giovedì 4 ottobre 2012

40

Ci sono George R. R. Martin, Alan Moore e Neil Gaiman che…

Segue breve intervista a George Ciccio Martin e Neil Gaiman, girata da MTV al Worldcon di Chicago il mese scorso, che ci dice essenzialmente tre cose. Tutte e tre leggermente inquietanti […]



Premessa: siamo nel 1987, nove anni prima che Martin imbrocchi il libro della vita e tiri fuori tutta quella storia su nani che ripagano sempre i propri debiti, regine stronze che la danno via più di Brooke Logan e cervi trasformati magicamente da Mondadori in unicorni. Martin, che si occupa di fantascienza e scrive episodi per Ai confini della realtà e La bella e la bestia, cura l'antologia Wild Cards: un'antologia di storie brevi sui super-eroi ambientate nello stesso universo, ideato giocando a un GdR, e scritte da vari autori. Bene: nel video scopriamo quindi che:
a) Martin scrisse ad Alan Moore per proporgli di partecipare al progetto. Ma lo stregone di Northampton, che ai tempi era ancora alle prese con Watchmen, non se l'è pisciato. Zero, proprio.
b) Più o meno nello stesso periodo, Ciccio Martin fu avvicinato a una convention da un giovane scrittore britannico smilzo e tutto vestito di nero, che c'aveva nel cassetto questa storia strana su un tizio che vive nei sogni. Il giovane era Neil Gaiman e l'idea, non presa in considerazione da Martin, sarebbe diventata due anni dopo Sandman.
c) Martin c'ha proprio una voce da bidello anziano.
In un altro pezzo della stessa intervista a MTV, ti segnalava l'antrista Raffaele giorni fa, il nostro bruciascadenze preferito che come secondo nome c'ha la risata di un pirata parla invece del suo amore per i fumetti e dichiara che gli piacerebbe tipo una cifra scrivere la serie del Dr. Strange. Ma solo a una condizione:
but before I did that I'd have my lawyers meet with Marvel's lawyers and work out an iron-clad contract that would say that whatever I did in the story would continue on forever and would never be retconned, rebooted or reimagined out of the universe when some later writer decided to mess around with it ... I always hated reboots and retconns and the fact that a new writer comes in and 'un-does' what the previous writer did and brings dead characters back to life, kills new characters. ... but I did love Doctor Strange and if I was to write a Marvel character him and his dimensions would be it.
No, ma credici, Ciccio: te lo fanno fare, eh. Tranquillo. Si è appena liberato uno slot nel nemilaeverci.
#pensaafinirelatuasagaespicciati 

40 commenti:

  1. Mi unisco al #pensaafinirelatuasagaespicciati che non sei più giovane e non mi sembri neanche tanto messo bene, metti che sta storia nemmeno la finisci e schiatti prima. #nonsarebbebello

    RispondiElimina
  2. Ppe' ffalla corta, stringata e riassuntiva: questo Jabba de Hutt dei miei comicon e' un poveraccio.
    Millanta, spara, spera ma, soprattuttamente, cazzeggia col suo mediocre talento e annaspa dietro sue personali fantasie attinenti all'universo del possibile quanto A.Moore vestito da sposina Francese dei primi del '900.

    #macchetristezzainfinita.com

    RispondiElimina
  3. Una cosa che apprezzo più di altre è la totale coerenza di elementi in mondo totalmente inventato. Chiederlo alla Marvel è come se io chiedessi di trombare a Kate Upton. La risposta sarebbe: "Eheeee prego + eventuali insulti e sfottò".

    DISCLAIMER: ogni riferimento a gran gnocche e mie possibili pulsioni è totalmente casuale ed ipotetico.

    RispondiElimina
  4. PS: chiedo una moratoria per il # per l'abuso dello stesso.

    RispondiElimina
  5. Sembra Paolo Villaggio dopo un crack party.


    Alan Moore ti lovvo.

    RispondiElimina
  6. Sono sempre più convinto che io la fine delle cronache non la leggerò mai. Ogni volta che lo vedo è sempre più grosso. Già si veste da marinaio, se si pittura di bianco può fare l'omino dei marshmallow in un ipotetico remake dei ghostbuster. Zio George devi tenerti un po', che lo so che è una cosa alla misery, ma per favore un occhio alla linea.

    p.s.
    Doc ma delle prime anticipazioni per S.h.i.e.l.d. non ne vogliamo parlare ?

    RispondiElimina
  7. visto quello che è successo con Robert Jordan (che vabbè era gravemente malato da anni, ma pure Martin non mi sembra messo bene...) che è morto prima della stesura dell'ultimo libro de "La Ruota del Tempo", fossi in Martin mi sbrigherei a completare la saga. Al limite potrebbe lasciare un pò di appunti come aveva fatto Jordan, in modo che possa almeno essere completata da un altro autore (un pò una zozzata ma meglio di niente...)

    RispondiElimina
  8. "come secondo nome c'ha la risata di un pirata" :-)

    RispondiElimina
  9. Non so... io una dichiarazione del genere la potrei sparare solo allo scopo di dire (fra le righe, quindi senza esporsi) che quel modo di fare fumetti fa cagare: può darsi che fosse questa la sua intenzione. Certo che se invece ci credeva davvero ed era serio.... cavolo, che umiltà XDXD

    RispondiElimina
  10. Mi sembra che Martin abbia già dichiarato riguardo la questione Jordan che non lascerà appunti o cose simili e asoiaf rimarrà incompiuta dovesse morire.
    Avete sentito la canzone su youtube di incitamento a scrivere?
    Torno a rileggermi i commenti sul finale di avengers vs x-men va, sembra dai forum americani che questo evento abbia reso simpatico Ciclope a molti...da non credersi!

    RispondiElimina
  11. Diennea, Mars:
    Non ha lasciato appunti... ma è stato costretto a frustate dalla HBO a rivelare agli autori il finale della sua saga. Così, dovesse schiattare prima del tempo, sanno almeno come far finire il serial.

    Avengers vs X-Men 12 l'ho comprato ieri sera su comixology. Non l'ho ancora letto, mi sono limitato alle ultime pagine preso dalla curiosità. Giudizio molto provvisorio sul finale: cinque dollari buttati nel cesso.

    RispondiElimina
  12. Sorry , but questo e' un NON-POST

    RispondiElimina
  13. @Doc
    credo sia una maniera contorta per dirti un cosa tipo "scrivi scimmia ballerina che devi farmi divertire per forza pure oggi aggratis, e hai solo messo due commentini a un intervista" :D
    Oh mica l'internetto può dare solo soddisfazioni sa :D!

    PS
    mi unisco al coro di cicciobastardo spicciati prima che crepi a finire sti libri
    PPS
    opinione personale: i libri di racconti fantascienzi di Martin sono
    1) brutti
    2) di una tristezza e malinconia infinita, ma non di quella ben fatta di quella che ti si attacca ai maroni e non te la scolli più

    RispondiElimina
  14. Quoto wargarv, estendendo il pps2 al Fantasy.

    PS Ma cosa volete che finisca quello...Appena c'ha i soldi si compra un negro e tanti saluti.Lo frena solo il suo ego che ha un rapporto con la sua massa corporea di 60/1.

    RispondiElimina
  15. GIOCHER, wargarv
    L'avevo capito, eh. Ci tenevo che mi spiegasse lui il suo punto di vista: adoro i tizi che accampano pretese dall'alto di una fungia.

    Tornando alle cose (poco) serie: ho capito che il Martin fantascienzo era una pippa. Ma i volumi di Wild Cards (scritti da lui solo in parte) li ha letti qualcuno? E no, gli adattamenti a fumetti non valgono.

    RispondiElimina
  16. Beh, si vede che a Martin non va a genio che dopo la sua dipartita, qualcun'altro paciocchi con le sue idee. Mi pare che sia suo diritto cercare di evitarlo, se così preferisce. Che poi allora si debba sbrigare a concludere, sono d'accordo, però tentare di salvaguardare come meglio crede ciò che ha creato lo trovo legittimo.

    RispondiElimina
  17. DarkAlex:
    Si scherza, perché si vuol vedere come va a finire e George non è esattamente un giovincello, ma sono d'accordo sul fatto che un autore, la sua storia, ha il diritto di portarla avanti come, se e quando crede.
    E sono anche convinto che farla completare a un altro non avrebbe senso: anche risparmiandosi quei trecento "ruscellare" a romanzo e tutte quelle descrizioni dei pranzi lunghe mezza pagina.

    RispondiElimina
  18. @Doc
    Eh eh, pranzi a base magari di cinghiale o vitello, che in italiano prima o poi diventeranno grifoni, perchè fa più fantasy XDXDXD

    RispondiElimina
  19. Doc, io ho letto il primo volume di Wild Cards! E sconsiglio tantissimo l'edizione italiana, mai visto un libro tanto pieno di errori di battitura e di traduzione °°'
    Ad ogni modo, il libro non mi è dispiaciuto.
    La trama parla di questo virus alieno che viene sganciato su una città in seguito a casini assortiti. La maggior parte degli abitanti muore, altri mutano in modo orribile, e pochi fortunati ottengono poteri casuali da supereroe.
    Il libro è un'antologia di racconti basata su questo universo condiviso: ogni scrittore scrive del proprio personaggio, tenendo di conto la continuity generale e intrecciando la propria trama con quella degli altri quando necessario. È una struttura che ricorda i gdr via forum/chat, e infatti l'idea è venuta a Martin dopo aver nerdato schifosamente su un qualche gdr da tavolo.
    Essendo un'antologia la qualità dei racconti non è omogenea, ma almeno in questo primo volume imho la roba bella supera numericamente quella schifida. Ho apprezzato in particolare i racconti sul Dr. Tachyon (di Martin e della Snodgrass), la Grande e Potente Tartaruga (sempre Martin), e il Dormiglione (di Zelazny! Woohoo!).

    In sintesi: se vi piacciono i giochi di ruolo o le storie a tema supereroistico, dateci un occhio. Evitate come la peste la versione italiana che è lammerda.

    RispondiElimina
  20. Zero:
    Grazie, mi hai convinto. La versione kìndol in inglese di Wild Cards I dagli amazzonici viene 6 euro e spicci. SOLD!

    RispondiElimina
  21. Ero ormai convinta che ciccio-Martin si sarebbe fatto portare via dall'ipertensione piuttosto che dirci che non sa più come uscirsene dal casino di adwd!
    Di sicuro ora che il Doc mi ha svelato che l'HBO gli ha fatto spifferare tutto sotto minaccia di un piatto di broccoletti al vapore sono un po più tranquilla.
    Ovviamente preferirei saperlo dal romanzo piuttosto che dalla serie con i personaggi bardotti e il nomi AKA, che comunque ha almeno il pregio di non descriverti in ogni puntata la dieta dei protagonisti.

    RispondiElimina
  22. Grande stima per Martin, certo che con tutte quelle pretese (giuste ma utopiche) un film su Strange scritto da lui non lo vedremo mai!

    RispondiElimina
  23. Cercando "Wild Cards" su Amazon escon fuori pure delle robe strane, eh :|

    RispondiElimina
  24. Già mi immagino strange fare figli con chiunque e un contratto che li vincoli per sempre alle testate marvel! Con martin che schiatta prima di pubblicare la serie dove fa un poco di pulizia :(

    RispondiElimina
  25. Boh secondo me Martin Fantasy con la saga del trono di spade invece è partito alla stragrande, è che mi si sta perdendo per strada e ho il timore faccia la fine di Miura in berserk, che a forza di infilare elementi fantasy classici in un mondo originale sta scadendo nello sprofondo

    RispondiElimina
  26. Dopo aver letto questo post, coincidetemi un eufemismo: FEREGNA!!!

    RispondiElimina
  27. Hahahahahaha Alan Moore like a boss!

    RispondiElimina
  28. Fonti segretissime e attendibili rivelano che Martin avrebbe in progetto di chiudere asoiaf con il prossimo libro in cui muoiono tutti per un'epidemia di infarti e sul trono di spade ci finisce la subrette Ros, il suo personaggio preferito.

    RispondiElimina
  29. Ehi, Il Puma, non mi copiare le battute!

    http://docmanhattan.blogspot.it/2012/06/game-of-thrones-s02-come-andata-finire.html

    :D

    RispondiElimina
  30. Segue un piccolo sproloquio su quel che penso degli scrittori (o meglio, dei -libri-) famosi....

    ....Cioè, quando uno scrittore ha successo, oggigiorno non si sa se è VERAMENTE il talento o se si tratta di un marketing fenomenale.

    Degli scrittori fantasy moderni io mi fido solo di Terry Pratchett! Infatti lui per quanto celebre non è mai diventato TROPPO famoso. E io mi fido di più di uno scrittore che non diventa TROPPO famoso. L'ipersuccesso rende dubbiosi... il talento, vero o presunto, dell'autore viene coperto e infine cancellato dall'enorme marketing.

    Cioé, io avevo comprato i primi libri di Harry Potter e me li ero proprio gustata... ora invece Harry Potter mi dà il voltastomaco.

    RispondiElimina
  31. wargrav io invece ho fiducia nel grassone perchè l'ha detto fin dall'inizio che la magia va di pari passo coi draghi, quindi sarà un'escalation!

    RispondiElimina
  32. sarà ma gli ultimi 2 libri son proprio meh e a forza di aprire parentesi e POW nuovi il rischio di mandare tante cose in vacca esiste.

    RispondiElimina
  33. Boh, a me adwd è piaciuto abbastanza, mentre affc mi aveva deluso, ma credo che se fossero stato un unico libro nel complesso sarei stato soddisfatto. Chiaro comunque che quando costruisci un mondo così è sempre dura portare la storia ad una conclusione all'altezza, per cui lecito avere dubbi!

    RispondiElimina
  34. ...comunque martin ha proprio la fissa di ammazzare personaggi,eh.

    RispondiElimina
  35. La Marvel potrebbe uscirne con una sola magica parola: "Multiverso".

    RispondiElimina
  36. il martin fantascinezo non è affatto male, fra i racconti segnalo almeno 'a song for lya' che gli ha fatto vincere il premio hugo, e per di più svela qualcosina sugli antefatti di asoiaf... ma ci sono anche cose valide come le canzoni solitarie di laren dorr e sandkings che vale la pena menzionare.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails