vergognavo allora e mi vergogno ancora più adesso, visto che cominciano ad essere passati diversi annetti e c'è comunque gente che riesce a tirare fuori la storia commentando Inter-Cagliari.

      Elimina
    5. Bè, peccato per quelle cose che sono saltate fuori due settimane dopo la prescrizione e per le quali Palazzi vi avrebbe mandato in B per direttissima, a tenerci compagnia...
      Per il resto, i 32 hanno rotto pure me, che sono uno storico revisionista di calcipoli, così come negare che Moggi ci provava (come Galliani, Lotito, Sensi e qualcuno che per pudore, visto che è passato a miglior vita, preferisco non nominare).

      Elimina
    6. Sì, certo. E fortuna che c'è la prescrizione. Fortuna per voi, o visto che le moggiate andavano avanti da tempo (il pulitissimo campionato del '98), di scudetti ve ne sfilavano pure qualche altro. Ma se per, revisionismo appunto, metti tutto sullo stesso piano, credendo che Moggi (con le sue schede svizzere e le condanne penali) e gli altri fossero uguali, non possiamo proprio affrontare il discorso. Io, fossi stato gobbo, avrei avuto il disgusto solo al sentire il nome del responsabile di un'onta indelebile per la mia squadra. Voialtri negazionisti preferite difenderlo e pensare che i colpevoli siano stati Guido Rossi e Facchetti. Ognuno. Oh, liberissimi d farlo. Tanto i fatti, retrocessione, scudetti revocati e condanne penali, restano i fatti, il resto sono chiacchiere da bar.

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    8. No, non sono uno di quelli. Penso che ogni fatto andava valutato con calma, e io di certo non metto tutti sullo stesso piano. La mia tesi è questa, che moggi era il pescecane più vorace in una vasca di squali, e che alla fine... d'accordo aver pagato con la B., ma che gli altri se ne stiano un po' zitti visto che gli è andata bene. Anche perché, sempre per tornare indietro nel tempo, c'era quella storia di passaporti per la quale Carraro disse "non possiamo mandare in B l'inter, con tutto quello che spende Moratti". E ti ricordo che le schede svizzere le avevano comprate, indipendentemente, anche Branca, Tavaroli e il fratello di Moratti... nello stesso negozio di Moggi.
      La Juve doveva andare in B? Sta bene, se lo meritava. Ma in quante l'hanno fatta franca grazie agli amici, ai telefoni del socio, ai favori dei vecchi compagni e agli astri?

      Elimina
    9. I tribunali, non solo sportivi, hanno stabilito a oggi che il pescecane era la bestia più puzzolente di tutta la vasca, e hanno punito di conseguenza chi a quella bestia aveva affidato le chiavi di casa da anni. Le condanne penali di Moggi non mi pare le abbia prese in pari misura nessun altro. E non credo che in tribunale valgano astri e amicizie. Questi sono i fatti. Siamo d'accordo sull'aver pagato la B? Ne sono felice. Il resto sono opinioni, e quelle ognuno c'ha le sue, per quello che contano. E no, "un po' zitto" non ci sto neanche per niente, che gli affari di questo signorino hanno danneggiato per anni anche me, come tifoso, e non solo la sua squadra.

      Elimina
    10. E anche qui salta fuori la "classe dirigente", come quella che ha mandato a puttane L'Italia..ma poi ti dicono che son discorsi da Bar...

      Elimina
    11. E ci si ostina a dare dignita' a personaggi come Moggi,l'Italia e' davvero un paese allucinante...

      Elimina
    12. Se è per questo il tribunale di Napoli ha sentenziato che i campionati in esame erano sostanzialmente regolari, pur condannando Moggi. Strano la cosa sia sfuggita ai più. Anche questo è un fatto. Così com'è un fatto che, ad esempio, un Preziosi qualsiasi, benché sgamato a corrompere questo e quello con valigette piene di contanti (altro che telefonate ai designatori) stia ancora li al suo posto a spalleggiare Lotito e a far eleggere un Tavecchio qualsiasi. E moggi sarebbe il più puzzolente?
      Ovviamente l'"un po' zitto" era un invito retorico, spero non te la sia presa. Personalmente, me lo son sentito dire tante di quelle volte, a proposito di calciopoli, che non lo considero un'invito offensivo. Ti invito comunque a riflettere su una cosa, visto che ti senti offeso come tifoso: ai tempi di calciopoli, oltre alla Juve e al Milan, hanno vinto anche Roma e Lazio. La Juve ha disputato quattro finali Champion, vincendone una. Il Milan ne ha vinto due (anche se una grazie alla penalizzazione calibrata che ha ottenuto grazie al processo). L'Italia aveva quattro squadre in CL. Nel post calciopoli c'è stata l'era senza rivali dei quattro scudetti inter, ne ha vinto uno il milan e ha ripreso a vincere la Juve. Possibile che quest'anno lo vinca la Roma. L'inter è tornata quella pre calciopoli. In europa tra un po' valiamo quanto il portogallo. Eppure Moggi non c'è più.
      @Koncha de Gatzu: caro conterraneo, se parli di me, io non ho ridato nessuna dignità a moggi. Non ne ho ridato neanche alla Juve. Semplicemente, non mi piace considerare onesto chi onesto non lo è stato fino in fondo, e lo smoking bianco di Materazzi e il "vinciamo senza ruvvare" di Zanetti li lascio a chi crede nelle favole.

      Elimina
    13. Non continuo a scendere nel dettaglio non perché convinto della bontà delle tue affermazioni, ma per il motivo opposto (non credo affatto che quella di Zanetti sia una favola), e continuando a ripeterci le stesse cose non se ne esce. Solo una cosa: dire che l'Inter è "tornata quella del pre-calciopoli" significa collegare (come faceva Conte) due cose che non c'entrano nulla. L'Inter ha smesso di vincere dopo aver vinto tutto per 4 anni. Quattro. Un ciclo di cinque-sei anni si è esaurito, quei giocatori sono arrivati alla frutta, sostituti non adeguati ci hanno riportato fuori dall'Europa. È una cosa naturalissima, eh, succede a tutte le squadre al termine di un ciclo vincente. Se poi non contiamo più una mazza in Europa, come calcio italiano, è perché ci sono altri campionati in cui si spende di più: gli anni dei campioni tutti in serie A sono finiti da un pezzo. Non c'entra Moggi, infatti, non c'entra Calciopoli, perché non c'entra niente con questo discorso. Ma ho scritto già abbastanza, e non mi sogno di convincerti. Sei ovviamente liberissimo di pensare quello che vuoi, io mi limito a fare altrettanto.

      Elimina
    14. Forse mi sono spiegato male io. Voglio dire, appunto, che se l'inter è tornata quella di prima, è perché prima sbagliava gli acquisti come oggi. E non perché prima c'era moggi ;-)
      In quegli anni l'inter è stata realmente competitiva soltanto in due occasioni. Nel 98, come dici tu... ma a parte quel rigore (che se voi siete stufi per la storia dei 32, figuratevi il resto del mondo per il rigore su Ronaldo: Simoni per i giornali esiste ancora soltanto per rivangare quell'episodio), rigore che avrebbe permesso all'Inter di PAREGGIARE, quell'anno siete arrivati terzi a sette punti, se non ricordo male.
      E poi nel 2002, l'anno del 5 maggio, quando la Lazio, che si sarebbe "scansata" volentieri (cosa che farà qualche anno più tardi), vinse per merito di quel Poborski che per vostra sfortuna non capiva l'italiano...
      Allo stesso modo, nel post calciopoli avete vinto uno scudetto contro la roma con un punto di distacco quando un certo Adriano (quello beccato a fiutare qualcosa da un piattino, a petto nudo, senza che i giornali e Zeman vi trovassero niente di strano) segnava una partita si e una no col braccio. E come non ricordare il gol di Maicon con sei giocatori in fuorigioco, contro il Siena (record galattico).
      Eppure... il rigore su Ronaldo, nel secolo scorso, rimane paradigmatico, come qualsiasi torto subito da chicchessia contro la Juve. Nel 2014 stiamo ancora a parlà der go' de' turone...

      Elimina
    15. Comunque, scusa se ho rilanciato nonostante il tuo velato invito a piantarla, ma apprezzo (e non lo dico per piaggeria) gli interlocutori educati, anche se la pensano in tutt'altro modo. Non è facile trovarne qualcuno che non ceda alla tentazione dell'insulto.

      Elimina
    16. "E non credo che in tribunale valgano astri e amicizie". E già qua crediamo nelle favole. Riguardo alle 3 champions, complimenti, anche se le due negli anni '60 le avete vinte dopandovi come cavalli grazie al 'caffé di Herrera' (chiedere a Ferruccio Mazzola), nel 2010 a culo, tant'è che né prima né dopo vi siete neanche lontanamente ripetuti a quei livelli. Però, oh, meglio di noi. Il tribunale di Napoli ha condannato Moggi, ma non la Juve, dichiarando che il campionato 2004-2005 era regolare, quello 2005-2006 neanche sotto osservazione. I sorteggi erano regolari, le schede svizzere Moggi le comprò per difendersi dall'intercettazioni e pedinamenti della combriccola di Tronchetti-Provera, che hanno spiato anche Vieri, allora giocatore dell'inter. E come diceva qualcun altro, a voi vi ha salvato solo la prescrizione in calciopoli. E Carraro prima, con la storiaccia dei passaporti falsi, dei 6 mesi di galera del mitico Oriali, un'altra bella favoletta.
      Quei 4 anni di vittorie sono arrivate GRAZIE a calciopoli, svanito l'effetto, siete stranamente tornati a non vincere più, come prima. Coincidenze. Avete accumulato solo montagne di debiti, come la Lazio con Cragnotti o il Parma con Tanzi, ma è la Juve il male del calcio e Moggi la bestia più puzzolente. Gli orologi d'oro regalati da Sensi agli arbitri sono solo pe' scherzà

      Elimina
    17. Hanno spiato anche Jugovic, perché non gli andava di avere un altro giocatore tipo Vampeta, non so se mi spiego...

      Elimina
    18. E la discussione pacifica è allegramente deragliata. Grazie, Big Saucisse per la sbroccata, e complimenti per come non ti assumi la responsabilità di quello che scrivi, vergando i tuoi commenti nell'anonimato del nomino messo lì. Senza un account, senza metterci la faccia, come faccio io, come ha appena fatto mytom, a sparare accuse e teorie a destra e manca son buoni tutti.

      Elimina
    19. Anzi, già che siamo in argomento, d'ora in poi nei post sul calcio commenti aperti solo a chi è loggato con un account. Così la finiamo con la pagliacciata dei tizi che si danno ragione da soli e s'inventano i diecimila nick della tristezza.

      Elimina
    20. A parte i cazzoni rompipalle a prescindere,la discussione ci sta se educata:nel mio piccolo e da tifoso Cagliaritano,quindi fuori dai grandi giochi di potere del calcio,posso dire che se c'e' una legge va rispettata e il sentimento da tifoso va messo da una parte...
      Non e' una gara a chi ha vinto di piu' e chi ce l'ha piu' grosso che tra tifosi ci sta sempre in toni divertenti,qui si parla di trasparenza nelle regole e nei comportamenti nel calcio e nello sport in generale..
      come non e' solo e non e' solo stato Beluskazzo la rovina del Paese anche nel calcio Moggi era la punta dell'icerberg: c'e' chi ha chiuso un occhio,ce chi si e' girato dall'altra parte...c'e' chi le mani nella merd..marmellata un po' le ha messe.
      Quindi Noi condannando Moggi almeno moralmente(me lo concedete?) Non e' che scagioniamo tutto il resto della truppa. Questa mentalita' tutta Italiota che se tutti rubano allora il reato si annulla deve scomparire,se davvero vogliamo un calcio sano come dovrebbe essere appunto uno sport per definizione..

      Elimina
    21. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    22. Ed ecco il primo che fa finta di non capire. Ciao bello.

      Elimina
    23. Sparare accuse? Il tribunale italiano si è espresso in merito:
      Caso Doping inter:
      http://vivoperlei.calciomercato.com/articolo/doping-inte-moratti-perde-la-causa-contro-ferruccio-mazzola-707127

      Caso Oriali:
      http://www.gazzetta.it/Calcio/Squadre/Inter/Primo_Piano/2006/05_Maggio/25/patteggia.shtml

      Caso spionaggio Telecom:
      http://www.tuttosport.com/calcio/serie_a/juventus/2013/12/03-278986/Moggi%3A+%C2%ABLe+sim+per+evitare+spionaggio+telecom-Inter%C2%BB

      Caso rolex Sensi:
      http://www.repubblica.it/online/sport/rolex/rolex/rolex.html

      Dietro cosa mi nascondo? A cosa ti serve il mio nome e cognome? Basta saper leggere
      Rompipalle si, cazzone proprio no

      Elimina
    24. Ecco, bravo, hai incollato i tuoi link. Ora o ti adegui e ti crei un account o ti levi dalle balle. Se non capisci il discorso dell'anonimato e delle responsabilità, non è un problema mio: non si tratta di essere cazzoni, ma di saper leggere, appunto. Ti lascio vivo questo, così sei contento, ma qualsiasi altro commento, tuo e di chiunque altro, sul calcio privo di account sarà cestinato, perché i "rompipalle" anonimi come te hanno scocciato. Questo lo capisci, sì, non serve un disegnino?

      Elimina
    25. Caro Doc, tu scrivi che la discussione pacifica è deragliata. Purtroppo l'esito era già scritto quando non hai resistito (in zona Cesarini, quando mancavano due righe alla conclusione dell'articolo..) alla tentazione di inserire la superflua citazione su Moggi. A questo punto, era matematico che qualcuno rivangasse le oramai stucchevoli polemiche sullo scudetto di cartone e sui "32 sul campo".

      Elimina
    26. La discussione con mytom, scambi di battute comprese, è stata civilissima. È l'intervento dei soliti caghella anonimi a rompere le scatole, come sempre. Una battuta è una battuta: chi non è un disperato dell'internet risponde con un'altra battuta, non fa vedere agli altri che gli rode il fegato.

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono stato offensivo ;)

      Elimina
    2. offensivo no, ma con sta storia dei 32 avete rotto ogni cosa rompibile

      Elimina
    3. "Nagatopo", certo. Inventarsi una spalla per creare le tue commedie: non eri stato già bannato proprio per questo, R.? Non hai davvero imparato niente? Santo cielo...

      Elimina
    4. Matteo, questione di punti di vista

      Elimina
    5. Infatti, in un mondo del calcio corrotto sono "validi",quindi a parita' di corruzione non e' meglio che tutti siano lindi,casti e puri?
      Cosi si puo' solo pensare ad insultarci tra tifoserie per meriti e demeriti prettamente SPORTIVI.

      Elimina
  10. Quando l'ho sentito alla radio pensavo di avere messo una stazione di scherzi radiofonici...Alla fine gli equilibri nell'Inter sembrano talmente precari che anche l'assenza dal campo di un Nagatomo impresentabile scombussola i piani. Io Mazzarri l'ho sempre ritenuto sopravvalutato, non ha carisma e soprattutto non ha intelligenza tattica...Fortuna non è arrivato alla Roma!

    RispondiElimina
  11. La solita inter....

    RispondiElimina
  12. Un pensierino a chi ha lasciato Ekdal in panca al fantacalcio? Sbatto la testa sul muro dalle 16:00 di oggi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...c'è ki l'ha spedito in tribuna... :)) dove dovrebbe finire kakatomo!

      Elimina
    2. Ad ogni modo, c'è da dire che una tripletta di Ekdal (in un solo tempo!) non si era mai vista e probabilmente mai più si vedrà, nei secoli dei secoli... Già è molto difficile vedere un suo gol da solo! Mai avuto Ekdal al fantacalcio, ma nel caso devo dire che lo avrei tranquillamente messo in panca o in tribuna pure io!

      Elimina
  13. MBBBBwaahahahahaahahahhaahahhahaahhahaahaha. Arigatomo.

    RispondiElimina
  14. Che dire, questo pomeriggio lassù al secondo blu si è visto un brutto spettacolo da tutti i punti di vista, tra arbitri minchioni e giocatori che battono la flemma, ma come si suol dire "E' un momento, passerà!" credici!

    RispondiElimina
  15. ahahah :D e comunque io la penso come Allegri. sono 31! (contare anche la serie b)

    RispondiElimina
  16. Dei giocatori attuali, quelli da Inter stanno comodamente sulle dita di una mano. E l'allenatore non è tra questi. Qualunque allenatore, al giorno d'oggi, che non sa usare più di un modulo è fuori tempo massimo. Normale che si abbia un modulo preferito, ma altrettanto normale che devi saperti adattare a quello che passa il convento. Giocatori con una certa personalità in squadra ce ne sono pochi, ma altrettanto sicuramente Mazzarri non li sa motivare come si deve: diavolo, con Mourinho i giocatori che scendevano in campo avevano FAME. Guardavano incazzusi dritti negli occhi CHIUNQUE. Portavano a casa punti in nove contro undici. Certo, erano quasi tutti campioni, e quasi tutti nel loro momento migliore, ma avevano anche una guida illuminata che al posto dei polsi aveva catene di titanio zecchino. Per essere allenatore dell'Inter non basta essere un ottimo allenatore (personalmente ritengo Mazzarri un buon allenatore ma certamente sopravvalutato), bisogna essere un allenatore speciale. E non a caso Herrera, Mourinho e in buona misura Mancini avevano due palle così.

    RispondiElimina
  17. Come sempre non seguo il campionato, ma seguo i tuoi articoli che mi fanno quasi stare simpatico questo sport. Ottimo Doc, continua così!

    RispondiElimina
  18. Mi sa che si comincia a capire perchè Il ManU ha lasciato andare Vidic...

    RispondiElimina
  19. Bell'articolo.
    Onesto intellettualmente nel commentare anche quando la tua squadra perde e comunque senza prendere troppo sul serio la cosa.
    Approccio che apprezzo, complimenti.
    E lo dice un non-interista.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails