sabato 1 febbraio 2014

36

The Wolf of Wall Street, la recensione
(senza spoiler)

The Wolf of Wall Street recensione senza spoiler
Ieri sera sei andato finalmente a vedere The Wolf of Wall Street, il quinto film di Martin Scorsese con Leonardo DiCaprio, tratto dall'autobiografia del broker della Stratton Oakmont Jordan Belfort. Dice: embé? Com'è? Strano. Il primo aggettivo che ti è venuto in mente, dopo quasi tre ore di pellicola, è strano. Il secondo? Divertente. Il terzo? Agghiacciante [...]
The Wolf of Wall Street è il Wall Street di Oliver Stone (1987), ma con molta, molta, molta più pheega. Una quantità di nudi full frontal che manco nelle robe softcose di Playboy dei tardi anni 90. The Wolf of Wall Street è Prova a Prendermi di Spielberg (2002), ma con un villanzò molto più villanzò come protagonista, nonostante la faccia sia la stessa. Un gioviale bastardo che, con quella capa tonda di DiCaprio, farebbe pure simpatia. Cioè, non ricordassi che interpreta un tizio che, nella vita vera, ha inculcato molta più gente di Rocco Siffredi.
Per buona parte delle sue quasi tre ore, The Wolf of Wall Street scorre come una commedia. La critica è talmente sottile che potrebbe sembrare esattamente una di quelle commedie yankee pacchiane e sceme, alla American Pie e relativi, infiniti seguiticloni. I nani da lanciare, i casini indotti da abuso di farmaci a uso sballo, gente che minge, gente che urla, prostitute, amici per la pelle che si prendono a cinquine. Tra parentesi, in una scena di combattimento in cucina coreografata come manco nel cinema di Hong Kong. Ci sono le gag del simpatico bastardo e della sua cumpa di simpatici bastardi, e anvedi quello che ti ha combinato, oh ma che party, signora mia, e che elicottero, e che belle macchine e soprattutto quanta pheega.
(Lei è Margot Robbie, e ha la stessa voce della Joy di My Name is Earl. Lui è DiCaprio. L'altro lui è Shane di The Walking Dead, incredibilmente qui ancora più tamarro. Giuri)
Ci sono le gag e c'è DiCaprio che sfonda la quarta parete e parla direttamente con il pubblico, come Pippo Franco, e il pubblico sorride, sghignazza. Arriva Elio col suo furgone, brum brum! Ma a Scorsese bastano gli ultimi dieci minuti per riprecipitare quella gente in sala, con i suoi sorrisi e i suoi popcorn, nella consapevolezza di aver fatto il tifo per un figlio di puttana. Un grandissimo figlio di puttana che assieme a un sacco di altri grandissimi figli di puttana, là fuori, non pagherà mai abbastanza per quello che ha fatto, per le vite trasformate in coriandoli da lanciare nelle sue feste straripanti bollicine di Vascorò. E allora c'è che il pubblico non sorride e sghignazza più.
Godibile. Magari non esattamente questo capolavorò del cinematografò, né un nuovo Quei bravi ragazzi (anche se i punti di contatto tra le due pellicole si sprecano), ma godibile. Mezzo punto in più, di suo, per l'azzeccatissimo impiego di due brani storici, uno dei quali è di Umberto Tozzi. No, davvero.

The Wolf of Wall Street
recensito da DocManhattan il 2014-02-01
Rating: 4

36 commenti:

  1. Addirittura quattro su cinque?

    Bha. Non è il mio genere, ma almeno è una idea nuova, non un seguito o un remake.

    RispondiElimina
  2. Io me lo voglio vedere e chissà se stavolta è la volta buona di vedere DiCaprio con l'Oscar.

    RispondiElimina
  3. Ne stanno parlando tutti quanti e ancora non l'ho visto.
    mi hanno detto che la sorca si spreca
    Un valido motivo per vederlo!
    A parte gli scherzi, credo che andrò presto

    RispondiElimina
  4. Gran film.. Mi dispiace per DiCaprio che anche stavolta probabilmente rimarrà all'asciutto di Oscar.

    Quando è partito "Gloria" di Tozzi, ho pensato che quelli del cinema avessero acceso per sbaglio gli autoparlanti (già successo peraltro)

    RispondiElimina
  5. Questo film l'ho visto in inglese e dopo averlo finito l'ho definito il film del "fuck": tale parola viene detta in media ogni 5/6 battute XD

    RispondiElimina
  6. visto e concordo su tutto... un film che in qualche modo ti resta dentro... peccato la versione inglese sia COMPLETAMENTE diversa. Come sempre l'adattamento Italiano è una vergogna

    RispondiElimina
  7. And the winner is...
    http://www.youtube.com/watch?v=3UV-Ku-mueU

    Bestemmione di Di Caprio in sottofondo.

    RispondiElimina
  8. Condivido e sono convinto che le prime due ore siano un immane "guarda là" per la scena

    SPOILER SPOILER SPOILER



    NON SCHERZO!


    scena finale in cui, non a caso, nell'ultima inquadratura il pubblico in sala si sovrappone al pubblico incapace di vendere la penna.
    Simpatico anche il cameo del vero J. Belfort.

    RispondiElimina
  9. Visto 2 volte...3 ore che passano come 30 minuti...e vi pare poco?

    RispondiElimina
  10. L'ho visto e l'ho trovato più che altro un film divertente, una grossa commedia rivolta ad un pubblico non di completi deficienti.

    Si capisce che teoricamente ci sarebbe sotto l'idea di far empatizzare lo spettatore col figlio di p*ttana per poi sbatterglielo in faccia nel finale, peró la cosa non è granchè riuscita.

    Almeno per me che son reduce dal finale di Breaking Bad la settimana scorsa. Se uno per tutto il film ha in mente Heisenberg, il personaggio di DiCaprio viene automaticamente declassato a "simpatico cazzone".

    Parlando di Walther White, subito prima del film hanno passato il trailer di "Smetto quando voglio". Un'idea ORIGINALISSIMA, non c'è che dire.

    RispondiElimina
  11. Vorrei vederlo, mi attira molto anche se dopo la recensione il mio interesse è un po' scemato visto che io sono più interessato all'aspetto critico che alla commedia.

    Detto questo il discorso sull'avidità di Gordon Gekko è sempre molto attuale, soprattutto la prima parte. Il mondo finanziario riesce a consumare valore senza crearne e il mercato azionario è un mondo parallelo dove l'andamento di un titolo è quasi completamente avulso dal reale andamento di quello che rappresenta ma soprattutto è un mondo in cui il rapporto causa effetto è ribaltato e ogni scusa è buona per dire di compra o vendere qualcosa.

    Scusate per l'invettiva fuori contesto.

    RispondiElimina
  12. Io questo film l'ho seriamente amato! Davvero divertente, passi le tre velocissime ore con un sorriso da babbeo stampato in faccia. Grande colonna sonora, grande regia con qualche colpo di genio e un DiCaprio eccezionale. E una cosa davvero incredibile è che alla fine ti fa proprio sentire un bastardo per aver tifato per quegli amabili bastardi fuori controllo!

    RispondiElimina
  13. Io mi sono annoiato e l'ho trovato pure un po' telefonato. Tra Scott e Scorsese in questo mese non sono rimasto per nulla soddisfatto

    RispondiElimina
  14. e invece è un fottutissimò capolavorò del cinamatografò! :)

    RispondiElimina
  15. Visto anche io ieri sera, godibile ma niente che ti fa lasciare il cinema con un pensiero in più.
    Piccola nota sul cast pescato dal circolino dei telefilm:
    La mamma di how I met your mother
    Shane di twd
    Il fratello di Earl di my name is earl
    E prima del film mi hanno pure passato pure il trailer del film con il Gionsnò napulitano.

    RispondiElimina
  16. Visto anche io ieri sera, godibile ma niente che ti fa lasciare il cinema con un pensiero in più.
    Piccola nota sul cast pescato dal circolino dei telefilm:
    La mamma di how I met your mother
    Shane di twd
    Il fratello di Earl di my name is earl
    E prima del film mi hanno pure passato pure il trailer del film con il Gionsnò napulitano.

    RispondiElimina
  17. Visto anche io ieri sera, godibile ma niente che ti fa lasciare il cinema con un pensiero in più.
    Piccola nota sul cast pescato dal circolino dei telefilm:
    La mamma di how I met your mother
    Shane di twd
    Il fratello di Earl di my name is earl
    E prima del film mi hanno pure passato pure il trailer del film con il Gionsnò napulitano.

    RispondiElimina
  18. Ma dai, visto pure ieri... da me ci stava la promoziò, al cinema co 3,50€ :D a me ha dato l'impressione di voler evidenziare come sta gggente in realtà non è altro che una pila di soldi ambulante, senza si sente 0 (ed è 0), e in quanto tale abbia voluto dimostrare come i soldi che camminano non hanno e non rispettano alcuna morale. Il "buon bastardo" Leo in realtà io non sono riuscito a odiarlo mai, manco alla fine, troppo carismatico ed empatico. Poi quando un regista prende il protagonista e ogni tot, quasi a random, gli fa sfondare la quarta parete, mi parte sempre il momento emozione. Però a Leo se dovevo dargli un Oscarello, glielo davo per Mr Candy in Django. Impressione mia.

    RispondiElimina
  19. Sti film celebrativi di personaggi ,per usare una connotazione eufemistica, negativi, mi sono sempre stati sullo sparagnaus.

    Ciò non toglie che possano essere dei bei film , con tanto di cappello al regista (inchino e applausi a dir il vero) e Di Caprio che quest'anno glielo l' oscar che sennò mi si piange tutto in un angolo :)

    RispondiElimina
  20. Il film mi è piaciuto, ma non sono mai entrato in empatia con il personaggio ed i suoi amici. Per come facevano i soldi, e per come spendevano i soldi, mi è sembrato un gigantesco film dell'orrore, orrore puro. La scena con l'agente dell'F.B.I. sulla barca, in cui si rivela la pochissima sportività del protagonista, rende l'idea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, nessuna empatia. Film molto bello. Il pubblico di ragazzini che applaude in diverse scene mi ha rabbrividito.

      Elimina
    2. spero fossero applausi al film, e non al personaggio.

      Elimina
  21. Visto anche io ieri sera. Non so, non è un filmaccio, come non è un capolavoro. A mio parere è solamente un buon film da guardarsi almeno una volta nella vita. Comunque DiCaprio resta uno dei miei attori preferiti.

    RispondiElimina
  22. Gran bel film, agghiacciante penso sia l'aggettivo giusto, perché è una rappresentazione davvero agghiacciante del mondo della finanza degli anni '80 (chiaro che è romanzata, però il messaggio arriva lo stesso).
    Di Caprio monumentale. Ci sono un paio di monologhi in cui solo con la mimica facciale prendeva a cinquine in faccia la Recitazione.

    RispondiElimina
  23. Tutto bellissimo. Come sempre, eh. Però non ho ancora capito perchè sono tutti in fissa con 'sto film. Ricapitoliamo: robottoni uattà e fuzz e pew pew, assenti, Schwarzenegger nei panni di un precario educatore dell'infanzia, assente, Danny de Vito o Joe Pesci a fare le sua veci, assenti. Finche non fanno una edizione rimasterizzata con le esplosioni, non lo capirò...

    RispondiElimina
  24. il film mi ha dato impressioni analoghe alle tue doc, anche se trovo abbia più punti in contatto con casinò (la bionda stronzetta e materialista e il braccio destro scoppiato, rispettivamente sharon stone e joe pesci) che con quei bravi ragazzi.

    RispondiElimina
  25. Togliete la sgnacchera bionda dall'immagine sopra e metteteci il mio gattone nero, togliete DiC e metteteci me che cerco di avvicinarmi alla belva e sprofondare il faccione nel suo pancino morbidoso e grassoccio. Al posto del taccoqualcosa una zampa artigliata appoggiata delicatamente sul mio front1 e un'espressione felina tipo "No, oggi no, ho mal di testa". U-gua-le!

    RispondiElimina
  26. Molto molto bello, da vedere assolutamente. La bionda poi è stratosferica!

    RispondiElimina
  27. http://www.badtaste.it/articoli/gli-invisibili-effetti-visivi-di-wolf-wall-street-un-video

    Segnalo questo video... effetti speciali a gogo anche in un film su wall street. Pazzesco, ormai non si sa più ciò che si guarda cos'è.

    RispondiElimina
  28. Vorrei vederlo per due ragioni: una è Scorsese e l'altra Leonardo DiCaprio, che avrebbe meritato l'Oscar in un sacco di pellicole e invece niente.

    RispondiElimina
  29. Doc, Guardati Her di Spike Jonez. Fantascienza pura. Una Wilde cosi non l'ho mai vista.....

    RispondiElimina
  30. Grande Film. Durante la proiezione non fai altro che ridere, poi torni a casa, ci pensi un pò su, e inizi a capire che hai davvero sbagliato tutto nella vita :)

    Magari non è il miglior film della Coppia, però rimane decisamente un Gran film

    RispondiElimina
  31. Margot Robbie da infarto!

    RispondiElimina
  32. Paolo Pugliese9 febbraio 2014 11:40

    Bellissimo film, realistico e al tempo stesso paradossale, con trovate visive di un certo livello (vedi la sequenza della paralisi, la Lamborghini e la cucina con colonna sonora di Popeye). Di Caprio mi è molto piaciuto così come gli attori comprimari. A proposito di questi, ma l'avete riconosciuta (nel ruolo della zia della moglie di Belfort) l'attrice inglese Joanna Lumley? Tra gli anni '70 e '80 era stata protagonista di un serial parapsicologico-fantascientifico assolutamente DI CULTO come "Zaffiro e Acciaio".

    RispondiElimina
  33. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  34. non mi è piaciuto. L'ho trovato prolisso e insistente sempre sugli stessi temi (droga e sesso), fino allo sfinimento cinematografico. L'idea era buona ma sinceramente poteva durare almeno un "ora di meno.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails